Sestriere

3.4310756972138 (1255)
Inviato da maria 28/04/2009 @ 06:09

Tags : sestriere, piemonte, italia

ultime notizie
da Sestriere: un saluto a Pedro Munoz Horrillo - Blogolandia
Nella gioia e nell'entusiasmo per il Giro d'Italia del Centenario, che domani transiterà sul Colle del Sestriere, la redazione di Blogolandia rivolge un pensiero ed un saluto affettuoso a Pedro Munoz Horrillo, che purtroppo non ci sarà....
Estate, tempo di bagni non solo a Sestriere - Blogolandia
Certo, di terme ne abbiamo anche in Piemonte, non lontano da Sestriere e da Torino, ma lo spirito di Blogolandia è anche quello di creare nuove opportunità di turismo e di far conoscere la nostra bella Italia a noi italiani, prima ancora che agli...
Giro d'Italia 2009: Stefano Garzelli in fuga solitaria sul Sestriere - Sabato Sera Online
Ciclismo. Impresa d'altri tempi per Stefano Garzelli dell'Acqua e Sapone che scala in solitario il Sestrière nella decima tappa del Giro d'Italia del centenario. Dopo una settantina di chilometri corsi in fuga solitaria Garzelli supera la Cima Coppi...
Ufficiale, Sestriere sarà Cima Coppi del Giro del Centenario! - Blogolandia
Dall'Ufficio Stampa del Comune di Sestriere - ufficiostampa@comune.sestriere.to.it , articolo di Ezio Romano. La “Cima Coppi” del Giro d'Italia del Centenario, ovvero il punto più alto raggiunto dai corridori durante l'intera competizione,...
Cosa vedere a Sestriere… - Blogolandia
Monumento commemorativo edificato per la prima volta nel 1914, in occasione del centenario del completamento della strada nazionale Torino - Pinerolo - Sestriere - Monginevro. La strada fu originariamente voluta da Napoleone, circostanza che è...
Sestriere fa il boom - L'Eco del Chisone
SESTRIERE - «Nonostante la crisi, è stato l'8 dicembre più frequentato che ricordi». Lo scorso inverno, come ha ricordato a fine stagione il sindaco Andrea Colarelli, il turismo a Sestriere è iniziato bene. Ed è finito, il 2008, «con un numero di...
Sergio Scibilia (Pd) interviene sull'incendio appiccato a un bar a ... - Riviera24.it
Non aiuta lo scontro sociale tra il Comune e le organizzazioni di volontariato operanti sul territorio ( Comitato di Quartiere - Sestriere, ecc.) o la chiusura di poli culturali quali ad esempio la scuola. I cittadini onesti,le centinaia di lavoratori...
Benedetto, «cucciolo» delle nevi - il Giornale
Soprattutto il primogenito Benedetto, detto Benni, che di anni ne fa undici e che attualmente scia per lo Sci Club Sestriere dove è capitano della «squadra» che gareggia nella categoria Cuccioli. Un cucciolo, ma con una ricca storia agonistica alle...

Sestriere

Panorama di Sestriere

Sestriere (in occitano Sestrieras o La Sestriera; in piemontese Ël Sestrier; in francese Sestrières) è un comune di 886 abitanti della provincia di Torino. Con i suoi 2.035 metri sul livello del mare è il comune italiano posto alla maggiore altitudine.

Fa parte della Comunità Montana Alta Valle di Susa.

Sestriere si trova sul colle omonimo che mette in comunicazione la Val Chisone e la Valle di Susa. È dominata a nordovest dal monte Fraiteve (2701 m), a sudest dal monte Sises (2658 m), dalla Punta Rognosa di Sestriere (3280 m) e dal monte Motta (2850 m). I nuclei abitativi sono Sestriere Colle, sulla linea di displuvio, Sestrere Borgata, nella valle del Chisone, Champlas du Col e Champlas Janvier, in quella di Susa.

Le origini di Sestriere sono molto recenti. Il comune sorse infatti per regio decreto il 18 ottobre 1934 su terreni della frazione Sauze di Cesana, separata dal Comune di Cesana, dell'ex comune di Champlas du Col, che diventò frazione, e della frazione Borgata, separata dal comune di Pragelato.

A partire dal 1930 Giovanni Agnelli, il fondatore della FIAT, che aveva acquistato per 40 centesimi al metro quadrato i terreni, fece costruire, su progetto di Vittorio Bonadè-Bottino, due alberghi (noti come le torri), che seguono i temi del Razionalismo italiano dell'epoca, tre funivie, dirette ai monti Banchetta, Sises e Fraiteve.

La vita amministrativa del neocomune iniziò il 1 gennaio 1935: fu ideato lo stemma, una banda nera ed una verde ed in mezzo un paio di sci a rappresentare la vocazione di stazione invernale di Sestriere, e il primo sindaco fu Paolo Frà.

Nel corso degli anni Trenta vennero costruiti anche una nuova strada, un trampolino per il salto con gli sci, un altro albergo, il "Principi di Piemonte" e un prestigioso campo da golf a 18 buche (il più alto d'Europa).

Questo sviluppo venne interrotto dalla seconda guerra mondiale, che bloccò il turismo e danneggiò gli impianti. Negli anni Cinquanta iniziò la ricostruzione, guidata da Giovanni Nasi (nipote del senatore Agnelli e sindaco dal 1948 al 1980) e vennero costruite nuove sciovie e seggiovie.

Dal 1967 si svolgono le gare di Coppa del Mondo di sci alpino, nel 1997 è stata sede dei mondiali di sci alpino, e nel Febbraio 2006 ha ospitato le gare di sci alpino dei XX Giochi olimpici invernali.

Sestriere è il comune con il più alto valore dell'indice ISTAT dei gradi giorno.

La chiesa parrocchiale di Sant'Antonio Abate, a Champlas du Col, risale al XII secolo, ma venne ricostruita nel 1839 e restaurata completamente all'inizio del Novecento Al suo interno si trovano un pulpito del 1747 e un retablo in legno del XVII secolo.

La chiesa di Sant'Edoardo, a Colle Sestriere, fu voluta da Giovanni Agnelli in memoria del figlio Edoardo, morto in un incidente aereo nel 1935. Progettata da Vittorio Bonadè-Bottino in stile pseudo-romanico e costruita in gneiss dioritico, ha un portale in bronzo massiccio di Arturo Dazzi; nell'interno di trovano un Crocifisso e un'Addolorata scolpiti in marmo da Edoardo Rubino, una statua di Sant'Edoardo in porfido rosso ed una Via Crucis in bronzo dorato di Francesco Messina, ed una statua della Vergine dell'Accoglienza di Tonino Scuccimarra.

Nel 1914 è stato eretto un obelisco che commemora la strada fatta costruire cent'anni prima da Napoleone per mettere in comunicazione il Piemonte e l'Alta Savoia.

La Cappella della Regina Pacis e stata costruita tra il 1922 e il 1924 per ricordare i caduti della Val di Susa e della Val Chisone nella prima guerra mondiale.

I due alberghi a torre con rampe interne elicoidali sono tra i primi del genere e costituiscono un interessante esempio di architettura moderna.

Complessivamente le piste sono 146, servite da 92 impianti di risalita, per una lunghezza di 400km, 120 dei quali innevati artificialmente.

Sestriere è famosa soprattutto come sede di sport invernali: appuntamento fisso di Coppa del Mondo di sci alpino, ha ospitato anche i Mondiali, e nel Febbraio del 2006 ha ospitato i XX Giochi olimpici invernali di Torino 2006.

Per la parte superiore



Strada statale 23 del Colle di Sestriere

La ex strada statale 23 del Colle di Sestriere (SS 23), poi strada regionale 23 del Colle di Sestriere (SR 23) e ora strada provinciale 23 del Colle di Sestriere (SP 23R), è una strada provinciale italiana di notevole importanza. Inizia a Torino, nel centro città, con i nomi di: Via Paolo Sacchi, Corso Filippo Turati e Corso Unione Sovietica e, dopo aver superato la tangenziale, giunge a Stupinigi. Il tracciato è pianeggiante e scorrevole e tocca i comuni di Airasca, Riva e Pinerolo. Arrivati a Pinerolo la strada statale riceve il traffico proveniente dall'Autostrada del Pinerolese.

L'abitato di Pinerolo viene superato con un tracciato in variante a due corsie per senso di marcia e senza intersezioni a raso, che forma (insieme alla ex strada statale 589 dei Laghi di Avigliana) la tangenziale di Pinerolo. In occasione delle Olimpiadi di Torino 2006 è stato costruito un ulteriore tratto di variante, per evitare l'attraversamento dell'abitato di Porte, costuito prevalentemente da gallerie e viadotti. Anche l'abitato di Villar Perosa viene aggirato tramite un tratto in variante, che consente di raggiungere anche il comune di San Germano Chisone.

Oltrepassata Villar Perosa, la strada ritorna sulla sede "storica" e diventa più tortuosa, iniziando la risalita verso la Valle del Chisone, dove tocca i centri di Dubbione, Pinasca, Perosa Argentina, Roure, Villaretto e Fenestrelle, costeggiando l'omonimo Forte ed arrivando a quota 1154 m.s.l.m. Prosegue poi attraversando Usseuax, Fraisse, Pragelato, che si trova a 1521 m.s.l.m, fino ad arrivare al Colle di Sestriere. Superata la famosa località sciistica, la strada prosegue infine fino ad arrivare a Cesana Torinese, dove si immette sulla strada statale 24 del Monginevro.

In seguito al Decreto Legislativo n. 112 del 1998, dal 2001, la gestione è passata dall'ANAS alla Regione Piemonte, che ha ulteriormente devoluto le competenze alla Provincia di Torino; la strada venne quindi classificata come regionale con il nome di strada regionale 23 del Colle di Sestriere (SR 23).

Nel 2007, con la Legge Regionale Piemonte 6 agosto 2007 n. 18 (BUR 9/8/2007 n. 32) e con la conseguente soppressione dell'ARES (Agenzia Regionale Strade) di cui faceva parte, venne infine classificata come strada provinciale con il nome di strada provinciale 23 del Colle di Sestriere (SP 23R).

Per la parte superiore



Colle del Sestriere

Il paese di Sestriere sulla sommità del colle

Il Colle del Sestriere è un valico alpino situato nelle Alpi Cozie in Provincia di Torino che collega l'Alta Val di Susa con la Val Chisone.

Napoleone nel 1814 fece costruire la prima strada rotabile che attraversa il colle.

In cima al colle è sorto dagli anni 1930 il paese di Sestriere che è diventato una importante stazione sciistica.

La salita del Colle del Sestriere ha ospitato le fasi finali di tappe del Giro d'Italia e del Tour de France sia dal versante della Val di Susa che dalla Val Chisone.

Per la parte superiore



Punta Rognosa di Sestriere

La Punta Rognosa di Sestriere vista dal Gran Puy, frazione di Pragelato

Coordinate: 44°56′09″N 6°55′49″E / 44.935762, 6.930141 La Punta Rognosa di Sestriere (3.280 m s.l.m.) è una montagna delle Alpi Cozie.

Si trova a sud-est dell'abitato di Sestriere lungo lo spartiacque tra la val Chisone (nella sua valle laterale val Troncea) e la val di Susa (nella sua valle laterale Valle Argentera).

È possibile salire sulla vetta partendo dal Colle del Sestriere.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia