Terrorismo

3.439024390219 (1025)
Inviato da gort 14/03/2009 @ 21:12

Tags : terrorismo, crisi e conflitti, esteri

ultime notizie
D'Antona: Napolitano, dovere ricordare vittime del terrorismo - ANSA
(ANSA)- ROMA, 19 MAG - E' un dovere ricordare le vittime della''cieca e crudele violenza''terrorista, come D'Antona. Lo scrive il presidente della Repubblica. A 10 anni dalla tragica scomparsa del professore, in occasione della commemorazione...
Iran accusa Washington di promuovere terrorismo - Reuters Italia
TEHERAN (Reuters) - Le autorità dell'Iran hanno accusato oggi gli Stati Uniti di promuovere il terrorismo nelle zone di confine e di impiegare armi e denaro contro lo stato islamico, nell'ultimo attacco verbale contro il Paese nemico storico di Teheran...
Sri Lanka; Presidente Rajapaksa proclama la vittoria sulle Tigri - APCom
(Ap) - Il presidente dello Sri Lanka Mahinda Rajapaksa ha proclamato oggi di fronte al Parlamento la vittoria contro i ribelli Tamil, affermando che il Paese è stato "liberato dal terrorismo" dopo una guerra civile durata 26 anni....
Mieli: la terza fase del terrorismo non è finita e può covare in ... - Il Messaggero
ROMA (19 maggio) - «Esiste una terza fase del terrorismo delle Brigate Rosse, quella degli anni '80 e '90, di cui non si è capito tutto. Questa fase non si è ancora conclusa, non sono sicuro che per come siano andate le indagini non possano aggiungersi...
Il Pdl: «Rischio terrorismo, monitorare la sinistra». Franceschini ... - Corriere della Sera
ROMA - Gli scontri tra studenti e forze dell'ordine durante il «G8 dei rettori» a Torino irrompono nel dibattito politico. I presidenti di Camera e Senato, Gianfranco Fini e Renato Schifani hanno espresso «solidarietà e vicinanza» ai diciassette...
TERRORISMO: MORATTI, IMPORTANTE RICORDO CALABRESI CONTRO VECCHIE ... - Libero-News.it
Milano, 19 mag. - (Adnkronos) - Il ricordo del commissario Luigi Calabresi non si spegne e, dopo le scritte ingiuriose su alcuni muri di Milano e in altre citta' d'Italia, interviene anche il sindaco del capoluogo lombardo, Letizia Moratti....
TERRORISMO: VEDOVA CALABRESI, SI' A LAPIDE PINELLI IN QUESTURA MILANO - Libero-News.it
Milano, 19 mag. - (Adnkronos) - "Mi sembrerebbe giusto visto che li e' morto". Cosi' Gemma Calabresi, vedova del commissario di cui oggi si celebra l'anniversario della morte, replica a chi gli chiede se sarebbe d'accordo a erigere in Questura a Milano...
IRAN: KHAMENEI, USA PROMUOVONO TERRORISMO ATTRAVERSO FRONTIERE IRAQ - Adnkronos/IGN
(Adnkronos) -Duro attacco del leader supremo iraniano, l'Ayatollah Ali Khamenei, contro gli Stati Uniti, accusati di promuovere il terrorismo contro Teheran. ''Dico con certezza che, sfortunatamente, attraverso le nostre frontiere occidentali (con...
TERRORISMO: ESPULSO E RIMPATRIATO TUNISINO RITENUTO ESTREMISTA ... - Asca
(ASCA) - Roma, 19 mag - Il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, ha disposto l'espulsione di un cittadino tunisino, ritenuto un estremista islamico, pericoloso per la sicurezza nazionale. Lo rende noto il Viminale. Il tunisino, giunto clandestinamente...
TERRORISMO: SACCONI, IMMANENTE RISCHIO MA NON CONNESSO A DISAGIO ... - Libero-News.it
(Adnkronos) - "In Italia c'e' sempre immanente un rischio, fino a che non riusciremo ad azzerare le basi culturali del terrorismo ideologico. Sono pericoli remoti, ma non del tutto debellati". A sostenerlo il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi,...

Terrorismo

Attentato terroristico in Iraq

Il terrorismo è una forma di lotta politica che consiste in una successione di azioni clamorose, violente e premeditate come attentati, omicidi, stragi, sequestri, sabotaggi, ai danni di enti quali nazioni, governi, gruppi etnici o fedi religiose. Generalmente i gruppi terroristici sono organizzazioni segrete costituite da un numero ridotto di individui: a volte i terroristi si considerano l'avanguardia di un costituendo esercito, dei guerriglieri che combattono per i diritti o i privilegi di un gruppo o pro/contro i predetti enti.

Gli atti terroristici hanno per concreto scopo principale, spesso, non tanto gli effetti diretti derivanti dai danni a persone o cose, morti e feriti inclusi, quanto quello delle loro ricadute indirette. Queste sono la modifica di linea politica dei destinatari finali delle azioni o la risonanza mediatica che le stesse azioni conseguono. Si sfruttano ad esempio i mezzi di comunicazione di massa come cassa di risonanza che, amplificando e diffondendo la notizia del gesto terroristico, richiamano attenzione, apportando eventualmente nuovi aderenti alla causa. Scopo finale delle azioni può essere una modifica, anche radicale di uno status quo, così come paradossalmente il suo mantenimento.

Per i precitati motivi alcune azioni terroristiche prendono di mira persone, monumenti, edifici o luoghi con un forte valore simbolico, positivo o negativo, molto presenti nell'immaginario popolare.

A questo punto occorre distinguere i casi in cui le azioni mirino ad un successivo coinvolgimento popolare, da quelle che non hanno alle spalle questo tipo di visione ideologica.

Se lo scopo del gruppo non è l'estensione a più larghi strati della popolazione delle motivazioni all'origine dei suoi gesti, ai fini di una successiva sollevazione popolare, questa serie di azioni scoraggia la massa dall'opporvisi, con il conseguente diffondersi di un atmosfera di intimidazione. Funzionale a questo effetto di risonanza può quindi essere anche l'efferatezza, la ferocia e l'enormità dei gesti stessi di distruzione. Sequestrare cento bambini in una scuola può essere in questo caso più efficace, ai fini della strategia del terrore, che sterminare cento militari adulti in una caserma, perché il risalto mediatico dato all'evento sarà maggiore. Per questi motivi il terrorismo propriamente detto è un fenomeno caratteristico specialmente del XX secolo, il primo periodo storico in cui l'umanità dispone di media in senso stretto.

Un movimento terroristico che ha successo e che miri al coinvolgimento di larghi strati della popolazione può effettivamente portare a una resistenza armata e/o alla costituzione di un esercito guerrigliero, nel qual caso tattica e strategia cambiano per adattarsi a uno scontro più aperto, e anche la politica del movimento subisce delle modifiche, diventando meno radicale e più concreta. Il terrorismo diventa in questo caso una forma estrema di guerra civile, mirata a risolvere con la violenza determinate tensioni presenti nella politica di una data nazione.

Gli attentati terroristici, data la loro gravità, generano una reazione da parte dell'ordine costituito altrettanto dura: nessun gruppo terroristico può sopravvivere alle sue prime azioni se non ha uno strato sociale o un'area geografica in cui nascondersi e trovare appoggi, finanziamenti, materiali, informazioni. Quindi, affinché un gruppo terroristico nasca e sopravviva, è necessario che esista uno strato di popolazione ben definito e (a ragione o a torto) profondamente scontento, tanto da non escludere il ricorso alla violenza come mezzo per far valere le proprie istanze. Parallelamente, la strategia più efficace a disposizione delle forze dell'ordine contro il terrorismo è proprio quella di staccare il movimento terroristico dal loro gruppo sociale di origine, facendo in modo che vengano rifiutati dalle stesse persone che i terroristi pensano di aiutare.

Alla strategia del terrore, i governi dal canto loro reagiscono in genere emanando leggi speciali che, in forza dell'emergenza, limitano alcuni diritti dei cittadini: la reazione governativa al terrorismo è molto spesso in senso parimenti antidemocratico. Lo furono, per esempio, le leggi speciali americane sugli interstate riots degli anni 70, contro il Black Power e il movimento delle Pantere Nere, e anche le leggi speciali varate dopo l'attentato alle Twin Towers dell'11 settembre 2001, con la creazione del campo di concentramento di Guantanamo e tutta una serie di limitazioni alla privacy degli americani. Anche le leggi italiane contro il terrorismo emanate negli anni '70 e '80 sono parzialmente contrarie alla Costituzione italiana, e furono ammesse dalla corte costituzionale solo in virtù dello stato di necessità allora vigente.

Questo comportamento dei governi può sembrare poco importante a fronte dei disastri del terrorismo, ma vale la pena di notare che Adolf Hitler, divenuto cancelliere il 31 gennaio 1933, non abrogò mai le leggi che garantivano ai tedeschi i loro diritti civili e politici, ma si limitò a sospenderle "temporaneamente", per porre fine ai disordini in cui versava la Germania. Tali leggi vennero ripristinate solo dopo la sconfitta del Terzo Reich nella seconda guerra mondiale.

In alcuni casi si introduce per legge il principio della azione repressiva preventiva che autorizza l'incarcerazione qualora vi sia il sospetto e il pericolo che sia commesso un reato, anziché a posteriori dopo che sia stato commesso materialmente il fatto ed aver recato danno a qualcuno: ciò determina uno spostamento di poteri verso l'esecutivo, il giudiziario e le forze di polizia, che possono decidere in tempi rapidi restrizioni delle libertà costituzionali "necessarie" a garantire la sicurezza, l'incarcerazione o azioni di polizia contro sospette cellule terroristiche. Quando questo cambiamento assume caratteristiche rilevanti in una società, avviene il passaggio da uno Stato di diritto ad uno Stato di polizia.

Premettendo che è molto arduo trattare un quadro storico del fenomeno, in quanto è difficile dare una definizione netta e condivisa del termine che ai suoi margini sfuma in differenti tipologie, possiamo ritenere che anche prima dell'attuale supporto mediatico, siano esistiti gruppi o singoli individui che incutevano paura e terrore per fini di predominio. Perlopiù però questi fenomeni erano inquadrati come forme di banditismo o plagio personale: mancava loro il fine sociale/ideologico, l'ambizione di incidere su una intera società. Nessuno che non fosse un re o non governasse una nazione poteva pensare di influenzare un popolo intero: i capi che emergevano durante le rivolte popolari salivano al trono come governanti essi stessi, se la rivolta aveva successo; altrimenti morivano sul patibolo e la sommossa finiva in genere soffocata nel sangue, non lasciando che nessuno potesse intraprendere gesta di sorta.

Dal 1789 al 1855, con la rivoluzione francese, abbiamo in un certo senso il primo caso di terrorismo della storia: il Terrore instauratosi durante la rivoluzione francese, ancorché fu un regime e non un piccolo movimento clandestino, mostrò per la prima volta che un popolo poteva essere influenzato da un sentimento sociale di timore diffuso, tenuto vivo da pochi uomini che lo sfruttavano per manovrare una nazione. Il secondo "contributo" fondamentale dato dalla rivoluzione francese al terrorismo fu l'aver ghigliottinato il Re, dissipando l'aura di sacralità che da sempre avvolgeva il sovrano e la nobiltà e dimostrando che un atto di violenza poteva avere risonanza e portata enormi. La svolta avvenne con l’attentato a Napoleone III nel 1855, che per la prima volta nella storia ebbe importanti ripercussioni a livello del diritto internazionale: in seguito alla fuga degli attentatori in Belgio venne approvata una legge secondo la quale gli attentati contro capi di Stato stranieri o loro familiari non sono da considerarsi reati politici e pertanto i responsabili possono essere estradati. Nello stesso periodo è apparsa sulla scena politica la Fratellanza Repubblicana Irlandese (Irish Republican Brotherhood) che ha aggiunto un nuovo elemento al terrorismo: il carattere nazionale.

Fra la fine del XIX secolo e l'inizio del XX secolo, anarchici italiani si resero protagonisti di attentati dinamitardi o di altra forma.

Nel periodo tra il 1945 e il 1989 il mondo fu caratterizzato da un ordine bipolare, a cui si uniformò anche il terrorismo, diviso ideologicamente in terrorismo di destra e di sinistra e appoggiato, sempre non ufficialmente, dall'una o dall'altra delle due grandi potenze.

Questo periodo storico e' segnato dall'attività anche terroristica di anarchici, nazionalisti e irredentisti che rivendicavano o un nuovo modello di società (anarchici) o cercavano di ottenere libertà e/o riconoscimenti per i loro popoli (uno per tutti: il serbo Gavrilo Princip, che uccise l'arciduca d'Austria, provocando lo scoppio della prima guerra mondiale).

Altri personaggi furono i francesi Ravachol, Auguste Vaillant, Émile Henry, e il polacco Leon Czolgosz, che uccise il presidente americano William McKinley all'Esposizione Universale di Buffalo nel 1901. Vanno poi sottolineati gli episodi in cui gli anarchici sono stati accusati ingiustamente di tali atti, si veda ad esempio il caso di Sacco e Vanzetti negli USA degli anni 1920.

Il nuovo secolo è iniziato con una recrudescenza a livello mondiale del terrorismo di matrice fondamentalista islamista, con i tristemente noti attentati dell'11 settembre 2001 alle Torri Gemelle di New York. La risposta degli USA è giunta con l'operazione militare in Afghanistan, avente ufficialmente quale scopo principale quello di porre sotto il proprio controllo le aree geografiche dove si suppone al-Qa'ida avesse base. Successivamente gli Stati Uniti e alcuni alleati hanno dichiarato guerra all'Iraq, che non aveva avuto alcuna relazione con al-Qa'ida ma che rappresentava l'obiettivo principale di quello che il presidente USA George W. Bush definiva l'Asse del Male.

Le due operazioni militari, pur instaurando governi di ispirazione occidentale nei paesi, non hanno portato all'eliminazione di al-Qa'ida. Molti osservatori ritengono anzi che la strategia armata statunitense abbia solo acuito il conflitto, trasformando un paese prima estraneo al terrorismo, l'Iraq, in un vero e proprio focolaio di organizzazioni guerrigliere o terroriste. Infatti, i successivi grandi attentati - Madrid (11 marzo 2004) e Londra (7 luglio 2005) - sono stati ufficialmente attribuiti all'organizzazione islamica ed hanno colpito capitali di stati partecipanti all'occupazione militare dell'Iraq.

Sia negli USA, con il Patriot Act, che in altri paesi occidentali, l'emergenza antiterroristica ha portato inoltre alla modificazione di molti aspetti legali relativi ai diritti della persona e alle possibilità di indagine.

In Italia ciò è avvenuto in particolar modo con un appesantimento delle leggi speciali varate nel periodo degli anni di piombo, con l'ampliamento dei compiti della polizia di prevenzione e con l'inasprimento della sanzione per i reati associativi e di pericolo presunto.

In Italia negli anni 2000 la preoccupazione per attentati di matrice islamista si è saldata a quella per atti di terrorismo di natura politica, anche se di dimensione enormemente più lieve. Gruppi di estrema sinistra (poi scoperte essere varie sigle facenti parte delle nuove Brigate Rosse ispirate alla componente cosiddetta della Prima Posizione) hanno compiuto due assassini - Massimo D'Antona (Roma 1999) e Biagi (Bologna 2003), entrambi consulenti del Ministero del lavoro - ed altre azioni dimostrative quali bombe inesplose, o esplose in luoghi deserti e poi rivendicate. L'organizzazione è stata comunque smantellata dagli inquirenti tra il marzo 2003 (con l'arresto di Nadia Desdemona Lioce) e il novembre 2003 quando anche gli altri appartenenti alla banda armata, priva di qualunque continuità operativa e di prospettiva strategica, sono stati arrestati. Si sono inoltre registrati alcuni attentati con pacchi bomba confezionati artigianalmente a istituzioni e caserme, attribuiti dagli inquirenti al terrorismo di matrice anarco-insurrezionalista. Da quanto emerge dal Rapporto 2006 di Europol sul terrorismo, presentato al Parlamento europeo, nel 2006 in Italia ci sono stati 11 attacchi terroristici, rivendicati da gruppi anarchici di matrice rossa e nera.

Nell'insieme la recrudescenza di questi fenomeni, nonostante il richiamo alle precedenti forme di lotta armata verificatasi in Italia negli anni 1970, non ha comportato quel pericolo per la stabilità dell'ordinamento democratico e costituzionale dello Stato che l'emergenza è volta a contrastare, né ha mostrato di ottenere credito e seguito a livello sociale.

Per la parte superiore



Guerra al terrorismo

Il World Trade Center, uno dei tre siti degli attentati dell'11 settembre 2001

L'espressione Guerra al terrorismo è stata usata dal Presidente americano George W. Bush all'indomani dell'attacco terroristico alle torri gemelle di New York dell'11 settembre 2001, percepito dalla maggioranza dei cittadini americani come una aggressione alla loro nazione, al pari, se non più grave, di quella di Pearl Harbor nel 1941 ad opera dei giapponesi. Quest'ultima, infatti, fu portata contro basi militari americane situate al di fuori del territorio americano, mentre la prima ha invece colpito direttamente sul suolo americano degli obiettivi civili, con la sola eccezione di quella verso il Pentagono.

L'entità delle conseguenze dell'attacco terroristico, diverse migliaia di morti e la distruzione completa dei due grattacieli (più un palazzo di minore altezza), hanno spinto Bush a dare seguito alle teorie elaborate a suo tempo nel documento "A New American Century": vero e proprio programma degli elementi conservatori che sono indicati dai media di tutto il mondo come "neo-cons" (nuovi conservatori). Lo scopo espresso dal Presidente era ufficialmente quello di esportare la democrazia nel mondo intero con il ricorso non episodico anche alla guerra (considerata l'unica arma contro il fenomeno terrorista), come gli interventi in Afghanistan e in Iraq avrebbero dimostrato, affiancato in quest'opera da Israele con l'avvio della secondo conflitto col Libano del 2006 che mirava ad abbattere la potenza del partito fondamentalista sciita dell'Hezbollah ( Hizb Allāh ). Nel suo discorso tenuto sul luogo dell'attentato, pochi giorni dopo la tragedia, lo stesso Presidente statunitense annunciava una lunga e difficile "guerra" al terrorismo internazionale che si sarebbe dovuta combattere per almeno 30 anni.

Le due invasioni sopracitate hanno avuto scenari diversi, in quanto l'Afghanistan era noto quale paese ospitante le basi di al-Qā‘ida, considerata responsabile, secondo la CIA, degli attacchi suicidi sul suolo americano; dunque con una responsabilità indiretta dell'attacco stesso.

Del tutto diverso invece lo scenario per l'attacco all'Iraq. L'Amministrazione americana all'epoca espresse la propria idea di poter perseguire i suoi nemici armati anche attraverso una guerra preventiva. In altre parole una trasposizione sul piano del diritto internazionale del principio militare secondo cui "la miglior difesa è l'attacco".

Secondo le teorie sopracitate della nuova destra americana, il terrorismo troverebbe riparo e finanziatori occulti soprattutto nei paesi ove manca una democrazia compiuta. Alcuni Stati vicino e medio-orientali avrebbero tollerato non solo la presenza di noti terroristi sul loro suolo ma spesso ne avrebbero appoggiato più o meno apertamente le rivendicazioni.

Se la cosa può essere comprovata in qualche modo per l'Afghanistan, ciò non è peraltro dimostrabile per l'Iraq che, nel settembre 2006, gli stessi USA hanno dovuto riconoscere essere stato completamente estraneo al terrorismo internazionale nel corso della pur sanguinosa presidenza di Saddam Hussein. La scelta di attaccare l'Iraq piuttosto che l'Iran o la Siria, altri "paesi canaglia", indicati quali contigui se non proprio sostenitori del terrorismo, è stata operata quindi su supposizioni e informazioni della CIA, dimostratesi poi assolutamente infondate, così come le informazioni relative alla presenza in Iraq di armi di distruzione di massa. Pur radicalmente delegittimato, l'intervento statunitense e dei suoi alleati britannici è stato però immediatamente definito come un lodevole sforzo per rendere in ogni caso il mondo intero migliore, anche a costo di ridiscutere alcuni articoli delle Convenzioni di Ginevra al fine di poter giustificare la detenzione preventiva e senza diritto di difesa dei presunti terroristi detenuti in carceri speciali, come quello nella base di Guantanamo a Cuba. Del pari gli USA ed i loro alleati hanno reclamato la legittimità della loro azione di prelevamento clandestino di sospetti terroristi, con la complicità più o meno diretta dei Paesi in cui questi ultimi risiedevano.

Varie organizzazioni di militanti, guidate da al-Qaeda, effettuarono attacchi agli Stati Uniti e agli alleati durante gli ultimi anni del ventesimo secolo. Il primo attacco avvenne nel 1993, con l'attentato al World Trade Center.

Negli attacchi successivi vennero colpiti altri obiettivi: nel 1996 le Khobar Towers in Arabia Saudita, nel 1998 l'ambasciata statunitense in Tanzania e in Kenya. Il 23 febbraio dello stesso anno il Fronte Islamico Mondiale diffuse un documento intitolato "Jihad contro i Giudei e i Crociati" dove venivano descritte le azioni americane come contrarie all'"ordine di Allah".

Al-Qaeda, guidata da Osama Bin Laden, un fondamentalista islamico, formò una grande base di operazioni in Afghanistan, che era governato dal regime islamico estremista dei Talebani fin dal 1996.

A seguito degli attacchi in Kenya e Tanzania, il Presidente Bill Clinton lanciò l'Operazione Infinite Reach, una campagna in Sudan e in Afghanistan contro bersagli che erano stati identificati dagli Stati Uniti come alleati di al-Qaeda.

L'operazione non riuscì ad eliminare i leader di al-Qaeda o gli alleati Talebani.

Nel 2000 venne tentato un attacco all'Aeroporto internazionale di Los Angeles e nell'ottobre dello stesso anno venne compiuto un attentato alla USS Cole. L'anno successivo venne segnato dagli attentati dell'11 settembre.

L'enorme portata degli attacchi del 2001 (al World Trade Center di New York, al Pentagono e al Volo United Airlines 93) provocò la risposta statunitense, con l'invasione dell'Afghanistan nell'Operazione Enduring Freedom e il rovesciamento del regime Talebano in quel paese.

Nel 2001 il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite adottò la risoluzione 1373, che obbligava tutti gli stati a criminalizzare l'assistenza alle attività terroristiche, negare il supporto finanziario e la protezione ai terroristi. Inoltre veniva imposta la condivisione delle informazioni sui gruppi organizzati terroristici. Nel 2005 il Consiglio di Sicurezza approvò la risoluzione 1624, che riguardava l'istigazione al terrorismo e l'obbligo di aderire alle leggi internazionali sui diritti umani. Anche se le due risoluzioni richiedono obbligatoriamente alle nazioni un rapporto annuale sulle attività antiterroristiche, gli Stati Uniti e Israele si sono rifiutati di inviare questi rapporti.

Bush non disse quando lo scopo della guerra al terrorismo sarebbe stato raggiunto (in precedenza, dopo essere sceso dall'elicottero presidenziale domenica 16 settembre 2001, Bush commentò: "Questa crociata, questa guerra al terrorismo durerà molto". Successivamente l'ex presidente si scusò per queste parole a causa della connotazione negativa della parola "crociata" nelle persone di fede islamica).

Probabilmente, con il cambiamento di strategia dell'amministrazione Obama, la frase-slogan di "Guerra al terrore", cadrà in disuso, anche perché legata ai fallimenti del predecessore.

In questa regione è stata estesa l'Operazione Enduring Freedom, con il nome di "OEF-HOA" (Operation Enduring Freedom - Horn Of Africa). A differenza delle altre operazioni, la OEF-HOA non ha come obiettivo una organizzazione specifica.

La OEF-HOA focalizza gli sforzi per neutralizzare e rilevare le attività dei militanti nella regione e per collaborare con i governi volenterosi per prevenire l'insorgenza di celle militanti e relative attività.

Nell'ottobre 2002, la "Combined Joint Task Force - Horn of Africa" (CJTF-HOA) venne stabilita nel Gibuti e contiene circa 2 000 effettivi, tra cui militari statunitensi, forze speciali e membri della forza di coalizione "Combined Task Force 150".

La Task Force 150 è costituita da navi appartenenti a varie nazioni, tra cui Australia, Canada, Francia, , Italia, Paesi Bassi, Pakistan, Nuova Zelanda, Spagna, Regno Unito. L'obiettivo primario consiste nel monitorare, ispezionare, abbordare e fermare convogli sospetti in ingresso al Corno d'Africa.

In questa operazione sono state addestrate unità selezionate proveniente dalle forze armate del Gibuti, del Kenya e dell'Etiopia per apprendere tattiche di anti-terrorismo e anti-insurrezione. Tra le attività umanitarie condotte dalla CJTF-HOA sono comprese la ricostruzione di scuole e di cliniche mediche, oltre alla somministrazione di servizi sanitari alle nazioni da cui provengono le forze militari addestrate.

Il programma fa parte dell'iniziativa anti-terroristica trans-sahariana (Trans-Saharan Counter Terrorism Initiative), poichè il personale CJTF assiste anche l'addestramento delle forze armate di Ciad, Niger, Mauritania e Mali. Tuttavia, la guerra al terrore non include il Sudan, dove oltre 400 000 persone hanno perso la vita a causa di terrorismo sponsorizzato dallo stato stesso.

Il 1 luglio 2006 un messaggio divulgato su Internet, attribuito ad Osama bin Laden, esortava la Somalia a costituire uno stato islamico e avvertiva i governi occidentali che al-Quaeda avrebbe reagito se fossero intervenuti in quel paese.

La Somalia è stata considerata uno "stato fallito" a causa della debolezza del governo centrale, del dominio dei signori della guerra e dall'incapacità di esercitare un controllo efficace sul territorio. A partire da metà 2006, l'Unione delle Corti Islamiche, una fazione islamista, iniziò ad effettuare una campagna per ripristinare "la legge e l'ordine" attraverso la Shari'a e prese rapidamente il controllo della maggior parte della parte meridionale della nazione.

Il 4 dicembre 2006 l'assistente al Segretario di Stato statunitense Jendayi Frazer affermò che operativi appartenenti a cellule di al-Quaeda stavano controllando l'Unione delle Corti Islamiche. Quest'ultima negò l'affermazione.

Nel tardo 2006 il Governo Federale di Transizione somalo, appoggiato dalle Nazioni Unite, vide il suo potere limitato solo a Baidoa, mentre l'Unione delle Corti Islamiche controllava la maggior parte del sud del paese, tra cui la capitale Mogadiscio. Il 20 dicembre le Corti Islamiche lanciarono un offensiva alla roccaforte governativa di Baidoa e l'Etiopia dovette intervenire a favore del governo.

Il 26 dicembre le Corti Islamiche effettuarono una ritirata tattica verso Mogadiscio, prima di ritirarsi nuovamente a causa dell'avanzare delle truppe etiopi. Le forze dell'Unione delle Corti Islamiche abbandonarono Mogadiscio senza opporre resistenza e fuggirono a Kismayo, dove combatterono le forze etiopi nella Battaglia di Jilib.

Il Primo Ministro della Somalia affermò che tre sospetti terroristi, responsabili dell'attacco all'ambasciata statunitense del 1998, stavano ottenendo protezione a Kismayo. Il 30 dicembre, il membro di al-Quaeda Ayman al-Zawahiri chiamò i musulmani di tutto il mondo a combattere l'Etiopia e il governo transitorio somalo.

L'8 gennaio 2007 gli Stati Uniti combatterono contro i militanti nella Battaglia di Ras Kamboni, impiegando AC-130.

A partire dall'ottobre 2001, la NATO ha lanciato una operazione navale chiamata Operation Active Endeavour, in risposta agli attacchi dell'11 settembre. Lo scopo dell'operazione consiste nel patturagliare il Mar Mediterraneo per prevenire il movimento di terroristi o di armi di distruzione di massa e incrementare la sicurezza delle navi. L'operazione ha anche aiutato la Grecia a prevenire l'immigrazione illegale.

Fin dal 1990, l'Iraq è stato considerato dagli Stati Uniti come uno stato sponsor del terrorismo, e dopo la Guerra del Golfo le due nazioni mantennero scarsi rapporti. Il regime di Saddam Hussein costituì diverse volte un problema per la Nazioni Unite e per le nazioni confinanti per la violazione delle risoluzioni ONU e per il supporto del terrorismo contro Israele e altre nazioni.

Dopo la Guerra del Golfo del 1991, gli Stati Uniti, la Francia e La Gran Bretagna iniziarono a pattugliare le no-fly zone irachene (zone interdette al volo) per proteggere la minoranza curda presente nella regione settentrionale e la popolazione Sciita nella regione meridionale, che avevano subito attacchi da parte del regime prima e dopo la Guerra del Golfo.

Durante gli anni '90 le tensioni tra Stati Uniti e Iraq furono molto sostenute, con il lancio dell'Operazione Desert Fox nel 1998 da parte degli Stati Uniti dopo il rifiuto di "cooperazione incondizionata" da parte dell'Iraq nell'ispezione delle armi. Dopo l'operazione, l'Iraq annunciò che non avrebbe più rispettato le no-fly zone e riprese le attività anti-aeree contro i velivoli alleati.

Gli attacchi aerei effettuati dal Regno unito e dagli Stati Uniti contro l'anti-aerea irachena e altri bersagli militari continuarono negli anni successivi. Nello stesso anno, il Presidente Clinton firmò l'"Iraq Liberation Act", che esortava un cambiamento del regime nel paese a causa del possesso di armi di distruzione di massa da parte di Saddam Hussein, dell'oppressione dei cittadini e dell'attacco alle altre nazioni medio-orientali.

Dopo gli attentati dell'11 settembre, il governo statunitense affermò che l'Iraq era una minaccia poiché avrebbe potuto utilizzare armi di distruzione di massa ed aiutare gruppi terroristici.

L'amministrazione di George W. Bush esortò il Consiglio di sicurezza ONU per emettere una risoluzione e per inviare ispettori in Iraq in modo da verificare la presenza di armi di distruzione di massa. La risoluzione 1441 venne approvata unanimemente ed offriva all'Iraq "un'opportunità finale per adempiere al suo obbligo di disarmarsi" o affrontare "serie conseguenze".

La risoluzione 1441 non autorizzava l'uso della forza da parte degli stati membro, quindi essa non aveva effetto sul divieto di utilizzo della forza dagli stati membro contro altri stati membro. Saddam Hussein successivamente permise agli ispettori ONU di accedere ai siti iracheni, mentre il governo statunitense continuò ad affermare che l'Iraq era ostruzionista.

Nell'ottobre 2002, una vasta maggioranza bipartisan nel congresso statunitense autorizzò il presidente ad utilizzare la forza per disarmare l'Iraq per "proseguire la guerra al terrorismo". Dopo non essere riusciti a convincere la Francia, la Russia e la Cina e prima che gli ispettori ONU avessero completato le ispezioni, gli Stati Uniti assemblarono una "Coalizione di volenterosi", composta dalle nazioni che avevano accordato il loro supporto alla decisione di rovesciare il regime iracheno.

Il 20 marzo 2003 venne lanciata l'invasione dell'Iraq. Il regime venne velocemente rovesciato il 1 maggio e George W. Bush affermò che le principali operazioni di combattimento in Iraq erano terminate. Tuttavia, si formò una insurrezione contro la coalizione guidata dagli Stati Uniti, il nuovo governo iracheno e le nuove forze di sicurezza irachene. Dopo la fase principale dell'invasione vennero riprese le ricerche delle armi di distruzione di massa irachene, ma ben presto fu chiaro che non erano presenti.

L'insurrezione era guidata da fuggitivi del partito Ba'th di Saddam Hussein, che comprendeva nazionalisti ed islamisti violenti, che affermavano di combattere una guerra religiosa per ristabilire il califfato islamico arabo.

Dopo mesi di violenze brutali contro i civili iracheni da parte di gruppi terroristici Sciiti e Sunniti e di milizie varie - tra cui al-Qaeda - nel gennaio 2007 il Presidente Bush presentò una nuova strategia per l'Operazione Iraqi Freedom, basata su teorie e tattiche anti-insurrezionalistiche sviluppate dal generale David Petraeus. Come parte della nuova strategia, venne deciso l'aumento del numero delle truppe, che diminuì notevolmente le violenze fino all'80%.

Nel luglio 2006, a seguito dell'uccisione di tre soldati israeliani e la cattura di altri due soldati da parte degli Hezbollah, Israele invase il Libano meridionale, con lo scopo di distruggere gli Hezbollah. Il conflitto durò più di un mese e causò la morte di un numero imprecisato di libanesi, compreso tra 845 e 1300 e 163 israeliani (119 militari e 44 civili), con migliaia di feriti di entrambe le parti.

Sia il governo libanese (tra cui gli Hezbollah) e il governo israeliano ottemperarono i termini della risoluzione 1701 del Consiglio di sicurezza ONU, che riguardava la cessazione delle ostilità a parire dal 14 agosto 2006 alle ore 05:00. Mentre il conflitto venne in precedenza associato con le antiche ostilità Arabo-Israeliane, Israele dichiarò che stava combattendo una guerra contro il terrore, e anche il governo statunitense affermò che il conflitto era un fronte nella "guerra al terrore", dichiarazione ripresa dal Presidente Bush il giorno della cessazione delle ostilità.

Il 20 maggio 2007 iniziò un conflitto nella parte settentrionale del libano tra Fatah al-Islam, una organizzazione militante islamista e le forze armate libanesi a Nahr al-Bared, un campo profughi palestinese nei pressi di Tripoli. Il conflitto evolvette principalmente attorno all'assedio di Nahr el-Bared, ma scontri minori avvennero anche nel campo profughi di Ain al-Hilweh nel Libano meridionale e si verificarono diversi attentati terroristici all'interno e nei pressi della capitale Beirut.

Il gruppo Fatah al-Islam è stato descritto come un'organizzazione terroristica jihadista che si ispira ad al-Qaeda. Gli Stati Uniti fornirono appoggio militare al Libano durante il conflitto. Il 7 settembre le forze libanesi catturarono il campo e dichiararono la vittoria.

Nel maggio 2008 la crisi politica, che perdurava da 17 mesi, divenne fuori controllo. Nuovi combattenti dai movimenti sciiti degli Hezbollah e Amal, si scontrarono con altre milizie filo-governative sunnite, tra cui il Partito Movimento Futuro in diverse aree della capitale.

Il governo venne appoggiato dagli Stati Uniti, mentre i militanti sciiti vennero armati e finanziati dalla Siria e dall'Iran. Il 21 maggio 2008 venne raggiunto un accordo per terminare la faida politica che rischiò di trascinare il paese in una nuova guerra civile.

Il conflitto tra Fatah e Hamas iniziò nel 2006 e continuò, sotto diverse forme, fino a metà del 2007. Questa ostilità tra le due principali fazioni palestinesi ha avuto lo scopo di assumere il controllo politico dei territori palestinesi.

La maggior parte dei combattimenti avvenne nella Striscia di Gaza, che cadde sotto il controllo di Hamas nel giugno 2007. Fatah era appoggiata dagli Stati Uniti, mentre Hamas era considerata un'organizzazione terroristica dagli stessi Stati Uniti, dalle Nazioni Unite e dall'Unione Europea. Ciononostante, Hamas vinse le prime elezioni libere e democratiche tenute nei territori palestinesi.

A seguito dal controllo della Striscia di Gaza da parte di Hamas, preso a seguito della violenta Battaglia di Gaza, Israele impose un embargo al territorio. Hamas iniziò una serie di attacchi con razzi che colpirono la regione meridionale di Israele. Questi attacchi culminarono a dicembre 2008, quando gli attacchi si intensificarono e Israele rispose con pesanti attacchi aerei il 27 dicembre 2008. Almeno 225 palestinesi persero la vita il primo giorno dell'attacco israeliano. Dopo una settimana di attacchi aerei le truppe israeliane iniziarono le operazioni di terra ed attaccarono la striscia di Gaza il 4 gennaio 2009. Questo attacco tagliò Gaza in tre parti e il 18 gennaio 1 330 palestinesi (940 civili) e 13 israeliani (10 soldati) erano stati uccisi. Per alcuni il conflitto è stato considerato, analogamente al conflitto in Libano del 2006, come una guerra di prossimità tra gli alleati occidentali di Israele e l'Iran.

In India si è assistito ad una decisa crescita del terrorismo di matrice islamica durante gli anni '80 e il 21° secolo. Il recente aumento di attività di gruppi terroristi legati al Pakistan e alla regione del Kashmir, come Lashkar-e-Toiba, Jaish-e-Mohammed e Hizbul Mujahideen hanno creato gravi problemi alla nazione.

Dopo l'attacco del parlamento indiano del 2001, le tensioni tra India e Pakistan aumentarono a seguito delle accuse indiane al Pakistan per non aver preso misure sufficienti per contenere i gruppi terroristici anti-indiani. Di conseguenza in un massiccio spiegamento di truppe tra il 2001 e il 2002 tra India e Pakistan lungo il confine internazionale tra le due nazioni e aumentando le paure internazionali di una guerra nucleare.

La diplomazia internazionale permise di ridurre le tensioni tra le due potenze nucleari. Il Pakistan venne accusato anche di essere a favore dell'attacco terroristico alla ambasciata indiana a Kabul del 2008.

I rivoltosi nella regione del Kashmir che avevano iniziato a creare un movimento indipendentista, cambiarono radicalmente l'ideologia ponendosi obiettivi di tipo religioso.

L'agenzia di intelligence indiana "Research and Analysis Wing" rilevò una connessione tra i gruppi terroristici islamici basati in Afghanistan e i ribelli del Kashmir. Anche al-Qaeda supportò ideologicamente e finanziariamente il terrorismo nel Kashmir, e Osama bin Laden chiese costantemente di scatenare una jihad contro l'India. I gruppi fondamentalisti islamici fecero propaganda in molte nazioni contro l'India con affermazioni retoriche su "idolatri e Indù" che "occupano il Kashmir".

Il governo e le forze armate indiane hanno preso numerose misure anti-terrorismo per contrastare l'ascesa di cellule di miliziani nella nazione. Alcune misure sono state criticate dai gruppi che difendono i diritti umani per essere troppo draconiane, in particolar modo nel Kashmir.

Tuttavia, l'aumento dei controlli da parte delle forze di sicurezza indiane ha avuto un impatto positivo nel numero degli attacchi terroristici, che sono diminuiti nel 2007. India è considerata uno dei principali alleati nella guerra al terrorismo ed ha collaborato strettamente alle attività anti-terroristiche con diverse nazioni, tra cui gli Stati Uniti, il Giappone, la Cina, l'Australia, Israele, il Regno Unito e la Russia.

L'India è stata criticata nelle operazioni a Jammu e nel Kashmir, una dura risposta militare nella quale 40 persone, per la maggior parte civili disarmati che stavano protestando, vennero uccisi dalle forze armate indiane.

Nell'ottobre 2001, poco dopo gli attentati dell'11 settembre negli Stati Uniti, le forze statunitensi e britanniche (assieme ad altri alleati) invasero l'Afghanistan per neutralizzare le forze di al-Qaeda e rovesciare il regime dei Talebani che controllava il paese ed offriva protezione a Osama bin Laden.

Il 20 settembre 2001, il Presidente George W. Bush comunicò al regime talebano un ultimatum per consegnare Osama bin Laden e i leader di al-Qaeda presenti nel paese. I talebani richiesero delle prove sul collegamento tra bin Laden agli attentati e, se tali prove potevano garantire un processo, essi offrivano di gestire il medesimo in una Corte Islamica.

Il 7 ottobre 2001 iniziò ufficialmente l'invasione delle forze statunitensi e britanniche, che condussero bombardamenti aerei prima di iniziare la campagna terrestre.

La conduzione della guerra in Afghanistan fu un obiettivo a priorità inferiore per il governo statunitense rispetto alla guerra in Iraq. L'ammiraglio Mike Mullen, affermò che mentre la situazione in Afghanistan era "precaria e urgente", le 10 000 truppe aggiuntive necessarie non sarebbero state disponibili "in maniera significativa" fino al ritiro delle truppe dall'Iraq.

Zayn al-Abidn Muhammed Hasayn Abu Zubaydah, di origini saudite, fu arrestato da personale pachistano durante la settimana del 23 marzo 2002 durante delle operazioni congiunte di Stati Uniti e Pakistan.

Zubaydah venne accusato di appartenere ad al-Qaeda e di ricoprire un'alta carica all'interno dell'organizzazione, con il titolo di capo operazioni e con l'incarico di gestire i campi di addestramento di al-Qaeda.

Il 14 settembre dello stesso anno, venne arrestato in Pakistan Ramzi Binalshibh, dopo uno scontro a fuoco di tre ore con le forze di polizia. Binalshibh condivideva la camera con Mohammad Atta ad Amburgo, in Germania e fu un finanziatore delle operazioni di al-Qaeda. È stato ipotizzato che dovesse essere un altro dirottatore, tuttavia, il dipartimento di immigrazione statunitense rifiutò il suo visto tre volte. Il flusso di denaro trasferito da Binalshibh dalla Germania agli Stati Uniti lo collega sia a Mohammad Atta che a Zacarias Moussaoui.

Il 1 marzo 2003 venne arrestato Khalid Shaikh Mohammed durante un raid organizzato dalla CIA nei pressi di Rawalpindi, a 14 km di distanza dalla capitale Pakistana di Islamabad. Mohammed era, al momento della cattura, il terzo ufficiale di grado più elevato all'interno di al-Qaeda e fu direttamente incaricato di pianificare gli attentati dell'11 settembre.

Mohammed era sfuggito alla cattura nella settimana precedente, ma il governo pakistano riuscì ad utilizzare le informazioni provenienti da altri sospetti catturati per localizzarlo. Nel 1996 fu accusato dagli Stati Uniti anche per un suo collegamento ad Oplan Bojinka, un piano per compiere attentati su una serie di aerei civili statunitensi.

Mohammed venne accusato di essere collegato ad altri eventi criminosi come: l'ordine di uccidere il reporter del Wall Street Journal Daniel Pearl, l'attentato allo USS Cole, il tentativo di Richard Reid di far esplodere un aereo civile con dell'esplosivo posto all'interno di una scarpa e l'attacco terroristico alla sinagoga di El Ghriba a Djerba, in Tunisia. Khalid Shaikh Mohammed si è dichiarato a capo del comitato militare di al-Qaeda.

Nel 2006 il Pakistan venne accusato dai comandanti della NATO di aiutare e supportare i Talebani in Afghanistan, ma successivamente la stessa NATO ammise di non possedere prove certe contro il governo pakistano.

Nel 2007 emerse tuttavia degli indizi dell'esistenza di taglie fino a 1 900 CDN$ per ogni membro della NATO ucciso.

Il governo Afghano inoltre accusò l'ISI di aiutare i militanti, tra cui la protezione del comandante anziano talebano Mullah Dadullah. L'accusa venne negata dal governo Pakistano. Nel frattempo l'India continuò ad accusare l'ISI pakistano di pianificare diversi attacchi terroristici nella regione del Kashmir e nel resto della repubblica indiana, tra cui l'attentati ai treni a Mumbai dell'11 luglio 2006, che invece sono considerati dal Pakistan come attacchi compiuti da gruppi terroristici locali.

Altre nazioni come l'Afghanistan e il Regno Unito hanno accusato il Pakistan di sponsorizzare e finanziare il terrorismo. Con l'impegno militare statunitense in Pakistan e nel vicino Afghanistan sono aumentati enormemente gli aiuti militari. Nei tre anni precedenti agli attacchi dell'11 settembre, il Pakistan ha ricevuto circa 9 milioni di dollari in aiuti militari da parte degli Stati Uniti. Nei tre anni successivi gli aiuti sono aumentati a 4,2 miliardi di dollari, rendendo il Pakistan il paese beneficiario della maggiore quantità di fondi.

Un tale flusso di denaro ha alimentato preoccupazioni riguardanti le relative garanzie, poichè l'impiego non è documentato e potrebbe essere dedicato alla soppressione dei diritti umani della popolazione civile e all'acquisto di armi per controllare problemi locali come la rivolta nel Balochistan. Il Pakistan ha accusato l'India di sostenere i gruppi terroristici all'interno del Balochistan per creare disordini all'interno della nazione.

Nel 2004 l'esercito pakistano lanciò una campagna nelle Aree tribali di Amministrazione Federale della regione del Waziristan, inviando 80 000 truppe. L'obiettivo era la rimozione delle forze talebane e di al-Qaeda dalla regione.

Dopo la caduta del regime talebano molti membri della resistenza fuggirono nella regione settentrionale di confine con il Pakistan, dove l'esercito pakistano non esercitava uno stretto controllo. Con la logistica e il supporto aereo statunitense, l'esercito pakistano catturò o uccise numerosi membri di al-Qaeda come Khalid Shaikh Mohammed, ricercato per il suo coinvolgimento nell'attentato allo USS Cole, nel progetto Oplan Bojinka e nell'assassinio del giornalista Daniel Pearl.

Nel 2002 e nel 2005 l'isola Indonesiana di Bali venne colpita da attentati suicidi e autobombe che uccisero più di 200 persone e ne ferirono più di 300. L'attentato del 2002 era stato compiuto tramite una bomba nascosta in uno zaino all'interno di un bar, un'autobomba telecomandata posta di fronte al "Sari Club" e una terza bomba di fronte al consolato statunitense.

Nell'attentato del 2005 una persona si fece esplodere a Jimbaran e un'altra persona nella piazza principale di Kuta. Il gruppo Jemaah Islamiyah è stato sospettato dalle autorità.

Il 9 settembre 2004 un'autobomba esplose nei pressi dell'ambasciata Australiana a Giakarta, uccidendo 10 indonesiani e ferendone altri 140. Il ministro degli esteri Alexander Downer riferì che venne inviato alle autorità indonesiane un messaggio SMS minacciando l'attentato se non fosse stato rilasciato Abu Bakar Bashir, detenuto in prigione.

Abu Bakar Basyir era imprigionato con l'accusa di tradimento per il suo supporto agli attentati di Bali del 2002 e del 2005.

Nel gennaio 2002 il Comando Operazioni Speciali degli Stati Uniti del Pacifico dispiegò nelle Filippine delle forze armate per supportare ed assistere le forze armate delle Filippine nelle operazioni anti-terrorismo. Le operazioni si concentrarono principalmente sulla neutralizzazione del gruppo Abu Sayyaf e Jemaah Islamiyah, che erano arroccati sull'isola di Basilan.

L'esercito statunitense riferì di aver neutralizzato oltre l'80% dei membri del gruppo Abu Sayyaf dalla regione. La seconda fase dell'operazione era costituita da un programma umanitario per portare cure mediche e servizi vari nella regione di Basilan, in modo da prevenire una futura insorgenza dei gruppi terroristici.

Il Congresso stanziò 40 miliardi di dollari per l'emergenza terrorismo, con altri 20 miliardi di dollari aggiuntivi per l'industria del trasporto aereo.

Il dipartimento della giustizia lanciò una procedura di registrazione speciale per alcune persone di sesso maschile che non possedevano la cittadinanza statunitense. La registrazione, di persona, era effettuata negli uffici dell'Immigration and Naturalization Service.

Oltre agli sforzi militari all'estero, dopo gli attentati dell'11 settembre l'amministrazione Bush aumentò gli sforzi interni per prevenire futuri attentati. Venne creata una nuova agenzia di sicurezza chiamata "United States Department of Homeland Security" per guidare e coordinare le attività anti-terroristiche federali.

Il "Patriot Act" rimosse alcune restrizioni legali nella condivisione delle informazioni tra agenzie federali e servizi di intelligente e permise l'investigazione su sospetti terroristi. Il programma di tracciamento finanziario permise di monitorare i movimenti delle risorse finanziarie dei gruppi terroristici (questo programma venne sospeso dopo essere stato rivelato del giornale New York Times). Il programma di sorveglianza elettronico dell'NSA permise di studiare le telecomunicazioni di terroristi e sospetti tali.

Alcuni gruppi hanno accusato queste leggi di rimuovere restrizioni importanti alle autorità governative, e di costituire una pericolosa invasione delle libertà civili, delle possibili violazioni costituzionali del IV emendamento. Il 30 luglio 2003 l'ACLU iniziò la prima battaglia legale contro la sezione 215 del Patriot Act, affermando che permetteva all'FBI di violare i diritti del primo e del quarto emendamento e il diritto ad un processo, permettendo di compiere investigazioni senza avvertire il sospettato dell'investigazione stessa.

In un discorse del 9 giugno 2005 Bush affermò che il Patriot Act era stato impiegato per muovere accuse a più di 400 sospetti, di cui più della metà è stato incriminato. Contemporaneamente l'American Civil Liberties Union (ACLU) citò i dati del dipartimento di giustizia che mostravano circa 7 000 abusi del Patriot Act.

Il DARPA iniziò nel 2002 la creazione del programma Total Information Awareness, progettato per fornire tecnologie dell'informazione anti-terroristiche. Il programma, che venne aspramente criticato, venne affossato dal Congresso.

Vari uffici governativi che gestivano funzioni militari e di sicurezza vennero riorganizzati. In particolare, il Department of Homeland Security venne creato per coordinare la sicurezza interna nella più grande riorganizzazione interna del governo federale dal consolidamento delle forze armate nel Dipartimento della Difesa.

Dopo l'11 settembre, venne creato segretamente l'Office of Strategic Influence per coordinare operazioni di propaganda, ma venne chiuso subito dopo essere stato scoperto. L'amministrazione Bush implementò il piano chiamato "Continuity of Operations Plan" per assicurare il proseguimento delle attività governative anche in circostanze catastrofiche.

L'attentato terroristico più grave nel Regno Unito, il cosiddetto Disastro di Lockerbie è avvenuto nel 1988 su un volo Pan Am partito dall'Aeroporto di Londra-Heathrow con destinazione negli Stati Uniti. Persero la vita 200 cittadini britannici e statunitensi.

Il 7 luglio 2005 diversi terroristi giunsero a Londra e fecero esplodere diversi ordigni nel sistema della Metropolitana londinese uccidendo 57 persone. I terroristi lasciarono un video dove si minacciava il governo britannico e i cittadini che sarebbero seguiti altri attentati.

Esattamente due settimane dopo, il 21 luglio, altri terroristi islamici giunsero a Londra, tentando di far esplodere altre bombe nella metropolitana. Dal mese di luglio 2005 vennero tentati altri attentati, ma i servizi di sicurezza ed intelligence li fermarono.

Nell'agosto 2006 venne sventato dall'intelligence statunitense e britannica un grande piano per colpire diversi aerei civili che volavano da vari aeroporti britannici verso gli Stati Uniti. Se avessero avuto successo avrebbero potuto causare un elevato numero di vittime.

Diverse persone vennero arrestate in varie città nel Regno Unito. Questo piano causò un deciso incremento nella sicurezza aeroportuale in Europa e negli Stati Uniti. Le nuove regole includono il divieto di trasportare liquidi nel bagaglio a mano, tranne in piccole quantità. I contenitori di liquido ammessi devono inoltre essere trasportati in un sacchetto di plastica trasparente.

Canary Wharf, a Londra, è uno dei distretti finanziari più grandi del mondo ed è considerato da Scotland Yard come un bersaglio potenziale.

Nel luglio 2007, appena dopo le dimissioni dell'ex Primo Ministro Tony Blair e l'ascesa di Gordon Brown, il Regno Unito era in una situazione di emergenza a causa delle inondazioni. I terroristi si spostarono a Glasgow, in Scozia e guidarono una piccola jeep carica di contenitori di gas nell'ingresso del terminal principale dell'Aeroporto di Glasgow e la incendiarono. Uno dei terroristi portava legato al corpo una bomba, e venne immobilizzato e fermato dalla polizia. Successivamente perse la vita in ospedale a causa delle gravi ustioni provocate dall'incendio dell'automezzo. Gli altri terroristi vennero condannati all'ergastolo dopo essere stati giudicati nel Regno Unito. Nessun civile venne ferito dall'attacco, anche se provocò panico di massa.

A seguito degli attentati dell'11 settembre il governo degli Stati Uniti aumentò gli aiuti militari in Colombia. Nel 2003 vennero spesi 98 milioni di dollari per l'addestramento e l'equipaggiamento dell'esercito colombiano.

Questi aiuti erano destinati alla lotta del governo colombiano contro il gruppo di ribelli delle FARC, che è considerato terroristico dal governo statunitense. È stato ipotizzato un collegamento tra i militanti delle FARC e i cartelli della droga nel sudamericani.

Il 12 settembre 2001, a meno di 24 ore dagli attacchi terroristici a New York e Washington, la NATO invocò l'articolo 5 del Trattato Nord Atlantico e dichiarò che gli attacchi sarebbero stati considerati un attacco a tutti le 19 nazioni membro della NATO. Il primo ministro australiano John Howard dichiarò che l'Australia avrebbe invocato il trattato ANZUS con argomentazioni simili.

Nei mesi seguenti la NATO prese misure su larga scala per rispondere alla minaccia terroristica. Il 22 novembre 2002 gli stati membro dell'EAPC decise un piano di azione contro il terrorismo dove si affermava che "l'EAPC afferma di impegnarsi alla protezione e alla promozione delle libertà fondamentali e dei diritti umani, assieme al rispetto della legge, nel combattimento del terrorismo". La NATO iniziò le operazioni navali nel Mar Mediterraneo per prevenire i movimenti di terroristi o armi di distruzione di massa, oltre all'aumento della sicurezza dei convogli navali. L'operazione venne chiamata Operation Active Endeavour.

L'invasione dell'Afghanistan è stata considerata la prima azione della guerra al terrorismo, ed inizialmente coinvolse le forze degli Stati Uniti, del Regno Unito e dell'Alleanza del nord afghana.

Il supporto internazionale agli Stati Uniti si raffreddò quando divenne chiara la determinazione ad invadere l'Iraq al termine del 2002. Comunque molte delle nazioni che avevano costituito la "coalizione dei volenterosi" e avevano inviato truppe in Afghanistan, in particolar modo il vicino Pakistan, contribuirono con decine di migliaia di soldati. Il Pakistan era impegnato anche nella guerra nel Waziristan. Supportato dall'intelligence statunitense, in questo conflitto il Pakistan cercò di neutralizzare l'insurrezione talebana e alcuni elementi di al-Qaeda dalle aree tribali settentrionali.

Nel dicembre 2001 venne creata la International Security Assistance Force, guidata dalla NATO, per assistere il governo di transizione afghano e il primo governo eletto democraticamente. Nel 2006, durante un rafforzamento dell'insurrezione dei Talebani, è stato annunciato che l'ISAF avrebbe sostituito le truppe statunitensi come parte dell'Operazione Enduring Freedom.

La 16° brigata di assalto britannica (successivamente rinforzata dai Royal Marines), costituisce il nucleo delle forze dell'Afghanistan meridionale, assieme a truppe ed elicotteri delle forze militari dell'Australia, del Canada e dell'Olanda. Inizialmente le forze erano costituite all'incirca da 3 300 britannici, 2 000 canadesi, 1 400 olandesi e 240 australiani, oltre a forze speciali dalla Danimarca e dall'Estonia (e piccoli contingenti da altre nazioni).

In un articolo, l'ufficiale francese Jean-Pierre Steinhofer ha descritto la guerra al terrore come una "perversione semantica, strategica e legale... il terrorismo non è un nemico, ma un metodo di combattimento".

Ulteriori critiche considerano che la Guerra al Terrorismo fornisce un sistema per mantenere uno stato di guerra perpetua, poichè l'annuncio di obiettivi così vaghi produce una situzione di conflitto senza fine, perchè i "gruppi terroristici" possono continuare a sorgere indefinitamente.

Il Presidente Bush promise che la Guerra al Terrorismo "non terminerà fino a quando ogni gruppo terroristico di portata globale non sarà trovato, fermato e sconfitto.". Durante una visita agli Stati Uniti nel luglio 2007, il Primo Ministro britannico Gordon Brown definì la Guerra al Terrore, e in particolare all'elemento che coinvolge il conflitto con Al-Qaeda una "battaglia generazionale".

Peter Bergen e Paul Cruickshank, rricercatori al "Center on Law and Security" della "NYU School of Law", hanno accusato la guerra in Iraq di aver potenziato la "globalizzazione del martirio", che ha "generato un incremento di sette volte nel tasso annuale di attacchi jihadisti fatali, totalizzando letteralmente migliaia di civili morti".

Il 19 settembre 2008 la RAND Corporation ha presentato i risultati di uno studio per "Sconfiggere i gruppi terroristici". Lo studio inizia con l'affermazione della tesi: "Gli Stati Uniti non possono contnuare a condurre una compagna antiterroristica efficace contro al-Qaeda senza comprendere come si neutralizzano i gruppi terroristici". Le conclusioni comprendono forti raccomandazioni per un cambiamento strategico delle politiche: "I militari statunitensi dovrebbero resistere dall'essere trascinati in operazioni di combattimento nelle nazioni musulmane dove la sua presenza probabilmente causa un incremento nel reclutamento di terroristi". Viene inoltre consigliato di "dismettere la nozione di 'guerra' al terrorismo". Concludendo, lo studio della RAND consiglia: "Di gran lunga la strategia più efficace contro i gruppi religiosi è stato l'impiego della polizia locale e dei servizi di intelligence, che hanno neutralizzato il 73% dei gruppi dal 1968".

Altre critiche hanno colpito il "doppio standard" con cui gli Stati Uniti trattano con alleati chiave che contemporaneamente supportano gruppi terroristici, come il Pakistan. Il Presidente dell'Afghanistan Hamid Karzai ha affermato ripetutamente che "nella guerra contro il terrorismo il fronte centrale è il Pakistan". Inoltre il Pakistan è stato accusato di fornire operativi ai Talebani attraverso operazioni sotto copertura da parte degli ISI. Le accuse riguardano anche le libertà civili e i diritti umani. La Federation of American Scientists ha aggiunto che: "nella fretta di rafforzare il 'fronte' degli stati, per affrontare le minacce terroristiche transnazionali sul proprio suolo, e per guadagnare la cooperazione dei regimi di importanza geostrategica nella prossima fase della "Guerra al Terrorismo", l'amministrazione sta ignorando le restrizioni normative sugli aiuti statunitensi ai trasgressori dei diritti umani". Amnesty International ha affermato che il Patriot Act fornisce al governo statunitense la libertà di violare i diritti costituzionali dei cittadini.

L'opposizione alla "Guerra al Terrorismo" è stata alimentata anche dalle accuse all'amministrazione Bush di aver utilizzato la extraordinary rendition, le prigioni segrete e la tortura.

Nel 2002 nel Regno Unito, in Francia, Germania, Giappone, India e Russia erano presenti forti maggioranze a supporto della guerra al terrorismo guidata dagli Stati Uniti. Nel 2006 il supporto alla guerra era in minoranza nel Regno Unito (49%), in Francia (43%), Germania (47%), Giappone (26%). In Russia la maggioranza che sosteneva la guerra al terrorismo era calata del 21%. Mentre in Spagna il 63% sosteneneva gli sforzi bellici nel 2003, solo il 19% era della stessa opinione nel 2006. Il 19% della popolazione cinese sosteneva la guerra, così come meno di un quinto della popolazione in Turchia, in Egitto e in Giordania. L'opinione sulla guerra al terrorismo in India è rimasta stabile. Andrew Kohut, parlando all'"House Committee on Foreign Affairs" ha fatto notare che, in base ai sondaggi condotti dal "Per Research Center" nel 2004, "le maggioranze o le pluralità in sette delle nove nazioni esaminate hanno affermato che la guerra condotta dagli Stati Uniti al terrorismo non era uno sforzo sincero nel ridurre il terrorismo internazionale. Questo è vero non solo nelle nazioni musulmane come il Marocco e la Turchia, ma anche in Francia e in Germania. Lo scopo vero della guerra al terrorismo, in base a questi scettici, è il controllo statunitense del petrolio mediorientale e il dominio americano sul mondo".

Stella Rimington, ex capo dei servizi segreti britannici MI5, ha criticato la guerra al terrore considerandola una "enorme reazione", e ha sminuito gli sforzi di militarizzazione e politicizzazione degli Stati Uniti, che sono stati considerati un approccio sbagliato al terrorismo. David Milliband, segretario all'estero britannico, ha chiamato la strategia uno "sbaglio".

La guerra al terrorismo è stata vista anche come un pretesto per ridurre le libertà civili. Il programma di sorveglianza elettronico dell'NSA e il programma Total Information Awareness della DARPA sono stati due esempi di programmi di monitoraggio governativo post-11 settembre. Anche se principalmente pensati per registrare comportamenti terroristici, i critici evidenziarono su come i cittadini potevano essere indotti dal monitoraggio all'autocensura.

I ricercatori nell'area degli studi sulla comunicazione e sulle scienze politiche hanno evidenziato che la comprensione americana della guerra al terrorismo era modellata direttamente dai resoconti effettuati dai mass media sugli eventi associati alla guerra. Nel libro Bush’s War: Media Bias and Justifications for War in a Terrorist Age il ricercatore Jim A. Kuypers "trovò delle massiccie faziosità in parte della stampa". Egli chiamò i mass media una "istituzione antidemocratica" nelle sua conclusione. "Quello che è essenzialmente avvenuto dall'11 settembre è una ripetizione da parte di Bush degli stessi temi e "Immediatamente dopo l'11 settembre, i mass media (rappresentati da CBS, ABC, NBC, USA Today, New York Times e Washington Post) ripeterono i concetti di Bush, ma dopo 2 mesi iniziarono intenzionalmente ad ignorare alcune informazioni, reinserendo i temi di Bush o introducendo intenzionalmente nuove notizie per spostare l'attenzione".

Questo comportamento viola una importante funzione della stampa, che consiste nel riferire un punto di vista alternativo. "In breve", spiega Kuypers, "se qualcuno avesse fatto affidamento solo ai mass media per ottenere informazioni, non avrebbe avuto idea di quello che il presidente stava effettivamente dichiarando. Fu come se la stampa riferisse un discorso diverso". Kuypers esaminò i temi sull'11 settembre e sulla guerra al terrore utilizzati dal Presidente, e li comparò con i temi utilizzati dalla stampa quando veniva riferito ciò che aveva detto il Presidente.

Altri hanno suggerito che la copertura stampa ha contribuito a rendere il pubblico confuso e disinformato sia sulla natura che sul livello di minaccia posta dal terrorismo agli Stati Uniti. Nel suo libro Trapped in the War on Terror, il politologo Ian S. Lustick afferma "I media hanno fornito costante attenzione a possibili catastrofi provocate dal terrorismo e ai fallimenti e alla debolezza della risposta governativa." Lustick sospetta che la guerra al terrore sia disconnessa alla reale ma remota minaccia che costituisce il terrorismo, argomentando che una generalizzata guerra al terrore ha iniziato a giustificare l'invasione dell'Iraq, ma successivamente ha continuato di vita propria, alimentata dai media.

L'analisi del mass mediologo Stephen D. Cooper nel libro Watching the Watchdog: Bloggers As the Fifth Estate contiene molti esempi di controversie riguardanti i resoconti dei mass media sulla guerra al terrorismo. Copper scoprì che molte agenzie giornalistiche dovettero ritrattare o modificare degli articoli a causa della scoperta, da parte di autori di blog, di inaccuratezze su fatti oggettivi o dell'assenza di verifiche dei fatti prima della pubblicazione.

Per la parte superiore



Associazione Italiana vittime del terrorismo

Associazione Italiana Vittime del Terrorismo e dell'Eversione Contro l'Ordinamento Costituzionale dello Stato.gif

L'Associazione Italiana Vittime del Terrorismo e dell'eversione contro l'ordinamento costituzionale dello Stato è un'associazione senza scopi di lucro finalizzata a tutelare la memoria della vittime individuali della violenza terroristica ed eversiva in Italia.

Tra le iniziative dell'associazione vi è la pubblicazione di una lista delle vittime e di una scheda anagrafica per ciascuna di esse.

L'associazione, costituita a Torino il 20 marzo 1985 da Maurizio Puddu, Giovanni Berardi, Adele Andreis vedova Casalegno, Antonio Cocozzello, Severa Marone vedova Croce, Leone Ferrero, Mario Deorsola, Dante Notaristefano, Sergio Palmieri, Giovanni Picco, si ispira, per quanto possibile ed opportuno, alle norme di cui alla legge n.266 del 1991, alla legge n.662 del 23 dicembre 1996, al Decreto Legislativo n.460 del 4 dicembre 1997 e al decreto n.383 del 2000 e successive modificazioni ed integrazioni, e aderisce alle relative istituzioni e programmi.

Essa conta oggi circa 200 soci, nella stragrande maggioranza superstiti del terrorismo (invalidi o feriti) e parenti delle vittime. Ha sede presso la Provincia di Torino che, con specifica delibera, ne è entrata a far parte come socio aderente e la sostiene con un contributo annuale. È retta da un comitato direttivo costituito da presidente, segretario e dai componenti e responsabili regionali.

Per la parte superiore



Terrorismo di stato

Il terrorismo di stato è l'uso di strategie e metodi terroristici da parte dell'autorità statale. Uno stato può decidere di ricorrervi contro i suoi stessi cittadini, a fini repressivi per eliminare un gruppo politico, oppure per intimidire e far emigrare una popolazione che non desidera (pulizia etnica). Al di fuori dei loro confini, gli stati adottano il terrorismo per perseguire obiettivi di politica estera e per ostacolare stati rivali o nemici. Poiché tutti gli stati del mondo hanno sottoscritto ufficialmente la carta dei diritti dell'uomo, che implica un totale rifiuto del terrorismo, nessuno di essi può ammettere di utilizzare metodi terroristici o di addestrare, armare o comunque aiutare terroristi o gruppi terroristici.

Tutte le attività terroristiche promosse dagli stati sono quindi condotte segretamente, in modo da non essere riconducibili ai governi mandanti. Normalmente gli attentati e le uccisioni di stato vengono gestite da strutture dei servizi segreti civili o militari, o da gruppi esterni all'apparato statale ma ispirati e/o collegati ad esso (forze paramilitari, milizie, gruppi di attivisti). Un altro modo, molto comune negli stati meno dotati militarmente è l'omettere di vigilare sulle attività nel proprio territorio di gruppi estremisti aventi come bersaglio gli obiettivi desiderati, e anzi incoraggiandone le azioni.

Un ulteriore modo, proprio degli stati e non replicabile da soggetti non statali, di fare terrorismo è l'istituire un ordinamento giuridico e di pubblica sicurezza estremamente punitivi: tramite organizzazioni di polizia segreta e regolamenti molto rigidi si instaura un clima di paura in cui ogni cittadino diventa passibile di punizione, in pratica "colpevole fino a prova contraria".

Dopo l'elezione del presidente socialista Salvador Allende nel 1970 la CIA lavorò segretamente per impedirgli di assumere l'incarico attraverso la corruzione di ufficiali cileni, che però fallì. Cosicché la CIA cospirò per un colpo di stato con le fazioni anti-Allende, ma alla fine il progetto abortì.

Nel 2000 inoltre la CIA negò di aver supportato il golpe.

Onde favorire la possibilità di un intervento americano contro Cuba, fu istituito un piano chiamato Operazione Northwoods con cui i dirigenti del Ministero della Difesa americano intendevano mutare l'opinione pubblica riguardo Cuba.

Si ipotizza che il piano fosse stato rigettato dal presidente Kennedy, che preferì muoversi sfavorendo le azioni unilaterali contro Cuba. In queste ragioni sembra inserirsi l'ipotesi della morte di Kennedy con una teoria del complotto tutta interna degli Stati Uniti.

Tuttavia dopo il tentativo fallito alla Baia dei Porci di rovesciare il regime cubano, gli USA attuarono uno strangolamento economico e una progressiva morsa. Così hanno favorito singoli atti di violenza ai danni di pescherecci, ambasciate e voli aerei cubani internazionali, compiuti da bande di oppositori del regime castrista rifugiati su territorio statunitense, o da veri e propri terroristi di fama internazionale, anch'essi ospitati su suolo americano.

Tuttavia, Cuba non costituendo più un reale pericolo per gli USA, mantengono il loro status di nazione non allineata. Determinando un modello negativo per la sopravvivenza della dottrina capitalista contro quella comunista.

Nel 1951 la CIA organizza un primo colpo di Stato contro il Primo Ministro Mohammad Mossadeq (Musaddiq) che aveva nazionalizzato la compagnia petrolifera Anglo-Iranian Oil Company: i Britannici impongono un embargo al Paese, impedendo l'esportazione del petrolio, mentre nel 1953 Mossadeq viene rovesciato e Mohamed Reza, fuggito dal Paese verso l'Italia, sale nuovamente al trono dove resterà fino al 1979, data in cui sceglierà la via dell'esilio in seguito al successo della cosiddetta Rivoluzione islamica.

La storia del Guatemala è stata significativamente marcata dalla Guerra Fredda tra gli Stati Uniti el'URSS. La CIA, con un piccolo gruppo di guatemaltechi rovesciò il governo guatemalteco democraticamente eletto presieduto da Jacobo Arbenz Guzmán nel 1954, dopo che il governo espropriò terra inutilizzata posseduta dalla United Fruit Company, una società statunitense. Il nome in codice di questa operazione della CIA fu Operazione PBSUCCESS, il secondo rovesciamento di un governo straniero. Il conseguente regime militare, iniziato dal dittatore Carlos Castillo Armas causò 30 anni di guerra civile che, dal 1960, portarono alla morte di 200,000 civili Guatemaltechi. Secondo la Commissione per la verità sponsorizzata dall'ONU, le forze del governo e i paramilitari furono responsabili del 90% delle violazioni di diritti umani durante la guerra. Durante i primi 10 anni, le vittime del terrore di stato furono principalmente studenti, lavoratori, professionisti, e personalità dell'opposizione di qualsivoglia tendenza politica, ma negli ultimi anni vi furono migliaia vittime fra i maya contadini e non-combattenti. Più di 450 villaggi maya vennero distrutti e oltre un milione di persone diventarono rifugiati. Questo è considerato uno dei più tremendi casi di pulizia etnica verificatisi nell'America Latina moderna. In certe aree, come Baja Verapaz, la Commissione Verità concluse che lo Stato guatemalteco avviò intenzionalmente una politica di genocidio contro determinati gruppi etnici.

Dagli anni cinquanta agli anni novanta (con un periodo di pausa tra il 1977 e il 1982), il governo USA supportò direttamente l'esercito del Guatemala con addestramenti, armi e finanziamenti. Le forze armate speciali degli Stati Uniti (Berretti verdi) arrivarono nel Guatemala con l'obiettivo di formare l'esercito come "forza moderna anti-insurrezione" e ne fecero il più sofisticato dell'America Centrale. Nel 1999, il presidente USA Bill Clinton affermò che gli Stati Uniti ebbero torto a supportare le forze militari guatemalteche che presero parte alle brutali uccisioni di civili. . Il coinvolgimento della CIA incluse l'addestramento di 5.000 cubani oppositori di Fidel Castro e la realizzazione di aeroporti per organizzare quella che sarebbe diventata la fallimentare invasione della Baia dei porci.

L'economia, anche per i trattati commerciali sottoscritti, resta largamente legata a quella degli USA. Gli USA assorbono, per esempio, 10 volte l'importo delle esportazione verso il confinante Messico. Questa dipendenza si riflette anche sulla grande presenza di imprese nordamericane nel paese.

Gli USA hanno intrattenuto da anni interessi economici e politici all'interno del paese, agevolando la salita al potere di opposizioni politiche atte a sradicare le tendenze comuniste nella regione. Nel giugno 1979 la Guardia Nazionale stava compiendo enormi atrocità nella guerra contro i Sandinisti, bombardando quartieri residenziali di Managua e uccidendo migliaia di persone. A quel punto, l'ambasciatore statunitense inviò un cablogramma alla Casa Bianca in cui riferiva che sarebbe stato "malconsigliato" dire alla Guardia di cessare i bombardamenti, perché una tale azione avrebbe aiutato i Sandinisti a prendere il potere. Quando la Guardia Nazionale giustiziò Bill Stewart, reporter della ABC e venne trasmesso un vivido filmato dell'esecuzione, l'opinione pubblica statunitense divenne ancora più ostile a Somoza. Alla fine, il presidente Jimmy Carter rifiutò a Somoza l'aiuto militare statunitense, ritenendo che la natura repressiva del governo avesse prodotto il sostegno popolare alla rivolta sandinista.

Con l'elezione di Ronald Reagan nel 1980, le relazioni tra Stati Uniti e regime Sandinista divennero un fronte attivo della Guerra Fredda. L'amministrazione Reagan insistette sulla "minaccia comunista" posta dai Sandinisti; reagendo in particolare al supporto che a questi veniva fornito dal presidente cubano Fidel Castro, alle strette relazioni militari con sovietici e cubani, ma anche portando avanti il desiderio dell'amministrazione Reagan di proteggere gli interessi statunitensi nella regione, che erano minacciati dalle politiche del governo sandinista. Gli Stati Uniti sospesero rapidamente gli aiuti al Nicaragua e aumentarono la fornitura di armi e di addestramento ai Contras stanziati nel vicino Honduras e ai gruppi loro alleati basati nel sud del Costa Rica.

La pressione statunitense contro il governo Sandinista crebbe, con attacchi ai porti e alle installazioni petrolifere nicaraguensi (settembre 1983-marzo 1984) e il posizionamento di mine magnetiche fuori dai porti nicaraguensi (inizi del 1984), azioni che vennero condannate come illegali (27 giugno 1986 Nicaragua vs. Stati Uniti) dalla Corte Internazionale di Giustizia. Gli USA rifiutarono di pagare una multa e sostennero che la corte non era competente sul caso. L'Assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò una risoluzione allo scopo di spingere gli USA a pagare l'ammenda. Anche se solo Israele e El Salvador, che avevano anch'essi dispute con il Nicaragua, votarono assieme agli USA, la cifra non è stata ancora pagata. Jeane Kirkpatrick, l'ambasciatrice statunitense all'ONU durante l'amministrazione Reagan, criticò la corte definendola un organo "semi giudiziario". Gli USA erano legalmente vincolati alle decisioni della corte, avendo firmato un trattato ed essendo ricorsi ad essa in altre circostanze. Il 1 maggio 1985 Reagan emanò un ordine esecutivo che imponeva un embargo economico completo sul Nicaragua, che rimase in vigore fino al marzo 1990.

Nel 1982, il Congresso degli Stati Uniti vietò ulteriori aiuti diretti ai Contras con l'emendamento Boland. I funzionari di Reagan tentarono di rifornirli illegalmente con i ricavi della vendita di armi all'Iran e con donazioni di terzi, innescando lo Scandalo Iran-Contras del 1986-87. Il reciproco sfinimento, le paure dei Sandinisti verso l'unità dei Contras o un loro successo militare, e la mediazione da parte di altri governi regionali, portarono al cessate il fuoco di Sapoa tra Sandinisti e Contras (23 marzo 1988) e ai successivi accordi (febbraio/agosto 1989) per la reintegrazione dei Contras nella società nicaraguense, preparatori di nuove elezioni generali che vennero poi conquistate con una vittoria schiacciante dal partito identificato con i Contras.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia