Rai

3.4118158123279 (1151)
Inviato da murphy 17/03/2009 @ 15:11

Tags : rai, media, economia

ultime notizie
Rai, via alla rivoluzione digitale - La Repubblica
E mai più clandestini dell´abbonamento Rai. Dal primo gennaio 2010 Napoli e la Campania saranno digitalizzate. Il segnale analogico Rai, quello che gli italiani conoscono da almeno mezzo secolo, sarà disattivato. E verrà soppiantato dal segnale...
RAI: ARRIVANO LE NOMINE, INSORGE L'OPPOSIZIONE - AGI - Agenzia Giornalistica Italia
Sara' questo il pacchetto di nomine che il direttore generale della Rai Mauro Masi proporra' domani in Cda. Rispetto ai 'rumors' dei giorni scorsi e delle ultime ore c'e' stata una novita' rappresentata dal fatto che - a quanto pare - sono slittate le...
RAI: "AGRODOLCE" RESTA IN SICILIA, REGIONE RIFINANZIA FICTION - AGI - Agenzia Giornalistica Italia
(AGI) - Palermo, 19 mag. - Agrodolce continuera' ad essere prodotta in Sicilia. Lo assicura l'assessore regionale ai Beni Culturali Antonello Antinoro, al termine della giunta di governo di oggi dove e' stato approvato, su sua proposta,...
RAI: PITTELLA, FICTION "GENTE DI MARE" RIMANGA A TROPEA - AGI - Agenzia Giornalistica Italia
Lo chiede il capogruppo del Pd-Pse, Gianni Pittella, con una lettera al presidente della Rai Paolo Garimberti e al direttore generale Mauro Masi. "Mi unisco come parlamentare europeo eletto nella circoscrizione calabrese alla protesta del presidente...
Simona Ventura, no a «X Factor» - Corriere della Sera
«Raidue - spiega la Rai - ha condiviso pienamente le motivazioni personali che hanno portato una delle punte di diamante della sua programmazione a ridurre il suo impegno professionale per la prossima stagione televisiva»....
RAI: DOMANI IN CDA PROBABILE NOMINA 4 VICE DIRETTORI GENERALI - Adnkronos/IGN
(Adnkronos) - Rush finale sulle nomine Rai. La partita potrebbe sbloccarsi prima delle europee. Dopo aver affrontato il dossier Sky in vista della scadenza a fine luglio del contratto che lega Raisat alla piattaforma satellitare, il Consiglio di...
SPE - Rai, Juraj Valcuha direttore dell'Orchestra sinfonica nazionale - Il Velino
Roma, 19 mag (Velino) - Slovacco, trentatreenne, e già affermato a livello internazionale, Juraj Valcuha è il nuovo Direttore principale dell'Orchestra Sinfonica Nazionale Rai. È la prima novità della Stagione Sinfonica 2... Nell'ambito della stagione...
RAI: RIZZO NERVO, ASSALTO A DILIGENZA E NOMINE DECISE A PALAZZO ... - Asca
E' quanto afferma Nino Rizzo Nervo, consigliere di amministrazione Rai aggiungendo che ''la Rai non ha bisogno, soprattutto in questo momento difficile di crisi dei mercati, della moltiplicazione degli incarichi di vertice e, quindi, di nuovi centri di...
RAI: CASINI, CON QUESTE NOMINE GARIMBERTI E MASI AZZERANO CREDIBILITA' - Asca
(ASCA) - Roma, 19 mag - ''Il quadro delle nomine Rai che si sta delineando in queste ore mina gia' la credibilita' di una dirigenza che non puo' permettersi di accettare qualche indicazione fotocopiata, senza tenere in alcun conto le esigenze di...

Rai Radio Due

Radio 2 è la seconda rete radiofonica della RAI.

Non ha una data di nascita ben precisa, ma dovrebbe avere iniziato a trasmettere tra la fine del 1933 e l'inizio del 1934; infatti il 17 dicembre 1933 fu attivata la stazione di Torino II dalla quale (insieme a quella di Milano II) si iniziò la diffusione regolare dei programmi del gruppo delle stazioni meridionali (Roma-Napoli-Bari).

Il 18 marzo 1934 fu attivata la seconda stazione a onde medie di Roma, che iniziò la diffusione regolare dei programmi del gruppo delle stazioni settentrionali (Milano-Torino-Genova), anche se solo con la ristrutturazione delle tre emissioni radiofoniche il 1 gennaio 1952 si può segnare l'effettiva nascita di Radio 2.

Fino al 2000 sulle frequenze ad onda media e modulazione di frequenza di Radio 2 sono stati diffusi i notiziari radiofonici regionali (TGR), ora trasferiti su Radio1, e vengono ancora oggi diffusi gran parte dei programmi per le regioni a statuto speciale. Dal novembre 1982 al 1994 nelle ore pomeridiane, serali e notturne sulla modulazione di frequenza di Radio 2 trovavano posto RaiStereoDue e RadioVerdeRai, mentre in onda media proseguiva la normale programmazione.

Dal 1994 onda media e modulazione di frequenza sono nuovamente unificate.

Dal 2003, in seguito al nuovo contratto di servizio tra Stato e RAI, la rete ad onda media di Radio 2 è stata progressivamente smantellata, fino ad arrivare nel 2004 ad un'emittente diffusa esclusivamente in modulazione di frequenza.

Rispetto a Radio 1 e Radio 3, Radio 2 dà più spazio a trasmissioni di intrattenimento, anche se non mancano trasmissioni informative e culturali, come Alle otto della sera. Radio 2 è un'emittente quindi molto in voga anche tra i giovani, grazie soprattutto a trasmissioni come Viva Radio 2, Gli Spostati e Caterpillar.

Dal 16 marzo 2009, insieme a Rai Radio Uno e Rai Radio Tre, fa parte del bouquet di canali SKY, sul canale 762.

Per la parte superiore



RAI - Radiotelevisione Italiana

Logo

Buona la Rai, buona la tv. Buona la tv, buono anche tu.

La RAI - Radiotelevisione Italiana S.p.A., abbreviata spesso in RAI, è la radio e televisione di Stato italiana, cioè la società concessionaria in esclusiva del servizio pubblico radiotelevisivo italiano. È una delle più grandi aziende di comunicazione d'Europa: opera, oltre che nel settore televisivo e radiofonico, anche in quello editoriale e cinematografico. È una società per azioni sotto partecipazione del Ministero dell'Economia e delle Finanze che possiede il 99,56%. Il restante 0,44 è proprietà di SIAE.

Come radio e televisione di Stato la RAI ha degli obblighi di legge consistenti nel produrre trasmissioni di servizio e di pubblica utilità in una percentuale oraria prefissata. La RAI riscuote, tramite lo Sportello Abbonamenti TV, il "canone televisivo", un'imposta sul possesso di qualsiasi apparecchio atto, o adattabile, alla ricezione di programmi televisivi.

Delle televisioni pubbliche europee, è quella con lo share maggiore (43%) mentre il concorrente principale Mediaset raggiunge mediamente il 40% di ascolto. La piattaforma satellitare SKY, ottiene circa il 7% e l'insieme dell'offerta digitale terrestre oltre il 6%. Il resto dell'offerta tv (La 7 e le altre televisioni locali) ottiene circa il 4%. Tutti dati certificati da Auditel quotidianamente.

La sua sede legale e direzionale è a Roma in viale Mazzini 14. I Centri di Produzione si trovano a (in ordine di numero di programmi trasmessi in àmbito nazionale): Roma in via Teulada 66, Saxa Rubra, Studi Dear di via Ettore Romagnoli 30, Teatro delle Vittorie nel quartiere Prati, Auditorium RAI del Foro Italico, Milano in corso Sempione 27 e in via Mecenate 76, Napoli in viale Marconi 11 e Torino in via Verdi 16. Oltre ai Centri di Produzione, in ogni capoluogo di regione, la RAI dispone di una sede dalla quale trasmette il TG regionale.

In seguito al referendum popolare del 1995 venne abrogata la legge che riservava esclusivamente alla mano pubblica il possesso delle azioni RAI, tuttavia non si è mai proceduto alla privatizzazione che si intendeva avviare.

La nascita dell'azienda è legata ad un provvedimento normativo: il Regio Decreto 1067/1923 affidava allo Stato l'esclusiva sulle trasmissioni radiofoniche da esercitare tramite società concessionarie. È così che il 27 agosto 1924 nasce l'azienda che oggi conosciamo come RAI - Radiotelevisione Italiana, sotto il nome di Società Anonima Unione Radiofonica Italiana, dalla fusione tra la società Radiofono di Guglielmo Marconi e la SIRAC, creata per volontà del primo Ministro delle Comunicazioni d'Italia Costanzo Ciano.

Quattro anni dopo, il 15 gennaio 1928, l'URI viene trasformata in EIAR - Ente Italiano Audizioni Radiofoniche. Il 26 ottobre 1944 l'EIAR assume la nuova denominazione RAI - Radio Audizioni Italiane passando alle dipendenze del Ministero delle Poste. Il 10 aprile 1954, in seguito alla partenza del servizio televisivo regolare avvenuta il 3 gennaio 1954, la RAI - Radio Audizioni Italiane si trasforma definitivamente in RAI - Radiotelevisione Italiana.

La RAI è governata da nove membri del Consiglio d'Amministrazione: sette consiglieri vengono eletti dalla Commissione parlamentare di vigilanza, due consiglieri vengono indicati dal Ministero dell'Economia e delle Finanze che è il maggiore azionista della RAI. I membri del Consiglio d'Amministrazione hanno un termine di mandato di tre anni anche se possono essere nominati di nuovo.

Tra i consiglieri di sua nomina, il Ministero dell'Economia e delle Finanze indica il Presidente del Consiglio d'Amministrazione. Per insediarsi il Presidente deve ottenere un voto di gradimento da almeno due terzi dei membri della Commissione parlamentare di vigilanza.

Il Consiglio d'Amministrazione vota il Direttore Generale, che ha sempre un mandato di tre anni rinnovabile, ed è anch'esso di nomina del Ministro dell'Economia. Il CdA nomina, altresì, i direttori delle reti e delle testate giornalistiche.

A parere di taluni osservatori, commentatori e giornalisti, nonché di forze politiche minoritarie, in primo luogo Radicali Italiani, col supporto dai dati rilevati dal Centro di Ascolto dell'informazione radiotelevisiva, accusano da anni la RAI di soggiacere al controllo politico (parlamento e governo), secondo loro, strutturalmente non sarebbe in grado di assicurare un'informazione indipendente, non condizionata dagli interessi di parlamentari e ministri. L'accusa alla RAI è di mancare di pluralismo e di operare censura verso professionisti di indubbio valore e competenza ma sgraditi agli uomini politici di riferimento, in sostanza l'azienda viene tacciata di lottizzazione, ovvero avere nei posti chiave, dove si prendono le decisioni, persone scelte dai partiti politici. I dossier e le denuncie relativi al caso sono disponibili nel sito Radicali Italiani.

In molti altri paesi europei sono in atto leggi che svincolano almeno parzialmente le televisioni pubbliche dal controllo dei politici. La proposta principale che viene avanzata per risolvere questo problema è quella di lasciare la Rai totalmente in mano a professionisti del settore e di effettuare le nomine attraverso concorsi pubblici, mezzo che anche la Costituzione vede come garanzia di indipendenza nel caso ad esempio della magistratura.

Oltre a questi esistono altri canali che vengono trasmessi in chiaro sul satellite e in digitale terrestre: uno di informazioni all-news (Rai News 24), uno sportivo (Rai Sport Più) e uno dedicato ai bambini (Rai Gulp). Su satellite invece esistono due canali che si occupano di educazione (Rai Edu e Rai Storia), due canali che si occupano di formazione (Rai Nettuno Sat), un canale dedicato al Mediterraneo (Rai Med) e uno per gli italiani all'estero (Raitalia).

Molti contenuti RAI sono poi offerti tramite il video on demand agli utenti delle IPTV Alice Home TV e Tiscali TV.

Oltre a questi esistono canali di servizio trasmessi su analogico terrestre, DAB e satellite: GR Parlamento dedicato alle sedute parlamentari e Isoradio dedicato ai viaggi in autostrada. FD Leggera/FiloMusic (musica leggera) e FD Auditorium (musica classica) sono i canali della filodiffusione e vengono trasmessi anche via cavo telefonico.

La TGR, Testata Giornalistica Regionale, si occupa appunto dell'informazione regionale su Rai Tre, con tre telegiornali al giorno, un settimanale al sabato e speciali tutele per le zone bilingue in Friuli-Venezia Giulia, Trentino-Alto Adige, e Valle d'Aosta e sulle radio RAI con giornali radio locali. Rai Sport segue gli eventi sportivi con notiziari sui tre canali televisivi, i tre canali radiofonici e un canale dedicato: Rai Sport Più, ex Rai Sport Satellite.

Rai Educational è una struttura che si occupa di programmi educativi sulle tre reti televisive e dispone di due canali satellitari dedicati: vedi Rai Edu. Raitalia (ex Rai International) è una struttura che produce e trasmette programmi televisivi e radiofonici per gli italiani nel mondo attraverso tre canali televisivi satellitari e un canale radiofonico chiamato Satelradio. Gestisce inoltre Italica, un portale web dedicato alla promozione della lingua italiana.

Altre testate giornalistiche sono il Televideo, trasmesso in teletext sulle tre reti televisive, Rai Net News, notizie per il portale web prodotte da Rai Net, e Rai Click, che propone sui suoi 7 canali i migliori programmi TV della Rai in visione on demand sia attraverso il suo portale web, sia attraverso la piattaforma TV di FASTWEB.

Rai Teche conserva il preziosissimo archivio audiovisivo italiano. Nel campo dell'editoria, la Rai è presente con Rai Eri e concede i suoi diritti all'estero tramite Rai Trade.

Oltre al mondo televisivo, la Rai si è specializzata negli ultimi anni anche nelle produzioni cinematografiche (Rai Fiction e Rai Cinema, con la quale è spesso presente in prestigiosi concorsi cinematografici internazionali con altrettanto prestigiose coproduzioni) e in produzioni tematiche quali Rai Vaticano (in collaborazione con il CTV Centro Televisivo Vaticano, con il quale concede in esclusiva alle televisioni di tutto il mondo le immagini degli importanti avvenimenti della Santa Sede) e Rai Quirinale, la piattaforma mediante la quale RAI trasmette il messaggio di fine anno a reti unificate del Presidente della Repubblica Italiana e pochi altri eventi che si svolgono nella medesima residenza presidenziale.

Inoltre, la Rai è molto attiva anche su internet: il sito ufficiale Rai.tv ripropone i programmi della tv di Stato già andati in onda in televisione.

Rai Way è la società in cui la RAI ha trasferito la sua rete di trasmissione, mentre Rai Corporation è la struttura RAI per gli Stati Uniti.

Il 10 maggio 2008 la televisione di Stato ha annunciato l'entrata, con la piattaforma Rai Digit, nel mondo del digitale terrestre già ampiamente dominato dalla concorrente Mediaset. Il bouquet sarà composto da 8 canali, 2 dei quali già esistenti (Rai News 24 e Rai Gulp), che saranno visibili sia attraverso la tecnologia DVB-T che quella DVB-S. Il giorno del lancio, in concomitanza col via del 91° Giro d'Italia, è partito il primo di questi, Rai Sport Più, che non ha solo sostituito Rai Sport Satellite, ma ha anche migliorato la qualità degli eventi proposti: tra questi, la copertura aggiuntiva delle Olimpiadi di Pechino e i diritti 2008-2010 per la NFL. A luglio 2008 nasce Rai 4, semi-generalista destinato ai giovani. Nel piano industriale 2008-2010 entreranno i restanti canali, il primo dei quali è Rai Storia, che ha sostituito Rai Edu 2.

La RAI consente la trasmissione da parte di alcune sedi regionali di una programmazione più vicina alle popolazioni e alle realtà locali. Ciò avviene soprattutto nelle tre regioni autonome dell'Italia settentrionale.

L'esempio più importante di programmazione regionale è forse rappresentato dalla sede RAI di Bolzano. La sede RAI del capoluogo altoatesino - patria, peraltro, dell'hockey su ghiaccio italiano via etere - ha infatti la possibilità di trasmettere tre tipi di programmazione per i tre gruppi linguistici tedesco, italiano e ladino.

Oltre al quotidiano TGR e al TGR-Settimanale del sabato in lingua italiana trasmesso per il Trentino-Alto Adige insieme in parte da Bolzano e in parte da Trento, ogni domenica mattina nella fascia oraria 09:45-10:55 e alternativamente da Bolzano e da Trento, sempre in questa lingua, vengono trasmessi dei programmi riguardanti la realtà locale (ambiente, economia, tradizioni...), ai cittadini (Puntopiù -a cura del centro consumatori-) o le realtà simili (minoranze linguistiche, realtà culturali simili in Italia e in Europa), tra cui vi è "Alpe Adria" (prodotto dalla RAI di Trieste, ma con la collaborazione di Bolzano e Trento).

Il gruppo linguistico tedesco ha la possibilità di contare su un proprio canale generalista, chiamato RAI-Sender Bozen ("Canale Rai da Bolzano"), il cui orario di trasmissione varia quotidianamente (il lunedì le trasmissioni iniziano alle 18 e terminano alle 22:30). Questa emittente trasmette programmi dedicati ai bambini (Karamela, Die Abenteuer der Maus auf dem Mars), agli adolescenti e studenti (Klick-das Jugend Info-Magazin), agli anziani (Regenbogen), all'agricoltura (Landwirtschaft), all'economia e alla società (Trend, Pluspunkt), alla cultura, alla storia, all'attualità (Pro und Kontra) e allo sport (Sport am Sonntag).

Sender Bozen è anche inserita, in quanto parte della RAI, nel circuito dell'EBU (Eurovisione) e produce il popolarissimo concorso canoro della "Volksmusik" (musica popolare, Grand Prix der Volksmusik) insieme a tre colleghe germanofone: la tedesca ZDF, l'austriaca ORF e svizzero-tedesca SF; questa trasmissione viene prodotta ogni anno in un luogo diverso e nel 2002 ha avuto luogo a Merano ed è stato organizzato da Sender Bozen. Sender Bozen trasmette in diretta ogni anno il Concorso Pianistico Internazionale Ferruccio Busoni e le selezioni per il "Grand Prix der Volksmusik", nonché edizioni speciali a cura della redazione giornalistica in casi di avvenimenti elettorali.

Ogni giorno vengono trasmessi due notiziari della durata di circa 20 minuti alle 20:00 (Tagesschau) e alle 22:10 (Tagesschau um 10 nach 10) che trattano di argomenti locali, nazionali e internazionali. Da Bolzano vengono trasmessi anche i programmi in lingua ladina, tra cui il notiziario locale stretto fra TGR e Tagesschau alle 19:55 della durata di 5 minuti e chiamato TRAIL (Televijiun RAI Ladina), nonché un programma settimanale chiamato "Paladina" e della durata di circa 40 minuti. I programmi in ladino vengono diffusi su tutto il territorio altoatesino, in Val di Fassa (Trentino) e, grazie ad impianti privati, nell'Ampezzano.

La RAI di Trieste, che ha tre redazioni periferiche a Udine, a Pordenone e a Gorizia, ha la possibilità di trasmettere dei programmi a carattere regionale alla domenica mattina.

Oltre alle tre edizioni giornaliere del TGR in italiano (l'edizione delle 14:00 viene trasmessa da Trieste con un collegamento saltuario da Udine), viene trasmessa un'edizione in sloveno dello stesso (TDD Furlanija-Julijska Krajina), che per quanto riguarda la grafica e la sigla è identico (al contrario del Tagesschau dell'Alto Adige) e tratta principalmente notizie locali.

Lo stesso programma viene ripetuto in differita sull'emittente pubblica slovena in lingua italiana RTV Capodistria-Koper (che completa così l'informazione interregionale transfrontaliera insieme al notiziario italiano proprio "Tuttoggi" e quello regionale sloveno "Primorska Kronika"). Vi è il progetto in futuro di estendere questa collaborazione al fine di creare una vera e propria televisione transfrontaliera. Ad oggi viene coprodotto il magazine settimanale Lynx.

Le programmazioni radiofoniche in lingua slovena vengono diffuse su tutto il territorio della Provincia di Trieste e in Friuli nell'area slavofona (Provincia di Gorizia, Valli del Natisone, Val di Resia), attraverso un canale interamente dedicato:Radio Trst A. Tale canale trasmette dalla prima mattina fino alle 19:35.

Dal gennaio 2006 la RAI dovrebbe garantire 6 ore di programmazione televisiva e 24 ore di programmazione radiofonica anche in lingua friulana, a settimana. Dal 14 aprile 2008 sono iniziate delle trasmissioni radiofoniche regolari in friulano sulle frequenze regionali di Radio 1. Vi sono due appuntamenti di approfondimento (Ue Fevelin di ..) della durata di 10 e 15 minuti rispettivamente uno alle 12.20 e l' altro alle 15.15.

Ogni pomeriggio dalle 15.30 alle 16.30, dalle stazioni in AM di Venezia, viene trasmessa da Trieste "L'Ora della Venezia Giulia". La storica trasmissione radiofonica comprende 15 minuti di notiziario nazionale e regionale, e 45 minuti di trasmissioni, intitolate Itinerari dell'Adriatico e in genere condotte da Graziano D'Andrea. Negli anni settanta ebbe un certo riscontro Discodedica, programma di Orio Di Brazzano, a tutt'oggi collaboratore della sede regionale. La domenica "L'Ora della Venezia Giulia" inizia alle 14.30 e propone anche spazi dedicati alla prosa e alla religione.

Da Aosta vengono diffusi quotidianamente programmi regionali sia in italiano che in francese alle ore 20 (la domenica al mattino).

Tuttavia qui manca un notiziario vero e proprio in lingua francese: nel TGR delle 19:35 solitamente viene proposto un servizio in lingua francese realizzato o dalla sede regionale rodano-alpina di France 3 o dalla sede aostana della RAI.

Le fonti di finanziamento della RAI sono la pubblicità e un canone annuale.

Il canone è stato istituito con una legge del 1938 e anche in altri Paesi d'Europa è corrisposto alle solo emittenti radio e TV nazionali per la loro funzione di servizio pubblico, mentre non è percepito da quelle private che si autofinanziano esclusivamente con la pubblicità.

La norma del 1938, ancora vigente, prevede il pagamento del canone per chiunque detenga apparecchi in grado di ricevere il segnale radiotelevisivo. Il canone deve essere pagato per la detenzione di dispositivi che possono ricevere il segnale radiotelevisivo, in modo indipendente dalla reale fruizione del servizio. Sulla base di questo, fino agli anni '80, l'iscrizione fra gli abbonati era contestuale all'acquisto di un televisore. La legge è neutrale dal punto di vista della tecnologia, e non è necessariamente da riferirsi al possesso dei televisori.

Ad esempio, ai primi del secolo il canone era applicato soprattutto all'utilizzo delle radio, cosa poi caduta in disuso, e, con un'intepretazione fedele, potrebbe essere richiesto un canone a quanti detengono una ricevitore USB per vedere la TV nel proprio computer.

In compensazione di questa entrata, chi svolge il servizio pubblico deve rispettare un contratto di servizio con lo Stato italiano, pena una eventuale revoca della concessione annuale. La televisione pubblica svolge una funzione di servizio universale di pubblica utilità, ed è interessata da una particolare diciplina rispetto alle emittenti commerciali.

Il contratto di servizio comporta delle fasce orarie protette da video a carattere osceno o violento, obblighi di informazione e di trasmissione di un certo numero di ore di sport, documentari, formazione a distanza, la messa in onda di specifici canali tematici, il finanziamento della fiction e cinematografia nazionale, la trasmissione di eventi culturali che hanno minore audience e introiti pubblicitari, come spettacoli teatrali o di musica classica.

Nel febbraio 2007 l'allora ministro delle Comunicazioni Paolo Gentiloni aveva firmato il rinnovo del contratto di concessone, inserendo un articolo che poneva sotto licenza creative commons una considerevole parte dell'archivio RAI e disponeva la stessa misura per future produzioni come spettacoli teatrali e musicali, telegiornali, documentari e programmi educativi, rendendoli gratuitamente consultabili e riproducibili dal sito Internet. La prima emittente pubblica ad adottare un'iniziativa simile fu la BBC nel 2005.

La BBC inglese segue un particolare modello di autofinanziamento, quasi interamente basato sul canone. Fra i più alti in Europa, consente di avere canali privi di pubblicità e una maggiore autonomia delle TV nazionali dal potere politico, in particolare il settore dell'informazione, poiché questa non riceve finanziamenti pubblici. Tuttavia, solo i canali trasmessi nel Regno Unito non sono soggetti a pubblicità, che è consentita nei canali internazionali come BBC World.

Analoga indipendenza esiste nei confronti di aziende private: in altri casi gli inserzionisti pubblicitari annullano la trasmissione e il pagamento degli spot, se la stampa diffonde notizie negative per l'immagine della società o del prodotto, anche perché pochi minuti di un servizio giornalistico trasmesso nell'ora di punta potrebbero vanificare investimenti miliardari di marketing.

Al pagamento del canone è tenuta ogni famiglia che possiede un televisore, dal momento che da questo può visualizzare i canali RAI e fruirne il servizio, tuttavia esso non è commisurato alla quantità di apparecchi o alle loro specifiche tecniche. Il pagamento del canone non si applica a quanti possiedono una radio (e possono ascoltare le emittenti radio RAI), ma non un televisore.

Nei primi anni ottanta, la registrazione degli abbonati avveniva al momento dell'acquisto del televisore. Ora, l'abbonato è tenuto a fornire i propri dati per regolarizzare il pagamento.

Per combattere l'evasione fiscale, la RAI ha chiesto più volte che il pagamento del canone sia associato, come in molti paesi europei, a quello della bolletta elettrica.

Comunque, nel 2006 la Rai è stata condannata al pagamento delle spese processuali e ad un simbolico risarcimento danni a favore di un cittadino di Tradate (VA), vessato per anni dalla stessa Rai con richieste del pagamento della tassa di possesso del televisore, e con esplicite minacce di visite della Guardia di Finanza, oltre che alla violazione del diritto alla privacy, senza che questo possedesse effettivamente alcun apparecchio televisivo; evidentemente viene violato il principio secondo cui occorrono delle prove certe per poter intervenire, ignorando la Rai che, comunque, l'accesso ad una abitazione privata, non è assolutamente consentito ad alcun funzionario o dipendente Rai, ma deve essere esclusivamente riservato alle forze dell'ordine, previa autorizzazione del Giudice presso la Procura del Tribunale di competenza, fornite di regolare ordine di perquisizione.

Ovviamente è obbligato a versare la tassa fiscale di possesso dell'apparecchio televisivo, solo chi possiede materialmente il suddetto, e non sulla presunzione di ovvio possesso sostenuta dall'U.R.A.R. per conto della Rai, per cui non c'è famiglia in Italia che non possegga uno o più apparecchi atti a ricevere trasmissioni televisive.

Noto è il caso del celebre ed eccentrico Prof. Marianini, il quale, pur essendo stato uno dei primi personaggi TV, per via della sua partecipazione alla trasmissione Lascia o Raddoppia condotta dall'allor giovane Mike Bongiorno, ha pubblicamente asserito di non aver mai voluto possedere questo elettrodomestico.

L'azienda RAI è stata spesso obiettivo di critiche, legate soprattutto a due motivi: il primo motivo è l'elevata lottizzazione politica che negli anni è avvenuta nell'impresa (celebre è la ripartizione avvenuta durante la Prima Repubblica dopo la riforma del 1975, quando Rai Uno era influenzata dalla Democrazia Cristiana, Rai Due dal Partito Socialista Italiano e Rai Tre dal Partito Comunista Italiano). L'altra critica, più recente e legata alla prima, si riferisce ad una cattiva gestione dell'azienda, malagestione che avrebbe portato continui sprechi e una struttura interna elefantiaca.

Fino agli anni '80 la Rai non trasmetteva 24 ore su 24. C'era una pausa di notte e un'altra dalle 14 circa alle 17. Durante queste pause veniva proiettato il monoscopio. Vi erano due tipologie di monoscopio, il primo fu in bianco e nero ed è tecnicamente definito come monoscopio RCA. Successivamente, con le sperimentazioni televisive a colori, venne sostituito da un monoscopio a colori tecnicamente chiamato Philips PM5544 che è ancora famoso e vivo nei ricordi di chi ha vissuto quell'epoca. Questo monoscopio Philips PM5544 viene tuttora proposto nelle pause notturne che la Rai opera una volta alla settimana, il primo martedì del mese su Raiuno, il secondo martedì del mese su Raidue e il terzo venerdì del mese su Raitre. Il tutto era accompagnato, come commento sonoro, da una nota continua (precisamente un Sol a 384 Hz per il monoscopio RCA, e successivamente a 400 Hz per il monoscopio Philips PM5544). Pochi minuti prima dell'inizio delle trasmissioni questa nota continua scompariva e veniva sostituita da brani musicali strumentali prevalentemente di genere easy listening. La terza rete televisiva, all'epoca, proponeva anche il monoscopio della sede regionale: si trattava sempre del Philips PM5544 ma che recava nella barra sottostante l'identificazione della sede di trasmissione. Oggigiorno il monoscopio, come detto, esiste ancora. Nelle pause di trasmissione notturne che la Rai effettua al giorno d'oggi, però, i brani musicali sono stati soppressi, e il commento sonoro consiste solo in due note continue sovrapposte, a 400 e 800 Hz, per il test della stereofonia. E, a differenza di quello che accadeva negli anni precedenti, oggi l'identificativo della rete viene scritto in lettera, p.e. "RAI UNO" invece di "RAI 1". Il monoscopio Philips PM5544 era utilizzato in quegli anni anche da Telemontecarlo e da Tv Koper Capodistria che proponevano come audio rispettivamente Radio Montecarlo e Radio Capodistria. Vi è anche da ricordare che sempre negli anni 80 la Rai, in concomitanza con il lancio del servizio del Televideo, durante la mattinata sospendeva la messa in onda del monoscopio per irradiare, a scopo promozionale, alcune pagine del nascente servizio teletext in orari stabiliti. Nel 1986 Raiuno inizia le trasmissioni anche nella mattinata con il programma Unomattina e di conseguenza scompaiono le trasmissioni irregolari. Raidue ha iniziato le trasmissioni regolari nella mattinata intorno al 1988 e Raitre verso il 1991.

La sigla di inizio dei programmi (anch'essa nei primi anni in bianco e nero, successivamente a colori) aveva per sfondo un cielo notturno con nuvole, contro il quale un motivo geometrico spiraliforme scorreva dall'alto verso il basso dello schermo; la spirale terminava con un'antenna trasmittente. La musica della sigla era una rielaborazione del finale del Guglielmo Tell di Rossini.

Nella sigla di fine delle trasmissioni, più breve, la spirale - su cielo diurno - aveva un disegno diverso e scorreva in senso opposto; la musica era tratta da Saturno di Roberto Lupi. Questa sigla è rimasta nella memoria di molti per la sua melodia inquietante, non a caso erano in molti i bambini che andavano a dormire sotto la minaccia da parte dei genitori della "sigla di fine trasmissioni Rai".

Anche i programmi trasmessi in Eurovisione sono preceduti e seguiti da un'apposita sigla che, seppure sia variata negli anni per quel che riguarda la grafica, è nota soprattutto per la musica, una rielaborazione del preludio del Te Deum di Marc-Antoine Charpentier. L'immagine dell'Eurovisione in passato consisteva in un disegno che raffigurava 12 stelle comete disposte in tondo. Nell'area racchiusa dai nuclei delle comete veniva collocata la dicitura "RAI". Come detto, esistevano varie versioni della sigla eurovisiva, dalla prima in bianco e nero girata su pellicola, a quella suggestiva dei mondiali di calcio svoltisi in Italia nel 1990 dove 12 stelle comparivano una alla volta in cerchio mentre il logo RAI girava su se stesso, l'ultima andava a formare il tricolore. L'animazione usata attualmente prevede la visuale sulla terra che va a inquadrare il logo dell'Eurovisione (3 V intersecate da un'ellisse gialla) e poi il logo della tv di Stato.

Con lo Stato I rapporti con lo Stato sono regolati da una convenzione triennale.

Con San Marino La RAI è stata parte attiva nella creazione di San Marino RTV, TV di stato del piccolo paese che nel 2007 ha annunciato la partecipazione all'Eurofestival (dove l'Italia da tempo non partecipa). L'ente pubblico italiano nomina per essa il direttore generale. A marzo 2008 le due parti hanno rinnovato la convenzione per altri 5 anni.

Tutti i canali televisivi sono gratuiti, o meglio sono compresi nel pagamento del canone, ad eccezione dei canali RaiSat, i quali sono visibili solo con la piattaforma pay-tv SKY Italia (la quale fornisce annualmente una sovvenzione a tale struttura).

In analogico trasmettono solamente Rai Uno, Rai Due e Rai Tre; gli altri canali sono visibili solo sul satellite e/o sul digitale terrestre. I parametri tecnici di ricezione per quanto riguarda il satellite sono disponibili alla pagina 458 del Televideo di Rai Uno e di Rai Due.

Rai Uno, Rai Due, Rai Tre, Rai News 24, Rai Sport Più, Rai Edu1 e Rai Storia trasmettono anche in diretta web tramite il sito internet Rai.tv.

Nel 2007 RAI S.p.A. ha ottenuto 2978.10 milioni di euro di ricavi, di cui 2966.30 dalla gestione caratterisitica (1588mln dal Canone di Abbonamento, 1136.8 dalla pubblicità e 241.5 di altri ricavi), un EBIT di 64.60 milioni, una perdita di 4.87 milioni di euro. Il patrimonio netto è di 613.80 milioni, i debiti a 936.62 milioni, l'indebitamento finanziario netto di 296.50 milioni, 304.4 milioni di immobilizzazioni in società partecipate, 9928 dipendenti.

Due importanti scultori italiani hanno realizzato monumenti equestri per le sedi ufficiali della Rai. Francesco Messina nel 1966 ha realizzato il cosiddetto "Cavallo morente" , opera in bronzo posta all'ingresso della sede principale in Viale Mazzini 14 a Roma. Mario Ceroli nel 1980 ha realizzato il cosiddetto "Cavallo alato" che è situato davanti alla sede della cittadella dell'informazione Saxa Rubra sempre a Roma.

Per la parte superiore



Rai Sport

Il vecchio logo di Rai Sport

Rai Sport è la testata sportiva della RAI - Radiotelevisione italiana.

In origine v'erano i notiziari sportivi, curati dalle redazioni del Giornale Radio e del Telegiornale. Per lo sport l'appuntamento televisivo fisso era col Telegiornale sportivo, la cui sigla richiamava quella del TG. Poi vennero create trasmissioni televisive, come La Domenica Sportiva, 90° minuto, Dribbling, e radiofoniche, come Tutto il calcio minuto per minuto.

Tra i principali nomi dei più importanti telecronisti e conduttori, fra i giornalisti sportivi, vi furono alla radio Niccolò Carosio ed Enrico Ameri. Inoltre, fra radio e TV, Sandro Ciotti, Nando Martellini, Maurizio Barendson (inventore di 90° minuto con Paolo Valenti) e ancora Bruno Pizzul, Alfredo Pigna e Adriano De Zan. Anche Enzo Tortora condusse La Domenica Sportiva.

Negli anni Novanta nasce la TGS, ossia la Testata Giornalistica Sportiva della RAI. Come la TGR e la Testata Servizi Parlamentari, la TGS è una testata trasversale che raduna in un'unica redazione i giornalisti delle varie reti radiotelevisive di Stato. Uno dei direttori è stato Fabrizio Maffei.

L'attuale direttore di Rai Sport è Massimo De Luca, mentre il vicedirettore è Bruno Gentili, dopo l'addio a Tutto il calcio minuto per minuto.

Alcuni programmi di Rai Sport vanno in onda anche sulle tre principali reti RAI, Rai Uno, Rai Due e Rai Tre. Quando ciò avviene un logo "Rai Sport" si alterna con quello dell'emittente televisiva. Negli anni Duemila, Rai Sport è diventato il nuovo nome della testata, che ha dato vita ad un canale tematico gratuito, Rai Sport Satellite, il quale trasmette via satellite e sul digitale terrestre.

Dal 10 maggio 2008 questo canale ha cambiato il suo nome in Rai Sport Più; le frequenze sono rimaste le stesse, ma c'è stato un miglioramento sotto il punto di vista della varietà di sport che vengono trasmessi. Infatti, su Rai Sport Più trovano più spazio gli sport cosiddetti "minori", che non vengono trasmessi sulle tre reti principali della RAI, e recentemente tale canale ha strappato a SKY Sport i diritti almeno fino al 2010 del football NFL e almeno fino al 2009 del Super 10 di rugby e dell'A1 Grand Prix.

Per la parte superiore



Rai Educational

Rai Educational.png

Rai Educational, anche abbreviata in Rai Edu, è la struttura della RAI che si occupa di didattica e divulgazione scientifica e culturale attraverso la diffusione di programmi televisivi, autoprodotti o anche acquistati, su alcuni canali televisivi della RAI.

Dal 2002 la struttura è diretta da Giovanni Minoli.

Alcuni programmi di Rai Educational vanno in onda anche sulle tre principali reti RAI, Rai Uno, Rai Due e Rai Tre. Quando ciò avviene un logo "Rai Edu" si alterna con quello dell'emittente televisiva.

Rai Educational dispone inoltre di due canali televisivi gratuiti della RAI con cui diffonde 24 ore su 24 i propri programmi, Rai Edu 1 e Rai Storia.

I palinsesti dei due canali sono così differenziati: Rai Edu 1 è dedicato alla didattica per la scuola primaria e secondaria di primo grado con insegnamenti che riguardano le lingue, le scienze e molto altro, Rai Storia è dedicato invece alla divulgazione scientifica e culturale con temi quali la storia, la filosofia, la letteratura, l'arte e la musica.

Insieme, i due canali, percorrono vari campi del sapere.

Rai Educational è l'erede del Dipartimento Scolastico Educativo (DSE), sempre della RAI, istituito con Legge 14 aprile 1975 n. 103 e successivamente ribattezzato Dipartimento Scuola Educazione negli anni Ottanta e Rai Videosapere negli anni Novanta i quali hanno prodotto varie e numerose trasmissioni per la formazione culturale.

Con l'avvento della TV satellitare c'è stato un ampliamento della proposta.

Rai Educational ha contribuito alla realizzazione di una soap opera italiana, Agrodolce, in onda su Rai Tre, ideata da Giovanni Minoli.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia