Magistratura

3.4222648752326 (1042)
Inviato da amalia 07/03/2009 @ 08:12

Tags : magistratura, politica

ultime notizie
GIUSTIZIA: ANM, CON PM ELETTI A RISCHIO INDIPENDENZA - ANSA
''La previsione contenuta nella Costituzione dell'accesso in magistratura attraverso il concorso e' garanzia per il cittadino di avere magistrati indipendenti dal potere politico. Prevedere invece l'elezione direttamente dal popolo di un magistrato e...
GIUSTIZIA: IDV, PM ELETTI? SAREBBE POLITICIZZAZIONE MAGISTRATURA - Asca
Siamo, pertanto, fermamente contrari alla proposta di Bossi, di fare eleggere i magistrati dal popolo''. Lo afferma in una nota Federico Palomba, deputato dell'Italia dei Valori e vicepresidente della commissione giustizia alla Camera....
La magistratura dissequestra il Cimitero di Andria - AndriaLive.it
"E' stato dissequestrato dalla magistratura il cimitero comunale rimasto chiuso dopo la scoperta di armi, munizioni e materiale esplosivo avvenuta nei giorni scorsi". Questa laconica quanto scarna comunicazione ufficiale riporta la città ad...
GRASSO, SI PARTE CON IL PIEDE SBAGLIATO - AGI - Agenzia Giornalistica Italia
"Quindi - prosegue Grasso - ritengo che sarebbe sconsigliabile una elezione popolare della magistratura. Ho vissuto un'esperienza del genere negli Usa, dove ci sono i pm dipendenti dall'esecutivo, e ho assistito alla campagna elettorale tra giudici...
"La Costituzione è una cosa seria" - La Repubblica
Cascini sottolinea come il sistema di accesso in magistratura italiano "è previsto dalla Costituzione ed è un sistema tra i migliori nel mondo per le garanzie che offre in termini di professionalità e indipendenza; mentre non credo - aggiunge- che lo...
Toghe scelte dal popolo: un coro di no alla proposta di Bossi - il Giornale
«Il magistrato è espressione di identità nazionale - dice Fabio Roia di Unicost -, non può essere legato a territorialità regionali». Critico anche Cosimo Maria Ferri, togato di Magistratura indipendente, che propone però una maggiore «collaborazione...
Bossi: presto magistrati eletti dal popolo - Il Messaggero
«Tra poco i magistrati saranno eletti dal popolo». Per Bossi la novità che rivoluzionerebbe la magistratura italiana arriverà presto, «potrebbe essere prima di andare al voto. Il Veneto avrà i suoi magistrati. Non se ne poteva più di non avere un...
Pesacane (PRC): “contro il Pdl nessuna congiura, si rispetti la ... - Il Ponente
“Complotti della sinistra e magistratura comunista, il Pdl ha rispolverato le crociate di sempre pur di negare le eventuali irregolarità contestate dagli inquirenti nel momento della raccolta delle firme”. Lo dichiara Ciro Pesacane, presidente del...
GIUSTIZIA: ROIA (CSM), TOGHE ELETTE DAL POPOLO? PROPOSTA ... - Adnkronos/IGN
(Adnkronos) - ''Non si capisce il senso della proposta di Bossi, alla luce dei principi costituzionali e delle opinioni culturali che vogliono i magistrati non politicizzati''. Questo il commento del togato di Unicost al Csm, Fabio Roia, alla proposta...
Doping/ Sci fondo, magistratura austriaca indaga su Hoffmann - Virgilio
Spinta da un "ragionevole sospetto", la magistratura viennese sta infatti indagando sul conto dell'atleta 34enne. Gerald Tatzgern, portavoce dell'intelligence criminale austriaca, ha spiegato all'agenzia di stampa Apa che su Hoffmann grava il sospetto...

Magistratura democratica

Magistratura democratica è il nome di una delle associazioni in cui è organizzata al suo interno la magistratura italiana, in particolare con funzioni di rappresentanza nell'ambito degli organismi di autogoverno dell'ordinamento giudiziario, quali il Consiglio Superiore della Magistratura (CSM).

Fra gli organismi associativi della magistratura, Magistratura democratica si caratterizza per un'ispirazione ideologica maggiormente di sinistra ed improntata alla difesa dell'autonomia e indipendenza del potere giudiziario rispetto agli altri poteri dello stato, in un'ottica che per questo in passato ha spesso trovato punti di corrispondenza nell'azione politica del Partito Comunista Italiano e della sinistra extraparlamentare, e di partiti quali Rifondazione Comunista, i Comunisti Italiani e le correnti di sinistra del Partito Democratico nel contesto politico attuale. MD è stata fondata a Bologna il 4 luglio 1964, e ha visto progressivamente crescere il proprio peso all'interno dell'Associazione Nazionale Magistrati. Nel 1969 una scissione interna ha dimezzato i risultati alle elezioni dell'ANM del 1970 rispetto alle precedenti. Gli aderenti a MD si divisero in due parti: la prima rimase appunto all'interno di Magistratura Democratica, la seconda (guidata da Adolfo Beria d’Argentine) uscì da MD e confluì nel movimento "Impegno Costituzionale". Il gruppo di "Impegno Costituzionale" contestava lo spirito fanatico e antidemocratico dei membri di MD, e in particolare l'atteggiamento di ambiguità o di approvazione nei confronti dei militanti violenti delle organizzazioni di estrema sinistra e del nascente terrorismo . Nelle elezioni del 1999 e del 2003 è risultata seconda dietro al gruppo Unità per la Costituzione. MD è inserita nel circuito Medel (Magistrats Europèens pour la Dèmocratie et les Libertès), una rete di associazioni di magistrati di vari Paesi europei.

Magistratura democratica ha circa 900 aderenti in tutta Italia.

Gli Organi di Magistratura democratica sono: - Il Congresso costituito da tutti gli iscritti, che possono partecipare personalmente o a mezzo di delegati eletti secondo le norme dello statuto dell'Anm; ogni delegato non può rappresentare più di dieci aderenti; - Il Consiglio Nazionale composto da venti consiglieri, dieci uomini e dieci donne, eletti ogni due anni durante il Congresso; - Il Comitato Esecutivo composto dal Segretario Generale e da nove membri, eletti fra i componenti del Consiglio Nazionale; è presieduto dal Segretario Nazionale; - Le sezioni, costituite nell'ambito territoriale di ciascun distretto di corte d'appello o di più distretti finitimi; ogni assemblea di Sezione designa al suo interno un Segretario; le sezioni hanno una loro autonoma organizzazione interna.

I componenti del Consiglio Nazionale eletti dal XVI Congresso Nazionale, tenutosi a Roma dall'8 all'11 febbraio 2007, sono: Marisa Acagnino, Silvia Albano, Vittorio Borraccetti, Edmondo Bruti Liberati, Daniele Cappuccio, Linda D'Ancona, Donatella Donati, Valeria Fazio, Gianfranco Gilardi, Maria Rosaria Guglielmi, Giovanna Ichino, Manuela Massenz, Francesco Menditto, Luca Minniti, Rita Sanlorenzo, Giuseppe Santalucia, Emilio Sirianni, Anna Luisa Terzi, Fabrizio Vanorio e Francesco Vigorito. Il 3 marzo 2007 il Consiglio Nazionale ha poi eletto: il Presidente Edmondo Bruti Liberati ed il Segretario Generale Rita Sanlorenzo. Il Comitato esecutivo centrale, eletto il 3 marzo 2007, è composto dal Segretario Generale Rita Sanlorenzo e da: Marisa Acagnino, Silvia Albano, Linda D'Ancona, Donatella Donati, Valeria Fazio, Luca Minniti, Giuseppe Santalucia, Emilio Sirianni, Fabrizio Vanorio. Tesoriere nazionale è stato nominato Giuseppe Santalucia.

Per la parte superiore



Pool (magistratura)

In magistratura si intende per pool un'équipe di magistrati che si occupano di una stessa indagine. Il pool è un efficace strumento di indagine, ed è uno degli elementi fondamentali che hanno portato a risultati importanti come il maxiprocesso contro la mafia e l'inchiesta di Mani Pulite su Tangentopoli.

L'idea alla base del pool nasce in seguito all'assassinio di magistrati che si occupavano di indagini per mafia. Infatti, la gestione di un'indagine da parte di un unico magistrato di indagini "scottanti" lo espone chiaramente ad attentati che speravano di seppellire con lui anche gli scomodi segreti dell'inchiesta.

In un pool, invece, i magistrati che ne fanno parte condividono tra loro tutte le informazioni, mentre mantengono la massima segretezza verso l'esterno. Quindi, anche se venisse ucciso uno dei magistrati, esso potrebbe venire rimpiazzato e gli altri continuare a lavorare.

Per la parte superiore



Consiglio della Magistratura Militare

Il Consiglio della Magistratura Militare, anche CMM, è l'organo di autogoverno della Magistratura militare.

Il CMM non ha precedenti nella storia d'Italia, e neanche nei paesi vicini. Venne previsto con la Legge 30 dicembre 1988 n. 561, recante Istituzione del Consiglio della Magistratura Militare, e dal relativo regolamento di attuazione, il DPR 24 marzo 1989 n. 158, recante Norme di attuazione della legge 30 dicembre 1988, n. 561, istitutiva del Consiglio di Magistratura Militare, al fine di uniformare i magistrati militari ai magistrati ordinari, attribuendo al CMM le stesse attribuzioni previste per il Consiglio Superiore della Magistratura.

Il Consiglio ha, per i magistrati militari, le stesse attribuzioni previste per il Consiglio Superiore della Magistratura. In particolare provvede in materia di assunzioni, assegnazioni, trasferimenti, promozioni, procedimenti disciplinari e su ogni altro aspetto inerente lo stato giuridico dei magistrati militari, nonché sul conferimento di incarichi extragiudiziali e su ogni altra materia ad esso attribuita dalla legge. In relazione ai procedimenti disciplinari, al Ministro della giustizia e al Procuratore Generale presso la Corte di Cassazione sono sostituiti, rispettivamente, dal Ministro della Difesa e dal Procuratore Generale militare presso la Corte di cassazione. Il procedimento disciplinare nei confronti dei magistrati militari è regolato dalle norme in vigore per i magistrati ordinari. Il procuratore generale militare presso la Corte di cassazione esercita le funzioni di pubblico ministero e non partecipa alle deliberazioni.

Le deliberazioni del Consiglio sono adottate a maggioranza e per la loro validità è necessaria la presenza di almeno sei componenti, di cui tre elettivi. A parità di voti prevale il voto del presidente.

Il Consiglio dura in carica quattro anni.

Per quanto concerne lo stato giuridico dei componenti non magistrati del Consiglio si osservano le disposizioni relative al CSM , in quanto applicabili, ovvero la legge 24 marzo 1958, n. 195, e s.m. Il trattamento economico di tali componenti è stabilito con DPCM, su proposta del Ministro della Difesa, di concerto con il Ministro dell'Economia e delle Finanze, avuto riguardo alle incompatibilità, ai carichi di lavoro e alle indennità dei componenti del Consiglio Superiore della Magistratura eletti dal Parlamento.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia