Real Estate

3.4356725146198 (684)
Inviato da murphy 26/03/2009 @ 19:11

Tags : real estate, economia

ultime notizie
A Torino da Morricone a Ferro - TGCOM
I 13 spettacoli live spaziano dal classico al pop al jazz fino al rock di Traffic, già in scena da qualche estate ma ospite da quest'anno della Venaria Reale dal 9 all'11 luglio. Direttore artistico di Venaria Real Music è Michele Torpedine,...
Pirelli Re scivola a Milano appesantita da Arcandor - Finanzaonline.com
Pirelli Real Estate debole sulla Borsa di Milano. In questo momento il titolo della società immobiliare segna un calo del 2,22% appesantita dal crollo di Arcandor a Francoforte. Il gruppo della Bicocca detiene infatti una quota del 12% della società...
La dinamica del settore commerciale del real estate pt. 2 - Bluerating.com
Paolo Insom, presidente di DTZ, ci parla dell'impatto dei consumi sul settore commerciale del real estate e della tendenza a concentrare nuovi spazi in vie del lusso o centri dedicati. Pubblichiamo la seconda parte dell'intervista realizzata al dottor...
Drogba vuole il Chelsea ma il club pensa ad Aguero - La Gazzetta dello Sport
Ap LONDRA, 25 maggio 2009 - Didier Drogba vuole restare al Chelsea e prolungare quanto prima il contratto che lo lega ai Blues fino alla prossima estate. L'ivoriano teme, infatti, che i suoi giorni a Stamford Bridge siano finiti, dopo la sceneggiata...
Mou fa l'occhiolino al Real, come Maicon e Ibra - Tuttosport
E' scoppita l'estate, fa caldo ed ecco che ricomincia l'eterno giochino. E' vero l'Inter a volte ci sorprende, oggi di più perchè è piena di Campioni. Segnalo un'inesattezza: gli scudetti consecutivi sono 4. Come da regolamento olimpico ( se vieni...
REAL, "PER RONALDO NESSUN PREACCORDO" - AGI - Agenzia Giornalistica Italia
Proprio oggi il giornale spagnolo 'As' sull'edizione online ha scritto che Florentino Perez, prossimo presidente della "casa blanca", intende rinegoziare il preaccordo che sarebbe stato firmato la scorsa estate dall'allora numero 1 del Real,...
Svolta nella vicenda Hypo Real Estate: via libera da Bruxelles ad ... - Finanzaonline.com
Disco verde da Bruxelles all'acquisizione di Hypo Real Estate, specializzato nei progetti immobiliari a vocazione commerciale travolto dalla crisi finanziaria, da parte del fondo pubblico tedesco per la stabilizzazione dei mercati Soffin,...
Calciomercato, 2009/'10 Inter: Moratti ha pronto il rinnovo per ... - Sportevai,it
Il presidente dell'Inter non ha la minima intenzione di ripetere il "caso Ronaldo" di qualche estate fa e pensa di ricoprire d'oro il portoghese. Intanto il nome nuovo sul mercato è quello di Dani Alves Milano, 24 maggio 2009- A questo punto anche da...
Hypo Real Estate: a Stato il 47,31% a seguito dell'offerta d'acquisto - DemanioRe
Lo Stato tedesco detiene il 47,31% della banca Hypo Real Estate, al termine dell'offerta pubblica d'acquisto lanciata per nazionalizzare l'istituto bancario specializzato in mutui, in forti difficolta'. La partecipazione e' stata annunciata da Soffin,...
Pirelli Real Estate, valutazione del portafoglio migliore delle attese - Milano Finanza
Pirelli Real Estate guadagna ancora terreno in Borsa. Dopo l'exploit della vigilia, l'azione del gruppo immobiliare guadagna un altro +3,55% a 5,54 euro. In vista dell'aumento di capitale la società ha rifatto le valutazioni indipendenti: a fine marzo...

Sunny Day Real Estate (album)

Sunny Day Real Estate è il secondo album della Emo band statunitense Sunny Day Real Estate. I fan soprannominarono l'album LP2, e, a causa della copertina, The Pink Album. Questo album è uscito nel novembre del 1995, vari mesi dopo la prima divisione della band.

La copertina è completamente rosa, con il nome del gruppo in caratteri piccoli in mezzo, senza altre scritte.

Per la parte superiore



Sunny Day Real Estate

Sunny Day Real Estate è uno dei più importanti gruppi emo (in particolare della seconda ondata), avendo contribuito a diffondendere il genere e influenzato gran parte dei gruppi a venire, soprattutto con il primo album Diary.

La band si formò a Seattle nel 1992 come Empty Set, inizialmente composta da Dan Hoerner (chitarra e voce), Nate Mendel (basso) e William Goldsmith (batteria). Mendel lasciò la band, Hoerner prese il suo posto e il ruolo di frontman venne rivestito dal subentrato Jeremy Enigk che si impose subito come leader del gruppo. Col ritorno di Mendel, la band fu completa e venne ribattezzata Sunny Day Real Estate. L'esordio della band (se escludiamo alcuni sette pollici), Diary, fu pubblicato nel 1994 da Sub Pop, ricevendo incoraggianti feedback dalla critica. Quindi fu il momento di partire in tour, insieme a Shudder to Think e Soul Coughing. La band mantenne un atteggiamento freddo verso il marketing e rilasciò appena una singola intervista, promuovendo di se un'immagine enigmatica.

Dopo la conclusione del tour, i Sunny Day Real Estate iniziarono le sessioni in studio per la realizzazione di un secondo album, ma le tensioni interne (causate a quanto pare dalla conversione al cristianesimo di Enigk) causarono lo scioglimento del gruppo.

Non si sa in realtà quali furono le vere ragioni dello scioglimento, ma la conversione di Enigk non fu uno scherzo: in delle dichiarazioni post-scioglimento, il cantante della defunta band motivò le ragioni della sua nuova fede.

Nel 1995 Sub Pop pubblicò comunque un album senza titolo, chiamato comunemente dai fan LP2 o Pink Album, in riferimento al colore della copertina.

Enigk iniziò quindi una carriera solista, Hoerner si ritirò in una fattoria a Washington mentre Medel e Goldsmith si unirono a Dave Grohl nei Foo Fighters, con Goldsmith che lasciò la band nel 97 per incomprensioni con Grohl.

Lo stesso anno avvenne la reunion nel gruppo, senza Mendel che rimase nei Foo Fighters. La band decise di mettere una pietra sopra il passato e ricominciare da capo. Nel 98 uscì un nuovo album, How It Feels To Be Something On, seguito l'anno successivo da un disco dal vivo. Proprio questo album generò incomprensioni tra i Sunny Day Real Estate e la casa discografica, in quanto la band non fu interpellata per l'artwork e i mix definitivi del disco. Quindi la band abbandonò Sub Pop avendo risolto gli obblighi contrattuali e passò alla indie label Time Bomb, che poteva contare sulla distribuzione di BMG.

Dopo aver pubblicato The Rising Tide nel 2000, la band dovette fare i conti con i problemi monetari dell'etichetta, la quale si vide costretta ad annullare il tour europeo previsto e comunicò al gruppo di non poterlo più finanziare. Questo segnò la fine dei Sunny Day Real Estate che decisero di non porre seguito a quest'esperienza.

Hoerner si ritirò nuovamente nella sua fattoria. Enigk e Goldsmith si riunirono a Mendel, formando i Fire Theft. Nonostante avessero potuto, i tre decisero di non riprendere il nome Sunny Day Real Estate per voltare decisamente le spalle al passato e ricominciare. Mendel suona tuttora nei Foo Fighters.

Per la parte superiore



Settore immobiliare

Economia Immobiliare e Real Estate (dall'inglese real = "immobile" ed estate = "bene"). Sono due locuzioni che si usano per definire nella sua accezione più estesa il settore immobiliare.

Oggi la locuzione real estate si sta imponendo nell'uso comune anche in Italia ed è presente nei richiami pubblicitari delle tante manifestazioni di settore, nel nome di aziende e nell'uso giornalistico.

Il concetto di Real Estate si riferisce ai beni immobiliari derivanti dal sito naturale (terra), più i miglioramenti risultanti dal lavoro umano inclusi fabbricati, attrezzature e macchinari situati sul luogo, oltre a vari diritti di proprietà posti sugli stessi.

Negli ultimi 10 anni, il settore immobiliare italiano ha subito una notevole trasformazione con provvedimenti legislativi che hanno favorito il processo di finanziarizzazione immobiliare, attraverso la nascita del project financing, dei fondi immobiliari e delle operazioni di cartolarizzazione. L'importanza che sta assumendo la gestione del settore immobiliare ha determinato per gli operaratori del settore la necessità di mettere in campo capacità imprenditoriali e gestionali sempre più avanzate con la coseguente necessità che il mercato richiede figure professionali e strumenti di analisi più sofisticati.

L'offerta formativa del settore si presenta in Italia ancora in via di sviluppo con alcune iniziative delle facoltà di Architettura con corsi di Estimo, di Valutazione economica dei progetti e di Economia Urbana o Rurale, e iniziative promosse da facoltà di Economia come il corso di “Analisi Finanziaria delle Operazioni Immobiliari” presso l'Università Bocconi , il corso di "Real Estate Management" organizzato dal Dipartimento di Scienze Aziendali dell' Università degli Studi di Firenze, il corso di laurea in “Diritto ed Economia dell'Intermediazione e dell'Amministrazione Iimmobiliare” presso l'Università degli Studi di Bari e il corso di laurea in scienze giuridiche curriculum in “Diritto immobiliare” organizzato dall' Università Cattolica di Piacenza con la collaborazione di Confedilizia. Sul fronte post-universitario, SDA Bocconi con il Master in Real Estate e il corso serale Executive di Economia e Finanza Immobiliare. Da ricordare anche il COREP del Politecnico di Torino e il Dipartimento BEST del Politecnico di Milano. Di recente è stato lanciato a Roma il Master in Real Estate Finance da Feidos e dalla Luiss Business School.

Con la nascita delle Agenzie del Demanio e del Territorio anche la pubblica amministrazione sta iniziando ad avere un ruolo importante nel settore immobiliare.

In tema di patrimonio immobiliare pubblico, con la legge finanziaria 2007 l'Italia si è dotata della concessione di lungo periodo (ossia fino a 50 anni), la così detta concessione di valorizzazione o long lease anglosassone che permetterà di realizzare, anche grazie all'intervento di soggetti privati, progetti di valorizzazione sui beni dello Stato. Per fare un esempio: gli ex beni della Difesa, per lo più caserme, potranno essere opportunamente valorizzate ad usi diversi anche grazie all'introduzione di questa.

Per la parte superiore



Diary (album)

Diary è l'album di debutto del gruppo Emo "Sunny Day Real Estate". Considerato il primo album Emo degli anni '90, il disco venne registrato nel 1993, e distribuito a partire dal 4 gennaio 1994.

Sono in circolazione inoltre un singolo promozionale(Seven), e un CD Promozionale (T.B.A.). La versione LP è stata creata in tre edizioni limitate, tutte tre fuori stampa; la prima era un vinile multicolore rilasciato dalla "Glitterhouse Records" in Germania, la seconda era un vinile nero stampato dalla "Sub Pop".Sulla terza ristampa dei vinili, sotto il logo "Sub Pop" compare la scritte "Edition II". In tutte e tre le edizioni mancano alcuni brani presenti sul CD.

La copertina è un disegno: vi sono quattro manichini sorridenti (probabilmente padre, madre e due figli) in una cucina, illuminata da una luce che entra da una porta sulla destra, con un tostapane fumante al centro.

Per la parte superiore



UPIM

Logo

UPIM ("Unico Prezzo Italiano Milano") è una catena di grandi magazzini italiani. Attualmente è partecipata dal Gruppo Investitori Associati/Pirelli Real Estate/Deutsche Bank/Borletti e possiede 147 negozi e 200 franchise tutti in Italia.

Fu fondata nel 1928, tra la Prima e la Seconda Guerra Mondiale, e ha conservato nel nome una caratteristica tipica dei negozi dell'epoca. Il primo negozio fu aperto a Verona nell'ottobre del 1928, allora Upim si chiamava UPI, l'aggiunta della "M" finale è dovuta al fatto che l'azienda doveva distinguersi da un'onomina agenzia di pubblicità, da qui il nome Upim. Per evitare che mendicanti e ladri entrassero per ripararsi e rubassero qualcosa, tutti gli oggetti in mostra avevano uno stesso prezzo (di norma 1-2-3-4 lire) che si pagava all'entrata prendendo un biglietto: così chi voleva comprare un oggetto pagava 1 lira, chi ne voleva due dava 2 lire e così via, mostrando i biglietti all'uscita. Questo modo di fare era detto "unico prezzo in mostra", che venne nel caso dell'UPIM modificato in "Unico Prezzo Italiano Milano".

Nel 1969 Upim, con il Gruppo Rinascente, viene acquisita dalla famiglia Agnelli proprietaria del gruppo Fiat.

Da maggio 2005 Upim si divide da La Rinascente e viene acquisita dal Gruppo Investitori Associati, Pirelli Real Estate, Deutsche Bank e Borletti. Il 26 giugno 2008 è stato aperto il primo negozio all'estero, nel centro di Tirana.

Per la parte superiore



Emo

Ian MacKaye, fondatore degli Embrace, una delle prime band emo.

Il termine emo si riferisce ad un genere musicale inizialmente compreso all'interno del punk rock, ed è perciò considerato un suo sottogenere. Tuttavia, nella sua evoluzione forme più moderna, il genere include anche sonorità di tipo melodico orientate all'indie rock e all'alternative rock.

Di fondamentale importanza per la genesi dello stile furono gli Hüsker Dü con il loro album Zen Arcade, pubblicato nel 1984 e i Naked Raygun con Throb Throb nel 1985. Questi lavori, sebbene siano comunque per la gran parte etichettabili come hardcore punk, furono infatti diversi dal sound hardcore più grezzo e violento visto sino ad allora, e contenevano una maggiore attenzione sia ai testi che alla tecnica musicale, tanto da influenzare moltissimo la scena musicale di Washington DC tanto che fu proprio in questa zona che venne usato per la prima volta il termine emo per definire band in sostanza sempre hardcore ma con sonorità più melodiche e ricche. I nomi più significativi sono Rites of Spring, Embrace (il gruppo di Ian MacKaye precedentemente leader dei Minor Threat che dopo fonderà insieme al cantante dei Rites of Spring i Fugazi, band anch'essa di grande importanza per l'emo nel finire degli anni ottanta), One Last Wish, Gray Matter, Fire Party e leggermente dopo Moss Icon e i The Hated. La prima ondata emo iniziò a scemare con lo scioglimento nei primi anni '90 di molte delle band citate.

A metà anni '90, il termine emo iniziò ad essere usato per indicare la scena musicale indie influenzata appunto dai Fugazi con sonorità quindi marcatamente pop punk e indie rock Gruppi come Sunny Day Real Estate e Texas Is the Reason interpretarono il lato più emo dell'indie rock, un lato più melodico e meno caotico del suo predecessore. La scena "indie-emo" sopravvisse fino alla fine degli anni '90, quando molte bands appartenenti ad essa si sciolsero o indirizzarono la propria musica verso territori più mainstream.

Come fecero le ultime band indie-emo, anche le nuove leve strizzarono l'occhio al mainstream, creando uno stile musicale che ha introdotto il termine emo nella cultura popolare. Se in passato il termine emo era usato per descrivere una grande varietà di band, ai giorni nostri il termine ha assunto un significato ancora più ampio, non necessariamente indicativo di un preciso genere musicale.

Nel 1985, a Washington D.C., Ian MacKaye e Guy Picciotto, veterani della scena hardcore locale, decisero di prendere la distanza dalla crescente "violenza musicale" dei gruppi componenti il loro contesto musicale. Decisero di portare la propria musica su un livello più personale, abbracciando la sperimentazione e dando vita a due distinti gruppi: gli Embrace di MacKaye e i Rites of Spring di Picciotto. Il nuovo sound era il risultato di un crescente spirito di sperimentazione ed innovazione musicale e l'estate del 1985 viene tuttora ricordata nella scena musicale con il nome di "Revolution Summer".

In breve tempo, il neonato stile influenzò molti gruppi (in particolare Moss Icon, Nation of Ulysses, Dag Nasty, Shudder To Think, Fire Party, Marginal Man e Gray Matter, molte delle quali incisero i propri dischi per l'etichetta indipendente di Ian MacKaye, la Dischord Records). L'ondata iniziale del DC emo terminò nel tardo 1994 con lo scioglimento degli Hoover.

L'origine del termine emo è ancora incerta, tuttavia i membri dei Rites of Spring lo utilizzarono nel 1985 in una intervista al Flipside Magazine, riferendo che numerosi fans avevano iniziato ad utilizzare tale termine per descrivere la loro musica.

Anche altre scene svilupparono un sound simile a quello di Washington D.C.. Nei primi anni '90 a San Diego, la Gravity Records realizzò diversi dischi hardcore emo. Le bands più significative di quella scena furono Heroin, Indian Summer, Angel Hair, Antioch Arrow e Mohinder.

Contemporaneamente, anche a New York e nel New Jersey, bands come Native Nod, Merel, 1.6 Band, Rye Coalition e Quicksand stavano percorrendo la stessa direzione. Molte di queste bands si "riunirono" ideologiacamente nella scena dei clubs ABC No Rio e CBGB. Molte di queste forme di musica emo, in particolare la scena di San Diego, iniziarono ad evolvere verso territori più caotici ed aggressivi, dando origine allo screamo.

In gran parte, il lato più hardcore dell'emo iniziò a dissolversi con lo scioglimento di molte delle bands citate. Nonostante ciò, tuttora alcune bands come Circle Takes the Square, Hot Cross, City of Caterpillar, Funeral Diner e A Day in Black and White continuano a riflettere lo stile emo originario.

Nel frattempo, dallo scioglimento degli Embrace e dei Rites of Spring nascevano i Fugazi che sebbene non si siano mai definiti emo, hanno esercitato una grossa influenza sulla secondo ondata emo. La band post-hardcore di MacKaye e Picciotto è infatti citata come ispiratrice di molti gruppi di grande importanza nella "seconda ondata" emo, come Sunny Day Real Estate, Braid e Jimmy Eat World.

In California, in particolare nella Bay Area, band come Jawbreaker e Samiam cominciarono a miscelare l'influenza della scena di Washington D.C. con il pop punk.

Sull'album Bivouac dei Jawbreaker, il cantante Blake Schwarzenbach evolse il tradizionale timbro vocale hardcore verso direzioni più melodiche. Numerose altre bands seguirono la strada indicata dai Jawbreaker, strada battuta tuttora da band come Jimmy Eat World e Hot Water Music, Get Up Kids e Alkaline Trio.

Anche nei primi anni '90 questa tendenza continuò a manifestarsi con band come i Lifetime. La loro musica infatti è spesso classificata come emo oppure melodic hardcore punk. In risposta alla svolta verso il metal che alcune band hardcore come The Exploited o Charged GBH stavano prendendo, i Lifetime decisero inizialmente di addolcire e rallentare il proprio suono, salvo successivamente evolvere nuovamente verso una musica più veloce ed aggressiva. Lo stile, i testi ed il sound dei Lifetime rappresentano un autentico biglietto da visita per bands attuali come Saves the Day e Fall Out Boy.

Ripercorrendo la crescente popolarità dei Fugazi nuovi gruppi stavano emergendo, miscelando influenze proprio della band di MacKaye e Picciotto con il post-punk di Mission of Burma e Hüsker Dü.

Il momento chiave fu la realizzazione dell'album Diary dei Sunny Day Real Estate nel 1994 uscito per la Sub Pop. Il supporto della etichetta consentì al gruppo di partecipare al The Jon Stewart Show. L'album ottenne un grande interesse nazionale.

Molte persone, soprattutto grazie all'esposizione ottenuta sulla nascente Internet dal gruppo, cominciò ad indentificare i Sunny Day Real Estate con il termine emo, ancor più di quanto fatto con i Fugazi. Cominciò a diffondersi anche il termine emocore. Successivamente però venne riconosciuta una distinzione nella scena tra l'"emocore" dei primi periodi e questo nuovo "indie emo" con evidenti influenze grunge vista la provenienza della band da Seattle.

Negli anni a seguire, cominciarono a mettersi in luce per il crescente successo dell'emo diverse località. La più significativa fu nel Midwest a metà degli anni '90. Da citare bands come Boy's Life, Christie Front Drive e Cap'n Jazz. Queste bands andarono a formare la scena detta midwest emo che qualche anno più tardi avrebbe influenzato gruppi di fama internazionale come Braid, Elliott e The Get Up Kids.

Anche l'area di Phoenix (Arizona) divenne importante per l'emo. Ispirati dai Fugazi e soprattutto da Sunny Day Real Estate e dal midwest emo di Christie Front Drive e Boy's Life, i Jimmy Eat World iniziarono ad influenzare la propria musica con elementi emo, realizzando nel 1996 l'album Static Prevails. L'album fu il primo realizzato per una major discografica, in particolare la Capitol Records con cui i Jimmy Eat World avevano firmato un contratto nel 1995.

Altre bands che seguirono il modello "indie emo" furono i newyorkesi Texas Is the Reason, i Rainer Maria da Madison (WI), i californiani Knapsack, i Mineral di Austin, i Piebald e Jejune di Boston. Con la diffusione dell'"indie emo", alcuni album che poco avevano a che fare con il genere fondato anni prima da Rites of Spring e Embrace furono etichettati con il termine emo. Un esempio è Pinkerton degli Weezer, uscito nel 1996 e considerato l'album emo più importante e influente della fine degli anni novanta.

Con il crescente aumento di popolarità delle bands su scale nazionale ed internazionale, emersero anche numerose etichette discografiche indipendenti come la Jade Tree Records, la Saddle Creek e la Big Wheel Recreation. La californiana Crank Records realizzò nel 1997 (Don't Forget to) Breathe, considerata una delle più rilevanti compilation emo degli anni novanta. Questa raccolta includeva brani di The Promise Ring (una delle band emo più famose degli anni novanta), Mineral, Knapsack ed altre importanti band. Nel 1998 la Deep Elm Records realizzò la prima di una serie di compilation intitolate Emo Diares, contenente brani di Jimmy Eat World, Samiam e Jejune. Nel 1999 l'etichetta K-Tel realizzò Nowcore: The Punk Rock Evolution che includeva tra gli altri, brani di Texas Is the Reason, Mineral, The Promise Ring, Knapsack, Braid, At the Drive-In e Jawbox.

Alla fine degli anni '90 la scena emo divenne di rilevanza nazionale e le major cominciarono ad interessarsi alla popolarità del genere. Alla fine della decade, la parola emo divenne molto utilizzata nell'ambito mainstream. Nell'estate del 1998, il magazine Teen People pubblicò in un proprio numero un articolo che dichiarava l’emo il nuovo “hype” musicale ed individuava nei The Promise Ring la band trainante della scena. La natura indipendente dell'emo fece in modo che molte bands appartenenti al genere modificassero il proprio stile per sfuggire alle attenzioni delle major discografiche. Negli anni a seguire infatti i Sunny Day Real Estate con l'album The Rising Tide si indirizzarono verso il prog-rock, i Jejune verso l'alternative rock, i The Get Up Kids e i The Promise Ring modificarono il loro sound verso il pop punk in ascesa grazie a band come Green Day e Blink-182.

Mentre l'"indie emo" cessava completamente di esistere alla fine del decennio, alcune band come Thursday e Sparta continuarono a seguire il modello originario emo-core dei Fugazi.

All'inizio del 2000 la scena emo sotterranea era quasi completamente scomparsa. Ad ogni modo il termine emo continuava a circolare, soprattutto perché i mezzi di comunicazione continuavano ad utilizzarlo per identificare le poche rimanenti emo bands degli anni '90 come i Jimmy Eat World.

Proprio i Jimmy Eat World, alla fine degli anni '90 si mossero in una direzione più mainstream. Nel 2001 realizzarono l'album Bleed American con cui modificarono le influenze emo degli esordi. Nonostante questi cambiamenti il pubblico continuò ad indentificare la band con il termine emo. Anche i nuovi gruppi stilisticamente vicini ai Jimmy Eat World furono inclusi nel genere.

Il 2003 vide il successo di Chris Carrabba dei Dashboard Confessional. Proprio questa band da il via alla vera e propria terza ondata dell'emo, ponendo le basi stilistiche per tutti i gruppi che attualmente godono di grande successo.

Con il successo di Dashboard Confessional e Jimmy Eat World le major discografiche si lanciarono alla ricerca di gruppi dal suono simile, un po' come era successo nei primi anni '90 con il genere grunge.

Attualmente più che in passato l'emo è arrivato a comprendere una moltitudine di bands, molte delle quali hanno poco in comune col genere, o quantomeno con la sua prima ondata. Il termine ha assunto un significato così ampio che è diventato difficile descrivere cosa effettivamente intenda. Si tende quindi a definire emo i gruppi e gli stili musicali che sono influenzati solo in parte da quest'ultimo, nella sua versione piu recente e melodica, e che quindi si distacca dall'emo originale. Il sound che oggigiorno viene definiti emo presenta decise influenze pop punk ed anche alternative rock. Il termine emo è attualmente associato a gruppi come 30 Seconds to Mars, A Static Lullaby, Alkaline Trio, Billy Talent, Brand New, Coheed and Cambria, Fall Out Boy, From Autumn to Ashes, Funeral for a Friend, Matchbook Romance, My Chemical Romance, Panic! at the Disco, Silverstein, Something Corporate, The All-American Rejects, Taking Back Sunday, The Starting Line, Tokio Hotel e Yellowcard. I fans di alcune di queste bands hanno subito preso le distanze da questo termine associato alla musica dei loro beniamini, fornendo lunghe spiegazioni dei motivi per cui tali bands non possano essere definite emo. (La repulsione di alcune bands all'essere associate all'emo non è diversa dal tentativo di allontanarsi dall'emo di varie indie bands a fine anni '90).

In alcuni casi le nuove bands emo stanno solo proponendo alla loro maniera l'emo di alcuni anni prima. Nel frattempo è cresciuto in popolarità e successo anche lo screamo, sottogenere associato all'emo nato come detto a metà anni 90, grazie a gruppi molto recenti come Alesana, Funeral for a Friend, Taking Back Sunday, Thrice e Finch.

Come risultato di un continuo cambiamento dell'emo negli anni, una seria scissione è venuta a delinearsi tra i sostenitori di determinati periodi dell'emo. Chi è fortemente legato all'hardcore delle origini difficilmente ha apprezzato la svolta indie rock della seconda ondata. Allo stesso tempo è improbabile che i fan di quest'ultima condividano la svolta pop punk e melodica delle band attualmente molto note.

L'emo è spesso associato ad un certo tipo di moda relativa all'abbigliamento skate. Attualmente, sia i ragazzi che le ragazze usano spesso jeans stretti ed aderenti, hanno una lunga frangia asimmetrica in testa e gli occhi truccati di nero. Sono frequenti t-shirt aderenti raffiguranti le band preferite, cintura con le borchie colorate con tonalità accese, scarpe da skater o in generale scarpe nere, Converse o Vans..

L'abbigliamento emo trae le sue radici dalla scena hardcore punk americana degli anni 80 (proprio dove l'emo in origine era incluso), dove i suoi intepreti seguivano l'abbigliamento skater in stile anni 80, che differentemente da quello più recente, si basava su indumenti tendenzialmente stretti ed aderenti, tatuaggi, magliette corte e capelli corti o rasati, e anzi non vi era traccia della caratteristica frangia. Lo stile emo oggi si è distinto dall'originale sia nel look che nello stile musicale.

La recente moda dei "nuovi" emo ha condizionato le tendenze generali dove oggi questi indumenti sono largamente utilizzati e reperibili nei negozi. Il primo look emo, è quindi riconducibile alla scena hardcore punk/post-hardcore e straight edge anni 80, diversamente da quello più recente, che seppur presenti diversi elementi in comune, ha più affinità con la scena pop punk e melodic hardcore americana riconducibile agli anni 90/00.

Attualmente l'emo è diventato più che altro un fenomeno di tendenza fra i giovani, in particolare fra gli adolescenti, il cui elemento fondamentale è il look, ma che può prendere le caratteristiche di una vera e propria subcultura.

Il fenomeno è diventato talmente diffuso che anche i media più "mainstream" hanno cominciato a parlarne in maniera diffusa.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia