Mara Venier

3.4467776973122 (1381)
Inviato da david 31/03/2009 @ 21:13

Tags : mara venier, personaggi tv, tv, tempo libero

ultime notizie
MARA VENIER: "LA FATTORIA? HO FATTO UNA STRONZATA" - Leggo Online
Ma forse la parola 'fine' l'ha scritta Mara Venier, ospite della Cabello, a "Victoria Vicotoria", su La 7. Come ricostruisce http://www.mondoreality.com, si è trattato di giudizi che non lasciano spazio a dibattiti futuri. Ecco cosa si legge....
MARA VENIER AL POSTO DELLA D'URSO A MATTINO CINQUE? - DavideMaggio.it
E come un fulmine a ciel sereno spuntano, quest'oggi, due nomi: quelli di Federica Panicucci e Mara Venier. Preferendo glissare sull'inadeguata ipotesi di vedere alla conduzione di Mattino Cinque colei che negli ultimi anni si è distinta quasi...
LA7: 6 PER CENTO DI SHARE PER LA FINALE DI COPPA UEFA - Calcio-oggi
La puntata, che aveva ospite in studio Gad Lerner e Mara Venier, ha ottenuto un picco del 6,8 per cento di share. Sempre bene anche 'Omnibus', il programma del direttore News e Sport Antonello Piroso, che in mattinata ha ottenuto il 5,6 per cento di...
BORRIELLO INSULTA BELEN VENIER IN FUGA DAI TRANS - Leggo Online
Borriello ritrova Belen e la ricopre di insulti, Mara Venier è inseguita dai trans a Rio, mentre Vittorio Cecchi Gori è rimasto stregato da Barbara Guerra, la bella de La Fattoria. E Ficarra e Picone portano al cinema la vita dello chef La Mantia....
A zappare! - RADIO DEEJAY
Non è chiaro se analogica o digitale. AVVERTENZA: La scorsa puntata della Fattoria fu poche ore prima del terremoto, rischiamo il discorsetto di circostanza. Grandissima ilarità invece, tra Mara Venier e Paola Perego. Le due signore se la ridono a...
Bocciate veline e lolite, le più sexy sono le quarantenni - Adnkronos/IGN
Tra le piu' desiderate ci sono le signore dei reality: primo posto per la conduttrice de “La fattoria” Paola Perego che si aggiudica la piazza d'onore con il 62% delle preferenze, mentre il 58% e' ammaliato da Simona Ventura che precede Mara Venier...
X Factor, parte uno scatenato dopo-Ventura - Excite Italia
Ancora, è saltato fuori anche il nome di Lorella Cuccarini. Di candidate, tuttavia, se se stanno davvero vagliando molte, se non troppe. In rete impazza la corsa al post-Ventura: da Mara Venier passando per Anna Pettinelli, Victoria Cabello e la...
Jolly La D'Urso anche di domenica - il Giornale
Sono circolati i nomi di Federica Panicucci e di Mara Venier, ma per il momento si tratta solo di voci. L'unica cosa certa è che Barbara conferma di essere l'autentica stakanovista della televisione italiana. In questi ultimi anni ha totalizzato più...
Piersilvio sta cercando volti nuovi per «Mattino 5» - il Giornale
A proposito delle indiscrezioni di stampa secondo le quali il posto della D'Urso a Mattino 5 potrebbe essere affidato a volti come Paola Perego, Roberta Capua, Federica Panicucci, o anche Mara Venier: «Pier Silvio (Berlusconi, vicepresidente Mediaset,...
Rumors tv: la D'Urso anche la domenica pomeriggio, Mattino Cinque ... - Blogosfere
Mattino Cinque, invece, a settembre dovrebbe essere affidato a Federica Panicucci (6,5) oa Mara Venier (5) con la prima che in passato ha dimostrato di avere un'ottima intesa con Claudio Brachino. E si parla anche di un possibile passaggio della...

Mara Venier

Mara Venier.jpg

Mara Venier, pseudonimo di Mara Provoleri (Mestre, 20 ottobre 1952), è un'attrice e conduttrice televisiva italiana.

Trasferitasi giovanissima a Roma, nei primi anni 70, inizia per caso la carriera di attrice, debuttando da protagonista a soli 23 anni in Diario di un italiano, tratto dalla novella “Wanda” di Vasco Pratolini, dove esegue anche una scena di nudo integrale. La sua esperienza sul grande schermo continua fino agli inizi degli anni 90, quando è invece la TV a consacrarla come uno dei personaggi più amati dello spettacolo.

E' sposata dal 28 giugno 2006 con il produttore ed editore Nicola Carraro.

La figlia Elisabetta Ferracini, avuta con l'attore Francesco Ferracini, ha seguito per un certo periodo le sue orme conducendo per la RAI programmi per bambini (tra i quali si ricorda Solletico) e trasmissioni musicali.

Ha alternato la sua carriera di attrice (molti film girati con l'allora compagno Jerry Calà) a quella di presentatrice televisiva: tra le sue esperienze più significative sul grande schermo Night Club, film di Sergio Corbucci del 1989; Caramelle da uno sconosciuto del 1987 di Franco Ferrini; Pacco, doppio pacco e contropaccotto del 1993 di Nanni Loy che l’aveva già diretta nel 1982 nell'episodio di Testa o croce con Renato Pozzetto.

Ed è proprio il geniale Nanni Loy, in qualche modo, il talent scout della verve e della simpatia travolgente della bella Mara, lanciandola in televisione con le famose Candid Camera. Di lì a poco, infatti, Mara comincia a muovere i suoi primi passi da conduttrice con il Cantagiro, accanto all’allora semisconosciuto Fiorello, e in Una rotanda sul mare e Ora di punta durante il quale fu notata da Luca Giurato che la volle con lui nell’edizione di Domenica In nella stagione 1993/1994.

Dopo il grande successo che la consacra Signora della Domenica, a Mara viene affidata la guida del grande contenitore domenicale per quatto anni consecutivi, fino al 1997. Intanto in questi anni fa qualche incursione a Mediaset con la conduzione insieme a Mike Bongiorno su Rete 4 di Viva Napoli! 1994 e accanto al grande Corrado su Canale 5 per la presentazione del Gran Premio Internazionale dello Spettacolo per due anni consecutivi (1995-1996). E infine recita nella fiction tv di enorme successo La voce del cuore del 1995 con Gianni Morandi, anche questa su Canale 5.L'edizione 1996-1997 di "Domenica in" è stata forse la più importante per la carriera della venier. La trasmissione ha raggiunto indici d'ascolto e di gradimento molto alti.

In Rai invece Pippo Baudo la chiama a condurre il Dopofestival nel 1994 e Luna Park, dal 1994 al 1997, anno in cui avviene il passaggio non fortunatissimo a Mediaset.

Sulle reti del Biscione approda infatti con la trasmissione quotidiana Ciao Mara nella delicata fascia del mezzogiorno, il programma verrà chiuso poco dopo per bassi ascolti. Sempre a Mediaset conduce Forza papà nel 1998 con Gerry Scotti, e nel 1999 La vita è meravigliosa e Una goccia nel mare, oltre a girare la minifiction Ritornare a volare accanto a Giancarlo Giannini.

Il 2000 per Mara Venier è invece l’anno del ritorno in Rai, con la conduzione di Fantastica Italiana con Massimo Lopez e prima ancora con lo show più breve della storia della tv, Katia e Mara verso l'oriente, con Katia Ricciarelli, interrotto dopo pochissimi secondi, causa nubifragio. Sorte simile toccò un anno dopo allo show Venezia, la luna e tu ancora Mara e Katia, e ancora un programma interrotto causa pioggia.

Nel 2001 Mara può finalmente ritornare in quella che è la sua "casa televisiva" e cioè Domenica In, affiacando però Carlo Conti. Il 5 gennaio del 2002 ha condotto su Rai Uno lo spettacolo "Un Ponte fra le Stelle - La Befana dei bambini vittime delle guerre e del terrorismo", ideato e prodotto da Ruggero Pegna e Far Films, con il Patrocinio dell'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati.

Conduce di Domenica In anche l'edizione 2002/2003; l'edizione 2004/2005 con Paolo Limiti e Massimo Giletti, col quale avrà rapporti molto burrascosi. Nell'edizione 2005/2006 Domenica In sarà diviso in tre parti e Mara condurrà la prima, detta Maramao e poi Domenica In TV, per un totale di otto edizioni in tutto, seconda solo a Baudo; in questa edizione ha assunto l'iniziativa di fare tornare in televisione Dora Moroni, a 30 anni esatti dal suo esordio proprio in quella trasmissione. Si è trattato della sua prima partecipazione stabile ad un programma televisivo dopo l'incidente d'auto che la vide coinvolta nel 1978 assieme a Corrado. La rissa in TV fra Adriano Pappalardo e Antonio Zequila, avvenuta durante una puntata di Domenica In, la fa allontanare dalla RAI.

Dopo l'allontanamento e la sostituzione con Lorena Bianchetti, parteciperà più volte come ospite di Buona Domenica e Quelli che il calcio. Il 24 dicembre 2007 ha condotto per Rai Due il Concerto di Natale.

Nell'autunno 2008 partecipa come opinionista al l'Isola dei famosi 6 assieme a Luca Giurato e il 24 dicembre 2008 ha condotto per Rai Due il Concerto di Natale.

Dal Marzo 2009 torna a Mediaset dopo ben nove anni ed è inviata per La Fattoria 4.

Per la parte superiore



Domenica In

Domenica In è il programma d'intrattenimento domenicale di Rai Uno (allora Rete 1), ideato da Corrado, che andò in onda per la prima volta nel 1976.

La trasmissione nacque nel 1976, quando un programma-fiume di 6 ore non era ancora mai stato prodotto, quindi ci si trovaò di fronte ad una novità assoluta nel panorama tv italiano.

Il varietà andava in onda in diretta, per sei ore consecutive, inizialmente frammezzate dalla programmazione della rete (film o telefilm, spazio della Lotteria Italia, eventi o programmi musicali vari) in collegamento con la redazione sportiva del TG1.

Fu Corrado a inventarne il titolo, dopo varie riunioni con gli altri autori, proponendo di modificare l'iniziale Domenica insieme troncando la preposizione In.... Così, già a partire dal titolo il programma consentiva la varietà di aggiunte creative; inoltre, come dichiarò in un'intervista a un quotidiano, un gioco linguistico permetteva di leggere In come contrario di Out, ed evocava varie ed eventuali sfumature di significato (In... poteva significare sia a casa, sia Domenica di un certo tipo, che fa tendenza, ecc.). Come disse Franca Valeri nell'ultima puntata della terza edizione (l'ultima presentata da Corrado), venne a crearsi uno stile, il domenicainismo, che teneva inchiodati gli spettatori per un cospicuo numero di ore al video, cosa mai avvenuta prima. Si trattò di una novità e di un fenomeno, che ha segnato la storia della televisione. Il fortunato titolo è stato ripreso da altri programmi di altre reti (Domenica in concerto , Parlamento In, ad esempio).

L'avvicendamento nella conduzione fu causato da un disaccordo fra Corrado e Paolo Grassi, presidente della RAI, nella gestione di alcune puntate. Questo significò tuttavia la fortuna del subentrato Pippo Baudo, che seppe far fruttare al meglio il proprio apporto, continuando sulla scia del predecessore ma apportando nel corso degli anni molte novità, specialmente nell'introduzione di maggiori appuntamenti, che dopo sette anni riuscirono a ridurre la programmazione della rete all'interno del contenitore.

Negli anni novanta, Domenica In divenne un varietà come gli altri, eccettuata la lunghezza (anche se ogni programma, anche serale, ha allungato la propria durata oraria), diviso in due parti. La presenza femminile che ha condotto più edizioni dello storico contenitore domenicale è Mara Venier, che venne poi soprannominata "la signora della domenica". Per la sua conduzione ha ricevuto diversi riconoscimenti.

Dal 2005, la trasmissione è affidata a tre stili diversi di conduzione, in tre fasce orarie: primo pomeriggio, secondo pomeriggio, preserale.

Conduce Corrado con Dora Moroni. Autori e ideatori: Corima, Perretta, Paolini, Sivestri. Direzione musicale: Nello Ciangherotti. Notizie sportive con Paolo Valenti. Sigle: In confidenza (ottobre-febbraio) con cui Corrado apre il programma scrivendo sulla storica lavagnetta Domenica in... ed aggiungendo una parola chiave che riassume la settimana televisiva, politica, musicale, sportiva, ecc.; Ma,se cantata da Dora Moroni (marzo-giugno). Nel programma trovano spazio attori del cinema e del teatro, questi ultimi propongono, nello studio 5 di via Teulada in Roma, brani tratti dalle commedie o dagli spettacoli che portano in giro per l'Italia; altro tempo per il telefilm, la Lotteria Italia, la musica. È il primo programma della TV italiana a contare così tanti ospiti. Corrado, un po' per rinverdire i propri esordi, vuole in studio l'annunciatrice di turno, inserendone il ruolo in un contesto meno ufficiale, più umano che diverte i telespettatori finora abituati a vedere le signorine buonasera troppo "ingessate". Il 20 febbraio viene inaugurato da Gianni Boncompagni il programma Discoring, all'interno del contenitore presentato da Corrado. Dopo le 39 puntate in diretta, Corrado propone qualche spezzone del programma, andato in onda nel corso dell'anno, col titolo Domenica in retrospettiva. Regia di Lino Procacci.

Conduce Corrado con Isabella Goldman e Dora Moroni. Un programma di Corima, Giulio Perretta, Stefano Jurgens, Franco Torti. Direzione musicale: Nello Ciangherotti, Enrico Intra. Notizie sportive a cura di Paolo Valenti. Sigle: Dito, Ditone del Maestro Ciangherotti; In ascensore cantata da Patrizia Giugno (valletta di Corrado che scomparirà prematuramente alcuni mesi dopo l'esperienza domenicale); Mister Mandarino dei Matia Bazar; E viene sabato,e poi domenica dell'Orchestra Casadei. Tra le sigle finali Che facciamo stasera di Dora Moroni. È la prima edizione completa, a colori, del programma: nella precedente edizione, soltanto i programmi esterni (telefilm, Lotteria Italia, 90° minuto, ecc.) con la sola esclusione di Discoring venivano diffusi a colori. Corrado, nelle prima puntata, inaugura la prima trasmissione storica a colori dallo studio 5 di via Teulada, a Roma. Fra le rubriche, vanno segnalate Domenica in Teatro e Il libro dei domandamenti: con questo neologismo, Corrado proponeva delle domande e delle questioni sociali, economiche, etiche, o di varia natura, per suscitare l'interesse dell'opinione pubblica e degli organismi addetti ai lavori, ottenendo anche delle risposte positive. Questo spazio interno al programma può considerarsi antesignano di programmi futuri come Di tasca nostra, Mi manda Lubrano. In questa edizione, viene "consacrato" il mago Binarelli, che, in collegamento da New York, riesce a indovinare le professioni dei componenti del pubblico presenti nello studio 5 di Roma.

Conduce Corrado con Marina Perzy. Un programma di Corima, Stefano Jurgens, Franco Torti. Con Marina Perzy. Direzione musicale: Franco Micalizzi (ottobre-dicembre), Tony De Vita (gennaio-marzo), Pino Calvi (aprile-giugno). Collegamenti esterni a cura di Awanagana e Franco Solfiti. Corrado presenta anche un gioco a quiz, partendo dalla trasmissione di un giallo della serie Fermate il colpevole. In questa edizione, Corrado lancia il ventriloquo Samuel Barletti. Notizie sportive a cura di Paolo Valenti. Logo: il leone Charlie, il cui nome viene attribuito dai telespettatori, realizzato dai fratelli Marco e Gi Pagot; Sigle d'apertura Il leone (di Zambrini, Jurgens, Torti, Meccia) cantata da Corrado (ottobre-gennaio); Charlie è una lenza (arrangiata da Tony De Vita) cantata da Corrado (gennaio-giugno). Sigle di chiusura: Portami a ballare di Peppino Di Capri, Paese di Drupi, Capitooooo?! (di De Vita, Jurgens, Torti, Smaila) cantata dai Gatti di Vicolo Miracoli (marzo-giugno). Termina così la prima serie di edizioni, quella che ha registrato gli ascolti più elevati (in media circa quindici milioni di telespettatori).

Conduce Pippo Baudo con Edi Angelillo. Un programma di Giulio Perretta, Dino Verde, Giorgio Calabrese, Franco Torti. Direzione musicale: Pippo Caruso. Notizie sportive con Paolo Valenti. Collegamenti esterni a cura di Franco Solfiti. Logo: Frankenstein. Sigle: Un amore vero dei Trans Europa Express, La pennichella cantata da Nino Manfredi. Sigla di chiusura: Notte a sorpresa cantata dai Pooh. Le rubriche si moltiplicano: Domenica Musica, Domenica Cinema, Domenica Teatro e altre ancora. È confermato ancora per quest'anno il telefilm. Inoltre: Discoring settimanale di musica e dischi condotto da Awanagana e il supplemento della Lotteria Italia Fantastico bis. La sigla di chiusura del programma era Sera coi fiocchi di Viola Valentino.

Conduce Pippo Baudo con Marilda Donà e successivamente Barbara D'Urso e Ramona Dell'Abate. Con la partecipazione di Giucas Casella e Gigi Sabani. Direzione musicale: Pippo Caruso. Notizie sportive con Paolo Valenti. Collegamenti esterni a cura di Franco Solfiti. In questa edizione, il mago Casella realizza un controverso esperimento per cui molte persone rimangono a dita intrecciate davanti al televisore. Regia di Lino Procacci.

Conduce Pippo Baudo con Alessandra Mussolini, Sandra Mondaini e Marcella Bella. Collegamenti esterni a cura di Franco Solfiti. Direzione musicale: Pippo Caruso. È l'ultimo anno in cui compaiono le "signorine buonasera" nello studio. Ed è l'ultimo anno in cui il programma viene realizzato nello studio 5 di via Teulada. In questa edizione, Baudo lancia un concorso per voci nuove in vista del Festival della canzone italiana e scopre cantanti come Marco Armani e Mario Castelnuovo. La sigla di apertura della trasmissione è Mi mancherai cantata da Marcella Bella. La regia per l'ultimo anno è affidata a Lino Procacci.

Conduce Pippo Baudo. Il programma cambia regia, e viene realizzato nello studio 2 al pian terreno di via Teulada. La direzione musicale cambia con i mesi di trasmissione: fra i musicisti Henghel Gualdi. Regia di Luigi Bonori.

Conduce Pippo Baudo. Sigla musicale di chiusura: Mal d'Africa cantata da Franco Battiato.

Conduce Pippo Baudo. Il pubblico in studio è diviso per categorie di professioni (vigili urbani, pompieri, casalinghe, ecc.). È l'ultimo anno in cui nel contenitore compaiono telefilm, e il supplemento della Lotteria Italia Fantastico bis. Continuerà ancora per pochi anni la programmazione di Discoring. Regia di Gianni Vaiano.

Conduce Mino Damato con Elisabetta Gardini e il Trio Solenghi-Marchesini- Lopez. Nella memoria collettiva, rimangono l'immagine della camminata del conduttore sui carboni ardenti e il jingle della sigla Domenica In. Nel contenitore, il settimanale Discoring cambia fascia oraria e viene trasmesso da Milano.

Conduce Raffaella Carrà. La decima edizione inizia con la celebrazione del decennale, perciò la trasmissione viene aperta alle ore 14:00 da Corrado, ideatore e primo conduttore, che consegna simbolicamente il programma alla Carrà, prima donna che lo presenta. L'ultima puntata non andò in onda a causa di uno sciopero dei tecnici. Raffaella Carrà salutò i telespettatori la domenica prima temendo le conseguenze dello sciopero. Sigla iniziale del programma: Curiosità. Musiche affidate al maestro Danilo Vaona.

Conduce Lino Banfi con Toto Cutugno. Da questa edizione, fino all'ultima gestita da Boncompagni, compare il gioco del Cruciverbone. La trasmissione si trasferisce al Teatro 2 della Dear di Roma. Sigla musicale: Una domenica italiana cantata da Toto Cutugno.

Conduce Marisa Laurito con Roberto D'Agostino, Benedicta Boccoli, Brigitta Boccoli, Lisa Russo, Sandro Mayer (direttore di Gente), Paolo Occhipinti (direttore di Oggi), Arianna Ciampoli, Stefania Del Prete, Paolo Valenti. Sigla musicale: Ma le donne cantata da Marisa Laurito.

Conduce Edwige Fenech. Sigla musicale: Che pizza la Tv!! cantata da Edwige Fenech e Gianni Boncompagni con le ragazze di Domenica in.

Conduce Gigi Sabani con i Ricchi e Poveri, Mario Marenco, Brigitta Boccoli, Carmen Russo, Elisa Satta, Le Compilation, Paolo Villaggio, Bruno Vespa e Sandro Mayer. Sigla musicale: Una domenica con te cantata dai Ricchi e Poveri.

Conduce Pippo Baudo con Nino Frassica, Lolita Morena, Simona Ventura, Ilaria Moscato e Raffaella Bergè. Per Baudo è un grande ritorno nel programma che gli ha dato la vera popolarità, che lo conduce col suo stile di eclettico presentatore, puntando per lo più sul gioco del 'Castello', che termina con il gioco finale del drago, vero simbolo del programma: tutta la trasmissione culmina in quel gioco, che ricalca i soliti quiz alla Baudo, in cui se il concorrente sbaglia deve ripartire da capo a rispondere. L'intrattenimento di tutti gli ospiti musicali è affidato al "Talent Scout Show", un gruppo musical-teatrale di nuovi talenti "scoperto" da Pippo Baudo al "Talent Scout", storico locale romano di Nicoletta Costantino, autrice e regista dello show presente in tutte le puntate. La scenografia è una riproduzione di Une dimanche à la Grande Jatte di Georges Seurat.

Conducono Toto Cutugno e Alba Parietti. Per la prima volta gli studi televisivi si trasferiscono al Centro di produzione della Rai di Napoli.

Conduce Mara Venier con Luca Giurato, Monica Vitti, don Antonio Mazzi, Francesca Alotta e Fiordaliso.

Conduce Mara Venier con la partecipazione di don Antonio Mazzi, Stefano Masciarelli, Giucas Casella, Giampiero Galeazzi, Irene Fargo e Massimo Modugno. Autori: Massimo Cinque ed Enrico Magrelli.

Conduce Mara Venier con la partecipazione di don Antonio Mazzi, Andrea Roncato, Giampiero Galeazzi, Giucas Casella, Orietta Berti, Jimmy Fontana, il Gruppo Arciliuto, Francesco Boccia, Antonella Bucci e i piccoli Manuel Cucaro e Ilaria Giaroni. Autori: Massimo Cinque, Enrico Magrelli, Flavio Andreini, Riccardo Di Stefano.

Conduce Mara Venier, con la partecipazione di Loredana Berté. Autori: Massimo Cinque, Enrico Magrelli, Paolo De Andreis.

Conduce Fabrizio Frizzi con Gianni Mazza, Giampiero Galeazzi, Antonella Clerici, Alberto Angela, Mara Carfagna e Michel Pergolani. Autore: Alberto Testa.

Conduce Giancarlo Magalli con Tullio Solenghi, Elisabetta Ferracini, Lorenza Mario, Anna Falchi e Giampiero Galeazzi. Autori: Massimo Cinque, Alfredo Cerruti, Ugo Porcelli, Giancarlo Magalli, Tullio Solenghi.

Dal 3 ottobre al 28 maggio.

Conduce Amadeus con Romina Mondello (fino al 31 ottobre 1999), Adriana Sklenarikova, Natalie Kriz, Piero Angela e Guido Barendson. In questa edizione ci fu il ritorno di Fabrizio Maffei alla conduzione di 90° minuto. Esperto artistico: Antonio Eustor. Sigla musicale: Mambo Rai, cantata da Amadeus (orchestra diretta da Pinuccio Pirazzoli).

Conduce Carlo Conti con Iva Zanicchi, Paolo Brosio, Rosita Celentano, Matilde Brandi, Raul Cremona, Loretta Ricci, Marco Cunsolo, Barbara Chiappini, Alessandra Cellini, Paolo Fox. Esperto artistico: Antonio Eustor.

Il programma va in onda dal Teatro delle Vittorie.Nonostante vi siano delle buone idee, il contenitore soffre la concorrenza di Buona Domenica che in quella edizione vanta la presenza come ospiti in studio dei concorrenti della prima edizione del Grande Fratello. Per migliorare gli ascolti vengono apportate diverse modifiche alla scaletta ed alla scenografia, ma i risultati non cambiano.

Dopo questa esperienza, Iva Zanicchi decide di tornare a Mediaset, in quanto in Rai non si sente a suo agio.

Dopo la brusca chiusura di In bocca al lupo condotto da Amadeus, Carlo Conti decide di inserire nel contenitore domenicale buona parte del cast (ormai disoccupato), del preserale da lui condotto con successo nelle due stagioni precedenti.Tra i tanti vennero chiamati l'astrologo Paolo Fox e la corista Sabrina Marinangeli.

Conduce Carlo Conti con Mara Venier, Antonella Clerici, Ela Weber, Paolo Fox, CV Band e Cecilia Gayle (con interventi dalla regia di Jocelyn). Esperto artistico: Antonio Eustor.

Soltanto in questa edizione la trasmissione si intitola Dom&nika In.Le mascotte del programma sono il cane "DOM" e la gattina "NIKA" pupazzi ideati dal regista Jocelin sulla scia del lupo "Giorgetto" presente nel preserale In bocca al lupo.

Conduce Mara Venier, con la partecipazione di Paolo Villaggio, Milena Vukotic, Renato Balestra, Little Tony, Stefano Masciarelli, Moira Orfei, Gabriella Germani e dei 50 ragazzi del "Chorus Line" (cantanti, attori, ballerini). Autori: Massimo Cinque, Massimo Santoro. Esperto artistico: Antonio Eustor.

Conduce Paolo Bonolis con Heather Parisi, Giancarlo Magalli, Claudio Lippi, Ada Alberti, Simona Samarelli, Francesco Scimeni, Maria Mazza, Rosanna Lambertucci, Patrizia De Blanck, Dan Peterson, Mariolina Simone, Alessandro Paci, Antonella Stefanucci, Salvatore Marino, Alessio Tavecchio, Franco Oppini, Stefano Natale, Mirka Viola, Daniele Piombi e il dottor Domenico Mazzullo. Direzione musicale: Stefano Caprioli. Esperto artistico: Antonio Eustor.

Conduce Mara Venier con Massimo Giletti e Paolo Limiti con la partecipazione straordinaria di Giampiero Galeazzi e interventi di Rosanna Lambertucci, Katia Noventa e Maria Monsè. Direzione musicale: Stefano Caprioli. Esperto artistico: Antonio Eustor.

Questa edizione fu oggetto di parecchie polemiche, per la presenza in studio di Loredana Lecciso e di sua sorella Raffaella protagoniste di discutibili dibattiti e balletti.

Nel primo pomeriggio la rubrica "A spasso con mamma", in cui una mamma sceglie il futuro genero ottiene un buon successo al punto da sperimentare uno spin-off in prima serata sempre per la prima rete Rai.Anche la rubrica "L'arena" ottiene buoni consensi, diventando nelle stagioni successive un vero e proprio blocco di Domenica In.

La coppia formata da Mara Venier e Massimo Giletti non andrà molto d'accordo, al punto che la stessa Venier l'anno successivo chiederà di poter andare in onda da uno studio diverso (Teatro delle Vittorie) rispetto a quello in cui verrà realizzata "L'arena" di Massimo Giletti (studi DEAR - Nomentano).

La scenografia di questa edizione, verrà riutilizzata senza sostanziali modifiche per la messa in onda del quiz estivo Non tentarmi condotto con scarso successo da Caterina Balivo.

Autori del programma: Salvo Guercio, Antonio Miglietta, Adriano Vianello e Ugo Porcelli.

All'interno della trasmissione viene realizzato il gioco del "Domani", uno spazio che vede protagonisti i bambini e la loro fantasia nell'inventare storie aventi come protagonisti fatti luoghi e personaggi noti.

Gianni Boncompagni abbandona Mara Venier e la regia del primo segmento del programma dopo la prima puntata del 2 ottobre per il flop di ascolti del suo Maramao, il remake di Non è la Rai in versione maschile, mentre gli altri due segmenti nella stessa puntata hanno ottenuto ottimi dati Auditel. In tre giorni, Mara Venier e i suoi nuovi autori allestiscono il telerotocalco Domenica In TV per sostituire il soppresso Maramao, ottenendo ottimi ascolti. Tale segmento è tristemente ricordato per la lite scoppiata durante una puntata tra il cantante Adriano Pappalardo e l'attore Antonio Zequila, che comporta la sospensione del segmento stesso per la domenica successiva. Per l'occasione, Baudo e Giletti conducono insieme uno «speciale» dedicato agli sfoghi in TV (con numerosi ampex che documentano i più clamorosi della storia) in sostituzione del segmento sospeso. I due conduttori aprono il programma cantando insieme «Siamo rimasti in due», poi scusandosi con i telespettatori per l'accaduto. Si teme la cancellazione definitiva di Domenica In TV dal palinsesto, ma il segmento torna regolarmente in onda dopo la sospensione.

Per alcune puntate di questa edizione di "Domenica In..." è "opinionista" fissa l'attrice Antonella Elia. Il riscatto di Mara Venier avviene da febbraio a maggio 2006. Nel Febbraio di quell'anno, la Venier invita in trasmissione, affidandole uno spaizo musicale, Dora Moroni, storica valletta di Corrado nelle prime due edizioni di "Domenica in...".

In questa edizione il segmento ieri oggi e domani in diretta da Sanremo non va in onda in queste due puntate vanno i onda Domenica In tv dalle 14:00 alle 18:00, Domenica In L'Arena dalle 18:00 alle 20:00 1° puntata, Domenica In tv dalle 14:00 alle 16:00, Domenica In l'arena dalle 16:00 alle 20:00 2° puntata.

Autori del programma: Salvo Guercio, Antonio Miglietta, Ugo Porcelli, Adriano Vianello e Matteo Catalano. Regia di Stefano Gigli.

Autori del programma con Pippo Baudo sono Matteo Catalano, Salvo Guercio, Antonio Miglietta, Ugo Porcelli e Adriano Vianello con la regia di Stefano Gigli. L'orchestra è diretta dal maestro Pippo Caruso. Le scenografie sono firmate da Luigi Dell'Aglio e i costumi sono di Paolo Marcati.

Una nuova impaginazione e una nuova scenografia per sottolineare i contenuti del nuovo magazine che conclude l'ultima parte di Domenica in. "7 giorni" ripercorre, giorno dopo giorno, i principali fatti ed avvenimenti di costume, spettacolo e cultura in Italia e nel mondo. Il programma è firmato da Pippo Baudo e da Salvo Guercio, Antonio Miglietta, Ugo Porcelli e Adriano Vianello con la regia di Stefano Gigli.

A partire dal mese di gennaio ogni quarta domenica del mese Domenica In - Sette Giorni si trasforma in Domenica In - 30 giorni.In ogni puntata si ripercorre il mese che si avvia alla conclusione con l'aggiunta di numerosi test e sondaggi.

Domenica 22 Febbraio Domenica in si trasferisce a Sanremo per commentare la 49°edizione del Festival di Sanremo.

Per la parte superiore



Professione vacanze

Professione Vacanze è una serie televisiva italiana composta da 6 episodi, diretta da Vittorio De Sisti e andata in onda su Italia 1 nel 1986. Il telefilm, che vede come protagonista Jerry Calà, è stato girato nel villaggio turistico Cala Corvino a Monopoli.

La serie, come molte altre produzioni degli anni ottanta, è sovente replicata nel palinsesto notturno di Italia Uno e dal 2007 è disponibile in commercio un'edizione in formato DVD in 6 dischi, sia per il mercato delle edicole sia come cofanetto, edita da Cecchi Gori Home Video.

Enrico Borghini (Calà) è un animatore che si ritrova a diventare direttore di un villaggio turistico in crisi. Aiutato dal personale del villaggio (che inizialmente gli è ostile) riuscirà a risollevare le sorti della struttura.

Oltre al cast fisso, che interpretava il personale del villaggio vacanze, in ogni episodio erano presenti una o più guest star, tra cui Mara Venier (che interpretava l'ex moglie di Calà), Silvia Conti, Guido Nicheli (il nuovo compagno dell'ex moglie), Isabella Ferrari, Sabrina Salerno, Teo Teocoli, Giancarlo Dettori e Claudio Amendola.

Nel periodo delle riprese nel villaggio turistico di Cala Corvino lavoravano come veri animatori Giacomo Poretti e Marina Massironi, che faranno anche un cameo nella serie.

Per la parte superiore



Night Club (film 1989)

Night Club è un film del 1989, l'ultimo diretto dal regista Sergio Corbucci.

Il film è ambientato a Roma nella notte del 2 febbraio 1960, la stessa in cui ci fu la prima de La dolce vita di Federico Fellini e la morte di Fred Buscaglione.

I modesti impiegati di banca Piero e Ottavio (Massimo Wertmuller e Roberto Ciufoli) sognano di poter aprire una finanziaria tutta loro: non avendo soldi a sufficienza, cercano un finanziamento e si affidano allo spietato e cialtro Walter Danesi (Christian De Sica), che procura delle donne disponibili al ricco imprenditore calabresi Balestrelli (Sergio Vastano) chiedendogli in cambio di aiutare i suoi due amici.

Le signorine adescate da Walter sono una matura ma ancora sensuale signora friulana (Mara Venier) accompagnata dalla nipote Rita (Diane Bodart), la giovanissima Cristina (Claudia Gerini), la modella di Guttuso Erina, (Sabrina Ferilli) e la svedese tutto pepe Ilsa (Elena Paris). A loro si uniscono la cantante Xandra (Sabina Guzzanti) col suo manager (Altero Borghi) e l'androgina Carla (Elisabetta Valentini); tutti i protagonisti trascorreranno insieme la serata, prima in un pub e poi a casa di Piero.

Tranne il padrone di casa e il suo amico, tutti gli altri uomini cercano di "rimorchiare": Balestrelli si invaghisce di Xandra ma, dopo aver avuto un amplesso con lei, viene colpito da un infarto. Piero lo accompagna all'ospedale, ma mentre corre in macchina lo fermano avvisandolo dell'incidente in cui rimase coinvolto Buscaglione.

Alla fine del film pare che possa nascere una storia tra Walter e Rita: inizialmente l'uomo, unico senza "accompagnatrice", cerca di stuprarla nonostante sia minorenne ma poi, resosi subito conto della meschinità del gesto, si lascia infatuare dalla nobiltà d'animo della ragazzina e la segue.

Per la parte superiore



Elisabetta Ferracini

Elisabetta Ferracini (Venezia, 3 ottobre 1968) è una conduttrice televisiva e attrice italiana.

Figlia d'arte dell'attrice e conduttrice Mara Venier e dell'attore Francesco Ferracini, ha debuttato nella serie televisiva Chiara e gli altri nel 1991. Nel 1994 partecipa al programma Tutti a casa, condotto da Pippo Baudo, col quale condusse nell'autunno dello stesso anno la rassegna "Sanremo giovani". Nel 1995 ha condotto lo Zecchino d'Oro e dal 1994 al 1998 è conduttrice del programma per ragazzi Solletico insieme a Mauro Serio, in onda su Raiuno. Nell'estate 1998 ha presentato lo show musicale Tournee, mentre nella stagione 1998-1999 seguendo le orme della madre diventa co-conduttrice di Domenica In. Dal 2000 al 2002 è stata conduttrice su Stream dei programmi Il nostro mondo e "Terzo Tempo - Champions League" e, sempre nel 2000, è stata protagonista del telefilm Tequila & Bonetti. Dall'ottobre del 2004 ha condotto i collegamenti esterni del programma sportivo della domenica di Raidue Quelli che il calcio.

Nello stesso periodo della conduzione di Solletico fu anche testimonial pubblicitaria dei prodotti di Sailor Moon distribuiti da Giochi Preziosi.

Per la parte superiore



Fantastica italiana

Fantastica italiana è stato un programma televisivo italiano, trasmesso da RaiUno in prima edizione nel 1995 e poi riproposta fino al 2000, con un'interruzione nel 1999.

Diretto da Lella Artesi, venne ideato da Alfredo Cerruti, Ugo Porcelli, Marco Luci e Federico Moccia, e condotto nella prima edizione da Paolo Bonolis, nelle due successive da Giancarlo Magalli, con la partecipazione di Roberta Capua, e nell'ultima da Mara Venier e Massimo Lopez.

Il programma era strutturato come un concorso di bellezza, con nove partecipanti, di età compresa tra i 35 ed i 45 anni, che dovevano mostrare le proprie abilità come ballerine, cantanti ed attrici.

Per la parte superiore



La voce del cuore

La voce del cuore è una miniserie televisiva di Canale 5 diretta da Ludovico Gasparini, in onda in quattro puntate nell'autunno 1995. I protagonisti sono Gianni Morandi e Mara Venier, che recitano a fianco di Andrea Roncato e di una giovane Claudia Pandolfi.

Daniele Montero (Gianni Morandi) è un allenatore di calcio all'apice della propria carriera, infatti è appena riuscito vincere lo scudetto con la sua squadra. Però i festeggiamenti per il tricolore coincidono proprio con il secondo anniversario della morte di sua figlia, così Daniele decide di sfuggire alle cronache tornando per qualche tempo nel suo paese d’origine, in cui non aveva più messo piede da 20 anni. Al paesello Daniele ritrova gli amici di un tempo e riesce a sentirsi più sereno; quando il presidente della sua squadra arriva al paese per cercarlo, tutti i concittadini lo aiutano a nascondere la sua presenza. Nel frattempo sua moglie Chiara (Mara Venier) è ancora in città per chiedere l’affidamento di un bambino ad un assistente sociale; la speranza di entrambi è quella di poter tornare a sentirsi genitori...

Per la parte superiore



Source : Wikipedia