Vinci

3.3736075407226 (1167)
Inviato da amalia 04/03/2009 @ 13:08

Tags : vinci, toscana, italia

ultime notizie
Assassini per un Gratta e vinci. Arrestati gli amanti diabolici - CronacaQui Milano
TORINO 26/05/2009 - Svolta nelle indagini sull'omicidio di Osvaldo Squillace, 43 anni, lo sfortunato vincitore di un “Gratta&Vinci” da 500mila euro. Nella notte tra sabato e domenica i carabinieri del comando provinciale, su ordine del sostituto...
MENTANA: VENI, VIDI, VINCI - CNR Media
A sostituirlo è stato Alessio Vinci, che ha fatto registrare un deciso calo degli ascolti. Mediaset si è detta pronta a ricorrere in appello “in tutte le sedi competenti” contro la sentenza, definita “a nostro avviso sorprendente”, della quale ha...
WTA Roland Garros: Vinci ed Errani eliminate - TGCOM
Roberta Vinci e' stata eliminata al primo turno del torneo femminile del Roland Garros (terra rossa, 5.590.800 euro). La tennista italiana e' stata sconfitta dalla russa Azarenka, testa di serie numero 11, in due set. Fuori anche Sara Errani,...
Combatti la sclerosi Vinci 2 pomeriggi con Trulli - La Gazzetta dello Sport
MILANO, 25 maggio 2009 – Velocità, quello che serve alla ricerca scientifica per salvare o curare una persona in più. Per questo l'Aism (Associazione italiana sclerosi multipla) si affida ai campioni dei motori per la nuova raccolta fondi lanciata in...
GRATTA E VINCI: PALERMO, FINTO FINANZIERE ACQUISTAVA TAGLIANDI E ... - Affaritaliani.it
AM, 48 anni, si presentava come il "maresciallo Migliore, cercava di pagare Gratta e Vinci e gioielli con una carta bancomat smagnetizzata - carta poi risultata smarrita dal legittimo proprietario - quindi riusciva a farsi consegnare la merce con la...
Casalgrande, rubati centinaia di gratta e vinci Reggio, furto in ... - Il Resto del Carlino
Poco dopo le 4 i carabinieri di Casalgrande sono intervenuti nella frazione Salvaterra, dove i ladri hanno infranto la vetrina di una tabaccheria con un tombino e portato via centinaia di gratta e vinci, oltre ad alcune centinaia di euro in monete,...
Reggio Calabria. IL QUESTORE CASABONA ALL'ISTITUTO SCOLASTICO“DA ... - MELITO online
Dopo i piccoli studenti della Scuola Primaria “Collodi”, il Questore Carmelo Casabona ha incontrato i ragazzi del Liceo Scientifico “Da Vinci”, continuando la sua conoscenza dei giovani reggini proprio nelle Scuole, luogo ideale per parlare ad un...
ROCK IN IDRO 2009: vinci il biglietto - Contatto Radio
Contatto Radio - Popolare Network in collaborazione con Ituoiconcerti.it ti regala il biglietto per assistere ad uno degli eventi più attesi dell'estate. Rock in idro 2009 vedrà salire sul palco Pogues, Faith No More, Limp Bizkit, Gogol Bordello,...
SVALIGIANO DUE BAR E ABBANDONANO REFURTIVA DI GRATTA E VINCI - L'Automatico.net
... maldestri nel bergamasco, prima svaligiano nella notte due bar, a Pontida e Palosco, poi nella fuga, braccati da una pattuglia di carabinieri di Zogno, abbandonano la magra refurtiva di sigarette, pochi contanti e una cinquantina di Gratta e Vinci....
Falcone: Vinti 500.000 euro al "Gratta e Vinci" - Tempo Stretto
Il fortunato vincitore con l'acquisto di un biglietto “Gratta e Vinci” da 5 euro ha vinto, infatti, ben 500.000 euro. Il biglietto è stato acquistato nella ricevitoria tabacchi, di Giovanna Donato, situata nei pressi dello svincolo autostradale A/20....

Gratta e vinci

Questa pagina contiene informazioni sul gioco d'azzardo. Leggi le avvertenze sul rischio.

Il Gratta e Vinci chiamato anche lotteria istantanea è un gioco d'azzardo gestito dalla Lottomatica per conto dei Monopoli dello Stato.

Consistono in biglietti di carta, con applicata su una parte del biglietto stesso una superficie nascosta da una parte argentata. Funziona grattando la parte argentata o dorata del biglietto, il quale nasconde l'eventuale combinazione vincente (generalmente simboli o cifre) e il relativo premio in denaro. A partire dal mese di dicembre 2006 l'Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato (AAMS), ha introdotto le lotterie istantanee (Gratta e Vinci online) con partecipazione a distanza (le cosiddette "lotterie telematiche"). Le lotterie telematiche rappresentano la trasposizione su internet del Gratta e Vinci tradizionale.

Sono in vendita presso bar, tabaccherie, edicole, autogrill e tutti i rivenditori autorizzati che espongono il contrassegno distintivo. La vincita massima è di 2.000.000,00 €, acquistabile con un biglietto di 10,00 €. Le vincite sono garantite dal sistema informatizzato ideato dal Consorzio Lotterie Nazionali e sono reclamabili presso un qualsiasi punto vendita autorizzato Gratta e Vinci che espone la vetrofania.

La lotteria istantanea venne introdotta in Italia il 21 febbraio 1994 dalla Legge Finanziaria '94 del governo Ciampi per sovvenzionare con 240 miliardi di lire (123.949.655,78 di euro) il cosiddetto piano salvalavoro del ministro Gino Giugni. I primi tagliandi presero il nome di La fontana della fortuna: più fontane di Trevi si trovavano, più alta era la vincita, da 2.000 (il prezzo di un tagliando) a 100 milioni di lire (da 1,03 a 51.645,69 euro). Fino a 50 mila lire (25,82 euro)i premi «di consolazione» erano subito ritirabili presso il rivenditore. Si garantiva che un biglietto su nove era vincente e per l'esordio ne furono distribuiti 40 milioni. Il primo premio venne vinto l'8 aprile 1994 in un bar di piazza Napoleone a Lucca da una colf di 35 anni.

Il 20 maggio La fontana della fortuna fu sostituito da La fortuna col mundial, con chiara allusione all'imminente campionato mondiale di calcio Usa '94.

2008 - Oroscopo, Colpo vincente.

Dal 7 giugno 2004 il gioco è stato rinnovato e commercializzato come Gratta e vinci!, cioè l'espressione con cui il gioco era conosciuto fin dagli esordi in ambito popolare e giornalistico. Il rilancio ha riscosso un immediato successo.

Per la parte superiore



Vanna Vinci

Vanna Vinci (Cagliari, 30 aprile 1964) è un'autrice e disegnatrice di fumetti, un'illustratrice e una docente di fumetti italiana che vive e lavora a Bologna.

Vanna Vinci si appassiona al fumetto in piena adolescenza, grazie a un regalo di compleanno: un volume di Hugo Pratt sul celebre Corto Maltese. Iniziano così i primi passi nel settore prendendo i contatti con gli autori di Cagliari, tra cui Antonio Serra.

Nel 1984, conosce a Lucca Comics, Luigi Bernardi, direttore della rivista Orient Express, che le propone una collaborazione, successivamente nel 1987 Vanna Vinci, diplomata all'Istituto Europeo di Design di Milano, apre a Cagliari con l’amica Licia Casula lo studio grafico Mow Mow.

Esordisce ufficialmente come fumettista nel 1990 sul giornale “Fumo di China” con due storie brevi incentrate sul personaggio della mummia Naarik.

Nel 1993 pubblica, per Granata Press, il racconto a colori “L’altra parte”, in seguito la storia “Doppio sogno”. Successivamente prende parte al progetto “Dinamite” con il personaggio di “Lillian Browne”, nato già all'inizio della sua carriera.

Per la rivista Mondo Naif, nata sotto Edizioni Star Comics, disegna la serie “Guarda che luna”, scritta da Giovanni Mattioli. Uno speciale episodio con questi personaggi viene pubblicato nel 1997 anche sulla testata "Sailor Moon", sempre di Star Comics. Sempre sulla rivista Mondo Naif pubblicherà per diversi anni i capitoli delle sue storie successivamente raccolte in volume.

La collaborazione con Mattioli prosegue e nel 1996 realizza la storia “Una casa a Venezia”, per la casa editrice giapponese Kodansha, che è destinato al mercato nipponico e viene poi stampato in Italia “alla giapponese” (quindi con il senso di lettura da destra verso sinistra da Kappa Edizioni, costola delle Edizioni Star Comics, nel 1999).

Tra il 1997 e il 1998 realizza per Sergio Bonelli Editore i tre mini albi di “May”, allegati agli speciali di “Legs Weaver”, su testi di Antonio Serra e Angelica Tintori.

Nel 1997 pubblica, per Kappa Edizioni, il volume “Ombre” che raccoglie le due storie pubblicate da Granata Press questa volta in bianco e nero e una terza, “Le voci dentro”, capitolo conclusivo di una ideale trilogia.

Nel 1999 vince il premio Yellow Kid come miglior disegnatrice italiana.

Tra il 1999 e il 2000 vengono pubblicate le due storie per la serie ufficiale di “Legs Weaver” di Sergio Bonelli Editore, intitolate “Gli adoratori di Osiride” (su testi di Giovanni Mattioli) e “I mille volti di Legs” insieme a Camboni, Olivares e Ortolani (su testi di Antonio Serra).

Ancora nel 2000 esce il volume "Lillian Browne", pubblicato successivamente anche in Francia da Soleil.

Nel 2001 viene pubblicato "L'età selvaggia" su testi di Giovanni Mattioli, la storia riprende i personaggi della storia "Guarda che luna". Questo romanzo a fumetti vince il Premio Romics 2001 come miglior libro europeo. Sempre nel 2001 realizza per il settimanale Io Donna del Corriere della Sera la mini-storia a colori "Notturna".

Nel 2002 è la volta di un altro seguito, si tratta di "Viaggio sentimentale" continuazione di "Lillian Browne". Anche questo libro viene stampato per il mercato francese da Soleil. Sempre nel 2002, il 18 ottobre, Vanna Vinci è la protagonista di una Mostra monografica intitolata "Percorsi" alla Galleria Comunale d'Arte Contemporanea di Monfalcone (Gorizia) organizzata da ARTeFumetto. Questo spazio celebra i giovani autori italiani del fumetto.

L'autrice negli anni ha esposto anche nelle città di Treviso, Napoli, Roma, Firenze e Lucca in occasione di una Mostra celebrativa nel 2006.

Nel 2003 viene stampato "Aida al confine", una nuova storia completamente realizzata dall'autrice come "Ombre" e "Lillian Browne", che racconta di una ragazza in visita nella città di Trieste. "Aida al confine" viene pubblicato nel 2007 in Francia da Dargaud e nel 2008 in Spagna da Dolmen Editora.

Alla fine del 2004 esce il primo volume de "La bambina filosofica" con il sottotitolo "Anatomia di uno sfacelo", una raccolta di strisce in parte pubblicate nel 2001 sulla rivista "Linus" e in parte inedite. L'albo permette all'autrice di alternare il genere sentimentale e quello comico sarcastico facendo crescere un personaggio che diventa rapidamente un cult tra le giovani lettrici italiane.

Nel 2005 torna al romanzo a fumetti con la storia forse più autobiografica della sua carriera "Sophia, la ragazza aurea", storia di una giovane autrice di fumetti sarda che sbarca e Bologna per realizzare i suoi sogni. Nella storia viene introdotto l'argomento dell'alchimia.

Se nel 2006 arriva in libreria il secondo capitolo de "La bambina filosofica" intitolato "Pensieri, parole, opere e omissioni" a metà 2007 esce anche il seguito di Sophia, con il titolo di "Sophia nella Parigi ermetica".

Alla fine del 2007 Vanna Vinci realizza il volume pocket de "La bambina filosofica" con il titolo di "Pillole di saggezza altrui" dove la protagonista "interpreta" famosi aforismi d'autore.

All'attività di autrice affianca quella d'illustratrice lavorando con gli editori EL, Einaudi Ragazzi, Tam Tam, Mondadori, Fabbri e collaborando con le pagine della cultura de “L'Unità”.

Insegna presso l'Accademia di Belle Arti di Bologna e tiene delle lezioni alla scuola di fumetto “Humpy Dumpty” sempre a Bologna.

Per la parte superiore



Sal da Vinci

Sal da Vinci - pseudonimo di Salvatore Michael Sorrentino - (New York, 7 aprile 1969) è un cantante italiano.

Comincia a cantare e recitare molto piccolo insieme al padre Mario Da Vinci (da cui prende anche il "cognome d'arte"), uno dei maggiori interpreti della sceneggiata napoletana, diventando uno dei primi interpreti del filone neo-melodico napoletano. Sposato con Paola, ha due figli, Francesco e Anna Chiara.

Nel 1974 debutta nel mondo delle sette note, incidendo in duetto con Mario Da Vinci, la canzone "Miracolo e Natale" di Alberto Sciotti e Tony Iglio che trova gran successo e da cui è tratta la sceneggiata omonima.

Nel 1978 debutta nel mondo della celluloide, girando il film di Carlo Caiano "Figlio mio sono innocente" con Dolores Palumbo e l'anno successivo gira la pellicola,"Napoli storia d'amore e di vendetta" di Mario Bianchi con Paola Pitagora e Maria Fiore.

Nel 1979 (ma il film esce brevemente soltanto nel 1982) interpreta da protagonista, insieme al padre Mario, il film "Tanti auguri" firmato Al Sorrentino (che è il cognome di Sal e Mario).

Nel 1981 registra il primo album "O guappo nnammurato" per l'etichetta La Canzonetta Record, dove oltre a motivi appartenenti al repertorio classico napoletano, incide gli inediti "Lettera a Napoli" e "Meglio ca 'o saie" di Alberto Sciotti e Tony Iglio.

Nel 1983 è protagonista del film musicale 'O motorino.

Nel 1986 partecipa al fianco di Carlo Verdone nel suo film Troppo forte, nel ruolo dello "scugnizzo" Capua.

Con gli anni, tralascia la recitazione per dedicarsi maggiormente alla musica, e nel 1994 partecipa alla seconda ed ultima edizione del Festival italiano di musica (organizzato da Canale 5 per creare una valida alternativa al Festival di Sanremo) classificandosi al primo posto con la canzone Vera. Il brano gli spalancherà le porte della discografia italiana, dove otterrà discreti successi con un album che prenderà il nome dall'omonima canzone.

Dopo un successivo album, ed un periodo artistico buio, nel 2002 torna a recitare, e ricopre il ruolo di protagonista nel musical "C'era una volta...Scugnizzi" di Claudio Mattone ed Enrico Vaime. Il musical, di grandissimo successo (sarà il musical piu' visto di quell'anno), darà nuovamente prestigio alla carriera di Sal, che poco prima stava avviandosi verso il declino.

Nel 2004 partecipa insieme a Lucio Dalla e Gigi Finizio, alla realizzazione di una canzone intitolata Napule, inserita poi nell'album Quanti Amori di Gigi D'Alessio.

Nel 2006 avvia una collaborazione professionale con il comico Alessandro Siani, per il quale compone e canta la colonna sonora del suo film, Ti lascio perché ti amo troppo. La canzone principale della colonna sonora,"Accuminciamm a' respirà", viene incisa su disco solo nel 2007.

Nel 2008 esce il singolo Nnammuratè; nello stesso anno partecipa al varietà del sabato sera Volami nel cuore condotto da Pupo ed Ernestino Schinella, come cantante fisso della squadra 1.

Per la stagione teatrale 2008/09 è impegnato nello spettacolo teatrale "Canto per amore", coreografia e regia di Gino Landi. Abbinato allo spettacolo teatrale è uscito anche un album dall'omonimo titolo.

Ha partecipato al Festival di Sanremo 2009 con la canzone Non riesco a farti innamorare in contemporanea con l'uscita dell'omonimo disco, calssificandosi al terzo posto.

Per la parte superiore



Sofia Vinci

Sofia Vinci nel 1982.

Sofia Vinci (Siracusa, 25 marzo 1966) è una ex cestista e dirigente sportiva italiana.

È stata una delle protagoniste dei due scudetti dell'Enichem Priolo di Santo Coppa, nel 1988-89 e nel 1999-00, e della vittoria dell'Eurolega nel 1990.

Ha esordito nella nazionale di pallacanestro italiana il 14 agosto 1987, in occasione della partita amichevole Italia-Germania Ovest 71-62. Fino al 1989 aveva disputato 17 gare con le azzurre. Si è ritirata nel 2002.

Dopo il ritiro, è stata prima team manager, poi responsabile delle giovanili del Priolo. La sua maglia, la 14, è stata ufficialmente ritirata nel corso dei festeggiamenti dei vent'anni della squadra in Serie A1.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia