Ristorazione

3.3826086956653 (805)
Inviato da gort 02/03/2009 @ 00:41

Tags : ristorazione, economia

ultime notizie
Risto 3, la ristorazione dei grandi numeri aumenta il fatturato el ... - Avvenire.it
Ma per chi, come la Risto 3, nel 2008 ha confezionato 5.736.776 pasti, soprattutto per la ristorazione collettiva, chiudere il bilancio in crescita non era poi un risultato così scontato. In un settore governato dagli appalti che privilegiano nei fatti...
Progetto IPopy: una delegazione danese visita la sede di ProBER - DIARIODELWEB.it
BOLOGNA – Studiare più da vicino il sistema della ristorazione scolastica emiliano-romagnola che promuove e utilizza i prodotti biologici: è questo l'obiettivo che ha spinto una delegazione danese di specialisti a conoscere alcune realtà...
Rifiuti della ristorazione, dal 1 giugno in vigore il nuovo sistema - Termoli Online
TERMOLI. Si sono riuniti ieri mattina i ristoratori di Termoli con l'assessore all'ambiente Emanuela Lattanzi. Ancora una volta per discutere di differenziata. Dopo il tavolo di 'concertazione' svoltosi qualche settimana fa, la Lattanzi aveva chiesto...
Scuola, mense a peso d'oro «Ma 7mila non pagheranno» - il Giornale
Da un anno all'altro le famiglie della fascia più alta (reddito da 78.400 euro in su corrispondente alla fascia Isee da 27mila euro in su) sborseranno alla Milano Ristorazione 208 euro in più. Il ritocco sfiora un aumento del 44 per cento....
Pasti, orario “lungo” in ospedale - Il Secolo XIX
E nel giro di poco tempo potrà contare su una autentica “chicca”: nella nuova gara per l'aggiudicazione del servizio di ristorazione dell'Asl è chiaramente previsto l'utilizzo per la preparazione dei pasti di prodotti tipici locali, i carciofi ei...
Ristorazione/ Consiglio Stato: apertura locali libera, no vincoli - Wall Street Italia
Il ricorso della Panet era stato già accolto dal Tar della Lombardia, ma era stato appellato dal Comune di Milano, oltre che dalla Fipe ee da un'altra società specializzata in ristorazione. Il Consiglio di Stato non ha accolto solo la richiesta di...
PONTE 2 GIUGNO, VENEZIA CITTA' PIU' CARA - ANSA
"Il capoluogo lagunare si conferma ancora in testa alla classifica delle città più costose d'Europa sul fronte del turismo - conclude Rienzi - specie se alle tariffe degli alberghi si associano anche i prezzi delle strutture di ristorazione come bar e...
Professione ristoratore moderno: per essere e fare la differenza! - Viniesapori.net
Diventare un professionista della ristorazione è invece possibile e la Città del Gusto di Napoli - Gambero Rosso è il luogo giusto per imparare come. Il 25 maggio inizia il corso "Professione Ristoratore Moderno", un corso altamente innovativo rivolto...
Serramazzoni: convegno su formazione professionisti ristorazione e ... - Bologna 2000
Appennino - La valorizzazione dei prodotti agroalimentari passa attraverso la preparazione dei professionisti della ristorazione e ospitalità. Alla formazione del “capitale umano” del patrimonio enogastronomico dell'Emilia-Romagna è dedicato il...
Tel Aviv quella casa trasgressiva delle donne - La Stampa
Poi è stato smantellato, e solo di recente, dopo un deciso restauro, è diventato un luogo d'evasione, di ristorazione, una passeggiata a mare fine a se stessa. Siamo a Nord della città. All'estremo Nord del porto, c'è questo posto, che si chiama Beit...

Ristorazione

La ristorazione è un settore commerciale che comprende tutte le attività, incluse quelle su scala industriale, di banqueting e catering legate rispettivamente a produzione e distribuzione di pasti pronti per la clientela. Diversi tipi di imprese rientrano in questo settore: i ristoranti, le mense delle scuole e degli ospedali, le ditte specializzate di catering ed altri formats.

Ad eccezione dei Caffè già presenti nei paesi islamici alla fine del XV secolo e diffusi in Europa a partire dal XVII secolo come ritrovi mondani, culturali e politici, le strutture per la ristorazione possono essere considerate un servizio recente poiché in passato il loro numero e la loro qualità erano piuttosto scarsi, riservati ad un pubblico di infimo ordine anche per la consuetudine tra gli agiati di offrirsi ospitalità reciproca.

Nell'antica Roma si trovavano tabernae oppure cauponae, enopolium, thermopolium, popinae. Questo tipo di locali, in cui non raramente avviene anche la pratica del gioco d'azzardo e della prostituzione, si moltiplicano nel Medioevo parallelamente agli scambi commerciali e ai pellegrinaggi. Solo nel XIX secolo il servizio di ristorazione si allarga alla clientela più esigente cominciando dai grandi alberghi e dalle stazioni termali per poi assumere propria fisionomia e autonoma localizzazione. Dal XX secolo, parallelamente ai ristoranti tradizionali, vengono concepite delle nuove strutture per il ristoro rapido ed economico di chi studia, lavora o si trova in viaggio. Dall'evoluzione dei refettori nascono le mense; dall'evoluzione delle stazioni di posta nascono gli autogrill.

Per motivi di lavoro, studio o interesse turistico, negli ultimi decenni sono aumentati in modo considerevole i pasti consumati fuori casa, soprattutto nel mezzogiorno. Questa mutazione delle abitudini quotidiane ha portato alla nascita di un tipo di ristorazione molto diversa da quella tradizionale, capace di soddisfare contemporaneamente i bisogni di tipo nutrizionale e di natura relazionale che centinaia di persone hanno all'ora dei pasti. Sono quindi sorte in pochi anni apposite strutture di preparazione dei cibi (centri-cottura, cucine per collettività ecc.) attrezzate in modo particolare, capaci di approntare in poche ore migliaia di porzioni e di servirle in un brevissimo arco di tempo.

Per "ristorazione collettiva" si intende il servizio di preparazione e consegna su larga scala di pasti completi per collettività (mense aziendali, scuole, ospedali, carceri ecc.). Nell'ambito della ristorazione collettiva meritano un cenno distinto i settori della ristorazione aziendale e quello della ristorazione sociale, ospedaliera e scolastica in particolare. L'organizzazione della produzione e della distribuzione dei pasti di questa ristorazione si differenzia secondo due sistemi: quello convenzionale e quello del legame differito.

Nel sistema convenzionale i cibi vengono cotti e immediatamente distribuiti ai consumatori. In pratica si concentra tutto il ciclo di preparazione delle vivande nelle ore che precedono il loro servizio e consumo. Una razionalizzazione di questo sistema può attuarsi svolgendo in centri di grandi dimensioni alcune delle operazioni che precedono la cottura e inviando poi i semilavorati alle cucine per la cottura e la distribuzione. In questi centri si possono per esempio effettuare l'acquisto e lo stoccaggio delle derrate, le operazioni di pulitura e mondatura, quelle di taglio e porzionatura.

Al contrario di quello convenzionale, nel legame differito le operazioni di preparazione e cottura e quelle di distribuzione e consumo vengono effettuate in tempi e luoghi completamente separati. La preparazione e la cottura delle vivande sono infatti eseguite in grandi centri, dai quali escono i pasti finiti, che vengono poi trasportati alle mense per la distribuzione e il consumo. Fra il momento in cui il cibo viene preparato nel centro di cottura e quello in cui viene consumato nel centro di distribuzione possono trascorrere minuti, ore, o persino giorni o mesi, a seconda del sistema che si adotta per conservare i pasti preparati. Si possono infatti distinguere due tipi di legame: quello caldo e quello freddo.

Il primo prevede che i pasti siano mantenuti durante il trasporto a una temperatura di almeno 65 °C (in modo da evitare il rischio di una crescita microbica), e che i tempi tra la fine della cottura e il consumo non superino le due ore.

Il legame freddo viene attuato raffreddando rapidamente le vivande subito dopo la cottura e mantenendole al freddo sino al momento in cui vengono riprese per essere consumate. Se la temperatura è tra 0 e +4 °C, si parla di legame refrigerato; se invece la temperatura si abbassa sino a -18 o -20 °C si parla di legame surgelato.

Col legame refrigerato, poco in uso in Italia, il cibo cotto si conserva per pochi giorni (al massimo sei, secondo la normativa francese); con il legame surgelato, invece, i pasti si conservano anche molto a lungo, purché siano rispettate le condizioni di produzione e di conservazione proprie dei prodotti surgelati (congelazione rapida sino a raggiungere i -18 °C al centro del prodotto nel tempo massimo di 4 ore; mantenimento della catena del freddo a -18 °C per tutto il periodo di trasporto e conservazione). Naturalmente i pasti distribuiti con il legame freddo devono essere riscaldati a 65-70 °C prima del consumo, in modo da renderli appetibili e igienicamente sicuri. L'adozione del legame freddo può essere molto utile, ma richiede uno studio attento delle ricette, che per quantità, tipo e qualità degli ingredienti devono adattarsi perfettamente a ogni fase del processo produttivo, e delle tecniche di cottura e di rinvenimento, nell'ottica di un'operatività su larga scala e a costi controllabili.

La maggior parte delle mense aziendali adotta una distribuzione tipo self service, che normalmente viene data in gestione a società specializzate. I vantaggi che derivano da questa scelta gestionale sono evidenti, perché le ditte specializzate che si occupano di ristorazione mettono a disposizione personale qualificato e riescono a gestire meglio il rapporto con i fornitori. D'altra parte è necessario che l'azienda svolga un controllo sulla società che ha in gestione la mensa, per evitare che essa tenti di aumentare il proprio margine di guadagno utilizzando prodotti di qualità scadente e somministrando porzioni insufficienti. Nella ristorazione aziendale coesistono l'organizzazione convenzionale con la cottura e la distribuzione immediata del cibo e il legame differito, con i pasti provenienti da centri di cottura esterni. In questi centri, che generalmente servono diverse mense aziendali, si realizza un controllo costante ed efficace delle grammature e della qualità dei cibi, con le garanzie di efficienza provenienti da un'organizzazione produttiva specializzata. L'industria alimentare si sforza di mettere a disposizione dei centri di produzione un numero sempre crescente di nuovi semilavorati e di preparati studiati specificatamente per il catering, in modo da favorire una gestione più veloce del lavoro, limitando il più possibile le manipolazioni di finitura e confezionamento.

Nell'ambiente ospedaliero si svolgono e si intersecano tra loro molte attività diverse, e la ristorazione non può costituire un fatto a sé stante, ma deve integrarsi nel complesso funzionamento di tutta la struttura. Questo pone molti problemi di tipo organizzativo, igienico, impiantistico: le tecniche di trasporto dei pasti in queste strutture non devono infatti interferire con il funzionamento stesso dell'ospedale, e ogni luogo di consegna e sosta delle vivande presso i reparti deve essere organizzato come un vero e proprio terminale di distribuzione collegato a un centro cucina. Il problema principale è quello di coordinare la produzione con il numero sempre diverso delle prenotazioni e con l'esigenza di diete specifiche; la distribuzione dei pasti deve inoltre integrarsi (soprattutto a livello di tempi) con il lavoro di raccolta e smaltimento dei residui e con il necessario rispetto delle norme igieniche, che richiede un'elevata professionalità degli addetti.

Per risolvere questi problemi, è indispensabile un investimento sulle attuali tecnologie. Alcune cucine centralizzate ospedaliere rappresentano esempi molto avanzati del livello oggi raggiunto dalla tecnologia di ristorazione: per esempio, l'informatica fornisce un aiuto importante nella gestione organizzativa, mentre sul piano dell'impiantistica sono state sviluppate reti sotterranee di distribuzione con nastri trasportatori, carrelli e contenitori frigo-termici, mediante i quali si distribuiscono kit pranzo/cena/prime colazioni confezionati e sigillati per garantire la massima igiene.

In Italia le prime mense scolastiche furono organizzate nelle scuole elementari per aiutare i bambini delle famiglie meno agiate (patronato scolastico); nel tempo, la refezione scolastica si è potenziata e oggi questo servizio viene offerto a tutti i ragazzi che frequentano la scuola dell'obbligo, dalla materna, all'elementare, alla media. Questo sistema è sovvenzionato dai comuni, che ne assegnano la gestione ad aziende specializzate, scelte mediante il sistema della gara d'appalto.

Per un migliore controllo della produzione e dei costi si preferisce in genere adottare il sistema del legame differito, con grandi centri di cottura che servono le singole realtà scolastiche; solo in alcuni comuni sopravvivono ancora scuole con il locale di cucina annesso, nel quale si provvede alla preparazione e alla cottura dei cibi prima della loro distribuzione. La responsabilità del Comune interessa anche la definizione del menù e del cosiddetto "capitolato" rispetto alla qualità delle materie prime; vengono perciò stilate precise tabelle dietetiche, in accordo con le esigenze alimentari delle diverse fasce di età.

Rispetto a quella di terra, la ristorazione a bordo di treni, aerei e navi richiede particolari soluzioni tecniche, adatte al mezzo sul quale viene svolto questo servizio.

Il problema maggiore che si pone per i servizi di ristorazione a bordo dei treni è quello del rapporto qualità/prezzo. Il costo di produzione di un pasto incide infatti maggiormente sul prezzo finale (almeno due terzi del prezzo finale) rispetto a quanto accade a terra; d'altra parte, è anche difficile ridurre i costi, sia quelli di produzione sia quelli del personale viaggiante. Lo sviluppo della ristorazione ferroviaria è legato alla possibilità di aumentare progressivamente il numero di pasti serviti, in modo da praticare economie di scala, ma dipende anche dalla vittoria sulle resistenze psicologiche dei viaggiatori, che ancora oggi preferiscono la classica soluzione del panino da mangiare, fuori orario, una volta giunti a destinazione.

A differenza di quanto detto per i treni, la ristorazione sugli aerei ha visto una rapida espansione e attualmente interessa un enorme volume d'affari. Le problematiche che caratterizzano questo tipo di organizzazione sono comunque complesse. Inizialmente erano le stesse compagnie aeree a gestire la ristorazione e le cucine di bordo venivano progettate da esperti del settore alberghiero e della ristorazione tradizionale. Oggi, invece, una compagnia di volo che deve controllare decine di partenze nel giro di un'ora non è più in grado di gestire efficacemente anche la ristorazione, predisponendo il necessario sistema di approvvigionamento e di assistenza a terra e mantenendo nello stesso tempo costi competitivi. Quindi la ristorazione aerea viene appaltata a grandi aziende di catering specializzate, che siglano il contratto di fornitura direttamente con le compagnie di volo o con le società di gestione aeroportuale.

Ormai il trasporto passeggeri aereo ha sostituito sulle lunghe distanze quello navale, mentre è aumentato il traffico di crociera e quello sulle corte e medie distanze (navi traghetto). D'altra parte, proprio la ristorazione navale vanta il servizio di più lunga tradizione, per lo più attuato secondo il sistema tradizionale. Viaggiando in mare per giorni non è infatti possibile rimandare il consumo dei pasti all'arrivo (come invece avviene spesso in treno) e si presentano anche molti problemi rispetto al poco spazio disponibile, alla difficoltà di conservare le derrate fresche e alla necessità di accontentare le diverse fasce di passeggeri, preparando contemporaneamente una cucina di alto livello, una economica, e una adatta alla mensa di bordo.

Si tratta di un fenomeno ristorativo molto recente, figlio delle continue evoluzioni delle abitudini alimentari degli italiani. La ristorazione "a domicilio" rappresenta una moderna alternativa ai classici ristoranti e offre l'opportunità di poter personalizzare completamente il momento del pasto. Un numero sempre crescente di persone, in particolari circostanze (matrimoni, battesimi, cene aziendali, congressi ecc.) preferisce luoghi diversi dal tradizionale ristorante e si affida a ditte specializzate di catering che oltre al pranzo offrono l'ospitalità in palazzi rinascimentali o in splendide ville d'epoca nei quali trascorrere, in una cornice completamente nuova, un momento diverso dalla quotidianità.Le società di ristorazione a domicilio organizzano pranzi e feste "come e dove il cliente desidera": propongono un vasto repertorio di ville, palazzi, castelli, forniscono il "ricevimento completo", occupandosi del pranzo,degli addobbi, dei costumi, della musica, e di tutte le componenti necessarie a far si che la festa abbia successo. In questo modo il cliente si sente sollevato da tutti gli oneri e gli impegni che molto spesso non riesce a svolgere per mancanza di tempo o competenza. La ristorazione è in genere di buon livello, con una vasta scelta di menù, adatti a tutte le possibilità economiche della clientela.

Si tratta di un particolare tipo di ristorazione collettiva che in Italia si è sviluppato con l'aumento della rete viaria, per soddisfare le molteplici esigenze di chi si trova a viaggiare in autostrada. L'elemento che differenzia notevolmente la ristorazione organizzata rispetto alle altre offerte rivolte alle collettività è il tipo d'utenza alla quale si propone: il viaggiatore. Ogni giorno l'autostrada è percorsa da decine di migliaia di persone di diversa età, sesso, nazionalità, professione, che si muovono per i motivi più disparati. Questa clientela eterogenea si rivolge ai punti di ristoro autostradali con esigenze molto diverse, che vanno dalla sosta per il pasto completo al semplice caffè consumato durante il rifornimento di carburante. Un'altra caratteristica tipica della ristorazione autostradale è quella della brevità della fermata per il ristoro; in poco tempo, infatti, il cliente deve poter utilizzare tutti i servizi offerti dall'azienda, non solo di tipo gastronomico, ma anche diverso: l'edicola, la toilette, i cambi per i bambini piccoli, i telefoni, il market ecc.

Per questo tipo di struttura, distribuita sulla maggior parte della rete autostradale, è fondamentale proporsi all'utenza con uno standard aziendale ben definito e collaudato. In un "autogrill" ben poco è lasciato al caso: gli arredi, i colori, i percorsi, la dislocazione dei prodotti, l'abbigliamento degli operatori, il tipo di servizio, il menu, le dosi previste per panini e bibite (e molte altre funzioni meno evidenti) sono tutte pianificate presso una sede centrale, verificate sperimentalmente sul campo e quindi codificate e adottate da tutta l'azienda. Questo modo di lavorare, centralizzato e piramidale, lascia poco spazio alla creatività del singolo operatore, ma risulta indispensabile sotto l'aspetto economico (previsioni, rendimenti, acquisti, budget ecc.). Inoltre, questo sistema è il più efficace per offrire al viaggiatore, sempre e in ogni punto vendita, la stessa immagine e il medesimo livello di servizio. Tutti gli acquisti, delle derrate alimentari e non, sono stabiliti presso una sede centrale alla quale giungono le segnalazioni dei singoli punti di ristoro; sempre da un magazzino centralizzato, le merci vengono quindi smistate a tutta la rete autostradale. La sede centrale organizza anche il lavoro del personale, che spesso costituisce il punto critico di queste organizzazioni. Infatti, questi locali sono aperti 24 ore al giorno e gli operatori sono costretti a turni spesso poco agevoli e lontani da casa.

I punti di ristoro autostradale sono strutture ovviamente ben individuabili, in cui il cliente, seguendo un percorso obbligato verso l'uscita, passa in prossimità di tutti servizi del locale: bar, ristorante, market, edicola. Per la distribuzione dei pasti prevale generalmente la soluzione del self-service (anche free flow), associata a box vicini l'uno all'altro, dai quali il personale distribuisce le vivande a richiesta del cliente.

Per la parte superiore



Edizione Holding

Edizione Holding S.p.A. è la finanziaria della famiglia Benetton che si occupa principalmente di abbigliamento, ristorazione veloce, immobiliare e agricoltura.

Dopo la ristrutturazione del gruppo avvenuta nella seconda metà del 2007, Edizione Holding risulta essere una delle due holding controllate dalla famiglia Benetton attraverso la società in accomandita per azioni Ragione di Gilberto Benetton & C sapa. Dal 1 gennaio 2009, Edizione Holding S.p.A. e Sintonia S.p.A., sono state incorporate in Ragione S.A.P.A., che si è trasformata in Edizione S.r.l..

Sintonia S.p.A.

Per la parte superiore



Accor

Logo

Accor è un gruppo di servizi francese presente nel campo alberghiero, in quello delle agenzie di viaggi, nella ristorazione e nella gestione di casinò. Nel 2003, Accor contava 3.800 alberghi, 157.000 dipendenti ed era il primo gruppo alberghiero d'Europa.

Nel 1967 Paul Dubrule e Gérard Pélisson fondarono la SIEH (Société d'Investissement et d'Exploitation Hôteliers), che precedette l'apertura del primo albergo della catena Novotel lo stesso anno a Lilla. Una nuova catena fu lanciata nel 1974: la Ibis che aprì il suo primo hotel a Bordeaux. Accor continuò la sua espansione con Courtepaille nel 1974, Mercure nel 1975 e Sofitel nel 1980.

Nel 1982, la SIEH mise le mani sul gruppo Jacques Borel International, presente nel campo della ristorazione in concessione, nella ristorazione collettiva e, soprattutto, leader mondiale nel campo dei buoni pasto. Fu con questa acquisizione che nacque ufficialmente il gruppo Accor nel 1983. Accor lanciò un nuovo concetto di albergo con gli hotels Formule 1 nel 1985, prima di riprendere l'espansione internazionale con l'acquisizione di Motel 6 negli Stati Uniti nel 1990. Questa acquisizione permise al gruppo di diventare il leader mondiale nel campo alberghiero. Il 1991 ed il 1997 segnarono una diversificazione del gruppo con l'acquisizione rispettivamente della Compagnie Internationale des Wagons-Lits et du Tourisme e della SPIC, che divenne Accor Casinos, completando il tutto con la nomina di Jean-Marc Espalioux alla testa del gruppo.

Da allora il gruppo continua il suo sviluppo acquisendo diverse catene come Red Roof Inns e CGIS (1999), o il lancio di accorhotels.com e Suitehotel in Europa. Il gruppo acquisisce anche una partecipazione del 30% in Club Méditerranée nel 2005.

Per la parte superiore



FIPE

FIPE, la Federazione Italiana dei Pubblici Esercizi è associazione delle imprese che operano nel settore della ristorazione e dell’intrattenimento (i pubblici esercizi appunto). Aderiscono pertanto all'associazione bar, wine bar, pub, internet caffè, piano bar, videobar, ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, tavole calde, gelaterie, pasticcerie, mense aziendali, mense scolastiche, mense sanitarie, discoteche, night club, balere, buffet di stazione, stabilimenti balneari. La FIPE aderisce a livello nazionale alla Confcommercio (Confederazione Generale Italiana del Commercio, del Turismo e dei Servizi) organizzazione delle imprese del settore terziario e ne rappresenta insieme a Federalberghi, Fiavet, FAITA e Rescasa il settore turismo (Confturismo). A livello internazionale aderisce alla Federation International des Organisations des Hoteliers Restaurateurs ed Cafetiers (HO.RE.CA.) e all’Associazione Internazionale Ristoranti d'Italia. In ambito europeo partecipa alla Hotels, Restaurants & Cafés in Europe (Hotrec).

Per la parte superiore



Coperto

Coperto casalingo con tovaglietta americana

La parola coperto indica, nell'apparecchiatura della tavola, lo spazio con tutti gli oggetti che vengono predisposti per un singolo commensale. Il coperto è legato agli usi dei vari paesi e alle tipologie di cibi che vengono serviti, può variare molto anche all'interno di una stessa cultura culinaria se casalingo, per la ristorazione o per pasti formali ed eleganti. Comprende le stoviglie, le posate, i bicchieri, la tovaglia, il tovagliolo e, nel caso di apparecchiature formali, molti altri pezzi.

Nella ristorazione il coperto comprende inoltre la tipologia qualitativa del servizio reso, la particolarità del ristorante stesso, la professionalità del personale e gli ulteriori servizi non quantificati nel conto.

Per la parte superiore



Quick

Logo

Quick (dall'inglese quick che significa rapido) è una catena di ristorazione rapida/fast food fondata nel 1971 in Belgio e passata di proprietà francese nel 2006, dopo un'OPA di CDC Capital Investissement, filiale della Cassa dei depositi e spedizioni. Al 1° gennaio 2006, la società possedeva 404 ristoranti principalmente in Francia, Belgio e nel Lussemburgo.

Nel 2003, la porzione di mecato in Francia è del 26,5% per Quick contro il 73,5% di Mc Donald's. In Belgio, è del 65% a favore di Quick.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia