Sony BMG Music

3.4020707506534 (1159)
Inviato da amalia 05/03/2009 @ 11:14

Tags : sony bmg music, etichetta discografica, musica, cultura

ultime notizie
«Ultima», con la sua energia ha scatenato la platea - Il Giorno
Sono entrati a far parte della compilation «Saturday Night Live» (Sony -Bmg) che li ha portati all'incontro con il produttore Davide Maggioni e in seguito con l'etichetta indipendente RustyRecords che ha firmato e distribuito il loro primo Album:...
E' partito il Tour Music Fest la piu' lunga carovana della musica ... - Atlantide Magazine
E' partito il 7 maggio da Roma la terza attesa edizione del Tour Music Fest, il festival itinerante piu' noto d'Italia che si avvale di una giuria finale presieduta da Mogol, con Radio Lattemiele, SONY BMG, CNI MUSIC, Rusty Records...e la media...
MUSICA: PARTE DA ROMA IL TOUR MUSIC FEST - Adnkronos/IGN
(Adnkronos) - Partira' il 7 maggio da Roma la terza attesa edizione del Tour Music Fest, il festival itinerante piu' noto d'Italia che si avvale di una giuria finale presieduta da Mogol, con Radio Lattemiele, Sony Bmg, Cni Music, Rusty Records...e la...
"Con gli Amici riempiamo piazza S. Carlo" - La Stampa
... Stampa» e Paolo Giordano de «Il Giornale», rappresentanti del mondo discografico quali il presidente di «Sony Bmg» Rudy Zerbi, Marco Alboni di Emi Italia, Alessandro Massara di Universal e Marcello Balestra, direttore artistico Warner Music Italia....
Giovanni Allevi dal vivo a Livorno - saimicadove.it
... nel nuovo spot della campagna FIAT, “Panic” nello spot della Presidenza del Consiglio dei Ministri per la promozione del Servizio Civile Nazionale): entrambe le composizioni sono tratte da “Joy” (Bollettino – Ricordi/SonyBmg Music Entertainment),...
Il Nucleo, in radio il nuovo singolo Maledetto Mare - Megamodo
A maggio 2005 esce “Essere Romantico” (BMG/Sony), anticipato dal fortunato singolo “27 Aprile”. Dall'estate 2005 Il Nucleo partecipa come opening act ai concerti di Lenny Kravitz, Luciano Ligabue (concerto-evento al Campovolo di Reggio Emilia del 10...
F&P Group, ad Andrea Rosi la responsabilità del business development - Rockol.it
Terminato a fine marzo il suo rapporto di lavoro con Sony Music Entertainment (vedi News), Andrea Rosi inizia dal 4 maggio una nuova avventura professionale in collaborazione con l'F&P Group diretto da Ferdinando Salzano e controllato da Warner Music:...
ANDREA ROSI IN F&P GROUP - NonSoloCinema
Andrea Rosi, che da qualche settimana ha lasciato Sony Music dove ricopriva il ruolo di General Manager Rca, ha una lunga esperienza nel music business e in particolare nel mondo del digitale dove è stato uno dei pionieri del mercato italiano ed...
Amici, Speciale Supersfida tra ex a Torino (e su Canale 5) - NanoPress
... Luca Dondoni (La Stampa), Paolo Giordano (Il Giornale), il presidente di Sony Bmg Rudy Zerbi, il presidente di Emi Italia Marco Alboni, il presidente di Universal Alessandro Massara e il direttore artistico Warner Music Italia Marcello Balestra....

Arista Records

La Arista Records è una etichetta discografica fondata nel 1975 da Clive Davis inizialmente (fino al 1975) col nome di Bell Records. Alla fine degli anni '70 fu acquisita dalla Ariola Records e oggi appartiene al gruppo BMG.

La stessa Arista ha assorbito negli anni numerose altre etichette: Northwestside Records, Deconstruction Records, First Avenue Records e Dedicated Records. Ha inoltre iniziato una joint-venture con Antonio Reid, chiamata LaFace Records, che ha poi acquisito del tutto nel 1999; e un'altra joint-venture con P. Diddy (chiamata Bad Boy Records). Nell'agosto del 2005 si è fusa con J Records.

L'etichetta è stata distribuita in Italia fino al 1985 da CGD Messaggerie Musicali. Dall'inizio del 1986 la distribuzione è stata curata dalla RCA Italiana (successivamente ridenominata BMG Ariola, BMG Ricordi, Sony BMG Music Italy).

Per la parte superiore



Columbia Records

La Columbia Records è la più vecchia etichetta discografica ancora in commercio, fondata nel 1888. Oggi è parte del gruppo Sony BMG Music Entertainment.

Per la parte superiore



Megaforce Records

La Megaforce Records, fondata nel 1982, è stata un etichetta discografica britannica di molte band, in particolare di genere heavy metal. La Megaforce Records è distribuita in America dalla Sony BMG Music Entertainment.

Per la parte superiore



Buddah Records

La Buddah Records è un'etichetta discografica fondata nel 1967 da Neil Bogart a New York City. Oggi è legata alla Sony BMG Music Entertainment e gestita dalla Legacy Recordings.

Per la parte superiore



Giappone

Giappone - Bandiera

Il Giappone (日本/日本国, Nihon o Nippon?, ufficialmente Nihon-koku o Nippon-koku) è uno stato insulare dell'Asia Orientale. Situato nell'oceano Pacifico, giace ad est di Cina, Corea e Russia, allungandosi dal mare di Okhotsk a nord fino al Mar Cinese Meridionale a sud. I caratteri che compongono il nome del Giappone significano letteralmente "Origine del sole", perciò il Giappone è a volte conosciuto come «Paese del Sol Levante», un nome che deriva dalla posizione orientale del paese rispetto alla Cina. La sua capitale e principale città è Tōkyō.

Con una superficie di 377.872 km², il Giappone è la sessantaduesima nazione per dimensioni. Comprende oltre 3.000 isole, le più grandi delle quali sono Honshū, Hokkaidō, Kyūshū e Shikoku. La maggior parte delle isole del Giappone sono montagnose e molte sono vulcaniche, incluso il picco più alto, il Fuji. È al decimo posto per numero di abitanti, con circa 128 milioni di persone. La Grande Area di Tōkyō, con oltre 35 milioni di residenti, è la più grande area metropolitana del mondo.

Le ricerche archeologiche indicano che era abitato già nel Paleolitico superiore. I primi riferimenti scritti al Giappone compaiono in brevi note in testi di storia cinese del I secolo. La storia giapponese è stata marcata da periodi alternati di isolamento e di influenze radicali dal mondo esterno. La sua cultura odierna è una miscela di influenze esterne e di sviluppi interni. Da quando è stata adottata la costituzione, il 3 maggio 1947, il Giappone è rimasto una monarchia costituzionale con un imperatore e un parlamento eletto; la Dieta è uno dei corpi legislativi più vecchi dell'Asia.

Il Giappone è la seconda potenza economica mondiale per prodotto interno lordo, il più grande creditore internazionale, e il sesto principale esportatore ed importatore. È membro delle Nazioni Unite, del G8, del G4, dell'OCSE e dell'APEC.

I primi segni di civiltà risalgono al X millennio a.C. circa con la cultura Jōmon, caratterizzata dal mesolitico al neolitico da uno stile di vita semi sedentario cacciatore-raccoglitore e da una forma rudimentale di agricoltura. Il popolo Jomon produceva vasi di argilla decorati, spesso con motivi realizzati premendo corde contro l'argilla umida. Alcuni dei più antichi esemplari di vasellame esistenti al mondo si trovano in Giappone.

Il Periodo Yayoi, iniziato intorno al 300 a.C. segnò l'introduzione di nuove pratiche come la coltivazione del riso e la produzione di oggetti in bronzo e ferro, portate da immigrati dell'Asia continentale orientale. Il Giappone compare per la prima volta in registrazioni scritte nell'Hou Hanshu cinese del 57 d.C., come «il popolo di Wa, formato da più di un centinaio di tribù». Secondo il Libro di Wei cinese, il più potente regno giapponese nel III secolo era chiamato Yamataikoku ed era governato dalla leggendaria regina Himiko.

Durante il periodo Kofun, dal III secolo al VII secolo, si stabilì un centro dominante politico basato nell'area di Yamato, da dove sorse la linea dinastica degli imperatori giapponesi.

Il Buddhismo fu importato in Giappone dal regno coreano di Baekje, a cui il Giappone fornì aiuto militare, ricevendo il supporto della classe governante. Il principe Shōtoku si impegnò a diffondere il Buddhismo e la cultura cinese in Giappone. Gli viene attribuito l'aver portato una pace relativa al Giappone mediante la proclamazione della Costituzione di 17 articoli.

Cominciando con gli Editti di riforma di Taika del 645 la corte Yamato intensificò l'adozione di pratiche culturali cinesi e riorganizzò il governo e il codice penale basandosi sulla struttura amministrativa cinese dell'epoca. Ciò preparò la strada al dominio della filosofia confuciana in Giappone fino al XIX secolo. In questo periodo venne utilizzata per la prima volta la parola Nihon (日本, Nihon?) come nome per lo stato emergente.

Il periodo Nara dell'VIII secolo segnò il primo emergere di un forte stato giapponese, centrato intorno alla corte imperiale nella città di Heijō (odierna Nara). La corte imperiale si trasferì brevemente a Nagaoka, e quindi a Heian Kyō (ora Kyōto).

Gli scritti storici del Giappone culminarono all'inizio dell'VIII secolo con le cronache epiche del Kojiki e del Nihon Shoki. Queste due cronache danno un resoconto leggendario delle origini del Giappone. Secondo esse il Giappone venne fondato nel 660 a.C. dall'imperatore Jinmu, un discendente della divinità shintoista Amaterasu (la dea del sole). Si dice che Jimmu sia l'antenato della dinastia imperiale, rimasta ininterrotta fino ai nostri giorni. Comunque secondo gli storici il primo imperatore realmente esistito fu l'imperatore Ōjin, sebbene la data del suo regno sia incerta.

Durante il periodo Heian (794-1185) fiorirono arte, poesia e letteratura autoctone, immortalate all'inizio dell'XI secolo dalla dama di corte Murasaki Shikibu nel Genji monogatari (Il racconto di Genji), il più antico racconto ancora esistente. I reggenti del clan Fujiwara controllarono la politica dell'epoca.

L'era medievale giapponese fu caratterizzata dell'emergere di una classe governante di guerrieri, i samurai. Nel 1185 in seguito alla sconfitta dei nemici del clan Taira, Minamoto no Yoritomo venne nominato Shōgun e stabilì la sua base di potere a Kamakura nel 1192. Dopo la morte di Yoritomo un altro clan guerriero, il clan Hōjō, divennero reggenti per gli shōgun. Lo shogunato Kamakura riuscì a respingere le invasioni mongole nel 1274 e nel 1281 con l'aiuto di una tempesta che venne interpretata dai giapponesi come un kamikaze, o "Vento Divino". Lo shogunato Kamakura durò altri cinquant'anni e venne infine spodestato da Ashikaga Takauji nel 1333. Il successivo shogunato Ashikaga non riuscì a controllare i signori della guerra feudali (daimyō) e scoppiò una guerra civile. La guerra Ōnin (1467-1477) viene generalmente considerata come l'anticamera degli "Stati in guerra" o periodo Sengoku.

Nel XVI secolo commercianti e missionari portoghesi raggiunsero per la prima volta il Giappone, iniziando il periodo Nanban ("barbari meridionali") di attivi scambi commerciali e culturali tra il Giappone e l'Occidente, introducendo anche la religione Cattolica. Oda Nobunaga conquistò numerosi altri daimyo utilizzando tecnologie e armi da fuoco europee ed era sul punto di unificare la nazione quando venne assassinato ("Incidente di Honnōji") nel 1582. Toyotomi Hideyoshi succedette a Nobunaga e unificò la nazione nel 1590. Hideyoshi tentò due volte di invadere la Corea ma venne ogni volta arrestato dalle forze coreane e della dinastia Ming cinese. In seguito a numerose sconfitte e alla morte di Hideyoshi le truppe giapponesi vennero ritirate nel 1597.

Dopo la morte di Hideyoshi, Tokugawa Ieyasu sfruttò la sua posizione di reggente del figlio di Hideyoshi, Toyotomi Hideyori, e i conflitti sorti tra i lealisti del clan Toyotomi, per ottenere il supporto di diversi signori della guerra da tutto il Giappone. Quando scoppiò la guerra aperta sconfisse i clan rivali nella battaglia di Sekigahara nel 1600. Ieyasu venne nominato shōgun nel 1603 e stabilì lo shogunato Tokugawa a Edo (la moderna Tōkyō).

Dopo aver sconfitto il clan Toyotomi all'assedio di Osaka nel 1614 e nel 1615 i Tokugawa divennero i governanti del Giappone, imponendo un sistema feudale centralizzato con lo shogunato Tokugawa a capo dei domini feudali. Dopo la morte di Ieyasu, lo shogunato Tokugawa instaurò diverse misure per controllare i daimyo, tra cui la politica sankin-kōtai di rotazione forzata della residenza tra i feudi e Edo. Nel 1639, lo shogunato iniziò la politica isolazionista del sakoku («paese chiuso») che diede due secoli e mezzo di tenue unità politica conosciuto come periodo Edo. Questo viene spesso considerato come l'apice della cultura medievale giapponese. Lo studio delle scienze occidentali, conosciuto come rangaku, continuò in questo periodo mediante contatti con l'enclave olandese di Dejima a Nagasaki. Il periodo Edo vide la nascita del kokugaku, letteralmente «studi giapponesi», sebbene più correttamente rappresenti lo studio delle origini del Giappone da parte dei giapponesi stessi. Yamaga Soko è uno stratega che sostenne i princìpi del Bushido. Le sue idee ebbero una forte influenza sui Quarantasette Ronin e il Sonnō jōi.

Il 31 marzo 1854, il commodoro Matthew Perry e le "Navi Nere" della marina degli Stati Uniti forzarono l'apertura del Giappone all'Occidente con la Convenzione di Kanagawa. La guerra Boshin del 1867-1868 condusse all'abdicazione dello shogunato e alla restaurazione Meiji instaurando un governo centrato intorno all'imperatore. Il Giappone adottò numerose istituzioni occidentali, inclusi un sistema legale, un esercito moderno e un sistema parlamentare, quest'ultimo modellato su quello britannico, con Ito Hirobumi come Primo Ministro nel 1882.

L'era Meiji di riforme trasformò l'Impero del Giappone in una potenza mondiale, che si imbarcò in diversi conflitti militari per aumentare il suo accesso alle risorse naturali e la sua influenza su Corea e Cina, come la prima guerra sino-giapponese (1894-1895) e la guerra russo-giapponese (1904-1905). Con quest'ultima per la prima volta una nazione asiatica sconfisse una potenza nazionale europea. Nel 1910 il Giappone controllava la Corea e la metà meridionale di Sakhalin. L'anno successivo i trattati ineguali firmati dal Giappone con le potenze occidentali vennero cancellati.

L'inizio del XX secolo vide un breve periodo di "democrazia Taisho", messa in ombra dalla crescita dell'espansionismo giapponese e della militarizzazione. La prima guerra mondiale permise al Giappone, che combatté al fianco degli Alleati vittoriosi, di espandere la sua sfera di influenza in Asia e i suoi possedimenti coloniali nel Pacifico. Nel 1920 il Giappone si unì alla Lega delle Nazioni divenendone un membro del consiglio di sicurezza, ma nel 1933 ne uscì in seguito alle critiche per l'occupazione della Manciuria del 1931. Nel 1936 firmò il patto anti-Comintern con la Germania nazista, unendosi all'Asse nel 1941.

Il Giappone attaccò il resto della Cina, così come molte altre nazioni e isole dell'Asia orientale, iniziando la seconda guerra sino-giapponese (1937-1945). In risposta alle sue azioni, alcuni Stati occidentali, tra cui principalmente gli Stati Uniti, il Regno Unito e i Paesi Bassi, imposero un embargo delle forniture di petrolio e altre sanzioni. Il 7 dicembre 1941 il Giappone attaccò la base navale statunitense di Pearl Harbor dichiarando guerra a Stati Uniti, Regno Unito e Paesi Bassi. Quest'azione fece entrare nella seconda guerra mondiale gli Stati Uniti, che quattro giorni dopo dichiararono guerra alla Germania nazista.

Con progressione costante le forze giapponesi furono respinte o distrutte. Man mano che gli Stati Uniti si portavano sempre più vicini al Giappone furono in grado di usare efficacemente i bombardamenti. I bombardamenti strategici di città come Tōkyō e Osaka culminarono con il bombardamento atomico di Hiroshima e Nagasaki. Questi attacchi uccisero diverse centinaia di migliaia di giapponesi e portarono al termine della guerra. A seguito di ciò, il 2 settembre 1945 il Giappone accettò una resa incondizionata. Venne organizzato un tribunale militare per perseguire i leader giapponesi per crimini di guerra. Altri criminali di guerra vennero giudicati in tribunali locali dell'Asia e del Pacifico. L'imperatore Showa ricevette l'immunità e mantenne la posizione di imperatore.

Molti storici criticano il lavoro fatto dal generale Douglas MacArthur e dai suoi collaboratori per esonerare l'imperatore Showa e tutti i membri della famiglia imperiale coinvolti nella guerra come i principi Yasuhito Chichibu, Tsuneyoshi Takeda, Yasuhiko Asaka, Naruhiko Higashikuni, Kotohito Kan'in e Hiroyasu Fushimi.

Herbert Bix sostiene inoltre che "le misure straordinarie adottate da MacArthur per salvare Hirohito dall'essere processato come criminale di guerra ebbero un duraturo e profondo impatto distorsivo sulla comprensione della guerra da parte dei giapponesi", e che "nei mesi dopo che il processo di Tōkyō iniziò, i più elevati sottoposti di MacArthur stavano lavorando per attribuire la sostanziale responsibilità per Pearl Harbor a Hideki Tojo". Shuichi Mizota, l'interprete dell'ammiraglio Mitsumasa Yonai, ha dichiarato che Bonner Fellers incontrò l'ammiraglio il 6 marzo 1946 e gli disse: "sarebbe più conveniente se da parte giapponese ci arrivasse la prova che l'Imperatore è completamente innocente. Credo che l'incombente processo offra la migliore opportunità di farlo. Su Tojo, in particolare, dovrebbe gravare il peso di tutta la responsabilità in questo processo".

La guerra costò al Giappone milioni di vite e distrusse la maggior parte della struttura industriale e infrastrutturale. Nel 1947 il Giappone adottò una nuova costituzione pacifista, cercando la cooperazione internazionale, enfatizzando i diritti umani e le pratiche democratiche. L'occupazione statunitense durò ufficialmente fino al 1952; nel 1956 il Giappone divenne membro delle Nazioni Unite. Grazie a un programma di sviluppo industriale aggressivo e con l'assistenza degli Stati Uniti, l'economia giapponese crebbe rapidamente fino a diventare la seconda più grande economia del mondo, con un tasso di crescita medio del 10% per quattro decadi. Questa crescita si arrestò negli anni novanta, quando soffrì una grave recessione. A partire dal 2001 il Giappone ha ripreso a crescere, grazie alle riforme dell'ex premier Junichiro Koizumi, ed ha anche riacquistato prestigio militare, affiancando gli USA nella guerra al terrorismo.

Il Giappone, essendo popolato da quasi 128 milioni di persone e con una superficie di 377.835 km² ha di conseguenza un'alta densità demografica pari a 335 abitanti/km². Questo ha portato alla creazione di enormi megalopoli, a partire dalla capitale Tōkyō, che ospita 12 milioni di abitanti nella prefettura, ma che negli anni ha formato un'enorme megalopoli con le città circostanti di 27 milioni di abitanti.

Dopo la fine dell'isolamento feudale, avvenuta ad opera dell'imperatore Meiji, nella seconda metà del XIX secolo l'economia giapponese conobbe già i suoi primi sviluppi. Ma solo a partire degli anni cinquanta decollò completamente, e da allora ha continuato a crescere a livelli elevati.

Oggi il Giappone è la prima potenza economica dell'Asia e la seconda a livello mondiale dopo gli Stati Uniti, con un prodotto interno lordo di 4 380 miliardi di dollari nel 2007. Inoltre è uno dei pochi paesi asiatici con livelli di vita paragonabili a quelli occidentali, con un reddito pro capite di 34 300 dollari annui.

L'economia giapponese è basata in gran parte sulle esportazioni. Malgrado la scarsità di materie prime, il Paese dispone di un sistema industriale tra i più avanzati al mondo, soprattutto nei settori dell'automobile e dell'elettronica di consumo.

Aziende come Sony, Denon, Canon, Epson, Olympus, Sharp, Matsushita, Hitachi, Pioneer, Casio, Nikon, Toshiba, Fujifilm, Sanyo e Kenwood sono tra le maggiori produttrici mondiali di apparecchi elettronici, come radio, televisori, macchine fotografiche, videocamere e computer. Imprese come Sony BMG Music Entertainment, Kawai, Pearl, Korg, Ibanez, Zoom, Tama, Roland e Yamaha (che costruisce anche moto) sono molto rinomate nel mercato musicale mentre Sony Computer Entertainment, Nintendo, SEGA, Capcom, Tecmo, Mistwalker, Konami, Namco, Treasure, Square Enix e SNK Playmore sono tra i leader del campo videoludico. Giapponesi sono anche alcuni dei maggiori produttori di pneumatici come Bridgestone (fornitore ufficiale del campionato di Formula 1), Yokohama , Sumitomo e Toyo.

L'industria nipponica dell'auto è la seconda al mondo per importanza, dopo quella statunitense, ma è molto sviluppata anche la produzione di motociclette. Tra le principali costruttrici di mezzi di trasporto vi sono Honda, Suzuki, Kawasaki, Toyota, Yamaha, Mitsubishi Motors, Nissan, Mazda, Subaru e Daihatsu. La Toyota è la prima produttrice mondiale di autovetture per numero, e la seconda per fatturato dopo la General Motors. Importanti sono anche le industrie navali, chimiche (petrolio, gomma, materie plastiche, fibre sintetiche), metallurgiche, tessili, alimentari e dei laterizi.

Agricoltura (riso, patate, ortaggi) ed allevamento (bovini) hanno un ruolo marginale, benché entrambi siano molto modernizzati. Il Giappone è il primo paese al mondo nella pesca, esercitata soprattutto nelle acque del Pacifico. Nel settore terziario, un posto di rilievo spetta alle attività bancarie. Di ottimo livello sono anche i settori delle assicurazioni, della comunicazione e dei trasporti.

La capitale Tōkyō è un importante centro finanziario di livello mondiale, ed ospita l'importante borsa valori del Kabutocho. Inoltre la città ha un enorme flusso di persone provenienti da tutto il mondo, per affari e per studio ma anche per turismo. La sua area metropolitana conta più di 35 milioni di abitanti, ed ha un PIL di oltre 2 mila miliardi di dollari, paragonabile a quello dell'intera Francia; nel quartiere finanziario risiede meno di mezzo milione di persone, ma di giorno il loro flusso è di 11 milioni, dati che fanno capire l'importanza mondiale di Tōkyō.

I punti di forza sono la grande capacità produttiva, dovuta ad un forte interesse sulla ricerca e lo sviluppo, e i buoni rapporti che il Paese ha con gli Stati Uniti, l'Unione Europea e il resto dell'Asia orientale. Il mercato giapponese è dominato da grandi aziende, sia locali (keiretsu) che straniere. Purtroppo il Giappone ha anche dei punti deboli, specie sul piano finanziario, che sono stati alla base della crisi economica negli anni novanta.

Ecco qui di seguito una tabella che indica le temperature e le precipitazioni di Tōkyō.

La cultura giapponese ha subito forti modifiche nel corso dei secoli, cambiando da quella originaria (risalente al periodo Jōmon), fino a quella contemporanea, che combina influenze asiatiche, europee e statunitensi. L'arte tradizionale giapponese include le arti dell'ikebana, dell'origami, dell'ukiyō-e, delle bambole, delle lacche, e delle ceramiche; il teatro (bunraku, danza, kabuki, nō e rakugo); le tradizioni (i giochi, la cerimonia del tè, il budo, l'architettura, i giardini, e le spade); e la cucina. La fusione della pittura tradizionale giapponese e di quella occidentale ha dato vita ai manga, il fumetto tradizionale del Giappone, diventato famoso anche nel resto del mondo. I cartoni animati influenzati dallo stile dei manga vengono chiamati anime. I videogiochi giapponesi hanno iniziato ad avere grande successo a partire dagli anni ottanta, grazie soprattutto all'opera di Nintendo, che si è lanciata con successo in questo mercato, seguita poi da Sony, SEGA e altre aziende negli anni novanta.

Avendo preso in prestito dalle vicine culture strumenti, scale e stili, la musica giapponese è particolarmente eclettica. Molti strumenti musicali come il koto, vennero introdotti nel IX e X secolo. L'accompagnamento del teatro nō nasce nel XIV secolo, e la musica popolare folcloristica, con lo shamisen nel XVI secolo. La musica occidentale venne introdotta nel secolo XIX, ed è ormai diventata parte integrante della cultura. Il Giappone del dopoguerra venne fortemente influenzato dalle musiche americane ed europee, dando vita alla cosiddetta J-Pop.

Tra i primi manoscritti della letteratura giapponese i più importanti sono il Kojiki, il Nihon Shoki, e il Man'yōshū, raccolta di poesie del secolo VIII. Tutti vennero scritti in caratteri cinesi. All'inizio del periodo Heian venne creato il sistema di trascrizione fonetica detto kana (formato da hiragana e katakana). La Taketori monogatari (竹取物語, Taketori monogatari? "Storia di un tagliabambù") è considerato il primo racconto della letteratura giapponese. Una descrizione della vita di corte dell'epoca Heian viene data da Sei Shonagōn nel Makura no sōshi (枕草子, Makura no sōshi? "Note del Guanciale"), mentre il Genji monogatari (源氏物語, Genji monogatari? "Storia di Genji") di Murasaki Shikibu è considerato il primo romanzo nel mondo.

Durante il periodo Edo la letteratura divenne l'arte dei chōnin (lett. gente di città), la gente ordinaria. Non era più, quindi, prerogativa degli aristocratici. Il cosiddetto Yomihon, ad esempio, divenne famoso, dando prova di questo cambiamento. Il periodo Meiji segnò il declino delle forme tradizionali della letteratura; infatti è proprio in questo periodo che la letteratura giapponese integrò le influenze occidentali. Natsume Soseki e Mori Ōgai furono i primi scrittori della letteratura giapponese moderna. Vennero seguiti da Akutagawa Ryunosuke, Tanizaki Jun'ichirō, Kawabata Yasunari, Mishima Yukio fino ad arrivare a Murakami Haruki e Banana Yoshimoto. Il Giappone vanta due scrittori vincitori di un Premio Nobel: Kawabata Yasunari (1968) e Ōe Kenzaburō (1994).

Nella maggior parte delle scuole giapponesi si indossa una divisa scolastica. Hanno un obbligo scolastico di 9 anni, il 22% della popolazione è laureata e non vi sono praticamente analfabeti.

In Giappone è presente una grande varietà di tipi di vegetazione che passa dalla sub artica a quella tropicale. La foresta copre circa il 70% del territorio; il Giappone, infatti, è al secondo posto come percentuale di verde dopo la Finlandia. Nelle zone di media montagna (RACHY C.) e in quelle costiere (AGA C.) si trovano foreste temperate, mentre nelle zone montuose sono situate le foreste boreali di conifere. Tra i 400 e i 1500 metri si trova spesso la brughiera giapponese (Hara): un insieme di conifere.

All'inizio del XX secolo il Giappone ha dato vita ad una serie di arti marziali denominate Budō, molto in voga tra i guerrieri. Queste includono il Jūdō, il Karate, il Jūjutsu, il Ninjutsu, l'Aikido e il Kendō. Il Sumo viene inoltre considerato il più caratteristico sport nazionale giapponese, con i suoi enormi lottatori che si sfidano in piccole arene circolari.

Solo dopo l'era Meiji molti sport occidentali entrarono a far parte della cultura giapponese, alcuni di questi inseriti dapprima come materia di studio nelle scuole e successivamente metabolizzati come discipline ludiche.

Il baseball (chiamato 野球 yakyū) ad esempio è uno dei giochi più popolari in Giappone, dove la prima squadra professionale fu istituita nel 1937. Il massimo campionato è denominato Lega Professionale Giapponese ed è suddiviso in due leghe. La nazionale giapponese, rappresenta il Giappone nelle competizioni internazionali organizzate dalla IBAF.

Invece per quanto riguarda il calcio, la J-League professionistica è nata soltanto nel 1992. Molto popolare anche la pallavolo, che ha visto la squadra femminile vincitrice del torneo olimpico nel 1964. Abbastanza diffusa è anche la pallacanestro.

Il Giappone festeggia il Taiiku no hi (体育の日), ovvero la giornata dello sport e della salute, il 10 ottobre in commemorazione della XVIII Olimpiade (1964). Altri eventi degni di nota sono stati gli XI Giochi olimpici invernali del 1972 a Sapporo, i XVIII Giochi olimpici invernali di Nagano e i Mondiali di calcio del 2002 organizzati in collaborazione con la Corea del Sud.

Il 13 maggio 1939 fu effettuato il primo esperimento di trasmissione via radio, mentre le trasmissioni regolari iniziarono il 1º febbraio 1953.

Ad essi fanno capo diverse tv locali legate alle varie prefetture.

Con l'arrivo della civiltà occidentale non si può più parlare di un'arte autonoma, ma l'arte giapponese si inserisce vigorosamente nelle più moderne correnti artistiche, specie architettoniche.

Per quanto riguarda le arti tradizionali giapponesi, che sono tutte permeate dalla filosofia zen, esse hanno costituito per secoli un unicum che non ha corrispondenza in occidente. Sono giunte fino a noi pressoché intatte e sono tuttora vive e vitali. Sono praticate in tutto il mondo da decine di migliaia di persone ed hanno costituito un vettore essenziale della conoscenza all'estero della cultura giapponese. Tutte sono fondate sul principio della "via" (dō) cioè su un cammino interiore da percorrere per giungere all'illuminazione. Ma al di là della loro valenza filosofica, hanno comunque un contenuto estetico che può essere percepito autonomamente. Queste forme espressive costituiscono il nucleo più autentico della cultura giapponese e ad esse i giapponesi sono stati e sono molto legati. Elemento costante e centrale di esse è la rappresentazione istantanea della bellezza, espressa, il più sinteticamente possibile, con il segno, la forma o il gesto. Le più note sono: il cha no yu (o sadō) la via del tè, l'ikebana (o kadō) la via dei fiori, lo shodō la via della calligrafia, il ko-do la via dell'Incenso.

Una menzione a parte per la corrente artistica del Mono-Ha, originatasi sul finire degli anni sessanta, per mano di un gruppo di artisti concentratisi sull'aspetto effimero e impermanente di oggetti ed eventi, messi in relazione allo spazio, all'uomo ed alla realtà.

Durante l'era Meiji si ebbe il declino della letteratura classica e poco per volta gli scrittori adottarono temi e stili prettamente occidentali. I primi scrittori "moderni" che si possono citare sono Mori Ōgai e Natsume Sōseki, seguiti da Akutagawa Ryunosuke, Tanizaki Jun'ichirō e Mishima Yukio.

Tra gli scrittori contemporanei conosciuti e pubblicati in Italia spiccano fra gli altri Yoshimoto Banana (Kitchen, Honeymoon, H/H, Tsugumi, Arcobaleno, Amrita), e Murakami Haruki (Norwegian Wood, Underground, La ragazza dello Sputnik).

Accanto all'arte aulica e sacra esisteva però un'espressione popolare basata su una scala di 12 suoni cromatici, la cui costruzione risale al 1500 a.C.

Dal sistema dei 12 toni si sviluppa però la possibilità teorica di estendere il numero delle disposizioni variamente trasportate e alternate fino a 84 scale diverse in seguito dal XIV al XVI secolo, la musica strumentale, corale e la danza danno luogo a primitive e popolari rappresentazioni sceniche eseguite ancora oggi con gli strumenti originali: il koto (simile al salterio), la biwa ( specie di liuto), la shamisen (chitarra a 3 corde a plettro) oltre agli strumenti a fiato e a percussione.

Per molto tempo i musicisti giapponesi si sono nutriti di elementi prevalentemente germanici; dopo la prima guerra mondiale i favori si sono, invece, volti sempre più verso la musica francese e italiana. Successivamente con l'avvento della globalizzazione anche i giapponesi si sono scoperti anglofili, imitando la musica pop e rock d'oltre oceano e cantando in inglese.

Fuori dall'Asia la musica contemporanea giapponese è conosciuta quasi esclusivamente grazie alle colonne sonore e musiche di sottofondo di videogiochi e anime, i cartoni animati giapponesi.

Formalmente il Giappone è una monarchia costituzionale ereditaria, ma il ruolo dell'imperatore è esclusivamente simbolico, come stabilito dalla costituzione del 3 novembre 1946. L'ordinamento istituzionale giapponese è quindi identificabile con le moderne democrazie parlamentari; in confronto, vi è una più marcata differenziazione dei poteri (legislativo, esecutivo, giudiziario) dovuta all'influenza degli Stati Uniti durante la stesura della costituzione.

Il potere legislativo è affidato alle due camere della Dieta: la Camera dei Rappresentanti (Shugi-in), composta da 480 membri eletti a suffragio universale per 4 anni, e la Camera dei Consiglieri (Sangi-in), composta da 252 membri eletti per 6 anni, rinnovabili per metà ogni tre anni. Il potere esecutivo è esercitato dal Primo Ministro e dal Gabinetto, da costui nominato. Il Primo Ministro è scelto dalla Dieta e i Ministri del Gabinetto devono essere in maggioranza membri della Dieta. Il potere giudiziario è amministrato da una Corte Suprema e da corti inferiori, i cui giudici sono nominati dal Gabinetto per dieci anni. I giudici della Corte Suprema sono confermati o sfiduciati dagli elettori in occasione della prima elezione della Camera dei Rappresentanti successiva alla nomina. I principali partiti giapponesi sono il Partito Liberal Democratico, il Partito Socialista e il Partito Comunista; in particolare il primo ha governato quasi ininterrottamente dal 1946 ad oggi riscuotendo sempre un grande consenso dal popolo.

L'attuale imperatore è Akihito. Il Primo Ministro Yasuo Fukuda è stato travolto dalla crisi economica l'1 settembre del 2008: la sua carica è durata solo 11 mesi. Il candidato premier del partito di maggioranza, il Liberal-democratico, è Taro Aso: le nuove elezioni si svolgeranno il 26 ottobre.

Il sovrano del Giappone è l'unico imperatore oggi esistente al mondo.

Nel febbraio 2007, per la prima volta dal 1947, il governo giapponese guidato dall'ex premier Shinzo Abe si è dotato di un ministero della Difesa. Il primo ministro si è impegnato esplicitamente a sostenere una revisione costituzionale per rivedere l'articolo 9 che proibisce l'uso di forze armate. Le truppe giapponesi hanno attualmente compiti esclusivamente di autodifesa, e con questa formula sono state inviate truppe terrestri in Iraq.

Tra i 47 paesi che praticano la pena di morte (dato 2008 di Nessuno tocchi Caino), il Giappone si può contare tra i 9 che si possono definire di democrazia liberale (considerando il sistema politico, i diritti umani, i diritti civili e politici, le libertà economiche e la pratica delle regole dello stato di diritto).

Con le 15 esecuzioni effettuate nel 2008, il Giappone ha superato il numero record del 1975, anno in cui le esecuzioni furono 17; nel 2007 erano state giustiziate 9 persone, 4 nel 2006. Ciò mostra elementi di escalation, dato anche che dal 1998 al 2005 si è registrato un totale di 16 esecuzioni, ovvero una media di due all’anno.

Fino al 2006, per 15 mesi, si era verificata una moratoria di fatto delle esecuzioni; il Ministro della Giustizia dell’epoca, Seiken Sugiura (di confessione buddista), era contrario alla pena capitale.

In seguito alla sconfitta e all'occupazione statunitense del secondo dopoguerra, il Giappone intrattiene solide relazioni economiche e militari con gli Stati Uniti. Nella Guerra in Iraq iniziata nel 2003 il Giappone ha contribuito inviando truppe non combattenti. Fa inoltre parte della coalizione denominata G4 (India, Germania, Giappone e Brasile).

Il Giappone è un membro dell'APEC, del G4 e del G8, che gli permette di intrattenere relazioni con diverse nazioni occidentali divenendo col tempo particolarmente importante nei rapporti diplomatici e commerciali, specialmente come intermediario con la regione asiatica.

Ci sono attualmente svariate dispute aperte con le nazioni vicine relative al controllo di determinate isole, solitamente concernenti interessi di tipo economico (estrazione di petrolio o gas naturale). Ultimamente poi i rapporti con la Corea del Nord sono nuovamente degenerati in seguito agli esperimenti nucleari di quest'ultima. A metà febbraio 2007 il governo giapponese ha messo in orbita due satelliti-spia militari per la sorveglianza dallo spazio della regione, con particolare attenzione alla penisola coreana.

Il Giappone è membro non permanente del Consiglio di Sicurezza dell'ONU dal 2005 e uno dei candidati più probabili ad un seggio permanente.

Per la parte superiore



Bertelsmann

Coordinate: 51°54′29″N 8°25′09″E / 51.90806, 8.41917 Bertelsmann AG è una multinazionale tedesca con sede a Gütersloh in Germania. È una delle maggiori aziende multimediali al mondo.

L'attività editoriale fu avviata da Carl Bertelsmann (1791-1850) nel 1835 a Gütersloh. L'attività era inizialmente concentrata sulla pubblicazione di inni religiosi e libri didattici a sostegno del movimento religioso protestante del Grande Risveglio. Bertelsmann pubblicava anche il quotidiano Evangelisches Monatsblatt für Westfalen a sostegno del movimento del Grande Risveglio, che verrà pubblicato fino al 1929.

L'azienda si espande ed allarga la sua attività editoriale ma la pubblicazione di opere religiose rimane importante. Negli anni Trenta del Novecento si da impulso alla pubblicazione di narrativa. Ciò in parte coincide con il coinvolgimento con il nazionalsocialismo. La Bertelsmann diverrà il principale fornitore di libri per l'esercito tedesco e pubblicherà narrativa di autori nazisti. Per far chiarezza sul coinvolgimento della Bertelsmann con il regime nazista l'azienda istituirà una commissione storica indipendente che pubblicherà il suo rapporto sugli anni dal 1921 al 1949 nel 2002.

Alla ripresa delle attività editoriali dopo la guerra, la Bertelsmann lancerà il suo Club del Libro che sarà un enorme successo. Negli anni dal 1953 al 1955 verrà pubblicata la prima enciclopedia Das Bertelsmann Lexikon in quattro volumi. Nel 1956 viene lanciata la casa discografica Ariola che avrà un enorme successo in Germania. La società si è ormai ingrandita al punto di espandersi all'estero. Il primo passo sarà la creazione del Club del Libro "Círculo de Lectores" in Spagna a cui farà seguito la creazione dei Club in Austria, Francia, Italia, Olanda, Portogallo e Stati Uniti. Nel 1964 con l'acquisizione dell'UFA la Bertelsmann entra nel settore della produzione cinematografica e televisiva. Nel 1973 acquisisce la maggioranza del gruppo editoriale Gruner + Jahr di Amburgo. Negli anni Settanta l'azienda si espande ancora all'estero e acquisisce la casa discografica americana Arista. Nel 1980 acquisisce l'editore americano Bantam Books e la spagnola Plaza y Janes. Nel 1986 viene acquisita la casa editrice statunitense Doubleday che ha due circoli del libro e la casa discografica RCA. Nel 1987 tutte le attività discografiche del gruppo vengo racchiuse nel nuovo marchio BMG (Bertelsmann Music Group). Negli anni Ottanta l'azienda entra nel settore televisivo con il lancio della televisione privata RTL Television.

Negli anni Novanta l'azienda si espande nella ex DDR e in Europa Centrale. Nel 1994 acquisisce la storica casa discografica italiana Ricordi. Nel 1997 lancia il primo Club del Libro in Cina. Nel 1998 viene acquisita la casa editrice americana Random House. Nel 1999 si espande su internet fondando la Bertelsmann On Line, per la vendita in linea di libri e musica. Nello stesso anno acquisisce le casa editrice tedesca Springer, specializzata in letteratura scientifica (la Springer verrà ceduta nel 2003). Nel 2002 viene acquisita Zomba, la più grande etichetta di musica indipendente al modo. Nel 2004 viene creata la associazione in partecipazione con la Sony nel settore musicale Sony BMG Music Entertainment. Nel 2005 viene acquisita la casa editrice Motor Presse Stuttgart.

Il 23 aprile 2008 viene annunciata l'imminente pubblicazione in forma cartacea di Wikipedia in lingua tedesca.

Per la parte superiore



DualDisc

Logo ufficiale DualDisc

Il DualDisc è un tipo di supporto ottico a doppio strato sviluppato dalla EMI Music, Universal Music Group, Sony/BMG Music Entertainment, Warner Music Group, e 5.1 Entertainment Group. È composto da un lato simile al CD (ma non segue gli standard del Red book) e dall'altro lato da un DVD.

La prima comparsa del DualDisc è stata negli Stati Uniti nel marzo 2004 come indagine di mercato da parte delle stesse case discografiche che hanno sviluppato la tecnologia. Il test coinvolgeva tredici titoli rilasciati in tiratura limitata ad alcuni negozi di Boston, e Seattle. L'82% dei consumatori ha affermato che il DualDisc ha soddisfatto o superato le loro aspettative. Inoltre, il 90% di loro ha dichiarato che avrebbe consigliato il DualDisc ai loro amici.

Verso la fine del 2005 le case discografiche hanno rilasciato circa 200 titoli con questa tecnologia e sono stati venduti circa due milioni di copie.

A prima vista il DualDisc può sembrare un DVD a doppia faccia, come i DVD-10, DVD-14 e DVD-18 invece uno dei due lati è un CD. I dischi sono ottenuti tramite l'unione di uno strato di DVD standard, da 0,6 mm di spessore (4,7 gigabyte di capacità) e un CD dallo spessore di 0,9 mm (60 minuti o 525 megabyte di capacità), per uno spessore totale di 1,5 mm.

Il lato CD a causa del suo spessore di 0,9 mm non è conforme alle specifiche rilasciate dallo standard Red Book che vuole uno spessore non minore a 1,1 mm; per questo motivo alcuni lettori non sono in grado di riprodurre il lato CD di un DualDisc a causa di un fenomeno chiamato aberrazione sferica. Come risultato, il laser quando legge la parte CD può avere un'immagine dei dati presenti sul disco "macchiata"; l'equivalente di una persona che legge un libro con degli occhiali di gradazione sbagliata. Gli ingegneri hanno provato ad aggirare questo problema facendo i pit della parte del CD più larghi di uno convenzionale. Questo accorgimento rende il CD più facile da leggere; l'equivalente di un libro stampato con caratteri più grandi, quindi più facile da leggere anche se una persona sta usando occhiali di gradatura sbagliata. L'inevitabile svantaggio di questo accorgimento comunque, è il fatto che la durata di riproduzione del lato CD del DualDisc passa dai 74 minuti standard di un CD convenzionale, a 60 minuti circa.

La parte DVD invece è pienamente conforme alle specifiche rilasciate dal DVD Forum e quindi viene messo da tutte le case discografiche sui propri titoli il logo classico dei DVD.

Le case discografiche hanno riposto due speranze nei DualDisc; la prima sta nel fatto che potranno eventualmente sostituire il CD come mezzo di vendita della musica, la seconda sta nella diminuzione del download illegale di canzoni dalle varie reti p2p, visto che in un prezzo molto simile a quello di un CD convenzionale il consumatore avrà a disposizione anche una parte DVD in cui saranno incluse varie sezioni bonus.

Negli Stati Uniti il costo al dettaglio di un DualDisc paragonato a quello di un CD convenzionale varia a seconda del titolo, ma, in generale, un DualDisc costa da 1,50 a 2,50 dollari in più rispetto allo stesso titolo in CD.

La parte CD contiene audio standard a 16 bit LPCM alla frequenza di 44.1 kHz. Nella parte DVD, la maggior parte delle case discografiche, ad eccezione della Sony Music, forniscono la musica in altri due formati di qualità superiore a un CD standard: il primo è il DVD-Audio, funzionante a 24 bit (generalmente a una frequenza di 96 kHz per la modalità stereo e 48 kHz per la modalità dolby sorround); il secondo formato è leggermente inferiore di qualità al primo, infatti funziona a 16 bit e 48 kHz. Il primo viene inserito per permettere ai consumatori che hanno lettori DVD-Audio compatibili di accedere a risoluzioni molto alte dei propri album in stereofonia e/o sorround. Il secondo tipo di qualità viene inserito perché compatibile con tutti i lettori DVD presenti sul mercato.

Visto che la Sony ha un formato audio ad alta risoluzione nel mercato che compete direttamente con un DVD-Audio, come regola generale, inserisce solamente il secondo di questi formati. Il suono è compatibile con qualsiasi lettore DVD, ma non arriva ai livelli qualitativi dei DVD-Audio.

La maggiore concorrenza per il DualDisc è data dallo hybrid Super Audio CD (SACD), sviluppato dalla Sony e dalla Philips Electronics, le stesse compagnie che crearono il CD. L'obiettivo degli sviluppatori del DualDisc e dello hybrid Super Audio CD è di creare un CD audio di qualità elevata che possa essere riprodotto in un lettore normale.

I DualDisc usano l'approccio del disco a doppia faccia per avere la necessaria retrocompatibilità; gli hybrid SACD invece sono composti da una singola faccia a sua volta composta da due strati sovrapposti: uno è un CD convenzionale, mentre il secondo ha una risoluzione più elevata.

I dispositivi hybrid SACD hanno una più alta compatibilità con i lettori in commercio se confrontati con il DualDisc, per il fatto che sono conformi allo standard Red Book. Comunque, un lettore SACD o un lettore DVD compatibile con il SACD è indispensabile per poter sfruttare i vantaggi del secondo strato che permette una qualità di ascolto più elevata. Con un DualDisc, invece, è sufficiente il proprio lettore DVD (un lettore DVD-Audio compatibile è richiesto nel caso si voglia sentire il suono in qualità ancora più alta).

In aggiunta, alcuni titoli SonyBMG includono alcuni programmi anti-copia (come XCP e SunnComm) cosa fattibile su un SACD ma non su un DualDisc.

Ci sono molto critiche riguardo allo spessore del DualDisc, che lo renderebbe più fragile di un CD convenzionale.

Alcune compagnie come la Lexicon, Marantz, Mark Levinson, Onkyo, Panasonic, Pioneer, e (ironicamente) Sony hanno posto alcune avvertenze riguardo ai problemi che gli utenti possono avere con i loro lettori.

Ci sono state diverse controversie riguardo a questo formato, poiché Dieter Dierks, l'inventore della specifica DVD+, afferma che la tecnologia DualDisc è una violazione del suo brevetto europeo. Questa azione legale ritardò l'uscita dei DualDisc in Europa, e arrivarono solo nel settembre 2005. Fra i primi titoli in DualDisc comparsi in Italia si segnalano album di Renato Zero, Eros Ramazzotti e Robbie Williams.

Questa è la lista dei titoli usati per condurre l'indagine di mercato svolta nel marzo 2004. Alcuni non sono più in stampa.

Per la parte superiore



CTI Records

La 'CTI Records' (Creed Taylor Internazional o Creed Taylor Incorporated) è un'etichetta jazz fondata nel 1967 da Creed Taylor, inizialmente come una società controllata da A&M Records.

Taylor, che aveva precedentemente fondato la Impulse Records ed aveva lavorato per la Verve Records, si era guadagnato un'ottima reputazione come rispettato produttore di album jazz. Le sue produzioni per CTI condividevano uno stile tipicamente caldo, morbido finalizzato a creare un'atmosfera smooth jazz. L'etichetta è diventata anche famosa per le immagini delle copertine degli album, molte delle quali dell'artista fotografo Pete Turner.

Tra gli artisti di rilievo che incisero per l'etichetta ci sono stati George Benson, Eumir Deodato, Paul Desmond, Freddie Hubbard, Stanley Turrentine, Wes Montgomery, Hubert Laws, Antonio Carlos Jobim, Bob James, Larry Coryell e molti altri.

Un'altra etichetta, affiliata al marchio CTI, la Kudu, lanciata nel 1971, era più orientata al soul-jazz; nell'elenco degli artisti di rilievo che incisero per la Kudu c'erano Grover Washington, Jr., Hank Crawford, Idris Muhammad. La maggiorparte degli arrangiamenti per le incisioni Kudu furono opera di Don Sebesky; in ogni sessione figurano alcuni dei migliori artisi jazz del momento, come Ron Carter, che è apparsa su quasi ogni registrazione, ed Herbie Hancock che spesso era seduto al pianoforte.

La CTI Records dichiarò il fallimento nel 1978, , ma la maggior parte del suo catalogo è rimasto in stampa. La produzione CTI del dopo A&M Records è ora proprietà della Sony BMG Music Entertainment ed è distribuita dalla Epic Records; gli album di Grover Washington, Jr. incisi per la Kudu, sono stati ristampati dalla Motown's MoJazz. I quattro album CTI dell'artista Bob James, sono rimasti di sua proprietà; la Seawind invece è in possesso del loro vecchio catalogo CTI. Le realizzazioni A&M sono ora distribuite dalla Verve Records, una divisione della Universal Music Group.

Per la parte superiore



Greig Nori

Greig Nori (Sault Ste. Marie, 21 novembre 1962) è un produttore discografico, chitarrista e cantante canadese.

È conosciuto soprattutto per essere stato il frontman, cantante e chitarrista dei Treble Charger, fino al Febbraio 2006, anno dell'uscita dal gruppo.

Alla fine degli anni '90 ha iniziato a lavorare come produttore con i Sum 41. Fino al 2004 è stato il produttore per il Canada e manager della band. È stato a lungo il mentore musicale per Deryck Whibley, che lo ha coinvolto nella composizione di molte canzoni, specialmente per l'album All Killer No Filler. In questo disco ha suonato la chitarra nelle tracce Handle This e Pain For Pleasure ed ha provveduto alla voce di sottofondo in Motivation e In Too Deep. All'inizio del 2005 le strade di Greig e dei Sum 41 si sono divise, e da allora egli non è più né manager né produttore del gruppo.

Nori è uno dei capi della Bunk Rock Music, una compagnia di management per artisti canadese. È manager per band come i Broken Social Scene, i Gob, i Surplus Sons (precedentemente conosciuti come No Warning). Greig ha inoltre prodotto album per Iggy Pop e Autopilot Off. È attualmente sotto contratto come produttore per la Nettwerk.

Dalla creazione della Bunk Rock Music, Greig è stato in rapporti stretti con la Sony BMG Music Entertainment e la EMI in Canada, molte delle band di cui è manager sono infatti sotto contratto con una di queste major.

Per la parte superiore



Copy Control

Copy Control è un nome generico che ragguruppa dei sistemi di protezione da copia, usati tra il 2001 e il 2006 in varie opere registrate su CD da EMI e Sony BMG Music Entertainment in varie nazioni (Europa, Canada, Stati Uniti e Australia). Non va confusa con il sistema di protezione per software introdotto dalla Microcosm Ltd nel 1989.

Il logo che identifica questo genere di protezione è raffigurato da un cerchio pieno nero, nella metà del quale è inscritto un triangolo equilatero, circoscritto in una nuova ripetizione di questa figura; il tutto sormontato dal logo di "marchio registrato".

Nei Paesi Bassi, le etichette Sony e Universal sperimentarono il copy control fino al 2004. Emi continuò ad utilizzarlo fino al giugno 2006 e quindi lo abbandonarono.

Negli Stati Uniti, Universal Music Group sperimentò Copy Control in un certo numero di colonne sonore tra il 2001 e il 2003, successivamente abbandonandolo; Warner Music Group lo usò in Europaq in alcune uscite come il Greatest Hits dei Red Hot Chili Peppers. Da settembre del 2006, Cactus Data Shield, la tecnologia della Macrovision dietro a Copy Control, non appare più tra i prodotti nel sito web della Macrovision ed è stato completamente abbandonato in stati come l'Austrtalia.

Un'uscita di Billboard Magazine del dicembre 2006 ha annunciato che EMI ha deciso di abbandonare CopyControl in tutto il mondo. Fino ad allora non era stato chiaro se EMI l'avesse completamente abbandonato. Non c'è stata nessuna conferenza stampa su questo.

Le protezioni CopyControl sono state escogitate in risposta al peer-to-peer filesharing (condivisione di file da utente ad utente via internet attraverso appositi programmi) e alla copia casuale (non organizzata come attività criminale) dei compact disc, comportamenti divenuti abituali negli ultimi anni, che si è supposto abbiano causato ingenti perdite sotto forma delle cosiddette "mancate vendite". La questione non era particolarmente rilevante quando lo standard per il CD venne introdotto nei primi anni '80 e così a differenza dei più recenti DVD, la definizione dello standard dei CD non specifica alcuna forma di protezione da copia intrinseca al formato o altri sistemi di gestione digitale dei diritti (DRM). CopyControl è uno dei vari tentativi di applicare la protezione da copia sullo standard CD, ma dato che si tratta di una mera modifica dello standard che nasce come non limitativo e che deve continuare a fornire risultati utilizzabili nella maggior parte dei lettori CD, l'efficienza del sistema produce risultati piuttosto vari.

Dato che i dischi con il sistema Copycontrol non sono conforni ai requisiti degli standard per il CD definiti nel Red Book, questi non sono (o non devono essere!) marcati con il logo "compact disc digital audio", che è un marchio registrato della Philips. Un CD CopyControl che non funzioni correttamente in un'autoradio-CD è stato ritenuto difettoso in una azione legale in francia del 2003 e ogni CD con simili protezioni uscito più recentemente portava stampate delle note ben visibili che menzionavano la semplice compatibilità con il CD e la possibilità di riscontrare problemi di riproduzione "con determinate apparecchiature, come ad esempio i lettori CD delle autoradio". Nonostante questo ci si riferisce a questo tipo di dischi come "CD" o "CD protetti da copia" nei negozi dove questi vengono venduti e nel linguaggio colloquiale.

Un disco CopyControl (Copy Control) apparirà come disco in mixed-mode, che ha per contenuti una parte audio ed una parte dati. Sotto Windows, il semplice inserimento del disco nel lettore, salvo diverse impostazioni, comporta l'avvio, attraverso la cosiddetta funzione autorun,di una applicazione contenuta nel disco stesso, corrispondente solitamente ad un player audio che riproduce contenuti audio protetti da DRM, anch'essi contenuti nel disco stesso. È noto però che il meccanismo dell'autorun può essere temporaneamente disabilitato tenendo premuto il tasto shift durante l'inserimento del disco, oppure definitivamente attraverso le impostazioni del proprio sistema operativo.

La capacità di estrarre digitalmente le tracce CD-audio dipende molto dal drive di lettura utilizzato. Il primo ostacolo è una TOC (Table of contents) "fasulla", il cui scopo è quello di nascondere la presenza delle tracce audio ai lettori CD-ROM. D'altra parte i lettori CD-R/RW e simili, spesso possono accedere ad ogni sessione dei dischi dati e di conseguenza possono leggere correttamente il segmento audio (esistono documentazioni online di prove svolte bypassando la TOC "fasulla" oscurando temporaneamente 2-4 mm di corona circolare esterna della parte dati del disco con un pennarello adatto. Questo metodo, comunque potrebbe perdere di efficacia con l'avanzare della tecnologia Copy Control).

Il secondo grosso ostacolo è costituito dai dati di correzione d'errore incompatibili (e tecnicamente corrotti). Ancora una volta, l'effetto di questa caratteristica dipende molto dal lettore; alcuni drive saranno in grado di leggere i dati senza problemi, ma altri produrranno file audio con rumorosi schiocchi ogni pochi secondi. Un problema correlato con questo aspetto è che questi dischi probabilmente non saranno resistenti agli strisci come i dischi standard.

La tecnologia CopyControl inoltre non impedisce la copiatura del disco attraverso la registrazione dell'audio in uscita dalla scheda sonora del computer (o da una qualsiasi altra uscita audio) che solitamente causa solamente una leggera perdita di qualità audio (naturalmente soggettiva, quanto invece è oggettivo il degradarsi del sonoro), oppure senza perdita di qualità nel caso di utilizzo di un collegamento digitale od ottico. Molto più consistente ed effettivo sarà invece l'impatto nei confronti della velocità di registrazione. Questo pone uno dei più grossi problemi all'industria musicale, a causa del fatto che molti "pirati" estraggono l'audio dei CD in questo modo.

Normalmente un masterizzare CD riprodurrà il disco ma con pause occasionali (circa ogni 10 secondi) e i masterizzatori DVD saranno in grado di leggere i dati senza alcun problema e potranno estrarre l'audio direttamente sul PC, ove normalmente lettori CD-ROM e DVD-ROM non sono in grado di riprodurre i dati tranne con il lettore fornito.

Ad ogni modo, altri sistemi differenti da Windows, possono facilmente riprodurre dischi "Copycontrolled"; in questi il disco appare come due entità separate: "Audio CD" e il rimanente contenuto in qualsiasi modo sia stato etichettato nel momento della creazione del disco. Dato che i player, inclusi nella porzione "dati" dei dischi copycontrolled, sono solitamente applicazioni proprietarie per Windows e che ugualmente i programmi di auto-avvio sono progettati per Windows, c'è ben poco che possa essere fatto per impedire ad un utente di un sistema operativo differente da Windows di estrarre digitalmente (effettuare un "ripping") l'audio di un disco Copy Control (anche se, comunque, il procedimento potrebbe richiedere parecchio tempo).

Ad esempio, in Linux, i dischi Copy Control possono essere letti agevolmente utilizzando cdparanoia oppure il servizio "audiocd:/" di KDE, mentre in Mac OS X questi dischi vengono letti altrettanto facilmente con iTunes e Quicktime (quando una traccia CDDA viene trascinata in una cartella diversa dal CD, Quicktime la converte automaticamente in formato AIFF, un formato audio digitale PCM senza perdita di informazione, ovvero lossless). Malgrado alcuni dischi CopyControl contengano software Mac OS, questo non accade frequentemente.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia