Tunisia

3.4717416378173 (867)
Inviato da nono 05/03/2009 @ 09:13

Tags : tunisia, africa, esteri

ultime notizie
CAMPANIA/COOPERAZIONE: A NAPOLI WORKSHOP ITALIA-TUNISIA - Asca
(ASCA) - Napoli, 26 mag - Si e' svolto oggi a Napoli, presso l'auditorium della Regione Campania al centro direzionale, il workshop nazionale sul tema ''Strumenti finanziari della cooperazione Italia - Tunisia: le opportunita' di investimento per le...
GUANTANAMO: TUNISI PRONTA ACCOGLIERE SUOI CITTADINI - Gazzetta di Parma
Tunisi - La Tunisia e' pronta ad accogliere tutti i suoi cittadini detenuti nella prigione di Guantanamo. Lo ha dichiarato il ministro della Giustizia e dei diritti umani Bechir Tekkari. "Siamo disponibili ad accogliere tutti i detenuti tunisini - ha...
COOPERAZIONE ITALIA-TUNISIA, IL MINISTERO STANZIA 170MILIONI DI EURO - Videocomunicazioni News
Un'asse di relazioni economiche sociali e commerciali tra Italia e Tunisia. Il Ministero degli affari esteri ha stanziato 170 milioni di euro a disposizione della imprese italiane che metteranno in atto programmi di cooperazione tra i due paesi....
Distrugge a sprangate un bar a Campomarino, denunciato un tunisino - AltroMolise
Poi qualche giorno più tardi è tornata nel locale con il fidanzato, JM, 47enne tunisino pregiudicato. Per il titolare del bar altre minacce e la richiesta di assumere la ragazza. Al rifiuto del titolare il tunisino ha impugnato una spranga di ferro ed...
Il piloti del team Aprilia Giofil pronti per il Sardegna Rally Race - Motocorse.com
Mercoledì 27 maggio scatta infatti il Sardegna Rally Race, terza prova del Mondiale cross Country dopo Abu Dhabi e Tunisia. Sono ben ottanta i piloti iscritti alla gara di Bikevillage, tra i quali figurano tutti i migliori interpreti mondiali della...
Austria e Svizzera nel forno, Francia nella tempesta - Meteo Giornale
Africa tra il gran caldo di Algeria e Tunisia e il "fresco" dell'Egitto: 44°C a In Salah, solo 36°C ad Assuan. Ore 12 GMT di lunedì 25 maggio: onda calda sull'Italia ei paesi limitrofi, con isoterme tra 18° e 21°C a 850 hpa....
Tunisina suicida in centro nei pressi di Roma - ANSA
Potrebbe essere questo il motivo del suicidio di una donna tunisina di 49 anni trovata morta stamani nel Centro di identificazione ed espulsione di Ponte Galeria alla periferia di Roma. La donna, in Italia da dieci anni, oggi avrebbe dovuto ricevere il...
Call center, risponde pittore tunisino - La Stampa NordOvest
Da mezzanotte alle otto del mattino al cellulare risponde Tahar Ait Belgacem, 64 anni, tunisino, probabilmente il più vecchio operatore di call center d'Italia. Il suo segreto? «Pazienza, gentilezza e disponibilità all'ascolto»....
Un altro sbarco a Lampedusa - Rainews24
Gli ultimi sbarchi nelle Pelagie risalgono a martedì scorso, quando a Lampedusa e Linosa erano approdati complessivamente 32 migranti provenienti dalla Tunisia. I migranti, di diverse etnie, provengono da Paesi dall'area subsahariana....
POL - Perché la Tunisia ha un'importanza strategica per l'Italia - Il Velino
In particolare, il convegno si è concentrato sui rapporti con la Tunisia, “il terzo partner strategico per la Lombardia nell'area del mediterraneo, per quanti riguarda le esportazioni, e il quarto per le importazioni”, ha precisato Claudio Rotti,...

Nazionale di rugby XV della Tunisia

La nazionale di rugby XV della Tunisia è inclusa nel terzo livello del rugby internazionale. Partecipa ogni anno all'Africa Cup.

Per la parte superiore



Tunisia

Tunisia - Bandiera

La Repubblica Tunisina (in arabo الجمهورية التونسية, ovvero "al-Jumhūriyya al-Tūnusiyya"), o Tunisia , è uno Stato del Nordafrica bagnato dal mar Mediterraneo e confinante con l'Algeria ad ovest e la Libia a sud e a est. Si ritiene che il suo nome, Tunus, abbia origine dalla lingua berbera, con il significato di promontorio, o, più probabilmente, "luogo in cui passare la notte" (si può osservare la corrispondenza con un altro toponimo nordafricano dell'antichità, Tuniza, odierna La Calle, Algeria).

La Tunisia è il più orientale e più piccolo dei tre Stati disposti lungo la catena montuosa dell'Atlante. È anche uno degli Stati del Maghreb, come la Mauritania, il Marocco, l'Algeria e la Libia. La sua capitale, eccentrica rispetto al resto del territorio nazionale, è Tunisi, nel nord del paese.

Il 40% della sua superficie è occupato dal deserto del Sahara, mentre gran parte del territorio restante è composta da terreno particolarmente fertile e circa 1.300 km di coste facilmente accessibili. Entrambi questi fattori giocarono un ruolo importante in epoca antica, prima con la fondazione della famosa città fenicia di Cartagine, e successivamente con l'istituzione della provincia romana dell'Africa, quando divenne dopo la Sardegna uno dei granai dell'Impero Romano.

Il paese possiede una rete idrografica scarsamente sviluppata. Il fiume Medjerda, lungo 365 km, nasce in Algeria ma si snoda per ¾ del suo percorso in territorio tunisino prima di sfociare a nord di Tunisi. Nella fertile vallata della Medjerda si concentrano le attività agricole del paese. Unico bacino lacustre di rilievo è il lago di Biserta.

Il clima si presenta mediterraneo sulle coste, con inverni miti e umidi ed estati calde e secche, mentre è di tipo semi-desertico o desertico nell'interno, con temperature estive molto elevate e precipitazioni scarse. La calura estiva è comunque limitata dalle brezze marine (solo sulle coste), mentre quando il vento (ghibli) soffia dal deserto, la temperatura può diventare opprimente.

La maggioranza (il 98%) dell'odierna popolazione tunisina è di origine araba. Esiste comunque ancora una esigua rappresentanza di popolazione di origine berbera (1%) che si trova nel sud est del paese, sulle montagne Jabal Dahar, e sull'isola di Jerba.

Altre popolazioni che si trovano nel paese sono di origine ebraica, concentrate per lo più a Tunisi e Jerba, ridottasi molto dal momento in cui il paese ha ottenuto l'indipendenza dalla Francia.

La maggior parte della popolazione parla arabo. Molto parlato è anche il francese, soprattutto nelle città; in alcune località del sud e dell'isola di Djerba è ancora parlato il berbero.

Circa il 98% della popolazione è di religione musulmana. Oltre alla minoranza di fede ebraica (1%), è presente anche una piccola componente di credenti di fede cristiana (1%), per lo più discendenti di coloni francesi ed italiani.

La Tunisia è stata abitata fin dalla preistoria: la presenza umana è documentata fin dal paleolitico. I suoi primi abitanti noti furono tribù berbere. Sintetizzando millenni di storia tunisina bisogna ricordare lo scontro fra le due etnie dei berberi sedentari e degli arabi nomadi, avvenuto fra il XII e il XIV secolo. Il rapporto fra queste due culture, sul piano del potere politico, è stato sempre squilibrato a favore della cultura sedentaria. I berberi sono tuttora una piccola minoranza di 50.000 persone. Nel 814 a.C. fu fondata Cartagine per mano dei fenici; dopo le Guerre Puniche Cartagine passò sotto la conquista romana, dove conobbe un periodo di grande prosperità: si sviluppano l' agricoltura e l' urbanizzazione.

A metà del VII secolo inizia la penetrazione degli arabi e della loro nuova religione, l'Islam. Sono necessarie ben cinque spedizioni, la prima nel 647, la seconda nel 661, la terza nel 670, la quarta nel 688, la quinta nel 695 e la sesta nel 698-702, per strappare il paese ai Bizantini e insediarvisi stabilmente, spezzando anche la resistenza dei Berberi. Proprio nel 670 gli invasori arabi fondano Kairouan.

Con la conversione dei Berberi all'Islam (702), la conquista diviene politicamente irreversibile e l'antica Provincia Africa diviene Ifriqiya nella lingua dei nuovi dominatori. Malgrado il popolo berbero avesse adottato la religione degli invasori, non fu mai disposto ad accettarne il dominio, tanto da aderire in massa al Kharigismo e a iniziare una serie di rivolte che durarono fino all'arrivo dei Turchi ottomani.

Dopo la dinastia degli Aghlabidi, soggetta ai califfi sunniti (IX secolo), proprio l'Ifriqiya vede la nascita (909) della dinastia sciita dei Fatimidi (fondatori arabi di Mahdia, loro prima capitale, nel 921), che poi occuperà anche l'Egitto, dove si trasferirà (972) lasciando il potere locale alla dinastia berbera degli Ziridi, che mirando all'autonomia dei berberi rompono con i fatimidi nel 1048 ma vengono sconfitti nel 1053. Solo a partire da questa data l'arabo comincia a prevalere sul berbero.

Nella prima metà del XII secolo le città della costa sono spesso occupate dai normanni del Regno di Sicilia. Nel 1159-1160 tutta la regione cade sotto il dominio degli Almohadi, berberi provenienti dal Marocco e dall'Algeria, che unificano tutto il Maghreb. Tuttavia, già nel 1228 se ne rende autonoma la dinastia berbera degli Hafsidi, che regnerà fino al XVI secolo, quando, in risposta alle crescenti pressioni del Regno di Spagna, si realizza gradualmente la conquista da parte dei turchi Ottomani.

Nel 1574 la Tunisia è annessa all'Impero ottomano; tuttavia, gli ottomani saranno sempre pochi e costretti a delegare il potere amministrativo a notabili locali, riservandosi l'autorità militare. Nel 1705 viene fondata la dinastia Husaynide (o Husseinide), il cui esponente regnerà come Bey di Tunisi fino al 1957.

Dal 1881 al 1956 la Tunisia, pur formalmente retta dal Bey, è soggetta al protettorato francese. Il 12 maggio 1881 viene firmato il Trattato del Bardo: la Francia, già da 50 anni installata in Algeria, batte sul tempo le mire dell'Italia, che contava la colonia europea più numerosa. Il protettorato francese mira a investire nello sfruttamento delle risorse naturali (agricole e minerarie) e quindi a sviluppare le reti di trasporto (stradale, ferroviario e navale). La resistenza anticoloniale dura praticamente per tutti i 75 anni di dominazione francese, alimentata e poi diretta dagli allievi delle prime scuole e università moderne. La guida il partito liberale costituzionale (Hizb al-Hor al-Desturi), o Destour (Dustūr in turco-arabo significa "Costituzione"), fondato nel 1920, poi soppiantato dal più radicale Néo-Destour, fondato nel 1934 (dal 1964 Partito socialista costituzionale); nel 1938 il governo francese proclama lo stato d'assedio.

La Seconda guerra mondiale coinvolge la Tunisia dal giugno 1940 al maggio 1943. In seguito alla sconfitta francese da parte dei nazi-fascisti, in base al Secondo armistizio di Compiègne (22 giugno 1940) la Tunisia fa parte del regime di Vichy. Dall'ottobre-novembre 1942 la Tunisia viene occupata dai nazi-fascisti in quanto si trova al convergere dell'avanzata americana dal Marocco e dell'avanzata britannica dall'Egitto. L'11-13 maggio 1943, al termine di un'epica ritirata iniziata ad El Alamein e conclusasi con la difesa di Capo Bon, il 5° gruppo corazzato Nizza Cavalleria, non informato dai tedeschi della propria improvvisa decisione di arrendersi e bombardato ininterrottamente dall'aviazione nemica, deve a sua volta alzare bandiera bianca; i britannici ammirati concedono ai comandanti Battistini e Baldissera di passare per l'ultima volta in rassegna il reggimento.

Secondo la Costituzione del 1° giugno 1959 (emendata dal 1° giugno 2002 per creare il bicameralismo), la Tunisia è una repubblica presidenziale fortemente squilibrata a vantaggio dell'esecutivo.

Il potere esecutivo è concentrato nel Presidente della Repubblica (i cui poteri costituzionali sono stati ulteriormente rafforzati nel 1988, 1997 e 2002), che lo esercita con l'assistenza di un Primo ministro e di più ministri, tutti di sua nomina e revoca. Il governo ha ampi poteri regolamentari. Il Presidente della Repubblica è eletto ogni 5 anni a suffragio universale ed è rieleggibile senza limiti purché abbia meno di 75 anni. Della pubblica amministrazione, incluse le forze armate e dell'ordine, dispone il Presidente. In quanto garante dell'indipendenza nazionale, dell'integrità del territorio e del rispetto della costituzione e delle leggi può attribuirsi poteri speciali in caso di pericolo imminente.

Costituzionalmente indipendente, la magistratura non lo è di fatto: il Presidente nomina e rimuove i magistrati su proposta del Consiglio superiore della magistratura da lui integralmente nominato e presieduto. Solo il Presidente può adire il Consiglio costituzionale.

La Tunisia è suddivisa in 24 governatorati (wilayāt), che prendono il nome dalle città capoluogo. Ciascun governatorato è retto da un governatore nominato dal Presidente. I governatorati sono a loro volta suddivisi in "delegazioni", che raggruppano diversi comuni o "consigli rurali". La più piccola suddivisione amministrativa è l'imadat.

Le città principali sono la capitale Tunisi, importante centro economico amministrativo e turistico, Hammamet, Jerba, Tabarka, Susa, importanti città turistiche e bagnate dal mare, Sfax, industriale, Kairouan, la capitale religiosa, Biserta, Gabès, Tozeur, ultima città prima del deserto.

Grazie alla stabilità politica, ai bassi costi di produzione, e ad una forte disponibilità ad accogliere investimenti stranieri, l'economia tunisina procede ad un buon tasso di crescita (+6,3% stimato per il 2007).

I principali partners commerciali della Tunisia sono, nell'ordine: Francia, Italia, Libia, Germania, Belgio, Spagna (dati 2003).

Il tasso di disoccupazione è alto (14,1%, stime 2007), anche a causa dell'alta natalità (crescita annua dell'0,99%), che fa sì che la metà della popolazione abbia oggi meno di 15 anni. Anche per questo, la Tunisia è uno dei paesi mediterranei a forte emigrazione, e l'Italia, da cui la separano solo 140 km, è la prima destinazione dei migranti tunisini, almeno in transito: in Italia i cittadini tunisini con permesso di soggiorno erano oltre 53 mila al 1º gennaio 2002.

Negli ultimi anni ha dimostrato di avere una buona nazionale di calcio con buoni giocatori.

I piatti principali della gastronomia tunisina sono il cous cous, il tajine, la Molokheja, la Mechouia e le Briq. Fra i dolci si annoverano le samsa, le Adlia, i Baklawa, i Kaak Anbar, i Kaak Tressé, i Mlabes, i Machmoum, i Miniardise Jiljlane e i Makroud.

Relativamente alle bevande, la Tunisia produce sia vini bianchi che rossi.

Per quanto riguarda i liquori, sono prodotti localmente il Thibarine ed il Boukha; esiste poi una bevanda chiamata Laghmi che consiste in linfa di palma estratta e servita senza alcun trattamento.

Per la parte superiore



Campagna di Tunisia

Lo stemma dell’Africa italiana

La campagna di Tunisia si combatté, durante la Seconda guerra mondiale, tra le forze alleate anglo-americane e gli italo-tedeschi, a seguito della battaglia del deserto, culminata con lo scontro di El Alamein.

Circondato dalle forze Americane e del Commonwealth, Erwin Rommel si impegnò in una serie di operazioni difensive, la più importante e famosa delle quali fu la Battaglia del Passo di Kasserine, che portarono la guerra ad una situazione di stallo, con le forze Alleate incapaci di prevenire ed arrestare gli attacchi tedeschi. Tuttavia la mancanza di uomini, di mezzi e soprattutto di rifornimenti avevano segnato la sorte delle forze in Tunisia. Dopo aver sfondato le posizioni italo-tedesche sulla linea del Mareth, gli Alleati posero fine alla resistenza delle forze dell'Asse in Africa facendo oltre 275.000 prigionieri.

In seguito alla ritirata di El Alamein (ottobre 1942) la battaglia per la Tunisia si protrasse fino al maggio 1943 e si concluse con il ritiro delle truppe dell'Asse dall'Africa verso la Sicilia. Questo ritiro aprì le porte agli anglo-americani per lo sbarco a Pantelleria (giugno 1943) e in Sicilia (luglio 1943), che portarono alla caduta del fascismo (25 luglio 1943) e all'armistizio dell'8 settembre.

Per la parte superiore



Trasporti in Tunisia

Questa voce raccoglie le principali tipologie di Trasporti in Tunisia.

In totale: 2.152 km.

La metropolitana è inesistente.

Dal 1985 è attivo a Tunisi un servizio di metropolitana leggera.

In totale: 18.997 km (dati 2001).

Attualmente in tutta l'Africa non esistono filobus.

In tutte le zone abitate della Tunisia sono presenti aziende pubbliche e private che gestiscono trasporti urbani, suburbani, interurbani e turistici esercitati con autobus e minibus.

In totale: 30, 7 dei quali internazionali (dati 2006).

Per la parte superiore



Source : Wikipedia