Norvegia

3.3734542456686 (1213)
Inviato da murphy 18/03/2009 @ 13:09

Tags : norvegia, europa, esteri, squadre nazionali europee, calcio, sport

ultime notizie
Brusa Spyder - Omniauto
... pubblicizzare e dimostrare la funzionalità delle proprie realizzazioni, il costruttore elvetico ha deciso di presentare all'EVS 24 conference di Stavanger (Norvegia) la Brusa Spyder, prototipo di auto elettrica dotata di componentistica Brusa....
La Norvegia presenta l'offerta di sport outdoor a Riva del Garda - Travel Quotidiano
La Norvegia parteciperà all'evento - padiglione B2, stand D08 - presentando in anteprima la nuova brochure Trekking & escursioni in Norvegia, disponibile online dalla prossima settimana sul sito www.visitnorway.it. Si tratta di una guida dettagliata...
La Norvegia trionfa all'Eurofestival - Corriere della Sera
MILANO - Fairytale, cantata da Alexander Rybak per la Norvegia, è la canzone vincitrice del 54° Eurofestival, che quest'anno si è tenuto a Mosca. Una platea di 120 milioni di telespettatori, uno spettacolo con 25 canzoni di altrettante nazioni: tutto...
Dalla Norvegia all'Australia, aumenta il numero di isole verdi - Pienosole.it
Ancora più a nord, in Norvegia, l'isola di Utsira è completamente autosufficiente dal punto di vista energetico grazie all'azione combinata del vento e dell'idrogeno, quest'ultimo ricavato per idrolisi dell'acqua con il surplus dell' energia eolica...
La strada norvegese - La Repubblica
A differenza delle “cugine” Svezia e Finlandia, la Norvegia si è sempre orgogliosamente rifiutata di entrare a far parte dell'Unione Europea. La conferma che qualcosa rende effttivamente Oslo molto diversa dalle altre capitali europee è arrivata...
Autostrada "a idrogeno" in Norvegia per 560 chilometri , 15:55 - La Repubblica
Non più solo prototipi di auto, ma anche catene di distributori di idrogeno, come è successo in Norvegia (Rinnovabili.it) – E' ormai universalmente accettato che la vera soluzione in fatto di mobilità sostenibile sarà l'equipaggiamento, da parte delle...
Il IV Circolo in Norvegia per il proseguimento del progetto Comenius - Civonline
CIVITAVECCHIA - E' iniziata venerdì mattina l'avventura della delegazione civitavecchiese che è partita alla volta della Norvegia. Protagonisti di questo viaggio è la preside del IV Circolo, Laura Alagna e 4 docenti dello stesso Circolo....
Aziende di recupero dati: Belfor Italia - Mondo Informatico
Questi si avvale delle camere bianche presenti in Norvegia e in Germania per le operazioni più delicate. Grazie all'estrema specializzazione supporto, i servizi di Belfor Italia sono tagliati in particolar modo sulle esigenze di grandi clienti come...
La Norvegia inaugura la prima autostrada europea ad idrogeno - BuoneNotizie.it
La mastodontica infrastruttura si deve alla Norvegia, un paese che in fatto di politiche ambientali, sostenibilità, cooperazione allo sviluppo, tutela e salvaguardia del patrimonio e dell'ambiente culturale, la sa lunga....
ROMA: CITTA' SI PREPARA COSI' ALLA FINALE CHAMPIONS - Libero-News.it
... parcheggio di via Casale Strozzi, piazzale degli Eroi, via dello Stadio Olimpico, viale Tiziano (fra piazza Apollodoro e piazzale Cardinal Consalvi), viale della XVII Olimpiade (fra viale Tiziano e via Austria/Norvegia), via Austria, via Norvegia,...

Norvegia

Norvegia - Bandiera

1In sei località del nord anche il Sami è ufficiale, mentre il Finlandese in una. 2È uno dei 51 Stati che hanno dato vita all'ONU nel 1945. 3Incluse le Svalbard.

Il Regno di Norvegia (Kongeriket Norge in bokmål; Kongeriket Noreg in nynorsk) è uno stato (4.695.134 ab, 385.199 km2, capitale Oslo) dell'Europa della Regione boreale, situato nella parte occidentale della Scandinavia. Confina a est con la Svezia e a nord-est con la Finlandia e con la Russia, a ovest con il Mar di Norvegia e a sud con lo Skagerrak.

Il territorio norvegese comprende anche le isole Svalbard (in prossimità del Polo Nord), l'isola di Jan Mayen (a largo delle coste groenlandesi) e numerosi territori antartici quali l'Isola Bouvet, la Terra della regina Maud e l'Isola Pietro I.

La Norvegia è lo stato europeo più settentrionale, spingendosi alla latitudine di 71°11' dove si trova il promontorio di Knivskjellodden, situato di poco più a nord rispetto al tradizionale Capo Nord. Occupa anche la parte più occidentale della penisola scandinava, estendendosi per circa 1.700 km da nord a sud. È attraversata dal Circolo Polare Artico; per questo nelle zone settentrionali si possono osservare fenomeni quali il Sole di mezzanotte (in estate) e l'Aurora Boreale (in inverno). Confina a nord con il Mar Glaciale Artico, a sud con lo Skagerrak, a ovest con il Mar di Norvegia, a est con la Svezia e a nord-est con Russia e Finlandia.

Il territorio norvegese propriamente detto "Norvegia" si estende per 323,802 km ed è principalmente montuoso, essendo attraversato da nord a sud dalle Alpi Scandinave. Il punto più alto è rappresentato dal Galdhøpiggen 2.469 mt., situato nel massiccio del Jotunheimen; le altre cime più alte sono il Glittertind (2.465 mt.), di poco più basso del Galdhøpiggen e fino a poco tempo fa considerato come vetta maggiore, lo Store Skagastølstind (2.403 mt.).

Il clima della Norvegia atlantica ed artica, nonostante la latitudine, è eccezionalmente mite: questo grazie alla Corrente del Golfo, che partendo dal Messico viene a riscaldare le acque marine delle coste atlantiche rendendo le temperature medie annuali superiori allo zero anche in zone molto più a nord del Circolo Polare Artico. Questo evita la formazione di ghiacci marini, favorendo le attività portuarie e di pesca. Le temperature medie annue delle coste vanno dai circa 7°/8° della città di Stavanger ai 3°/4° di Trondheim, fino ai 2°/3° di Vadsø. Il rovescio della medaglia, però, è dato dalle tempeste che si formano in mare aperto (dalle parti dell'Islanda) per contrasto tra l'aria fredda continentale (proveniente da Groenlandia ed isole canadesi) e le tiepide acque dell'oceano: queste tempeste, foriere di precipitazioni abbondanti, sono comuni soprattutto durante l'autunno ed all'inizio dell'inverno. Durante l'estate inoltre possono esserci periodi particolarmente freschi e piovosi, oltre che con caratteristiche di spiccata variabilità. La temperatura media del mese di luglio è comunque superiore ai 15° su tutta la fascia costiera centro-meridionale (fino alla regione di Sogn og Fjordane).

Diversa è la situazione ad Oslo, dove le estati sono tiepide: la temperatura media di luglio è di 17°, e grazie alle molte ore di luce sono possibili massime vicine ai 30° tra giugno e luglio. Per contro, però, gli inverni sono freddi (circa -5° di media a Gennaio) perché l'effetto mitigatore della Corrente del Golfo è bloccato dalle montagne: nei mesi più freddi si scende facilmente sotto ai -20°, e non è poi così strano avere minime intorno allo zero a maggio e settembre. Il vero "freddo" invernale si trova invece nelle zone interne, soprattutto delle contee di Oppland e Finnmark (in quest'ultima è stato registrato il record minimo di temperatura: -51° a Karasjok).

Le precipitazioni sono piuttosto abbondanti sulle regioni atlantiche, specialmente nella zona montuosa sud-occidentale dove si scarica moltissima umidità (annualmente cadono da 1500 a 3000 mm di pioggia e neve). Meno abbondanti sono al nord e ancora meno nelle zone coltivate e vicine alla capitale, con circa 600 mm all'anno. Il picco massimo è estivo o tardo-estivo nelle regioni più continentali, Oslo compresa, mentre sulla costa atlantica sudoccidentale è situato in autunno ed anticipa sempre di più man mano che si sale verso nord.

Per quanto possa apparire strano, perciò, i luoghi comuni sul freddo clima norvegese non sono del tutto fondati: è vero però che la neve può metterci parecchio a sciogliersi o che ci si possa aspettare precipitazioni nevose anche ad aprile o maggio.

I norvegesi erano meno di 900.000 all'inizio dell'Ottocento. Oggi sono 4 milioni e mezzo.Sono concentrati, però, quasi esclusivamente sul 30% di territorio, situato nella parte meridionale del Paese, dove sorgono le principali città. Le zone più settentrionali della Norvegia sono praticamente disabitate. La popolazione norvegese gode di un ottimo tenore di vita, il paese è al primo posto nel mondo per indice di sviluppo umano.

La maggior parte sono di etnia norvegese, mentre le minoranze più forti sono quelle Sami (nella cittadina di Kautokeino il 70% degli abitanti è Sami) e finlandesi, specialmente al nord.

Oslo è però il centro maggiormente multietnico del paese, dove, oltre ai Lapponi, vi sono immigrati che provengono principalmente da Pakistan, Somalia e Iraq, oltre ai vicini danesi e svedesi. Gli immigrati in Norvegia sono circa 387.000 e rappresentano la principale ragione della crescita della popolazione norvegese. Assistiamo oggi ad un discreto equilibrio in termini di interazione e integrazione: immigrare in Norvegia negli anni '80 significava ottenere supporto dallo Stato, aiuto per apprendere la lingua e aiuto per ottenere un lavoro. Il governo norvegese però, ha sempre supportato anche la conservazione di lingua e cultura, nulla di strano quindi che la seconda generazione di immigrati sia integrata pur mantenendo saldi i legami con le proprie origini.

La lingua ufficiale in Norvegia è il norvegese. Il norvegese è però diviso in due differenti forme scritte: il bokmål e il nynorsk. La prima è la più diffusa, è utilizzata come prima lingua dall'85% dei norvegesi. La seconda è invece utilizzata dal rimanente 15% specialmente nelle contee del Vestlandet. Nelle scuole norvegesi vengono comunque insegnate entrambe le forme. Ai comuni norvegesi è lasciata la libertà di scegliere quale forma utilizzare, anche se la maggior parte sceglie la forma neutrale, ovvero utilizza sia il Bokmål sia il Nynorsk.

Inoltre alcune municipalità del Finnmark e del Troms utilizzano come lingua ufficiale anche il Sami o il finlandese. Queste sono infatti le minoranze linguistiche più forti.

Tutti i norvegesi però comprendono sia il danese che lo svedese per via della grandissima somiglianza fra le tre lingue. Anche l'inglese è molto conosciuto, essendo parlato fluentemente dal 70% della popolazione.

In Norvegia è normale l'utilizzo dei dialetti: da Oslo a Tromso assistiamo a differenze anche in termini come jeg (io) o nei numeri. Da anni ormai si discute se abbia senso che un paese con meno di 5 milioni di abitanti abbia non solo 2 lingue, ma anche un discreto numero di dialetti tutti comunemente utilizzati creando una discreta confusione. Recentemente si è discusso se non abbia più senso rinunciare al Norvegese come lingua ufficiale a favore dell'inglese, che è parlato fluentemente da quasi tutta la popolazione: ad oggi ha prevalso la protezione della lingua e della cultura.

Nel Medioevo i Vichinghi pagani si convertirono al cristianesimo e proibirono le loro vecchie religioni. Al giorno d'oggi l'86% dei norvegesi appartiene alla Chiesa di Norvegia, che si basa sulla religione evangelico-luterana ed è di Stato.

È comunque tutelata la libertà, per i cittadini, di professare la propria religione; tra quelle minoritarie, le più diffuse sono il cattolicesimo (4,5%) e l'Islam (1,5%). Altre piccolissime minoranze sono i buddhisti, i testimoni di Geova e gli ebrei. Gli atei e gli agnostici rappresentano invece il 6,2% della popolazione.

I primi insediamenti in Norvegia risalgono all'800 a.C., testimoniati dai dipinti rupestri ritrovati ad Alta, fatti da cacciatori che vivevano al sud e si spostavano al nord durante l'estate. Tuttavia la Norvegia ebbe poca importanza fino ai tempi dei Vichinghi. Intorno al 700 questo popolo fondò 29 piccoli regni nel territorio norvegese, i quali si unirono nel 872 sotto il re Harald I Hårfagre. Questo regno durò fino al 1319. In questo arco di tempo vennero acquisite dipendenze quali l'isola di Man, la penisola di Kola, la Groenlandia e l'Islanda. Inoltre attraverso Olav Haraldsson (oggi santo patrono del paese) venne introdotto il cristianesimo. Nel 1319 però Haakon V morì senza eredi, così la figlia sposò Magnus Eriksson di Svezia. Il figlio dei due ereditò così entrambi i regni, i quali si unirono nell'Unione di Kalmar alla Danimarca. Questa unione durò dal 1379 al 1523, quando la Svezia ne uscì. La Norvegia rimase perciò unita alla Danimarca, la quale perse però una guerra contro gli Svedesi nel 1814 e fu costretta a cedere la Norvegia. Quest'ultima rimase unita alla Svezia fino al 26 ottobre 1905, quando, pacificamente, venne riconosciuta la sua indipendenza e Haakon VII divenne re. Per evitare ogni pericolo di guerre e dispute sovrane tra i due paesi, le due case regnanti di Svezia e di Norvegia hanno stipulato un accordo che prevede, in caso di matrimonio tra principi ereditari delle rispettive case, la rinuncia al trono da parte di uno dei due sposi.

Durante la prima guerra mondiale la Norvegia rimase neutrale, anche se divenne fornitore di viveri alla Gran Bretagna, la quale le diede il titolo di "alleato neutrale". Anche durante la seconda guerra mondiale rimase neutrale; ciò nonostante, a causa della sua posizione strategica, venne attaccata il 9 aprile 1940 (l'operazione Weserübung) dalla Germania, che si impossessò del territorio e costrinse il governo norvegese a svolgere la propria attività in esilio, a Londra. Durante il 1945 però l'esercito norvegese guadagnò posizioni sui nazisti, grazie all'aiuto di Francia e Gran Bretagna. Il 7 giugno dello stesso anno il re di Norvegia poté così fare rientro in patria. Inoltre,circa 200 soldati norvegesi parteciparono allo sbarco a Sword Beach.

La Norvegia è una monarchia parlamentare. Le funzioni del re, oggi Harald V di Norvegia, sono soprattutto cerimoniali. Il consiglio di stato consiste del primo ministro e dei suoi ministri, nominati formalmente dal re. Il parlamento norvegese, lo Storting (noto anche come Stortinget, che significa "il parlamento"), ha 169 membri. I deputati vengono eletti ogni quattro anni dalle 19 contee con il sistema proporzionale. Lo Storting si divide in due camere, Odelsting e Lagting, anche se la maggior parte delle volte funziona come un parlamento unicamerale. Dal 2005 il primo ministro norvegese è Jens Stoltenberg, a capo di una coalizione rosso-verde composta dal Partito Laburista (AP), dai Socialisti (SV) e dal Partito di Centro (Sp). Due referendum, uno nel 1972 e l'altro nel 1994, con uno stretto margine di voti, hanno decretato il rifiuto della Norvegia a far parte dell'Unione europea.

Voti, percentuali e seggi dei partiti con almeno un rappresentante in parlamento con i dati delle elezioni politiche del 2005.

L'esercito norvegese è formato attualmente da circa 10.000 persone. Venne formato nel 1628 dal re Cristiano IV, come difesa da attacchi stranieri. Il servizio militare è obbligatorio, dura 12 mesi e prevede dei periodi di addestramento supplementare. Inoltre è presente una forza di difesa locale, suddivisa in piccole unità, addestrata per compiti speciali.

In ogni contea ha sede un Tribunale di conciliazione, che giudica direttamente i casi di minore entità. La magistratura civile e penale è invece unificata. La gerarchia ordinaria prevede i Tribunali distrettuali, le Corti d'Appello e la Corte suprema (con sede a Oslo). La Corte d'appello si occupa dei reati gravi (delitti,ecc.), mentre la competenza della Corte suprema nelle cause penali è limitata alle questioni di diritto. Tutti i giudici sono nominati dal re. In Norvegia dal 1963 è stata istituita la figura dell'Ombudsman (eletto ogni quattro anni dal Parlamento), che ha il compito di assistere i cittadini vittime di errori o abusi della pubblica amministrazione. I componenti del Lagting e i membri ordinari dell'Alta corte (l'Høyestereth) formano un'Alta corte del Regno (il Riksrett),con la funzione di giudicare i ministri, i componenti della stessa Alta corte e dello Storting.

A causa della montuosità, solo il 2,5% del territorio è coltivato (specialmente all'estremo sud e a nord della capitale), principalmente da orzo e avena. L'allevamento è invece molto più praticato al nord. La pesca è molto più importante dell'allevamento e dell'agricoltura nell'economia norvegese, specialmente quella di merluzzo e salmone, esportati in tutto il mondo.

Per quanto riguarda le risorse minerarie quelle di cui la Norvegia dispone principalmente sono lo zinco, le piriti, il titanio, il rame e in particolare il ferro (numerosi sono i giacimenti nel Finnmark, in particolare vicino al confine russo) e il carbone (preso dai giacimenti alle Svalbard).

La Norvegia è inoltre un grande esportatore di gas naturale (73,4 miliardi di m³) e produttore di energia idroelettrica (105,6 miliardi di kWh).

Il 43% del prodotto interno lordo norvegese deriva dall'industria; questo grazie alla grande disponibilità di materie prime. I settori maggiormente sviluppati sono quello siderurgico e quello metallurgico: è infatti uno dei principali esportatori e produttori mondiali di alluminio e leghe metalliche ma anche i settori alimentare, cartaceo (grazie alle vaste foreste) e chimico sono notevolmente sviluppati.

Il 22% delle esportazioni norvegesi è rappresentato dai servizi. Questi, pur essendo all'avanguardia in settori quali quello bancario, assicurativo e della finanza è particolarmente sviluppato nel trasporto marittimo. La flotta norvegese è infatti fra le più grandi al mondo, e le navi vengono utilizzate per trasportare il petrolio dai giacimenti del mare del nord, per esportare materie prime, per pescare e per traghettare merci e passeggeri verso le numerosissime isolette situate a pochi chilometri dalle coste. Il trasporto terreno infatti non è molto sviluppato a causa del territorio, non esistono autostrade e le ferrovie sono efficienti solo al sud. Importanti aeroporti sono a Oslo, Bergen, Trondheim, Stavanger, Tromsø e Sør-Varanger.

Il turismo è sviluppato, principalmente quello naturale e in ogni parte dell'anno. In inverno da coloro che amano lo sci e in estate da coloro che prediligono i paesaggi. Famosissimo è l'Hurtigruten, la crociera che attraversa tutta la costa norvegese attraverso i fiordi.

Il maggiore centro culturale del paese è Oslo dove sono presenti le principali università, biblioteche e musei come il Museo di storia naturale e la Galleria nazionale. Il più famoso pittore norvegese è senz'altro Edvard Munch, celebre per il suo "L'Urlo".

Il più celebre compositore norvegese mai vissuto è senza dubbio Edvard Grieg, la cui musica è stata la prima proveniente dalla Norvegia unita, anche se precedentemente, durante l'unione con la Svezia, erano vissuti Halfdan Kjerulf e il violinista Ole Bull i quali ebbero successo sia in Europa che negli Stati Uniti d'America. Oggi i più importanti rappresentanti della musica classica norvegese sono le due orchestre filarmoniche di Oslo e di Bergen. Nella musica contemporanea i norvegesi hanno riscosso successo specialmente nel black metal, tanto da dare vita ad un'etichetta detta Arsk Norsk Black Metal o True Norwegian Black Metal (vero Black Metal norvegese), e anche nella musica elettronica e nel punk hardcore. Non bisogna dimenticare però gli A-ha gruppo synth-pop diventato famoso in tutto il mondo nel 1985 grazie al grande successo "Take On Me".

La Festa dell'Indipendenza, celebrata il 17 maggio (data in cui nel 1814 la Norvegia ottenne una Costituzione propria), è la ricorrenza più importante del calendario norvegese. Le festività sono ben organizzate durante l'anno, con pause che servono bene al riposo.

Per la parte superiore



Nazionale di calcio della Norvegia Under-21

Federcalcio norvegese.gif

Voce principale: Nazionale di calcio della Norvegia.

La Nazionale norvegese di calcio Under-21, i cui calciatori sono soprannominati U21-landslaget, è la rappresentativa calcistica Under-21 della Norvegia ed è posta sotto l'egida della Norges Fotballforbund. L'attività di questa selezione si sviluppa in cicli biennali nei quali, attraverso un girone di qualificazione, l'obiettivo è di partecipare all'Europeo Under-21 che si tiene ogni 2 anni. Nella gerarchia delle Nazionali calcistiche giovanili norvegesi è posta prima della Nazionale Under-20. L'Under-21 è la principale risorsa cui attinge la Nazionale A: è consuetudine che i migliori giovani che vi si sono resi protagonisti vengano chiamati a integrarsi nella Nazionale maggiore, fino a diventarne spesso titolari e giocatori cardine.

L'Under-21 norvegese non si è mai aggiudicata alcun trofeo.

Da novembre 2006, è allenata da Øystein Gåre.

Di seguito è riportata la lista dei convocati per l'amichevole contro la Giordania giocata il 18 novembre 2008.

Per la parte superiore



Nazionale di calcio della Norvegia

Federcalcio norvegese.gif

La Nazionale di calcio norvegese (Norges herrelandslag i fotball) è la selezione di calcio che rappresenta la Norvegia ed è controllata dalla NFF.

La squadra olimpica norvegese raggiunse il terzo posto (medaglia di bronzo) alle Olimpiadi del 1936 a Berlino, dopo aver battuto i padroni di casa Germania nei quarti di finale del torneo e la Polonia nella finalina.

La Norvegia raggiunse i più importanti successi tra il 1990 e il 1998 sotto la guida del leggendario CT Egil Roger Olsen. Insieme alle qualità dei promettenti giocatori norvegesi, a Olsen viene dato molto del merito per aver portato la nazionale norvegese fuori dall'oscurità e averla resa una squadra ostica, rispettata nel mondo. Oltre a ciò, a metà degli anni '90 la squadra raggiunse il secondo posto nel Ranking FIFA. Olsen cominciò la sua carriera di CT della Norvegia con una vittoria casalinga di 6-1 contro il Camerun il 31 ottobre 1990 e la chiuse il 27 giugno 1998 dopo una sconfitta per 0-1 contro l'Italia agli ottavi dei Mondiali di Francia.

Ai Mondiali del 1994 negli Stati Uniti, la Norvegia fu eliminata nella fase a gironi dopo una vittoria contro il Messico, una sconfitta contro l'Italia e un pareggio con l'Eire (tutte le quattro squadre a 4 punti, scandinavi unici eliminati per minor numero di reti realizzate). A Francia 1998, la Norvegia fu eliminata dall'Italia agli ottavi dopo aver pareggiato con Marocco e Scozia e aver vinto 2-1 contro il Brasile. In quella manifestazione la Norvegua ricevette alcune critiche, secondo le quali il loro gioco piuttosto difensivo toglieva divertimento al gioco.

L'ex CT dell'Under 21 Nils Johan Semb rimpiazzò Olsen dopo il ritiro di quest'ultimo. Alla fase finale degli Europei 2000 la Norvegia partì con una vittoria per 1-0 contro la Spagna,poi perse 1-0 contro la jugoslavia e nell'ultima partita pareggiò 0-0 contro la Slovenia. La Norvegia fu però eliminata in quanto la Spagna segnò i due gol che le servivano nel recupero della gara contro una Jugoslavia ormai tranquilla. Dopo la mancata qualificazione ai Mondiali 2002 e agli Europei 2004 Semb fu rimpiazzato dall'allenatore del Rosenborg Åge Hareide sul finire del 2003, che comunque non riuscì a qualificarsi per i Mondiali 2006 e per gli Europei 2008.

Alcuni dei migliori risultati ottenuti dalla Norvegia in singoli match sono: Norvegia-Brasile 2-1 il 23 giugno 1998, nella fase a gironi dei Mondiali, e Norvegia-Brasile 4-2 il 30 maggio 1997. La Norvegia è l'unica Nazionale nel mondo che ha giocato contro il Brasile senza mai perdere, vincendo due partite e pareggiando in altrettante occasioni.

La divisa della nazionale è tradizionalmente composta da una maglia rossa, calzoncini bianchi e calzettoni blu scuro e rispecchia, ovviamente, i colori della bandiera norvegese. La maglia non è monocromatica, ma presenta spesso bordini o disegni bianchi e blu scuri: il disegno più emblematico fu quello del periodo 95-97 quando i giocatori mostravano sul petto una croce norvegese sfumata. In trasferta solitamente la tenuta è bianca con disegni rossi e blu scuri.

La nazionale norvegese porta sulla divisa sia una bandiera norvegese inserita in un cerchio bianco bordato di rosso, sia a sinistra lo stemma della federazione.

La nazionale norvegese disputa le partite in casa nello stadio nazionale Ullevaal di Oslo, che ha una capacità massima attuale di 25.572 posti. Il record di spettatori fu di 35.495 per una partita internazionale tra Norvegia e Spagna.

Stadio casalingo anche di vari club della capitale, l'Ullevaal è gestito dal marzo 2007 dalla Federazione calcistica della Norvegia.

Per la parte superiore



Coppa di Norvegia

La Coppa di Norvegia (Norgesmesterskapet i fotball for herrer in norvegese) è la coppa nazionale di calcio norvegese, assegnata dalla Federazione calcistica norvegese. È il secondo torneo calcistico norvegese per importanza dopo la Tippeligaen.

Per la parte superiore



Haakon VII di Norvegia

Foto rappresentante Haakon VII di Norvegia.

Haakon VII, nato Christian Frederik Carl Georg Valdemar Axel, Principe di Danimarca (Charlottenlund, 3 agosto 1872 – Oslo, 21 settembre 1957), fu il primo Re di Norvegia dopo la separazione con la Svezia nel 1905.

Era figlio del futuro Re di Danimarca Federico VIII e di Luisa di Svezia, e fratello del futuro Re di Danimarca Cristiano X.

Nel 1905, allo scioglimento dell'Unione tra Svezia e Norvegia, una commissione del governo norvegese individuò diversi membri delle case reali europee come possibili canditati a divenire re di Norvegia. Dopo un referendum in cui la popolazione norvegese espresse la volontà di ristabilire la monarchia, la corona di re di Norvegia venne offerta a Carlo. Haakon divenne Re di Norvegia il 18 novembre 1905 ma fu incoronato nella Cattedrale di Trondheim il 22 giugno 1906. Cambiò nome, utilizzando uno dei nomi dei re norvegesi del passato.

Nel 1896 sposò sua cugina di primo grado, la Principessa Maud di Sassonia-Coburgo-Gotha, la figlia più giovane di Edoardo VII del Regno Unito. Il loro figlio divenne Re alla morte del padre con il nome di Olav V.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia