MySpace

3.3975694444415 (1152)
Inviato da david 26/02/2009 @ 00:49

Tags : myspace, blog, blogosfera, internet, high tech

ultime notizie
Usa, AOL Music e MySpace Music i siti musicali più frequentati - Rockol.it
Con 28,6 milioni di visitatori unici nel mese di aprile, AOL Music è ancora il sito musicale più frequentato degli Stati Uniti: comincia però a sentire sul collo il fiato di MySpace Music , che ha raggiunto e superato i 27,4 milioni di utenti mensili....
Social network: la guida del Garante per difendere la privacy - Il Sole 24 Ore
Questo, perché, spiega il Garante, i vari Facebook, MySpace e company sono strumenti che danno l'impressione (sbagliata) di uno spazio personale, di una piccola comunità, quando, invece, si tratta di un falso senso di intimità, che può spingere gli...
Internet e privacy. Ricerca: i social network non cancellano i dati - ADUC Tlc
Tra le"pecore nere, anche Facebook e MySpace. In molti casi e' stato possibile richiamare le foto su un link diretto anche 30 giorni dopo la cancellazione. Dei 16 esaminati, solo Flickr, Orkut e Photobucket hanno tolto subito e completamente le foto....
MySpace candidato a centro dell'universo Web - Valleolona
Secondo l''indagine Aegis Media Expert sul vissuto dei social network e di MySpace infatti, il futuro degli utenti sulla Rete sarà all'insegna del social portal: lo sviluppo e la condivisione di contenuti di interesse per gli utenti L'indagine ha...
MySpace, da social network a social portal - Hi-Tech Italy
Il suo sviluppo è segnato, MySpace vuole evolversi in social portal ei contenuti di interesse e la loro condivisione saranno la chiave dell'evoluzione. È quanto emerge da una ricerca che MySpace ha commissionato ad Aegis Media Expert....
Social Network Facebook: a breve attivo il supporto per il ... - Tecnozoom
Nato dalla mente di Brad Fitzpatrick di livejournal, il protocollo centralizzato di identificazione openid ha fatto tantissima strada, diventando di fatto una consuetudine per grossi calibri come Google, myspace ma non solo....
Sky Songs sfiderà iTunes - VNUnet.it
Secondo The Register, BSkyB di Rupert Murdoch (che nell'arena musicale c'è già con MySpace Music con musica gratis, ma sponsorizzata) vuole entrare nel mercato del download musicale, grazie a una collaborazione con Vivendi: la joint venture dovrebbe...
Facebook: foto rimosse ma ancora on-line! - Mr.Webmaster
Oltre a Facebook, anche altri nomi importanti come MySpace e Bebo non garantirebbero la cancellazione immediata delle immagini; alla base del problema ci sarebbero i complessi sistemi di backup utilizzati per la creazione di copie di sicurezza dei...
Lost '' Un successo targato MySpace '' - Metro
Spesa accessibile per un periodo nero come questo. E poi ci permette di poter uscire tra un anno con nuovi pezzi. MySpace vi ha lanciato e sempre MySpace ha fatto in modo che Joel Madden vi conoscesse. Internet ha segnato il vostro destino....
La Casa Bianca conquista Facebook, Twitter e Myspace - SKY.it
L'apertura dei canali su Twitter, MySpace e Facebook (che si vanno ad aggiungere ai già esistenti canali di YouTube e Flickr) ha coinciso con l'emergenza dell'influenza A, permettendo così di mettere subito alla prova l'efficacia e l'utilità di questi...

MySpace

MySpace è una comunità virtuale, e più precisamente una rete sociale, creata nel 1998 da Tom Anderson e Chris DeWolfe. Offre ai suoi utenti blog, profili personali, gruppi, foto, musica e video. I server sono a Santa Monica, California, e a New York. È attualmente il sesto sito più popolare al mondo, il quarto tra quelli in lingua inglese e il terzo negli Stati Uniti secondo Alexa. Grazie a questo spazio su internet, artisti e gruppi musicali come gli Arctic Monkeys, Lily Allen, i Belladonna ed i Cansei de Ser Sexy sono diventati famosi in tutto il mondo ancora prima di mettere effettivamente sul mercato i loro dischi.

La versione attuale di MySpace è stata fondata nel novembre 2003 da Tom Anderson (studente dell’Università della California (Berkeley) e dell'Università della California (Los Angeles)), che attualmente è presidente ed amministratore delegato. Chris DeWolfe è laureato all'University of Southern California's Marshall School of Business. Vi lavora un piccolo gruppo di programmatori.

Era parzialmente proprietà della Intermix Media, che è stata acquisita nel luglio 2005 per 580 milioni di dollari statunitensi dalla News Corporation di Rupert Murdoch, l'attuale proprietario.

Myspace Italia, la sezione di myspace dedicata all'Italia, è partita in versione beta il 15 dicembre 2006, ed è stata lanciata ufficialmente nel maggio 2007. Il tasso di crescita di myspace in Italia è di 4.500 nuovi profili myspace al giorno, uno ogni 5 secondi. Il tempo medio che un utente italiano trascorre su MySpace è 64 minuti al giorno, a fronte dei 39 minuti degli utenti USA. Il numero di gruppi musicali iscritti a Myspace Italia è superiore a 70.000.

Per la parte superiore



Jeffree Star

Jeffree Star , all'anagrafe Jeffrey Steininger (15 novembre 1985) è un modello, stilista, cantante, disc-jockey e truccatore statunitense.

Si soprannomina Queen of the Internet e Cunt: Queen of the Beautifuls.

È conosciuto principalmente su MySpace per le sue sembianze femminili, si può considerarlo un travestito a tutti gli effetti.

Star è nato nel 1985 a Orange County. Suo padre morì quando Star era ancora un bambino, così spesso veniva lasciato solo mentre la madre lavorava come modella anche lontano da casa.

Fin da piccolo, spinto da un interesse ossessivo, si divertiva a fare esperimenti con il make-up usando i trucchi della madre.

Star ha inoltre dichiarato di aver capito di essere gay già nella prima infanzia.

All'età di 15 anni, nei fine settimana Star frequentava i club di Hollywood usando un documento di identità falso, facendosi notare per il suo abbigliamento femminile, il suo trucco e i capelli tinti in colori fluorescenti.

È in questo momento che iniziò la sua carriera di truccatore: svariate celebrità cominciarono infatti a contattarlo per commissionargli lavori di make-up. La fama del giovane Star stava già nascendo.

Grazie alla propria abilità, Star venne raccomandato a numerose celebrità che richiesero i suoi lavori di makeup. Fra queste, Kelly Osbourne, Nicole Richie, Paris Hilton, il frontman degli AFI Davey Havok e Jessicka degli Scarling. In questo periodo Star inizò anche a pubblicare proprie foto scandalose su diversi forum di Internet e, più tardi, su MySpace.

Fu in questo modo che Star conquistò la fama che lo portò a farsi dedicare la sua prima copertina il 1º agosto 2006 sul Los Angeles's Frontiers Magazine.

Grazie alle sue foto e ai suoi interventi in vari siti web, Star raccolse un notevole numero di fan che convinse a seguirlo su MySpace e attribuendo così alla sua pagina web un alto numero di "amici" e contatti fin dall'inizio.

Alla fine di agosto 2007 il suo profilo conta più di 675 000 amici e più di 23 milioni di visualizzazioni, attestandosi fin dal novembre 2006 come il profilo di MySpace più visto.

La carriera musicale di Star cominciò con l'incontro con la musicista electro Peaches, che lo incoraggiò a fare musica.

Le prime due canzoni, Straight Boys e We Want Cunt, furono realizzate con Samantha Maloney dei Mötley Crüe e con Jessicka degli Scarling e presentano una sonorità electro-techno.

Star partecipò al Gay Pride Parade di Toronto, fu allontanato dall'esibizione del 24 giugno per aver preso a pugni una ragazza che gli aveva mostrato il dito medio. In seguito a questo incidente, Star pubblicò sul suo blog un intervento nel quale affermava che "nessuno può prendermi in giro", lasciando intendere che non c'era alcun pentimento; tale intervento sul blog fu però rimosso pochi giorni dopo senza nessuna spiegazione.

Il 13 marzo 2007 è stato pubblicato l'EP di debutto di Jeffrey Star, Plastic Surgery Slumber Party. In una settimana l'EP è salito in cima alla classifica dance americana di iTunes, superando nomi del calibro di Justin Timberlake e Cascada. Inoltre, il profilo MySpace di Star ha registrato ad agosto 2007 oltre 27 500 000 ascolti di Plastic Surgery Slumber Party.

Nell'estate 2007 Star fu annunciato come un ospite del True Colors Tour 2007, svoltosi negli Stati Uniti e in Canada in coincidenza con il Pride month (il mese dell'orgoglio gay. I proventi del tour, sponsorizzato dal LGBT Logo Channel erano destinati alla Human Rights Campaign. Nonostante fosse stato annunicato come ospite speciale in molte città della costa occidentale, Star non si presentò. Plastic Surgery Slumber Party è apparsa comunque nella compilation del tour.

La Wonder Pruduction ha annunciato lo sviluppo di un reality show con la partecipazione di Jeffree Star che promette "glamour e tensione sessuale". L'annuncio è stato dato il 24 maggio dalle pagine della rivista Vanityfair.

Per la parte superiore



Lil Jon

Lil Jon (a sinistra) con E-40

Lil Jon , nome d'arte di Jonathan Mortimer Smith, noto anche come King of Crunk (Atlanta, 27 gennaio 1971) è un rapper e beatmaker statunitense.

Accreditato, nella sua decennale carriera, di nove dischi con il suo gruppo composto dagli MC's Wyndell "Lil' Bo" Neal e Sammie "Big Sam" Norris chiamato Lil Jon & the East Side Boyz, è conosciuto soprattutto per essere il pioniere del sottogenere hip hop detto crunk, combinazione di elementi di Bounce Music, Disco Music, Dirty South hip hop e Miami bass. Il suo gruppo, oltre ad essere uno dei primi interpreti del genere, è ancora uno dei più famosi.

Lil Jon è inoltre proprietario e fondatore di una etichetta discografica BME Recordings, ed anche produttore di una linea di occhiali da sole per la Oakley, chiamata Oakley Thump. È anche produttore e fondatore della bevanda energetica Crunk!!! e dell'azienda vinicola Little Jonathan Winery.

Jonathan Smith (conosciuto anche come Lil Jon) nasce ad Atlanta il 27 gennaio 1971, dopo aver studiato ed essersi diplomato alla Douglass High School di Atlanta nel 1989, inizia una carriera musicale che nel 2008 ha compiuto 15 anni.

Lil Jon inizia la sua carriera come DJ al Phoenix, un locale di Atlanta, dove impressiona positivamente il rapper e produttore Jermaine Dupri, che nel 1993 lo assume presso la sua etichetta So So Def Records inizialmente come supervisione delle compilation So So Def Bass All-Stars, nello stesso periodo è conduttore di un programma radiofonico sul reggae nella radio V103 di Atlanta.

Pur non abbandonando la So so Def, in cui lavorerà sino al 2000, dopo remix e produzioni per artisti quali Too $hort, Xcape, Total, Usher, 112 e Whitney Houston, nel 1996 Lil Jon inizia a dare forma agli East Side Boyz assieme a Big Sam e Lil' Bo, in quello stesso anno pubblicano il loro album di debutto Get Crunk, Who U Wit: Da Album ed il brano "Who U Wit?" che riscuote un ottimo successo come hit da club. Le produzioni dell'album sono affidate a producer del calibro di DJ Toomp. Passano quattro anni e nell'agosto 2000 è la volta di We Still Crunk!, il secondo successo firmato East Side Boyz, a cui partecipa anche un personaggio molto discusso dello scenario rap, Bizarre, sul brano "Shut Down" assieme agli East Side Boyz, Chyna Whyte, Intoxicated, Loco, Major Payne, Paine.

La fama di Lil Jon rimane comunque ancorata all'underground di Atlanta fino al 2001, quando il gruppo abbandona l'etichetta di Jermaine Dupri e sottoscrive un contratto con la major discografica TVT Records, pubblicando dopo poco il nuovo disco: Put Yo Hood Up, da cui viene estratto il singolo di lancio "Bia', Bia'", in collaborazione con Ludacris, Too $hort e Chyna Whyte, che si rivela un enorme successo. Anche il disco compie un exploit commerciale a cui si aggiunge quelle del secondo singolo omonimo al disco "Put Yo' Hood Up". Grazie a questo Lil Jon e gli East Side Boyz riescono ad uscire dall'underground di Atlanta e si lanciano nel grande circuito commerciale dell'hip hop odierno.

Per la produzione dell'album Lil Jon si affidò anche ad un pioniere della vecchia scuola del Miami Bass, Rick Taylor, conosciuto meglio come Disco Rick. Lo stesso Rick nel '96 aveva dato a Jon il suo primo MPC-3000.

Il 2002 regala a Lil Jon e agli East Side Boyz il successo, con un disco di platino, e per festeggiare realizza un live con Jadakiss, e gli Ying Yang Twins. Il suo singolo "Get Low" con gli Ying Yang Twins entra nella top 5 della Rap charts e ribadisce la capacità come beatmaker di Lil Jon, un altro successo arriva da "I Don't Give A..." con Mystikal e Krayzie Bone. Il singolo successivo, "Damn!", realizzato in collaborazione con gli YoungBloodZ, ottiene il successo come versione preparata da Lil Jon, e la sua strumentale viene utilizzata dalla vocalist R&B Olivia per la sua canzone "All", inserita nella colonna sonora del film "BarberShop 2: Back in Business" con Ice Cube e Eve.

Il grande lavoro e le grandi soddisfazioni del 2002 non si fermano ai successi legati al disco Kings of Crunk: Lil Jon mette in piedi la propria etichetta discografica BME Recordings, iniziando anche una parallela carriera di talent scout che in breve lo porterà a scoprire e mettere sotto contratto artisti come Lil Scrappy e Trillville, su cui investirà lavorando alle strumentali del loro primo disco The King Of Crunk & BME Recordings Present: Lil Scrappy & Trillville.

Nel 2003 Lil Jon & the East Side Boyz registrano il loro nuovo disco dal titolo Part II, alla realizzazione di questo disco oltre gli East Side Boyz partecipano conosciuti artisti del genere rap come Busta Rhymes che assieme al noto rapper Jamaicano Elephant Man collabora al brano "Get Low " con gli Ying Yang Twins. Nel medesimo disco partecipa al remix di "Put Yo Hood Up" un noto pugile statunitense, Roy Jones Jr. Nello stesso anno promuove il disco del rapper di Atlanta Young Jeezy, intitolato "Come Shop Wit' Me", ed inoltre partecipa e produce il brano "Haters".

Nel 2004 Lil Jon partecipa al brano "Real Gangstaz" dei Mobb Deep, che viene inserita nell'album "Amerika's Most Wanted"; ma il successo più sostanzioso arriva con il famosissimo brano "Yeah!" di Usher, a cui partecipa anche Ludacris, in cui l'artista crunk realizza la strumentale e partecipa alla parte vocale, la hit ottiene un grande successo svettando nelle classifiche in giro per il mondo. Dopo aver prodotto le strumentali dell'album del rapper Pitbull M.I.A.M.I., produce il brano "Stand Up" per T.I. con la partecipazione di Trick Daddy e Lil Wayne inserito nell'album "Urban Legend", nell'autunno pubblica il remix del brano "Lean Back" della Terror Squad, a cui partecipano anche Eminem e Ma$e. Nello stesso anno partecipa agli MTV's Video Music Awards, esibendosi sul palco della serata con i brani "Get Low" e "Salt Shaker" assieme agli Ying Yang Twins, seguito da "Freek-A-Leek" di Petey Pablo e dalla chiusura di "Lean Back", con Fat Joe, Remy Ma e la Terror Squad.

Il 4 novembre 2004 Lil Jon si sposa al Wyndham El Conquistador Resort and Golden Door Spa di Fajardo, a Porto Rico. Quasi contemporaneamente gli East Side Boyz pubblicano il loro settimo lavoro intitolato Crunk Juice, che arriva subito alla terza posizione nella Billboard Top 200 Album Chart, e diventa il primo LP più venduto nella prima settimana della storia della musica. Nel maggio 2004 esce il film "Soul Plane". Lil Jon, assieme agli East Side Boyz e agli Ying Yang Twins, partecipa ad uno sketch del film, facendo finta di girare insieme ai Twins il video del brano "Salt Shaker". Insieme con Lil Jon e gli Ying Yang Twins appare anche Method Man.

Il DJ della Swisha House Michael "5000" Watts coglie subito l'occasione per remixare Crunk Juice in stile Chopped & Screwed, ed il 9 agosto 2005 negli Stati Uniti vede la luce Crunk Juice: Chopped & Screwed.

Nel medesimo anno Lil Jon partecipa ai BMI Urban Awards, tenutisi a Miami, in Florida. Gli è stato attribuito il titolo di "Songwriters of the Year" ed anche quattro premi per "Most Performed Songs". Il titolo di "Song of the Year", è andato a "Yeah!", brano di Usher per il quale Lil Jon ha realizzato la strumentale. Lil Jon ha anche portato a casa l'"Urban Ringtone Award" per la strumentale di "Freek-A-Leek" per Petey Pablo.

Sempre nel 2005 Lil Jon si dedica alle produzioni di artisti come E-40, BHI, Oobie, Bohagon. Appare in sketch di comici con Chris Rock, Nick Cannon e Dave Chappelle, quest'ultimo inoltre ha fatto la parodia di Lil Jon in un suo spettacolo, in uno sketch intitolato "Un momento della vita di Lil Jon", nel quale l’attore impersona il rapper che svolge semplici azioni quotidiane utilizzando un lessico composto quasi esclusivamente dalle parole "Yeah!", "What?!" e "Okay!". Il vero Lil Jon è apparso in un altro sketch, alternando, come fa Chappelle nella sua imitazione, i suoi slogan a discorsi con un accento eccessivamente aulico, in riferimento forse alla provenienza di Lil Jon dall’alta classe media. Lil Jon ha lavorato poi con i KoЯn per una traccia del loro album uscito alla fine del 2005, partecipando anche alla colonna sonora del film Hustle and Flow producendo per P$C il brano con Lil Scrappy "I'm a King ", e con Al Kapone per la produzione del brano "Whoop that Trick".

Nel 2005 arriva anche la collaborazione col megaproduttore canadese Scott Storch, insieme producono alcune hit per Lil' Flip, Angel Doze, e Tony Sunshine, malgrado il successo dei brani, la collaborazione non ha seguito. Lil Jon, infatti, dopo le critiche mosse da Storch, gli rispose difinendolo un "biter", che in italiano significa copione. Sul lato dei contratti discografici, è nel 2005 che Jon inizia a nutrire dubbi sulla sua partnership con l'etichetta TVT.

Nel Giugno 2005 Lil Jon dichiara pubblicamente di voler abbandonare l'etichetta TVT Records: "Non vorrei registrare un altro LP sotto l'etichetta", dichiara inoltre, che smetterà di promuovere i singoli del suo ultimo LP "Crunk Juice". Questo dissidio sarebbe nato da un afflusso monetario poco convincente (da quanto dichiarato dal New York Daily News). Nell'Agosto 2005 Jon decide di farla finita con TVT. Intervistato dalla rivista Ozone, Lil Jon si rivolge allo staff della TVT Records defindendoli "beeyatches" (forma slangata di bitch). I suoi maggiori problemi si presentano col Direttore Steve Gottlieb, accusato di non aver ben valutato il lavoro svolto dal beatmaker, e di averlo pagato poco. L'artista dichiara di aver fatto incassare all'etichetta circa 10 milioni di dollari e di non aver visto un centesimo, per questo intende ricorrere alle vie legali contro Gottlieb. Nel Febbraio 2006, il breve ma aspro dissidio con l'etichetta scrive la sua fine: Lil Jon si riconcilia con la TVT, e da il via al progetto "Crunk Rock".

Nel settembre 2005 Lil Jon cita Larry Flint e la Larry Flint Productions (agenzia di film hard) per 30 milioni di dollari. Jon sostiene che il suo nome ed anche la sua immagine siano state utilizzate senza averne richiesto i diritti. Accusa Flint di falsa pubblicità, violazione dei diritti pubblicitari ed appropriazione del nome. Effettivamente sulla copertina del DVD in questione viene riportata la sigla "Featuring Lil Jon, King of Crunk". La prima seduta in appello si svolse ad Atlanta. Inoltre Jon si irriverì doppiamente perché anche lui produce film per adulti, ed è ovvio che Larry Flint rappresenti una temibile concorrenza. Oggi Jon sta lavorando al film "Lil Jon & the East Side Boyz: Nightclubbin'".

A metà del 2006 Lil Jon si lancia nella carriera da solista con il singolo "Snap Yo Fingers", a cui hanno collaborato E-40 e Sean Paul Joseph, meglio conosciuto come Sean P., degli YoungBloodZ e che riceve ampia visibilità sui canali musicali. Il suo album Crunk Rock uscirà sotto l'etichetta TVT Records nonostante i problemi che Jon ha avuto con quest'ultima. Questo singolo è stato prodotto sia da Jon che da Al Kapone, dopo il successo e l'ampia visibilità che ha acquistato partecipando alla colonna sonora del film Hustle and Flow. Al Kapone ha partecipato come co-produttore alla stesura della strumentale.

Lil Jon sta lavorando col rapper 50 Cent alla creazione di una nuova etichetta che incorporerà la sua BME Recordings con la G-Unit, la nuova etichetta prenderà il nome di "G'$ Up".

Sempre nel 2006, Lil Jon viene incoronato dalla rivista "Scratch" (The only Hip-Hop magazine that reps the beats) miglior produttore dell'anno. Nel maggio 2006 Lil Jon e Jermaine Dupri sono i protagonisti dello spot della Heineken. Nello stesso anno presenzia ai "BET Hip-Hop Awards" esibendosi ad inizio show col brano "Welcome to Atlanta" assieme a Ludacris, Jermaine Dupri, e Young Jeezy. Jon in questa occasione non riesce tuttavia a portare a casa nessun premio a differenza di T.I. che ne conquista più di tre, e Chamillionaire che ne conquista due. Inoltre Lil Jon viene ingaggiato come presentatore degli artisti. Lil Jon appare in live per gli "VH1 Hip-Hop Honors", con Ice Cube, Xzibit, e W.C., ed entra in ballo per la gioia di tutti gli spettatori sul brano "Go to Church". Il 31 ottobre 2006, Lil Jon assieme ai Three 6 Mafia rilascia il secondo singolo tratto dall'album "Crunk Rock", intitolato "Act a Fool", la sua produzione è stata affidata al gruppo rap/punk Whole Wheat Bread. Il singolo ha visto la luce sul MySpace di Lil Jon, e già nel primo giorno ha registrato 580.000 click sulla sua pagina.

Nel 2007 vede la luce la prima collaborazione solista di Lil' Bo col giovane rapper della zona di Atlanta, Don Baller, il titolo del brano è "Tru 2 tha East".

Recentemente Lil Jon ha stretto una collaborazione con un DJ di Los Angeles, DJ Spider, sfornando alcuni mixtape intitolati "Rockbox".

Il 7 febbraio 2008 Lil Jon ha preso parte al live offerto della fondazione Peapod, assieme a Will.I.Am, i Black Eyed Peas, Fergie, John Legend, The Roots, Ne-Yo e Mixmaster Mike dei Beastie Boys. Attualmente Lil Jon sta valutando l'idea di produrre una nuova hit per il disco di prossima uscita di Usher, "Here I Stand". Egli ha dichiarato di voler trovare un nuovo sound, ha dichiarato di voler produrre un'altra hit al livello di "Yeah!". Inoltre, ha recentemente prodotto un brano per il disco di Rick Ross, "Trilla", intitolato "Drought", con Brisco e Mannie Fresh. Il brano però non è stato pubblicato. Il 27 maggio Lil Jon si è esibito al Central di Firenze per condurre il suo primo live italiano. Insieme a Jon, oltre al suo staff, Big Kap ha fatto la sua apparizione come special guest della serata.

Nonostante i membri degli East Side Boyz abbiano preso strade diverse, il duo composto da Big Sam e Lil' Bo continua a registrare dei brani per un loro disco di prossima uscita. L'album uscirà sotto etichetta iMG Recordings, capeggiata dal CEO Rick Robinson.

Nell'agosto 2008, Lil Jon lascia definitivamente la sua etichetta TVT Records per dichiararsi "free agent" e nel contempo, sottoscrivere un nuovo contratto per una nuova etichetta, "The Orchard" che in questo momento sta avviando le pratiche per acquisire i beni TVT. Con la nuova etichetta Jon si impegna a promuovere nuovi artisti e l'etichetta stessa. La Orchard ha in programma la riedizione dei vecchi album di Lil Jon in forma digitale, anche se per il momento non sono state fissate date di uscita.

L'uscita di Crunk Rock negli Stati Uniti è stata fissata per l'estate 2009, la data è stata confermata sul myspace di Lil Jon.

Lil Jon si distingue per le sue magliette oversize degli Atlanta Hawks che evidenziano la sua bassa statura, dal cappello da baseball, dai suoi lunghi rasta dai suoi occhiali neri e dalla sua pimp cup che tiene sempre fra le mani, e sulla quale è evidenziata in rilievo la scritta "Lil Jon" anche se nell'ultimo periodo è cambiata, infatti ora è incisa la scritta "Crunk Juice", contraddistinto anche dai suoi appariscenti grillz con canini affilati, e dall'abitudine di urlare continuamente "Whaaaaaaaaat!, Whaaaaaaaaat!", "Yeeeah!", ed anche "Okaaaaaaaaay!". Nonostante il suo aspetto faccia sorridere il suo comportamento sul palco, il suo lavoro da eccezionale beatmaker, e la sua professionalità lo rendono un personaggio di spicco nell'attuale scena hip hop.

Lo stile musicale di Jon fu influenzato maggiormente da Too $hort, 8 Ball & MJG, OutKast, dagli Underground Kingz, meglio conosciuti come UGK, dal rapper di Seattle Sir Mix-A-Lot, da DJ Magic Mike, da Luke, pseudonimo di Luther Campbell, e da tutta la 2 Live Crew.

Lil Jon ha ammesso di essere un grande tifoso della squadra di hockey degli Atlanta Thrashers, di andare regolarmente a vedere le partite e di essere amico di molti giocatori incluso il portiere Kari Lehtonen, che ha il volto del rapper sulla maschera da gioco. Inoltre, Lil Jon scrive per un blog su NHL.com e suo figlio gioca ad hockey nella zona di Atlanta.

Inoltre Lil Jon e Fat Joe, sono i presentatori del programma su "MTV" "Pimp My Ride International" figlio del programma ideato da Xzibit "Pimp My Ride".

Lil Jon ha recentemente lanciato una serie di cartoni animati intitolati "Lil Jon's A'Town". Le puntate vengono trasmesse sul MySpace di Lil Jon.

Lil Jon è apparso nella trasmissione online del rapper Lil Scrappy "G'$ Up TV". L'episodio della trasmissione è il numero quattro ed il suo titolo è: "Taste Test", letteralmente: "Degustazione".

La bevanda "Crunk!!!" è un drink energetico inventato da Lil Jon. La bevanda, è distribuita in 14 stati degli USA: Alabama, California, Colorado, Florida, Georgia, Iowa, Kentucky, Louisiana, Mississippi, New York, Ohio, Michigan, Pennsylvania ed il Wisconsin.

Di recente lancio è la nuova linea di bevande ideata da Lil Jon, Crunk!!! Citrus. Inoltre, il DJ e rapper di Houston, Paul Wall, insieme al compagno proveniente da Kansas City, Tech N9ne, sono stati gli sponsor della bevanda al Fire & Ice 2008 Tour.

Il nome "Crunk!!!" proviene dai titoli di alcuni suoi dischi (Kings of Crunk, e Crunk Juice) ed anche dal suo stile rap che ha reso popolare, che prende appunto il nome "crunk".

La principale concorrente della bevanda ideata da Jon, è la bevanda ideata dal rapper di St. Louis, Nelly: "Pimp Juice: The #1 Hip Hop Energy Drink".

La Oakley è una casa produttrice di occhiali che si rivolge spesso agli sportivi.

Il fondatore della casa produttrice è James Jannard, e i Direttori dell'Alternative Marketing sono i suoi figli Jamin Jannard e Jeremy McCassy. Da qualche anno la Oakley è arrivata a produrre occhiali anche per alcuni artisti dello scenario hip hop. La Oakley ha come testimonials rappers del calibro Snoop Dogg e David Banner. Nel 2005 arrivano i rivoluzionari Oakley Thump, occhiali che al loro interno contengono un lettore MP3. Sono disponibili in differenti colorazioni e in due versioni: una con un hard disk da 128 MB ed una da 256 MB. Tramite un Universal Serial Bus i dati possono essere trasferiti agli occhiali.

Lil Jon è il testimonial più importante della casa produttrice per gli Oakley Thump. Il contratto con l'artista prevede una linea privata di Oakley gestita da Jon.

Per la parte superiore



OneRepublic

OneRepublic in concerto a Perth, 2008

OneRepublic sono un gruppo rock americano formato in Colorado. Dopo una serie di anni di moderato successo, hanno raccolto maggiore attenzione nel mainstream con l'uscita del singolo "Apologize," che è stato venduto in più sette milioni di copie in tutto il mondo. Un remix della canzone "Apologize" è stato presentato sull'album di Timbaland Shock Value nell'album di debutto della band, Dreaming Out Loud, prodotto da Greg Wells. Il loro album di debutto è stato rilasciato negli Stati Uniti il 20 novembre 2007, con le date di uscita sparse in tutto l'inizio del 2008. Dal 4 ottobre 2008, Dreaming Out Loud aveva venduto 780.946 copie negli Stati Uniti, contando anche le vendite totali si raggiungevano oltre il 1.5 milione in tutto il mondo. Il secondo singolo della band, "Stop and Stare," ha superato anche i due milioni di marchi in termini di vendite in tutto il mondo. Il loro terzo singolo, "Say (All I Need)," è stato rilasciato in Regno Unito e negli Stati Uniti. Nel settembre 2008 la band ha rilasciato il suo quarto singolo, "Mercy".

Sin dall'estate del 2006, ha costantemente classificato i OneRepublic come uno dei primi gruppi musicali su MySpace, a causa di pesanti promozione all'interno della comunità online. La band é formata dal songwriter e produttore nominato ai Grammy, Ryan Tedder e dal suo compagno di liceo Zach Filkins, in Colorado Springs, Colorado.

Anche in giovane età la band del frontman, Tedder, voleva fare musica per vivere. Ha condiviso questo interesse con Zach Filkins (che ha studiato chitarra classica a Barcellona, Spagna), quando si è trasferito alla Colorado Springs Christian High School durante la sua maturità. Insieme ad un piccolo gruppo di amici hanno messo insieme una band conosciuta come This Beautiful Mess e anche svolto alcuni concerti in piccoli locali sostenuti da amici e parenti. Dopo la maturità, Tedder e Filkins hanno scelto due vie diverse, che li ha portati a frequentare scuole differenti. Tedder si è laureato alla Oral Roberts University nel 2001 in relazioni pubbliche e pubblicità. Egli ha anche gareggiato e vinto ad uno show di ricerca di talenti sponsorizzato da MTV e da Lance Bass. Lo spettacolo è stato trasmesso su TRL ad MTV, ed è stato giudicato da Brian McKnight e P!Nk.

Tedder ha catturato l'attenzione del super-produttore Timbaland, mentre concorreva in TV nel talent show. Timbaland ha apportato alcune chiamate e Tedder ha offerto una registrazione da affrontare. Quando Tedder vinse il contratto con la Freelance Entertrainment, ha accettato ed è ha firmato in qualità di produttore, l'apprendimento da Timbaland stesso come suo protegè. Dopo due anni sotto la tutela di Timbaland, in due modi ben diversi, e con l'approvazione di Timbaland, Tedder ha spostato la sua attenzione nel diventare un artista. Per un po' di tempo, ha lavorato sotto la nom de plume 'Alias', guadagnandosi un nome per se stesso nel produrre e scrivere canzoni per vari artisti, anche la ricezione di una nomina Grammy per il suo contributo su A Lively Mind di Paul Oakenfold.

Nel 2002, Tedder ritornò in contatto con Filkins che viveva a Chicago, Illinois, impegnato nel settore del vestiario nella casa Covington e Jockey Underwear. Tedder ha convinto Filkins per tornare a Los Angeles, California, per mettere insieme una band. Nove mesi più tardi hanno rapidamente firmato per la Columbia Records. Dopo un paio di cambiamenti di line-up, hanno finalmente disposto Tedder alla voce, Filkins alla chitarra e ai cori, Eddie Fisher alla batteria, Brent Kutzle al basso e al violoncello, e Drew Brown alla chitarra. Conosciuto inizialmente come Republic, più tardi cambiarono il nome in OneRepublic.

Hanno lavorato in studio per due anni e mezzo, e hanno registrato un album intero. Due mesi prima che il loro primo album avrebbe dovuto essere messo in vendita, (con "Sleep", come singolo di debutto), essi si sono ritirati dal Columbia Records, anche se solo nel modo più rapido, la band ha iniziato ad ottenere esposizioni su MySpace, diventando la numero uno tra le band senza nessuna etichetta sul sito. La band attirò su di se l'attenzione di diverse etichette discografiche e produttori, compreso Timbaland. La band segnò un contratto con la Mosley Music Group, divenendo la prima band firmataria dell'etichetta..

La canzone dei OneRepublic "Apologize", scritta da Ryan Tedder, è stata rilasciata nella sua versione originale sull'album di debutto della band Dreaming Out Loud. La canzone è stata anche caratterizzata prominentemente come un remix sull'album di Timbaland del 2007 Shock Value . Il singolo, come optional su Shock Value, ha guadagnato tre volte un Platino (marcatura di tre milioni di copie vendute negli Stati Uniti) e di cinque milioni di copie in tutto il mondo. Ha raggiunto la posizione numero tre nella Classifica Ufficiale Top 40 Settimanale in Regno Unito l'11 novembre 2007. Durante la settimana del 10 novembre 2007, "Apologize" è stato la più grande hit radiofonica nella storia della Top 40 in Nord America, con l'incredibile recordi di trasmissione di 10.331 volte in una sola settimana. La canzone terrà la posizione numero uno per un periodo di cinque mesi dopo che il record è stato annullato da "Bleeding Love", una delle canzoni co-scritte e prodotte da Tedder.

La band è ampiamente conosciuta per la loro collaborazione con il produttore Timbaland, in particolare per il suo remix della loro canzone "Apologize". Tedder ha anche ricambiato remixando una canzone di Timbaland "The Way I Are", cambiando drasticamente le sonorità della canzone con l'aggiunta di altre più rock nella melodia guidata dai synth. La versione meno lucida è stata trapelata su Internet prima che la versione finale finisse sulla pagina di MySpace di Tedder.

La band ha suonato "Apologize" dal vivo al So You Think You Can Dance Fox il 2 agosto2007, e con Timbaland in un episodio di One Life to Live nell'ottobre del 2007. È stata anche suonata alla fine di tre show televisivi — Cold Case negli episodi "Sabotage", in Smallville "Hero", in Hollyoaks e in Gossip Girl nell'episodio "Hi, Society". Hanno suonato "Stop and Stare" e "Mercy" dal vivo nell'episodio di Smallville "Hero", che è stato trasmesso il 13 marzo 2008. Hanno anche suonato "Stop and Stare" nella versione Australiana di So You Think You Can Dance il 7 aprile 2008. Il 21 maggio 2008, la band è apparsa in American Idol suonando un duetto di "Apologize" con il finalista David Archuleta. Sono poi ritornati allo show di Fox So You Think You Can Dance il 3 luglio 2008 con una performance dal vivo del loro terzo singolo "Say (All I Need)".

Nel 2008, i OneRepublic sono stati in tour con i The Daylights, i Maroon 5 e i Brandi Carlile. Sono stati anche gli headliner a Isle of MTV 2008 a Floriana Granaries, Malta, il 25 giugno 2008.

Nel maggio del 2008, ilcantante, Ryan Tedder, si strappò il suo tendine di Achille, mentre giocava a basket in tour. Pertanto, in future performance in tour, può essere spesso visto camminare con l'aiuto di un bastone.

Il 2 agosto 2008, i OneRepublic hanno suonato "Apologize" e "Stop and Stare" agli MTV Asia Awards 2008 a Genting Highlands, Malaysia. Vennero nominati e vinsero ai Best Hook-up awards (che è stato recentemente aggiunto in quell'anno) per "Apologize", battendo "Beautiful Liar" di Beyonce e Shakira, "Umbrella" di Rihanna e altre oltre hits dell'anno. Durante le presentazioni delle nomine dei presenti, Miguel Chavez, disse "Ryan, adoro la tua musica." puntando verso Tedder, indovinando la vittoria della band.

Il 17 agosto 2008, Ryan Tedder ha aggiornato il MySpace dei OneRepublic, con informazioni relative ad una nuova release di Dreaming Out Loud. Egli ha dichiarato che aveva appena registrato un nuovo brano che sarabbe andato ad aggiungersi a Dreaming Out Loud verso la fine dell'anno, e i fan che già possiedono il CD saranno in grado di scaricare gratuitamente la canzone da iTunes successivamente. Egli indica che il brano si sposta in una nuova direzione musicale per la band e ha aggiunto, "rappresenta un'altra versione e un nuovo suond di questa band - non siamo attaccati al nostro suond di per sé, ma questa canzone rappresenta un'evoluzione musicale, e si muove... è qualcosa che descrive cosa siamo davvero in questo momento".

Il 24 settembre 2008, la band ha dichiarato durante un concerto al London Forum in Inghilterra, che stanno lavorando su un nuovo materiale di un prossimo album che potrebbe uscire nel 2009. La band ha suonato una delle nuove canzoni registrate: "All The Right Moves".

Vi sono stati anche alcuni malintesi per quanto riguarda la band. Essi sono stati scambiati per una boy band, e anche la loro appartenenza etnica non era chiara per alcuni. Alcuni hanno addirittura pensato che Timbaland avesse scritto "Apologize".

In generale, i critici hanno avuto recensioni positive miste su Dreaming Out Loud. Sebbene Digital Spy ha inizialmente valutato l'album con 2/5 stelle, in seguito ha dato 4/5 stelle per "Stop e Stare". Nella recensione ufficiale di Rolling Stone sulla band gli ha dato un voto pari a 2/5 stelle, ed una media di percentuale degli ascoltatori di 4/5 stelle. Rolling Stone ha anche posto la band nel loro elenco "Artisti da non perdere"ì, caratterizzato da 10 artisti che, secondo la rivista, "... che sono il futuro della musica, oggi". I commenti di Entertrainment-Focus in merito alla band sulla canzone, "Tyrant", "... il poco più difficile è dire che Tyrant ha una forte melodia che ricorda gli U2 al meglio".

Le influenze musicali dei OneRepublic e il loro stile molto variegato ha portato Tedder ha descrivere la band in questo modo, "Non rispettiamo i generi, se è una buona canzone o un buon artista sia rock, pop, indie o hip hop, ha probabilmente influito su di noi un certo livello... niente di nuovo sotto il sole, siamo in una somma di un gruppo di più parti." Citano i The Beatles, per la capacità della scrittura delle canzoni e per l'inventiva melodica, e gli U2, per il sollevamento di consegna vocale ed emotiva sottocorrente, come pesante influenza sulla loro musica. Nel corso di canzoni come "Apologize", "All We Are" e "Mercy", Tedder aspira a spostare i suoi ascoltatori la maniera Bono sul palco. "Tu vai a un concerto degli U2 ed è come andare in chiesa", afferma. "Voglio fare in modo che le persone si sentono così. Non voglio che qualcuno che dici: 'Oh, ha una bella voce.' Voglio che la persona sia in piedi e si senta come colui o colei che ha avuto una esperienza religiosa".

Il loro stile vario ha reso difficile per il pubblico porre la band in un particolare genere musicale. Anche se Tedder descrive che molte delle canzoni sul loro album, come 'sicure, canzoni radio-friendly pop-rock con grandi cori', esse vengono classificate sotto il genere di alternative rock. Scelta da una selezione di 35 delle loro canzoni originali, la band è stata inizialmente fissata al debutto con il brano "Sleep". "Sono cinque minuti con un minuto di bizzare diatribe musicali e ce li hanno classificati come quelli di una band seria e alternative...", descrive Tedder.

Pur non essendo una band Cristiana nel genere, tutti i membri della band professano apertamente la loro fede nei crediti dell'album. L'album "possiede definitive influenze di spiritualità e di profonda riflessione".

La band afferma che Dreaming Out Loud introduce un gruppo impegnato nell'idea che la gente vuole delle canzoni reali, con una reale verità, non con delle strategie di marketing.

Per la parte superiore



Spinnerette

Spinnerette è una band americana composta da Brody Dalle, Tony Bevilacqua (ex componente, come la Dalle, dei The Distillers), Jack Irons (Red Hot Chili Peppers, Pearl Jam, Eleven) e Alain Johannes (Queens of the Stone Age, Eleven). La Dalle ha annunciato la nascita della band nel Marzo 2007.

La band è sotto contratto con la Sire Records e ha pubblicato sul proprio sito il primo demo intitolato "Case of the Swirls." Nei primi del gennaio 2008, alcuni spezzoni di materiale fatto dagli Spinnerette è comparso sulla loro pagina ufficiale di MySpace. Un Album completo è previsto per il 2008.

L'8 agosto 2008 (08/08/08 ovvero il numero della resurezzione) è la data in cui il gruppo rende possibile su MySpace ascoltare il primo brano del futuro nuovo album: Valium Knights. L'11 dicembre 2008 sul loro sito ufficiale si rende disponibile l'EP contenente 4 tracce del loro primo lavoro.

Per la parte superiore



Bloom 06

I Bloom 06 sono un gruppo italiano di musica elettronica, formatosi nel giugno del 2006, composto da Maurizio Lobina e Gianfranco Randone, meglio noti in passato come Maury e Jeffrey degli Eiffel 65.

Corre l'autunno del 2004, quando Maury e Jeffrey decidono di mettersi al lavoro su quello che sarebbe dovuto diventare il quarto capitolo della storia degli Eiffel 65. Per ragioni di natura artistica, professionale e personale, scelgono di non svolgere questa attività, come di prassi, nei locali della Bliss Corporation, bensì in due nuovi studi allestiti per l'occasione nella periferia dell'Astigiano. Prendono dunque vita nuove collaborazioni e si fanno strada recondite influenze musicali, relegate al ruolo di comparsa nei precedenti capitoli della band. Risultano particolarmente incisivi per il rinnovamento del sound gli innesti del basso elettrico e delle chitarre. Sperimentazione e anti-convenzionalità contrassegnano due anni di giornate trascorse in studio, condite da sessions protratte spesso fino a tarda notte, finché il prodotto inizia a delinearsi più chiaramente, obbligando i due artisti ad una sorta di bivio tanto professionale quanto personale. Sorge infatti il dubbio che, conseguentemente alla evidente rivoluzione compositiva, pubblicare, in veste di Eiffel 65, un album dalle sonorità così atipiche rispetto al target del gruppo, sia poco sincero e coerente nei confronti dei propri fan. Maury e Jeffrey decidono quindi di comune accordo di lasciare il gruppo, assumendosi i probabili rischi scaturibili dall'abbandono di un marchio già commercialmente affermato sulla scena italiana ed internazionale, e protagonista di numerosi record di vendite e soddisfazioni personali. (vedi Eiffel 65) Un'ulteriore sfida è rappresentata dalla coesitenza di pezzi bilingue (italiano ed inglese) nello stesso contesto, venutasi a creare dalla volontà di rispettare la natura di ogni singola canzone, lasciandola nel proprio idioma di partenza, senza inerpicarsi in traduzioni forzate.

Attraverso un comunicato pubblicato su un nuovo dominio web e diffuso ai maggiori organi di informazione in ambito musicale, Maury e Jeffrey dichiarano il 15 giugno 2006 di aver riposto definitivamente i panni degli Eiffel 65 per dare vita ad una nuova realtà musicale, sotto il nome di Bloom 06. Contemporaneamente viene inoltre annunciata la nascita dell'etichetta Blue Boys.

Spiegano in seguito, durante alcune interviste radiofoniche, che il nome del gruppo, scelto durante un tragitto in auto, significa letteralmente sbocciare nel 2006, in quanto unione del verbo inglese to bloom e dell'anno di fondazione del gruppo, simboleggiando dunque la propria rinascita artistica sotto altre spoglie.

Il 1° settembre 2006 i Bloom 06 esordiscono in radio con "In the city", la quale altro non è che la rivisitazione con l'aggiunta del vocal di "Living in my city", brano strumentale composto ai tempi degli Eiffel 65 su commissione della fondazione Atrium nell’ambito di un progetto per la riqualificazione di alcune aree di Torino in vista delle Giochi olimpici invernali del 2006. La scelta di questo brano come primo singolo si concilia con l'intento di trovare un anello di congiunzione col passato e con l'esigenza di introdurre gradualmente le nuove sonorità. Inizialmente il brano è disponibile solo in formato digitale, per poi uscire anche nei negozi, in formato CD, l'8 dicembre 2006.

Il videoclip è affidato alla regia di Mauro Vecchi per Filmaster, e prevede l'utilizzo di flycam, ovvero telecamere grandangolate montate su elicotterini. Questa tecnica richiede l'azione sincronizzata di diverse figure professionali, coordinate delle direttive del regista: chi pilota il mezzo in volo, chi manovra la telecamera, chi sta attento alle trasmissioni radio tra gli oggetti, chi guarda cosa succede nell'inquadratura. Il risultato, applicato al soggetto del brano, consiste in una sorta di occhio volante che scruta disincantato le scene di ordinaria follia di una città, su cui vegliano, come presenze invisibili, due angeli neri, impersonati dagli stessi Maury e Jeffrey. Le flycam concedono la possibilità di girare ampie panoramiche in periferia così come l’effetto-spia delle telecamere a circuito chiuso, che ben si addice all'idea dei frammenti rubati alla vita quotidiana. L’inizio e la fine del videoclip ritraggono parchi e strade di campagna, al fine di evidenziarne il netto contrasto con la frenesia dei grandi centri urbani. Le riprese hanno luogo a Torino, verso la fine di Luglio 2006.

Dopo l'upload di alcune brevi anteprime su Myspace, il 13 ottobre 2006 esce nei negozi di dischi l'album di debutto dei Bloom 06, intitolato Crash Test 01, per la neo-etichetta Blue Boys. La distribuzione è curata dalla Universal. Il titolo dell'album sintetizza la volontà di testare l'impatto del nuovo sound sia sugli ascoltatori di vecchia data sia sui possibili nuovi fan. La cover ritrae alcune pale eoliche in un contesto extra-urbano. L'album contiene solamente 8 tracce, in quanto il progetto Crash Test prevede l'uscita di un secondo capitolo in seguito. Si ripresenta il dualismo linguistico con la convivenza di 5 tracce in inglese e 3 in italiano. Con questo lavoro i Bloom 06 ridimensionano il proprio impatto commerciale, dando vita ad un genere eterogeneo, in cui risalta il connubio di strumenti tradizionali con synth e campionamenti. Emergono così influenze del proprio background musicale, spesso sacrificate in passato, quali la New Wave e gli anni '80 e '90, su tutti i Depeche Mode. A tal proposito si avvalgono della collaborazione di amici musicisti, i quali permettono loro di ottenere suoni elettrici di quel periodo, fra cui il tipico basso dei The Cure. Si ispirano inoltre, per quanto concerne il panorama contemporaneo, all'Indie Pop internazionale e a band come Royksopp e Goldfrapp. L'album presenta un ritmo serrato e una cassa imponente, nonostante prevalga l'aspetto melodico e internazionale. Un'altra differenza con i lavori precedenti consiste dalla mancata manipolazione, tramite il massiccio impiego del vocoder, della voce di Jeffrey, fruibile al naturale. I testi riprendono la tecnica di stesura adottata in Europop, ovvero un linguaggio semplice e diretto, ma dall'interpretazione complessa e versatile. Il mastering è curato dall'ingegnere del suono Claudio Giussani negli studi Nautilus di Milano.

Alla pubblicazione dell'album seguono molteplici interviste radiofoniche, nel cui ambito si colloca la presenza al Motor Show di Bologna il 16 dicembre 2006, e qualche apparizione televisiva.

Il 26 gennaio 2007 inizia la rotazione radiofonica del secondo ed ultimo singolo estratto da Crash Test 01. Il gruppo decide di puntare stavolta su un pezzo in italiano e la scelta ricade su "Per sempre". La realizzazione del videoclip è compito del regista Francesco Fei, il quale chiede preventivamente lumi agli artisti circa il messaggio che il testo intende comunicare. Nasce così l'idea di incastonare una parte narrativa con l'esibizione del gruppo in un piccolo locale. Data la complessità della trama, le riprese, che hanno luogo ad Acqui Terme (AL), vengono suddivise in due giornate, il 24 e il 25 gennaio 2007. In merito alla scena del playback, le comparse che costituiscono il pubblico in sala vengono reclutate fra i fan maggiorenni, attraverso un annuncio del 20 gennaio 2007 sul forum ufficiale, nel quale si richiede un abbigliamento a tinte scure, in quanto trasposizione visiva della venatura malinconica del brano (il cosiddetto dark side che impregna l'intero album). La parte restante illustra invece la vicissitudini di una donna, in diversi momenti della sua esistenza, che, nell'affrontare le situazioni in cui si imbatte, è costantemente accompagnata dalla presenza silenziosa e impercettibile di un angelo custode, interpretato da una bambina. Agli occhi del regista, quest'ultima incarna ed evoca una parte intima delle persone, presente sin dall'infanzia, che, crescendo, è spesso messa a dura prova e talvolta tradita nelle situazioni difficili della vita. Il 9 marzo 2007 viene rilasciato nei negozi il CD singolo, che, così come il precedente, contiene alcuni remix del brano.

I Bloom 06 si concedono dunque una pausa in cui tirano le somme sulla prima fase di lancio del gruppo, annotando la costante permanenza del proprio profilo Myspace nelle prime 20 posizioni dei più cliccati d'Italia. Tornano quindi nuovamente in studio per la realizzazione del secondo capitolo di Crash Test. In questo contesto lavorano ad un progetto parallelo che si concretizza, nell'estate del 2007, con i remix di "Basta poco" (Vasco Rossi) e "Un kilo" (Zucchero). Intanto, per mezzo di ripetute scremature fra i demo prodotti, si delinea progressivamente la tracklist di Crash Test 02, la cui uscita viene ripetutamente rimandata, finché l'11 marzo 2008, negli studi Exchange di Londra, avviene il mastering definitivo, ad opera di Mike Marsh.

A partire dal Febbraio 2008, i Bloom 06 sottopongono gradualmente al giudizio degli ascoltatori, tramite il noto portale Myspace, quattro anteprime di un minuto circa ciascuna: "Between the lines" e "Welcome to the zoo" in inglese, "Anche solo per un attimo" e "Un'altra come te" in italiano. In seguito indicono un sondaggio all'interno del forum ufficiale affinché sia lo stesso pubblico ad eleggere fra le preview il pezzo più adatto ad essere lanciato come singolo estivo. Dopo riflessioni che tengono conto di diversi fattori e su cui incide notevolmente l'esperienza maturata nella propria carriera, band e staff annesso optano per "Un'altra come te", la cui rotazione radiofonica ha inizio il 2 maggio 2008. Il brano è disponibile solo in formato digitale. Il 27 maggio inizia la rotazione televisiva dell'annesso videoclip, la cui regia viene affidata all'emergente Alessandro Rota. Sullo sfondo di una cava nei pressi di Torino, si alternano il playback del duo ed una parte narrativa che vede l'inseguimento di una ragazza da parte di KITT, l'automobile nera dotata di tecnologia futuristica protagonista della serie televisiva Supercar, cult degli anni '80. A breve il video verrà rilasciato anche in lingua inglese, per il mercato estero.

Crash Test 02 esce nei negozi di dischi il 23 maggio 2008, distribuito stavolta dalla EDEL. Emerge un riavvicinamento della band alla musica dance, in accordo con la dichiarata volontà di rappresentare l’altra faccia della medaglia rispetto al primo lavoro, grazie ad un sound più ballabile e diretto, che incarna idealmente il cosiddetto bright side. In quest’ottica si colloca il tema della copertina, della quale sono nuovamente protagonisti i generatori eolici, ma questa volta su uno sfondo sgombro da nubi. Nella tracklist dell’album persiste il dualismo linguistico con 7 canzoni in inglese e 3 in italiano. Sul piano musicale e canoro, spicca ancora l’influenza degli anni '80 ed in particolare dei Depeche Mode, a cui si mescolano tratti stilistici moderni, captati da artisti come Daft Punk e Deadmau5, che caratterizzano gli episodi più movimentati. Si denota inoltre un minore impiego degli strumenti tradizionali, quali il basso elettrico e le chitarre, che avevano imperversato massivamente nel primo capitolo del gruppo, in favore di intrecci sonori puramente elettronici che si stagliano su ritmiche immediate, in merito alle quali si segnala la predominanza di una potente cassa in 4/4. Le liriche si presentano ancora criptiche, riconducibili in generale a tematiche talvolta attuali e controverse, quali la guerra o l'involuzione morale della società, talvolta intimiste e relazionali, attraversate, in taluni casi, da un filo di romanticismo.

Dal 10 giugno 2008 "Welcome to the zoo" viene utilizzata come sigla dello Zoo di 105, noto programma radiofonico della suddetta emittente.

Soddisfatti gli impegni promozionali, il duo si concentra su un progetto parallelo destinato principalmente al mondo delle discoteche. Il primo episodio consiste in un EP intitolato Club Test 01 e distribuito in Italia a partire dal 28 novembre 2008. Il disco comprende riarrangiamenti in chiave dance di alcuni brani presenti nell'ultimo album e il remake di "Blue (da ba dee)", prodotto in ricorrenza del decennale della hit che portò al successo gli Eiffel 65. Contestualmente viene caricato sul Myspace ufficiale, in esclusiva, un remix inedito di "Welcome to the zoo".

Nel frattempo il management del gruppo pianifica l'uscita sul mercato europeo di Crash Test 02, la cui pubblicazione è prevista per il 31 gennaio 2009 in Germania, Austria e Svizzera, con relativo lancio del singolo "Being not like you", versione inglese di "Un'altra come te".

Alcuni palchi condivisi con la nota cantante Alexia hanno acceso ai Bloom 06 la voglia di collaborarci, nasce cosi "We" is the power la versione in inglese di "Il Branco" brano contenuto nell'ultimo disco di Alexia uscito il 27 giugno del 2008 dal titolo Alè . La traccia viene inserita all'interno della riedizione dell'album intitolato Ale&C .

Per la parte superiore



Source : Wikipedia