Pil

3.4392405064046 (1580)
Inviato da nono 27/02/2009 @ 05:39

Tags : pil, economia

ultime notizie
OCSE: IN ITALIA SPESA PENSIONI PIU' ALTA. E' IL 14% DEL PIL - Agenzia di Stampa Asca
Nel 2005 ha toccato il 14% del Pil, il doppio della media Ocse (7,2%). Dietro l'Italia, ci sono Austria (12,6%) e Francia (12,4%). Nel periodo 1995-2005 la spesa previdenziale pubblica e' salita del 23%. La spesa previdenziale in Italia rappresenta il...
In Germania peggiorano le stime sul Pil: -6% nel 2009 - Il Sole 24 Ore
Stando al Rwi, il Pil tedesco arretrerà del 6,4%, quando solo a fine marzo l'istituto di Essen aveva pronosticato un calo del 4,3 per cento. Simile la previsione dell'Ifo, secondo cui il Pil tedesco dovrebbe diminuire del 6,3% nel 2009....
PIL, INDAGINE PROMETEIA: NEL 2008 -0,8% IN LOMBARDIA - il Giornale
by Omnimilano In Lombardia, secondo le valutazioni di Prometeia, il Pil è diminuito nell'anno 2008 dello 0,9 per cento (contro una crescita dell'1,7 nel 2007). La brusca caduta del commercio estero e degli ordinativi, nell'inverno 2008-09,...
RUSSIA: PIL CALA DELL'11% A MAGGIO - AGI - Agenzia Giornalistica Italia
Lo ha reso noto il viceministro dello Sviluppo Economico russo, Andrei Klepach. Secondo Klepach, con simili dati e' ormai vano sperare che la Russia arrivi alla fine dell'anno con una contrazione del Pil pari, come volevano le previsioni,...
CRISI: NEL 2008 LA LOMBARDIA HA DIMEZZATO LA CRESCITA DEL PIL - Agenzia di Stampa Asca
(ASCA) - Milano, 23 giu - La crescita del PIL in Lombardia nel 2008 e' stata dello 0,9% contro l'1,7% del 2007: la crisi si e' fatta sentire provocando una secca frenata del prodotto interno lordo. E' quanto rileva il rapporto sull'economia in...
LAZIO - Crel: economia sana con Pil annuo in crescita - Impresa Mia
Con una crescita annua dell'1,85%, il Pil del Lazio contribuisce per l'11% alla formazione del Pil nazionale. Non solo, il dato del Lazio rappresenta un 70% in più della media delle altre Regioni italiane. Un'economia sana, quindi, come dimostrano i...
Wall Street amplia la discesa - La Repubblica
La Banca Mondiale infatti ha tagliato le stime per l'economia mondiale, dipingendo uno scenario di recessione profonda, che vede un calo del PIL mondiale del 2,9% quest'anno contro l'1,7% stimato a marzo. Nonostante alcuni segnali di miglioramento,...
Francia: deficit- pil tra 7 e 7, 5% - ANSA
(ANSA) - ROMA, 21 GIU - Il rapporto deficit-pil in Francia nel 2009 si attestera' tra il 7 e il 7,5%. Lo ha annunciato il ministro dell'Economica Eric Woerth. Aggiungendo che nel 2010 la cifra sara' 'probabilmente' la stessa....
Commissione Ue: giudica 'fiscal stance' italiana 09 neutrale - Borsa Italiana
Il target del deficit per il 2008 - fissato ad un livello del 2,2% del Pil - non e' stato raggiunto (attestandosi al 2,7%) e le previsioni per il 2009 parlano di un deficit che dovrebbe raggiungere il 4,5% del Pil. Fra le cause di questo progressivo...
Piazza Affari chiude ancora negativa. - La Stampa
I mercati finanziari sono stati bombardati nelle ultime sedute da revisioni peggiorative delle stime relative all'andamento del Pil per l'anno in corso e per quelli a venire. Dopo la World Bank e la Bce anche l'Ocse e' intervenuto nel balletto delle...

Lista di stati per PIL (PPA)

Paesi in base al PIL per PPA (IMF 2006)

Questo articolo include tre liste di stati del mondo ordinate per il loro Prodotto Interno Lordo (PIL) per parità dei poteri d'acquisto (PPA).

Per PIL si intende il valore di tutti i prodotti finiti e servizi prodotti in uno stato in un dato anno. Per parità dei poteri di acquisto si intende che le stime qui presentate si basano sui valori rapportati al costo della vita e all'inflazione per i diversi paesi. Essendo rapportati al costo della vita i valori basati sul PPA rappresentano meglio il vero valore della produzione di un paese rispetto al semplice cambio al tasso ufficiale con il dollaro statunitense.

Vedi qui per un confronto tra PIL nominale e PIL (PPA).

Per la parte superiore



Lista di stati per PIL (PPA) pro capite

Paesi in base al PIL (PPA) procapite 2007 (IMF 2007)

Questo articolo fornisce una lista di stati del mondo ordinata per il loro Prodotto Interno Lordo (PIL) PPA procapite . Questo rappresenta il valore di tutti i prodotti finiti e servizi prodotti in uno stato in un dato anno diviso per la popolazione media della stato per lo stesso anno. Essendo calcolate sul PIL adeguato alle parità dei poteri di acquisto e quindi tenendo conto del diverso costo della vita dei diversi paesi questi valori meglio rappresentano la ricchezza dei diversi popoli dei diversi paesi rispetto alla Lista di stati per PIL (nominale) procapite. Permettono quindi di comparare più fedelmente, anche se non esaustivamente, il benessere relativo dei singoli paesi.

I dati provengono dal Fondo Monetario Internazionale (World Economic Outlook Database, October 2008), sono relativi agli anni 2006 e 2007 e sono espressi in dollari statunitensi.

I dati in corsivo sono stime.

Per la parte superiore



Confronto tra PIL nominale e PIL (PPA)

Questo articolo confronta il Prodotto Interno Lordo (PIL) al valore nominale con il PIL valutate in base al potere di acquisto (PPA) per ogni stato del mondo.

I dati sono espressi in milioni di dollari statunitensi. Le informazioni provengono dal Fondo Monetario Internazionale (IMF, 2007).

Per la parte superiore



Pil nominale

Il pil nominale è il prodotto interno lordo a prezzi correnti, cioè calcolato ad un tasso costante esente inflazione quindi in surplus di offerta maggioritaria.

Per la parte superiore



Deflatore del PIL

Il deflatore del PIL è uno strumento che consente di "depurare" la crescita del PIL dall'aumento dei prezzi. Poiché il PIL è dato dal prodotto prezzo per quantità, occorre sapere se la crescita da un anno all'altro è dato dalla quantità prodotta o dall'aumento dei prezzi. Il deflatore risulta quindi dal rapporto tra il PIL nominale (quantità per i prezzi correnti) e il PIL reale (quantità per i prezzi costanti).

Perciò la crescita del PIL reale, che tiene conto della variazione del livello dei prezzi, è pari all'1% ed è uguale alla crescita della quantità prodotta (che passa da 1000 a 1010), come deve essere.

La misurazione è resa possibile dall'uso dei numeri indice che consente di rilevare le variazioni dei prezzi. Ad esempio, fatto pari a 100 il numero indice dell'anno base 2004, se si registra che nel 2006 c'è stata una variazione del 2% dell'indice dei prezzi, si può dedurre che il prezzo di un bene che nel 2004 era di 100, ora è uguale a 102.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia