Topless

3.4307304785632 (1191)
Inviato da david 10/04/2009 @ 19:12

Tags : topless, gossip

ultime notizie
BENEDETTA VALANZANO: TOPLESS "HOT" A POSITANO - Leggo Online
L'estate è la stagione dei topless e Benedetta Valanzano si mette subito in mostra a Positano.(Foto: “Top”). Dopo un bagno rinfrescante c'è anche l'occasione per abbronzare il “lato B” in vista dell'alta stagione. Benedetta è stata recentemente...
Topless blu Europa come forma di protesta - La Stampa
La modella inglese Amy Diamond ha inscenato una particolare forma di protesta davanti alla Casa del Parlamento al centro di Londra: in topless, con la pelle dipinta da un colore blu della bandiera della Comunità Europea e due stelle color oro sui...
Sun, la Difesa contro le modelle in topless - La Repubblica
Alcune di loro hanno manifestato fuori del ministero della Difesa britannico dopo che il ministero ha impedito ai militari delle truppe di Sua Maestà di collegarsi al sito page3.com, dove le ragazze si mostrano ai lettori in topless....
MAGARI FOSSE UNO SCHERZO! DAL 13 GIUGNO TORNA SCHERZI A PARTE - DavideMaggio.it
Immancabili come la zanzara tigre, le diete lampo e la vexata quaestio “topless sì, topless no”, le repliche estive tornano, infatti, a infestare i palinsesti della tv generalista. L'italico telespettatore, costretto dalla crisi planetaria,...
Miss Usa nuda: sotto tiro dopo il topless web - Tiscali Notizie
La Miss California e vice Miss America Carrie Prejean ha rischiato la corona per le dichiarazioni conservatrici e per alcune foto in topless scattate quando era teenager. Il caso ha scatenato la Rete e i blogger. Nonostante la profonda recessione,...
Raffaella Fico: un topless rubato - Ciaopeople Magazine
Il paparazzo è riuscito proprio a scattare la foto nel momento in cui la Fico era in topless, regalando a tutti quest'immagine. Raffaella Fico è una ragazza dalle mille sorprese. Anche un semplice backstage lei lo trasforma in uno scenario di...
Raffaella Fico: topless rubato - NanoPress
Ma mai nessun topless o upskirt. Raffaella è stata sempre abbottonata! Ora, invece, ecco delle foto che mostrano il suo seno. In realtà sono scatti rubati durante una sfilata. Il settimanale Stop non si è fatto certo scappare le immagini del seno di...
Lanciano il film col topless sul web... Mischa e le altre - Tiscali Europa
Ultimamente è il trionfo dei topless: l'ultimo è quello della più amata dai teen, Mischa Burton che ha mostrato il lato A in una scena del film Assassination of a High School President! Sai qual è la cosa buffa? Questo film non è in arrivo come Powder...
Usa, Donald Trump deciderà destini Miss California dopo scandalo - Reuters Italia
... le sue dichiarazioni contro i matrimoni omosessuali e le sue foto che la ritraevano in topless -- hanno designato una sostituta temporanea, che rappresenti la California in attesa che sia deciso se la Prejean possa o meno mantenere il suo titolo....
TRIESTE. Topless bar di via Baciocchi, chiusura sventata in extremis - Il Giornale del Friuli Libero
Il topless bar di via Baciocchi, quello delle «ragazze con le stelline», è stato chiuso dopo un blitz di polizia e Ufficio del lavoro che ha accertato la presenza di un cuoco e una banconiera (rigorosamente in topless con le stelline) privi di regolare...

Topless

Una protesta anti-guerra in topless a Washington il 24 settembre 2005.

A differenza della civiltà occidentale, dove il topless (escluse le aree dove è esplicitamente permesso) resta un tabù a causa delle implicazioni a sfondo sessuale che comporta, in molte popolazioni indigene, specialmente africane ed oceaniche, le donne si mostrano a torso nudo esattamente come gli uomini in maniera del tutto naturale.

Nelle società occidentali, se da una parte è consentito senza scandali alle donne di mostrarsi in decolleté (soprattutto in costume da bagno), dall'altra la copertura delle parti basse del petto femminile fa parte del comune senso del pudore, cosicché anche a livello giuridico, a seconda delle legislazioni vigenti nei vari paesi, il topless rientra tra gli atti osceni in luogo pubblico. Il movimento topfree si oppone a questa presa di posizione considerandola sessista, dal momento che gli uomini, al contrario, possono andare in giro a torso nudo senza problemi.

Ci sono stati aspri dibattiti riguardo all'esposizione pubblica delle mammelle, in particolare per le donne che allattano al seno i bambini, ma ora nella maggior parte delle legislazioni quest'ultima pratica è consentita, mentre qualsiasi altra esibizione diversa dall'allattamento viene considerata indecente ed oscena.

In Italia la questione del topless è arrivata anche in Corte di cassazione penale, la quale ha stabilito in diverse pronunce che la pratica non viola il comune senso del pudore ed è quindi accettabile.

Al topless è stato di recente dedicato un saggio dal titolo "corpi di donna, sguardi di uomo. Sociologia del topless" in cui l'autore, il sociologo francese Jean-Claude Kaufmann sostiene che dietro una pratica apparentemente banale ci sia in realtà un insieme di "regole precise benché segrete". Ogni donna deve, secondo Kaufmann, "rispettare un codice di comportamento suggerito dalla struttura del suo corpo, dalla sua età, dalla sua cultura e dalla tipologia della spiaggia".

Il topless viene tollerato soltanto in apposite aree riservate, tra cui gli spogliatoi femminili, le saune e le spiagge dove è permessa tale pratica; pertanto il suo uso a livello pubblico è limitato esclusivamente all'abbronzatura e (al limite) ad atti di esibizionismo. Le spiagge "topless" sono diffuse specialmente in Europa ed Australia e si differenziano dalle spiagge per nudisti in quanto i bagnanti coprono i propri genitali. Generalmente le donne che si abbronzano in topless non si definiscono nudiste.

In alcune manifestazioni, come i carnevali di Rio de Janeiro e New Orleans, viene consentito alle donne che sfilano con i carri di esibirsi in topless per le strade.

In Occidente il topless viene impiegato come forma di intrattenimento per soli adulti, soprattutto nei locali di striptease. Inoltre molte figure femminili in topless compaiono in apposite riviste, calendari (ad esempio Claire Tully, Elisabetta Canalis, Elena Santarelli, le Playmate di Playboy, Tanya Robinson, ecc...), film ed altri media.

Nel Regno Unito diversi tabloid inglesi pubblicano quotidianamente una rubrica in terza pagina dedicata alle modelle in topless, nota come Page Three girls, a cominciare dal The Sun nel 1970. Ciò ha scatenato diverse polemiche, tra cui quella lanciata dalla parlamentare femminista inglese Clare Short, che promosse l'abolizione della rubrica, ma senza successo, in quanto la pagina fu considerata inoffensiva.

Anche in altri paesi del mondo, tra cui Germania e Stati Uniti d'America, esistono in alcuni giornali pagine simili a quelle sopra descritte.

Per la parte superiore



Mondo Topless

Mondo Topless è un documentario del 1966, diretto da Russ Meyer.

In esso Meyer inserì spezzoni del suo precedente documentario Europe in the Raw, e il provino di Lorna Maitland per Lorna.

Programmato per il circuito dei drive in, il documentario ebbe buoni incassi. Alcune ragazze presenti in esso lavoreranno in seguito ancora con il regista statunitense.

Sulle strade e sulle spiagge di San Francisco un nutrito gruppo di prosperose ragazze danzano e parlano delle loro vite.

Per la parte superiore



Anna Nicole Smith

Anna Nicole Smith agli MTV Music Awards del 2005

Anna Nicole Smith, pseudonimo di Vickie Lynn Marshall (nata Vickie Lynn Hogan) (Houston, 28 novembre 1967 – Hollywood (Florida), 8 febbraio 2007), è stata una modella e attrice statunitense, una delle playmate più famose.

Nel corso della sua carriera, la popolarità della Smith ha toccato un punto molto basso quando venne criticata da numerosi tabloid americani per il suo comportamento eccessivamente stravagante, che l'aveva portata tra le altre cose ad ingrassare enormemente, senza però toglierle la voglia di comparire in pubblico con abiti scollati e succinti. Più recentemente, la Smith era dimagrita tornando al suo peso forma ideale: ciò le aveva permesso di avere uno show televisivo tutto suo, di far parte del cast di qualche film e di diventare testimonial di un trattamento di bellezza.

Animalista, testimonial e sostenitrice della PETA, divenne celebre quando si sposò con il ricchissimo petroliere J. Howard Marshall, di ben 63 anni più anziano di lei, che l'aveva notata in un topless bar. Una volta deceduto Marshall, la Smith si è impossessata di tutti gli averi del defunto ma il figlio del magnate ha denunciato l'ex coniglietta in quanto, a suo dire, il suo è stato un matrimonio d'interesse. Del caso giudiziario che ne è derivato se n'è occupata la Corte Suprema degli Stati Uniti, che ha iniziato i lavori nel febbraio del 2006. L'8 febbraio 2007 ebbe un collasso mentre si trovava in un hotel a Seminole in Florida e decedette poco dopo l'arrivo in ospedale.

Anna Nicole Smith nacque a Mexia, un paesino del Texas situato a 127 km a sud di Dallas. Il padre l'abbandonò quando era ancora in fasce e fu pertanto educata dalla madre e dalla zia materna. Fin da adolescente le sue forme fisiche erano toniche e prosperose ed ella non nascose l'ambizione di diventare la nuova Marilyn Monroe. A quindici anni, per aiutare la famiglia, lavorò in un ristorante come cameriera e in quel periodo si diffuse la notizia che avesse sposato un cuoco.

Nel 1985, ancora minorenne, convolò a nozze con Billy Smith dal quale ebbe un figlio di nome Daniel. Anna Nicole era però evidentemente immatura per affrontare questo grande passo e il matrimonio naufragò nel 1987, dopo soli due anni: per molto tempo si adattò di conseguenza al suo status di "ragazza madre".

A vent'anni, al fine di garantire al figlio Daniel un'infanzia economicamente serena, lavorò come spogliarellista in numerosi bar, spesso malfamati. Il suo sex-appeal le permise però di fare strada nel mondo della lap dance e pertanto si trasferì a Houston per esibirsi in un nightclub, in cui utilizzò vari nomi d'arte (Nikki, Robin e il definitivo Anna Nicole). Proprio a Houston, dopo essersi rifatta il seno, conobbe il multimiliardario J. Howard Marshall.

La carriera della Smith ebbe una svolta nel marzo del 1992, ovvero quando posò per la prima volta su Playboy, la celebre rivista per soli uomini. Seppur praticamente sconosciuta al mondo dello show business, la Smith firmò un contratto milionario in quanto la rivista era a corto di modelle dopo che Claudia Schiffer aveva deciso di rinunciare a posare per Playboy (aveva firmato un contratto con la Guess?).

Alta, bionda, sexy e provocante, la Smith ebbe subito un grande successo e venne considerata da molti la nuova Marilyn, realizzando in tal modo il sogno che aveva da bambina. Nel maggio dello stesso anno posò per la prima volta senza veli e nel 1993 venne nominata Playmate dell'anno, prendendo il posto di Corinna Harney.

Il 27 giugno del 1994 venne celebrato uno dei matrimoni più controversi della storia recente degli Stati Uniti d'America: quel giorno la 26enne Anna Nicole Smith prese come marito l'imprenditore ottantanovenne Marshall.

Secondo alcune riviste di gossip la Smith non ha mai avuto un particolare interesse per Marshall e non ha mai convissuto con lui (perlomeno di sua volontà). Alcuni sostennero che la Smith ebbe in questo periodo relazioni sentimentali con il bodybuilder Clay Spires, gli attori Scott Baio e Rikki Lee Travolta oltreché con numerose persone meno celebri quali Jonathan McManus, Maria Antonia Cerrato e Sandi Powledge.

La netta differenza d'età che separava i due sposi suscitò non solo l'ilarità di molti comici e giornalisti ma anche la rabbia di E. Pierce Marshall, figlio dello sposo, che dal giorno delle nozze non rivolse più la parola né al padre né tantomeno alla Smith.

Come era facilmente prevedibile, J. Howard Marshall morì poco dopo le nozze, il 4 agosto del 1995, lasciando ad Anna Nicole Smith tutti i suoi averi (1,6 miliardi di $). Questo caso è rimasto aperto per più di una decade, producendo una battaglia legale in vari tribunali del Texas tra la vedova ed il figlio primogenito del defunto. Dato che non è mai arrivata una sentenza definitiva in quanto alcuni giudici diedero ragione alla Smith mentre altri no, la Corte Suprema venne chiamata in causa in questa sfida legale ormai definita Marshall contro Marshall.

Secondo i legali della Smith, l'ex coniglietta era sinceramente innamorata dell'uomo ed in ogni caso tra i due futuri coniugi era stato firmato un contratto prematrimoniale che assegnava alla showgirl la metà degli averi di Marshall una volta divenuta vedova. Nel settembre del 2000 un giudice fallimentare texano, riconoscendo come parzialmente vera questa tesi, assegnò alla Smith 449,754,134 $.

Pierce fece appello contro questa sentenza e nel giugno del 2001 ebbe partita vinta: il giudice di Houston Mike Wood condannò la Smith a rinunciare all'eredità ed a pagare le ingenti spese processuali effettuate da Pierce, quantificabili in un milione di dollari. Un nuovo ribaltone giudiziario, avvenuto nel marzo del 2002, fece in modo che alla Smith venissero concessi 88 milioni di dollari.

Ma il caso era ben lungi dell'essere terminato. Un'ennesima svolta, sentenziata questa volta dalla Corte d'appello, stabilì nel dicembre del 2004 che la Smith non deve essere inclusa nella lista degli eredi di Marshall. Contro questa decisione, la modella fece ricorso nel settembre del 2005 e nel corso della battaglia legale ricevette l'inatteso appoggio del governo statunitense in quanto l'amministrazione Bush le permise di poter usufruire degli avvocati della Casa Bianca.

Durante le fasi "calde" del processo, la carriera artistica della Smith subì un notevole rallentamento. Nel 1994 fece il suo esordio al cinema prendendo parte ai film Mister Hula Hoop e soprattutto Una pallottola spuntata 33 1/3, in cui il suo intervento scenico fu molto pubblicizzato e chiacchierato. In ogni caso, la sua carriera d'attrice cinematografica non decollò mai del tutto.

Nel 1997 fu la protagonista del film d' azione/erotico Skyscraper, ma da quel momento in poi le attenzioni che i mass-media le riservarono furono dovute essenzialmente alla lotta per l'eredità, al suo crescente aumento di peso ed al suo stravagante modo di fare. Nel 2002, realizzò per la rete satellitare E! un reality show basato sulla sua vita privata ed intitolato The Anna Nicole Show, nato sull'onda del successo di The Osbournes. L'eccessiva esposizione mediatica della Smith risultò comunque deleteria per la sua carriera: anche i suoi fans, che la consideravano una sex symbol ed una femme fatale, rimasero basiti per alcuni suoi atteggiamenti irrazionali. Nel febbraio del 2004 lo show venne cancellato dal palinsesto, ma ne venne creato un sequel disponibile però soltanto su DVD.

Un giorno, in un'intervista rilasciata al Late Night with Conan O'Brien, la Smith affermò che la sua dieta consisteva essenzialmente in pollo fritto, sicuramente il suo alimento preferito. Nell'ottobre del 2003, divenne testimonial dell'azienda di dimagrimento TrimSpa, che l'aiutò a perdere 31 kg. nel giro di un anno e in questo vi è la complicità del deejay Howard Stern che l'aveva dapprima umiliata nel corso suo show radiofonico sbeffeggiandola per le sue forme e poi praticamente sfidata a tornare alla sua linea di un tempo.

Nel novembre del 2004 fu la presentatrice degli American Music Awards, ma alcuni suoi interventi suscitarono scandalo. Durante la sua esibizione dal vivo, mormorò commenti critici sul suo corpo e sulla TrimSpa. L'episodio fu messo alla berlina dai successivi artisti invitati agli Awards e divenne la notizia principale del giorno seguente. Secondo alcuni la Smith fece quella gaffe perché sotto l'effetto di sostanze stupefacenti, mentre il suo staff affermò che fu l'emozione di aver perso tanti chili a giocarle quel brutto scherzo. In ogni caso, dopo un altro veloce dimagrimento, all'inizio del 2005 la Smith tornò al suo peso-forma ideale.

Nel marzo del 2005, invitata agli MTV Australia Video Music Awards di Sydney, per non essere da meno rispetto alla cantante Janet Jackson, (che nel febbraio dell'anno precedente, durante la pausa del Superbowl, al termine del duetto con Justin Timberlake rimase per alcuni secondi con un seno nudo) si tolse in diretta il reggiseno, mostrando i suoi seni i cui capezzoli erano però coperti dal logo di MTV.

Nel 2006 tornò a lavorare come modella nonostante l'età, quasi 40 anni, rimanendo la testimonial principale della TrimSpa. In quello stesso anno, il 7 settembre, mise al mondo la sua secondogenita, Dannie Lynn Hope (nella città di Nissau capitale delle Bahamas, dove aveva preso la residenza circa un anno prima). Per tutta la gravidanza la Smith non volle rivelare l'identità del padre della bambina, ma dopo la sua nascita affermò di averla concepita con il suo avvocato, Howard K. Stern, che la difese nella lunga causa per l’eredità del marito J.H. Marshall.

Il 10 settembre, tre giorni dopo la nascita della piccola Dannie Lynn Hope, il primo figlio Daniel, di soli vent'anni, che era stato vicino alla madre durante le fasi del parto, morì in circostanze dubbie e a causa di un abuso di alcool e droga. La morte del primogenito gettò Anna Nicole nella depressione più nera.

A circa sei mesi dalla morte del figlio, l'8 febbraio 2007 Anna Nicole Smith venne trovata priva di sensi nella sua stanza del Hard Rock Cafè and Casino di Hollywood in Florida. Morì durante il trasporto in ambulanza verso il Memorial Regional Hospital. Le circostanze del decesso rimasero avvolte nel mistero per qualche settimana, finché le autorità competenti non dichiararono ufficialmente che la Smith morì per un collasso in seguito all'uso eccessivo e contemporaneo di almeno nove sostanze diverse (compreso il metadone) da lei abitualmente consumate per combattere la depressione, l'insonnia e i dolori. Con tali dichiarazioni vennero smentite definitivamente le voci che volevano la Smith suicida o vittima di un complotto.

Le vicende burrascose legate alla personalità esuberante e pittoresca di Anna Nicole Smith non si esaurirono però con la sua morte, al seguito della quale si scatenarono una battaglia legale tra i pretendenti alla paternità della figlia, dichiaratane l'unica erede, ed una furiosa quanto spettacolarizzata vicenda giudiziaria tra l'ultimo compagno Howard K. Stern e la madre Virginia, per stabilire dove tumulare la salma dell'ex playmate. Durante quest'ultima, il discusso giudice Larry Seidling, ne dispose l'imbalsamazione affermando: «La bellezza è stato un fattore importante della sua esistenza, è giusto che resti intatta, così come la sua dignità».

Gli ultimi capitoli della storia dai risvolti surreali e talvolta grotteschi, di Anna Nicole Smith vengono scritti nei primi giorni di marzo 2007 con la decisione di tumulare la salma nel cimitero di Nassau, capitale delle Bahamas, diventato in seguito meta di pellegrinaggio e luogo di culto. In aprile infine, un tribunale delle Bahamas ha sancito, a seguito del test di paternità, che il padre biologico della figlia Dannie Lynn Hope è il fotografo freelance Larry Birkhead, ex compagno ed amante della pin-up tra il 2005 e il 2006 che ne aveva rivendicato prima della morte di Anna Nicole, la paternità.

Per la parte superiore



Lorna Maitland

Lorna Maitland, all'anagrafe Barbara Popejoy (Glendale, 19 novembre 1943), è un'attrice cinematografica statunitense.

Lorna Maitland faceva la ballerina a Las Vegas, quando rispose ad un annuncio che pubblicizzava un provino per il film Lorna, diretto da Russ Meyer nel 1964. La Maitland fu una delle 132 donne che si presentarono al provino. In quel periodo era incinta di tre mesi, e il suo corpo generoso, con un seno reso più prosperoso dalla gravidanza convinsero Meyer a darle la parte della protagonista. «Quando ho visto che i suoi seni non rispondevano alla forza di gravità e rimanevano su, ho pensato: "Incassi!"», dichiarò il regista. Il film lanciò la Maitland tra le icone del cinema exploitation, ed essa sembrava avere davanti a sé una carriera fortunata.

Ma dopo aver interpretato un altro film di Meyer, Mudhoney (1965), ed essere apparsa nella parte di sé stessa nel documenatrio di Meyer Mondo Topless (in cui è presente il suo provino per Lorna), la Maitland si ritirò dal cinema.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia