Mac

3.3687834736284 (1307)
Inviato da maria 11/03/2009 @ 05:13

Tags : mac, apple, computer, high tech

ultime notizie
IT: arriva TerraTec H7, decoder PAY-TV terrestre per PC e MAC - Adnkronos/IGN
Equipaggiati con software per PC e MAC e con pieno supporto alla comunità Linux, questi prodotti assicurano un valore aggiunto al computer: componenti di alta qualità, pacchetto software completo, garanzia di 36 mesi, design ricercato,...
Harry Potter e il Principe per Mac dal 30 giugno - Macity
Nei negozi a partire dal 30 giugno, anche per Mac ma non in italiano. A partire dal 30 giugno sarà disponibile anche per Mac il nuovo videogioco Harry Potter e il Principe Mezzosangue. L'annuncio ufficiale è stato rilasciato da Electronic Arts e Warner...
Adium, l'istant messenger gratuito per mac os x è stato aggiornato - Italia News
Dal blog ufficiale dell'Adium (http://adium.im/blog/ ), il popolare software gratuito di instant messaging per Mac OS X arriva l'annuncio del rilascio della release 1.3.4. Risolti bug e problemi con la chat di Facebook con connessioni al suo serve più...
SecureMac MacScan 2.6.1: sicurezza su Mac - Macity
A differenza dei software anti-virus, MacScan è in grado di individuare, isolare e rimuovere cavalli di troia, spyware, cookie malevoli, keylogger unitamente a una corposa serie di software che mettono in pericolo il nostro Mac e soprattutto i dati...
Steve Jobs pescato su Amazon? - Punto Informatico
In una mail inviata a Cult of Mac un cracker, che si fa chiamare orin0co, ha affermato di essersi impossessato dell'account Amazon del CEO di Apple quando, circa due anni fa, mise in rete una pagina fasulla del sito di vendite online....
Apple rilascia Mac OS X 10.5.7 ed aggiorna Safari - Notebook Italia
Apple ha rilasciato un nuovo major update per il sistema operativo Mac OS X 10.5 Leopard, che giunge così alla versione 10.5.7 in attesa del lancio di Snow Leopard; la casa di Cupertino propone anche un aggiornamento per Safari 3 ed la nuova beta di...
Symantec e McAfee con l'iPhone nel mirino - Il Sole 24 Ore
Nei giorni scorsi, infatti, sia McAfee sia Symantec hanno confermato l'intenzione di rendere disponibili nuove soluzioni di sicurezza destinate al mondo Mac. McAfee starebbe lavorando sia a un pacchetto specifico per l'iPhone sia a uno per i computer...
Pulizie di primavera sul proprio Mac - NanoPress
Non ho mai capito perchè i padroni dei computer con la meletta provano sempre un tale istinto difensivo nei confronti delle performance del proprio Mac: come tutti i computer si riempiono di file spazzatura e di programmi che non usiamo più,...
L'hacker Dino Dai Zovi consiglia di usare Mac - oneBlog
Dino Dai Zovi è famoso per essere riuscito a violare la sicurezza di un Mac, in occasione del primo pwn2own, organizzato al cansecwest, ormai tre anni fa; successivamente, in collaborazione concharlie Miller (che invece ha vinto le ultime due edizioni...

Mac OS 9

Mac OS 9 è l'ultima versione del sistema operativo Mac OS classico. Venne rilasciato da Apple Computer il 23 ottobre 1999.

Considerata la versione più funzionale e stabile del Mac OS originale, l'OS 9 non era dotato di molte caratteristiche che i moderni sistemi operativi del tempo possedevano come la memoria protetta o il multitasking preemptive. Nonostante queste mancanze era un notevole miglioramento rispetto al Mac OS 8, era dotato della tecnologia OpenTrasport per le reti locali e del motore di ricerca Sherlock 2. A differenza delle precedenti versioni supportava nativamente più utenti senza bisogno di software di terze parti. Una caratteristica molto importante del OS 9 era che il codice era quasi totalmente codice PowerPC. Nelle versioni precedenti buona parte del sistema operativo era scritto in codice 68000 e veniva eseguito utilizzando un emulatore, ovviamente era una soluzione lenta e che consumava molte risorse. Il nuovo codice PowerPC rendeva il sistema operativo più veloce e più parco nell'uso delle risorse.

Apple aggiornò OS 9 con una serie di aggiornamenti minori che risolsero dei bug e apportarono delle migliorie. Tra i vari aggiornamenti conviene segnalare il 9.0.4 e il 9.1 rilasciati nel 2000 il primo e nel 2001 il secondo. Il 9.2 venne introdotto nel 2002 e la sua unica funzione era l'adattamento del Mac OS al fine di consentirgli di funzionare anche dentro l'ambiente Classic (Mac OS X) del Mac OS X. Tuttavia il Mac OS 9.2 era un sistema operativo indipendente e completo in grado di avviare i computer anche senza Mac OS X.

Nel maggio del 2002 durante l'Apple Worldwide Developers Conference a San Jose (California), il CEO dell'Apple Steve Jobs annunciò il "funerale" del Mac OS 9. Durante il keynote, apparve vestito di nero, con una bara. Quella presentazione molto teatrale serviva a sottolineare che Apple aveva bloccato lo sviluppo del Mac OS 9 e che quindi la versione 9.2.2 sarebbe stata l'ultima versione rilasciata da Apple.

Nonostante questo Mac OS 9 vive in milioni di computer Macintosh anche se da giugno 2004 non viene più fornito (insieme a Mac OS X) come componente del Power Mac ma va richiesto a parte quando viene ordinato. Per consentire un passaggio indolore delle applicazioni da Mac OS 9 a Mac OS X Apple oltre all'applicazione Classic ha previsto delle librerie chiamate Carbon che consentono ai programmi di funzionare sia su Mac OS 9 e che su Mac OS X.

Per la parte superiore



Mac OS X 10.4 Tiger

Mac OS X 10.4 (Tiger).png

Mac OS X 10.4 Tiger è il quinto aggiornamento principale del sistema operativo Mac OS X sviluppato dalla Apple Inc. per i computer Macintosh.

Il CEO di Apple Steve Jobs ha presentato un'anteprima di Tiger durante il keynote del Worldwide Developers Conference il 28 giugno 2004.

Il sistema operativo è stato ufficialmente presentato al pubblico il 29 aprile 2005 e il 6 giugno 2005 il CEO Apple ha annunciato che in sei settimane ne sono state vendute due milioni di copie rendendolo il sistema operativo Apple di maggior successo fino alla messa in vendita del sistema operativo Mac OS X 10.5 Leopard.

In ogni nuova versione del Mac OS X Apple apporta delle modifiche all'interfaccia grafica. In Tiger appare in alto a destra una lente di ingrandimento colorata di blu che se premuta attiva la tecnologia di ricerca Spotlight.

Sul piano dell'interfaccia grafica, c'è da aggiungere come altro concorrente KDE4, la versione del K Desktop Environment dedicato al mondo Linux.

Dopo la presentazione del sistema operativo Apple è stata citata a giudizio dal negozio on-line di hardware TigerDirect.com per violazione di un marchio registrato. Il negozio sosteneva che il nome del sistema operativo dell'Apple generava confusione tra i potenziali acquirenti del negozio. Il giudice del caso ha rigettato le accuse della TigerDirect.com affermando che la presunta confusione degli acquirenti è improbabile.

Apple è stata accusata dalla società Konfabulator di aver copiato il loro omonimo programma per realizzare Dashboard. Apple si è difesa sostenendo di essersi basata sulla vecchia tecnologia degli accessori da scrivania presente dal System 6.

Nel 2005 durante il Worldwide Developers Conference Steve Jobs CEO di Apple ha annunciato che la compagnia intendeva far migrare i computer Macintosh sotto architettura x86. Durante la conferenza ha mostrato una versione di Tiger funzionante su un PC dotato di processore Intel. Jobs affermò che la migrazione sarebbe iniziata nella seconda metà del 2006 e che, per facilitare la migrazione dei programmi, Apple avrebbe messo a disposizione degli sviluppatori il Developer Transition Kit, un kit di sviluppo basato su Tiger per x86 e su un PowerMac dotato di processore Intel.

Il kit di sviluppo include l'emulatore Rosetta, un programma nato per poter utilizzare programmi scritti per PowerPC su piattaforme Intel. Il kit di sviluppo è disponibile solo per gli sviluppatori certificati e non è in vendita all'utente finale.

Poco dopo la diffusione del kit di sviluppo sulle reti peer-to-peer sono iniziate a circolare copie contraffatte del sistema operativo in grado di essere installate anche su macchine non Apple, nonostante il sistema fosse dotato di alcuni elementi che avrebbero dovuto impedirne l'installazione.

Il 10 gennaio 2006, durante il Macworld di S. Francisco, Steve Jobs presentò, con sei mesi di anticipo sulla tabella di marcia, i primi Macintosh con processore Intel in vendita al pubblico, tutti venduti con una versione per x86 di Tiger 10.4.4 preinstallata. Questa versione di Tiger non è mai stata messa in vendita separatamente (in quanto i Mac con cpu x86 ne erano già dotati) e non ne è legalmente consentita l'installazione su macchine non Apple.

Per la parte superiore



Mac OS

Logo di Mac OS

Mac OS è il sistema operativo dedicato della Apple per i computer Macintosh a partire dal 1984. Il nome è l'acronimo di Macintosh Operating System. Mac OS fu il primo sistema operativo ad utilizzare con successo un'interfaccia grafica. Il gruppo di sviluppo che realizzò l'hardware e il software del progetto Macintosh comprendeva Bill Atkinson, Chris Espinosa, Joanna Hoffman, George Crow, Burrell Smith, Jerry Manock, Jef Raskin e Andy Hertzfeld.

Mac OS viene utilizzato particolarmente nell'editoria, nella grafica pubblicitaria, negli studi di registrazione musicali e per i piccoli uffici o per uso personale. Esistono comunque casi in cui sistemi Windows e Macintosh convivono normalmente nella rete aziendale.

Il sistema operativo del Macintosh originariamente non aveva un nome particolare, essendo parte integrante del prodotto. La versione 7 fu commercializzata semplicemente come "System 7", e con questo nome era conosciuta dagli utenti. Apple successivamente intraprese per un breve periodo la strategia di concedere il sistema operativo ad altri produttori di computer perché potessero realizzare cloni del Mac, e venne introdotto il nome "Mac OS" per distinguere il sistema operativo dai computer Macintosh prodotti da Apple.

La fama del Macintosh è dovuta in gran parte alla sua interfaccia utente grafica (GUI). Quando fu introdotto il Macintosh, nel 1984, esistevano altri sistemi con GUI, in particolare i computer Alto e Star realizzati nei laboratori PARC della Xerox, che lo stesso team di sviluppo del Mac visitò mentre lavorava al proprio progetto. La stessa Apple aveva già realizzato un computer con interfaccia grafica, il Lisa. Tuttavia, Macintosh fu il primo di questi computer ad avere un grande successo commerciale, e diede inizio alla diffusione di massa dell'interfaccia grafica.

Apple impiegò grandi risorse nello studio di un'interfaccia grafica semplice e intuitiva da usare, e il Mac fu il modello a cui aspirarono numerosi altri progetti di GUI. Ancora oggi, gli sviluppatori delle GUI per Linux dichiarano di avere Mac OS X come obiettivo da superare.

Altre caratteristiche peculiari del primo Macintosh (per l'epoca) furono l'utilizzo standard di un mouse e di un lettore per dischetti da tre pollici e mezzo. Il primo Mac era dotato di soli 128 KB di RAM, e la maggior parte del sistema operativo era contenuta in ROM. Gran parte del sistema operativo fu sviluppato in Assembler e il resto in Pascal. Le interfacce di programmazione, pubblicate nella collana Inside Macintosh, furono inizialmente specificate in questi due linguaggi. Il team di sviluppo originario del sistema operativo Macintosh comprendeva, fra gli altri, Jef Raskin e Bill Atkinson.

Il sistema funzionava sui processori CISC Motorola della serie 68000, utilizzati nei Macintosh per molti anni. Nel 1994 vennero lanciati i Power Macintosh basati sui processori RISC PowerPC, sviluppata da un consorzio comprendente Apple, IBM e Motorola, ed il sistema operativo venne gradualmente convertito in codice PowerPC. Questa operazione richiese molto tempo, per via della grande quantità di assembler 68k usato nel codice originale del Mac OS: per permettere un rapido passaggio ai processori RISC, venne sviluppato un nanokernel PowerPC su cui girava il Mac OS tradizionale, che sui primi PowerMac era costituito quasi interamente da codice 68k emulato grazie al Mixed Mode Manager, lo stesso meccanismo che permetteva l'esecuzione trasparente di tutti i vecchi programmi per Mac sui Power Macintosh. La quantità di codice nativo PowerPC nel Mac OS aumentò gradualmente nelle versioni successive, e con essa le prestazioni del sistema.

Mentre il Mac OS classico veniva gradualmente ottimizzato per la nuova architettura PowerPC, Apple aveva in mente di sostituirlo con un sistema operativo completamente nuovo; il vecchio Mac OS, infatti, soffriva ancora di molte limitazioni imposte dalle scarse risorse del Macintosh originale, come la mancanza del multitasking preemptivo e della memoria protetta. Dopo una serie di joint-venture (Pink, Taligent), Apple puntò sullo sviluppo di Copland, un nuovo sistema operativo basato sul nuKernel e che avrebbe dovuto offrire multitasking preemptivo e memoria protetta pur mantenendo la piena compatibilità con il software preesistente. Copland sarebbe dovuto diventare Mac OS 8, ma la cattiva gestione del progetto (in particolare il requisito della piena retrocompatibilità) portarono a grandi ritardi sulla tabella di marcia e, infine, all'abbandono del nuovo sistema. Mac OS 8 e Mac OS 9 vennero rilasciati, ma continuarono ad essere basati sulla tecnologia del System 7 (Blue).

Dopo il fallimento di Copland, Apple si rese conto che l'unico modo di avere un sistema operativo aggiornato in tempi brevi era adottarne un altro già esistente. Furono vagliate diverse possibilità, fra cui il BeOS, ma alla fine la scelta cadde su OpenStep di NeXT. NeXT era stata fondata dallo stesso Steve Jobs, che in precedenza aveva fondato Apple insieme a Steve Wozniak; con l'aquisizione di NeXT, Jobs tornò alla guida di Apple, e venne intrapreso lo sviluppo di un sistema che unisse la base UNIX di OpenStep con l'interfaccia grafica e le molte tecnologie ad alto livello del Mac OS. Il risultato di questa unione è stato Mac OS X, che nel giro di pochi anni ha completamente rimpiazzato il Mac OS 9, ribattezzato nel frattempo Classic. Per garantire la compatibilità con le vecchie applicazioni, rimase la possibilità di caricare, all'occorrenza, Classic all'interno di un apposito task di Mac OS X.

Il Mac OS versione 10, denominato Mac OS X, non è una semplice evoluzione del Mac OS Classic, ma è stato completamente riscritto e costituisce, di fatto, un sistema operativo diverso. Mantiene tuttavia una notevole retrocompatibilità con le vecchie applicazioni grazie alla possibilità di caricare, all'occorrenza, il Mac OS Classic all'interno di un apposito task.

Mac OS X è basato su piattaforma Unix (in particolare su FreeBSD e con microkernel XNU). Successivamente Apple ha reso liberamente disponibile parte del codice sorgente del sistema con una licenza Opensource. Ne esiste una versione ottimizzata per l'uso sui server, ossia Mac OS X Server.

A fine giugno 2005 giunse la notizia dell'adozione di CPU Intel per le macchine Apple, appositamente modificati per far funzionare il Mac OS X, uno storico cambiamento. Con questo strategia (da taluni inizialmente contestata, da altri applaudita), Apple ha inteso colmare il gap prestazionale presente nel campo dei portatili (visto che IBM non aveva ancora presentato una versione soddisfacente del G5 per questi computer) ma anche conquistare nuovi settori di mercato alla concorrenza. Forte della nuova architettura, Apple ha quindi dato la possibilità di eseguire in dual boot anche i sistemi Windows XP o Vista sui nuovi Mac basati su Intel, grazie allo sviluppo di Boot Camp, una piccola applicazione la cui versione definitiva è stata inclusa nel Mac OS X 10.5.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia