World Press Photo

3.3506493506463 (770)
Inviato da nono 08/04/2009 @ 09:12

Tags : world press photo, fotografia, cultura

ultime notizie
World Press Photo - La Voce d'Italia
Lo dimostra World Press Photo uno dei più importanti riconoscimenti nell'ambito del Fotogiornalismo che quest'anno compie 52 anni assolutamente senza dimostrarli. La fotografia documentaria è infatti più viva che mai e rimane sempre uno dei modi più...
Il prestigioso World Press Photo 2009 premia sei fotografi italiani - Corriere della Sera
MILANO - Ha più di 50 anni ma non li dimostra affatto anzi, il World Press Photo gode di ottima salute e con lui la fotografia documentaria. Il fotogiornalismo è più vivo che mai e più consapevole, offre al mondo contemporaneo la possibilità di...
World Press Photo 2009 - Cineforme
Giovedì 7 maggio si è inaugurata a Roma presso il Museo di Roma in trastevere, la mostra di uno dei più importanti riconoscimenti nell'ambito del Fotogiornalismo: il World Press Photo 2009; (www.worldpressphoto.nl) alla sua 52° edizione il World Press...
World Press Photo, le foto premiate nel 2009 - Il Secolo XIX
Le immagini più belle e rappresentative che, per un anno intero, hanno accompagnato e documentato gli avvenimenti del nostro tempo sui giornali di tutto il mondo. Sei interessato alla pubblicità o hai domande di natura commerciale?...
25.05.09 - Workshop con Francesco Zizola - FotoUp.net
Francesco ha ricevuto numerosi riconoscimenti internazionali, tra cui il World Press Photo of the Year nel 1996, per un reportage che documenta la tragedia delle mine antiuomo in Angola. Altri sette World Press Photo di categoria e quattro Pictures of...
World Press Photo, la foto dell'anno a Anthony Suau - NanoPress
Con questo scatto Anthony Suau, famoso fotografo del Time, ha vinto il “World Press Photo 2009”, uno dei più importanti riconoscimenti nel campo del fotogiornalismo. Il premio, istituito dalla World Press Foundatiuon di Amsterdam, viene assegnato dal...
Inquadrature/ A Milano e Roma in mostra le immagini premiate dal ... - Affaritaliani.it
È in corso la mostra del World Press Photo 2009 in contemporanea al Museo di Roma in Trastevere, organizzata da Contrasto, e alla Galleria Carla Sozzani di Milano, organizzata da Grazia Neri con il coordinamento di Elena Ceratti....
World Press Photo 2009 - Ticino News
Il premio World Press Photo è uno dei più importanti riconoscimenti nell'ambito del fotogiornalismo e viene assegnato dal 1955 da una giuria di esperti che valuta le immagini arrivate alla World Press Photo Foundation di Amsterdam....
ArtèFoto - primo festival italiano di fotogiornalismo - Ancona dal ... - Bed and Breakfast
In mostra, fra gli altri, i reportage di tre vincitori del World Press Photo: Francesco Zizola, Ami Vitale, Nina Berman. Da 21 anni, a Perpignan, città francese a pochi chilometri dal confine con la Spagna, ogni settembre si tiene Visa pour l'image,...
Fotografia e giornalismo: le immagini premiate nel 2009 - ExibArt
Dal 1955 una giuria di esperti, scelti tra i personaggi più accreditati della fotografia internazionale, si riunisce per valutare le immagini inviate alla World Press Photo Foundation di Amsterdam: migliaia di scatti provenienti da ogni parte del mondo...

World Press Photo of the Year

Il premio World Press Photo of the Year fa parte dei World Press Photo Awards, organizzati dalla fondazione olandese World Press Photo. L'autore della foto vincente riceve 10.000 €.

Oltre alla Press Photo of the Year, la giuria composta da 13 membri conferisce tre premi in dieci categorie.

Il premio principale è conferito all'immagine che "... non è solo la sintesi fotogiornalistica dell'anno, ma rappresenta un problema, situazione o evento di grande importanza giornalistica, e fa questo in un modo che dimostra un eccezionale livello di percezione visiva e creatività".

La lista seguente contiene tutti i vincitori del premio e informazioni sulle rispettive immagini.

Per la parte superiore



Radosław Sikorski

Radosław Tomasz Sikorski

Radosław Tomasz « Radek » Sikorski (Bydgoszcz, 21 febbraio 1963) è un politico e giornalista polacco.

E’ il ministro degli Affari Esteri polacco dal 16 novembre 2007, dopo la vittoria del suo partito, Piattaforma Civica, nell'elezioni legislative dell’ottobre 2007.

E’ sposato con la giornalista e storica statiunitense Anne Applebaum e ha due figli, Aleksander e Tadeusz.

Radek Sikorski si impegnò per la prima volta nella vita politica polacca partecipando alle rivolte del partito Solidarność (Solidarietà) alla fine degli anni ’70. Fu anche il capo del comitato degli scioperi studenteschi nel marzo 1981. Dopo la notifica della legge marziale in dicembre 1981, si esiliò nel Regno Unito.

Studiò filosofia, politica ed economia nell’Università di Oxford. Lì, entrò nel Bullingdon Club dove incontrò molti attori importanti della vita politica inglese di oggi come David Cameron, il capo del partito conservatore.

In 1984, dopo essersi laureato, ottenne la nazionalità britannica e cominciò a lavorare come giornalista freelance. Negli anni seguenti, fu corrispondente di guerra nell’Angola, l’ex Yugoslavia e l’Afghanistan per molte riviste come The Observer, National Review, The Spectator, The Wall Street Journal o il Sunday Telegraph. Fu anche esperto di geostrategia per CNN, Fox News, BBC World, Voice of America. In 1988, guadagnò il premio World Press Photo per una fotografia presa nell’Afghanistan.

In 1990, dopo la caduta del Muro di Berlino, dientò consigliere di Rupert Murdoch per i sui investimenti nella Polonia.

In 1992, ritornò a Polonia e diventò vice Mininstro di Difesa nel governo di di Jan Olszewski. Dal 1998 al 2001, lavorò nel governo di Jerzy Buzek come vice Ministro di Affari stranieri.

Dal 2002 al 2005, fu membro del American Enterprise Institute in Washington e direttore del New Atlantic Initiative, un’organizzazione creata per rinforzare i vincoli fra Americani ed Europei dopo la fine della Guerra fredda.

In 2005, diventò Ministro di difesa ma dimissionò al inizio del 2007 dopo conflitti con Jaroslaw Kaczynski. Dopo, entrò nel partito Piattaforma Civica diretto da Donald Tusk. Dopo sua vittoria nell’elezioni del 2007, Sikorski diventò Ministro di Affari stranieri.

Per la parte superiore



Il rivoltoso sconosciuto

Il rivoltoso sconosciuto di Piazza Tiananman (foto di Jeff Widener, Associated Press)

Il Rivoltoso Sconosciuto, o "Tank Man", è il soprannome di un ragazzo anonimo che divenne famoso in tutto il mondo quando fu filmato e fotografato durante la protesta di piazza Tiananmen il 5 giugno 1989. Sono state scattate diverse fotografie del ragazzo, in piedi di fronte ai carri armati modello 59 del governo cinese, sbarrandogli il passo. La versione più diffusa della famosa immagine è quella scattata dalla fotografa Jeff Widener (Associated Press) dal 6 piano dell'hotel di Pechino, lontano all'incirca 1 km, con una lente da 400 mm.

Un'altra versione è quella del fotografo Stuart Franklin della Magnum Photos. La sua fotografia è più vasta rispetto a quella della Weider, e mostra più carri armati di fronte al ragazzo. Nel 2003 è stata inserita nella rubrica "Le 100 foto che hanno cambiato il mondo" del magazine Life. Varie versioni dell'immagine sono state trasmesse dalla CNN e la BBC, attraverso dei filmati, in tutto il mondo. Nel 1989 il fotografo Charlie Cole, Newsweek, vinse il premio World Press Photo con lo scatto che è diventato il simbolo della rivolta contro il governo cinese.

Quell'immortale fotografia raggiunse tutto il mondo in brevissimo tempo. Divenne il titolo di testa di tutti i giornali e delle maggiori riviste, divenendo il personaggio principale di innumerevoli articoli in tutto il mondo; nell'aprile del 1998, la rivista Time ha incluso "Il Rivoltoso Sconosciuto" nella sua lista de "Le persone che più hanno influenzato il XX secolo".

L'incidente ebbe luogo nella grande avenue di Chang'an, vicinissima a Piazza Tiananmen e lungo la strada verso la Città Proibita di Beijing, il 5 giugno 1989, il giorno dopo che il governo cinese incominciò a reprimere brutalmente la protesta. L'uomo si mise in mezzo alla strada e ingaggiò i carri armati. Teneva due buste, una per mano. Appena i carri armati giunsero allo stop il ragazzo sembrò volerli scacciare. In risposta, i carri armati provarono a girargli intorno, ma il ragazzo li bloccò più volte, mettendosi di fronte a loro ripetutamente, adoperando la resistenza passiva. Vedendo le foto è evidente, utilizzando le strisce sulla strada come riferimento, che i carri armati si sono mossi in avanti. Dopo aver bloccato i carri armati il ragazzo si è arrampicato sulla torretta del carro armato e si è messo a parlare con il guidatore. Diverse sono le versioni su cosa si siano detti, tra le quali "Perché siete qui? La mia città è nel caos per colpa vostra"; "Arretrate, giratevi e smettetela di uccidere la mia gente"; e "Andatevene!" Un quotidiano britannico ha inoltre diffuso la notizia che fosse stato giustiziato, giorni dopo l'accaduto, ma questa notizia non è stata ancora confermata.

In Occidente l'immagine del Rivoltoso Sconosciuto divenne un emblema della rivolta popolare contro la repressione in Cina. Nella Repubblica Popolare Cinese l'immagine fu usata come simbolo della cura che l'esercito popolare cinese metteva nel proteggere la sua gente: nonostante l'ordine di avanzare il carro armato rifiutò di eseguire l'ordine per paura di ferire un cittadino inerme. Come molti fatti legati alla Protesta di piazza Tiananmen il mistero sul rivoltoso sconosciuto divenne presto, e ancora è, uno dei tabù sulla politica in Cina.

Si sa poco dell'identità del ragazzo. Poco dopo l'incidente la rivista britannica Sunday Express suppose si trattasse di Wang Weilin, uno studente di 19 anni; comunque, la veridicità dell'informazione resta incerta. Diverse altre ipotesi sono poi state avanzate sull'identità del ragazzo, ma nessuna è stata mai provata.

Ci sono diverse versioni a proposito di ciò che successe al ragazzo dopo la dimostrazione. In un discorso al Circolo Presidenziale nel 1999, Bruce Herschensohn - uomo molto vicino al presidente degli Stati Uniti Richard Nixon - disse che fu ucciso 14 giorni dopo la manifestazione; altre versioni ipotizzano che fu giustiziato da un plotone d'esecuzione pochi mesi dopo la protesta di piazza Tiananmen. In Red China Blues: My Long March from Mao to Now, Jan Wong scrisse che l'uomo era, ed è, ancora vivo e risiede in Cina.

La versione di un testimone oculare dell'evento pubblicata nel 2005, da Charlie Cole, un fotografo della rivista Newsweek, affermò che fu arrestato sul posto dal governo cinese e portato via.

Il governo della Repubblica Popolare Cinese diede poche informazioni a proposito dell'incidente e del ragazzo sconosciuto. Nel 1990, intervistato da Barbara Walters, l'allora Segretario Generale del Partito Comunista Cinese, Jiang Zemin, alla domanda su cosa fosse successo al ragazzo rispose "Penso non giustiziato".

In un articolo l' Apple Daily di Hong Kong affermò che l'uomo risiede ora a Taiwan.

All'inizio del 2009, secondo l'agenzia di stampa AsiaNews, Wang Lianxi, rilasciato nel 2007 dopo 18 anni di carcere, prima delle Olimpiadi di Pechino è stato internato in un ospedale psichiatrico dove sarebbe tuttora trattenuto.

Per la parte superiore



Thích Quảng Đức

La bandiera buddhista internazionale

Thích Quảng Ðức , pronuncia tʰic wɐːŋ dɨk, nome da laico Lâm Văn Tức (Hội Khánh - Indocina Francese, 1897 – Saigon, 11 giugno 1963), è stato un monaco vietnamita di religione buddhista che si diede fuoco a Saigon nel 1963 per protestare contro l'amministrazione del presidente del Vietnam del Sud, il cattolico Ngô Đình Diệm, e la sua politica di oppressione della religione buddhista.

Thích Quảng Đức divenne celebre in tutto il mondo grazie anche alla famosa fotografia della sua auto-immolazione, scattata da Malcom Browne che gli valse il premio World Press Photo of the Year per il 1963. Dopo la morte, il corpo di Thích Quảng Đức fu nuovamente cremato. Il fatto che tra le ceneri fosse ritrovato intatto il cuore convinse definitivamente i buddhisti del valore della sua compassione e da allora viene venerato come bodhisattva.

Thích Quảng Đức nacque (uno di sette fratelli) col nome di Lâm Văn Tức, da Lâm Hữu Ứng e sua moglie Nguyễn Thị Nương in un villaggio del Vietnam centrale. Nel 1904 sotto la guida dello zio materno, il monaco mahayana Hòa thượng Thích Hoằng Thâm, entrò a studiare nel locale monastero prendendo il nome di Nguyễn Văn Khiết. A quindici anni prese i voti di novizio, a venti i voti monastici e cambiò nome in Thích Quảng Ðức (in caratteri cinesi: 釋廣德, pinyin: Shì Gŭangdé, dove il cognome 釋, come da tradizione monastica, è l'iniziale del cognome Śākyamuni mentre il nome significa Vasta Virtù). Quindi viaggiò sino a un monte nei pressi di Ninh Hòa e ivi risiedette da eremita per tre anni. Seguirono due anni di vita itinerante volta alla predicazione del dharma ed successivamente prese residenza nel monastero di Sac Tu Thien An nei pressi di Nha Trang. Nel 1932 fu nominato ispettore del sangha nella provincia di Ninh Hòa e quindi in quella di Khánh Hòa, sua provincia natale. In questo periodo fu responsabile della creazione di 14 templi. Nel 1934 cominciò a predicare nel Vietnam meridionale, proseguendo la costruzione di templi e intervallando periodi di meditazione e studio. Per due anni soggiornò in Cambogia per studiare il Buddhismo nella tradizione theravada. L'ultimo dei 17 templi che edificò nel Vietnam del Sud, a Phú Nhuận nella provincia di Gia Dinh alla periferia di Saigon, fu dedicato a Quán Thế Âm, il bodhisattva della compassione Avalokiteshvara). Quindi fu nominato Presidente del Comitato per i Riti e Cerimonie della Congregazione dei Monaci del Vietnam e abate del tempio di Phuoc Hoa sede dalla Associazione per gli Studi Buddhisti del Vietnam. In seguito si dimise da queste cariche per tornare allo studio e meditazione.

Durante il regime di Ngô Đình Diệm in Vietnam la popolazione buddhista era stimata dal 70% al 90% del totale. Ngô Đình Diệm e la sua famiglia facevano parte di quella esigua minoranza convertita durante il periodo del dominio coloniale francese. Per questo motivo Diệm introdusse una serie di politiche volte a favorire il Cattolicesimo a discapito del Buddhismo e delle altre minoranze religiose: nel 1959 il Vietnam del Sud fu dichiarato "sotto la protezione" della santa cristiana Maria , quindi in campo legale si introdusse l'abolizione del divorzio, il divieto dell'uso dei contraccettivi e la non legalità dei rapporti extra-coniugali. Altre misure riguardarono la creazione dell'istituto educativo di Vinh-Long, deputato alla formazione dei quadri dirigenti del regime, in cui furono scelti come insegnanti solo preti cattolici ; la ridistribuzione delle terre , la possibilità di fare carriera nell'esercito: i cattolici furono favoriti rispetto agli appartenenti ad altre confessioni religiose. Fu durante questo regime che la Chiesa Cattolica divenne il più grande proprietario di latifondi di tutto il Vietnam del Sud. Ai preti cattolici fu concesso di costituire delle bande armate , mentre ai villaggi che dovevano essere evacuati, in base alle politiche di lotta contro la guerriglia comunista, si concedeva di restare nelle proprie terre solo qualora si fossero convertiti al cattolicesimo. In tutto il Vietnam del Sud rurale si susseguirono assalti ai monasteri buddhisti, con devastazioni, senza che la polizia intervenisse o identificasse i responsabili. Il fratello di Ngô Đình Diệm, Ngô Đình Tuch, vescovo cattolico, fu nominato dal Vaticano vicario apostolico per il Vietnam. La bandiera buddhista fu vietata in tutto il paese, mentre a tutte le manifestazioni ufficiali sventolava la bandiera vaticana assieme a quella nazionale. Ai primi di maggio del 1963 in occasione della festa del Vesak i buddhisti vietnamiti, sfidando il governo, scesero in massa per le strade chiedendo l'uguaglianza religiosa e sventolando le bandiere buddhiste. A Huế, seconda città del Vietnam e governata da un fratello del presidente, la polizia sparò sulla folla uccidendo nove persone. Ufficialmente il governo incolpò i viet cong esacerbando ancor di più gli animi e provocando altre manifestazioni. Le richieste buddhiste al governo furono formalizzate in cinque punti: 1) ottenere il permesso di utilizzare la bandiera buddhista in pubblico; 2) garantire al buddhismo trattamento eguale al cattolicesimo; 3) scarcerazione dei buddhisti arrestati per motivi religiosi; 4) concedere il diritto di predicare il dharma ai monaci e alle monache; 5) compensare delle perdite le famiglie delle vittime delle violenze e punire i colpevoli.

Il 10 giugno 1963 rappresentanti della comunità buddhista di Saigon avvisarono la stampa americana che l'indomani sarebbe accaduto qualcosa nell'incrocio stradale davanti all'ambasciata Cambogiana. Solo pochi giornalisti presero seriamente la notizia, tra cui David Halberstam del New York Times e Malcolm Browne dell'Associated Press. Ciò che videro fu un gruppo di circa 350 monaci e monache marciare assieme ad un'auto azzurra che portava cartelli in vietnamita e in inglese inneggiando all'eguaglianza religiosa. Arrivati all'incrocio tra il Boulevard Phan Dinh Phung e via Le Van Duyet dall'auto fu estratto un cuscino da meditazione, Thích Quảng Đức vi si sedette nella posizione del loto e cominciò a meditare sgranando l'aksamala di grani di legno recitando il mantra del Buddha Amitābha, notissimo in tutta l'Asia Orientale: "Nam Mô A Di Đà Phật". Un altro monaco del gruppo cominciò a versare una tanica di benzina sul corpo di Thích Quảng Đức. Una volta raggiunto uno stato di concentrazione meditativa sufficiente Thích Quảng Đức accese un fiammifero e avvampò in una grande fiammata. David Halberstam descrisse la scena durante la quale Thích Quảng Đức rimaneva immobile e in silenzio, mentre la gente accorsa piangeva, pregava o si prosternava, cosa che fece anche un poliziotto, mentre un monaco all'altoparlante ripeteva: "Un monaco si dà fuoco, un monaco diventa martire". Il corpo carbonizzato di Thích Quảng Đức fu quindi portato dai monaci al tempio di Xá Lợi (il cui nome è la traduzione in vietnamita di Śarīrā), in centro a Saigon. Verso le 13:30 si trovavano già un migliaio di monaci e una gran folla di buddhisti che si mosse da lì al luogo del rogo. La polizia quindi prese ad arrestare dei monaci rimasti al tempio di Xá Lợi e lo circondarono. Al tramonto di quella giornata migliaia di abitanti di Saigon dichiararono di aver visto in cielo l'immagine di Buddha piangente.

Il funerale di Thích Quảng Đức, previsto per il 15 giugno attirò migliaia di persone davanti al tempio Xá Lợi. Preoccupazioni per possibili scontri dovuti alla tensione consigliarono lo spostamento della data della traslazione dei resti. Il 19 i rappresentanti del sangha di Saigon e la polizia convennero di far partecipare solo alcune centinaia di monaci dal tempio al cimitero, dove avvenne la cremazione. Una volta cremato il corpo, le ceneri vennero esaminate secondo tradizione e fu rinvenuto il cuore non combusto. L'eccezionalità del fenomeno portò all'immediato riconoscimento del cuore come ṡarīrā e di Thích Quảng Đức come bodhisattva (in vietnamita: Bồ Tát), così da quel momento i buddhisti vietnamiti si riferiscono a lui col nome di Bồ Tát Thích Quảng Đức.

L'amministrazione americana, sotto la presidenza Kennedy, non aveva espresso rimostranze, fino ad allora, per la politica antibuddhista e filocattolica di Diem per sé (Kennedy era cattolico); tuttavia gli interessi statunitensi in Indocina erano tesi principalmente ad impedire qualsiasi diffusione del comunismo. La crescente impopolarità del regime del Vietnam del Sud creava imbarazzo internazionale e preoccupazione per la sua tenuta interna. Il gesto di Thích Quảng Đức aveva fatto precipitare la situazione: il segretario di Stato Dean Rusk, e l'ambasciatore William Trueheart, avvisarono il regime vietnamita che avrebbe dovuto accettare immediatamente le richieste buddhiste, pena la presa di distanze degli Stati Uniti da Saigon. Il giorno stesso dell'immolazione di Thích Quảng Đức, il presidente Ngô Đình Diệm pronunciò alla radio un discorso in cui si accusavano "gli estremisti" dei fatti e confidava nella chiesa cattolica per il mantenimento della stabilità del regime. All'indomani, trenta tra gli ufficiali di più alto livello dell'esercito scrissero un comunicato in cui ribadivano la loro fedeltà alla costituzione; tra i firmatari vi erano anche gli ufficiali che di lì a qualche mese avrebbero attuato il colpo di stato. Il 16 giugno il governo di Ngô Đình Diệm, cedendo alle pressioni americane, firmava il Comunicato Congiunto con i rappresentanti buddhisti del Vietnam del Sud.

Nonostante il Comunicato Congiunto la reazione governativa si sviluppò sul piano della propaganda: si sosteneva che i monaci buddhisti fossero delle pedine manovrate dal governo neutrale cambogiano di Norodom Sihanouk; che Thích Quảng Đức era drogato; che Thích Quảng Đức aveva compiuto il suo gesto perché pagato dal fotografo Malcolm Browne. Nel corso dello stesso giugno Madame Ngô Đình Nhu, moglie di un fratello di Ngô Đình Diệm, e considerata First Lady del Paese, dichiarò pubblicamente che si sarebbe dovuto applaudire un altro monaco che avesse offerto "un altro barbecue show".

Sul piano militare il governo attese che l'ambasciatore americano fosse tornato negli Stati Uniti. Il 21 agosto fu dichiarata la legge marziale. Le forze armate agli ordini di Ngô Đình Nhu, fratello del presidente, attaccarono i templi e i monasteri buddhisti in tutto il Vietnam del Sud. A Saigon le truppe entrarono sparando e lanciando granate nel tempio Xá Lợi dove trafugarono il cuore di Thích Quảng Đức. Contemporaneamente a Huế la gente scese in strada interponendosi tra l'esercito e i monasteri. Solo per il controllo del ponte davanti al tempio Dieu De ci furono 30 morti e centinaia di feriti. In tutto il Vietnam gli arrestati furono circa 1400 e centinaia furono le persone scomparse.

Fino al tardo ottobre si susseguirono altre cinque auto-immolazioni di monaci nel Vietnam del Sud, in contemporanea a scioperi studenteschi e repressioni (1000 studenti a Saigon furono arrestati e mandati a "campi di rieducazione"). Anche giornalisti stranieri come Peter Arnett furono picchiati dalle forze di Diệm. Lo Sri Lanka protestò alle Nazioni Unite per la situazione del Buddhismo in Vietnam, mentre la Cambogia ruppe completamente le relazioni diplomatiche. In un clima sempre più cupo l'esercito decise di porre fine al ciclo politico il 1 novembre con un colpo di stato, di cui si assunse anni dopo la responsabilità Lyndon Johnson.

L'eco dei fatti non si spense rapidamente. La notizia e le immagini che avevano fatto il giro del mondo generarono tutta una serie di emuli. Il giovane figlio di un ufficiale dell'ambasciata americana si diede fuoco, sopravvivendone a mala pena, "per provare com'era". Il 16 marzo 1965 Alice Herz, ebrea tedesca, si diede fuoco a Detroit per manifestare a favore del Vietnam. Il 2 novembre 1965 un quacchero pacifista statunitense, Norman Morrison, si diede fuoco dentro il Pentagono. Roger Allen LaPorte, membro del Catholic Worker Movement, organizzazione anarchica-cristiana, si diede fuoco davanti al palazzo delle Nazioni Unite a New York il 9 novembre 1965. Il 10 maggio del 1970 fu la volta di George Winne Jr., sempre per protestare contro la guerra in Vietnam. Il 19 gennaio 1969 a Praga Jan Palach si diede fuoco per protesta contro l'invasione sovietica esplicitamente dichiarando di emulare Thích Quảng Đức. Il 3 novembre 2006 Malachi Ritscher si diede fuoco a Chicago per protestare contro la guerra in Irak.

Il gesto di Thích Quảng Đức fu imitato da molti altri vietnamiti, sia monaci e monache che laici: dal 1963 al 1966 si immolarono nel fuoco 33 persone in Vietnam del Sud.

Il cuore di Thích Quảng Đức superò indenne tutta la guerra del Vietnam protetto nel caveau della banca nazionale. Ora due stupa a Ho Chi Minh ricordano Thích Quảng Đức: uno sul luogo dell'immolazione e uno con le sue ceneri scampate all'assalto del monastero Xá Lợi. Vari monasteri a suo nome sono sorti sia in Vietnam che nei paesi dell'emigrazione vietnamita.

Dato che giornalisticamente negli anni 60 era in uso chiamare i membri del Sangha vietnamita col termine di bonzo (dal giapponese Bonsō o Bozu 坊主, passato poi al portoghese bonzo) fu con questo termine che viene spesso ricordato in Occidente Thích Quảng Đức. L'espressione è rimasta nello spagnolo: "quemarse a lo bonzo" (bruciare come un bonzo). Nel 1966 Ingmar Bergman incluse nel suo film Persona delle immagini originali di un monaco vietnamita che si diede fuoco successivamente a Thích Quảng Đức. Nel 1970 Enzo Jannacci cantò la canzone "Il Bonzo", scritta su questi fatti da Dario Fo e Cochi Ponzoni. Nel 1992 i Rage Against the Machine pubblicarono in copertina del loro primo album la storica foto di Thích Quảng Đức.

Nel 1967 il monaco chan Thích Nhất Hạnh scrisse in inglese una memoria indirizzata al pubblico occidentale per rispondere ad alcune critiche e permettere una migliore comprensione del gesto di Thích Quảng Đức. L'immolazione, veniva spiegato, non deve essere considerato suicidio, vietato dal Buddhismo, in quanto privo delle caratteristiche che definiscono il suicidio stesso. Queste sono: mancanza di coraggio di vivere e fare fronte alle difficoltà; senso di sconfitta nella vita e perdita di ogni speranza; desiderio di non-esistenza. Nel caso di Thích Quảng Đức al contrario c'era coraggio e ottimismo che il gesto potesse produrre una evoluzione positiva nella società, non era volto alla distruzione dei nemici sia perché per un monaco i nemici sono le pulsioni impersonali (odio - in sanscrito: dveṣa, attaccamento - tṛṣṇā, ignoranza - avidyā) sia perché si auspicava in un ravvedimento dei persecutori. Infine non era nemmeno un atto di protesta, nella lettera lasciata non si lanciano accuse o recriminazioni, ma un gesto volto a toccare i cuori e mostrare la situazione per quella che è. In questo si tratta di un atto di compassione.

Per la parte superiore



James Nachtwey

James Nachtwey (1948) è uno dei più importanti fotoreporter e fotografi di guerra contemporanei.

James Nachtwey è nato a Syracuse, NY nel 1948 ed è cresciuto nel Massachusetts. Ha frequentato il Dartmouth College dal 1966 al 1970, dove ha studiato Storia dell'Arte e Scienze Politiche. È profondamente segnato, nella sua scelta di diventare fotografo, dalle immagini della guerra nel Vietnam e del movimento per i Diritti Civili. Ha cominciato a lavorare come fotogiornalista nel 1976 per un quotidiano locale del New Mexico. Nel 1980 si trasferisce a New York dove comincia a lavorare come fotografo freelance. Nel 1981 Nachtwey ha svolto il suo primo incarico all'estero in Irlanda durante lo sciopero della fame di alcuni militanti dell'IRA. Da allora, Nachtwey ha dedicato sé stesso a documentare guerre e conflitti sociali. La sua attività di fotoreporter si è svolta in numerosi paesi quali El Salvador, Nicaragua, Guatemala, Libano, Cisgiordania(West Bank) e Gaza, Israele, Indonesia, Thailandia, India, Sri Lanka, Afghanistan, Filippine, Corea del Sud, Somalia, Sudan, Rwanda, Sudafrica, Russia, Bosnia, Cecenia, Kosovo, Romania, Brasile e Stati Uniti. Nachtwey lavora per il Time dal 1984, ha lavorato per l'agenzia Black Star dal 1980 al 1985 ed è stato membro della Magnum Photos dal 1986 al 2001. Nel 2001 è diventato uno dei membri fondatori dell'Agenzia VII.

Hanno ospitato le sue mostre fotografiche: l' International Center of Photography a New York, la Bibliotheque nationale de France a Parigi, il Palazzo delle Esposizioni a Roma, il Museum of Photographic Arts a San Diego, Culturgest a Lisbona, El Circulo de Bellas Artes a Madrid, Fahey/Klein Gallery a Los Angeles, il Massachusetts College of Art a Boston, il Canon Gallery e il Nieuwe Kerk ad Amsterdam, il Carolinum a Praga e l' Hasselblad Center in Svezia. Ha ricevuto numerosi premi tra cui: il Common Wealth Award, Martin Luther King Award, Dr. Jean Mayer Global Citizenship Award, Henry Luce Award, Robert Capa Gold Medal (cinque volte), il World Press Photo Award (due volte), Magazine Photographer of the Year (sette volte), l' International Center of Photography Infinity Award (tre volte), il Leica Award (due volte), il Bayeaux Award for War Correspondents (due volte), l' Alfred Eisenstaedt Award, il Canon Photo essayist Award e il W. Eugene Smith Memorial Grant in Humanistic Photography. Nel 2001 è stato realizzato un documentario sulla sua storia intitolato War Photographer. Il film è stato diretto da Christian Frei ed ha ricevuto numerosi premi, compresa la nomination all' Oscar come Miglior Documentario.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia