Yokozuna

3.3871999999945 (625)
Inviato da david 13/04/2009 @ 17:10

Tags : yokozuna, sumo, altri sport, sport

ultime notizie
The power 15: i migliori in globale - Blogosfere
Avesse la testa di John Cena staremmo qui a parlare di uno da olimpo; 12- Yokozuna, qui forse c'è chi non sarà daccordo ma un heel così dominante in era gimmick è difficilmente scovabile, ha grande rispetto dei wrestlers che ho personalmente conosciuto...
Harumafuji lifts 1st Emperor's Cup - The Daily Yomiuri
After groundbreaking stablemaster Azumazeki said sayonara to the sumo world after 45 years, Mongolian ozeki Harumafuji topped yokozuna Hakuho in a playoff to become the eighth foreign-born wrestler to lift the Emperor's Cup. It was a fitting resolution...
PWINSIDER Q&A: YOKOZUNA IN WWF, WOMEN IN THE WWE HALL OF FAME ... - Pro Wrestling Insider
How long was Yokozuna in the WWF before headlining Wrestlemania? Yokozuna officially debuted on television in October 1992. He headlined Wrestlemania IX in March 1993 against Bret Hart and repeated the feat the following year at Wrestlemannia X. We're...
Hakuho, Harumafuji stay perfect - The Daily Yomiuri
The yokozuna shares that perfect 9-0 record with ozeki Harumafuji, who is enjoying his best-ever start to a 15-day tournament. One behind the leading pair are yokozuna Asashoryu and No. 4 maegashira Kisenosato. Goeido (4-5) had not beaten Hakuho in...
Yokozuna Asashoryu suffers shock defeat - The Japan Times
1 maegashira Aminishiki collects another "kinboshi" (win over yokozuna) by defeating Asashoryu for the sixth time on Tuesday. KYODO PHOTO The Mongolian yokozuna failed to launch a decent attack at the charge and simply had no reply as top-ranked...
Yokozuna Asashoryu and Hakuho don't square off in annual practice ... - Mainichi Daily News
Yokozuna Asashoryu, left, talks to Makiko Uchidate, a member of the Yokozuna Promotion Council, at the Kokugikan in Tokyo's Ryogoku. (Mainichi) An annual practice sumo match event was held at the Kokugikan in Tokyo's Ryogoku last week ahead of the...
Harumafuji wins clash with Goeido - The Daily Yomiuri
Although yokozuna Hakuho is the highest ranked of four wrestlers sharing the lead after four days at the Summer Grand Sumo Tournament, ozeki Harumafuji was the biggest winner Wednesday in Tokyo. The lightweight Mongolian won the day's most hotly...
Hakuho rides his luck to remain unbeaten - The Daily Yomiuri
Komusubi Kakuryu made yokozuna Hakuho work for his share of the lead on Thursday at the Summer Grand Sumo Tournament. In a repeat of his performance against ozeki Chiyotaikai on Wednesday, Kakuryu (1-4) was forced back at the tachiai but then rallied,...
Golf outing critics out of bounds - The Daily Yomiuri
Of them, a group that included yokozuna Asashoryu and Hakuho and veteran rank-and-filer Kyokutenho had a mini tournament. For those keeping count, Kyokutenho reportedly won. Based on the noise generated since, this type of behavior is out of bounds....
Sumo: Foreign pioneer Azumazeki to retire after 45 years - AsiaOne
Although he did not reach the top rank of grand champion or "yokozuna", he appeared on many television shows and commercials. "There are many foreign wrestlers who are doing well now," he said. "Japanese wrestlers have to work harder....

Yokozuna

19° Yokozuna Hitachiyama Taniemon

Yokozuna è il termine giapponese con il quale si indica il massimo grado che può essere raggiunto da un lottatore professionista di Sumo.

Per la parte superiore



Sumo

Due lottatori di sumo

Il sumō /sɯmoː/ (相撲 - strattonarsi vicendevolmente) è una forma di lotta corpo a corpo nella quale due lottatori si affrontano con lo scopo di atterrare o estromettere l'avversario dalla zona di combattimento detta dohyo. Il sumo è lo sport nazionale del Giappone.

Le origini del sumo non sono certe, ma alcune testimonianze suggeriscono che questa attività possa aver avuto origine in una delle località asiatiche vicine al Giappone; due stati che sicuramente influenzarono molto il sumo giapponese furono Cina e Corea. Anche se attualmente il sumo è uno sport tipicamente giapponese, si pensa che molti aspetti culturali di questo sport derivino comunque da queste due regioni.

Due lottatori esclusivamente maschi, detti rikishi, si affrontano in una zona di combattimento detta dohyo. I lottatori sono organizzati in una graduatoria generale detta banzuke secondo princìpi di capacità e forza e non in categorie di peso.

Caratteristica distintiva dei lottatori di sumo è l'indossare quale capo di abbigliamento un particolare perizoma detto mawashi.

Nel sumo amatoriale i lottatori possono essere di sesso femminile. I praticanti di sumo possono anche essere chiamati sumotori.

Lo scopo dell'incontro è atterrare l'avversario o spingerlo fuori dal dohyo.

I tornei tra sumōtori professionisti si svolgono a Edo sin dal 1623, ma coll'andare del tempo il loro numero passo da uno all'anno durante l'epoca kansei (1789-1800) a sei annuali: tre a Tokyo in gennaio, marzo e settembre, uno a Osaka in marzo, uno a Nagoya in luglio ed uno a Fukuoka in novembre. Ogni torneo (場所 basho, letteralmente "luogo") inizia di domenica, dura quindici giorni ed vengono svolti molti incontri in cui i rikishi affrontano ogni giorno un avversario diverso. Il rikishi che dovesse vincere più incontri degli altri vince il torneo; solo se il rikishi riesce a vincere otto incontri su quindici può mantenere la propria posizione nella graduatoria detta banzuke (ばんづけ 番付), ulteriori vittorie o sconfitte ne determinerebbero la promozione o la retrocessione; questi ranghi sono fondamentali poiché solo un sumōtori capace di entrare nei primi cinquanta campioni sekitori (関取) potrà aver diritto ad un vitalizio e a degli assistenti. Il grado più alto è quello di yokozuna (よこづな 横綱, letteralmente "ampia corda") che un lottatore può raggiungere se vince due tornei di fila, ottiene punteggi altrettanto degni e possiede le qualità morali necessarie al titolo che saranno valutate da un apposito comitato nazionale; uno yokozuna diviene egli stesso una semi-divinità scintoista e riceverà un generoso vitalizio anche a fine carriera. Lo yokozuna deve incarnare l’ideale del lottatore di sumō, difatti nel caso non riuscisse a vincere otto scontri nel corso di un torneo non sarebbe retrocesso, ma ci si aspetterebbe il suo ritiro.

Il sumo, oltre che sport di combattimento, è considerato essere una vera e propria forma d'arte.

Lo shiko è un movimento particolare nel quale un rikishi si posiziona a gambe larghe con le ginocchia piegate e, alternativamente, solleva le gambe in aria cadendo poi con leggerezza. Tale movimento ha finalità ginniche di stretching ed anche rituali per allontanare demoni ed intimorire l'avversario.

La giornata di combattimenti non può avere inizio prima dell'ingresso ufficiale dello yokozuna e dell'esecuzione di movimenti tradizionali che vedono il grande leader del banzuke compiere il rituale propiziatorio.

Tutti i rikishi della categoria dei Makuuchi all'inizio della giornata di combattimento salgono sul dohyo e si presentano al pubblico. La presentazione prevede un cerimoniale fatto di movimenti tradizionali con le braccia e di scaramantici movimenti con un particolare grembiule detto kensho mawashi colorato con i simboli rappresentanti il rikishi.

Prima di ogni incontro, i rikishi raccolgono da un apposito contenitore una manciata di sale e la lanciano sul dohyo. Tale gesto è propiziatorio e ben augurante finalizzato a proteggere i rikishi da sfortunati scontri, ferite, infortuni e cadute.

A differenza di quanto avviene nel sumo tradizionale, le cui regole sono dettate dalla storia, dalla cultura nipponica e dalla religione, il sumo sportivo è una forma di lotta le cui regole di combattimento somigliano molto a quelle del sumo "originale". La totale assenza dei rituali, la possibilità di partecipare alle competizioni anche per le donne ed una giuria formata da un arbitro solo sono le principali note che caratterizzano il sumo sportivo.

Parentesco y organización del sumo en Japón, Fco. Javier Tablero Vallas, Universidad Complutense, 2002, ISBN: 84-8466-257-8. (Libro di antropologia scritto in spagnolo).

Per la parte superiore



Taiho

Taiho Koki (大鵬幸喜; Sakhalin, 29 maggio 1940) è stato un lottatore di sumo giapponese che divenne il 48° Yokozuna della storia di questo sport.

Egli era nato in Russia, e più precisamente nell'isola di Sakhalin, ma giovanissimo è emigrato ad Hokkaido, in Giappone, potendo quindi contare su una cultura mista russa e nipponica. Il suo vero nome era Naya Koki.

Taiho è generalmene considerato dagli esperti come il più forte combattente di sumo del secondo dopoguerra: infatti ha vinto ben 32 tornei nella sua carriera, nonostante il numero esiguo di competizioni che vi erano in quel momento. Venne nominato Yokozuna (gran campione) nel 1961 a 21 anni, diventando il più giovane gran campione della storia del sumo (anche se in seguito il suo record di precocità sarà battuto da Kitanoumi).

Egli ha esordito nel mondo del sumo prefessionistico nel 1956 ed, come accennato poc'anzi, è riuscito a diventare il numero uno del ranking di questo sport appena cinque anni dopo, dopo aver dominato due tornei di Tokyo consecutivi. Tuttavia, egli è stato probabilmente il primo (e forse l'unico) lottatore che ha vinto di più dopo la nomina a Yokozuna. Prima invece, anche se dimostrava di essere quello con più classe, si faceva spesso battere a causa dell'inesperienza dovuta alla suo giovane età. Appena scalò tutte le classifiche di rendimento, divenne praticamente imbattibile e fu per questo soprannominato Il dominante. È stato, inoltre, l'unico lottatore di sumo del secondo dopoguerra ha vincere sei tornei consecutivi, impresa che gli è riuscita ben due volte (nel 1964 e nel 1970).

Si è ritirato dal mondo agonistico nel 1971, dopo aver conservato e ben difeso il titolo di Yokozuna con successo per ben 10 anni. Dopo il suo ritiro, gli fu offerta la presidenza dell'"Associazione Sumo", ed egli accettò: fu il primo a cui non fu richiesta una quota di iscrizione. Altro record di cui Taiho spesso si vanta è quello di aver vinto più dell'80% degli incontri affrontati, un risultato sicuramente imbattibile per gli sportivi moderni.

Come manager, comunque, Taiho ha sicuramente avuto un rendimento inferiore alle attese, forse a causa dei problemi di salute (primo fra tutti il diabete) che lo constrinsero ad una sofferenza inaudita nella seconda metà degli anni Settanta. Nonostante fosse molto carismatico, fu costretto a dimittersi da presidente dell'"Associazione Sumo" nel 1978.

Fu inoltre il primo Yokozuna a provenire dalla scuola di Hokkaido che in seguito, grazie anche alla sua esperienza, sarebbe diventata la migliore palestra per il sumo. Grazie a campioni come Kitanoumi, Chiyonofuji e lo stesso Taiho, la scuola di Hokkaido dominò i tornei giapponesi dal 1960 fino alle soglie degli anni Novanta.

Per la parte superiore



WWE WrestleMania

WrestleMania è l'evento più importante della World Wrestling Entertainment, la più importante lega di wrestling professionistico al mondo. Data la sua importanza, questo evento viene chiamato anche "The Grandaddy of them all" o "The Showcase of the Immortals"; WrestleMania è infatti l’evento di wrestling per eccellenza ed ha per questo sport la stessa valenza del Superbowl per l'NFL o dell’All Star Game per l'NBA.

Questo evento è diverso dagli altri pay-per-view della WWE: è stato il primo grande spettacolo organizzato della World Wrestling Entertainment, il 31 marzo 1985 al Madison Square Garden di New York. Partecipare al suo Main Event rappresenta il punto più alto della carriera di un wrestler; è considerato il più importante dei 'Big Four', ossia uno dei primi quattro pay-per-view della WWE, con SummerSlam, Royal Rumble e Survivor Series.

Nel corso di WrestleMania hanno spesso luogo dei veri e propri "dream matches" e in alcune occasioni grandi wrestler del passato tornano a combattere one night only. Anche l'ingresso dei lottatori sullo stage è più articolata ed intensa del solito: basti pensare all'entrata di Shawn Michaels a WrestleMania XII che scese dall'alto dell'arena appeso ad un cavo, o all'entrata di Kane nel corso dell'edizione XXI che fece infiammare le scale posizionate all'ingresso, ancora alle entrate di Triple H accompagnate dall'esibizione live dei Motörhead a Wrestlemania 17 e 21, e dei Drowning Pool a WresleMania 18 o l'entrata di Undertaker a Wrestlemania 21 che arrivò sul ring "levitando" sulla nebbia.

André the Giant schiacciò al tappeto il suo arcinemico, Big John Studd, e vinse il "$15,000 Bodyslam Challenge", un match in cui bisognava sollevare l'avversario e stenderlo sul ring per vincere.

Hulk Hogan in coppia con Mr. T sconfisse Roddy Piper e Paul Orndorff nel primo main event della storia di WrestleMania.

What the World is Coming To.

Ray Charles cantò "America the Beautiful".

Nel Main Event Hulk Hogan sconfisse King Kong Bundy in uno Steel Cage Match e mantenne il WWF Championship.

Mr. T e Rowdy Roddy Piper si scontrarono in un match di boxe.

Si assistette anche ad una Battle Royal alla quale parteciparono atleti della WWF e stelle dell'NFL; a vincere fu Andrè The Giant.

Hulk Hogan affrontò la sua più grande sfida quando mise in palio il titolo mondiale dei pesi massimi WWF contro l'imbattuto Andrè The Giant. L'epico match fu vinto da Hogan e in un indimenticabile momento Hulk sollevò l'enorme Andrè con una Body Slam tra il delirio del pubblico e in seguito lo schienò dopo il suo Atomic Leg Drop.

Il famoso torneo di WrestleMania IV regalò a Randy "Machoman" Savage il suo primo titolo mondiale affrontando nel main event "The Million Dollar Man" Ted Dibiase grazie all'aiuto di Hulk Hogan che atterrò con una sediata Dibiase.

The Megapowers Explode.

Per Shawn Michaels è la prima WrestleMania e per l'occasione fece coppia con il suo compagno di tag nei Rockers, Marty Jannetty e affrontarono i Twin Towers. Nel Main event si affrontarono i due ex partner Hulk Hogan e Randy "Machoman" Savage.

The Ultimate Challenge.

Il match che concluse questa edizione di WrestleMania passò alla storia come uno dei più belli di sempre. Nel Main Event infatti si affrontarono il campione intercontinentale Ultimate Warrior e il campione del mondo Hulk Hogan. Ma la novità stava nel fatto che fosse il primo match tra due face della federazione. Un match che fece storia. Epico. La vittora finale fu di Ultimate Warrior.

Superstars and Stripes Forever.

In questa edizione Hulk Hogan sconfisse il malvagio Sergeant Slaughter e nel corso della serata si assistette al Retirement Match tra Randy "Macho King" Savage e Ultimate Warrior. WrestleMania VII è l'ultima edizione in cui Andrè The Giant è presente. In questa edizione Undertaker diede il via alla sua striscia vincente nel ppv battendo "Superfly" Jimmy Snuka con una Tombstone Piledriver.

Una location davvero eccezionale, all'aperto, nello stupendo Caesar's Palace di Las Vegas in Nevada. Il main event vide affrontarsi prima il campione del mondo Bret "The Hitman" Hart contro il mastodontico Yokozuna ed in seguito ad un cambio di titolo venne fatto un match improvvisato tra Hulk Hogan (arrivato a dare man forte ad Hart) e Yokozuna. Il gigante giapponese venne sconfitto in meno di un minuto ed è subito storia. In realtà Hogan ottenne il match per il titolo perché, avendo disputato quella sera solo un match di coppia, aveva minacciato di non partecipare allo show.

Fu la prima WrestleMania senza la partecipazione di Hulk Hogan, in quel momento inattivo prima di arrivare alla WCW pochi mesi dopo. Durante questa edizione Razor Ramon affrontò Shawn Michaels nel primo Ladder Match della storia della WWE trasmesso in televisione, un match spettacolare ed emozionante che restò impresso nella mente dei tifosi come uno dei migliori match di sempre. Nei due match per il titolo dei pesi massimi Yokozuna affronta prima Lex Luger, sconfiggendolo, e poi Bret "The Hitman" Hart il quale riuscì a battere il mastodontico sumotori portando a casa il titolo.

Una edizione piuttosto scialba e sottotono di WrestleMania. Nel main event il giocatore di football Lawrence Taylor affronta Bam Bam Bigelow. Invece per il titolo WWE si affrontarono Shawn Michaels e Diesel, a prevalere fu "Big Daddy Cool".

Stone Cold Steve Austin e Triple H fanno la loro prima apparizione a WrestleMania in questa edizione. Il secondo viene sconfitto in 1:44 minuti da Ultimate Warrior, che rientrò proprio in questo incontro dopo 4 anni di assenza. Il main event è uno stupendo e storico Iron Man Match (ovvero un match a punti della durata di un'ora) tra Shawn Michaels e Bret Hart, vinto dal primo.

Stone Cold Steve Austin affronta Bret Hart in uno storico Submission Match con Ken Shamrock come arbitro speciale. Nel Main event The Undertaker batte Sycho Sid e vince il suo secondo titolo mondiale.

Fu la WrestleMania che con uno spettacolo eccezionale salvò la WWE dallo strapotere della WCW (federazione rivale che contava molti più spettatori della WWE). Undertaker affrontò per la prima volta il suo fratellastro Kane in un match molto fisico. Nel main event Stone Cold Steve Austin conquistò per la prima volta il titolo del mondo, ai danni di Shawn Michaels. Da ricordare il fatto che nel main event fosse presente nientemeno che il pugile Mike Tyson come "special enforcer" a bordo ring; la sua presenza (ottenuta tramite un milionario contratto a gettone) diede ulteriore visibilità alla compagnia in un periodo di crisi.

The Rock perde il WWF Championship contro Stone Cold Steve Austin. L'arbitro del match avrebbe dovuto essere Mick Foley, che si era conquistato questo diritto nella stessa serata, sconfiggendo Big Show per squalifica. Tuttavia Foley non fu in grado di arbitrare l'incontro, a causa di un assalto subito nel backstage. Vince McMahon decise di prendere il suo posto, ma Shawn Michaels lo fermò e designò come arbitro Mike Chioda. Triple H perse per squalifica contro Kane e nella stessa serata passò tra le file della "Corporation" assieme a Chyna. Grazie all'aiuto di The Game, Shane McMahon riuscì a sconfiggere X-Pac, compagno di Hunter nella D-Generation X, e a confermarsi European Championship. L'altro membro della D-X, Road Dogg si mise in mostra, vincendo un Fatal Four Way Match valido per l'Intercontinental Championship. Il PPV presenta anche il primo e unico Hell in a Cell match della storia di WrestleMania, nel quale The Undertaker sconfigge Big Boss Man.

Un main event senza precedenti: Triple H (con Stephanie McMahon) contro Mick Foley (con Linda McMahon) contro Big Show (con Shane McMahon) contro The Rock (con Vince McMahon) per il titolo mondiale WWE. Triple H è il primo Heel ad uscire dal main event di WrestleMania come vincitore. Da ricordare anche il primo triangle ladder match della storia, che vede protagonisti gli Hardy Boyz, i Dudley Boyz, Edge&Christian, tutti alla loro prima apparizione e WrestleMania. I vincitori saranno Edge&Christian, che ripeteranno la vittoria anche nel TLC match a WrestleMania X-Seven.

Houston... We Have A Problem.

I due beniamini delle folle si affrontano uno contro l'altro: il "People's Champ" The Rock contro il "Rattlesnake" Stone Cold Steve Austin. Finale a sorpresa quando Steve Austin si allea a Vince McMahon e come dissero allora "vendette l'anima al diavolo". Nel corso della serata si assiste ad un grandioso TLC Match (Tables, Ladders and Chairs) tra le coppie più famose della WWE ovvero Christian & Edge, i Dudley Boyz e gli Hardy Boyz. Un altro match da ricordare è la Gimmick Battle Royal nella quale si affrontarono tutti i personaggi più strani della storia della WWE.

Triple H esce vincitore dal match che lo vede contrapposto al primo campione indiscusso della storia, Chris Jericho, ma il match che più rappresentò quest'edizione di WrestleMania fu senza dubbio il Dream Match tra "Hollywood" Hulk Hogan e The Rock. Un match che fece storia. Il pubblico invece di schierarsi dalla parte di The Rock, che era in quel momento face, si schierò dalla parte del malvagio Hogan,che faceva ancora parte dell'NWO, e che tra il delirio più totale riuscì a rendere immortale anche quel match. Altri match da ricordare:Undertaker contro Ric Flair in un no-disqualification,Kane contro Kurt Angle e Booker T contro Edge. È la prima WrestleMania dopo dieci anni ad essere trasmessa anche in Italia.

Austin e The Rock si riaffrontano in un grande re-match, e questa volta a vincere è The Rock che riesce a battere finalmente Austin a WrestleMania dopo le sconfitte delle edizioni 15 e 17. Ottimo il match di Shawn Michaels e Chris Jericho. Il padre-padrone della WWE, Vince McMahon affronta in un match senza squalifica e senza colpi proibiti l'immortale Hulk Hogan. Il main event vede contrapposti Brock Lesnar e il campione Kurt Angle.Entrambi autori di una prestazione maiuscola riescono ad emozionare il pubblico più volte (ricordiamo per esempio la "Shooting Star Press" sbagliata da Lesnar e le tre F-5).

Grandi preparativi per questa edizione, svoltasi al Madison Square Garden di New York, che vede nella card Eddie Guerrero affrontare Kurt Angle con in palio il titolo del mondo. Un grande match che viene vinto dal furbissimo messicano che entra di forza a far parte dei lottatori più popolari tra il pubblico. Brock Lesnar affronta Bill Goldberg con Stone Cold Steve Austin come arbitro speciale. La vittoria va a Goldberg, ma il vero vincitore è Stone Cold, che colpisce entrambi i contendenti con la sua Stunner. Durante la serata viene istituita di nuovo la WWE Hall of Fame. Nel match valevole per il titolo degli Stati Uniti John Cena ha trionfato su Big Show grazie ad una incredibile FU eseguita sul gigante dopo averlo colpito con un tirapugni. Avviene un cambio di gimmick per Undertaker che ritorna ad essere il becchino dei vecchi tempi e che per l'occasione affronta il suo vecchio rivale e fratellastro Kane; la Big Red Machine viene schienata dopo una Tombstone Piledriver. Il main event vede contrapposti il campione Triple H, Shawn Michaels e Chris Benoit (il primo Triple Threat Match nel main event di WrestleMania). Il match viene vinto da Chris Benoit che entra in possesso della cintura dei pesi massimi della WWE per la prima volta. Con Chris Benoit ed Eddie Guerrero come campioni è il tripudio del wrestling moderno.

Dopo la vittoria alla Royal Rumble, tocca a Batista entrare a far parte del giro dei grandi sconfiggendo nel main event di WrestleMania il suo mentore ed ex alleato nell'Evolution, Triple H. Randy Orton prova ad interrompere la striscia vincente di vittorie di Undertaker a WrestleMania fallendo nel suo intento; il Becchino giunge così a 13 vittorie e 0 sconfitte nello Showcase of the Immortals. Un ottimo match si rivela il Money in the Bank Ladder Match che vede affrontarsi 6 dei migliori atleti della WWE del momento, con stupende manovre acrobatiche e molti colpi di scena. La vittoria va ad Edge, nonostante una grande prestazione degli altri atleti, soprattutto Shelton Benjamin, Chris Benoit e Chris Jericho. Autentico show-stealer della serata si rivela il dream match fra Shawn Michaels e l'eroe olimpico Kurt Angle, che porta a casa la vittoria facendo cedere il suo avversario intrappolato per 2 minuti nella Ankle Lock. Alquanto insolito invece è stato il Sumo Match che vedeva protagonisti il gigante Big Show e l'ex campione mondiale di sumo, l'hawaiano Akebono. Da ricordare la vittoria di John Cena su John Bradshaw Layfield, con quest'ultimo che perde la cintura ai danni del rapper bostoniano che diventa campione WWE per la prima volta, ed interrompe il regno di JBL che durava dal mese di giugno 2004.

L'edizione numero 22 di WrestleMania si è tenuta nella Allstate Arena di Chicago.

Lo show si apre con un tag team match che vede Kane e Big Show mantenere il World Tag Team Championship ai danni di Carlito e Chris Masters.Rob Van Dam sconfigge Ric Flair, Shelton Benjamin, Bobby Lashley, Finlay e Matt Hardy in un Money in The Bank Ladder Match. JBL batte Chris Benoit e conquista il WWE United States Championship. Edge batte Mick Foley in un Hardcore Match. Boogeyman batte Booker T e Sharmell in un 2 On 1 Handicap Match. Mickie James batte la Canadese Trish Stratus e vince il WWE Women's Championship, ponendo fine ad un regno durato più di 360 giorni, ed iniziato a New Year's Revolution 2005. Undertaker batte Mark Henry in un Casket Match e si porta sul 14-0( 14 vittorie in altrettante presenze a Wrestlemania). Shawn Michaels batte Vince McMahon in un No Holds Barred. Rey Mysterio sconfigge Kurt Angle e Randy Orton in un Triple Threat Match schienando Orton e conquista il World Heavyweight Championship. Torrie Wilson batte Candice Michelle in un Playboy Pillow Fight. John Cena batte Triple H e mantiene il WWE Championship.

L'edizione numero 23 di WrestleMania si è tenuta il 1 aprile 2007 al Ford Field di Detroit, Michigan.

Lo show si apre con il Money in The Bank Ladder Match; Mr.Kennedy vince il match dopo aver abbattuto CM Punk in procinto di conquistare l'ambita valigetta; il match viene però acceso da Jeff Hardy, che esegue uno spettacolare legdrop dalla cima della scala ai danni di Edge, disteso su di un'altra scala (che si spezzerà clamorosamente in due) messa in bilico tra il ring e la balaustra: entrambe le superstar dovranno abbandonare il match per infortunio (quello di Edge è un work). The Great Khali sconfigge Kane con la sua classica Double Handed Chokeslam, e conclude strozzando la big red machine con il gancio da macellaio che quest'ultimo usa nel suo film See No Evil. Chris Benoit sconfigge MVP e mantiene lo United States Championship. The Undertaker sconfigge Batista, diventando il nuovo WWE World Heavyweight Champion dopo aver effettuato una Chokeslam ed una Last Ride Powerbomb per concludere poi con la classica Tombstone Piledriver pur avendo subito in precedenza la Batista Bomb ed una Powerslam sul tavolo dei commentatori ECW. Gli ECW Originals (Tommy Dreamer, Sabu, The Sandman e Rob Van Dam) sconfiggono il New Breed (Elijah Burke, Marcus Cor Von, Matt Striker e Kevin Thorn). Donald Trump batte Vince McMahon nella Battle of the Billionaires con arbitro speciale Stone Cold Steve Austin grazie alla vittoria dell'ECW World Heavyweight Champion Lashley su Umaga; la stipulazione prevedeva che il miliardario sconfitto dovesse essere rasato a zero dal vincitore, e il Chairman della WWE viene rasato in lacrime; Melina Perez batte Ashley Massaro e si riconferma Women's Championship. Nel main event John Cena sconfigge Shawn Michaels e si conferma WWE Champion; Cena arriva nell'Arena su di una Ford Mustang sfondando una vetrata dopo un percorso per strada in pieno stile drifting. Il match è combattuto, Michaels riesce ad effettuare un Piledriver sui gradoni d'acciaio ed una Sweet Chin Music ma viene chiuso da Cena nella STFU che lo costringe a cedere.

L'edizione numero 24 di WrestleMania si è tenuta il 30 marzo 2008 presso il Citrus Bowl di Orlando, in Florida.

Lo show si è aperto con un Belfast Brawl Match tra JBL e Finlay accompagnato dal "figlio" Hornswoggle; l'incontro è una vera e propria rissa da strada dove han fatto la comparsa diversi oggetti contundenti ed alla fine è il miliardario texano a vincere l'incontro grazie alla sua micidiale Clothesline From Hell. Il secondo match in programma è il Money In The Bank Ladder Match che vede protagonisti Chris Jericho, Carlito, Mr. Kennedy, MVP, John Morrison, Shelton Benjamin & CM Punk. La vittoria è andata a quest'ultimo con Jericho che rimane incastrato fra i gradini della scala. Da segnalare l'interferenza di Matt Hardy su MVP costando match e valigetta al lottatore di colore. La serata prosegue con la battaglia fra Raw (rappresentato da Umaga) e SmackDown (rappresentato da Batista). Entrambi vengono annunciati rispettivamente da William Regal (General Manager di Raw) e Theodore Long (Vice-GM di SmackDown) e dopo diversi minuti di battaglia è The Animal a spuntarla dopo una Batista Bomb. Nel seguente incontro, Chavo Guerrero ha messo in palio il suo ECW Championship contro Kane (risultato vincitore in una 24 Man Battle Royal che avrebbe determinato lo sfidante nel pre-show) il quale lo ha battuto in poco meno di 10 secondi dopo una devastante Chokeslam, conquistando, così, la cintura. Shawn Michaels batte Ric Flair in un Career Threatening match dopo averlo colpito con una Sweet Chin Music e di conseguenza il Flair è costretto a ritirarsi dal mondo del wrestling. Beth Phoenix & Melina battono Maria & Ashley in un Lumberjill Bunnymania Match; grande cerimoniere del segmento è stato il celebre rapper Snoop Dogg. Randy Orton conserva il WWE Championship dagli assalti di Triple H e John Cena dopo aver schienato quest'ultimo, il quale era stato steso da un Pedigree da parte di The Game. Floyd Mayweather batte Big Show in un match senza squalifiche utilizzando un tirapugni per stendere il gigante, ottenendo la vittoria per KO. Nel Main Event dell'evento, The Undertaker ha battuto Edge grazie ad una Triangle Choke modificata, mantenendo l'imbattibilità in questo PPV e conquistando, così, il suo sesto titolo del mondo.

Everything is bigger in Texas, especially Wrestlemania!

La venticinquesima edizione di Wrestlemania si è tenuta il 5 aprile 2009 presso il Reliant Stadium di Houston, in Texas.

La 25° edizione di Wrestlmania inizia con un dark match per l'unificazione dei titoli di coppia tra i Colon (detentori del WWE Tag Team Championship) e John Morrison e The Miz (detentori del World Tag Team Championship). Alla fine a trionfare sono i fratelli Colon, che diventano i primi Unified tag team champion . La serata continua con il money in the bank ladder match, che per il secondo anno consecutivo viene vinto da CM Punk. Dopo tanto sudore, Santino Marella riesce a infiltrarsi nel 25 Divas Battle Royal per decretare la prima Miss Wrestlmania. Spacciandosi per 'Santina' Marella, la sorella gemella di santino, vince la Battle Royal e diventa la prima miss Wrestlmania. Il match per il titolo intercontinentale fra Rey Mysterio e il campione JBL è il più breve del PPV. Dura infatti solo 21 secondi, e la vittoria va al wrestler mascherato. Dopo l'amare sconfitta, JBL decide di ritirarsi definitivamente dal mondo del wrestling. Il match fra i fratelli Hardy è il più spettacolare e viene vinto da Matt Hardy dopo un momento di distrazione di Jeff Hardy. Chris Jericho riesce inaspettatamente a trionfare nell'Handicap March che lo vedeva protagonista contro Ricky Stemboat, Jimmy Snuka e Roddy Piper, con Ric Flair e Mickey Rourke a bordo ring. Alla fine del Match, però, l'attore ed ex pugile Mickey Rourke stende l'arrogante wrestler con una serie di pugni devastanti e riesce così a ridicolizzare Jericho, che scappa dal ring in preda al panico. Il match più importante del PPV vede protagonisti lo showstopper (HBK) e il Deadman, e dopo varie scorrettezze del primo, alla fine a vincere (e a mantenere la sua imbattibilità in questo PPV con 17 vittorie e 0 sconfitte) è proprio The Undertaker, che schiena l'avversario dopo una devastante Tombstone.(MATCH DA 5 STELLE) I Main Event vedono trionfare i Face Triple H, che mantiene il titolo WWE dall'assalto di Randy Orton, e John Cena, che effettua una devastante FU caricandosi entrambi gli avversari (Edge e Big Show) sulle spalle e alla fine schiena Big Show, ottenendo così il suo secondo World Heavyweight Championship e il suo quinto titolo del mondo.

Per la parte superiore



Kaio

Kaio.jpg

Kaio (Fukuoka, 24 luglio 1972) è un lottatore di sumo giapponese.

Debuttò giovanissimo, nel 1988, come sumotori professionista, ma dovette attendere molto tempo prima di entrare nell’elite di questo sport. Passò al livello Ozeki (campione), infatti, solo nel 2000 e ad oggi non è ancora riuscito a diventare yokozuna (gran campione), pur sfiorando questo risultato varie volte. Anche nel 2004, nonostante la netta vittoria nel torneo di settembre svoltosi a Tokyo ed i tanti secondi posti ottenuti negli altri tornei (sempre battuto da Asashoryu), non riuscì per un solo punto ad entrare nel grado più alto.

In totale ha disputato da professionista 760 incontri, vincendone 471.

Per la parte superiore



Wakanohana

Wakanohana III Masaru, 若乃花 勝, vero nome è Masaru Hanada 花田 勝, o ancora Hanada Masaru (20 gennaio 1971), è un lottatore di sumo giapponese, figlio del grande Futagoyama, che divenne Ozeki col nome di Takanohana II.

Ha esordito nel mondo del sumo professionistico nel Marzo del 1988, insieme al suo fratello minore Takanohana III e al grande campione Akebono.

Divenne Ozeki (campione) ben presto, ancor prima del 1996. Passò al titolo di Yokozuna (gran campione) nel 1998, dopo aver vinto cinque tornei della lega superiore. Tuttavia, non è riuscito ad arricchire il suo palmares ha causa di un brutto infortunio che lo constrinse prima ad abbandonare la massima divisione e poi, nel marzo del 2000, al ritiro completo ed irreversibile dall'agonismo. A causa della sfortuna, Wakanohana non è riuscito ad entrare nella leggenda di questo sport, spalacando la strada prima al fratello, poi ad Akebono ed infine ad Asashoryu e Kaio.

Fino al 1995, egli adottò il nome di Takanohana, lo stesso di suo padre e di suo zio. Così come il fratello, era convinto che tale nome portasse sfortuna e lo cambiò in Wakanohana poco dopo la nomina ad Ozeki.

Divenne, dopo il suo ritiro, un importante ed influente membro dell'"Associazione di Sumo Giapponese", ma non volle mai presiederla. Successivamente svolse il ruolo di ambasciatore del Giappone in Australia e negli U.S.A. e poi, nel 2001 e fino ad oggi, divenne un allenatore di football americano.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia