Webcam

3.4392523364514 (1070)
Inviato da murphy 04/04/2009 @ 15:09

Tags : webcam, ventole e accessori vari, hardware, computer, high tech

ultime notizie
Ruba occhiali all'Auchan Incastrato con la webcam - L'Eco di Bergamo
... evidenti ammanchi di occhiali da sole dagli espositori di vendita e, non riuscendo a individuare il responsabile, si sono accordati con i carabinieri di Curno per installare una webcam attraverso la quale tenere monitorata l'area del supermercato....
Giappone: sorrisometro per i dipendenti - Corriere della Sera
E' un congegno digitale simile a una webcam, può essere montato sullo schermo del pc o su una parete, e scatta foto a intervalli regolari. LA «MISURA» - Le foto passano al vaglio di un software che valuta diversi movimenti in punti chiave del volto,...
Realizzare un sistema anti-intrusione con la webcam (10/10) - Programmazione.it
Dorgem, pur essendo freeware, è dotato di tutte le funzioni necessarie a implementare un discreto sistema di videosorveglianza con webcam. Esso ha la sola limitazione di non salvare porzioni dello stream video, quando il motion detection triggera un...
Xbox 360: webcam anti Wii - NanoPress
Xbox 360 diventa sempre più potente e performante, l'ultimo accessorio potrebbe essere una sorta di webcam che riesce a captare i movimenti sostituendo i controller classici con fili o senza. Con l'acquisizione della start-up israeliana 3DV si cerca di...
Guardiani fanno pipì dentro un geyser del parco di Yellowstone ... - Tiscali Notizie
Hanno perso il lavoro e dovranno pagare entrambi una multa da 750 dollari i due dipendenti del parco di Yellowstone ripresi dalle webcam mentre urinavano all'interno del famosissimo geyser chiamato Old Faithful. I due, che con il loro assurdo gesto...
UMID M1D: arriva la versione light - Morse.it
Si tratta del Mobile internet Device che conosciamo già ma che monta, questa volta, un processore Atom 1.1Ghz (contro i soliti 1.3Ghz) anche se non include in questa veste né la webcam né il tuner DMB! Per il resto le caratteristiche tecniche del MID...
Da MSI in arrivo GX723, un gaming notebook - Gadgetblog
La scheda tecnica è la seguente : schermo da 17 pollici, 4 GB di RAM, processore Intel Core 2 Duo, webcam integrata da 2 Megapixel, modalità Turbo, chipset GeForce GT 130M con 512 MB di memoria dedicata , HDD da 320 o 500 GB, 5 speaker interni,...
Giappone: arriva il sorrisometro - ANSA
Lo 'Smile Scan' consiste in una speciale fotocamera - simile a una webcam - che puo' essere montata davanti ai monitor o sulle pareti di una stanza, e viene venduto a 300 mila yen (2.300 euro) per unita'. Il congegno fotografa e da' il voto ai sorrisi...
Realizzare un sistema anti-intrusione con la webcam (9/10) - Programmazione.it
Anche se una soluzione ovvia può essere quella di attivare il classico programma di video capture fornito normalmente con le webcam, è altrettanto ovvio che una simile soluzione è assolutamente inefficiente e dispersiva, principalmente a causa della...
AAA vendonsi tombe vista mare con radio e webcam - il Giornale
E poi per gli optional di ultima tecnologia: a partire da una webcam, grazie alla quale i parenti, anche a migliaia di chilometri di distanza, potranno pregare tutti i giorni sulla tomba del defunto. Per chi invece decide di visitare il caro estinto di...

Webcam

Una webcam.

Una webcam è una piccola telecamera utilizzabile solo (o principalmente) come dispositivo di input per un computer.

A differenza di una telecamera tradizionale, non dispone di un proprio sistema di memorizzazione di video (per esempio su nastro), ma trasmette semplicemente le immagini riprese, in forma digitale, attraverso una interfaccia collegabile a un computer (per esempio USB oppure uscita di rete Ethernet RJ45).

Il nome "webcam" è un portmanteau che unisce "web" (abbreviazione di World Wide Web) e "cam" (per camera, telecamera in inglese). Il principale utilizzo delle webcam consiste infatti nella possibilità di impiegarle per realizzare una videoconferenza attraverso il Web o altri sistemi basati su Internet come molte applicazioni di instant messaging.

Un altro uso piuttosto diffuso delle webcam consiste nella trasmissione continua di immagini dal vivo (streaming video) da determinati luoghi del mondo. L'uso di installare webcam in località di interesse turistico si sta rapidamente diffondendo in tutto il mondo.

Ancora, webcam vengono talvolta utilizzate a scopi di videosorveglianza, o per la registrazione di video (sul disco rigido del computer). Negli ultimi anni alcuni modelli di webcam sono diventati popolari tra gli astrofili, che le impiegano come strumenti a basso costo per la ripresa di immagini di pianeti e altri oggetti celesti luminosi.

Per la parte superiore



Power over LAN

Power over LAN o PoL o anche Inline Power è una categoria che raccoglie le tecniche che permettono di alimentare apparecchiature utilizzando lo stesso cavo che le collega alla rete dati.

Molto utile allorché vi siano difficoltà nel reperimento di fonti elettriche in prossimità della terminazione o anche per ridurre il numero di elementi e cavi; ad esempio un telefono IP su una scrivania può essere alimentato direttamente dal cavo di rete ethernet in Power over Ethernet eliminando l'alimentatorino e il relativo cavo e rendendo l'istallazione più semplice e pulita.

Per il momento queste tecniche sono utilizzate soprattutto nell'alimentazione, appunto, di telefoni VoIP, access point e webcam (apparecchiature che consumano poco), ma con il miglioramento delle prestazioni in termini di consumo che la tecnologia del futuro ci riserverà ci si deve aspettare di conseguenza un maggiore utilizzo.

Se l'hardware di rete prevede apparecchiature di smistamento o concentrazione l'alimentazione dovrà passare anche attraverso queste per alimentarle e/o per alimentare i terminali.

Il principio di funzionamento base è molto semplice - anche se le problematiche da affrontare per la trasmissione di alimentazione su una linea dati sono più di una - si tratta di adattare l'alimentazione secondo le specifiche del cavo utilizzato e lasciare all'apparecchiatura utilizzatrice il compito di riadattarle secondo le proprie necessità.

Si rimanda a Power over Ethernet - esempio di PoL applicato alla rete ethernet - la descrizione delle varie modalità di collegamento Endpoint e Midspan, un esempio di quest'ultimo è l'utilizzo di un iniettore descritto di seguito.

Il PD è l'apparecchiatura collegata alla rete che fornisce un servizio finale è detta anche terminale o utilizzatore; il PD necessita di una alimentazione per il funzionamento, questa può essere fornita nei pressi dell'istallazione tramite un alimentatore diretto o in remoto attraverso la stessa linea di trasmissione dati.

Il PSE o Alimentatore è l'apparecchiatura che fornisce la corrente e la tensione adatte al funzionamento del PD. Spesso il PSE deve prendere decisioni, può quindi essere anche relativamente complicato e prevedere addirittura una logica a microprocessore. Il PSE può essere integrato nelle apparecchiature che distribuiscono le linee dati Collegamento Endpoint o può essere inserito nella linea stessa tramite un iniettore Collegamento Midspan.

Un Iniettore PoL o Iniettore PoE (nel caso di linea Ethernet) è una piccola apparecchiatura che - introdotta opportunamente in una linea di trasmissione dati - permette l'immissione di alimentazione verso il terminale.

Nell'immagine vediamo lo schemino di un Iniettore PoE del tipo più semplice. Come noto le coppie 1-2 e 3-6 in una lan Ethernet10/100 vengono utilizzate per la trasmissione dei dati, nell'iniettore sono quindi passanti e deve essere garantita la Cat5e. Le coppie 4-5 e 7-8 vengono scollegate nell'iniettore dal lato lan per motivi di sicurezza; l'alimentazione viene inviata invece sul lato utilizzatore, secondo le specifiche IEEE 802.3af.

L'istallazione è molto semplice, generalmente viene eseguita nei pressi dello switch, si scollega la linea e si introduce la spinetta RJ-45 nell'iniettore dal lato utilizzatore, poi si riconnette lo switch tramite un cavetto di permutazione (patch) al connettore lato lan dell'iniettore.

Ovviamente questo tipo PoL non è possibile con la rete Eternet 1000 perché tutte le coppie sono utilizzate per la trasmissione dati, rimane tuttavia possibile alimentare l'utilizzatore in altro modo vedi Power over Ethernet.

Per la parte superiore



ASUS Eee PC

ASUS Eee PC

L'Eee PC è un Mini-portatile sviluppato congiuntamente da Intel e ASUS. Secondo ASUS il nome Eee (pronunciato come tre i, IPA /iː/) deriva dalla contrazione dello slogan "Easy to learn, Easy to work, Easy to play" o "Easy, Excellent and Exciting" (slogan 2008).

Nato con lo scopo di ridurre costi, consumi, il sistema non mira a sostituire i normali computer, ma piuttosto ad affiancarsi fornendo un sistema leggero ma in grado di fornire delle prestazioni decorose. Il progenitore degli UMPC pesa circa 1 kg (da 0,92 a 1,4 kg) e ha dimensioni di un quaderno (da 22,5x16,4x2,15/3,50 cm a 26,6×19,1×3,8 cm). Il sistema utilizza un monitor che varia da 7 a 10 pollici (in tecnologia LCD, con risoluzione massima da 800x480 a 1024x600 pixel), la memoria RAM varia tra 512 MB e 1024 MB, la memoria di massa è basata su un disco a stato solido da 2, 4, 8 o 20 GB, oppure su classici dischi fissi magnetici da 80 o 160 GB. Il dispositivo è dotato di tre porte USB, una VGA per collegare uno schermo esterno, un lettore di schede SD/MMC, il touchpad, altoparlanti, una porta ethernet e di un dispositivo per gestire le connessioni wireless. Il processori sono l'Intel Celeron M ULV 353 da 900 MHz basato sul core Dothan con cache L2 ridotta a 512 kB capace di un consumo a pieno carico di soli 5 watt o l'Intel Atom a 1.6 GHz. Alcuni modelli (non quelli denominati "surf") dispongono anche di webcam e microfono integrati.

Il computer viene fornito con Xandros (una distribuzione GNU/Linux) preinstallato ed è stato recentemente affiancato, in alcuni modelli, dal sistema operativo Microsoft Windows XP preinstallato. Inoltre viene fornito con una serie di applicativi di produttività personale. In termini più generali si può dire che, sebbene ad oggi l'eeepc può essere configurato correttamente con le comuni distribuzioni Linux, sia in realtà consigliabile l'utilizzo di una distribuzione pre-configurata e adattata allo stesso. Questo perché la configurazione manuale dei driver di rete, della webcam ecc. può risultare complessa per agli utenti meno esperti. Una distribuzione specifica per lo stesso è eeebuntu che comprende anche un kernel appositamente compilato ed ottimizzato (Adam Kernel). Altre distribuzioni GNU/Linux appositamente create o modificate per l'utilizzo sull'Eee PC sono eeeXubuntu (versione personalizzata del cd live di xubuntu 7.10) già disponibile. Anche la piattaforma open source per dispositivi mobili Android è stata installata con successo su un EeePC.

Si è inoltre dimostrato che l'installazione di Mac OS X sia tecnicamente possibile e anche, nei modelli più recenti, di Windows Vista.

L'Eee 700 è il primo nato di tutta la famiglia. Le dimensioni erano 225×165×21~35 mm con 922 g di peso. Montava un monitor da 7 pollici LCD per una risoluzione di 800x480 pixel, disco fisso SSD da 2 GB, 512 MB di RAM, processore Intel Celeron-M ULV 353 da 900 MHz e connettività Wi-Fi 802.11b/g. Della stessa serie fanno parte l'Eee 701 (con disco fisso SSD da 4 GB) venduto in versione con o senza webcam da 0,3 megapixel) e l'Eee 702 (con disco fisso SSD da 8 GB e webcam da 0,3 megapixel integrata). Il sistema operativo era inizialmente solo Linux Xandros, a cui si è aggiunta la possibilità di montare Windows XP Home.

L'EeePC 900 si differenzia dai precedenti modelli per via del monitor LCD da 8,9 pollici (con risoluzione 1024x600 pixel) e per via della maggior capienza dati. Le dimensioni sono 225x170x20~38 mm per 990 g di peso. La quantità di memoria disponibile varia secondo il sistema operativo preinstallato: con Windows XP Home Edition l'EeePC 900 monta 4Gb di memoria SSD (Solid State Disk) in aggiunta a 8Gb di memoria SDHC (totale: 12Gb); con Linux Xandros ritroviamo gli stessi 4Gb SSD, stavolta in aggiunta a 16Gb SDHC (totale: 20Gb). La motivazione di tale scelta produttiva sembra esser stata dettata dalla volontà dei vertici Asus di equiparare il prezzo di vendita di entrambe le versioni Windows e Linux.

L'EeePC 900 è inoltre dotato di 1 Gb di RAM, e di webcam da 1,3 Megapixel e microfono integrati. Il processore è lo stesso della serie 700 (dotato però di frequenza superiore) ad esclusione del modello 900A (dotato per di più di una tastiera migliorata), che monta un Intel Atom a 1.6 GHz.

L'EeePC 901 monta anch'esso un processore Intel Atom a 1.6 GHz ed è dotato di connettività bluetooth e Wi-Fi 802.11b/g/n. Le dimensioni sono 226×175.3×22.9 mm per 1140 g di peso. I sistemi operativi previsti sono Linux Xandros e Windows XP Home Edition. L'EeePC 904 è in tutto simile al 900A, tranne per la memoria di massa che è un disco fisso a piatti magnetici da 160 Gb. Le dimensioni sono 265.9×191.3×38.1 mm per 1400 g di peso.

L'Eee 1000 si differenzia dai precedenti principalmente per il monitor da 10,2 pollici e risoluzione 1024x600 pixel. Le dimensioni sono quelle del 904: 265.9×191.3×38.1 mm per 1400 g di peso. Può montare il Celeron-M ULV 353 da 900 MHz con disco fisso da 80 GB oppure l'Intel Atom a 1.6 GHz in versione con disco fisso SSD da 8 GB + memoria flash SDHC da 32 GB (solo Linux) o disco fisso da 80/160 GB. Tutti hanno 1 GB di RAM e webcam da 1,3 megapixel e connettività 802.11b/g/n + Bluetooth. I sistemi operativi previsti sono Linux Xandros e Windows XP Home.

L'Eee 1000HE ha uno schermo da 10 pollici, processore intel Atom N280 1.66 Ghz, wi-fi b/g/n, bluetooth 2.0, un disco fisso da 160GB, una tastiera con tasti ad "isola" e ha un'autonomia di circa 9 ore. Il peso e' circa 1.4 Kg. I test approfonditi sul processore e sull'hard disk lo hanno definito il migliore eeepc in assoluto.

ASUS nell'ottobre del 2007 fu accusata di aver utilizzato del software sotto licenza GPL senza rilasciare i sorgenti del software modificato violando in questo modo la licenza. Dopo pochi giorni la società ha ammesso la violazione della licenza, ha rilasciato i sorgenti incriminati e ha dichiarato di aver commesso la violazione in buona fede chiedendo il supporto della comunità di sviluppatori GNU/Linux per individuare altre eventuali violazioni della licenza.

Per la parte superiore



Photo Booth

L'effetto mirror (specchio) di Photo Booth

Photo Booth è una piccola applicazione che serve per scattare foto con la webcam iSight della Apple Computer per Mac OS X. Fornisce 17 effetti da applicare alle foto. Per garantire l'illuminazione necessaria alla foto, lo schermo del computer diventa bianco, come un flash. Il programma è incluso con i computer iMac G5, iMac (Core Duo), MacBook, e MacBook Pro.

Il software si integra con i programmi di instant messaging come iChat o AdiumX, per scattare foto da usare come avatar o Buddy icon.

Le foto scattate con Photo Booth hanno la stessa risoluzione di iSight (640×480 pixel) e la dimensione dell'immagine varia, ma il peso dei file prodotti è sempre intorno ai 100 KB. In Mac OS X 10.4 Tiger; tutte le immagini sono memorizzate in ~/Pictures/Photo Booth/, dove ~ è la cartella home.

Photo Booth è anche in grado di capovolgere le fotografie quando scattate, come fa iSight in video-chat.

Per la parte superiore



IMovie

I contenuti video possono essere importati dall'hard disk dell'utente, da una videocamera se dotata di collegamento Firewire o da una webcam come iSight. I filmati una volta importati nel programma possono essere scomposti in frammenti e ri assemblati in un ordine diverso dato che il programma supporta il montaggio non lineare.

I suoni e le musiche vengono prelevate dalla libreria musicale del programma iTunes.

Il principale punto di forza di iMovie è la semplicità di utilizzo, il programma non è dedicato all'utente professionale o semiprofessionale, quanto all'amatore dotato di una videocamera e di scarse conoscenze informatiche. Il programma supporta anche l'aggiunta di plug-in che espandono gli effetti e le transizioni fornite con il programma. Il programma utilizza al tecnologia QuickTime per esportare i filmati e quindi è in grado di creare anche contenuti multimediali per i telefoni di terza generazione.

Le prime versioni del programma erano disponibili gratuitamente attraverso il sito internet di Apple e le versioni fino alla 2.0.3 erano compatibili anche con Mac OS 9.

Per la parte superiore



Video4Linux

Video4Linux o V4L è una API per Linux che consente di acquisire dati video.

Sono supportati diversi dispositivi, tra cui webcam USB e schede TV.

Video4Linux è strettamente integrato con il Kernel Linux.

Per la parte superiore



IChat

IChat v4.0.3.png

Utilizza un'interfaccia metallizzata in linea con Mac OS X 10.5 Leopard e usa dei riquadri a fumetti per racchiudere il testo della chat. I personaggi che chattano hanno associata un'immagine che se disponibile viene prelevata dalla rubrica indirizzi. L'obiettivo di iChat è di rendere quanto più personale possibile la chat tra utenti.

Nel giugno 2003, Apple annunciava iChat AV Public Beta, la nuova versione di iChat che aggiunge la possibilità di chattare utilizzando un microfono o una webcam. Veniva anche presentata iSight, una webcam sviluppata specificatamente per l'utilizzo in congiunzione con iChat AV. Queste nuove modalità di chat utilizzano degli standard industriali anche se attualmente questi standard non sono molto diffusi. La versione definitiva è stata inclusa nella nuova versione del sistema operativo (Mac OS X 10.3) e per gli utenti della versione precedente era venduta a parte al prezzo di 29,95 euro.

Nel febbraio 2004, America Online rilasciava AOL Instant Messenger (AIM) versione 5.5 per Windows. Questa versione supporta anche la chat video (non audio) ed è compatibile con iChat AV. Lo stesso giorno Apple rilasciava iChat AV 2.1 Public Beta per gli utenti di Mac OS X per permettere di chattare con gli utenti di AIM 5.5.

Nel giugno 2004, Steve Jobs ha mostrato la nuova versione di iChat che è stata inclusa in Mac OS X 10.4 Tiger. Questa versione supporta fino a quattro utenti in video conferenza e dieci utenti in audio conferenza. La videoconferenza usa lo standard H.264/AVC, per offrire una qualità video e audio migliore vecchio standard H.263.

In Mac OS X 10.5 Leopard, l'applicazione acquisisce la possibilità di applicare al video trasmesso degli effetti in tempo reale come quelli di Photo Booth. È possibile anche sostituire lo sfondo alle spalle dell'utente con un'immagine statica o un video. Inoltre è possibile per gli utenti condividere il proprio desktop con l'interlocutore mantenendo attiva la chat audio. Sfruttando la tecnologia di QuickLook, è possibile durante una chat video mostrare dei foto, video, presentazioni e documenti in generale. Infine è possibile registrare le conversazioni audio e video.

Per la parte superiore



ISight

iSight montata su un PowerBook G4

Sebbene iSight sia compatibile con Mac OS X, Windows e Linux, il microfono interno può essere utilizzato solo su sistemi Mac col software iChat AV o su sitemi Linux tramite l'ausilio di un driver sperimentale .

La confezione di iSight comprende un cavo FireWire che funge anche da alimentazione oltre che per trasmettere il segnale audio e video. Nella confezione sono anche inclusi tre supporti per la webcam, un adattore per la FireWire e un contenitore per il trasporto.

A partire dall'introduzione dei nuovi modelli di iMac G5 di fine 2005, Apple ha iniziato a fornire iSight in versione integrata su tutte le macchine. iMac, MacBook e MacBook Pro, nuovi modelli del 2006, includono una versione di iSight molto piccola, annegata negli chassis, e immediatamente utilizzabile. Pur conservando lo stesso nome, quest'ultima versione di iSight è una vera e propria webcam dato che il sensore è CMOS invece che CCD, è collegata internamente tramite USB ed è dotata di lenti di plastica a fuoco fisso.

A partire dal 23 giugno 2006 Apple non ha più accettato ordini per le iSight interrompendone la produzione ottemperando agli obblighi della normativa comunitaria RoHS.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia