OCSE

3.4217221135093 (1022)
Inviato da nono 17/03/2009 @ 04:14

Tags : ocse, organizzazioni internazionali, esteri

ultime notizie
Crisi, allarme Ocse per l'Italia Giù il Pil, più deficit e disoccupati - La Repubblica
L'Ocse stima una profonda recessione quest'anno per l'Italia, con un pil in calo del 5,3% e una ripresa nel 2010 a +0,4%. E' quanto emerge dal rapporto sull'Italia dell'Ocse nel quale si evidenzia che "tutte le previsioni sono soggette a una forte...
Rapporto Ocse: la cattiva condotta frena lo studio - Il Sole 24 Ore
Meno male che c'è il voto in condotta: il cattivo o pessimo comportamento degli studenti italiani è un grave ostacolo al processo d'insegnamento: a pensarlo è, secondo un rapporto dell'Ocse, il 70% degli insegnanti italiani delle scuole medie inferiori...
La scuola italiana è in coda nella classifica dei Paesi Ocse - La Stampa
Per la scuola in Italia l'Ocse chiede più chiarezza sulle informazioni per valutare le performance di studenti e dello stesso sistema educativo, la cui mancanza rappresenta un punto di debolezza dell'istruzione. Nel suo rapporto generale sull'Italia...
Italia, Ocse critica aiuti a settore auto - Reuters Italia
La tirata d'orecchie per il governo arriva dall'Ocse che, in uno studio pubblicato oggi sull'Italia, critica gli autoincentivi varati a inizio 2009. "Il sostegno al settore auto rischia una cattiva allocazione [dei fondi]" si legge nel report che...
OCSE, banche italiane devono ricapitalizzarsi - La Repubblica
Lo scrive l'Ocse nello Studio economico sull'Italia. In Italia, aggiunge l'Ocse, bisogna continuare gli sforzi per ricapitalizzare le banche, di preferenza con finanziamenti privati, sul mercato interno o all'estero, ma senza escludere l'iniezione di...
Scuola,Ocse: rivedere criteri valutazione alunni,qualità docenti - Reuters Italia
Lo sostiene l'Ocse, che sottolinea come il miglioramento del sistema scolastico del Paese rappresenti una sfida importante. "Nel sistema (scolastico italiano) manca una cultura del rendimento (...), alunni e insegnanti hanno a disposizione pochi,...
Italia: Ocse taglia stima Pil 2009 a -5,3% da -4,3% - Borsa Italiana
Considerando inoltre il ridotto spazio di manovra fiscale a disposizione del Governo, l'Ocse prevede che dall'economia italiana sia possibile attendersi solo una "ripresa lenta" e solo nel 2010. Nonostante le banche italiane siano state meno esposte...
OCSE: BANCHE ITALIANE MENO ESPOSTE A CRISI. MA DEVONO RICAPITALIZZARSI - Agenzia di Stampa Asca
(ASCA) - Roma, 17 giu - Le banche italiane non sono state esposte alla crisi dei titoli tossici, un ricoscimento che emerge anche dal rapporto dell'Ocse sul nostro paese. L'uso limitato delle operazioni a leva ha ridotto i rischi per il sistema...
OCSE: CON RIPRESA ITALIA AVVII SERIA RIDUZIONE DEBITO E NUOVA ... - Libero-News.it
A sottolinearlo, nell'outlook diffuso oggi, e' l'Ocse. ''E' vero -osserva l'organizzazione internazionale- che diverse riforme delle pensioni condotte dalla meta' degli anni 90 hanno fortemente cambiato le prospettive a lungo termine delle finanze...
OCSE: BENE IL FEDERALISMO MA INTRODURRE TASSA LOCALE SUI IMMOBILI - Agenzia di Stampa Asca
(ASCA) - Roma, 17 giu - L'Ocse invita l'Italia a reintrodurre una forma di Ici a sostegno del federalismo. E' quanto emerge dal rapporto sull'Italia presentato oggi. L'Ocse avverte che la riforma del federalismo fiscale nella fase attuale potrebbe...

Francia

Francia - Bandiera

La Francia (in francese France), ufficialmente Repubblica Francese (in francese République française), è uno Stato dell'Europa occidentale confinante con Belgio, Lussemburgo, Germania, Svizzera, Italia, Monaco, Andorra e Spagna.

La Francia possiede dipendenze extraeuropee, come alcune isole nell'oceano Pacifico, Indiano e Atlantico, e la regione sudamericana della Guyana Francese. È in grado di esercitare anche un certo potere sul Principato d'Andorra, in quanto il Presidente della Repubblica Francese è anche Coprincipe di Andorra insieme al vescovo spagnolo di Urgell. Nella regione della Linguadoca-Rossiglione si trova il comune di Llívia, una exclave spagnola, appartenente della Comunità Autonoma di Catalogna.

Di tutti i principali Stati europei, è quello di più antica formazione. È membro dell'Unione europea, che presiede dal 1º luglio al 31 dicembre 2008. La sua capitale è Parigi.

Il paese, compresi i territori d'oltre mare, ha una superficie di 675.417 chilometri quadrati e una popolazione di circa 64,5 milioni di persone. Il francese è la lingua ufficiale della Repubblica, ma si contano 77 lingue regionali. La religione principale della Francia è il cattolicesimo (dal 51% al 64% della popolazione), ma una proporzione significativa dei cattolici sono agnostici, e il 32% della popolazione è atea.

La sua economia è di tipo capitalista con un significativo intervento dello Stato a partire dalla fine della seconda guerra mondiale. Tuttavia, dalla metà degli anni ‘80, riforme successive hanno portato a un progressivo disimpegno dello Stato di diverse imprese pubbliche.

Membro del Consiglio d'Europa è uno dei paesi fondatori dell'Unione europea, della zona euro e dell'area Schengen. E’ uno dei cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e fa parte degli otto Paesi più industrializzati del Mondo (G8), dell'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE), della Francofonia e dell'Unione latina.

Militarmente, la Francia è membro della NATO. Si era ritirata nel 1966 dall'organizzazione militare integrata, per ritornare parzialmente nel 2002. La Francia fa parte delle nazioni che dispongono di armi nucleari.

Durante il XVII secolo (Grand Siècle), la Francia è stata plasmata dalle arti e dalla filosofia. Culla dell’illuminismo, ha influenzato le rivoluzioni americane, e attraverso la Rivoluzione francese ha dato slancio e esempio di democrazia nel mondo, portando valori di libertà, uguaglianza, e fraternità, e dal 1905, di laicità. Come risultato dell'esplorazioni del periodo rinascimentale, del diciottesimo e XIX secolo, la Francia ha diffuso la sua cultura e la sua lingua in varie parti del mondo, in particolar modo in Canada ed Africa, ma anche in alcune parti del Medio Oriente, dell'Asia e del Pacifico.

Con 79 milioni di visitatori nel 2006, è il paese con più visite turistiche annuali al mondo nella classifica dell'Organizzazione Mondiale del Turismo.

La presenza umana sul territorio dell’attuale Francia risale al Paleolitico inferiore. Uno dei siti più antichi (1.800.000 anni fa), contestato da alcuni autori, è il sito di Chilhac (Alta Loira). Il territorio francese presenta un numero significativo di grotte decorate del Paleolitico superiore, di cui la più famosa è probabilmente Lascaux (Dordogna, 15.000 anni fa). A partire da circa 7.000 anni fa, tutta la regione entra nel Neolitico, il più antico villaggio noto fu il sito di Courthézon (Vaucluse), datato 4560 a.C.

Arrivati in Francia intorno al 900 a.C. i Celti (Galli) ne occuparono gran parte del territorio verso il III secolo a.C. Nel 680 a.C. circa la costa mediterranea vide l'arrivo dei primi coloni greci, con la fondazione di una colonia presso Antibes.

La regione più meridionale della Gallia passò sotto la dominazione romana nel 125 a.C. (Gallia Narbonense), e successivamente il resto del territorio nel 51 a.C., dopo la guerra di Gallia. Sotto l'Impero romano, si sviluppò una civiltà gallo-romana prospera, portando alla Francia una base di cultura latina e, indirettamente, alla successiva cristianizzazione, che si verifica lentamente tra il II e il VI secolo.

Dopo la caduta dell'impero romano la Gallia fu occupata da varie popolazioni germaniche: gli Alemanni a nord, i Burgundi nel sud-est (da cui deriva il nome della regione della Borgogna) e soprattutto i Franchi che presero il sopravvento sulle altre popolazioni del Paese e espansero ulteriormente i loro domini.

Gran parte delle regioni che costituiscono l'attuale Francia vennero unite sotto Clodoveo (dinastia merovingia), nel 507. A partire dalla metà del VIII secolo Pipino il Breve, divenne il primo re dei Franchi non merovingio. Il regno si estende considerevolmente, e venne eretto a Impero durante il regno di suo figlio Carlo Magno. Dopo la morte del figlio di Carlo Magno, Ludovico il Pio, l'autorità centrale crollò rapidamente. Con il giuramento di Strasburgo dell'842 e la spatizione di Verdun dell'843 l’impero verrà diviso in tre parti: la Francia orientalis (a est), la Francia occidentalis (a ovest), e fra le due l’effimero regno di Lotario I. La parte orientale corrispondeva a ciò che più tardi sarebbe divenuto il Sacro Romano Impero e la parte occidentale alla Francia. Il giuramento di Strasburgo è stato spesso presentato come l'atto fondatore della Francia (e Germania).

I discendenti di Carlo Magno - i Carolingi - mantennero una simbolica influenza sui territori che grosso modo corrispondono alla Francia fino al 987, quando Ugo Capeto, iniziatore della dinastia dei Capetingi, duca di Francia e conte di Parigi, venne incoronato re. I suoi discendenti governarono fino al 1792, quando, con la rivoluzione Francese, il Paese si diede una forma di governo repubblicana, deponendo Luigi XVI.

I primi re della dinastia estesero progressivamente il dominio reale, rafforzare il regno franco malgrado l'opposizione dei Plantageneti, che si materializzò con la guerra dei cent'anni. Ma fu solo verso la fine del XII secolo, con Filippo Augusto, che l’autorità dei re franchi riuscì ad estendersi, per la terza volta in un millennio, dai Pirenei al canale della Manica. E fu in questo momento che si iniziò ad utilizzare il termine regno di Francia, che acquisisce un peso paragonabile a quella d'Inghilterra o del Sacro Romano Impero. Gli ultimi secoli del Medioevo, segnato dalla crisi della guerra dei cent'anni e dalla peste nera, in ultima analisi, rafforzarono l’autorità reale, che diventò innegabile nel XV secolo, con Luigi XI.

Nel tardo medioevo i re cattolici di Spagna e possedimenti degli Asburgo si unirono dando vita all'impero di Carlo V. Francesco I e suo figlio Enrico II lottarono contro questo nuovo potere alternando successi a battute d'arresto. Ma sarà solo con Enrico IV e Luigi XIII e il suo ministro Richelieu, che la preponderanza spagnola verrà messa in discussione a vantaggio della Francia.

Sul fronte del dominio coloniale, nonostante le iniziali espansioni portate in America con la spedizione di Jacques Cartier sotto Francesco I, e gli insediamenti nel mar dei Caraibi, Louisiana, e Senegal sotto Luigi XIV, la mancanza di determinazione di Luigi XV farà pendere l’ago della bilancia in favore dell'Inghilterra in India e in Canada.

Le difficoltà finanziarie, il rifiuto alle riforme e l'impazienza del popolo portarono alla rivoluzione francese, dal 1789 al 1799. Questo episodio, pietra miliare nella costruzione della storia nazionale francese, vide sorgere la Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino del 1789 e la promozione degli ideali di libertà, di uguaglianza e fraternità.

La Rivoluzione si svolse in più fasi, iniziando con una prova di Monarchia costituzionale, con la riunione dell'Assemblea generale, la presa della Bastiglia il 14 luglio 1789, sconvolgimenti politici e sociali, e la caduta della monarchia il 10 agosto 1792.

Nel 1799, Napoleone Bonaparte prese il potere, prima come Primo Console, poi come imperatore (1804). Le sue armate combatterono e vinsero nei grandi teatri di guerra europei, assoggettando ampi territori e interi stati e fondando nuovi regni, alcuni dei quali governati dai familiari di Napoleone. A seguito della sua sconfitta nel 1815, la monarchia venne restaurata in Francia, per essere successivamente abolita legislativamente e sostituita dalla Seconda Repubblica francese.

Il 2 dicembre 1851 il Presidente della Repubblica, Luigi Napoleone Bonaparte, nipote di Napoleone, organizzò un colpo di stato. Il 4 gennaio 1852 venne proclamato imperatore con il nome di Napoleone III. Moriva la Seconda Repubblica francese, e nasceva il Secondo Impero.

Inizialmente il paese visse un’importante fase di industrializzazione, guidato dalla politica liberale in base economico, basata su una forte struttura capitalistica (banche, imprese ferroviarie e marittime, tessili e industrie pesanti, grandi magazzini, ecc,). Napoleone III si assicurò la fiducia nel Regno Unito (Guerra di Crimea), aumentò l'influenza della Francia in Medio Oriente, e le sue azioni in Italia contro l'Austria permisero l'annessione,in seguito a referendum pilotati,delle regioni piemontesi della Savoia e di Nizza. Ma gravi battute d'arresto offuscarono notevolmente l'immagine del regime e lotta contro la Prussia di fatto ne precipitò la caduta. Nel 1870 dopo la sconfitta di Sedan, e la perdita di Alsazia e Lorena aumentarono il risentimento nazionale. Altro fatto significativo era sul fronte demografico, la Francia non era più il paese più popoloso d’Europa, come prima della Rivoluzione francese, ma si vedeva oramai sopravanzato della popolazione tedesca e italiana di gran lunga superiore.

La guerra franco-prussiana del 1870 portò alla caduta del Secondo Impero e al ritorno della Repubblica. Sotto la Terza Repubblica la Francia estende il proprio impero coloniale, la cui conquista era iniziato sotto la monarchie del XIX secolo (Africa occidentale equatoriale, Marocco, Tunisia, Madagascar, Indocina).

Uscita vittoriosa, ma a un notevole prezzo in termini demografici ed economici, dalla prima guerra mondiale, la Francia visse un periodo di crisi economica e politica negli anni '30.

L'invasione tedesca della Francia settentrionale nel maggio 1940 e quella italiana di Mentone e di altri territori a Sud dopo la dichiarazione di guerra del 10 /06 portarono alla firma dell'armistizio con la Germania ( 22 giugno) e con L'Italia (25 giugno) e a votare i pieni poteri al maresciallo Philippe Pétain durante la seconda guerra mondiale. Egli sostituì la repubblica con uno Stato francese che si battè in più occasioni contro l'ex-alleato britannico (ad esempio in Siria)e contro gli Americani opponendosi al loro sbarco in Africa Settentrionale nel Novembre 1942. Il Generale Charles de Gaulle, considerato traditore dallo Stato francese legittimo, creò a londra il movimento "France libre" che combatté al fianco degli inglesi. La Francia dovette spostare il confine coll'Italia ad ovest di Mentone, riconoscendone l'annessione al vicino Regno. Nel novembre 1942, reagendo all'occupazione americana del nordafrica, l'Italia occupò anche Nizza e l'intero territorio dell'antica contea sabauda, amministrandolo fino all'8 settembre 1943. Fu l'unico periodo storico in cui il confine politico occidentale italiano coincise con quello geografico; Nizza fu allora rifugio di Ebrei, perseguitati e sfollati che poterono godere di quasi un anno di tranquillità sotto la protezione del regio esercito.

Alla fine della seconda guerra mondiale De Gaulle riuscì a far includere la Francia tra i vincitori,nonostante lo stato francese legittimo (Vichy)avesse combattuto in più occasioni a fianco dell'Asse.A Parigi fu concessa una zona d'occupazione in Germania e un settore di Berlino (ambedue ritagliati dalla zona britannica).Alla contea di Nizza furono riunite,nel maggio 1947, Briga e Tenda strappate all'Italia contro il volere delle popolazioni;la Quarta Repubblica fu promulgata il 27 ottobre 1946, ma dovette affrontare gravi difficoltà nell’impero coloniale, prima in Indocina e poi in Algeria, oltre alla decolonizzazione attraverso negoziati. Nonostante l'instabilità politica il Paese partecipò attivamente alla creazione della Comunità europea del carbone e dell'acciaio nel 1950, e alla firma del Trattato di Roma del 1957 come membro fondatore del mercato comune. Inoltre, la politica di sviluppo del nucleare, sia civile che militare, contribuì ad una politica indipendente negli anni '60.

La Costituzione della Quinta Repubblica, venne adottata il 4 ottobre 1958 rendendo la Repubblica più resistente alle instabilità. Dal 1973 l'economia francese ha conosciuto un susseguirsi di crisi economiche e dei periodi di crescita lenta, con frequente alternanza al potere. Dagli anni '50, la riconciliazione e la cooperazione con la Germania hanno consentito alla Francia di svolgere un ruolo di forza trainante nel processo di integrazione europea, in particolare con la Comunità economica europea. È diventata uno dei principali paesi dell'Unione europea, a favore di un'Europa politica forte, anche se ha respinto la Costituzione europea con il 55% dei voti il 29 maggio 2005.

La Francia è il 47° Stato per superficie terrestre e il 2° per superficie della zona economica esclusiva.

Il suo territorio europeo è bagnato dall'oceano Atlantico a ovest, dal Canale della Manica (che la separa dal Regno Unito) e dal Mare del Nord a nord, confina con Belgio, Lussemburgo, Germania, Svizzera e Italia a est e con Mar Mediterraneo, Andorra, Principato di Monaco e Spagna a sud.

Il territorio europeo della Francia si trova nella parte occidentale del continente. La Francia possiede territori sotto diversi statuti amministrative al di fuori dell'Europa: in America settentrionale, Caraibi, America meridionale, oceano Indiano, oceano Pacifico e Antartide. Condivide in Europa 2.970 km di frontiere terrestri con otto paesi: Spagna (650 km), Belgio (620 km), Svizzera (572 km), Italia (515 km), Germania (450 km), Lussemburgo (73 km), Andorra (57 km), Monaco (4,5 km). In Guyana, i confini corrono per 700 km con il Brasile e 520 km con il Suriname. Esiste un confine lungo 10,2 km sull'isola di Saint-Martin nelle Antille tra la parte sovranità francese e quella di sovranità dei Paesi Bassi. Infine, la Terre Adélie (TAAF – Terre Australi e Antartiche Francesi) rivendicata dalla Francia, è racchiusa in una parte dell’Antartide rivendicato dall'Australia. Nella parte europea la Francia ha quattro sbocchi su quattro diversi mari: mare del Nord, Canale della Manica, oceano Atlantico e mar Mediterraneo. La lunghezza totale della sua costa raggiunge i 3.427 km (escluse le coste della Corsica, che misurano da sole circa 1.000 km).

Con una superficie europea di 543.965 km² (655.688 km² con i territori d’oltre mare), la Francia si estende per oltre 1.000 km da nord a sud e altrettanti da est a ovest (maggiore distanza nord-sud : Bray-Dunes – Cerbère). La maggior parte del territorio è costituito dalla Regione Gallica;la Francia si estende peraltro anche su regioni geografiche limitrofe;in particolare lo Stato Francese occupa quella porzione della Regione Italica che si estende da Antibo a Mentone e che storicamente coincide pressapoco con l'antica Contea di Nizza,politicamente annessa nel 1860 e,per quanto riguarda Briga e Tenda, nel 1947.È il terzo paese più grande d'Europa, dopo Russia e Ucraina (2° se si contano i territori al di fuori dell'Europa) e il più grande nell'Unione europea. Inoltre, la Francia possiede la seconda più grande Zona Economica Esclusiva (ZEE), che ricopre 11.035.000 di chilometri quadrati, circa l'8% della superficie totale di tutte le zone economiche esclusive del mondo, dietro agli Stati Uniti d'America (11.351.000 km²) e prima dell'Australia (8.232.000 km²).

Ad eccezione della sua frontiera nord-est, in Europa il paese è prevalentemente delimitato da confini naturali, quali il mare, il Reno, Alpi e Pirenei.

La Francia metropolitana possiede una grande varietà di paesaggi, che spaziano dalle grandi pianure costiere del nord e dell’ovest, alle catene montuose che caratterizzano il sud-est (Alpi) e il sud-ovest (Pirenei). Le Alpi francesi si elevano fino a toccare il punto più elevato dell'Europa occidentale in comproprietà con l’Italia, il Monte Bianco, che culmina a 4.810 metri sul livello del mare. Ci sono anche altre regioni montane di più antica formazione, come le montagne della Corsica, il Massiccio Centrale, il Giura, i Vosgi, il Massiccio armoricano e le Ardenne che sono una regione molto rocciosa e boscosa. La Francia possiede anche un ampio sistema fluviale che è composto principalmente da fiumi quali la Loira, il Rodano (le cui fonti sono in Svizzera), la Garonna (le cui fonti sono in Spagna), la Senna, parte del Reno, della Mosa, della Mosella, della Somme, della Vilaine, che costituiscono propri bacini fluviali.

I dati al 1º gennaio 2008 rivelano che la Repubblica francese possedeva 64.473.140 di abitanti, di cui 61.875.822 milioni residenti nella Francia metropolitana (circa l'1% della popolazione mondiale). Un censimento generale nazionale è stato organizzato a intervalli regolari dal 1801, ma dal gennaio 2004, il censimento è permanente.

La crescita della popolazione francese si presentava come una delle più forti dell'Europa, combinando una tasso di natalità superiore alla media europea (830.900 nascite a fronte di 531.200 morti), e un saldo migratorio positivo (circa 100.000 individui l’anno): la popolazione francese era quindi cresciuta dello 0,61% su base annua. Per quanto riguarda il tasso di fecondità, era pari a 2,14 bambini per donna fertile, mentre il tasso medio in Europa era nello stesso periodo di 1,52 figli per donna. La Francia si presenta come il paese più prolifico nel continente assieme all'Irlanda.

La piramide delle età all'inizio del XXI secolo presenta una struttura caratterizzata da una quota di popolazione anziana in espansione, dovuto sia l'aumento della speranza di vita (Francia gode di una delle speranza di vita più elevate del mondo) e all'arrivo alla terza età della generazione del baby boom.

Nel 2006 l'Istituto nazionale di statistica e degli studi economici (INSEE) stima che 4,9 milioni di immigrati (stranieri nati al di fuori del territorio), che rappresentano l'8% della popolazione. Va inoltre osservato che i bambini nati da genitori immigrati sono considerati francesi. Di conseguenza, il numero di cittadini francesi di origine straniera è nell’ordine di circa 6,7 milioni secondo il censimento dell’INSEE del 1999, che rappresenta circa un decimo della popolazione francese.

La maggior parte degli immigrati provengono dall’Europa (Grecia, Portogallo, Spagna, Italia, ma anche Polonia, Romania e dagli stati nati dallo scioglimento dell’ex-Jugoslavia), dai paesi del Maghreb e dell'Africa nera, sue ex colonie. Il 1º gennaio 2005, il numero degli stranieri (persone di nazionalità straniera) nella Francia metropolitana era di 3.501.000 di persone, vale a dire il 5,8% della popolazione. La percentuale di questi è paragonabile alla media dei paesi dell'Europa occidentale, come Regno Unito (4,8%), Germania (8,9%), Spagna (10%), Paesi Bassi (4,3%), Svezia (5,3%), Belgio (8,6%) e Svizzera (20,7%).

Secondo uno studio condotto nel 2004, quasi 14 milioni di persone avevano almeno un genitore o un nonno residente all'estero.

La lingua ufficiale è il francese. Esistono diverse lingue locali (basco, bretone, catalano, corso, olandese (fiammingo), alsaziano, occitano), ma il governo francese e il sistema scolastico ne hanno scoraggiato l'uso fino a poco tempo fa. Le lingue regionali vengono ora insegnate in alcune scuole, anche se il francese rimane l'unica lingua ufficiale in uso dal governo, locale o nazionale.

Con legge costituzionale del 1992 adottata per consentire il Trattato di Maastricht, è stata aggiunta infatti la previsione secondo cui «La lingua della Repubblica è il francese», nel timore che il processo di integrazione europea potesse favorire l'espansione di altre lingue a danno del francese. La tutela delle minoranze linguistiche è quindi sempre stata malvolentieri accettata, se non proprio rifiutata, in quanto lesiva del principio di eguaglianza e di indivisibilità del popolo francese. In applicazione della legge costituzionale, venne approvata nell'agosto del 1994 la legge Toubon, dichiarata poi incostituzionale dalla Corte Costituzionale, in quanto in contrasto con il principio della libera comunicazione del pensiero e delle idee proclamato dalla Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo. Una tendenza al superamento di questa visione accentratrice, la si ha a partire dal 1998, quanto si concede alla Nuova Caledonia di avere maggiori competenze e assemblee provinciali decentralizzate. Minor fortuna ha avuto il tentativo di introdurre all'articolo 2 il comma "La Repubblica riconosce e valorizza le lingue e le culture regionali". Tale modifica, resa necessaria dalla ratifica da parte della Francia della Carta Europea delle lingue regionali, venne osteggiata dallo stesso Presidente Jacques Chirac, il quale nel 1999 disse che non l'avrebbe sostenuta in quanto lesiva dei principi fondamentali della Repubblica. La Carta è stata così ratificata solo in via amministrativa.

A seguito della Dichiarazione dei diritti dell'uomo e del cittadino del 1789, la Francia garantisce la libertà di religione come diritto costituzionale. Una legge del 1905 istituisce la separazione tra Chiesa e stato e proibisce al governo di riconoscere, stipendiare o sussidiare qualsiasi religione. Nella situazione precedente, stabilita nel 1801-1808 dal Concordat, lo stato appoggiava la Chiesa cattolica, la Chiesa luterana, la Chiesa calvinista e la Religione ebraica e forniva l'insegnamento scolastico delle suddette (per ragioni storiche, questa situazione vige ancora nell'Alsazia-Mosella).

Il governo francese non mantiene statistiche sulla religione. Un sondaggio CSA del 2006-2007 individua le appartenenze religiose in Francia come: Cattolici Romani 51%, Protestanti 3%, Ebrei 1%, Musulmani 4%, atei 31%.

Ancora in un sondaggio telefonico del 2003 sulla base di 1000 persone è emerso che il 41% dichiara che l'esistenza di Dio è "esclusa" o "improbabile". Il 33% dichiara che il termine ateo li descrive abbastanza o molto bene, mentre il 51% si dichiara cristiano. Quando interrogati sulla loro religione, il 62% ha risposto cattolico romano, il 6% musulmano, il 2% protestante, l'1% ebraico, il 2% appartenente ad altre religioni (eccetto per ortodossi o buddisti, che avevano percentuali trascurabili), il 26% di nessuna religione e l'1% si è rifiutato di rispondere. La discrepanza tra il numero di atei (41%) e il numero di «nessuna religione» (26%) può essere attribuito a persone che si sentono culturalmente vicine a una religione, seguono i suoi valori morali e le sue tradizione, ma difficilmente credono in Dio. In Francia esiste una forte distinzione tra religione e vita civile.

La comunità ebraica è la prima per consistenza dell'Europa occidentale.

La Francia è una Repubblica costituzionale, "indivisibile, laica, democratica e sociale" (articolo I della Costituzione del 1958) a regime parlamentare semi-presidenziale (con forti poteri in mano al Presidente della Repubblica). La riforma costituzionale del 28 marzo 2003 (Atto II del decentramento), ai sensi dello stesso articolo, ha aggiunto che l'organizzazione della Repubblica fosse decentrata.

Prima del 1962 il presidente della Repubblica francese era eletto a suffragio universale indiretto da un collegio elettorale ampliato, al fine di evitare il predominio del potere legislativo sul potere esecutivo che si era prodotto nell'ambito della quarta Repubblica e che aveva causato il blocco istituzionale. Nel novembre 1962, il presidente indisse un referendum per poter essere eletto a suffragio universale diretto, in base all'articolo 11 della Costituzione (e non all'articolo 89). L'articolo 11 consente di sottoporre a referendum leggi in materia di governo, organizzazione delle istituzione e trattati internazionali, mentre l'articolo 89 consente di presentare una revisione costituzionale da parte del popolo, ma dopo l'approvazione del Parlamento riunione in Congresso.

Nella Costituzione della Quinta Repubblica, il potere esecutivo è rafforzato a scapito del potere legislativo. Il Presidente ha acquisito competenze proprie come ad esempio il diritto di sciogliere l'Assemblée nationale (articolo 12 della Costituzione), il diritto di indire un referendum (articolo 11 della Costituzione), il potere di nominare il Primo ministro (articolo 8 della Costituzione), in quanto, a differenza del sistema presidenziale (si pensi agli Stati Uniti d'America), egli non è anche capo dell'esecutivo. Per quanto riguarda il governo, ne determina e ne dirige la politica. Stabilisce anche i 3/4 degli ordini del giorno dell’Assemblée nationale. Il presidente è eletto per cinque anni a suffragio universale diretto (prima era 7 anni).

L'ordinamento politico della quinta Repubblica prevede una Camera dei deputati (Assemblée nationale) di 577 membri, eletti per 5 anni a suffragio universale diretto, e un Senato (Sénat) composto da 331 senatori (che saranno 346 nel 2010 e rinnovati da questa data per la metà ogni tre anni), eletti per 6 anni a suffragio universale indiretto. Il potere legislativo del Senato è limitato; l'Assemblée nationale ha l'ultima parola in caso di disaccordo tra le due camere.

I cittadini francesi all'estero vedono i loro interessi difesi in Parlamento da parte dell'Assemblea dei Francesi dell’Estero (Assemblée des Français de l’Étranger).

Le principali divisioni amministrative francesi sono le regioni, che sono 26 (di cui 22 nella Francia metropolitana, i dipartimenti (100 di cui 4 d'oltremare) e gli arrondissements (circondari, cioè suddivisioni amministrative dei dipartimenti).

Questi circondari (arrondissements) sono divisi in cantoni (per i collegi elettorali) e in comune (per un totale di 36.783) per l'amministrazione locale territoriale. I cantoni corrispondono per la maggior parte a comuni completi, tuttavia, alcuni importanti comuni sono suddivisi in più cantoni, che possono anche comprendere altri comuni limitrofi meno popolati.

Infine, alcune importanti comuni (Parigi, Lione, Marsiglia) sono a loro volta suddivisi in circoscrizioni di comune per l'amministrazione locale con sindaci locali con a disposizione una certa autonomia finanziaria e amministrativa all'interno dello stesso Consiglio comunale.

Il dipartimento di Parigi comprende un solo comune. Le 4 regioni d'oltremare (Guadalupa, Martinica, Guyana, Réunion) dispongono ciascuno ad un singolo dipartimento. La regione della Corsica (che comprende due dipartimenti) ha uno speciale status di collettività territoriali leggermente diverso rispetto alle altre regioni metropolitane. Queste regioni sono tuttavia parte integrante dell'Unione europea.

In seguito alle leggi Defferre del 1982-1983 e Raffin del 2003-2004, la Francia è uno Stato decentralizzato. La riforma costituzionale del febbraio 2003 ha affermato che l'organizzazione della Repubblica è decentralizzata. Il decentramento, che è stato in prima accompagnato dalla devoluzione, sostiene ora pienamente l'emergere di un vero potere locale il cui equilibrio è ancora dibattito.

A parte le amministrazioni locali con piena realizzazioni, quali sono i comuni, i dipartimenti e le regioni, esiste anche un’organizzazione intercomunale che è portata a esercitare sempre maggiori competenze (quali lo sviluppo economico, l'uso del territorio, la politica degli alloggi, il trasporto pubblico, l’igiene). Infatti i comuni sono invitati a unirsi sotto il regime dell’intermunicipalità che dispone oramai di un’autonomia finanziaria e fiscale propria, oltre che ad un riconoscimento giuridico (établissement public de coopération intercommunale o EPCI ). Nel 2006, 2.573 comunità (comunità di comuni, le comunità di agglomerazioni e comunità urbane) hanno ricomposto il territorio nazionale, rappresentano il 90% di comuni e l’85% della popolazione francese. Certe intermunicipalità includono comuni di differenti dipartimenti o regioni, allo scopo anche di agevolare la gestione delle attrezzature comuni, o per politiche in materia di trasporti.

La Francia è "una e indivisibile", ma questo formula crea qualche tensione in alcuni "paesi" o "regioni", la cui specificità, tra cui la lingua, non è sufficientemente riconosciuta da alcuni movimenti regionalisti (Alsazia, Bretagna, Catalogna Nord, Corsica, Fiandre, Paesi Baschi, Occitano, ecc).

Nel corso del XIX secolo la Francia dispose di un vasto impero coloniale. Il processo di decolonizzazione iniziato verso la metà del XX secolo ha portato all’autodeterminazione della maggior parte delle sue ex colonie. Una parte pose comunque la scelta, tramite referendum, di rimanere all'interno della nazione francese, con statuti molto diversi. Generalmente nota sotto il nome di Francia d'oltremare, è composta da quattro dipartimenti d'oltremare, da collettività d'oltremare con status che offrono un'ampia autonomia, dalla Nuova Caledonia a statuto speciale, e diversi terreni solitamente disabitata, come le Terre australi e antartiche francesi.

I dipartimenti e le regioni d'oltremare hanno pari status a quello dei dipartimenti della Francia metropolitana. Guadalupa, Martinica, Guyana francese e Riunione sono parte di esse, e sono anche regioni ultraperiferiche dell'Unione europea.

Le collettività d'oltremare sono dei territori con uno status molto diversi di autonomia. Polinesia francese, Saint-Pierre-et-Miquelon, Wallis e Futuna, Saint-Martin, St Barthelemy, e Mayotte (che ha il nome particolare di collettività dipartimentale d'oltremare), ne fanno parte.

Le comunità di Mayotte e di Saint Pierre e Miquelon hanno un’amministrazione locale unica che unisce le funzioni conferite di solito alle regioni e ai dipartimenti metropolitani. Tuttavia, Mayotte evolse dal 2001 allo status di dipartimento d'oltremare, per una maggiore integrazione. Queste due comunità, anche se poste al fuori dell'Unione europea utilizzano l'euro come moneta.

Wallis e Futuna sono tre monarchie tradizionali, il cui re governa con consigli eletti e il rappresentante dello Stato francese. Il sistema giudiziario in materia penale e civile è detenuto dall’unico tribunale di primo grado che è competente per l'intero territorio. Questo territorio non è amministrativamente diviso in comuni, ma circoscrizioni, il soggetto a capo della circoscrizione ha poteri equivalenti a quelle di un sindaco.

La Polinesia francese ha un alto grado di autonomia, tra cui un governo territoriale e un’assemblea in grado di gestire il bilancio del territorio, l'imposizione fiscale, e uno specifico potere legislativo. L'amministrazione di alcune funzioni (quali difesa, polizia, giustizia, e tesoro pubblico) è rappresentato per lo Stato francese nel territorio da un Alto Commissario della Repubblica.

Nell’ambito dell'oltremare francese, la Nuova Caledonia ha uno status particolare. Anche se ancora in possesso di una divisione in amministrazioni comunali, la Nuova Caledonia non è diviso in dipartimenti, ma in province e villaggi (su basi di uso comune) con funzioni normalmente assegnate ai dipartimenti e ai comuni sul continente e nelle regioni d’oltremare, in particolare nei settori della giustizia, dell'istruzione e della cittadinanza. Inoltre, la funzione della regione è trasferita ad un governo locale. In futuro è previsto un referendum per determinare se il territorio rimarrà entro la Repubblica francese con ampia autonomia, o diverrà indipendente, con una possibile associazione. Utilizza il Franco francese del Pacifico, una moneta comune nella Polinesia francese, Wallis e Futuna e Nuova Caledonia.

Altre regioni dell'oltremare francese poco o per nulla abitate sono gestite a distanza da un altro territorio abitato da un amministratore nominato dallo Stato per conto della Repubblica: le isole Éparses (nell'Oceano Indiano, sparse tra il Madagascar, Mayotte, e Mauritius) e le Terre australi e antartiche francesi (TAAF, Oceano Indiano meridionale) sono gestiti da Reunion, e Clipperton (nell'Oceano Pacifico orientale, al largo del Messico) è gestito dalla Polinesia francese. Queste terre non posseggono un’amministrazione locale propria.

La Francia inoltre mantiene il controllo su numerose piccole isole dell'oceano Indiano e dell'oceano Pacifico, comprese Bassas da India, isola Clipperton, isola Europa, isole Glorioso, isola Juan de Nova, isola Tromelin.

La Francia è un membro delle Nazioni Unite e siede come uno dei membri permanenti del Consiglio di Sicurezza dell'ONU con diritto di veto. È anche membro dell'Organizzazione mondiale del commercio (WTO), del Segretariato della Comunità del Pacifico (SPC) e della Commissione dell'Oceano Indiano (COI). E’ un membro associato della Associazione degli Stati Caraibici (ACS) e membro di spicco della Organizzazione internazionale francofona (OIF) che raggruppa cinquantuno paesi francofoni in tutto il mondo. La Francia ospita la sede di importanti organizzazioni internazionali quali OCSE, UNESCO, Interpol, Alliance Base e l'Ufficio internazionale dei pesi e delle misure.

La politica estera francese è stata in gran parte influenzata dall'adesione all'Unione europea, di cui è membro fondatore. A partire dagli anni ‘90, la Francia ha sviluppato stretti legami con la Germania riunificata al fine di creare un influente blocco trainante dell'Unione europea. Nei primi anni ‘90, il paese ha attirato forti critiche dalle altre nazioni per i suoi test nucleare sotterraneo nella Polinesia francese. La Francia si oppose vigorosamente all'invasione dell'Iraq nel 2003, stringendo relazioni bilaterali con Stati Uniti e Regno Unito. La Francia mantiene una forte influenza politica ed economica verso le ex colonie africane. In particolare ha fornito aiuti economici e sostegno militare alle missioni di pace in Costa d'Avorio e Ciad.

La Francia fa parte dei cinque paesi che sono legalmente riconosciuti come "Stati dotati dell’arma nucleare" per il trattato di non proliferazione nucleare. L'esercito francese, insieme a quello del Regno Unito, è uno dei più attrezzati finanziariamente in Europa. In effetti assieme rappresentano oltre il 40% delle spese militari dell'Unione europea. La Francia dedica il 2,5% del suo PIL alle spese militari (con un bilancio di 38 miliardi di euro nel 2006), dove i suoi omologhi in Europa (escluse Regno Unito e Grecia) spendono mediamente l’1,5% del PIL.

Dal 1996 l'esercito è diventato professionale. Con una capacità di oltre 350.000 uomini, è distribuito in tutto il mondo, compreso Kosovo, Costa d'Avorio, nei territori d'oltremare, ma anche in Medio Oriente.

La Francia è la sesta più grande economia del mondo, dietro Stati Uniti d'America, Giappone, Cina, Germania e Regno Unito. Con i suoi 551.602 km² e i 64 milioni di abitanti (compresi i territori d'oltremare), la Francia non può essere considerato come un "grande" paese rispetto al resto del mondo. Tuttavia, il suo peso economico è stato in grado di dare un ruolo di primo piano sulla scena internazionale. La Francia ha beneficiato innegabilmente dalla sua posizione geografica al centro d'Europa e lungo i principali flussi commerciali che attraversano il continente, con importanti porti sul mar Mediterraneo, Canale della Manica e oceano Atlantico.

Il mercato comune europeo istituito nel 1957 ha rappresentato un forte motore per lo sviluppo delle imprese francesi, e nel frattempo le ex-colonie e i territori d'oltremare hanno mantenuto un importante legame commerciale.

La Francia è il primo produttore agricolo dell'Unione europea: con il 23% della produzione agricola europea nel 1999 è seguita a debita distanza da Italia (15,4%) e Germania (15,2%). Le colture principali sono i cereali (grano e mais), zucchero, vino, prodotti lattiero-caseari, frutta, verdura, l’allevamento animale e la produzione di carne.

Il settore ha subito un ammodernamento che ha aumentato la sua produttività. La popolazione attiva in agricoltura continua a diminuire dai massimi dell’immediato dopo guerra, tuttavia si segnala un relativo ringiovanimento della forza lavoro, legata principalmente al massiccio pensionamento: nel 2000 il 53% dei proprietari di azienda agricola avevano meno di 50 anni, contro il 42,6% del 1988. Le attività agricole si sviluppano sul 60% della Francia metropolitana corrispondenti a circa 28 milioni di ettari, ma solo la metà di questa superficie è posta a coltura.

In termini di produzione, l’allevamento, con 11,9 miliardi di euro in valore nel 2000, si pone al primo posto nel panorama agricolo francese, davanti ai cereali (10 miliardi a 66 milioni di tonnellate) e alle produzioni vinicole (8,9 miliardi di euro). Con 22,6 miliardi di litri di latte prodotti nel 2000, sebbene in calo rispetto al 1990, la Francia rappresenta un quinto del totale europeo. Se la pesca ha oggi un peso ridicolo sia a livello europeo che mondiale (341.000 tonnellate nel 1999, principalmente tonno tropicale) la flotta è costituita da circa 6.000 navi e circa 20.500 marinai. Infine, il legname raccolto, pari a 36,2 milioni di metri cubi nel 1999, alimentando un settore (segherie, lavorazione del legno, produzione di carta e cartone), che impiega circa 100.000 persone. La produzione agricola alimenta inoltre il settore delle industrie di trasformazione alimentare, che alla fine del 1999 assommava a circa 3.000 aziende che davano lavoro a 370.000 dipendenti, dove l’industria legata alla lavorazione della carne impiegava da sola 122.000 persone.

Il settore secondario rappresentava il 20,6% del PIL francese nel 2006 e occupava il 24,4% della forza lavoro.

La Francia è una delle più grandi potenze industriali del mondo. Nelle loro attività, diversi gruppi francesi occupano un posto di primo piano rispetto ai loro concorrenti stranieri, come nel caso L'Oréal, Michelin e Alcatel.

I rami che occupano il più grande numero di lavoratori dipendenti sono le industrie della meccanica, elettrica ed elettronica (25% nel 1998), dei prodotti in metallo (11,7%) e il settore legno, carta e stampa (10,2%). Inoltre il settore automobilistico riveste una notevole importanza, con una produzione annuale di circa 5 milioni di veicoli, forte di circa 300.000 dipendenti, con grandi gruppi quali Peugeot-Citroen e Renault).

Con il 88% delle imprese con meno di 200 dipendenti nel 1998, l'industria francese scarsamente concentrato. A fianco dei gruppi di grandi dimensioni coesistono e prosperare molte piccole e medie imprese (PMI) che spesso lavorano in subappalto.

L’industria nucleare francese è ora un settore leader dell'economia e uno dei pilastri della sua politica energetica. La Francia è il secondo maggior produttore di energia nucleare del mondo dietro solo agli USA. Con 58 reattori nucleari, tutte gestite dall’EDF, la Francia possiede il secondo parco al mondo (preceduta sempre dagli USA), mentre la quota di energia nucleare sulla produzione totale di energia elettrica corrisponde a quasi il 79%, ponendo la Francia come leader a livello mondiale.

La scelta strategica di puntare sulle centrali nucleari di potenza ha costantemente ridotto la bolletta energetica della Francia. Tuttavia, il tasso di indipendenza energetica del paese è in netta crescita: il 26% nel 1973, circa il 50% dalla fine degli anni ‘80. L'energia nucleare ha anche permesso al paese di ridurre le emissioni che contribuiscono all'effetto serra. La Francia ha così uno dei più bassi tassi di emissioni di CO2 fra i paesi dell’OCSE. Le sue emissioni di anidride carbonica causate dalla produzione energetica sono pari a 1,68 t. pro capite nel 2002, contro le 2,30 tonnellate. della media dei paesi dell’Unione europea a 15 (di cui 2,80 tonnellate per la Germania e 2,44 tonnellate per il Regno Unito) e le 5,36 t. per gli Stati Uniti d'America. La Francia, in tal modo, ha emissioni di gas serra pro capite del 21% al di sotto della media europea, e dal 30% al 40% inferiori a quelli dei suoi principali paesi confinanti.

Il settore terziario ha un posto di rilievo nell'economia francese a immagine degli sviluppi compiuti negli altri principali paesi industrializzati. Il settore terziario impiega il 71,5% della popolazione attiva, più di 16 milioni di francesi. Questo è il settore che contribuisce maggiormente alla crescita economica..

Il settore commerciale è stato caratterizzato negli ultimi anni da perturbazioni da cui ha tratto vantaggio la grande distribuzione, spesso attraverso fusioni e acquisizioni di grandi dimensioni. Alcuni nomi dei principali gruppi hanno risonanza in tutto il mondo (Carrefour, Auchan, Group Casino, E.Leclerc, Intermarché solo per citarne alcuni).

Molto importante per la bilancia commerciale è il settore agroalimentare, che ha prodotto 9,4 miliardi di euro di eccedenza nel 2000. In questo settore figurano produzioni quali quello delle bevande alcoliche (champagne, vino, cognac), seguita dalle produzioni cerealicole (grano) e dell’allevamento animale e delle carni. In termini di saldo esportazioni-importazioni, l’agroalimentare è seguito dall’industria automobilistica (9,3 miliardi di euro).

I principali partner commerciali della Francia sono ovviamente i paesi dell'Unione europea, con i quali presentava un surplus commerciale, concentrando il 62% delle esportazioni e il 60% delle importazioni nel 2000. A distanza i paesi europei sono seguiti dall’America e dall’Asia. La Germania è il partner tradizionale e principale in territorio europeo; seguono Regno Unito, Italia e Spagna.

Per quanto riguarda le importazioni francesi ruolo principale veste il settore dell’energia. I principali fornitori di petrolio sono Norvegia, Arabia Saudita, Russia e la vicina Gran Bretagna. Altre merci d'importazione sono gli elettrodomestici e i prodotti dell’abbigliamento-cuoio.

A partire dal 2004, la Francia ha conosciuto un disavanzo della sua bilancia commerciale sempre più importante.

Il tasso di disoccupazione, al 7,5% nel marzo 2008, è fra i più elevati d’Europa, e da circa 30 anni questo problema è ufficialmente una priorità del governo, indipendentemente dal partito al potere. La disoccupazione colpisce in particolare le donne, le persone oltre i 50 anni e la gioventù (anche se le stime sono leggermente alterate dal fatto che solamente una minoranza cerca un lavoro prima dei 22 anni).

Nel 2008 3,68 milioni di persone (6,4% della popolazione) vivevano al di sotto della soglia di povertà del 50%, e 7,13 milioni di persone (12,1% della popolazione) vivono al di sotto della soglia di povertà del 60%. La povertà assoluta è in costante declino in Francia, ma la povertà relativa diminuisce in maniera inferiore (la povertà relativa è definita in relazione alla media del tenore di vita, e difficilmente può scomparire).

Il 15% delle famiglie più ricche possiedono il 55,8% del totale del patrimonio nazionale (e nella maggior parte dei casi sono delle persone anziane).

Il deficit pubblico, come il deficit di bilancio, sono molto elevati: per il 2007 lo stato delle spese nette ammontava a 271 miliardi di euro, mentre il totale delle entrate nette ammontano a 228 miliardi di euro. Secondo il ministero delle Finanze francese, il disavanzo era pari a circa 42 miliardi di euro..

Il debito pubblico del governo (Stato, enti locali, Sicurezza sociale, ODAC) era pari a 1.150 miliardi di euro alla fine del 2006, che costituisce il 64,2% in rapporto al PIL (i criteri del Patto di stabilità e di crescita del trattato sull'Unione europea limita il disavanzo al 3,0% del PIL e il debito al 60% del PIL)..

Per quanto riguarda il sistema di produzione, la Francia è il quarto esportatore del mondo (come somma di tutti i prodotti), nonostante l'intrinseca debolezza, dal momento che non controlla il sistema di produzione, dominata a monte da parte di coloro che producono macchine utensili. L'economia francese è prevalentemente un’economia dei servizi, per i quali è il secondo più grande esportatore del mondo (è al primo posto nel mondo come destinazione turistica con più di 60 milioni di visitatori stranieri l'anno).

Il settore terziario impiega il 72% della forza lavoro. Ma è soprattutto nel sistema della distribuzione che la Francia si distingue: la grande distribuzione in Francia ha un peso molto forte per l'economia.

È il secondo più grande esportatore mondiale di prodotti alimentari, dietro gli Stati Uniti, anche se il settore primario (agricoltura, pesca) rappresenta solo il 4% della forza lavoro.

La Francia possiede un importante apparato industriale. Fra i settori di punta vi sono la produzione di treni commerciali per l’alta velocità e una potente industria automobilistica (Peugeot-Citroën, Renault, Michelin). Possiede il primo gruppo globale per la costruzione di centrali nucleari, collabora nel settore aeronautico e aerospaziale con gruppi quali Airbus, Eurocopter, Ariane, Safran, ha importanti aziende farmaceutiche (Sanofi Aventis, Istituto Pasteur). Presenta eccellenze nel settore gastronomico e nel settore di lusso. Il settore secondario occupa il 24% della forza lavoro.

La Francia è il paese più visitato nel mondo (per numero di visitatori stranieri), e lo stesso vale per Parigi, che è la prima città turistica in termini di arrivi e, infine, la Torre Eiffel che è il monumento più visitato del mondo. Il paese si presenta come leader indiscusso in questo settore e presenta una grande varietà di monumenti e siti di notevole interesse. Tuttavia le entrate del turismo internazionale sono più elevate negli Stati Uniti (81,7 miliardi di dollari) rispetto alla Francia (42,3 miliardi di dollari). Da un lato soggiorni in Francia sono generalmente di breve durata e, in secondo luogo il tipo di turismo è differente rispetto agli Stati Uniti (un turismo familiare invece che un turismo d'affari). Nel 2000 è stato segnato il record assoluto con 75,5 milioni di arrivi. La bilancia turistica francese è in positivo: nel 2000 si sono generate entrate per 32,78 miliardi di euro, mentre i turisti francesi nei viaggi all'estero hanno contribuito ad una spesa di soli 17,53 miliardi di euro. La grande varietà di paesaggi, la lunghezza di costa, il numero e la diversità dei monumenti presenti, oltre al prestigio della cultura francese (cucina, stile di vita, ecc.) e il ricco patrimonio (letteratura, pittura) spiega senza dubbio l’attrattività del paese, anche se si prevede che lo sviluppo del turismo in Cina potrebbe strappare nei prossimi anni il trono alla Francia come paese più visitato del mondo.

Secondo i dati del 2003 i siti turistici più visitati sono stati: Torre Eiffel (6,2 milioni), Museo del Louvre (5,7 milioni), reggia di Versailles (2,8 milioni), Museo d'Orsay (2,1 milioni), Arco di Trionfo (1,2 million), Centre Pompidou (1,2 milioni), Mont Saint-Michel (1 milione), Castello di Chambord (711.000), Sainte-Chapelle (683.000), Castello di Haut-Kœnigsbourg (549.000), Puy de Dôme (500.000), Musée Picasso (441.000), Carcassonne (362.000).

La rete ferroviaria della Francia, che si estende per 31.840 chilometri è la più ampia dell’Europa occidentale. È gestita dalla SNCF, e i treni ad alta velocità comprendono il Thalys, l’Eurostar e il TGV, che viaggia a 320 km/h. L'Eurostar, insieme con l'Eurotunnel Shuttle, unisce la Francia al Regno Unito attraverso il tunnel sotto la Manica. Esistono collegamenti ferroviari con tutti gli altri paesi limitrofi, ad eccezione di Andorra.

Approssimativamente ci sono 893.300 chilometri di rete stradale in Francia. La regione di Parigi è avvolta dalla più fitta rete di strade e autostrade che la collegano con tutte le altre parti del paese. Le strade francesi supportano un certo traffico internazionale, con collegamenti verso le città dei paesi vicini come Andorra, Belgio, Germania, Italia, Lussemburgo, Monaco, Spagna e Svizzera. Non vi è in uso nessuna tassa annuale di circolazione, tuttavia, l'utilizzo delle autostrade è regolamentato attraverso il pagamento di un pedaggio. Il mercato dell’auto è dominato dai marchi nazionali, come la Renault (27% delle autovetture vendute in Francia nel 2003), Peugeot (20,1%) e Citroën (13.5%). Oltre il 70% delle nuove autovetture vendute nel 2004 montava motori diesel, di gran lunga più contenuti i motori a benzina o a GPL. La Francia possiede il più alto ponte stradale del mondo: il viadotto di Millau, e ha costruito molti ponti importanti fra i quali il Ponte di Normandia.

Nel paese sono presenti 478 tra aeroporti e campi di atterraggio. L’Aeroporto internazionale Paris-Charles de Gaulle situato nelle vicinanze di Parigi è il più grande aeroporto di Francia, e movimenta la stragrande maggioranza del traffico commerciale del paese e che collega Parigi praticamente con tutte le principali città del mondo. Air France è la compagnia aerea di bandiera, anche se numerose compagnie aeree private fornire voli nazionali e internazionali. Ci sono dieci grandi porti in Francia, il più grande dei quali è a Marsiglia. Si contano 14.932 km di corsi d'acqua e canali navigabili, compreso il Canal du Midi, che collega il mar Mediterraneo con l'oceano Atlantico tramite il fiume Garonna.

La cultura francese è ricca, varia e antica, e riflette le sue culture regionali e l'influenza delle ondate migratorie avvenute nel corso delle varie epoche. La sua capitale, Parigi - la Ville lumière - è stata a lungo un crocevia culturale importantissimo (la Sorbona), accogliendo artisti provenienti da ogni settore, ed oggi ospita il maggior numero di siti culturali nel mondo (musei, edifici e altro). Alcuni di questi siti sono dedicati alle tematiche più diverse (il museo del Louvre) e questa ricca cultura ha fatto della Francia, e di Parigi, la prima località turistiche del mondo.

Patria di molti filosofi (il XVII secolo o Grand Siecle, e il XVIII secolo, o Età dei Lumi, sono stati i secoli d'oro per la Francia), la cultura francese ha lasciato al mondo la lingua della diplomazia, alcuni delle concezioni universali dell'uomo, oltre a numerose scoperte e realizzazioni tecniche e mediche.

Dopo aver inventato il cinema a Lione, la Francia ha sviluppato una delle poche industrie cinematografica in Europa a resistere alla macchina di hollywoodiana.

La prima letteratura francese risale al Medioevo, quando l'area dell’odienra Francia non possedeva ancora un'unica e uniforme lingua e di conseguenza gli scrittori si cimentarono con le diverse lingue e dialetti. Gli autori di molti testi medievali francesi non sono noti, come nel caso di Tristano e Isotta e Lancillotto e il Santo Graal. Gran parte della letteratura e della poesia medievale francese venne ispirata da leggende del ciclo carolingio, come la Chanson de Roland. Il "Roman de Renart", scritto nel 1175 da Perrout de Saint-Cloude è un altro esempio dell’epoca. Alcuni nomi di autori di questo periodo sono Chrétien de Troyes e Guglielmo IX d'Aquitania, che scrisse in occitano.

Un importante scrittore del XVI secolo fu François Rabelais che influenzò il moderno vocabolario francese.

Nel corso del XVII secolo un patrimonio importante venne lasciato da Pierre Corneille, Jean Racine, Molière, Blaise Pascal e René Descartes, che influenzò la morale e la filosofia e gli autori dei decenni successivi. Jean de La Fontaine fu un importante poeta di questo secolo.

Letteratura francese e la poesia fiorirono nel XVIII-XIX secolo. Il XVIII secolo vide le opere di scrittori, e moralisti come Voltaire, Denis Diderot e Jean-Jacques Rousseau. Charles Perrault fu un prolifico scrittore di racconti per bambini ("Il gatto con gli stivali", "Cenerentola", "La bella addormentata nel bosco" e "Barbablù").

Nel XIX secolo videro la luce molti romanzi francesi di fama mondiale con Victor Hugo (I Miserabili), Alexandre Dumas (I tre moschettieri e Il Conte di Montecristo), e Jules Verne (Ventimila leghe sotto i mari) tra i più noti, ma anche Emile Zola, Guy de Maupassant, Théophile Gautier e Stendhal. La poesia simbolista fu un movimento importante nella letteratura francese, con poeti come Charles Baudelaire, Paul Verlaine e Stéphane Mallarmé.

Importanti scrittori del XX secolo inclusero Louis-Ferdinand Céline, Albert Camus, e Jean-Paul Sartre. Antoine de Saint-Exupéry scrisse Il piccolo principe, che rimase popolare per decenni tanto per la letteratura per ragazzi, quanto fra gli adulti di tutto il mondo.

Gli sport più popolari comprendono il calcio, il rugby e, in alcune regioni, la pallacanestro e la pallamano. La Francia ha ospitato eventi di rilievo internazionale, come la Coppa del Mondo di calcio nel 1938 e nel 1998, e la Coppa del Mondo di Rugby nel 2007. Lo stadio più grande della Francia è lo Stade de France di Parigi sede della finale della Coppa del Mondo di Calcio del 1998, e della Coppa del Mondo di Rugby dell’ottobre 2007. Inoltre, la Francia ospita l'annuale il Tour de France, la più famosa corsa di ciclismo su strada di tutto il mondo. Altro evento sportivo di rilievo è la 24 Ore di Le Mans, corsa sportiva di resistenza che si tiene nel dipartimento di Sarthe. Si svolgono diversi grandi tornei di tennis, compresi di Paris Masters e il Open di Francia, uno dei quattro tornei del Grande Slam.

La Francia ha una stretta associazione con le Olimpiadi, in quanto patria del barone Pierre de Coubertin, che suggerì la rinascita dei Giochi alla fine del XIX secolo. Parigi ospitò la seconda Olimpiade nel 1900. Parigi fu anche la prima sede del Comitato Olimpico Internazionale, prima che questa fosse trasferita a Losanna. Dopo l’edizione del 1900, la Francia ospitò le Olimpiadi in altre quattro occasioni: le olimpiadi estive del 1924 (sempre a Parigi) e tre Giochi Olimpici invernali (1924 a Chamonix, 1968 a Grenoble e Albertville nel 1992).

Il campionato francese di baseball è denominato Championnat de France de baseball il quale è costituito dai migliori otto club francesi. La nazionale rappresenta la Fédération française de baseball et softball e partecipa regolarmente ai campionati mondiali organizzati dalla IBAF e ai campionati europei organizzati dalla CEB. Il miglior risultato di sempre nell'europeo è il 3° posto nel 1999.

Sia la Nazionale di calcio e la Nazionale di rugby sono soprannominate Les Bleus in riferimento al colore della divisa. La squadra di calcio è considerata come una delle più forti del mondo, ed ha vinto l’edizione della Coppa del Mondo del 1998, e ottenendo un secondo posto nel 2006, oltre ad aver vinto due Campionati europei nel 1984 e il 2000. La principale competizione calcistica nazionale è la Ligue 1. Il rugby è molto popolare soprattutto a Parigi e nel sud-ovest della Francia. La squadra nazionale di rugby ha gareggiato in tutte le Coppe del Mondo di questo sport, e prende parte annualmente al campionato delle Sei Nazioni. La nazionale ha vinto sedici Campionati del Sei Nazioni, di cui otto grandi slam, e hanno raggiunto le semifinali e la finale della Coppa del Mondo di rugby.

La Francia è membro di: Consiglio d'Europa, EBRD, NATO, OCDE, OSCE, UE.

Per la parte superiore



Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico

Logo dell'OCSE

La Repubblica Federale Tedesca ne divenne membro solo dopo la fine del periodo di occupazione dei paesi alleati, e la Spagna vi aderì nel 1959. La sede dell'organizzazione, inizialmente denominata Organizzazione Europea per la cooperazione economica (OECE) fu fissata a Parigi. La cooperazione economica tra gli aderenti fu essenzialmente sviluppata attraverso una liberalizzazione dei rispettivi scambi, attuata puntando alla liberalizzazione degli scambi industriali e dei movimenti di capitali. Nel 1950 in particolare i paesi membri dell'OECE diedero vita all'Unione Europea dei pagamenti (UEP) che introduceva un sistema di pagamenti multilaterali, permettendo una compensazione dei crediti in una moneta europea di uno stato membro verso l'altro. Questo sistema si trasformò nel 1959 in un regime di piena convertibilità delle monete, con mutamento dell'UEP nell'accordo monetario europeo.

Dal 1º giugno 2006 il segretario generale dell'OCSE è il messicano Angel Gurria.

All'inizio del 1960 appariva evidente che un vero processo di integrazione europea poteva avvenire solo successivamente ad una revisione dell'OECE nella direzione di vera e propria unione economica tra stati aderenti. La cosa risultava impossibile a seguito della creazione, nel 1957, da parte di Italia, Paesi Bassi, Belgio, Lussemburgo, Francia e Germania Ovest delle Comunità europee (CEE, EURATOM che facevano seguito alla nascita della CECA del 1951), e da altri sette paesi europei nel 1960 dell'Associazione europea di libero scambio (EFTA).

Il 14 dicembre 1960 si giunse, a Parigi, alla firma di una nuova convenzione da cui nacque l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economici (OCSE), entrata in funzione il 30 settembre 1961 e sostitutiva dell'OECE. Entrarono a farne parte i paesi che avevano aderito all'OECE, oltre a Canada e USA mentre, in un secondo momento, aderiranno anche Giappone, Finlandia, Australia, Nuova Zelanda, Messico, Corea del Sud, ed infine, dopo la dissoluzione del blocco comunista e delle organizzazioni internazionali quali il COMECON, anche Repubblica Ceca, Polonia, Ungheria, Slovacchia.

Per la parte superiore



Olivier Roy

Olivier Roy (1949) è un orientalista e politologo francese.

È un direttore di ricerca al Centre national de la recherche scientifique (CNRS) francese e professore sia alla School for Advanced Studies in the Social Sciences (EHESS) sia all Institut d'Etudes Politiques de Paris (IEP). Dal 1984 è consulente al ministero degli affari esteri francese. Nel 1988 Roy ha lavorato come consulente anche dell'Ufficio delle Nazioni Unite incaricato di coordinare i soccorsi in Afghanistan (UNOCA). A partire dall'agosto 1993 Roy è stato un rappresentante dell'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) in Tajikistan fino al febbraio 1994 quando fu eletto capo missione OCSE in Tajikistan, posto che ha retto fino all'ottobre 1994.

Roy ha ricevuto un "Agregation" in Filosofia ed un Master in linguaggue e civilizzazioni persiane nel 1972 presso l' Institut National des Langues et Civilisations Orientales francese. Nel 1996 ha conseguito il PhD in Scienze Politiche dall'IEP.

Roy ha scritto numerosi libri su Iran, Islam e politica asiatica, tra cui: Globalized Islam: The search for a new ummah, La Turquie aujourd’hui, un pays européen? (la Turchia d'oggi, un paese europeo?) ed Les Illusions du 11 septembre. Le débat stratégique face au terrorisme (Le illusioni dell'11 settembre. Il dibattito strategico difronte al terrorismo).

Il suo libro più noto è L'Echec de l'Islam politique ("Il fallimento dell'Islam politico") (1996), un libro di testo standard per gli studenti di islamismo.

Per la parte superiore



Educazione

Il significato originale ed etimologico della parola educazione viene dal latino e-ducere che significa letteralmente condurre fuori, quindi liberare, far venire alla luce qualcosa che è nascosto. Si intende il processo attraverso il quale l'individuo riceve e impara quelle particolari regole di comportamento che sono condivise nel gruppo familiare e nel più ampio contesto sociale in cui è inserito. Può essere anche definita come l'atto, l'effetto dell'educare o come buona creanza, modo di comportarsi corretto e urbano nei rapporti sociali.

L'idea deriva dalla filosofia platonico-socratica, secondo la quale imparare altro non è che un "ricordare" dalla nostra passata esistenza, e che tale conoscenza deve essere "condotta fuori" da noi tramite la maieutica, letteralmente arte del far partorire, ovvero condurre fuori, e-ducere. Con Emerson e le scuole a lui ispirate, invece, l'educazione si prospetta anzitutto come autoeducazione e come autocoltivazione che dura per tutta la vita.

In questo senso l'educare coincide nel guidare e formare qualcuno, specialmente giovani, affidandone e sviluppandone le facoltà intellettuali e le qualità morali. L'educazione va quindi distinta dalla istruzione, intesa come insieme delle tecniche e delle pratiche per mezzo delle quali un individuo viene istruito mediante insegnamento teorico o tecnico-operativo di nozioni di una disciplina, di un'arte, di un'attività. Tuttavia istruzione ed educazione possono fondersi quando l'insegnante cerca di favorire la comprensione autonoma da parte degli allievi, instaurando con loro un dialogo "esplorativo" e stimolando la loro creatività nell'apprendimento.

In Italia, come in molti altri Paesi, l'educazione dell'individuo è affidata oltre che ai genitori, alla scuola pubblica (elementare e media). La frequenza scolastica è obbligatoria dal compimento del sesto anno di età fino al sedicesimo. Dopo il titolo finale dell'obbligo (che una volta era la licenza media, mentre oggi è il diploma conclusivo di primo ciclo) scatta il diritto-dovere di istruzione e formazione, previsto dalla legge 53/2003, per assolvere al quale è possibile iscriversi a una scuola secondaria superiore oppure intraprendere percorsi di formazione e lavoro o alternanza scuola-lavoro.

Nella lingua italiana, il termine educazione è anche sinonimo di corretta condotta, come nell'educazione civile, cioè il rispetto dei doveri e l'esercizio dei diritti. La corretta condotta può essere svolta secondo norme non necessariamente codificate, benché di pressoché generale condivisione, dette di buone maniere, gentilezza, urbanità.

L'idea di armonizzare i sistemi educativi europei, nasce fin dall'avvento della C.E.E. ma inizia a realizzarsi solo negli anni '90.

Recenti orientamenti pedagogici fanno emergere l'opportunità di dare ampio spazio all'educazione differenziata per i due sessi, sia nel campo dell' educazione fisica che in quello della formazione intellettuale, morale e spirituale. I ragazzi e le ragazze traggono enorme beneficio dall'inserimento in classi e gruppi di apprendimento composti da persone dello stesso sesso.

Ogni anno l'OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) pubblica un rapporto intitolato Uno sguardo all' Educazione: indicatori OCSE , che è basato su un insieme di indicatori statistici, e che vuole essere un aiuto per orientare le politiche nazionali di sviluppo dei sistemi educativi.

Nel seguito, per dare un'idea di cosa possa essere dedotto dal citato rapporto, è riportato l'elenco degli indicatori usati nell'indagine del 2008.

Indicatore A1: Quale è il livello di istruzione della popolazione adulta Indicatore A2: Quanti studenti proseguono gli studi dopo le scuole secondarie Indicatore A3: Quanti studenti prendono un Diploma universitario Indicatore A4: Quanti studenti avanzano negli studi universitari e quanti abbandonano Indicatore A5: Quali capacità nel campo delle Scienze posseggono gli studenti quindicenni Indicatore A6: Quale è la condizione sociale degli studenti quindicenni e il ruolo giocato dai loro genitori Indicatore A7: La condizione socio-economica dei genitori influisce sulla partecipazione dei figli a percorsi di formazione universitaria? Indicatore A8: In che modo la partecipazione a attività formative incide sulla inclusione nel mercato del lavoro? Indicatore A9: Quali benefici economici derivano dalla formazione scolastica? Indicatore A10: Quali sono gli incentivi ad investire nella Formazione?

Per ciascuno degli indicatori sopra elencati, esiste una ulteriore scomposizione in Tavole e Grafici che esprimono ulteriori dettagli dell’indagine.

Per la parte superiore



ATTAC

Un banchetto dell'Attac

ATTAC è la sigla dell'Associazione per la Tassazione delle Transazioni finanziarie e per l'Aiuto ai Cittadini. Si tratta di un'associazione orientata all'azione per l'affermazione dei valori della dignità umana e della protezione dell'ambiente e, quindi, di opposizione alle politiche neoliberiste.

L'idea di un'associazione per l'introduzione della Tobin Tax il cui gettito fosse utilizzato per finanziare progetti sociali fu lanciata nel dicembre 1997 da Ignacio Ramonet, direttore di Le Monde diplomatique in un editoriale pubblicato dal mensile francese e intitolato "Disarmare i mercati". La proposta, lanciata durante la crisi economica dei mercati del Sud-est asiatico, raccolse un inaspettato numero di consensi e il 3 giugno 1998 si tenne un'assemblea costitutiva dell'Associazione oggi presente in circa 55 Paesi del mondo.

In seguito, Attac ha ampliato i suoi campi d'intervento e ora si interessa a tutti gli aspetti della globalizzazione economica (che l'associazione qualifica come ultraliberale), osteggiando le decisioni del WTO, dell'OCSE e del Fondo Monetario Internazionale.

La critica ai meccanismi dell'economia mondiale, che sarebbero funzionali a logiche neoliberiste non comporta un'opposizione al fenomeno della globalizzazione che anzi viene accolta con favore dall'Associazione quando le politiche economiche si rivelino rispettose dell'ambiente e della dignità sociale di tutti gli uomini.

L'Associazione funziona in base ad un principio di decentralizzazione volto a stimolare il più possibile l'attività dei comitati locali.

In alcuni Paesi si è dotata di un consiglio scientifico indipendente da strutture universitarie o comunque istituzionali.

I membri di ATTAC sono stati tra i promotori del Forum sociale mondiale di Porto Alegre, dei Forum Sociali Europei e del Forum Sociale del Mediterraneo.

Per la parte superiore



Organizzazione per la Cooperazione Economica Europea

L'Organizzazione per la Cooperazione Economica Europea(OEEC) fu istituita il 16 aprile 1948 come organizzazione permanente destinata a controllare la distribuzione degli aiuti americani del Piano Marshall per la ricostruzione dell'Europa dopo la seconda guerra mondiale. La sede era al Chateau de la Muette a Parigi.

Fu la prima organizzazione sovranazionale a svilupparsi in Europa nel dopoguerra. Nel 1961 fu riorganizzata e si trasformò nell'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OECD o OCSE in Italiano).

Per la parte superiore



Calcolo delle parità dei poteri d'acquisto

Le parità di potere d'acquisto (PPA; in inglese Purchasing Power Parity, PPP) sono prezzi relativi che esprimono il rapporto tra i prezzi nelle valute nazionali degli stessi beni o servizi in paesi diversi.

Le PPA vengono però anche utilizzate per confrontare il valore di una stessa valuta in diverse articolazioni di una stessa area; ad esempio, per calcolare i differenziali dei livelli dei prezzi tra i comuni italiani.

L'esempio più semplice di PPA è costituito dall'indice Big Mac: se un Big Mac costa 1,71 sterline nel Regno Unito e 3 dollari negli USA, il tasso della parità di potere d'acquisto è 1,71/3 = 0,57. Tale valore comprende in sé sia il tasso di cambio tra sterlina e dollaro, sia il diverso livello dei prezzi nei due paesi; se il tasso di cambio fosse 0,5, se cioè occorressero 1,5 sterline per avere 3 dollari, allora il Big Mac risulterebbe più caro nel Regno Unito che negli USA. Da ciò segue che uno statunitense che si recasse nel Regno Unito con 100 dollari convertiti in sterline non potrebbe consumare la quantità di Big Mac che consumerebbe in patria con la stessa cifra.

L'esempio mostra che le PPA servono per convertire aggregati espressi in valute diverse in aggregati espressi in un'unica valuta, proporzionali alle quantità e immuni da differenze nel livello dei prezzi. Risultano quindi necessarie per poter confrontare, in particolare, i PIL reali di paesi che usano valute diverse.

Le PPA mirano a consentire confronti tra aggregati complessi e tra molti paesi; devono quindi basarsi su numeri indice complessi e multilaterali, nei quali i prezzi dei singoli beni e servizi vengano ponderati secondo le quantità consumate in ciascun paese, espresse mediante rapporti tra la spesa (prezzo per quantità) osservata per un dato bene o servizio e la spesa complessiva.

Il requisito di rappresentatività interviene fin dall'inizio, nella fase di raccolta dei dati.

Vengono individuate molteplici posizioni rappresentative (basic headings in inglese), che sono il livello più basso per il quale si rilevano le quote di spesa utilizzate per ponderare i prezzi. Nell'ambito delle posizioni rappresentative si individuano diversi prodotti, tra i quali ciascun paese sceglie quelli rappresentativi, quelli cioè che meglio esprimono le abitudini di consumo dei propri residenti. Ad esempio, nella posizione rappresentativa «formaggio» rientrano i prodotti camembert, Cheddar, feta, gorgonzola ecc., che sono prodotti rappresentativi, rispettivamente, per la Francia, il Regno unito, la Grecia, l'Italia ecc., ma nulla vieta che vi siano più prodotti rappresentativi per un paese.

Le singole caselle contengono i prezzi rilevati; ad esempio, P2b è il prezzo del prodotto 2 rilevato dal paese B nella propria valuta (15,67, con asterisco perché rappresentativo).

Eurostat e OCSE utilizzano un metodo detto EKS. Si tratta di un metodo messo a punto negli anni '60 dagli ungheresi Èltetö e Köves e dal polacco Szulc per le esigenze di pianificazione economica nei paesi dell'Europa orientale, che soddisfa i requisiti della transitività e della rappresentatività ma non quello dell'additività. La caratteristicità risente del fatto che le PPA vengono calcolate sulla base dei prezzi di tutti i paesi e, pertanto, le PPA di due paesi nei quali i prezzi restassero costanti cambierebbero a seguito di cambiamenti nei prezzi di altri, o anche solo nel numero di paesi considerati.

Il metodo EKS usa indici bilaterali di tipo Laspeyres, Paasche e Fisher. Negli indici di Laspeyres e di Paasche (quello di Fisher è la loro media geometrica) vengono sommati i prezzi ponderati con le quantità, le quantità del tempo base per Laspeyres, quelle del tempo corrente per Paasche. Nel metodo EKS i prezzi vengono moltiplicati, invece che sommati; come si vedrà, negli indici di tipo Laspeyres si usano pesi relativi al paese base, negli indici di tipo Paasche si usano pesi relativi al paese partner.

In una prima fase si calcolano le PPA per singola posizione rappresentativa. La fase è a sua volta articolata in tre passaggi.

Analoghi i calcoli per le altre due colonne.

Si può notare che tali indici non soddisfano la proprietà di reversibilità delle basi; ad esempio nota la PPA di B rispetto ad A, La,b=12,339, quella di A rispetto a B non ne è l'inverso: Lb,a=0,12773≠1/12,339=0,08065. Si calcolano quindi PPA di tipo Paasche e poi di tipo Fisher.

Le PPA di tipo Fisher rispettano la proprietà di reversibilità delle basi (ad esempio, Fb,a=1/Fa,b=1/9,8286=0,10174), ma non la transitività; ad esempio, Fa,c=462,99 non è uguale al prodotto Fa,bFb,c=9,8286·30,316=298,40612.

Il passo ulteriore consiste nel trovare un'unica PPA per ciascun paese, che abbia come base l'intero gruppo di paesi. In questo modo, gli aggregati che interessano potrenno essere espressi in un'unica valuta convenzionale (il PPS, Purchasing Power Standard per Eurostat; l'OCSE e la Banca Mondiale usano peraltro «dollari PPA», quindi le PPA contenute nella colonna del paese USA).

Si deve tenere presente che nei calcoli illustrati sopra si usano prodotti di indici; da ciò segue che, come accade per gli indici a catena, le PPA elementari non godono della proprietà dell'additività e non possono quindi essere aggregate semplicemente calcolando medie ponderate. Ne segue anche che, note le PPA per singoli aggregati (ad esempio: consumi finali, investimenti lordi, esportazioni nette) e convertiti quindi i valori di essi dalla valuta nazionale ad un'unica «valuta PPA», tali valori non possono essere sommati per ottenere il valore in «valuta PPA» di un aggregato più ampio (il prodotto interno lordo). Si deve invece procedere calcolando le PPA per ciascun aggregato che interessa. Nel seguito si supporrà che la somma di tutte le posizioni rappresentative sia il PIL mentre le prime due costituiscano l'aggregato «spesa per consumi finali» CF.

Analogamente a quanto visto per le PPA elementari, si procede calcolando PPA di tipo Laspeyres, Paasche e Fisher.

Nel 1953 si definì uno standard internazionale per la contabilità nazionale, detto SNA (System of National Accounts). Gli aggregati nazionali venivano così calcolati con le stesse modalità in molti paesi, ma la differenza tra le valute con consentiva confronti internazionali attendibili.

Nel 1968 le Nazioni Unite e l'Università della Pennsylvania avviarono un International Comparison Programme (ICP) sostenuto dalla Banca Mondiale e da molti paesi e inizialmente diretto da Irving Kravis, che era stato allievo di Simon Kuznets.

Le prime PPA vennero calcolate per 10 paesi con riferimento al 1970, poi al 1973 per 16 paesi, al 1975 per 34. L'aumento del numero dei paesi evidenziò le difficoltà di una gestione centralizzata e l'Unione Europea (allora Comunità) dette un importante contributo avviando, nel 1979, un European Comparison Programme (ECP) come articolazione regionale dell'ICP. Contestualmente si attivavano la Commissioni Economiche per l'America Latina e i Caraibi, per l'Asia e il Pacifico e per l'Asia Occidentale (organizzazioni delle Nazioni Unite).

Si riuscirono così a calcolare le PPA per 60 paesi al 1980, poi per 64 al 1985, ma non venne portato a termine il calcolo al 1993 per 83 paesi per le difficoltà di carattere organizzatvo, in particolare per la scarsità di risorse. Le Nazioni Unite chiesero quindi il supporto della Banca Mondiale, che è divenuta dal 1993 il coordinatore di fatto dell'ICP. Il calcolo a livello internazionale è stato riavviato su nuove basi nel 2003 ed ha prodotto le PPA con riferimento al 2005 per 146 paesi.

Tutto ciò comporta la necessità di leggere i dati con cautela. In particolare, è stata criticata la possibilità di usare i PIL pro-capite per valutare la diffusione della povertà nei diversi paesi.

Sia l'OCSE che Eurostat partecipano all'ICP, condividendone la metodologia, ma si avvalgono di propri strumenti e di risorse maggiori di quelle di altri paesi. Fin dagli anni '80, inoltre, hanno stabilito una stretta cooperazione (Eurostat-OECD PPP Programme), grazie alla quale hanno potuto calcolare le PPA con regolarità (ogni 5 anni tra il 1980 e il 1985, poi ogni 3) e per un numero crescente di paesi (da 18 nel 1980 a 45 nel 2005, compresi paesi non appartenenti né all'Unione europea né all'OCSE).

Eurostat produce annualmente, comunque, le PPA per i paesi membri.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia