Tablet PC

3.3618864292519 (1039)
Inviato da maria 08/04/2009 @ 04:09

Tags : tablet pc, computer portatili, hardware, computer, high tech

ultime notizie
Eee PC 1008HA in arrivo in UK - PCWorld
Questa estate saranno invece disponibili in Inghilterra i primi modelli di Eee PC T91, il netbook con funzionalità Tablet con display da 8,9 pollici che ruota sull'asse verticale per poi richiudersi sulla tastiera essere usato come bloc notes....
Asus UK taglia il numero di Eee PC? - Notebook Italia
Che cosa accadrà dunque ai netbook di recente lancio, come il tablet Eee PC T91? Secondo Swatton, i modelli da 7 a 9 pollici saranno riservati alle vendite nelle scuole e per grandi organizzazioni. E' difficile credere che l'azienda taiwanese abbia...
Le nuove funzionalità di Windows 7 rendono più usabili i tablet pc - Gizmodo Italia
Molti ritengono che i tablet pc siano una gran bella idea, finché non li usano davvero. Ma il team di Windows 7 ha lavorato duramente per rendere la piattaforma più usabile che mai, specialmente per gli studenti. Le nuove funzionalità di Windows 7...
eeepc T91 esaminato da FCC - Notebook Italia
I laboratori FCC stanno esaminando il tablet convertibile, eeepc T91, rivelandoci interessanti dettagli sulla sua configurazione tecnica. Il dispositivo potrà essere aggiornato facilmente dall'utente sia per la memoria RAM sia per il modulo SSD....
Windows 7: guida ai servizi. Quali è possibile disabilitare - SAT-ZONE
Servizio di condivisione porte net.tcp: Se il vostro PC non fa parte di una rete disabilitatelo senza problemi. Servizio input tablet PC: Se non utilizzate tablet PC, disabilitatelo senza problemi. Servizio enumeratore dispositivi mobili: Serve a...
Con i tablet la lezione di matematica è più bella - e.files - il giornale di BocconiLab
Molto usati negli Stati Uniti ma quasi sconosciuti in Italia, i tablet pc consentono allo studente di concentrarsi sugli aspetti più interessanti della materia. Una sperimentazione è in atto alla Bocconi La vecchia, cara lavagna, anche se nelle...
Hi-tech/ La cinese Skytone lancia il primo netbook con sistema ... - Affaritaliani.it
Anche se un puynto di forza di questo dispositivo è lo schermo che può ruotare su se stesso e sovrapporsi alla tastiera, così da trasfornare il netbook in un tablet pc. In ogni caso, l'Alpha 680 di Skytone potrebbe fare da apripista a una nuova...
Disabilità congenite, Gemelli: un aiuto da Intel - PubblicaAmministrazione.net
In particolare, Intel ha donato al Servizio Disabilità congenite una rete Wi-Fi, due Tablet PC C5, due notebook e due desktop. Grazie all'uso delle nuove tecnologie, quindi, il personale ospedaliero ha la possibilità di dedicare più tempo ai pazienti...
TouchSmart tx2 multitouch: HP prosegue la preparazione per Windows 7 - oneBlog
Ma la vera novità di questo ultimo dispositivo non è solo il multitouch: il notebook è infatti un tablet PC, con la possibilità di ruotare e direzionare lo schermo su un pivot centrale, eliminando buona parte dei nostri dubbi riguardanti la comodità...
Ufficiale: RC1 di Windows 7 il prossimo 5 maggio - Technews
Intanto continuano le voci intorno alle nuove funzionalità del successore di Vista, in particolare a quelle pensate per i tablet PC: tra le più interessanti segnialiamo il riconoscimento di formule matematiche e di lingue asiatiche, il supporto per una...

Tablet PC

Tipica schermata di un Tablet PC

Il Tablet PC (lett. PC tavoletta) è un computer portatile che grazie alla presenza di un digitalizzatore (digitizer, in inglese) permette all'utente di scrivere a mano sullo schermo attraverso particolari penne o tramite le dita. L’utente può in pratica usare una speciale penna (detta “stilo”) e utilizzare il computer senza dover usare una tastiera od un mouse. Il Tablet PC è di fatto un normale portatile con capacità di input superiori.

I Tablet PC che includono una tastiera tradizionale sono detti “convertibili”, o “ibridi” nel caso che la tastiera sia staccabile. Quelli che sono in pratica solo un monitor LCD con una penna sono detti "lavagnette" o "puri", e hanno in effetti l’aspetto di quelle cartelline che contengono i fogli (come quelle dei presentatori televisivi).

L’idea del Tablet PC è di Microsoft, che ha stilato le specifiche che un computer deve rispettare per poter essere chiamato Tablet PC, ed ha prodotto una versione speciale di Windows XP, detta Tablet PC Edition. Il Service Pack 2 di Windows XP include l’aggiornamento gratuito alla versione 2005.

Windows Vista supporta nativamente i Tablet PC nelle versioni Home Premium, Business, Enterprise e Ultimate e anche la funzionalità di SideShow che permette di mostrare informazioni importanti come per es. l'arrivo di posta elettronica, ecc. sul display secondario quando il PC portatile è chiuso. In Vista le funzionalità tablet sono state enormemente migliorate, permettendo una maggior praticità di navigazione in internet e tra le finestre mediante l'uso della penna e un migliorato riconoscimento della scrittura, che si può avvalere anche dell'addestramento.

La maggioranza dei Tablet PC utilizzano dei digitalizzatori attivi, prodotti da WACOM ed N-Trig ed in alcuni rari casi da UC Logic e Finepoint. Questi dispositivi, posti dietro lo schermo o sopra di esso, proiettano un debole campo magnetico che lo stilo (la penna speciale) utilizza per attivarsi ed inviare un feedback al digitalizzatore, che è così in grado di capire la posizione esatta della punta dello stilo e, nel caso dei digitalizzatori prodotti da N-Trig e Wacom, anche il livello di pressione esercitata dalla penna sullo schermo . Pertanto, non utilizzando un vero e proprio schermo sensibile al contatto, l’utente può appoggiare la sua mano sullo schermo e scrivere con naturalezza; negli schermi abilitati l'utente sarà anche in grado di regolare lo spessore del tratto regolando la pressione esercitata sullo schermo.

Altri modelli utilizzano digitalizzatori passivi di tipo resistivo (il classico "touchscreen") o capacitivi, che possono essere usati con le dita. La differenza principale tra le due tecnologie risiede nel fatto che mentre i digitalizzatori passivi resistivi necessitano di una pressione del dito o dello stilo sullo schermo, i digitalizzatori passivi capacitivi si attivano al semplice sfioramento.

Per quanto riguarda il mercato italiano il Tablet PC è da sempre considerato un prodotto business, e questo ha impedito l'abbassamento del prezzo e l'esposizione dei modelli esistenti nei negozi e nelle grandi catene di informatica. Per questo al momento il costo di un Tablet PC è ancora elevato e spesso le persone ne ignorano l'esistenza o la reale usabilità. Negli Stati Uniti però, sia per il fatto che il costo dell’elettronica è inferiore e gli stipendi medi più elevati che in Europa, sia per il fatto che fin dall'inizio è stato presentato a tutte le fasce di mercato, il Tablet PC è ormai utilizzato da molti studenti e professionisti.

Simili ai Tablet PC ma dotati di dimensioni e portabilità molto maggiori sono gli UMPC (Ultra-Mobile PC). Simili a questi per dimensioni ma dotati di funzioni ridotte sono i MID (Mobile Internet Devices) ed i MIT (Media Internet Tablet). Dispositivi concepiti per la riproduzione di file multimediali, per la connettività web e l'intrattenimento a scopo principalmente ludico, i MID ed i MIT generalmente usano processori a bassissime prestazioni e consumi e sistemi operativi Linux ed non sono in grado di sfruttare l'inchiostro digitale.

Per la parte superiore



Windows XP Tablet PC Edition 2005

Windows XP Tablet PC Edition 2005 è la versione aggiornata al Service Pack 2 del sistema operativo Microsoft XP Tablet PC Edition.

Come per la versione precedente, la Tablet PC Edition 2005 non è in vendita; si può acquistare unicamente in versione OEM preinstallata su un Tablet PC.

Le caratteristiche tablet presenti in questo sistema operativo sono state molto migliorate e sono incluse in Windows Vista nelle versioni Home Premium, Business, Enterprise e Ultimate.

Per la parte superiore



Windows XP Tablet PC Edition

Tipica schermata di Windows XP Tablet PC Edition; si può notare il TIP e la funzionalità di riconoscimento della scrittura

Windows XP Tablet PC Edition è una versione del sistema operativo della Microsoft creata nel 2002 appositamente per i Tablet PC.

La Tablet PC Edition è una versione modificata di Windows XP Professional, alla quale sono state aggiunte le funzionalità di inchiostro digitale, in particolare il TIP (Tablet Input Panel), la capacità di ruotare il desktop nelle quattro direzioni ed altre funzionalità significative per l'utilizzo mobile, come ad esempio la possibilità di staccare le periferiche USB senza preavviso. Non è possibile in alcun modo trasformare Windows XP Professional in Windows XP Tablet PC Edition: anche se il secondo si basa sul primo, i due sistemi operativi e le relative licenze sono differenti.

La Tablet PC Edition non è in vendita; si può acquistare unicamente in versione OEM preinstallata su un Tablet PC.

Con l'installazione del Service Pack 2 prende il nome di Windows XP Tablet PC Edition 2005.

Per la parte superiore



Mobile computing

In informatica, l'espressione mobile computing (traducibile in italiano come "calcolo mobile") designa in modo generico le tecnologie di elaborazione o accesso ai dati (anche via Internet) prive di vincoli sulla posizione fisica dell'utente o delle apparecchiature coinvolte. L'espressione mobile computer ("computer mobile") viene talvolta usata per riferirsi alle apparecchiature utilizzate. La tecnologia dei computer mobili si distingue da quella dei computer portatili in quanto enfatizza la possibilità di usare il computer anche in movimento (per esempio in automobile).

Le origini del mobile computing si possono ricondurre alla progressiva diffusione dei personal computer portatili, a sua volta legata ai progressi tecnologici che hanno consentito una progressiva riduzione delle dimensioni dei componenti hardware. La categoria dei portatili ha subito una rapida evoluzione negli ultimi decenni, dando origine a una ampia classe di categorie di computer a basso ingombro come laptop, notebook, tablet PC e così via, fino ai palmari. Contemporaneamente alla miniaturizzazione dei computer, altri dispositivi digitali di piccole dimensioni (come fotocamere digitali, lettori mp3, telefoni cellulari, navigatori GPS) hanno visto un accrescimento delle loro capacità di calcolo e delle loro possibilità di interconnesione, portando a un mercato in cui il confine fra computer e altri dispositivi è sempre più sfumato.

Contemporaneamente, il diffondersi delle tecnologie wireless per la connessione a Internet e in rete ha contribuito a facilitare l'uso di questi strumenti per la trasmissione e la ricezione dati. Questo nuovo scenario ha contribuito all'avvento di una nuova generazione di dispositivi di calcolo miniaturizzati che enfatizzano fortemente l'accesso alla rete, come i netbook e i MID (mobile Internet device).

Termini come pervasive computing o ubiquitous computing sono stati recentemente coniati per indicare la possibilità di accedere alla rete e a sistemi di memorizzazione ed elaborazione dati praticamente in tutti i contesti e attraverso una varietà di dispositivi.

Un altro settore in cui si registra una forte evoluzione è il mobile health, ovvero le applicazioni del mobile computing alla medicina.

Per la parte superiore



Microcomputer

Un microcomputer è un computer generalmente dotato di un singolo microprocessore (µP), di costo abbastanza limitato da poter essere acquistato e utilizzato da un singolo utente, inoltre occupa generalmente poco spazio.

Di questa famiglia fanno parte personal computer, console per videogiochi, tablet PC e quelli che una volta erano detti home computer.

La maggior parte dei componenti di un microcomputer è altamente integrata in modo da poter essere ospitata in un singolo contenitore. Altri componenti come monitor, tastiera, mouse possono essere anch'essi integrati o posti a breve distanza. Le dimensioni possono essere abbastanza varie ma mai superiori a quanto può essere ospitato da una scrivania, mentre minicomputer, mainframe e supercomputer occupano uno spazio variabile da quello di un grosso armadio ad un'intera stanza.

La maggior parte dei microcomputer sono adatti ad essere utilizzati da un singolo utente per volta anche se alcuni PC e workstation con il sistema operativo adatto possno supportare più utenti contemporaneamente. Il µP fa la maggior parte dell'elaborazione, oltre ad esso, sono presenti una certa quantità di memoria volatile detta RAM e altre periferiche di memorizzazione non volatili.

Questa famiglia di computer destinati ad uso personale è stata introdotta a partire dalla metà degli anni '70.

Nel 1971, la Intel creò il primo microprocessore, l'Intel 4004. Nel 1974 con l'introduzione del Intel 8080 iniziò una rivoluzione straordinaria, che con l'Altair 8800 modificò il mondo dell'informatica, così come era conosciuto. La prima generazione di microcomputer era destinata agli hobbisti dell'elettronica. Spesso infatti erano venduti in kit di montaggio oppure già assemblati ma senza case.

La seconda generazione di microcomputer prese il nome di "home computer". Gli home computer erano invece computer completamente assemblati e dotati di case. Erano tutti basati su processori a 8 bit. Costruttivamente erano molto semplici; il corpo era formato principalmente da una voluminosa tastiera al cui interno trovavano posto tutti i dispositivi del computer. Dotati di interfacce esclusivamente testuali e con memorie di massa a cassette audio, erano sfruttati prevalentemente come console per videogiochi, oppure per i primi approcci con la programmazione; più raro era il loro utilizzo come strumenti di lavoro, magari associati da una unità esterna di memorizzazione a floppy disk; a questa regola faceva eccezione l'Apple II, che nasceva con unità a disco integrata ed era già fornito di un sistema operativo DOS caricabile da disco.

Il sistema operativo di un home computer era, salvo poche eccezioni, proprietario e incompatibile con tutti gli altri: consisteva di una serie di subroutine di servizio e in un interprete in un linguaggio ad alto livello (generalmente il BASIC) che fungeva anche da shell per i comandi, ed era scritto in una memoria ROM da cui veniva anche eseguito. Era rigorosamente monoutente e monotask, e non prevedeva driver o altro software di sistema.

Attualmente gli home computer sono stati ormai completamente sostituiti, nelle case, dai personal computer; volendo trovare un erede odierno di questa classe di macchine, per l'uso prevalente e la dotazione hardware si potrebbero considerare tali le console per videogiochi, come le PlayStation e simili.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia