Partiti politici

3.3672922252122 (1119)
Inviato da gort 25/02/2009 @ 18:12

Tags : partiti politici, politica

ultime notizie
Nextplora e Microsoft: la rete chiama la politica - Quomedia
E la critica che viene da tutti gli utenti nei confronti di tutti i partiti, che per il 79% non utilizzano ancora abbastanza la rete come strumento per comunicare con gli elettori, coincide con l'idea che proprio il web possa contribuire a rinnovare la...
Scritto da Maria Teresa Thibault | 28 Maggio 2009 - Demodoxalogia - scienza e arte dell'opinione pubblica
Già Francesco Leoni nel suo Annuario dei movimenti politici (Semerano, Roma, 1961) affermava che: Cercare di raccapezzarsi nel labirinto dei partiti politici italiani è come voler viaggiare ad occhi chiusi nella giungla africana [....
I risultati della Terza Edizione dell'Osservatorio internet sull ... - BitCity
Ma dagli utenti di Internet arriva una critica verso tutti i partiti politici: per il 79%, infatti, i politici ei partiti in generale non hanno ancora utilizzato al meglio tutte le potenzialità di internet per comunicare con gli elettori....
PROVVEDIMENTI ANTICRISI E IPOTESI DI RIFORMA ELETTORALE - GrNet.it
In ogni circoscrizione i partiti politici o le coalizioni di partiti presenterebbero 1 candidato che verrebbe eletto con il sistema uninominale maggioritario a doppio turno. Passerebbero al secondo turno di ballottaggio i 3 ( tre) candidati che,...
Le tensioni nel Pdl e la Sicilia come "laboratorio politico" - Il Sole 24 Ore
I riferimenti di Lombardo in Parlamento sono i neo partiti centristi, dalla Nuova Dc di Gianfranco Rotondi all'Alleanza di centro dell'ex Udc Francesco Pionati. L'alleanza elettorale con Storace dimostra semmai la spregiudicatezza dell'azione politica....
Elezioni: Slow Food, Appello politici, agricoltura a centro Ue - ANSA
Il documento e' stato inviato ai segretari dei partiti che hanno presentato liste in tutte le circoscrizioni italiane e contiene quattordici punti riguardanti l'agricoltura e l'alimentazione per i quali l'associazione chiede l'impegno dei candidati ad...
ALDO MORO, ENRICO BERLINGUER E NOI, MOVIMENTO DI IDEA - Nebrodi e Dintorni
Aldo Moro, premonendo la fine del socialismo reale e la democratizzazione del mondo occidentale, oltrechè dei partiti politici italiani, scelse la via del dialogo e questo gli fu fatale. Nelle intenzioni di Moro e Berlinguer, il dialogo doveva essere...
L'uso privato dei rimborsi elettorali è reato? - Il Legno Storto
La riprova ne fu l'alta percentuale di affluenza alle urne, ben il 77%, ottenuta per il referendum abrogativo del 1993, che con oltre il 90% dei SI cancellò la legge del 2 maggio 1974 “Contributo dello Stato al finanziamento dei partiti politici”....
Aung San Suu Kyi contrattacca: la falla nella sicurezza è da ... - AsiaNews
Il partito di opposizione ha pubblicato un comunicato in cui chiede al governo di: rilasciare incondizionatamente tutti i prigionieri politici, inclusi i leader di partito Aung San Suu Kyi e Tin Oo; fissare le condizioni per un dialogo politico;...
"Berlusconi capopolo inaffidabile Il taglio dei seggi? Un diversivo" - La Repubblica
Un'altra metà, un po' più del 47 per cento, dichiara che voterà per i partiti di opposizione. E poi c'è un italiano su tre che sta a guardare, che non ha ancora deciso. Quindi non è vero che gli italiani stanno con Berlusconi, come dice lui"....

Partiti politici finlandesi

Coat of arms of Finland.svg

I partiti politici finlandesi seguono un sistema multipartitico composto da tre principali partiti: il Partito socialdemocratico finlandese, il Partito di Centro e il Partito della coalizione nazionale. Variando la loro percentuale di voti dal 18 al 25%, essi sono costretti a formare formare governi di coalizione al in ogni legislatura.

Il Partito di Centro (Suomen Keskusta, Kesk.) è attualmente il partito di maggioranza del parlamento finlandese, nelle ultime elezioni con il 24,7% dei voti ha conquistato 55 seggi, il secondo partito del parlamento è il Partito socialdemocratico finlandese (Suomen Sosialidemokraattinen Puolue, SDP) che alle ultime elezioni con il 24,5% dei voti ha conquistato 53 seggi; insieme al Partito del popolo svedese, questi partiti dal 2003 formano la coalizione di governo che guida il paese.

Questi due partiti hanno più volte nella storia formato una coalizione governativa anche insieme al Partito della coalizione nazionale (Kansallinen Kokoomus, Kok) che alle elezioni del 2003 ha conquistato 40 seggi con il 18,6% dei voti.

Tra i partiti minori troviamo l'Alleanza di Sinistra (Vasemmistoliitto) con l'9,9% dei voti e 19 seggi e la Lega Verde (Vihreä liitto) con l'8% dei voti e 14 seggi, che insieme all'SDP hanno governato il paese dal 1995 al 2003. Tra i piccoli partiti ci sono i Cristiano democratici (Kristillisdemokraatit), il Partito del popolo svedese (Svenska folkpartiet) (SFP) e i nazionalisti della lista "Veri Finlandesi" (Perussuomalaiset). Quest'ultimi partiti hanno raramente partecipato a delle coalizioni di governo, eccezion fatta per il Partito del popolo svedese.

In Finlandia per presentarsi alle elezioni un partito deve avere un minimo di 5000 iscritti aventi diritto di voto e di essere elettim; tali iscritti devono inoltre garantire una normale vita democratica all'interno del partito, regolamentata per legge.

Qui di seguito vengono ripostati i principali partiti, e il loro attuale leader. Tra parentesi il nome in finlandese e l'abbreviazione.

Per la parte superiore



I partiti politici in Italia dal 1848 al 1924

I partiti politici nella storia d’Italia è una delle opere più famose di Carlo Morandi, considerato un classico della storiografia italiana.

Il volume fu pubblicato nel luglio del 1945, a pochi mesi dalla Liberazione, offrendo per la prima volta un quadro panoramico convincente della formazione e della trasformazione dei partiti lungo il corso della storia d'Italia.

Per la parte superiore



Partiti politici in Trentino-Alto Adige

Bandiera del Trentino-Alto Adige.

Diversi partiti politici sono attivi in Trentino-Alto Adige. La regione è formata da due provincie autonome (la Provincia di Trento e la Provincia di Bolzano) con due diversi insiemi di partiti.

Le assemblee rappresentative provinciali sono il Consiglio della Provincia di Trento e il Consiglio della Provincia di Bolzano, che insieme formano il Consiglio regionale del Trentino-Alto Adige.

Nessun partito ha mai avuto la possibilità di governare da solo e i partiti sono quindi obbligati a coalizzarsi tra di loro. Se in Trentino questo è dovuto alla dimensione dei movimenti, in Alto Adige i motivi sono etnici: la Südtiroler Volkspartei, sempre sopra il 50% dei voti provinciali, ha sempre avuto bisogno del sostegno di almeno un partito italiano per avere esponenti di lingua italiana nella giunta.

Per la parte superiore



Partiti politici svizzeri

Coat of Arms of Switzerland 3d.svg

Questa è la lista dei partiti politici svizzeri. La Svizzera è caratterizzata da un sistema multi-partitico, nel quale anche i partiti meno rappresentativi della popolazione riescono a trovare un loro spazio in consiglio nazionale.

Per la parte superiore



Partiti politici italiani

Italy-Emblem.svg

I partiti politici in Italia sono numerosi e ciò ha contribuito al succedersi di governi di coalizione.

I partiti principali sono attualmente il Popolo della Libertà (PdL) e il Partito Democratico (PD). Molti sono i partiti attualmente operativi , ma solo cinque di questi (PdL, PD, Lega Nord, Italia dei Valori e Unione dei Democratici Cristiani e di Centro) – esclusi i Radicali Italiani apparentati con il PD e alcuni partiti regionali (Movimento per l'Autonomia, Südtiroler Volkspartei e Union Valdôtaine) – hanno rappresentanza in Parlamento.

In Italia si può parlare di partiti politici moderni a partire dal 1892, quando viene fondato il Partito Socialista Italiano. Sino a quel momento i principali raggruppamenti politici del paese, la Destra storica e la Sinistra storica non erano raggruppamenti politici classificabili come partiti, ma semplici "cartelli" di notabili, ciascuno con un proprio feudo elettorale, che si riunivano in gruppi a seconda delle proprie idee.

Invece il Partito Socialista Italiano sin dagli inizi si prefigura come partito di massa, la forma partitica che sarà predominante per tutto il Novecento, e viene seguito pochi anni dopo dai movimenti politici cattolici, prima con la Democrazia Cristiana Italiana di Romolo Murri, poi con il Partito Popolare Italiano (1919-1926) fondato da don Luigi Sturzo nel 1919. Non a caso entrambi i partiti otterranno notevoli successi elettorali sino all'avvento del fascismo, contribuendo in maniera determinante alla perdita di forza e autorevolezza della vecchia classe dirigente liberale, che non era stata capace di strutturarsi in una forma partitica in grado di affrontare le nuove sfide della società.

Nel secondo dopoguerra i partiti di massa furono Democrazia Cristiana e Partito Comunista Italiano: questa fu una delle peculiarità del sistema politico italiano. Al momento della sua fondazione nel 1921 il PCI non era diverso dagli altri partiti comunisti europei, molto più piccoli rispetto ai "fratelli" socialisti o socialdemocratici e privi di un radicamento effettivo nelle masse e nella classe proletaria, in quanto prediligevano il ruolo di avanguardia rivoluzionaria tracciato da Lenin nelle sue opere politiche. Il ruolo fondamentale svolto dal movimento comunista nella Resistenza ha consentito però al PCI di prendere il posto del Partito Socialista come rappresentante della classe operaia e di diventare stabilmente, dopo il 1948, il secondo partito italiano nonché il primo della sinistra. Il PCI ha rappresentato, praticamente in maniera continua, l'opposizione ai governi centristi della DC e a quelli DC-PSI e alleati per più di quarant'anni.

Questa problematica situazione ha condizionato fortemente il sistema politico italiano, perché mentre negli altri Paesi europei la presenza di forti partiti socialisti, socialdemocratici o laburisti, ma sempre privi di legami con l'Urss, consentiva l'alternanza di governo, in Italia la pregiudiziale anticomunista e antisovietica rendeva di fatto impossibile tale alternanza. Questo spiega la permanenza ininterrotta al potere per oltre mezzo secolo della Democrazia Cristiana, il partito sorto dalle ceneri del PPI di don Sturzo, dal Governo Badoglio I al Governo Ciampi. Tuttavia la DC dal 1953 in poi mai ha avuto i voti sufficienti a governare da sola il Paese, a causa del sistema elettorale italiano completamente proporzionale. Questo spiega inoltre il notevole potere che sino al 1992 hanno avuto i piccoli partiti "laici" (Partito Liberale Italiano, erede del liberalismo pre-fascismo, Partito Socialista Democratico Italiano, nato dal PSI nel 1947, Partito Repubblicano Italiano), necessari per la formazione di maggioranze parlamentari.

La necessità di accordi continui fra partiti ha portato alla cosiddetta partitocrazia, e cioè l'occupazione, da parte dei partiti, di tutti i gangli dell'amministrazione pubblica, con l'inevitabile corollario di corruzione, nepotismo, inefficienza. Questo, insieme alle crisi delle ideologie e alla fine della guerra fredda, ha portato ad una generale perdita di credibilità e autorevolezza dei partiti, iniziata durante gli anni ottanta con il calo graduale ma inesorabile dei consensi di PCI e DC, e culminati nel crollo successivo all'inchiesta di Mani Pulite del 1992. A questa domanda di rinnovamento proveniente dalla società italiana si deve aggiungere però il deteriorarsi del partito massa, ormai superato: non è un caso che dopo la disgregazione di PCI e DC e la scomparsa del PSI e dei partiti laici le nuove forze politiche emergenti siano movimenti "personali" come Forza Italia, creata nel 1993 dall'imprenditore Silvio Berlusconi, e partiti di protesta come la Lega Nord di Umberto Bossi.

Senza analizzare tutti i partiti sorti negli anni novanta (anche se è necessario evidenziare l'evoluzione del neofascista Movimento Sociale Italiano-Destra Nazionale in Alleanza Nazionale e la evoluzione del PCI nel Partito Democratico della Sinistra, socialisti democratici, con la conseguente scissione della ala euro-comunista, Partito della Rifondazione Comunista) bisogna comunque notare che, a più di dieci anni di distanza dall'apparente crollo della nomenklatura della Prima Repubblica, i partiti italiani con molta difficoltà sono giunti ad un sistema bipolare.

Molti ritengono che il gran numero di partiti della Prima Repubblica fosse dovuto al sistema completamente proporzionale, e per questo si è chiesto di sostituirlo con un maggioritario secco. Ciò è avvenuto solo in parte, in quanto è stato creato un sistema misto con una quota maggioritaria per il 75% dei seggi e il restante assegnato tramite proporzionale. Tuttavia in poco tempo è stato chiaro che in un sistema come quello italiano, caratterizzato da numerosi partiti a forte base regionale e privo di forze politiche paragonabili ai grandi partiti europei, il maggioritario invece che diminuire moltiplicava il numero di partiti: il maggioritario secco infatti spinge alla formazione di coalizioni, nelle quali i partiti piccoli hanno buon gioco nel chiedere un certo numero di seggi sicuri in cambio del proprio appoggio, quasi sempre determinante. Anche l'ultima riforma elettorale del 2006, che restaura un proporzionale, ma che all'atto pratico è un maggioritario a collegio unico, ma elimina le preferenze, conferisce un grande potere alla classe dirigente dei partiti e rende impossibile una penetrazione di essi da parte della società civile.

Nel 1993, il referendum sull'abolizione del finanziamento pubblico ai partiti ottiene la maggioranza dei voti. La legge n°156 del 26 luglio 2002 abbassa dal 4 all'1% il quorum per ottenere il rimborso elettorale e abolisce il tetto massimo di spesa per lo Stato.

Nel 2006, dopo l'ultima riforma, si presentarono due coalizioni per le elezioni politiche.

Questi sono i partiti politici maggiori, presenti su scala nazionale, che abbiano ottenuto almeno il 4% nelle elezioni politiche del 2008 o che abbiano una rappresentanza nel Parlamento italiano di almeno il 4% dei seggi.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia