Taverna

3.4189111747406 (1745)
Inviato da amalia 06/04/2009 @ 11:12

Tags : taverna, calabria, italia

ultime notizie
Mangiare e bere bene con pochi euro ecco i dieci locali di culto ... - L'Espresso
Fu fondata dal bisnonno Giuseppe Di Noto come taverna, fu il padre di Totò a trasformarla in trattoria. «La nostra clientela è varia, il target è radical chic - racconta Totò, ricoperto da appariscenti anelli d´oro - della Vucciria non si vede mai...
Stasera al Montevergini ritorna “In Vino Veritas” - Live Sicilia
Il nostro attore interpreterà un vecchio “tavernaro” palermitano con la passione per la poesia e la narrativa, che ospita nella sua osteria, anzi nella sua taverna, un po' di amici a cui raccontare delle storie intorno al vino....
Episodi su Papa Sisto V° - Terre Marsicane
Un certo " Pignolo " gestiva la taverna del Leone, frequentata anche dagli sbirri, acquartierati in Piazza della Padella . In questa taverna accadevano indecenze indescivibili : bestemmie, risse ed imprecazioni contro le disposizioni del Papa erano...
“San Sebastiano In Fiore”, Orte 30 - 31 maggio - NewTuscia
L'evento sarà un'occasione unica per vedere, le ricchezze storiche e artistiche di Orte, per ascoltare, le note dell'organo rinascimentale della cattedrale, per assaporare, le specialità culinarie locali nella caratteristica taverna della contrada,...
Segni, forme, colori e suoni - ExibArt
In mostra opere appositamente selezionate dalla Collezione d'Arte Contemporanea del Museo Civico di Taverna. patrocini: Ministero della Cultura e della Comunicazione francese; dalla Direzione dei Musei di Francia; Unesco; Consiglio d'Europa;...
di TITTI GIULIANI FOTI HA UN'AMICA A CUI tiene particolarmente ... - La Nazione
«Segnalo anche la “Taverna Lupululà” di Pistoia non solo perchè è una chiesa sconsacrata che definisco post-trattoria. Ma anche perchè il nome prende spunto da una battuta di Marty Feldmanin in “Frankenstein Junior” e ci si mangia bene....
"Taccuino radicale" - Pannella riprende a non bere per i diritti ... - Agenzia Radicale
A Vercelli, martedì 26 maggio, alle ore 17.30 presso il caffè-Pasticceria "Taverna e Tarnuzzer" in piazza Cavour 2 si terrà la conferenza stampa di presentazione dei candidati piemontesi alle elezioni europee per la Lista Bonino-Pannella,...
Locri: convegno su Mattia Preti - Strill.it
Parteciperà al convegno con un suo contributo il direttore del Museo civico di Taverna,Dott.Giuseppe Valentino.Saranno presenti il Sindaco di Taverna ed il Sindaco di Locri. Nell'atmosfera di celebrazione e di studio sul patrimonio artistico calebrese...
Zuffa per gestione locale, 6 arresti - Il Nolano
I carabinieri della compagnia di Nola, agli ordini del capitano Gianluca Piasentin, sono stati avvisati telefonicamente da un 37enne, ricoverato poi in ospedale, proprietario del locale la “Taverna del Torero”, in via Saviano, che denunciava...
Forlì, elezioni. Balzani: "Raccolta porta a porta in tutta la città" - RomagnaOggi.it
FORLI' - Roberto Balzani, candidato sindaco di Forlì per il centrosinistra, parla di raccolta differenziata e porta a porta nel corso dell'incontro pubblico che si tiene mercoledì 13 maggio, alla ore 20,45, nella Taverna Verde di Forlì (via Somalia 2)....

Taverna

La taverna è un locale pubblico nel quale il cliente può ordinare da bere e da mangiare. Le taverne sono l'equivalente italiano dei pub inglesi, anche se ci sono notevoli differenze. Le taverne si differenziano dai bar poiché, solitamente, il loro orario di esercizio è prettamente serale e inoltre possono servire pasti completi. In definitiva le taverne sono una via di mezzo fra i bar e le trattorie.

Derivano dalle tabernae dell'antica Roma, cioè negozi alimentari che offrivano la possibilità di consumare cibi e bevande in loco e, in alcuni casi, perfino di alloggiare.

Per la parte superiore



Rinaldo Taverna

Rinaldo Taverna (Milano, 6 maggio 1839 – Roma, 6 maggio 1913) è stato un politico italiano. Fu senatore del Regno d'Italia nella XVII legislatura.

Per la parte superiore



Taverna di Boe

Homer e Barney da Boe

Voce principale: Springfield (I Simpson).

La Taverna di Boe, o più semplicemente "da Boe" (Moe's), è un locale presente nella serie a cartoni animati I Simpson gestito da Boe Szyslak un uomo depresso e alquanto brutto, che cerca periodicamente (ogni natale) di suicidarsi (ma non attirando mai l'attezione della gente, rinuncia a suicidarsi) o di trovare moglie. Questo locale viene rappresentato come il ritrovo abituale di Homer, Lenny & Carl, Barney e i secondarissimi Sam e Larry dove loro parlano dei loro problemi bevendo fiumi di birra. Le norme igieniche del bar sono tali che talvolta vi compaiono topi, ratti, scarafaggi o nell'episodio della Mangiatoia dello Zio Boe una delle figlie del Dottor Hibbert si lamenta del bar che ha un intenso odore di pipì. Caratteristiche principali del bar di Boe sono le immancabili uova in salamoia e la macchina dell'amore. Il locale è inoltre spesso (solitamente nel retro) centro di ogni genere di malaffare: partite di poker della Mafia , roulette russa con soldati vietnamiti, panda e un'orca catturate per essere rivendute al mercato nero e un personaggio nascosto in una botola sotto il bancone.

É stato ristrutturato in Flambè Boe (The Flaming Moe's), il ristorante per famiglie La mangiatoia per famiglie di zio Boe (Uncle Moe's Family Feedbag) e nel postmodern bar B (M) in alcune puntate. Inoltre in un episodio si è bruciato il locale e quindi si è spostato il bar a casa di Homer.

Per la parte superiore



La taverna dei sette peccati

La taverna dei sette peccati è un film di Tay Garnett del 1940 prodotto dall'Universal e interpretato da Marlene Dietrich e John Wayne.

Per la parte superiore



La taverna della Giamaica

La taverna della Giamaica è un film prodotto nel 1939 e diretto da Alfred Hitchcock.

Per la parte superiore



Saverio Taverna

Saverio Taverna (Reggio Calabria, 27 novembre 1922 – Torino, 13 giugno 2001) è stato un allenatore di pugilato italiana.

Saverio Taverna, arrivò a Torino nel 1935 con la famiglia trasferitasi per motivi di lavoro del papà.Cominciò la sua carriera come pugile agli inizi degli anni '40, infrangendosi poi contro il conflitto mondiale.Fu arruolato nell'esercito e fu internato in un campo di concentramento nazista. Dopo la liberazione si dedicato all'insegnamento della "noble art"sin dal 1946, anno in cui venne chiamato a dirigere la palestra dell'INCET, che lasciò nel 1954 per fondare la Libertas e, successivamente , nel '58, l'Alpignanese. Quel sodalizio che aveva sede nei locali sottostanti il Palazzo Carignano, prese nel 1963 il nome di "Boxing Club" e infine nel 1971, ultimo atto di una vicenda lunga ed appassionante, il ritiro dall'attività del compianto Edoardo Garzena a capo dell'Accademia Pugilistica Torinese, favorì la fusione tra le due società, lasciando in eredità al Boxing Club Torino l'anno di fondazione (1946) e la gloriosa palestra allo Stadio Comunale. Nel 1977 ottiene la benemerenza di "Cavaliere del lavoro" che si va ad aggiungere a quelle ottenute per meriti militari e sportivi. Il Maestro Taverna nella sua palestra, ha creato ben sette campioni d'Italia, categoria novizi: Andrea DE NICOLO', Michele PRINCI, Luigi MERLO (due titoli), Giuseppe RISO, Marco FIORASO e Giuseppe CONTORNO ed ha allenato anche pugili professionisti del calibro di Potito Di Muro e Luciano Gestri. Il 2 giugno 1977 Saverio Taverna è stato insignito della benemerenza di Cavaliere del Lavoro. E'stato membro della Commissione Tecnica e rappresentante della categoria degli insegnanti in seno al Comitato Regionale Piemonte e Valle d'Aosta. Nel 1996 il Boxing Club ha festeggiato il 50° anno dalla fondazione con la partecipazione tra gli altri dei Campioni Patrizio Oliva, Franco Musso e Cosimo Pinto.

Per la parte superiore



Domenico Taverna

Domenico Taverna (Taurianova, 1921 – Roma, 27 ottobre 1979) è stato un poliziotto italiano, con il grado di maresciallo di Pubblica Sicurezza.

Domenico Taverna, comandante squadra di polizia giudiziaria del Commissariato Appio Nuovo, fu ucciso dalle Brigate Rosse il 27 novembre 1979 mentre si recava a ritirare al garage la propria auto.

Domenico Taverna aveva combattuto durante la Seconda Guerra Mondiale come sottufficiale dell'Esercito Italiano. Durante la guerra era stato ferito alla testa sul fronte russo; nel 1948 si arruolò nella Polizia . Nel corso della usa carriera non si era mai occupato di indagini riguardanti la politica o il terrorismo. Sposato e padre di una figlia di 22 anni sofferente di diabete era ormai prossimo alla pensione.

Il mattino del 27 ottobre 1979 si stava recando a ritirare la propria auto in un'autorimessa di via Cherso n°32, Roma, quando due uomini, della colonna brigatista "28 marzo", armati di pistola giunsero alle sue spalle aprendo il fuoco. Taverna fu colpito da otto pallottole che lo raggiunsero a schiena, gambe e torace. I terroristi quindi fuggirono unendosi ad altri complici che erano rimasti poco distanti come loro copertura.

Il suo omicidio venne rivendicato dalle Brigate Rosse inquadrandolo come un'azione inclusa nella loro campagna militare contro le forze dello Stato impegnate nella lotta antiterroristica; nel stesso periodo vennero uccisi dalle BR, in diversi agguati l’agente Michele Granato (9 novembre) e il maresciallo Mariano Romiti (7 dicembre), entrambi uccisi a Roma, e feriti i carabinieri Vittorio Battaglini e Mario Tosa a Genova (21 novembre).

Il presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, ha consegnato il 29 settembre 2004 ai famigliari della vittima del terrorismo la Medaglia d'oro al valor civile.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia