Patrizio Roversi

3.356042173547 (1233)
Inviato da amalia 30/04/2009 @ 08:13

Tags : patrizio roversi, personaggi tv, tv, tempo libero

ultime notizie
Turismo: Conclusa A Siracusa La Parte Teatrale Del Progetto ... - Siracusa News.it
E' stato Patrizio Roversi, l'ospite della serata conclusiva di “Scenario Mediterraneo”, un progetto di valorizzazione di quei territori tradizionalmente lontani dalle rotte turistiche convenzionali. A Palazzo Borgia del Casale, da poco ripristinato...
Dedicata all'intercultura la rassegna 2009 del Reggio Film Festival - La Tecnica della Scuola
Fra gli ospiti che hanno partecipato all'iniziativa si ricordano: Marco Bellocchio, Gianni Amelio, Matteo Garrone, David Riondino, Mauro Pagani, Diego De Silva, Marcello Fois, Patrizio Roversi, Maurizio Nichetti il premio Nobel Dario Fo, Maria Grazia...
La fisica approda in Puglia a bordo di «Adriatica» - La Gazzetta del Mezzogiorno
La barca a vela «Adriatica», di quasi 22 metri, resa famosa dalla trasmissione «Velisti per Caso» di Patrizio Roversi, per quasi due mesi, a partire dal 19 aprile, su iniziativa dell'INFN si trasforma in un inedito laboratorio dedicato ai ragazzi delle...
"Il rumore dello zucchero": come si cucina al buio - SuperAbile
Protagonisti di un'esperienza culinaria e plurisensoriale tutta particolare sono Patrizio Roversi, il "turista e velista per caso" della tv, ei ragazzi dell'istituto di Genova, che si sono cimentati nella pesca alla trota e nella sua preparazione con...
Garantire all'acqua un futuro di qualità - Vaol.it
... Massimo Frezzotti responsabile del laboratorio di Osservazioni Climatiche dell'ENEA che dal 1985 svolge ricerche in Antartide; l'alpinista Paolo Rabbia; Paolo Sorcinelli, professore di Storia Sociale; Patrizio Roversi, conduttore televisivo;...
David Copperfield - Everyeye Network
Tra gli interpreti anche Stefano Dionisi, nel ruolo del crudele patrigno Edward Murdstone ed un insolito Patrizio Roversi che interpreta Mr. Micawber. “Molte persone, mentre giravamo, hanno pensato che stessimo lavorando alla biografica del mago...
Si conclude a Siracusa ”Scenario Mediterraneo” - Live Sicilia
Alla cerimonia di chiusura di Scenario Mediterraneo (ore 21, Borgia del Casale, Ortigia) partecipera' il vicepresidente della Regione siciliana Bufardeci, insieme ai “turisti per caso” Patrizio Roversi e Siusy Blady. I due autori, per questa edizione...
“Energia in barca” approda a Civitavecchia - TRC Giornale
"Questo evento organizzato da Enel - ha dichiarato Patrizio Roversi, presente alla manifestazione - e le tematiche legate all'energia affrontate oggi, riassumono perfettamente la vocazione di questa barca. Adriatica ha fatto giro del mondo e sempre con...
Una anno di 'Modena Cooperazione internazionale' - Sassuolo 2000
L'analisi è sempre affiancata dal parere di un esperto: finora Mario Cavani (vicepresidente Banca Popolare Etica), Patrizio Roversi (conduttore televisivo e autore del programma "Turisti per caso"), Alex Zanotelli (missionario italiano della comunità...
Fiction italia – La primavera di SkRaiSet. Stili e tendenze della ... - Close-Up
... e papà e la buona confezione fin qui realizzata viene piegata (e rovinata) – eccetto i momenti assegnati al sorprendente villain Gian Marco Tognazzi e allo svagato Patrizio Roversi – ai fini del solito monito moralista cui la Rai raramente sfugge....

Patrizio Roversi

Biografilm2008 074 - edit.jpg

Patrizio Roversi (Mantova, 4 febbraio 1954) è un conduttore televisivo italiano.

Bolognese di adozione, è noto per aver lavorato molti anni in RAI ed in passato sulle reti televisive private.

Terminato il Liceo Classico a Mantova, si trasferisce a Bologna dove consegue la laurea, facoltà Dams.

Inizia la propria carriera artistica facendo animazione teatrale nei teatri per ragazzi nelle colonie estive organizzate dal comune, dove conosce quella che diventerà la sua compagna, l'attrice Syusy Blady.

Passa poi al teatro di strada e, successivamente, con la compagnia Teatro Evento trova uno spazio presso il circolo Arci Cesare Pavese della storica via del Pratello con uno spettacolo dal vivo, il Gran Pavese Varietà, animato tra gli altri da Syusy Blady, Stefano Bicocchi in arte Vito, i Gemelli Ruggeri e Olga Durano.

Durante una delle loro performance vengono notati dall'autore Rai Giovanni Minoli che propone al gruppo un piccolo spazio all'interno del format di Rai Mixer.

L'esordio televisivo risale al 1985 all'interno del programma Mixer, ideato da Giovanni Minoli. Il successo arriva, però, nel 1987 con la partecipazione alla trasmissione satirica Lupo Solitario su Italia Uno e l'anno seguente al programma l'araba fenice insieme a tutto il gruppo del Gran Pavese.

Dopo una parentesi su Rete7 Emilia-Romagna (dove stabilisce in coppia con l'inseparabile Syusy Blady il record di durata in diretta televisiva, 100 ore) partecipa su Rai Tre al programma di Fabio Fazio e Bruno Gambarotta Porca miseria e successivamente Se rinasco su Rai Due.

Più recentemente per Rai Tre ha condotto le prime cinque edizioni della trasmissione per la promozione della letteratura, Per un pugno di libri e per la promozione del turismo, Turisti per caso, Velisti per caso e Evoluti per caso.

Nel 1991 è protagonista insieme a Maurizio Nichetti ed ad Angela Finocchiaro nel film Volere volare.

Ha pubblicato diversi libri sul tema del turismo in particolare, di passaggio in India, Comix; Quel poco che abbiamo capito del mondo facendo i turisti per caso, Einaudi; Chiudi il gas e vieni via,viaggi di un sedentario, Socialmente.

Insieme all'amico Martino Ragusa ha pubblicato due libri sul tema del cibo Turisti per cibo e Golosi per caso e Le più belle del mondo, Atlante mondiale delle barzellette.

La sua attività artistica si è svolta e si svolge quasi completamente in coppia con l'attrice Syusy Blady nata il 7 febbraio 1952, al secolo Maurizia Giusti, la sua ex moglie da cui ha avuto, il 2 settembre 1994, la figlia Zoe. Insieme hanno condotto i programmi di grande successo Turisti per caso, Velisti per caso e Evoluti per caso. Nel 2007 per un breve periodo ha curato una rubrica per la testata Tiscali Notizie del portale Tiscali.

Da dieci anni a questa parte ha prodotto tre siti web: Turisti per caso, Velisti per caso e Il giornale del cibo a cui è particolarmente affezionato per l'opportunità di entrare in contatto con milioni di utenti.

Nel 2007 e nel 2008 ha partecipato al Trento film festival della montagna.

Per la parte superiore



Syusy Blady

Maurizia Giusti (Bologna, 7 febbraio 1952) è una conduttrice televisiva e cabarettista italiana.

Syusy Blady, nome d'arte di Maurizia Giusti è nota al pubblico televisivo suprattutto grazie al programma Turisti per caso condotto in coppia con il suo ex marito Patrizio Roversi. Ispirandosi al quasi omonimo film (Turista per caso) porta lo spettatore in giro per il mondo mantenendo però un taglio decisamente diverso dai classici documentari, quasi fosse un "filmino" delle vacanze.

Negli anni '70 milita nel Collettivo Femminista Bolognese per il quale realizza dei cortometraggi in super8. Esordisce negli anni ottanta in qualità di cabarettista, sempre al fianco di suo marito, in alcuni programmi di successo quali Drive In e La tv delle ragazze, mentre nel 1987 conduce il programma di seconda serata di Italia 1 Lupo Solitario, ideato da Antonio Ricci, che ottenne un ottimo successo di critica. Sempre in quell'anno partecipa al film giallo per bambini Operazione Pappagallo opera prima del regista Marco Di Tillo, autore anche della sceneggiatura insieme a Piero Chiambretti e Claudio Delle Fratte. Nel cast del film, tra gli altri, Nicola Pistoia, Leo Gullotta, Tiberio Murgia, Didi Perego. L'anno seguente, nella stessa fascia oraria, va in onda un altro format di Ricci, L'araba fenice, programma al quale prende parte insieme a tutto il cast di Lupo solitario. Sempre in questi anni, sfruttando il suo personaggio di tap model ironizzando sul suo aspetto fisico, incide alcune canzoni, diventate famose anch'esse per essere delle semplici prese in giro.

Nel 2004 ha partecipato al giro intorno al mondo per il programma Velisti per caso sempre in coppia con Patrizio Roversi, e nello stesso anno ha condotto, questa volta da sola, il programma Misteri per caso, che raccontava dei misteri da lei scoperti negli anni passati, visitando il mondo con il suo più famoso programma.

Recentemente ha inoltre realizzato come regista il cortometraggio "Ciccio colonna" presentato al Genova Film Festival ed alla prima edizione dell'Ischia Film Festival nel 2003.

Negli anni novanta è stata sposata con il suo compagno di lavoro Patrizio Roversi dal quale, nel 1994, ha avuto una figlia di nome Zoe. Attualmente divorziata, la coppia continua a lavorare insieme e a mantenere un buon rapporto anche nella vita privata, vivendo in due case adiacenti.

Per la parte superiore



Piero Dorfles

Piero Dorfles (Trieste, 1946) è un giornalista e critico letterario italiano.

Dopo essere stato responsabile dei servizi culturali del Giornale Radio Rai, è divenuto noto al grande pubblico grazie alla sua partecipazione al programma televisivo di Rai Tre Per un pugno di libri nella conduzione del quale ha affiancato dapprima Patrizio Roversi e successivamente Neri Marcorè.

Cura inoltre la rubrica radiofonica Il baco del millennio per Radiouno.

Tra i suoi libri, sempre di argomenti legati al mondo della comunicazione radiotelevisiva, si segnalano Atlante della radio e della televisione (Nuova ERI, 1988) e Carosello (Il Mulino, 1998).

Per la parte superiore



Per un pugno di libri

1950's television.jpg

Per un pugno di libri è un programma televisivo trasmesso da Rai Tre la domenica nel periodo invernale. Il programma è condotto da Neri Marcorè con la partecipazione del prof. Piero Dorfles, scritto da Andrea Salerno, Gabriella Oberti e Alessandro Rossi per la regia di Igor Skofic, ed è giunto nel 2008 alla sua dodicesima edizione.

Si può assimiliare il programma come un quiz a premi i cui concorrenti sono una classe di due scuole superiori, provenienti dalle diverse regioni italiane: quella che ha conquistato più libri, li vince. A fianco dei concorrenti gioca un personaggio televisivo celebre che, insieme al portavoce della classe, è abilitato a rispondere ai quesiti.

Risulta tuttavia riduttivo definire "Per un pugno di libri" semplicemente un quiz, perché uno dei fini del programma è proporre nuove letture al pubblico di casa. Inoltre ciascuna puntata si identifica con un libro particolare, generalmente un classico della letteratura internazionale, che i concorrenti sono tenuti ad aver letto e su cui si incentrano la maggior parte delle sfide. Nell'edizione 2006/2007, però, le puntate si sono basate su due libri, uno per ogni squadra.

Il conduttore, ormai consolidato da cinque edizioni, è Neri Marcorè affiancato da Piero Dorfles, noto giornalista e responsabile della programmazione culturale di RadioRAI. Quest'ultimo ha il compito di correggere gli errori commessi nelle sfide dai concorrenti e soprattutto di proporre nuove letture di recente uscita, offrendo un'ampia prospettiva sulla trama del libro stesso, con tanto di commento e apprezzamento personale.

Precedentemente a Marcorè, Patrizio Roversi è stato il primo conduttore della trasmissione, per le prime cinque edizioni, con modalità molto simili.

Durante la trasmissione vengono mandati in onda due-tre filmati in cui personaggi autorevoli commentano il libro preso a icona della puntata.

Il programma nasce nel 1997 e continua annualmente fino a giungere all'attuale edizione in onda nel palinsesto invernale 2008/09, che è dunque la dodicesima.

Il pubblico da casa è invitato a partecipare ad un gioco in cui bisogna indovinare il titolo di un libro partendo da una definizione citata dal conduttore nel corso del programma. In premio ci sono ad ogni risposta errata cinque libri in più, partendo da un montepremi di cinque libri.

Per la parte superiore



Turisti per caso

Turisti per caso è il titolo di una serie di trasmissioni televisive ideate del duo Patrizio Roversi e Syusy Blady, in onda sulle reti Rai sin dai primi anni 90. Nel corso degli anni il titolo, ispirato al film Turista per caso, è diventato sinonimo di "viaggi fai da te".

L'idea originaria era quella di proporre ad amici seduti in salotto, i filmini delle proprie vacanze, presentando con occhio critico ma assolutamente originale un modo alternativo di vedere il mondo, le sue bellezze e le sue particolarità, evidenziandone di volta in volta aspetti magari inediti o poco noti.

Nel procedere degli anni la trasmissione ha preso sempre di più la forma di un reportage alternativo ed ironico che propone nuove chiavi di lettura per le località visitate.

Col tempo sono nati vari spin-off della trasmissione.

Per la parte superiore



Velisti per caso

Velisti per caso è una trasmissione di Syusy Blady e Patrizio Roversi per Rai Tre.

Il programma televisivo prende spunto dal viaggio intorno al mondo fatto con una barca a vela, chiamata Adriatica. Le varie tappe del viaggio ospitano sulla barca personaggi famosi e mostrano gli angoli più belli del mondo.

Per la parte superiore



L'araba fenice

L'araba fenice è il titolo di una trasmissione televisiva andata in onda su Italia 1 nel 1988.

Antonio Ricci, ideatore del precedente format di seconda serata di Italia 1 Lupo Solitario, registrò una puntata zero del programma che avrebbe dovuto sostituire il Lupo solitario nella programmazione di rete, intitolato Matrjoska. La puntata zero scatenò numerose polemiche e lamentele soprattutto da parte del proprietario della Fininvest Silvio Berlusconi, che portarono alla cancellazione il programma, la cui data di inizio prevista era il 22 febbraio 1988. I motivi della cancellazione del format furono parecchi, e spaziavano tra l'immagine di un nudo integrale della pornostar Moana Pozzi, la presenza del volgare pupazzo Scrondo e la presenza dei giovani del coro di Comunione e liberazione, chiamato a esibirsi in studio senza sapere di essere oggetto di dileggio.

Dalle ceneri di questo programma nacque così L'araba fenice, dal titolo simbolico.

Il programma andò in onda, dopo una preparazione a tempo di record, dall'11 aprile 1988 e riproponeva più o meno lo stesso cast della trasmissione cancellata, che peraltro non era altro che il vecchio cast di Lupo solitario arricchito. Il programma andò in onda con poche modifiche rispetto al programma originale ed era a base di imitazioni e parodie, e curiosamente, a partire dalla quinta puntata, vi partecipò anche il tanto contestato coro di Comunione e liberazione, ma la loro esibizione fu trasmessa al contrario, diventando così una canzone arabeggiante, in linea con il titolo della trasmissione.

La conduzione del programma era stata affidata a Mazouz M'Barek e questa scelta del regista fu una provocazione, poiché si trattava di un marocchino immigrato totalmente inesperto nel suo ruolo e preso a caso per le strade cittadine, e Ricci voleva appunto provocare soprattutto il pubblico che in quel periodo non sopportava il fenomeno dell'immigrazione che in quegli anni era piuttosto massiccio.

Tra le numerose scene da ricordare vi sono le finte critiche artistiche di Eva Robins che alla fine del suo commento stracciava sempre i dipinti, i film impegnati del regista sudamericano Montecrucco, interpretato da David Riondino, l'investigatore privato Palombo, alias Riccardo Pangallo, le Storie di Croda, storie di una cittadina immaginaria dell'est Europeo interpretata dai Gemelli Ruggeri che parodiavano il cinema muto russo, Syusy Blady e Patrizio Roversi che, seguendo il filone iniziato nell'antisignano Lupo solitario, intervistavano i parenti dei vip alla ricerca di un nuovo scoop, i disegnatori satirici Disegni & Caviglia, che illustrano le vicende di Scrondo (acronimo di Scorie Radioattive Oggetti Distruttivi Oltremodo), un alieno voracissimo trovato nei cassonetti della spazzatura che si diletta nel lancio di barattoli contro le telecamera e nella distruzione dello studio televisivo.

Faceva parte del cast anche un'esordiente Sabina Guzzanti che interpretava personaggi come la cantante ecologista Matilda, la bambina indemoniata, una ragazza petulante che ripeteva sempre la parola Occhei, una parodia dell'antropologa Ida Magli e una suora vittima di apparizioni mistiche appena incrocia con lo sguardo lo Scrondo o la pornostar Moana Pozzi, anch'essa riconfermata in seguito alla vicenda Matrjoska, nuda.

Tra gli altri personaggi vi erano anche personaggi molto conosciuti come Silvio Orlando, Francesco Salvi, Gianni Ippoliti, Daniele Piombi e la già citata Moana Pozzi, che si occupava, senza veli, della rubrica L'angolo della vergogna, dove puntava il dito verso malefatte di importanti personaggi mettendo a confronto la sua attività, giudicata vergognosa, con i fatti compiuti da questi personaggi, tra i quali spiccava il ministro Calogero Mannino.

Aveva molto seguito la giornaliera gara tra le vallette di quattro importanti programmi del periodo, Indietro tutta e Conto su di te di Raidue, Drive In di Italia 1 e Colpo Grosso e un finto funerale di Silvio Berlusconi, che sfociava in una rissa tra il cast del programma e "quelli" di Publitalia 80, che si occupava della pubblicità nelle reti Fininvest, interpretati dalla Gialappa's Band, ancora sconosciuti all'epoca.

La sigla di apertura consisteva di un filmato accelerato dello smantellamento del set di Drive in per quello della trasmissione, al ritmo di uno strano motivo che poi si rivela come l' Internazionale eseguita al contrario. La sigla di chiusura riprende il tema dei Gemelli Ruggeri sullo stato fantomatico di Croda, nell'Europa dell'est, in quegli anni nell'orbita sovietica.

Nell'autunno del 2004 il programma è stato rimandato in onda sull'emittente satellitare Happy Channel alle ore 22, nella stessa fascia oraria occupata in precedenza dalle repliche del Lupo solitario.

Per la parte superiore



Evoluti per caso

Evoluti per caso - Sulla rotta di Darwin è un programma televisivo trasmesso sulle reti Rai nell'estate del 2007.

Condotto dalla coppia composta da Syusy Blady e Patrizio Roversi nasce da una costola del programma Velisti per caso. Con la barca Adriatica, già utilizzata per il giro del mondo nel 2004, i due ripercorrono, circumnavigando l'america latina, le tappe seguite da Charles Darwin nel viaggio che l'ha poi portato a formulate le teoria dell'evoluzione.

La durata del viaggio è di circa 6 mesi durante i quali Adriatica percorrerà 12 tappe che la porteranno dalle Galapagos fino in Brasile passando per svariati paesi latino americani tra cui Ecuador, Perù, Cile e Argentina.

Il programma nasce come seguito di un progetto di studio che vedrà coinvolte anche le più importanti università italiane.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia