Salute

3.3140495867636 (1089)
Inviato da maria 01/03/2009 @ 06:46

Tags : salute, podcast

ultime notizie
Prove generali con la Casa della salute - Corriere della Sera
MILANO - «Io qui mi sento bene prima ancora di essere visitata», ha esclamato un'anziana signora all'inaugurazione, nel gennaio scorso, della Casa della salute di Varallo Sesia, provincia di Vercelli, alle pendici del Monte Rosa....
SALUTE: 11/6 CHIUSI AMBULATORI MEDICI FAMIGLIA E PEDIATRI - AGI - Agenzia Giornalistica Italia
La Direzione centrale della Salute ed il Ceformed informano che gli studi professionali dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta della Regione Friuli Venezia Giulia, rimarranno chiusi per l'intera giornata di giovedi' 11 giugno...
FEBBRE SUINA: OMS, 25288 CASI CONFERMATI IN 73 PAESI CON 139 MORTI - Adnkronos/IGN
(Adnkronos/Adnkronos Salute) - Sono arrivati a 25.288 i casi confermati di influenza A/H1N1 in 73 Paesi, con 139 morti. E' il bollettino di oggi diffuso dall'Organizzazione mondiale della sanita' (Oms), che rispetto all'ultimo bilancio di venerdi'...
SALUTE: 7,7% BAMBINI PIEMONTESI DI 8 E 9 ANNI E' OBESO - Asca
I dati sono il risultato di tre distinte indagini svolte per classi di eta' e dedicate allo studio dei comportamenti di salute , ''Okkio alla salute'' , ''Progressi delle aziende sanitarie per la salute in Italia (PASSI)'' e ''HBSC: tra infanzia e...
Salute in carcere. Lo Stato di diritto passa dal pianeta carcere - NEWSFOOD.com
A seguire il testo dell'intervento: Il diritto alla salute è compatibile con la detenzione? Salute e carcere, due principi costituzionali da rispettare: diritto alla salute e funzione della pena. Se il grado di civiltà di un Paese si misura dalle...
I Probiotici alleati della salute.... anche in estate - NEWSFOOD.com
I probiotici, microrganismi vivi e vitali che conferiscono benefici alla salute dell'ospite quando consumati, in adeguate quantità (definizione OMS), sono alleati della salute dell'intestino e rappresentano un efficace supporto anche durante la...
Salute Influenza A/H1N1 Nel Lazio 5 nuovi casi - il Giornale
Sono stati confermati ieri dal ministero della Salute altri cinque casi di positività alla nuova influenza umana A/H1N1 nel Lazio, tre a Viterbo e due a Roma. I casi viterbesi sono collegati e riguardano tre giovani, due delle quali tornate il 24...
Cellulari e salute: aumentano le dermatiti da contatto scatenate ... - Key4biz (Abbonamento)
Sempre più italiani – sarebbero oltre 10 mila - soffrono di dermatiti scatenate dal nichel o da altri parti metalliche del cellulare. Le parti colpite sono ovviamente il viso e le orecchie, che presentano i segni classici della dermatite da contatto:...
Immigrazione e salute: i medici a confronto per elaborare un ... - ImmigrazioneOggi
“La salute degli immigrati: un linguaggio comune per parlare” è il convegno in programma ad Ancona il prossimo 9 giugno. Monitorare, rilevare e analizzare in modo condiviso e confrontabile la salute degli immigrati: è lo scopo di un progetto campione...
Unione nazionale consumatori: i Nas custodi della salute - Tutto Consumatori
Unione nazionale consumatori conclude augurandosi che il Comando possa disporre di ulteriori risorse, per reprimere in modo ancora piu' capillare l'attivita' criminosa di quanti attentano alla salute dei cittadini: "Chi produce o vende prodotti...

Comitato di salute pubblica

Robespierre, l'anima del Comitato di salute pubblica

Il Comitato di difesa generale, dopo la creazione del Tribunale rivoluzionario il 10 marzo 1793, attraverso il relatore Bertrand Barère de Vieuzac, il 18 marzo 1793 richiese alla Convenzione Nazionale la creazione di un nuovo Comitato con lo scopo di « estinguere tutti i focolai di discordia ».

Approvato il decreto, la Convenzione procedette all’elezione dei membri e Barère de Vieuzac reccolse il maggior numero di consensi.

Jean Antoine Debry, malato, diede le dimissioni e fu sostituito da Robert Lindet, deputato dell’Eure.

Con suffragio universale venivano eletti i deputati della Convenzione, che eleggevano i rappresentanti del Comitato di salute pubblica e del Comitato della sicurezza nazionale, che si occupava di rinviare a giudizio gli accusati di fronte al Tribunale rivoluzionario. Il Comitato di salute pubblica proponeva le leggi per l’eventuale approvazione della Convenzione e nominava i rappresentanti in missioni di guerra al fronte e all’interno dei dipartimenti.

Considerato troppo moderato, il Comitato passò sotto il controllo dei Giacobini con la caduta dei Girondini e l’eliminazione di Danton e dei suoi seguaci nell’agosto 1793.

Jean-Marie Hérault de Séchelles fu eliminato per dantonismo senza essere rimpiazzato. Dal luglio 1793 – dopo la scomparsa di Georges Danton – fino al luglio 1794, furono rieletti gli stessi montagnardi, ad eccezione di uno solo. Nella seduta del 31 luglio 1793, per festeggiare l’anniversario della presa delle Tuileries, il 10 agosto 1792, Barère propose la distruzione delle tombe reali della Basilica di Saint-Denis.

Nel Comitato esisteva una "destra" formata da Robert Lindet, Lazare Carnot e da Claude-Antoine Prieur-Duvernois, una "sinistra" comprendente Maximilien Robespierre, Louis Antoine de Saint-Just, Georges Couthon, Pierre-Louis Prieur, André Jean-Bon-Saint-André; una "estrema sinistra" formata da Jacques-Nicolas Billaud-Varenne, Jean-Marie Collot d'Herbois, Jean-Marie Hérault de Seychelle e Bertrand Barère de Vieuzac. Ma il vero capo del "Grande Comitato" fu Robespierre. Per quanto non vi avesse alcun incarico particolare, la sua influenza vi fu presto preponderante, formando il legame vivente fra Comitato, la Convenzione, il Club dei giacobini e la Comune di Parigi. Fu lui a impegnare il Comitato in una politica sociale caratterizzata da sussistenza alle classi più povere e da leggi popolari.

Quando la Repubblica fu minacciata dall’intervento armato straniero i Giacobini centralizzarono le denunce, i processi e le esecuzioni sotto la supervisione del Comitato, che governò in modo dittatoriale, inviando nelle province e presso gli eserciti dei rappresentanti che applicarono la politica del Terrore.

I dissensi all’interno del Comitato condussero alla caduta del regime del Terrore: la maggioranza, capeggiata da Jacques-Nicolas Billaud-Varenne, Jean-Marie Collot d'Herbois et Lazare Carnot, s’oppose a Robespierre e ai suoi seguaci che furono messi in stato d’accusa e giustiziati il 9 termidoro dell’anno II (27 luglio 1794); i poteri del Comitato furono ridotti alla conduzione della politica estera e della guerra, fino alla sua definitiva soppressione nel 1795.

Per la parte superiore



Determinanti della salute

I determinanti della salute sono i fattori la cui presenza modifica in senso positivo o negativo lo stato di salute di una popolazione.

Accreditati studi internazionali hanno effettuato una stima quantitativa dell’impatto di alcuni fattori sulla longevità delle comunità, utilizzata come indicatore indiretto dello stato di salute: i fattori socio-economici e gli stili di vita, contribuiscono per il 40-50%, lo stato e le condizioni dell’ambiente per il 20-30%, l’eredità genetica per un altro 20-30% e i servizi sanitari per il 10-15%.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha proposto anche un elenco di prerequisiti della salute, ossia di situazioni che devono essere presenti nelle comunità che acquisiscono la consapevolezza e la decisione di perseguire la salute dei suoi componenti.

Per la parte superiore



Strategia della salute per tutti

La "strategia della salute per tutti", assieme alla "promozione della salute" può essere considerata la principale strategia proposta dall'Organizzazione Mondiale della Sanità. Questo principio, adottato nel 1984, poi aggiornato nel 1991 e successivamente nel 1998, sulla base dei cambiamenti avvenuti, da un lato, nella struttura demografica, politica, economica e sociale dell'Europa, e, dall'altro, nell'esperienza concreta dell'attuazione di questa carta, stabilisce gli obiettivi strategici che dovrebbero costituire il cardine su cui impostare le politiche per la salute a livello nazionale e locale negli Stati Membri, e che sono finalizzati a realizzare un miglioramento quantitativo e qualitativo dello stato di salute degli abitanti della Regione europea.

Nell'intraprendere il cammino che conduce al raggiungimento di questi obiettivi è anche sorta la consapevolezza della necessità di prevedere da una parte un’ampia gradualità temporale e dall’altra ulteriori elaborazioni culturali e di pensiero, in quanto si trattava di arrivare ad un cambiamento di portata molto vasta. In sostanza, vengono ribaditi ed ulteriormente specificati i principi, i valori e le modalità, la cui applicazione consente di esplicare l'innovativo concetto di salute elaborato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, così estensivo e totale da farlo assurgere ad obiettivo finale dello sviluppo economico e sociale. Essi riguardano pertanto l'equità, la solidarietà e la giustizia sociale ed economica, la promozione e l'investimento in salute, la ricerca della qualità dell'assistenza, l'interdipendenza degli ambienti e dei settori della vita sociale nel determinare la salute umana.

La realizzazione di questo programma strategico globale implica necessariamente la ridefinizione del ruolo del finanziamento dell'assistenza sanitaria e dell'allocazione delle risorse, della formazione e dell'informazione, e, più in generale, della funzione di governo. Infatti, pur assicurando l'Organizzazione Mondiale della Sanità il suo costante appoggio e il sostegno concreto nella realizzazione della strategia della salute per tutti, è solo l'esistenza di una leadership motivata e la volontà politica, sia a livello locale che nazionale, che possono veramente far proprio ed utilizzare questo fondamentale contributo, volto al raggiungimento e alla diffusione di uno stato di benessere equamente diffuso negli Stati della Regione europea. Questa disponibilità può sorgere, o meglio, svilupparsi in modo sempre più spontaneo, pregnante e capillare (dato che alcune iniziative in tal senso sono state già attuate in varie realtà), se matura la convinzione di come la salute così intesa, si configuri prima di tutto come una potente piattaforma politica, inevitabilmente destinata a creare e raccogliere un consenso ampio e partecipato da parte dei cittadini, portando come ultimo risultato uno sviluppo sociale più democratico, socialmente responsabile e sostenibile.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia