Londra

3.3683634373355 (1827)
Inviato da gort 25/02/2009 @ 12:16

Tags : londra, regno unito, europa, esteri, mercati, finanza

ultime notizie
CALCIO, LONDRA 2012: SOLO INGLESI IN NAZIONALE GB - La Repubblica
La Gran Bretagna schiererà un'unica selezione di calcio alle Olimpiadi di Londra 2012 ma utilizzerà soltanto giocatori inglesi. La federcalcio internazionale (Fifa) deve ancora ratificare il progetto. L'iniziativa quindi non coinvolge le federazioni di...
Londra celebra i 150 anni del Big Ben - La Repubblica
Si celebra il 31 maggio il 150esimo anniversario del Big Ben: il simbolo di Londra nel mondo. Il Big Ben è la torre con l'orologio più grande del mondo. E' alta 96,3 metri. La campana principale, il vero e proprio Big Ben, pesa 13,5 tonnellate....
Borsa Londra: Ftse 100 +0,69% su propensione al rischio - Borsa Italiana
MILANO (MF-DJ)--L'indice Ftse 100 chiude in rialzo dello 0,69% a 4417,94 punti su un aumento della propensione al rischio che spinge gli investitori verso i titoli ciclici come i minerari. L'aumento dei prezzi delle commodities aiuta anche i titoli...
Londra prosegue in buon rialzo, rally dei minerari - Finanzaonline.com
Giro di boa di seduta in deciso rialzo per la Borsa di Londra. L'indice Ftse 100 sale dell'1,37% a quota 4.447 punti. Ben impostato il comparto bancario con Barclays in salita dell'1,48% e Rbs dell'1,87%. Ina scesa anche i titoli minerari trainati al...
Londra e contorni, le pagine giuste per mangiare bene in Gran Bretagna - il Giornale
Senza ricorrere a statistiche, non c'è altra capitale europea più visitata da noi italiana di Londra. Il motivo della prima volta è lo stesso per tutti: parlare l'inglese e, possibilmente, pure impararlo fino a quando non diventa una seconda lingua,...
Treasuries in recupero a Londra dopo vendite, attesa dati - Reuters Italia
LONDRA, 29 maggio (Reuters) - I Treasuries Usa hanno quotazioni positive negli scambi europei, recuperando dopo le pesanti vendite di questo mese, in attesa di alcuni dati macro e risultati societari Usa in giornata che potrebbero dare ulteriori...
Borsa Londra: atteso avvio positivo per il ftse100 - Borsa Italiana
LONDRA (MF-DJ)--Atteso avvio in rialzo per la borsa di Londra, con il ftse100 che dovrebbe aprire la seduta in rialzo di 22,9 punti a quota 4.410. A sostenere il listino e' la performance positiva di ieri di Wall Street. L'attenzione e' ora rivolta ai...
Clima: mutamento uccide 300.000 persone - ANSA
LONDRA - Più di 300 milioni di persone nel mondo sono vittime delle malattie e dei disastri ambientali causati dal cambiamento climatico e in futuro la situazione sarà peggiore. A lanciare l'allarme è il "Rapporto sull'impatto umano: il cambiamento...
All'Hotel Londra seminario "Crisi economica e finanziaria: dai ... - Riviera24.it
È iniziato con un alta affluenza presso il G. Hotel Londra in Sanremo il seminario formativo “ Crisi economica e finanziaria: dai paradisi bancari allo scudo fiscale” organizzato da Confindustria Imperia, in collaborazione con lo Studio Lanteri...
Borse Europa, indici positivi anche se rallentano dopo dati - Reuters Italia
L'indice Ftse Eurofirst 300 avanza dello 0,41%, tra le singole piazze, Parigi sale dello 0,48%, Francoforte dello 0,25% e Londra dell'1,22%. "Scambiano in uno stretto range al rialzo e al ribasso, senza una chiara direzione. Abbiamo perso la spinta dal...

Londra

Londra - Stemma

Londra (inglese: London, , 7.512.400 ab.) è la capitale e la maggiore città del Regno Unito e dell'Inghilterra ed è situata nella parte meridionale della Gran Bretagna. Metropoli multietnica di rilevanza globale, una delle poche grandi capitali del mondo, è una città che ha enorme influenza in fatto di cultura, comunicazione, politica, economia e arte. Londra è la prima piazza borsistica mondiale, avendo recentemente superato New York, e i suoi cinque aeroporti internazionali ne fanno il più grande snodo del traffico aereo globale.

Londra è la città più popolata dell'Unione europea, con circa 7,5 milioni di abitanti. L'area metropolitana conta oltre 12 milioni di residenti e si estende per svariate decine di chilometri lungo valle del Tamigi, fino al suo enorme estuario, superando così, in termini di demografia, nazioni come Lussemburgo e Svizzera.

Gli abitanti, chiamati "londinesi" (londoners) appartengono alle più diverse nazionalità, religioni e culture; a Londra sono parlate oltre 300 lingue, più che in ogni altra città del mondo.

A Londra hanno sede numerose istituzioni, organizzazioni e società internazionali, a conferma del suo ruolo mondiale. Vi si trovano importanti musei, teatri e sale da concerto.

Lo status di capitale viene attribuito a Londra in base alla consuetudine e, attraverso il common law, è entrato a far parte della costituzione non scritta del Regno Unito. Non è, però, mai stato confermato ufficialmente, attraverso una legge scritta.

Al giorno d'oggi, il termine "Londra" si riferisce alla regione conosciuta come Grande Londra (Greater London), una conurbazione che conta 7,5 milioni di abitanti ed è composta da 32 Distretti più l'antica City of London (detta comunemente City).

Fino al 1889 la definizione "Londra" era riservata unicamente al miglio quadrato della City, da cui la città aveva avuto origine in epoca romana. In seguito alla sua enorme espansione, che aveva portato il tessuto urbano ad assorbire l'intera città di Westminster ed altri sobborghi, fu istituita la più vasta County of London, che copriva 303 km² e la cui vita durò dal 1889 al 1965: in tale periodo il termine Londra si identificò con quest'area, che oggi viene chiamata Londra Interna (Inner London).

Soppressa la County of London e costituita l'ancor più vasta Grande Londra (1965), il concetto si riferisce oggi a tale regione, che di fatto è un'immensa città che si estende su un'area di 1.577 km² e conta ad oggi una popolazione di 7,512,400 abitanti (2007).

L'intera area metropolitana è ancora più estesa, coprendo un'area 2.584 km² e comprendendo almeno 12 milioni di abitanti. Tuttavia è comune fra gli abitanti indicare come "Londra" il territorio interno all'autostrada anulare M25, che è poco più grande della Grande Londra ufficiale e conta una popolazione "cittadina" di circa 8 milioni di abitanti.

Londra si trova nel sud della Gran Bretagna, sulla riva destra del fiume Tamigi a poche ore dal Passo di Calais, che separa il Regno Unito dalla Francia. A nord si trova la città di Cambridge (nota sede universitaria) mentre a sud c'è quella di Brighton, famosa località turistica sul canale della Manica. A ovest invece si arriva alla cittadina di Windsor, nota residenza estiva della Corona Inglese,vicino all'aeroporto di Heathrow.

Il Tamigi è navigabile e Londra ha sfruttato questa caratteristica con un porto fluviale che, data la vicinanza al mare, è stato fino a pochi decenni fa uno degli scali più importanti del mondo. Il fiume, che la attraversa scorrendo da ovest a est, ha avuto un'enorme influenza sullo sviluppo della città. Londra è stata fondata sulla riva settentrionale del fiume che, per molti secoli, è stata collegata alla sponda opposta da un solo ponte, il London Bridge. Come conseguenza, il centro di gravità cittadino è posto storicamente nella parte a nord del Tamigi. Quando, a partire dal XVIII secolo, si costruirono nuovi ponti (il più famoso dei quali è il neogotico Tower Bridge) la città prese a espandersi in tutte le direzioni, favorita dal fatto che il suolo cittadino, una pianura alluvionale, non offre ostacoli alla crescita urbana. A Londra si possono trovare dei rilievi, ad esempio Parliament Hill e Primrose Hill, che comunque risultano irrilevanti nell'assetto urbanistico della città, la quale presenta, di conseguenza, un'estensione dalla forma vagamente circolare.

Un tempo il fiume aveva un letto più largo, che oggi è stato ristretto dagli argini. Analogamente, molti suoi affluenti sono stati incanalati in tubature sotterranee. Il Tamigi risente delle maree e così Londra è a rischio d'inondazione. Il problema è aggravato dalla lenta "inclinazione" della Gran Bretagna che, per motivi geologici, si sta alzando nella parte settentrionale e abbassando in quella meridionale. A fronte del pericolo, negli anni settanta si è costruita, a Woolwich, la Thames Barrier.

Il clima è temperato, con estati non esageratamente calde e inverni decisamente tiepidi rispetto alla latitudine (sono meno rigidi di Milano). D'estate difficilmente si superano i 33 °C, anche se temperature più elevate stanno diventando più frequenti. La temperatura massima mai registrata a Londra è stata di 39,7 °C all'aeroporto Heathrow durante la torrida estate del 2003. Le nevicate abbondanti sono una cosa del tutto inusuale: negli ultimi inverni le precipitazioni nevose sono avvenute al massimo un paio di volte e con accumuli sempre inferiori ai 25 mm. Sebbene sia diffuso lo stereotipo di Londra come città piovosa, la media annuale di precipitazioni è ben inferiore a quella di città come Roma o Sydney: 600 mm. Si tratta tuttavia di valutazioni quantitative e non temporali (a Londra le precipitazioni sono lievi ma più continue, mentre a Roma sono meno frequenti ma più abbondanti). Il gran numero di costruzioni ha creato un microclima londinese: il caldo viene "immagazzinato" dagli edifici, al punto che in città le temperature sono spesso superiori anche di 5 °C rispetto a quelle che si registrano nelle zone circostanti.

Originariamente città celtica, fu fortificata dai Romani che la chiamarono Londinium e la usarono come porto sul fiume Tamigi. Durante questo periodo Londra fu eretta a capitale della Britannia da parte dei Romani che la abbandonarono all'inizio del V secolo quando le legioni lasciarono l'intera isola.

Nel periodo medievale Londra accrebbe la sua importanza sancita anche dalla Abbazia di Westminster. In questa abbazia (da non confondere con la Cattedrale di Westminster, che è sede dell'arcivescovo cattolico) fin dal Medioevo vengono incoronati tutti i re d'Inghilterra. La residenza dei reali d'Inghilterra fu, fin dal periodo normanno, il castello-fortezza della Torre di Londra, dove oggi sono custoditi i gioielli della Corona.

Con il passare degli anni sulla Londra romana si sviluppò quello che oggi è il distretto finanziario (la City).

Londra si è poi notevolmente ingrandita in ogni direzione, inglobando campagne, boschi, villaggi e paesi. Dal XVI secolo alla prima metà del XX secolo è stata la capitale dell'Impero Britannico.

Nel 1666 un grande incendio distrusse gran parte della City. La ricostruzione durò una decina d'anni e vide all'opera il grande architetto Christopher Wren, che riedificò molte chiese distrutte, tra cui la Cattedrale di St. Paul, dove oggi riposano gli eroi della nazione britannica.

La crescita cittadina ebbe una grande accelerazione nel XVIII secolo e, agli inizi del XIX secolo, Londra era la città più grande del mondo.

L'amministrazione locale cercò di fronteggiare questa enorme espansione, specialmente per fornire adeguate infrastrutture alla città. A questo scopo, nel 1855 si creò il Metropolitan Board of Works. Nel 1889 il MBW venne liquidato e al suo posto fu istituita la County of London, governata dalla prima assemblea eletta da tutta la Londra "allargata", il London County Council.

Nel corso della seconda guerra mondiale Londra venne devastata dall'aviazione tedesca, la Luftwaffe, con largo uso di bombardieri durante la Battaglia d'Inghilterra e poi con i razzi V1 e V2. Le incursioni uccisero oltre 30.000 londinesi e distrussero ampie zone della città, tra cui i vecchi quartieri della city. Londra fu ricostruita in vari stili architettonici nei decenni successivi, e a ciò si deve l'eccessiva presenza di palazzi e grattacieli in pieno centro storico.

L'espansione esterna di Londra fu notevolmente rallentata a partire dalla fine della seconda guerra mondiale con l'adozione di diversi piani regolatori, tesi alla salvaguardia di un anello di verde intorno alla città (c.d. Green Belt; New Town).

Fino al cessate il fuoco del 1997, Londra fu un bersaglio regolare per le bombe dell'IRA che in questo modo cercava di spingere il governo britannico a negoziare con il Sinn Féin nell'Irlanda del Nord.

Il 6 luglio 2005, il Comitato Olimpico Internazionale ha designato Londra come sede dei XXX Giochi Olimpici moderni del 2012. Londra sarà così la prima città al mondo a ospitare tre edizioni dei Giochi, dopo la IV edizione nel 1908 e la XIV nel 1948.

Il 7 luglio 2005, in concomitanza con l'inizio del summit del G8 a Gleneagles, in Scozia, una serie coordinata di attacchi terroristici, condotti da estremisti islamici, colpirono i passeggeri di tre linee della metropolitana e di un autobus.

Quella mattina si fecero esplodere quattro uomini bomba, a partire dalle ore 08:50. Uno nella metropolitana di Aldgate nella City, un altro su un treno carico di viaggiatori che percorreva una galleria della Piccadilly Line, un terzo su un treno all'interno della stazione di Edgware Road. Circa un'ora dopo, alle 09:47, un ordigno portato da un quarto attentatore squarciò un bus a due piani della linea numero 30 che transitava per Russell Square.

Questi attentati hanno provocato 55 morti, oltre a diverse centinaia di feriti. Un'ulteriore serie d'attacchi si verificò il 21 luglio successivo, questa volta senza causare vittime.

Oggi la Grande Londra comprende la City of London e i 32 Distretti (inclusa la City of Westminster). Il fulcro dominante della vita di Londra è la City of Westminster (che comprende anche gran parte del West End), principale distretto culturale, d'intrattenimento e shopping, oltre che sede di gran parte delle principali società londinesi non operanti nel settore finanziario, e, infine, centro della politica.

La City of London (conosciuta semplicemente come City o Square Mile) è il principale centro bancario del mondo e il principale centro di affari europeo. Più di 100 delle 500 principali società europee hanno sede a Londra, mentre il mercato dei cambi è il più grande del mondo, con un cambio medio giornaliero di 504 miliardi di dollari, più di quelli di Tokyo e New York insieme. Affollatissima durante la settimana lavorativa, gran parte della City tende a calmarsi durante il fine settimana, essendo una zona poco residenziale. La City è una città nella città, infatti ha un suo sindaco il quale viene eletto solo dai suoi residenti (società finanziarie comprese).

Le principali attrazioni turistiche sono situate in centro, comprendendo: la City; il West End per cinema, bar, club, teatri, negozi e ristoranti; la City of Westminster con la Westminster Abbey, il palazzo reale di Buckingham Palace, Clarence House e altro, il Distretto di Kensington e Chelsea, con i suoi musei (lo Science Museum, il Natural History Museum, il Victoria and Albert Museum) e Hyde Park. Altre importanti attrazioni turistiche includono la cattedrale di San Paolo, la National Gallery, il Bankside di Southwark con il Globe Theatre, la Tate Modern e il London Bridge, il Tower Bridge e la Torre di Londra, Tate Britain, il British Museum a Bloomsbury. Oltre ai principali esposti, molti altri sono i luoghi di interesse in città.

La City, detta anche Square Mile (Miglio Quadrato), è il principale distretto finanziario del Regno Unito e uno dei principali del mondo. Essendo il centro storico della città, fondata in epoca romana, gode ancora oggi di alcuni privilegi: ad esempio non è considerato un Borough (Distretto) al pari gli altri 32 ma un'entità a sé, che è governata dalla Corporation of London, un antico organo presieduto dal Lord Mayor of London, e dispone di un proprio corpo di polizia che non è sotto il controllo di Scotland Yard.

Una volta dominata dalla cattedrale di San Paolo, negli ultimi decenni la City ha visto la costruzione di diversi grattacieli, tra i quali Tower 42 (fino al 1990 il più alto edificio britannico, in passato ed ancora oggi colloquialmente conosciuto come Nat West Tower) ed il recente 30 St Mary Axe, indicato anche come "Il Cetriolo" (Sexual Gherkin), completato nel 2003.

A Leicester Square si trova l'Avenue of Stars, la risposta londinese al Walk of Fame di Hollywood.

La popolazione residente nella City è decisamente scarsa (circa 9.000 abitanti), ma durante la giornata lavorativa nel Miglio Quadrato si affollano più di 300.000 persone.

Negli ultimi anni, l'eccessiva congestione della City ha fatto emergere come distretto finanziario alternativo la zona di Canary Wharf, nella parte Est di Londra (East London). La parte più urbanizzata di Londra tuttavia si estende ad Ovest della City, soprattutto nel cosiddetto West End.

Il West End è il principale distretto per i divertimenti e lo shopping. Il luogo più conosciuto della zona è senz'altro Trafalgar Square, mentre Oxford Street è una strada per lo shopping famosa in tutto il mondo. Oxford Street si interseca a Oxford Circus con un'altra celebre via londinese, Regent Street, che con le sue traverse è il centro principale dei grandi magazzini e dei grandi rivenditori di elettronica, hi-fi e computer. .. Fa parte del West End la zona di Soho, una rete di piccole strade ricche di pub, ristoranti, piccoli negozi, ma anche teatri, cinema e locali notturni. Vi hanno sede molte agenzie pubblicitarie e compagnie di produzione cinematografica e televisiva. Soho, considerato un quartiere a luci rosse per i molti locali e negozi in tema, ospita anche la più famosa comunità gay di Londra. Piccadilly è un'importante ed elegante arteria che congiunge Piccadilly Circus a est con Hyde Park Corner a ovest. Vicino si trovano il quartiere di Mayfair e Green Park. Regent Street e Bond Street sono altre vie molto importanti.

La maggior parte del West End è inclusa amministrativamente nella cosiddetta City of Westminster, che è uno dei 32 distretti di Londra ma paradossalmente ha anche lo status di città.

A East London si sono scritti molti capitoli della storia industriale cittadina. L'area è ora in fase di piena ricostruzione (progetto Thames Gateway). I progetti di riqualificazione urbana in questa parte della città sono stati la carta vincente per l'assegnazione a Londra delle Olimpiadi del 2012 e, per preparare l'evento olimpico, sono stati pianificati nuovi ed estesi interventi. Per la seconda volta nella storia moderna, East London è al centro di un vasto programma urbanistico. La prima fu dopo la seconda guerra mondiale, quando, per rimediare alle distruzioni dei bombardamenti, si costruirono squallidi complessi residenziali ed enormi condomini.

L'East End è prossimo al vecchio porto di Londra e per questa ragione è stato tradizionalmente il luogo in cui gli immigrati, arrivati via mare, trovavano la loro prima residenza londinese. Questo fecero gli Ugonotti francesi, i belgi, gli ebrei, gli italiani, gli indiani del Gujarat, i pakistani e le molte altre etnie che, nei secoli, hanno cercato a Londra una vita diversa.

L'East End parte dal lato orientale della City, e comprende zone come Whitechapel, Mile End, Bethnal Green, Hackney, Bow e Poplar. Vi si trovano vari luoghi d'interesse turistico, come i mercati (ad esempio il Columbia Road Flower Market e quelli a Spitalfields, Brick Lane, Petticoat Lane) e diversi musei, come il Geffrye Museum ed il Museum of the Childhood a Bethnal Green.

L'East End ha confini incerti. È la zona popolare per eccellenza, abitata dai londinesi cockneys. La sua storia, a volte vista in chiave romantica, è fatta di umorismo e valori della classe operaia, ma anche di delitti come quelli di Jack lo Squartatore a Whitechapel, crimine organizzato, gangsters come la Banda Kray, povertà affrontata e resa sopportabile dalla tenacia britannica. La verità, forse un po' cruda, è che nell'East End si concentrano alcuni dei quartieri più poveri del Regno Unito, con tutti i problemi che ciò comporta.

Le Docklands, all'Isola dei Cani, si sono sviluppate enormemente a partire dai primi anni ottanta. All'inizio di quel decennio molti magazzini abbandonati nell'area di Wapping cominciarono a essere trasformati in studi per artisti e loft a basso costo. Ciò attirò sulla zona l'intresse degli immobiliaristi che, all'inizio gradualmente e poi con ritmo sempre più veloce, cominciarono ad acquistare i magazzini, per riconvertirli. La London Docklands Development Corporation (LDDC), venne fondata nel 1981 per incoraggiare il processo. La prima fase di risistemazione dell'area culminò nel Canary Wharf, un complesso direzionale il cui elemento più noto è il grattacielo per uffici al n.1 di Canada Square (spesso impropriamente indicato come "Canary Wharf Tower"), che è l'edificio più alto del Regno Unito dal 1991.

Molti altri grattacieli sono stati costruiti negli ultimi anni e molte importanti società (banche, studi legali, etc.) hanno trasferito la loro sede nella zona dei Dock. Sono state completate, e sono in uso, le nuove sedi di HSBC, Barclays, come pure il centro direzionale europeo di Citigroup.

A seguito di questo sviluppo, molti bar, ristoranti e locali notturni hanno aperto i battenti, così come un cinema e tre centri commerciali. La ferrovia leggera (Docklands Light Railway, o DLR) fa da collegamento alla metropolitana di Londra, alle stazioni di Bank, Shadwell, Canning Town e Stratford.

Anche il profilo dei residenti è cambiato e si è assistito al processo che gli anglosassoni definiscono gentrification (gentrificazione, in italiano), ossia alla trasformazione di una zona operaia in un quartiere per la middle class o anche per la upper class. A nord del Tamigi, intorno al Limehouse basin e in direzione di Wapping, come a sud del fiume, a Rotherhithe, i vecchi magazzini e i bacini in disuso si sono trasformati in complessi di loft e appartamenti ad alto prezzo per venire incontro alle esigenze abitative di banchieri, addetti all'industria del software e in genere di tutti i professionisti che lavorano nella zona.

Un poco più a est, nel distretto di Newham, sorgono il London City Airport e l'ExCeL Exhibition Centre.

West London è conosciuta per alcuni suoi eleganti quartieri residenziali, fra tutti Notting Hill, reso ancor più famoso dall'omonimo film del 1999 con Hugh Grant e Julia Roberts. Chelsea e Kensington sono i luoghi con il maggiore costo della vita di tutto il paese. Fanno parte del distretto pure il mercato dell'antiquariato a Portobello Road e King's Road, un'elegante via commerciale.

Più ad ovest, a White City, vicino Shepherd's Bush, si trova il centro principale della BBC, mentre nel margine più occidentale, nel distretto di Hillingdon, è situato l'aeroporto di Heatrow.

Considerato più a sud ovest, che a West London, è Richmond upon Thames, l'unico distretto londinese ad essere tagliato al centro dal Tamigi. Comprende i due attraenti quartieri di Richmond e Twickenham. In questo angolo di Londra si trovano il parco più grande della città, Richmond Park, e la sede della nazionale inglese di rugby, il Twickenham Stadium.

South London comprende distretti come Wimbledon (famoso come sede dell' omonimo campionato di tennis), Bermondsey e Dulwich. La ricostruzione di Elephant and Castle, un distretto vicino al centro, dovrebbe iniziare nel 2006.

Greenwich è un quartiere storico. Vanta un bel parco ed il famoso Osservatorio. Vi si svolge un popolare mercato.

A Brixton, Camberwell e Peckham si sono stabiliti molti immigrati a Londra dalle isole dei Caraibi durante gli anni '50, '60 e '70. Costoro, ed i loro discendenti, sono indicati a volte come Afro-Caraibici.

Streatham è un quartiere residenziale e fa parte del London Borough of Lambeth. Si trova vicino al quartiere Wandsworth Common ed è collegato al centro della città grazie ad una ferrovia, la Southern Service che opera in tutta la zona meridionale di Londra.

La Greater London si divide nella City of London più 32 distretti, i London Boroughs. I boroughs sono la principale forma di governo locale a Londra e svolgono molti servizi civici nelle aree di competenza. La City, dal canto suo, non è retta da un governo cittadino convenzionale, ma dalla storica Corporation of London.

La Greater London Authority (GLA) è il corpo amministrativo, con competenza su tutta Londra, responsabile del coordinamento tra le politiche dei bouroughs, della pianificazione strategica urbana e di gestire servizi estesi a tutta la città, come la polizia, i pompieri ed i trasporti.

La GLA è composta dal Sindaco e dal Consiglio cittadino.

Il sindaco in carica, Boris Johnson, è stato eletto come candidato conservtore nelle elezioni del 2008 dopo gli otto anni di amministrazione laburista di Ken Livingstone. Livingstone era stato espulso dal Partito Laburista, quando rifiutò di sostenere Frank Dobson, il candidato ufficiale del partito. Riammesso al Labour nel 2004, Livingstone è stato rieletto alla carica di sindaco come candidato ufficiale di quel partito nelle elezioni tenute lo stesso anno.

La Greater London Authority è stata creata nel 2000. In precedenza, nel 1965, era stato istituito il Greater London Council (GLC), abolito poi nel 1986, dopo diversi litigi tra lo stesso GLC (guidato, anche allora, da Ken Livingstone) ed il governo conservatore di Margaret Thatcher.

Nel passato, corpi amministrativi con competenza estesa su tutta Londra furono il Metropolitan Board of Works (MBW) tra il 1855 ed il 1889, il London County Council (LCC), dal 1889 al 1965, sostituito con il già citato GLC. Quando quest'ultimo fu abolito, gran parte delle sue funzioni furono devolute ai boroughs, oppure ad organismi non elettivi, come gli Joint-boards (nel Regno Unito, gli Joint-boards sono unioni tra diverse autorità, per fornire assieme un determinato servizio. I loro consigli direttivi sono nominati dalle autorità consorziate). Le autorità dei boroughs, che con la soppressione del GLC avevano goduto di una maggiore autonomia, hanno dovuto restituire alcuni poteri alla neonata GLA, ma mantengono comunque la competenza in certi ambiti che non controllavano fino all'abolizione della GLC.

Londra è rappresentata in Parlamento da 74 deputati, eletti in altrettanti collegi.

Il Metropolitan Police Service, più conosciuto come Metropolitan Police o, semplicemente, "the Met", è il corpo di polizia con competenza sui 32 distretti. La City ha una sua forza di polizia autonoma, la City of London Police.

Con l' aumento dell' industralizzazione tra il XIX e il XX secolo, la popolazione di Londra si sviluppò grandemente, arrivando a renderla la città più popolata del mondo, fino al sorpasso, nel 1925, ad opera di New York. Raggiunse il picco massimo di popolazione nel 1939 con 8.615.245 abitanti, mentre a metà 2006 la popolazione della Grande Londra era stimata in 7.512.400 residenti. Ad ogni modo, l' area urbana della capitale inglese si estende oltre i confini della 'Grande Londra', arrivando a includere una popolazione di 8.278.251 abitanti nel 2001, mentre la sua area metropolitana possiede dai 10 ai 12 milioni di abitanti, a secondo delle stime. Londra è inoltre una delle più popolose città e area metropolitana dell' Unione europea.

Quando papa Gregorio I, nel 597, inviò Agostino di Canterbury per evangelizzare la Britannia, aveva l'intenzione di nominarlo "Arcivescovo di Londra", dal momento che la città era stata la capitale della provincia romana. In realtà, il santo venne ricevuto con maggiore ospitalità nel regno del Kent e così la sede arcivescovile fu stabilita a Canterbury. Nonostante ciò, Londra è stata il centro della vita religiosa del paese per gran parte della sua storia e l'arcivescovo di Canterbury ha sempre trascorso gran parte del suo tempo nella capitale del regno, dove ha una residenza ufficiale a Lambeth Palace. Londra è sede di due vescovati anglicani: quello di Londra, a nord del Tamigi, la cui cattedrale è la barocca St Paul (progettata da Christopher Wren) e Southwark, a sud del fiume. Le cerimonie di Stato e quelle legate alla Casa Reale si dividono tra St Paul e la Westminster Abbey, una chiesa in stile gotico che ha le dimensioni di una cattedrale. Come nel resto del Regno Unito, a Londra la percentuale di praticanti è bassa e la Chiesa d'Inghilterra ha subito il declino più delle altre confessioni religiose.

L'Arcivescovo di Westminster è generalmente considerato come il capo della Chiesa cattolica in Inghilterra e Galles.

Altre confessioni protestanti hanno sede a Londra. Tra loro la United Reformed Church ed i Quaccheri. Non mancano molte chiese evangeliche. Oltre due terzi degli ebrei che risiedono nel Regno Unito abitano nella capitale, rendendo quella di Londra la tredicesima comunità ebraica del mondo.

Un ragionamento a parte va fatto per le fedi degli immigrati. Molti immigrati cristiani appartengono alle varie declinazioni della Chiesa Ortodossa.

Londra è il maggior centro dell'Islam nel Regno Unito. Due boroughs hanno la maggior percentuale di musulmani nel paese: sono Tower Hamlets e Newham. La Moschea centrale di Londra è un elemento molto conosciuto del paesaggio vicino a Regent's Park e nel resto della città le moschee sono numerose.

Londra ha anche la più importante popolazione Indù al di fuori dell'India. Southall, nella parte occidentale della città, è uno dei distretti che ospitano maggiormente gli induisti. Il Neasden Temple è il più grande tempio indù fuori dai confini dell'India. È costruito secondo lo stile tradizionale e molte delle sue elaborate sculture marmoree sono state eseguite in India. Anche gli Hare Kṛṣṇa sono una vista comune in città.

Nel censimento del 2001 il 71,15% dei sette milioni e mezzo di abitanti di Londra era classificato come appartenente al gruppo etnico "bianco", di cui il 59,79% ai "bianchi britannici", il 3,07 ai "bianchi irlandesi" e il 12,09% agli "asiatici britannici", che includono: Indiani, Pakistani, Bangladesi e "altri asiatici" (che possono includere persone provenienti dallo Sri Lanka, dalla penisola araba e dall' Asia meridionale). Il 10.91% si dichiarava invece appartenente al gruppo etnico dei "neri brittanici" (circa il 7% sono "neri africani", il 4,79% "neri caraibici" e lo 0,84% appartenente a "altri neri"), il 3,15% risultava di "razza mista", l' 1,12% cinese e l'1,58 appartenente a "altro" (principalmente filippini, giapponesi, coreani, vietnamiti e altri "orientali britannici"). Il 21,8% è nato al di fuori della Unione europea. Gli Irlandesi, provenienti sia dall' Irlanda che dall' Irlanda del Nord, sono approssimativamente 200.000.

La tabella sulla destra mostra la nazione di nascita dei residenti di Londra aggiornata al 2001, data dell'ultimo censimento del Regno Unito. Si noti come una parte della popolazione originaria della Germania sia probabilmente figlia dei cittadini britannici che servono le forze armate britanniche di stanza in Germania.

Londra è stata meta di immigrazione per interi secoli, sia per motivi di sicurezza sia per motivi economici. Ugonotti, Ebrei dell' Europa orientale e Ciprioti sono esempi di migrazioni dovute a problemi di sicurezza, invece irlandesi, Bangladesi e indiani possono essere riportati come esempi di migrazione dovuta a migliori aspettative economiche. Il quartiere di East End, nei dintorni di Spitalfields, è stato il quartiere di "approdo" di differenti gruppi etnici, che da questo distretto si sono poi mossi altrove all' interno della città in cerca di prosperità.

Londra produce ogni anno beni e servizi per complessivi 365 miliardi di dollari, che corrispondono al 17% del Prodotto Interno Lordo di tutto il Regno Unito.

Il dato si riferisce alla sola Greater London. La rilevanza sul prodotto nazionale dell'intera area metropolitana londinese è, ovviamente, ancora maggiore. I dati sono incerti, come i confini dell'area metropolitana. Forse il PIL della Londra "allargata" ammonta a 600 miliardi di dollari, equivalendo così a quello dei Paesi Bassi.

La City è il centro finanziario di Londra, sede di banche, brokers, assicurazioni, studi legali e società di revisione contabile. Un secondo distretto finanziario si è sviluppato a Canary Wharf. È indubbiamente su un gradino inferiore rispetto alla City, ma ha egualmente occupanti prestigiosi, come le sedi centrali di banche come HSBC e Barclays, dell'agenzia di stampa Reuters e di Clifford Chance, il più grande studio legale del mondo.

Le sedi delle aziende non finanziarie sono sparse nei vari quartieri di Central London. Qualcuna è nella City, ma la maggior parte si trova un po' più ad ovest, a Mayfair, St. James's, sullo Strand, o in altre zone. Oltre la metà delle 100 società dell'indice FTSE hanno sede a Central London, e più del 70% nell'area metropolitana di Londra. La capitale britannica è pure un primario centro mondiale per la fornitura di servizi professionali, come dei media e dell'industria della pubblicità. Il 31% delle transazioni valutarie mondiali avvengono a Londra, dove l'ammontare dei dollari scambiati è superiore a quella di New York e dove si trattano più Euro che in tutte le altre città d'Europa messe insieme.

Il turismo è una delle più fiorenti industrie del Regno Unito e di Londra in particolare. Nel 2003, 350.000 londinesi erano impiegati nel settore turistico. .

Anche se il Porto di Londra è ora solo il terzo del Regno Unito in ordine di grandezza, e non più il primo al mondo, come era un tempo, tratta ancora merci per 50 milioni di tonnellate all'anno. I bacini più importanti sono ora a Tilbury, fuori dai confini della Greater London.

Londra è considerata (assieme a Milano, Parigi e New York) una delle quattro capitali mondiali della moda.

A Londra esistono molti spazi aperti: dai nove Parchi Reali, antiche riserve di caccia aperte al pubblico (Green Park, St James's Park, Hyde Park e Kensington Gardens nel West End, Regent's Park a nord del centro città, Greenwich Park, Bushy Park, Richmond Park in periferia) e Brompton Cemetery ai molti giardini del centro costruiti ad uso dei privati residenti ed oggi spesso aperti a tutti.

Molti dei parchi comunali nacquero nella prima metà del XX secolo e fra questi si ricordano Victoria Park, Alexandra Park e Battersea Park. Molti altri grandi spazi verdi, più selvaggi e meno formali, sono in periferia, come Hampstead Heath, Wimbledon Common ed Epping Forest. I più importanti giardini a pagamento infine sono i Royal Botanic Gardens a Kew e quelli di Hampton Court.

Nella parte nord di Londra troviamo il Trent Park che circonda una villa storica e ora forma il campus della celebre Middlesex University.

I trasporti pubblici di Londra non sono solo mezzi di trasporto, ma veri e propri simboli nazionali, il che fa di loro i mezzi pubblici più famosi e riconosciuti al mondo. L'intera rete dei trasporti cittadini è controllata dalla Transport for London, che provvede alla gestione dei servizi di autobus, taxi, tram, metropolitana, traghetti e parte della rete ferroviaria urbana. I trasporti interurbani (treni e aerei) sono invece controllati da società private, delle quali la più grande ed importante è la British Airports Authority (BAA), a cui è affidata a Londra la gestione degli aeroporti di Heathrow, Gatwick e Stansted.

Il trasporto pubblico londinese comprende la London Underground (metropolitana), la London Overground, la DLR, il Tramlink e i servizi autobus e fluviali urbani. Tutti questi mezzi sono accessibili tramite biglietto singolo, Travelcard (abbonamenti al servizio di trasporto pubblico, disponibili per 1 giorno, 3 giorno, 7 giorni, mensili ed annuali) o Oyster Card (carte elettroniche ricaricabili da usare con appositi lettori alle stazioni e sugli autobus, sostitutive dei biglietti tradizionali e caricabili con abbonamenti). Sui traghetti non si possono usare le Oyster Card ma è possibile ricevere sconti mostrandola. Le tariffe sono stabilite secondo una divisione in zone dell'intera area urbana londinese, da 1 a 9, su cui si basano anche i prezzi degli abbonamenti, a seconda delle zone attraversate/attraversabili. L'uso di Oyster Card permette forti sconti sulle tariffe "pay-as-you-go" (rispetto ai biglietti normali, la tariffa singola degli autobus varia da 3 sterline a 0.90), e sconti maggiori sono disponibili sulle tariffe e sugli abbonamenti settimanali, mensili ed annuali per i possessori di speciali Oyster Card per bambini, 16-17enni e studenti universitari. I bambini non pagano sugli autobus ed in certi casi possono entrare gratis in altri mezzi di trasporto se accompagnati da adulti. I taxi non si basano su tali zone nè prevedono tali mezzi di accesso.

La London Underground (detta "The Tube") è stata la prima metropolitana ad essere costruita, ed è oggi la più grande come lunghezza delle rotaie nel mondo. Ha cominciato a funzionare il 10 gennaio 1863, sul tratto allora chiamato Metropolitan Railway: da qui è derivato il termine odierno "metropolitana". Oggi la maggior parte della linea originaria costituisce la linea Hammersmith & City.

La metropolitana di Londra serve 274 stazioni, suddivise in 12 linee, e viaggia complessivamente su 408 Km di linee. Nel 2004-2005 la metro raggiunse un record di passeggeri di 976 milioni, una media di 2,67 milioni al giorno. Il 55 % dei tratti della metropolitana si trova in superficie e non sottoterra.

È sicuramente il mezzo più veloce per muoversi a Londra, oltre che uno dei più convenienti; è possibile sperimentare talvolta fermate prolungate a causa di guasti, per l'antichità di molte linee, anche se ultimamente é stato avviato un immenso lavoro di ristrutturazione, con chiusure ed interruzioni periodiche di tratti o di linee intere per sostituzione delle rotaie e dei mezzi di segnalazione. Viaggiare nella metropolitana di Londra comporta comunque lunghi tratti a piedi per raggiungere i treni, a discapito della comodità, e il labirinto di linee può confondere se non si è esperti e non si ha una mappa con sè.

Altro simbolo di Londra sono i famosi autobus rossi, ad un piano ("single-decker") o a due piani ("double-decker"). Divisi in servizi diurni, notturni (contraddistinti dalla "N" prima del numero del servizio) e "24-hour", il servizio autobus copre l'intera area urbana di Londra. Spesso sono utilizzati come mezzo sostitutivo in caso di chiusura dei mezzi di trasporto pubblico su rotaia (Underground, Overground, DLR). Molti autobus partono dalla Victoria Coach Station, situata all'esterno della Victoria Rail and Underground Station.

La Docklands Light Railway (DLR) è un servizio ferroviario leggero operante nella zona est di Londra. Si estende a nord fino a Stratford, a sud fino a Lewisham, ad est fino a Woolwich Arsenal, in apertura nel 2009, e si collega col centro alle stazioni di Bank (City of London) e Tower Gateway, vicino alla stazione di Tower Hill (Underground). La DLR è usata prevalentemente come collegamento per il London City Airport, il Cutty Sark e Canary Wharf. Future espansioni (per ora solo proposte) raggiungeranno grandi stazioni ferroviarie del centro, quali Charing Cross, Euston e King's Cross.

L'Overground comprende oggi le linee North London (tra Richmond e Stratford), West London (tra Willesden Junction e Clapham Junction), Watford DC (tra London Euston e Watford Junction e Gospel Oak - Barking. A queste sarà inclusa nel 2010 la linea East London, facente parte fino al 22 dicembre 2007 della rete Underground, e da quella data chiusa per i lavori di trasformazione.

Il Tramlink è il servizio tram operante nel sud di Londra. Si estende da Wimbledon, a nord, fino a Beckenham Junction, Elmers End e New Addington a sud. Comprende oggi tre linee, che in futuro saliranno a quattro, collegandosi ad aree più periferiche del sud di Londra.

I Black cabs londinesi sono un indiscusso simbolo di Londra. Dotati di un massimo di 5 posti per i passeggeri, sono i mezzi più comodi per chi ha dei bagagli o semplicemente desidera viaggiare senza la confusione di autobus e metropolitana. Ogni giorno migliaia di Londinesi e di turisti usano questi veicoli i cui autisti sono diventati leggenda per la loro conoscenza enciclopedica della capitale britannica e di tutte le sue strade.

La versione odierna dei Black cabs è chiamata TX1, che segue la linea della vecchia FX4 ma con interni molto più moderni. Un nuovo taxi oggi può costare dalle 25.000 sterline in su, e la licenza di guida a Londra per i tassisti viene ritirata dopo 10 o 12 anni e centinaia di migliaia di miglia di servizio. Inutile dire che i taxi che non possono più circolare sono un vero tesoro da collezione per gli appassionati.

Nonostante il nome, i Black cabs possono essere anche verdi, gialli, blu; le caratteristiche che lo contraddistinguono sono la forma caratteristica e la scritta "TAXI" in giallo in alto, che li differenzia da taxi privati e/o abusivi. Questi mezzi di trasporto sono considerati molto cari (il trasporto andata e ritorno tra l'aeroporto di Heathrow e il centro di Londra può costare in tutto intorno alle 90 sterline, contro le 26-27 sterline del viaggio in treno e le poche sterline della metropolitana), ma sono perfetti per viaggiare velocemente in centro città. I tassisti londinesi faranno di tutto per raggiungere la destinazione il più presto possibile. È utile per i passeggeri aggrapparsi alle maniglie sopra i finestrini per non essere sballottati a destra e a sinistra per tutto il viaggio.

I trasporti lungo il Tamigi, completamente navigabile, sono anch'essi una consuetudine vecchia di secoli a Londra, risale infatti al 1555 la fondazione da parte del governo inglese della Company of Watermen and Lightermen, a scopo di controllo dei navigatori fluviali per il trasporto di merci e di passeggeri, che è tutt'ora esistente.

Oggi viaggiare sui traghetti non è più così popolare rispetto agli altri mezzi pubblici disponibili, ma rappresenta una delle attrazioni turistiche più affascinanti e suggestive dell'intera città. Nel 1997 la Cross River Partnership (CRP), un consorzio di autorità pubbliche e locali, organizzazioni private del settore e corpi di volontariato, iniziò a lavorare per lo sviluppo di numerose proposte per l'iniziativa della Millennium Commission denominata Thames 2000, per il potenziamento del sistema di trasporto fluviale moderno della città.

I moli di Londra (in inglese: piers) sono sparsi lungo tutto il corso del fiume. Il controllo dei servizi dei moli più importanti, concentrati dalla zona della Tate Gallery fino alla riva nei pressi della Torre di Londra, più Greenwich, è affidato alla London River Services (LRS), controllata dalla Transport for London (TfL) e dalla più grande Greater London Authority (GLA), la quale ha gradualmente acquisito nel 1999 l'autorità di giurisdizione sugli attracchi precedentemente controllati dalla Port of London Authority (PLA), e che provvede ora alla costruzione di nuovi attracchi e allo sviluppo dei trasporti fluviali londinesi.

Molti altri sono comunque i moli non controllati dalla LRS, quali il Savoy pier, il London Bridge City pier, il St. Katherine's pier, tutti presenti nella stessa zona, e i moli delle Docklands, verso est.

La LRS supporta comunque finanziariamente alcuni trasporti pubblici detti riverbus (il Thames Clippers riverbus service), i cui traghetti collegano il Savoy Pier al Masthouse Terrace pier, con viaggi in certi orari estesi fino al Greenwich pier ed al Woolwich Arsenal pier, che oggi viaggiano con una frequenza di uno ogni 15 minuti.

I bambini possono iniziare ad andare a scuola a 3 anni "Playgroup or Playschool"; a 4 anni frequentano la "Nursery School". Entrambe corrispondono agli asili nido italiani. la scuola elementare "Primary School" inizia a 5 anni e termina a 11; la scuola secondaria "Secondary School" inizia a 12; gli studenti possono smettere a 16 anni, ma molti continuano fino al conseguimento di un certificato di riconoscimento. Le scuole secondarie possono essere: - State School, o scuole pubbliche, che si suddividono a loro volta in Comprehensives (preparano gli alunni a tutte le facoltà universitarie) e Selective (scelgono gli alunni). La maggior parte delle scuole è mista. Le scuole private vengono chiamate "Public schools" tutti devono indossare un'uniforme. La giornata scolastica inizia alle 8.30 e si protrae fino alle 3.45; alle 12.30 c'è una pausa pranzo nella mensa ("school canteen"). Alcuni ragazzi mangiano cibo che si portano da casa ("packed lunch"). Sede di università, college e scuole, Londra ha una popolazione studentesca di circa 378.000 persone ed è un centro di ricerca e di sviluppo. Le scuole secondarie e primarie di Londra seguono lo stesso sistema del resto dell'Inghilterra.

A Londra c'è la University of London, che è una federazione di college con 125.000 studenti che include 20 università londinesi, 12 istituti e 2 università fuori Londra e rappresenta uno dei più grandi istituti universitari europei. In più, ci sono altri college singoli, per un totale di 30 università. Sono università ricche di opere d'arte dove l'insegnamento è a dir poco prestigioso. Un'altra università ben nota a Londra è la City University, London, una delle università migliori per occupazione post-laurea.

Londra ha ospitato le Olimpiadi nel 1908 e nel 1948. Dal momento che anche la XXX Olimpiade, prevista per il 2012, si svolgerà nella capitale inglese, questa è diventata la prima città al mondo ad essere stata scelta come sede di tre Olimpiadi estive.

Londra ha offerto l'ambientazione a molte opere letterarie. Il memorialista Samuel Pepys descrisse nel suo diario fatti drammatici di cui era stato testimone diretto, come la Grande peste del 1665 ed il Grande incendio del 1666. La cupa e nebbiosa città ottocentesca, popolata da poveri, spazzacamini e tagliaborse rappresentata nelle opere di Charles Dickens ha influenzato notevolmente l'immagine che molte persone hanno della Londra Vittoriana.

La famosa biografia di Samuel Johnson (autore del famoso aforisma, "When a man is tired of London, he is tired of life!" riportato anche all'inizio di questa voce) scritta da James Boswell si svolge per la maggior parte a Londra.

Nella capitale britannica si svolgono molte avventure di Sherlock Holmes, il detective inventato da Arthur Conan Doyle: a Londra si può visitare la sua casa in Baker Street, dove ancora oggi giungono centinaia di lettere per chiedere aiuto per la risoluzione di casi inspiegabili. Scrissero di Londra anche Daniel Defoe (Moll Flanders, Diario dell'anno della peste) e Joseph Conrad (L'agente segreto); inoltre Jack London fece un'aspra critica delle condizioni in cui versavano i poveri dei sobborghi di Londra nel libro/saggio (il popolo degli abissi(the people of the abyss (1903)). Tra le altre opere famose ambientate in questa città vi sono Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde di Robert Louis Stevenson e "Peter Pan" di James Matthew Barrie (ambientato nei Kensington Gardens, dove si può oggi ammirare persino una statua dedicata a Peter Pan). Ambientata a Londra è anche la storia di Harry Potter: il binario 9 ¾, citato nel primo libro della saga, si troverebbe nella stazione ferroviaria di King's Cross, dove si può oggi notare tale scritta su uno degli archi tra i binari 9 e 10 della stazione.

Per la parte superiore



Storia di Londra

Londra nel 1300.

La storia di Londra, la capitale del Regno Unito, data da oltre 2.000 anni addietro. In questo periodo la città si è espansa fino a divenire una delle capitali, finanziariamente e culturalmente, più importanti del mondo. Essa ha patito pestilenze, incendi, guerre civili, bombardamenti e attentati terroristici.

L'etimologia del nome della città non è certa. Esistono diverse teorie, formulate nel corso dei secoli. Molte sono state abbandonate ma nessuna di esse ha alcun fondamento storico.

Secondo la leggendaria Historia Regum Britanniae, di Geoffrey of Monmouth, Londra venne fondata da Bruto di Troia dopo che questo ebbe ucciso i giganti Gog e Magog; essa venne chiamata Nuova Troia), che secondo una pseudo etimologia venne corrotto in Trinovantum e Trinovantes dove abitarono le tribù dell'età del ferro prima della conquista romana della Britannia. Secondo Geoffrey, Londra ebbe una lunga serie di leggendari re come Lud che, a quanto egli scrisse, cambiò il nome della città in CaerLudein, da cui discenderebbe il nome Londra.

In ogni caso, nonostante i numerosi scavi archeologici, non è mai stata trovata evidenza di un insediamento precedente a quello dei romani. Si sono trovati resti di abitazioni e di tombe ma niente che lasci immaginare un insediamento di una grande città. Si può pensare che sia esistita una città pre-romana di cui non sono ancora state trovate tracce ma questa è comunque una illazione.

Durante la preistoria Londra fu molto probabilmente un'area rurale con scarsi insediamenti umani. Importanti ritrovamenti, che si sono fatti nel letto del Tamigi vicino Chelsea, suggerisco che l'area fu molto importante; possono esserci stati importanti insediamenti a Egham e Brentford, ed una fortificazione a Uppall, ma nessuna città nell'area della Londra romana, l'attuale City of London.

Numerosi ritrovamenti di lance e armi risalenti all'età del bronzo e del ferro, fanno pensare che le rive del Tamigi fossero dei confini tra aree tribali.

Nel 2002, durante degli scavi nel Tamigi vennero trovati dei pali di legno conficcati nella riva del fiume ad indicare la presenza di un ponte risalente a 3.000 anni fa.

Londinium venne fondata come città dai romani circa sette anni dopo la conquista della Britannia. Il primo insediamento romano copriva una piccola area equivalente alla superficie di Hyde Park. Intorno al 60, esso venne saccheggiato dagli Iceni guidati dalla loro regina Boudica. Successivamente la città venne presto ricostruita, secondo il progetto delle città romane, e nel volgere di un decennio incrementò moltissimo la sua popolazione. Nel corso del II secolo Londinium fu al massimo del suo splendore e sostituì Colchester come capitale della Britannia romana. In quel tempo la sua popolazione era intorno ai 60.000 abitanti. Essa disponeva di una serie di edifici pubblici quali la più grande basilica esistente a nord delle Alpi, il Palazzo del Governatore, templi, terme, anfiteatro e un grande forte che ospitava la guarnigione a difesa della città. A partire dal III secolo, instabilità politica e recessione portarono la città ad un lento quanto inesorabile declino.

Fra il 190 ed il 225, i romani costruirono il London Wall attorno alla città. Le mura erano lunghe circa 3 chilometri, alte 6 metri e spesse 2,50 metri.

Nel tardo III secolo, Londinium venne attaccata e razziata diverse volte dai pirati Sassoni. Questo fatto determinò la decisione di costruire delle altre mura presso la riva del Tamigi. Le mura sopravvissero per 1.600 anni e definirono i confini della città per i secoli avvenire. Sei delle tradizionali sette porte di Londra sono di origine romana e portano il nome di Ludgate, Newgate, Aldersgate, Cripplegate, Bishopsgate e Aldgate. (Moorgate è una eccezione essendo stata costruita in epoca medioevale).

Dal V secolo, l'Impero romano subì un rapido declino e nel 410 l'occupazione romana della Britannia ebbe termine. A seguito di questo evento la città andò incontro ad un periodo di lenta decadenza e prima della fine del secolo venne pressoché abbandonata.

A seguito del virtuale abbandono da parte dei romani, l'area strategica sulle rive del Tamigi non rimase a lungo deserta. Dal VI secolo venne abitata dagli anglosassoni.

Anche se i primi insediamenti anglosassoni evitarono l'area immediatamente adiacente alla romana Londinium, vi furono dei piccoli insediamenti su entrambe le rive del Tamigi. Non vi sono evidenze scritte dell'epoca ma si ha ragione di ritenere che l'area sia stata per diverso tempo una frontiera fra britanni e sassoni. Dalla metà del VI secolo, l'area di Londra venne incorporata nel Regno dell'Essex, che si estendeva dal lontano ovest a St Albans e comprendeva completamente l'attuale Middlesex e probabilmente il Surrey. Nel 604 Saeberht, re dell'Essex, si convertì al cristianesimo, ed a Londra arrivò Mellito, il suo primo vescovo dopo l'era romana. In quel tempo gli Essex avevano dei debiti nei confronti di Bretwalda, Ethelbert del Kent, e così fu che sotto Ethelbert, Mellito fondò la prima Old St Paul's Cathedral, tradizionalmente costruita sul sito di un antico tempio romano dedicato a Diana (anche se Christopher Wren non trovò evidenza di questo fatto). Questa fu una modesta chiesa che venne poi distrutta dopo che Mellito venne espulso dal successore pagano di Saeberht.

Nella seconda metà del VII secolo, un villaggio e centro commerciale Sassone chiamato Lundenwic ("insediamento nella zona di Londra") venne fondato in una zona a circa due chilometri dalla romana Londinium. Il nuovo centro passò sotto il controllo del Regno di Mercia, intorno al 730, visto che il Regno d'Essex, del quale faceva parte, andò perdendo importanza e territorio. La città passò poi sotto il dominio Wessex dopo l'825.

Gli attacchi vichinghi si protrassero per tutto il IX secolo e andarono progressivamente crescendo dall'830 in poi. Vi furono attacchi su Londra nell'842, nell'851 e nell'865 quando la "Grande armata danese" lanciò un'invasione su larga scala dell' East Anglia. Nell'871 essi raggiunsero Londra e si pensa abbiano trascorso l'inverno dentro le mura romane. Anche se non è molto noto ciò che accadde in questo periodo, si pensa che Londra sia rimasta sotto il dominio vichingo per un certo numero di anni. Nell'878 comunque, truppe inglesi guidate dal re Alfredo il Grande sconfissero i vichinghi nella battaglia di Ethandun e costrinsero il capo vichingo Guthrum a trattare una pace. Venne così ripristinata la sovranità inglese su Londra e nel giro di un decennio venne ripristinata la città entro le mura romane con il nome di Lundenburgh. Le mura romane vennero riparate e ripristinato il sistema difensivo della città. Poiché l'insediamento venne spostato dentro le mura romane, il vecchio insediamento di Lundenwic venne chiamato ealdwic (vecchio insediamento). Il nome è sopravvissuto fino ai nostri giorni e riguarda il quartiere londinese di Aldwych.

Alfredo nominò suo genero Æthelred Governatore di Londra, al quale affidò l'incarico di distruggere il Regno di Mercia. Egli creò due Borough per difendere il ponte che venne probabilmente ricostruito in quel tempo. Al terminale sud del ponte venne dato il nome di Borough di Southwark o Suthringa Geworc (lavoro difensivo degli uomini del Surrey) come era originalmente conosciuto. Da questo punto, la City of London iniziò a sviluppare un suo unitario governo locale.

Dopo la morte di Aethelred, Londra passò sotto il diretto controllo dei re inglesi. Dai primi anni del X secolo Londra divenne un importante centro di commercio. Anche se la capitale del Regno d'Inghilterra era a Winchester, Londra divenne sempre più importante anche come centro politico. Re Atelstano d'Inghilterra tenne molti Consigli Reali a Londra e vi proclamò leggi. Re Etelredo II d'Inghilterra scelse Londra come sua capitale e vi proclamò le Laws of London (Leggi di Londra) nel 978.

Fu durante il regno di Etelredo che gli attacchi vichinghi vennero reiterati sotto la guida di re Sweyn I di Danimarca. Londra venne attaccata senza successo nel 994, ma gli attacchi vennero replicati per molti anni. Nel 1013 Londra venne assediata e Etelredo riparò all'estero. Il re Sven morì ma suo figlio Canuto I d'Inghilterra continuò l'assedio ed invase la città.

Una saga nordica narra di una battaglia, durante l'occupazione vichinga, nella quale Aethelred riuscì a rioccupare Londra in mano ai vichinghi. Secondo la saga, i danesi, schierati sul London Bridge, scagliarono una gragnuola di lance sugli assalitori. Questi, riparandosi con delle tegole tolte dai tetti delle case, riuscirono ad avvicinarsi al ponte su delle imbarcazioni e legati i piloni di sostegno riuscirono a tirarli facendo così crollare il ponte e ponendo fine alla dominazione vichinga di Londra.

I vichinghi ritornarono ed il figlio di Aethelred, Edmondo II d'Inghilterra tentò di respingere gli invasori, ma fu poi obbligato a spartire il regno con Canuto. Alla morte di Edmondo, Canuto divenne l'unico re d'Inghilerra. Dopo due brevi regni di monarchi danesi, la linea dei sovrani anglosassoni venne restaurata quando Edoardo il Confessore salì al trono nel 1042.

Alla morte di re Edoardo il Confessore non emerse alcun erede legittimo e suo cugino il duca Guglielmo I d'Inghilterra, rivendicò il trono. Il Consiglio Reale, riunito in città, elesse come re il cognato Aroldo II d'Inghilterra. Questi venne incoronato nella Abbazia di Westminster. Guglielmo, oltraggiato da questa decisione, approntò un esercito per invadere l'Inghilterra.

La conquista normanna dell'Inghilterra del 1066 è normalmente considerata l'inizio dell'era medioevale. Guglielmo I d'Inghilterra, duca di Normandia, uccise il re Aroldo I d'Inghilterra nella Battaglia di Hastings. Nonostante avesse messo a ferro e fuoco Southwark, aldilà del ponte, egli evitò Londra attendendo a Berkhamsted che i londinesi lo riconoscessero come loro re. Il riconoscimento non tardò ad arrivare ed il re ricompensò la città con alcune concessioni.

Sotto Guglielmo (ora noto come Guglielmo il Conquistatore) vennero costruite diverse fortificazioni a difesa della città: la Tower of London, Baynard's Castle e Montfichet's Castle). Esse dovevano servire per difendersi da attacchi portati dal mare, attraverso il Tamigi, e per prevenire eventuali ribellioni popolari. Guglielmo concesse alla città, nel 1067, dei privilegi abolendo alcune leggi emanate dai precedenti sovrani sassoni. Egli concesse l'autogoverno alla città con diritto di elezione del suo amministratore, diritto che poi venne reso definitivo da re Giovanni d'Inghilterra nel 1199 e nel 1215.

Nel 1097 Guglielmo II d'Inghilterra, figlio di Gugliemo il Conquistatore, iniziò la costruzione di 'Westminster Hall'. L'edificio divenne poi la base per la costruzione del Palazzo di Westminster che, durante il medioevo, fu la prima residenza reale londinese.

Nel 1176 iniziò la costruzione del famoso London Bridge (completato nel 1209) che venne costruito nel sito in cui erano già esistiti altri ponti in legno. Questo fu l'ultimo ponte per circa 600 anni e rimase l'unico ponte di Londra fino al 1739.

Nel maggio del 1216 Londra venne occupata per l'ultima volta da un'armata continentale durante la prima guerra baronale. Ciò avvenne quando il giovane principe, che diverrà poi re Luigi VIII di Francia, marciò per le strade di Londra fino a Old St Paul's Cathedral. Egli fu acclamato lungo il percorso e nella Cattedrale come nuovo re.

Il popolo credeva che il nuovo re liberasse gli inglesi dalla tirannia di re Giovanni. Ciò fu vero solo temporaneamente. I baroni che avevano sostenuto il giovane principe di Francia, decisero di riavere un re inglese alla morte di Giovanni e ritirarono il loro supporto a Luigi. Nel corso dei secoli successivi, Londra cercò di scrollarsi di dosso la pesante influenza culturale e linguistica francese che aveva subito sin dalla conquista normanna.

Con la rivolta dei contadini del 1381, guidata da Wat Tyler, Londra venne invasa da una massa di rivoltosi provenienti dalle campagne. Un gruppo di contadini portò lo scompiglio nella Torre di Londra e uccise il Lord Cancelliere, arcivescovo Simon Sudbury ed il Lord Tesoriere. I contadini depredarono la città ed incendiarono numerosi edifici. Tyler venne ucciso con la spada dal Lord Mayor William Walworth in un incontro a Smithfield, al quale Tyler si era recato solo e disarmato, e ciò mise fine alla rivolta.

Durante l'epoca medioevale Londra si sviluppò in due zone. La zona vicina a Westminster divenne il centro del potere politico con la residenza del re ed i palazzi del Parlamento e del Governo, e l'altra il centro degli affari in quanto Londra divenne uno dei maggiori centri del commercio europeo. L'area fra queste due zone divenne poi totalmente urbanizzata a partire del 1600.

Il commercio si sviluppò molto velocemente durante il medioevo e Londra si sviluppò conseguentemente. Nel 1100 la popolazione della città era costituita da poco più di 15.000 abitanti e nel 1300 aveva già raggiunto gli 80.000. Il commercio era organizzato dalle diverse corporazioni che controllavano la città mediante l'elezione del Lord Mayor of the City of London.

La Londra medioevale era costituita da un insieme di strade strette e tortuose, molti degli edifici erano costruiti con materiale combustibile, come il legno e la paglia, ed erano soggetti a continui incendi. La sanità era poi qualcosa di sconosciuto e a metà del XIV secolo, la morte nera, uccise la metà della popolazione. Fra il 1348 e la Grande peste di Londra del 1665 vi furono in città ben sedici epidemie di peste bubbonica.

Il periodo Tudor, dal 1485 fino al 1603, fu uno dei periodi più drammatici della storia dell'Inghilterra. Tre dei monarchi della dinastia Tudor (Enrico VII, Enrico VIII ed Elisabetta I) giocarono un importante ruolo nel trasformare l'Inghilterra da un paese debole, fra le grandi monarchie europee, in una nazione che nei secoli seguenti avrebbe dominato gran parte del mondo. Il periodo vide la fine della guerra delle due rose, lo scisma anglicano ed il fiorire dell'età elisabettiana.

Lo scisma produsse soltanto piccoli spargimenti di sangue, per via della decisione delle classi più elevate di passare gradualmente al protestantesimo. Prima dello scisma, più della metà dell'area di Londra era coperta da conventi, badie e monasteri ed altri edifici religiosi, e circa un terzo della popolazione della città era costituito da monaci e monache. La legge di Enrico VIII sulla "dissoluzione dei monasteri" ebbe un profondo effetto sulla città ed i suoi dintorni. Pressoché la totalità degli edifici appartenuti agli ordini religiosi passarono di mano. Il processo iniziò intorno al 1535 ed entro il 1538 la maggior parte dei grandi edifici religiosi erano stati espropriati e ceduti alla nobiltà. La Holy Trinity Aldgate andò a Lord Audley, ed il marchese di Winchester fece costruire un palazzo in parte del terreno circostante. La Charterhouse andò a Lord North, i Blackfriars a Lord Cobham, l'hospital of St Giles a Lord Dudley, mentre il re tenne per se l'hospital of St James, che venne demolito ed al suo posto edificato St James's Palace.

Durante questo periodo Londra andò incontro ad un rapido sviluppo dei suoi commerci nei confronti dei maggiori centri europei e le sue piccole industrie crearono un vero e proprio boom. Il commercio si espandette verso l'Europa dell'est, il Levante e le Americhe. Questo fu il periodo del mercantilismo e del monopolio di compagnie come la Russia Company (1555) e la Compagnia Inglese delle Indie Orientali (1600) che vennero create a Londra per decreto reale. La seconda, che negli ultimi tempi finì per comandare su quasi tutta l'India, fu una delle istituzioni fondamentali di Londra per due secoli e mezzo. Nel 1572 gli spagnoli distrussero il grande porto di Anversa, dando così a Londra il primo posto fra i porti del nord Europa. Gli immigrati arrivavano in massa oltre che da tutta l'Inghilterra e dal Galles anche dall'estero come ad esempio gli ugonotti dalla Francia. La popolazione crebbe da circa 50.000 abitanti del 1530 ai quasi 225.000 del 1605. La crescita della popolazione e la ricchezza di Londra vennero alimentate da una grande espansione del trasporto via mare del carbone dal porto di Newcastle upon Tyne.

Nel tardo XVI secolo, quando William Shakespeare ed i suoi contemporanei vivevano e lavoravano a Londra, si ebbe nella città uno dei più brillanti periodi per la sua cultura. Vi fu comunque grande ostilità verso lo sviluppo del teatro elisabettiano. I divertimenti pubblici produssero folle, e le folle furono temute dalle autorità perché era probabile che potessero trasformarsi in tumulti e perché si pensava che grandi adunanze potessero favorire la diffusione di pestilenze. Lo stesso teatro fu condizionato in modo crescente dallo sviluppo del movimento dei Puritani. Comunque, la regina Elisabetta amò particolarmente il teatro e fece organizzare degli spettacoli privati a Corte, approvando anche le recite pubbliche.

Nel corso dei più tranquilli ultimi anni del regno di Elisabetta, molti nobili di corte ed alcuni dei più facoltosi londinesi fecero costruire delle residenze di campagna nel Middlesex, Essex e Surrey. Questo fu l'inizio della moda della villa, che non era la sontuosa residenza di città e nemmeno la fattoria di campagna. Quando nel 1603, morì l'ultimo dei Tudor, Londra era completamente popolata.

L'espansione di Londra, nei sobborghi della città, sotto il regno degli Stuart, si realizzò nel XVII secolo. All'inizio del secolo le immediate periferie della città, ad eccezione delle residenze aristocratiche nella zona di Westminster, erano ancora considerate non salubri. Immediatamente a nord vi era Moorfields, recentemente utilizzato per il passeggio ma che era frequentato da viandanti e mendicanti che si recavano a Londra. Confinante con Moorfields vi era Finsbury Fields, una zona adibita a pratica di tiro con l'arco. Mile End era poi un terreno pubblico sulla Great Eastern Road famoso per il raduno delle truppe.

I preparativi per l'incoronazione di Giacomo I d'Inghilterra vennero interrotti per lo scoppio di una epidemia che uccise circa 30.000 persone. Il Lord Mayor's Show, che non si era svolto per diversi anni, venne ripristinato, per ordine del re, nel 1609. La chiusura del monastero della Charterhouse, che era stato acquistato e venduto diverse volte in un breve lasso di tempo, venne acquistato da Thomas Button per la somma di 13.000 sterline. Il nuovo ospedale, cappella e scuola, vennero inaugurati nel 1611. La Charterhouse School divenne una delle principali scuole private di Londra prima di essere trasferita in età vittoriana, ed il suo sito è attualmente occupato dalla Barts and The London, Queen Mary's School of Medicine and Dentistry.

Il luogo d'incontro dei londinesi del tempo era la navata della Old St Paul's Cathedral. I mercanti svolgevano i loro affari nelle navate laterali ed usavano la fonte battesimale come un bancone sul quale fare i pagamenti. Gli avvocati ricevevano i loro clienti presso un determinato pilastro della chiesa e i disoccupati erano alla ricerca di un lavoro. Il sagrato della chiesa era adibito alla vendita di libri e Fleet Street era il centro del divertimento, sede di teatri e pub. Sotto il regno di Giacomo I, i teatri che erano stati aperti negli ultimi anni del regno di Elisabetta I, aumentarono molto la loro popolarità. Le rappresentazioni nei teatri pubblici vertevano essenzialmente su spettacoli di masque, così come alla corte reale e nei saloni delle locande.

Carlo I d'Inghilterra salì al trono nel 1625 e durante il suo regno gli aristocratici iniziarono ad abitare nel West End in larga misura. Assieme a queste persone che avevano degli incarichi a Corte si venivano insediando grandi proprietari terrieri con le loro famiglie, che venivano a Londra per una parte dell'anno per partecipare alla vita sociale. Questo fu l'inizio della "London season". Lincoln's Inn Fields venne costruito nel 1629 e la piazza del Covent Garden, disegnata dal grande architetto Inigo Jones, fu pronta nel 1632. Le vie adiacenti vennero costruite in breve tempo e presero il nome di Henrietta, Charles, James, King e York Streets, dai nomi di membri della famiglia reale.

Nel gennaio 1642 cinque membri del parlamento, che il re voleva far arrestare, trovarono rifugio in città. Nell'agosto dello stesso anno il re innalzò il suo vessillo a Nottingham, e durante la guerra civile Londra si schierò dalla parte del parlamento. Inizialmente il re aveva una maggiore forza militare ed a novembre vinse la Battaglia di Brentford, alcuni chilometri ad ovest di Londra. La città organizzò un nuovo esercito e Carlo esitò e si ritirò. Venne conseguentemente costruito un sistema esteso di fortificazioni per proteggere Londra da un nuovo attacco dei realisti. Questo era costituito da un robusto bastione rinforzato da torri e ridotte. Era ben oltre le mura e comprendeva l'intera area urbana, incluso Westminster e Southwark. Londra non fu minacciata seriamente dai realisti e le risorse finanziarie della città diedero un importante contributo alla vittoria dei parlamentaristi.

La grande peste venne seguita da un'altra grande catastrofe, anche se provvidenzialmente servì a farla cessare. La domenica 2 settembre 1666 il grande incendio di Londra scoppiò all'una di notte, in una casa di Pudding Lane, nella zona sud della città. Alimentato dal vento dell'est, il fuoco si propagò presto ad altre abitazioni ed i tentativi attuati per contenere le fiamme furono disordinati ed infruttuosi. Martedì notte il vento calò di intensità e mercoledì si ebbe una sensibile diminuzione dell'incendio che venne domato il giorno successivo, ma quella sera stessa le fiamme ripresero a svilupparsi nella zona di Temple. Questa volta si decise di abbattere delle case con la polvere da sparo per creare una barriera tagliafuoco e finalmente l'incendio venne domato. The Monument venne costruito per commemorare l'incendio: per più di un secolo e mezzo vi figurò un'iscrizione che attribuiva l'incendio ad una "frenesia papista".

L'incendio distrusse circa il 60% della città compresa la Old St Paul's Cathedral, 87 parrocchie, 44 associazioni commerciali e il Royal Exchange. Il numero dei morti fu comunque sorprendentemente basso; si ritiene che siano stati al massimo sedici. A pochi giorni dall'incendio vennero presentati al re tre piani per la ricostruzione di Londra, da parte degli architetti Christopher Wren, John Evelyn e Robert Hooke. Wren propose di costruire una strada principale in direzione nord-sud, intersecata da un'altra in direzione est-ovest, inserire tutte le chiese in spazi adeguati, costruire gli edifici pubblici su piazze molto ampie, unire le sedi delle 12 maggiori corporazioni su di una grande piazza annessa a Guildhall e creare dei marciapiedi lungo le rive del Tamigi da Blackfriars alla Torre di Londra. Wren desiderava costruire le nuove strade diritte e di tre larghezze differenti pari rispettivamente a 9, 18 e 27 metri. Il progetto di Evelyn differiva da quello di Wren, essenzialmente per la proposta di collegare, con una grande strada dritta, la chiesa di St Dunstan's in the East alla St Paul's e nel non prevedere un lungofiume. Questi progetti non vennero presi in considerazione e la ricostruzione avvenne secondo il vecchio piano. La maggior parte di quelle costruzioni è pervenuta fino ai nostri giorni.

In ogni caso la città si presentò diversa da quella andata in fumo. Molti aristocratici non tornarono a costruirvi le loro case ma preferirono spostarsi nel West End, dove eleganti quartieri cone St. James's vennero costruiti nei pressi della residenza reale che fu il Palazzo di Whitehall fino a quando non venne distrutto dal fuoco negli anni 1690, e quindi St. James's Palace. La strada rurale di Piccadilly venne costellata da ricche dimore di cortigiani come la Burlington House. Così la separazione fra la città commerciale (City of London) ed il mondo della Corte (Westminster) divenne completa. Nella città si diffuse la tendenza a costruire edifici in pietra e mattoni al posto di quelli in legno presenti nella vecchia città, allo scopo di ridurre il rischio di incendi catastrofici. Il Parlamento, con la legge Rebuilding of London Act 1666 stabilì: "..gli edifici costruiti in mattoni non solo sono più belli e durevoli ma anche più sicuri contro eventuali incendi". Da allora soltanto le porte d'ingresso, le finestre e l'ingresso dei negozi potè essere realizzato in legno.

Il progetto di Christopher Wren non fu approvato ma ad egli venne affidato l'incarico della ricostruzione delle nuove chiese e della St Paul's Cathedral. La sua cattedrale in stile barocco e la sua cupola, costituirono il simbolo di Londra per almeno un secolo e mezzo, mentre Robert Hooke ebbe la supervisione sulla ricostruzione delle abitazioni. L'East End, che è un'area immediatamente al di fuori delle vecchie mura, divenne velocemente densamente popolato nelle decadi successive al grande incendio. I moli del porto fluviale si estesero verso valle e questo sviluppo attrasse molta manodopera che operava nel porto e nei commerci conseguenti. Queste persone si stabilirono in quartieri come Whitechapel, Wapping, Stepney e Limehouse, vivendo in condizioni veramente miserevoli.

Nell'inverno fra il 1683 ed il 1684 uno strato di ghiaccio ricoprì la superficie del Tamigi. Il fenomeno, iniziato circa sette settimane prima di Natale e continuato poi per sei settimane dopo, fu il più importante verificatosi in epoca storica. L'Editto di Fontainebleau, del 1685, apportò una grande immigrazione di ugonotti. Essi si stabilirono a Spitalfields impiantando l'industria della seta.

In questo periodo Londra era divenuto il maggior centro finanziario d'Europa togliendo la supremazia ad Amsterdam. La Banca d'Inghilterra venne fondata nel 1694, mentre la British East India Company stava espandendo la propria influenza commerciale. I Lloyd's di Londra iniziarono poi ad operare nel tardo XVII secolo. Nel 1700 Londra movimentava circa l'80% delle importazioni di tutta l'Inghilterra, il 69% delle esportazioni e l'86% delle re-esportazioni di prodotti finiti. Molte delle merci importate erano generi di lusso dall'Asia e dalle Americhe, come seta, zucchero, tè e tabacco. Anche se Londra ebbe una gran quantità di artigiani ed in epoche successive di stabilimenti industriali, la sua maggiore risorsa non fu mai l'industia ma il commercio e la re-esportazione delle materie prime lavorate, nel resto d'Europa e nelle Americhe.

Guglielmo III non amò molto Londra, in quanto lo smog in essa esistente gli procurava attacchi d'asma. Dopo l'incendio del 1691 al Whitehall Palace, comprò Nottingham House e la trasformò in Kensington Palace. Kensington era allora un piccolo villaggio ma l'arrivo della Corte lo fece presto crescere in importanta . Il palazzo venne raramente occupato dai monarchi successivi ma la sua costruzione fu un altro passo verso la popolazione dei sobborghi di Londra. Durante il regno della regina Anna d'Inghilterra venne proclamata una legge che autorizzava la costruzione di cinquanta chiese per cprire l'aumento della popolazione e l'espansione dei limiti della città.

Il XVIII secolo fu un periodo di rapida crescita per la città Londra, che rifletteva la crescita della popolazione nazionale, i primi accenni dell'avvento della rivoluzione industriale ed il ruolo di Londra al centro dell'evoluzione dell'Impero britannico.

Nel 1707 l'Act of Union sancì l'unificazione dei Parlamenti di Scozia ed Inghilterra realizzando così il Regno Unito di Gran Bretagna. Un anno più tardi, nel 1708 Christopher Wren completò il suo capolavoro, la Cattedrale di Saint Paul, nel giorno del suo compleanno, anche se le prime funzioni vi si erano già svolte il 2 dicembre 1697, più di dieci anni prima. Questa cattedrale sostituì la vecchia St. Paul's che era stata completamente distrutta dal grande incendio di Londra. Questa chiesa è considerata una delle più belle della Gran Bretagna ed un pregevole esempio di architettura barocca.

Durante l'era georgiana, la città di Londra si espanse assai rapidamente aldilà dei suoi limiti. Nuovi quartieri come Mayfair vennero costruiti per la classe più facoltosa della sua popolazione e la costruzione di nuovi ponti sul Tamigi facilitò lo sviluppo della zona sud della città ed il porto si sviluppò verso il mare. Nello stesso tempo si verificò la rivolta delle colonie americane. Nel 1780, la Torre di Londra ospitò il suo unico prigioniero americano, l'ex presidente del Secondo congresso continentale, Henry Laurens. Nel 1779 egli era il rappresentante dell'Olanda nel Congresso e diede il supporto del suo paese a favore della rivoluzione. Durante il suo viaggio di ritorno in America venne catturato dalla Royal Navy e dichiarato reo di alto tradimento per aver causato la guerra fra Olanda e Gran Bretagna. Venne poi scarcerato il 21 dicembre 1781 in cambio del generale Lord Charles Cornwallis.

Un fenomeno della Londra del XVIII secolo fu la coffee house, che divenne il luogo popolare preferito per discutere delle proprie idee. CCon la crescita dell'alfabetizzazione ed il parallelo sviluppo della stampa quotidiana, fece si che le notizie divenissero più disponibili ad un numero sempre maggiore di persone e Fleet Street divenne così il centro embrionale della nascente stampa britannica.

Nel XVIII secolo Londra fu assillata dal crimine ed il Bow Street Runners, un corpo di polizia cittadino, venne costituito nel 1750. Le pene erano molto pesanti e la pena di morte veniva comminata anche per reati non molto gravi. Le pubbliche esecuzioni per impiccagione erano assai frequenti, molto popolari e pubbliche.

Nel 1780 Londra fu scossa dalla Sommossa di Gordon, una presa di posizione dei protestanti conto l'emancipazione dei cattolici guidata da Lord George Gordon. Severi danni vennero causati alle chiese ed alle case dei cattolici e 285 rioters vennero uccisi.

Nel 1787, un gruppo di ex schiavi provenienti da Londra, Stati Uniti e molte colonie britanniche, fondò Freetown, l'odierna Sierra Leone.

Fino al 1750, London Bridge era il solo ponte che attraversava il Tamigi, ma in quell'anno venne aperto al transito Westminster Bridge. Per la prima volta nella storia Londra aveva due ponti.

Il XVIII secolo vide la secessione delle colonie americane e moltri altri infausti eventi, ma anche grandi cambiamenti che porteranno agli inizi dell'era moderna, nel XIX secolo.

Durante il XIX secolo, Londra venne trasformata nella città più grande del mondo e divenne capitale dell'Impero britannico. La popolazione passò da circa 1 milione di abitanti nel 1800 a 6,7 milioni un secolo più tardi. In questo periodo, la città divenne la sede mondiale della politica, della finanza e del commercio. Questa situazione durò fino alla fine del secolo, quando Parigi e New York iniziarono a contenderle questo dominio.

Mentre la città cresceva a seguito dell'espansione dell'Impero britannico, la maggior parte della sua popolazione era obbligata a condizioni di vita miserevoli. Milioni di persone vivevano in abitazioni sovraffollate e malsane. La vita della povera gente venne descritta magistralmente da Charles Dickens nel romanzo Oliver Twist.

Nel 1829 il primo ministro Robert Peel istituì la Metropolitan Police, come forza di polizia che controllasse l'intera area urbana di Londra. I poliziotti vennero soprannominati "bobbies" o "peelers" dal nome di Robert Peel.

Nel corso del secolo la città venne trasformata dall'arrivo della ferrovia. Una nuova rete di ferrovie metropolitane consentì lo sviluppo delle periferie, anche in contee confinanti, dalle quali la classe media e danarosa si spostava nel centro della città. Mentre questo generò una veloce crescita di questi sobborghi, la crescita nel centro di Londra peggiorò la lotta di classe e fece si che la borghesia decidesse di trasferirsi nei nuovi sobborghi, lasciando il centro della città alla povera gente.

La prima ferrovia realizzata a Londra collegò London Bridge a Greenwich e venne inaugurata nel 1836. Questa venne presto seguita da un grande terminal ferroviario che collegò Londra ad ogni angolo dell'Inghilterra. Vennero così realizzate le stazioni di Euston station (1837), Paddington station (1838), Fenchurch Street station (1841), Waterloo station (1848), King's Cross Station (1850) e Saint Pancras Station (1863). Dal 1863, la prima linea della metropolitana fu messa in esercizio.

L'area urbanizzata continuò a crescere continuamente propagandosi a Islington, Paddington, Belgravia, Holborn, Finsbury, Shoreditch, Southwark e Lambeth. Verso la metà del secolo, gli antiquati sistemi di governo, basati sulle antiche parrocchie civili andarono a cozzare con la rapida crescita della popolazione. Nel 1855 venne creato il Metropolitan Board of Works per provvedere a dotare la città di adeguate infrastrutture che potessero far fronte all'espansione della città..

Uno dei primi problemi che si dovettero affrontare fu quello delle condizioni sanitarie della popolazione. In quel tempo le fognature venivano fatte scaricare direttamente nel Tamigi. Questa situazione culminò in quella che è nota come la grande puzza del 1858. In un'estate particolarmente calda e poco piovosa, gli scarichi fognari che si riversavano nel Tamigi, in regime di magra, generarono delle proliferazioni batteriche che diffusero nella città un odore nauseabondo che rese difficile la vita dei londinesi. Inoltre, le acque inquinate, utilizzate per bere, determinarono una epidemia di affezioni intestinali fra la popolazione.

Il Parlamento diede il consenso per la realizzazione di una rete fognaria. Venne creato pertanto un organismo affidato all'ingegnere Joseph Bazalgette. Con quello che fu uno dei più grandi progetti di ingegneria civile del XIX secolo, vennero realizzati più di 2.100 chiliometri di tubazioni sotto le strade di Londra per consentire lo smaltimento dei liquami prodotti dalla sua popolazione e per il rifornimento idrico. Quando il progetto fu completo, le morti a Londra diminuirono in modo esponenziale e le epidemie di colera e le altre malattie si ridussero in maniera sensibile. Il sistema realizzato da Bazalgette è ancora in uso al giorno d'oggi.

Uno degli eventi più famosi avvenuti a Londra fu certamente la Great Exhibition del 1851. Tenutasi al Cristal Palace, la fiera richiamò visitatori da ogni parte del mondo e diede una dimostrazione della potenza dell'Impero britannico.

Come capitale di un potente Impero, Londra divenne un'attrazione per una grande massa di immigrati dalle sue colonie e per i poveri di tutta Europa. Una notevole corrente emigratoria proveniente dall'Irlanda si riversò nella capitale dell'Impero britannico durante l'era vittoriana, a seguito della grande carestia. Ad un certo punto gli irlandesi rappresentavano circa il 20% dell'intera popolazione di Londra. La città divenne anche sede di una numerosa comunità di ebrei oltre che di una piccola comunità di asiatici e cinesi.

Nel 1888, venne istituita la nuova Contea di Londra, amministrata dal London County Council. Questa fu la prima assemblea amministrativa eletta dal popolo di Londra ed andò a sostituire la precedente Metropolitan Board of Works, i cui membri erano però designati e non eletti. La Contea di Londra amministrava tutto il territorio della città, anche se questo successivamente finì per espandersi oltre i confini della contea. Nel 1900 la contea venne suddivisa in 28 borough, che costuirono una amministrazione locale del singolo quartiere.

Londra fece il suo ingresso nel XX secolo alla massima espressione della sua potenza come capitale del più grande impero della storia, ma il nuovo secolo avrebbe portato numerose sfide.

La popolazione di Londra continuò a crescere rapidamente nei primi decenni del secolo ed i trasporti pubblici vennero ampiamente incrementati. Una fitta rete di tram venne realizzata dal London County Council contemporaneamente alle prime linee di bus realizzate negli anni '10. Venne poi ampliata e rimodernata la rete di metropolitana, sia sotterranea che di superficie, progressivamente passata alla trazione elettrica.

Durante la prima guerra mondiale, Londra fece l'esperienza dei primi bombardamenti aerei realizzati dai tedeschi a mezzo dei dirigibili Zeppelin. Essi uccisero circa 700 persone e destarono grande terrore fra la popolazione. Ma questo fu semplicemente un piccolo annuncio di ciò che sarebbe successo nel corso delle due guerre mondiali. La più grande esplosione avvenuta a Londra si verificò nel corso della prima guerra mondiale e fu la Silvertown explosion, provocata dall'esplosione di una fabbrica di munizioni contenente 50 tonnellate di TNT, che causò 73 morti e circa 400 feriti.

Il periodo intercorrente fra le due guerre vide Londra crescere con una velocità mai vista fino ad allora. La preferenza dei londinesi per delle case suburbane in zone a bassa densità abitativa e staccate una dall'altra venne a modificare le abitudini inglesi per le case a schiera. Ciò fu facilitato dalla capillarità dei trasporti pubblici e dalla lenta diffusione delle automobili private. I sobborghi londinesi si espansero aldilà dei limiti della contea entrando nei territori delle contee confinanti come l'Essex, l'Hertfordshire, il Kent, il Middlesex ed il Surrey.

Così come il resto del paese, Londra subì una forte disoccupazione durante il periodo della grande depressione degli anni '30. Nell'East End, durante gli anno '30, fiorirono partiti politici estremisti di destra e sinistra. Il Partito Comunista Britannico conquistò un seggio alla Camera dei Comuni, e l'estrema destra del Unione Britannica dei Fascisti riuscì ad ottenere un buon successo elettorale. Scontri fra forze di destra e di sinistra culminarono nella Battaglia di Cable Street del 1936. In questo periodo la popolazione di Londra raggiunse il suo massimo di ogni tempo pari a 8,6 milioni di abitanti nel 1939.

Un grande numero di ebrei giunsero dalla Germania nazista, e si stabilirono a Londra nel corso degli anni '30 specialmente nel West End.

Durante la seconda guerra mondiale, Londra, così come altre città britanniche, subì notevoli danneggiamenti a seguito di bombardamenti intensivi da parte della Luftwaffe. Prima dei bombardamenti, centinaia di migliaia di bambini londinesi vennero evacuati nelle vicine località di campagna. Il resto della popolazione trovò riparo, durante i bombardamenti, nelle stazioni sotterranee della metropolitana.

La fase peggiore dei bombardamenti si verificò fra il 7 settembre 1940 ed il 10 maggio 1941. Durante questo periodo, Londra fu sottoposta a 71 incursioni aeree e su di essa vennero lanciate 18.000 tonnelate di esplosivo ad alto potenziale. Dei bombardamenti meno pesanti e frequenti si verificarono negli anni successivi in cui Hitler concentrò i suoi sforzi bellici sul fronte orientale. Verso la fine della guerra, fra il 1944 ed il 1945, Londra dovette subire pesanti bombardamenti a mezzo di razzi V-1 e V-2, lanciati dai nazisti dai paesi europei occupati.

Londra subì notevoli danni e gravi perdite fra la popolazione civile e la zona più colpita fu quella del Docklands. Durante il conflitto persero la vita poco meno di 30.000 londinesi, mentre più di 50.000 subirono gravi menomazioni. Decine di migliaia di edifici vennero distrutti e centinaia di migliaia di londinesi rimasero senza casa.

Immediatamente dopo la guerra, vennero disputati i Giochi della XIV Olimpiade allo Stadio di Wembley, quando la città si era a malapena risollevata dai disastri della guerra. La ricostruzione tardò ad iniziare, tuttavia nel 1951 si tenne il Festival of Britain segno evidente dell'ottimismo che guidava la rinascita della nazione.

Nell'immediato dopoguerra il problema degli alloggi fu quello al quale le autorità dovettero dedicarsi con maggior impegno Il grande numero di senzatetto e le coabitazioni portarono le autorità a pianificare la costruzioni di edifici multipiano assolutamente inusuali per gli abitanti di Londra. Nel corso degli anni '50 e '60, l'aspetto della città cambiò repentinamente a causa della costruzione di alti grattacieli anche se questi poi divennero poco amati dai londinesi. Allo scopo di eliminare le coabitazioni, vennero introdotte delle leggi che incoraggiavano la popolazione a trasferirsi nelle nuove città costruite nei dintorni di Londra.

Fra il XIX secolo e la prima metà del XX secolo, i londinesi usarono il carbone per il riscaldamento, producendo grandi quantità di fumi inquinanti. In combinazione con gli elementi atmosferici, spesso si creava il caratteristico smog ed i londinesi divennero proverbiali per il "fumo di Londra". Essa era famosa per la nebbia a causa di questo fenomeno così frequente che, nel 1952, culminò nel disastroso grande smog che durò per cinque giorni consecutivi e causo oltre 4.000 vittime. A seguito di questo evento vennero create della zone in cui si obbligò la popolazione ad usare dei combustibili mmeno inquinanti.

A partire dalla metà degli anni '60, a seguito del successo internazionale di alcuni gruppi musicali britannici come i Beatles ed i Rolling Stones, Londra divenne il centro mondiale della cultura giovanile, esemplificato dalla Swinging London, subcultura che fece di Carnaby Street un marchio di fabbrica della moda giovanile di tutto il mondo. Il ruolo della città di Londra come vessillifero della moda giovanile ritornò fortemente negli anni '80 con la New Wave ed il Punk.

Dagli anni '50 in avanti, Londra fu la meta di un grande numero di immigrati provenienti per gran parte dai paesi del Commonwealth quali la Giamaica, l'India, il Bangladesh ed il Pakistan: questo evento fini per cambiare in maniera sostanziale l'immagine di Londra trasformandola in una delle più diverse città d'Europa. L'integrazione di questi variegati immigrati non fu semplice a causa di tensioni razziali che emersero nei primi anni '80.

Dall'inizio dei "The Troubles" in Irlanda del Nord nei primi anni '70, fino alla metà degli anni '90, Londra fu teatro di ripetuti attacchi terroristici da parte dell'IRA.

L'espansione di Londra venne rallentata dalla guerra, e la Green Belt venne realizzata subito dopo. A causa di questa espansione sterna, nel 1965 la vecchia Contea di Londra (che fino ad allora aveva contenuta parte della conurbazione della città di Londra) ed il London County Council vennero aboliti, e la più estesa area della Greater London venne affidata all'amministazione del Greater London Council costituito da 32 nuovi borough.

La popolazione della Greater London declinò velocemente dopo la guerra, scendendo dagli 8,6 milioni di abitanti del 1939 ai circa 6.8 milioni degli anni '80. Essa ricominciò a crescere alla fine degli anni '80 incoraggiata dai grandi risultati dell'economia e dall'accresciuta positiva immagine della città.

Il tradizionale traffico del porto di Londra crollò in maniera notevole dalla fine della guerra a causa della impossibilità di poter ricevere le grandi navi porta container a causa dello scarso pescaggio del fiume Tamigi. A seguito del dirottamento del traffico verso i porti di Felixstowe e Tilbury l'area dei docklands venne abbandonata ed andò in rovina fino alla metà degli anni '80, quando venne realizzato un piano di ricostruzione che trasformò l'area in un quartiere di uffici ed appartamenti residenziali. Negli anni '80 venne realizzata anche la Thames Barrier per proteggere Londra dalle alte maree provocate dal mare del Nord.

Agli inizi degli anni '80 vi furono delle dispute fra la Greater London Council diretta da Ken Livingstone ed il governo conservatore guidato da Margaret Thatcher, che portarono all'abolizione dell'organismo, nel 1986, delegando molti dei suoi poteri ai singoli borough. Questa decisione fece di Londra l'unica grande città a livello mondiale a non avere una amministrazione centrale che ne potesse dirigere e coordinare la gestione.

Nel 2000, venne ripristinata un'amministrazione centralizzata con la costituzione della Greater London Authority da parte del primo ministro Tony Blair. Questo organismo ebbe la giurisdizione sull'intera area della Greater London e poteri similari a quelli posseduti dal precedente organismo, ovvero l'elezione diretta del Mayor e della London Assembly. Londra venne anche riconosciuta come una delle nove regioni dell'Inghilterra.

All'arrivo del XXI secolo la città di Londra si presento con il Millennium Dome a Greenwich, uno dei più criticati progetti, mentre altri ebbero maggiore successo come la "Millennium Wheel" o London Eye, una delle ruote di osservazione più grandi del mondo, che venne eretta come una struttura temporanea ma poi finì per essere mantenuta visto il successo di affluenza del pubblico che ha raggiunto i 4.000.000 di visitatori all'anno. La Lotteria nazionale raccolse poi dei fondi per migliorare le attrazioni già esistenti e fra queste venne deciso di realizzare una copertura della Great Court del British Museum.

Uno studio pubblicato nel 2004 dal sindaco di Londra, prevede che la sua popolazione raggiunga gli 8,1 milioni nel 2016 e continui a crescere nel futuro. Questa stima si riflette nel progetto di costruire diversi nuovi grattacieli nel centro di Londra e di migliorare il sistema dei trasporti pubblici con la costruzione di una nuova ferrovia sotterranea chiamata Crossrail che collegherà Londra ed il suo interland sulla direttrice est-ovest.

Il 6 luglio 2005 a Londra venne assegnata l'organizzazione dei Giochi della XXX Olimpiade. L'entusiasmo per l'assegnazione di questo importante avvenimento venne però presto smorzato dall'attacco terroristico subito dalla città il giorno successivo. Londra venne sconvolta da una serie di attentati terroristici, che causarono la morte di 50 persone ed il ferimento di altre 750. Gli attentati avvennero in diverse stazioni della metropolitana e su uno dei famosi bus a due piani vicino Russell Square a King's Cross.

Per la parte superiore



Distretti di Londra

Voce principale: Londra.

I Distretti di Londra o London Borough sono suddivisioni amministrative dell'area della Grande Londra. I London Boroughs sono 32, di cui 12 (oltre la City of London) costituiscono la Inner London e 20 la Outer London.

I London boroughs sono distretti ed hanno funzioni simili ai metropolitan boroughs. Essi sono amministrati dai London Borough Councils (il consiglio di Westminster, che ha lo status di città viene chiamato City Council) che sono eletti ogni quattro anni. I boroughs sono gli enti locali più importanti a Londra e gestiscono gran parte dei servizi pubblici nelle aree di competenza, come scuole, servizi sociali, raccolta dei rifiuti e manutenzione delle strade. Alcune funzioni che coinvolgono più borough sono delegate alla Greater London Authority. Gli interessi dei boroughs presso il Governo ed alcuni servizi vengono curati dalla Association of London Government.

I boroughs hanno assunto la forma attuale il 1 aprile 1965, con la creazione della Grande Londra. Le prime elezioni si erano, del resto, già tenute nel 1964 ed i neo eletti London Borough Councils furono una sorta di autorità "ombra" prima di entrare ufficialmente in carica l'anno successivo.

I nuovi organi avevano un'autorità più ampia degli enti che avevano sostituito (metropolitan boroughs nella Inner London, urban district e municipal borough nelle aree circostanti). D'altronde i tre county borough di Croydon, West Ham and East Ham, che cessarono anch'essi di esistere nel nuovo ordinamento locale, avevano poteri maggiori dei London boroughs che li sostituirono.

Tra il 1965 ed il 1986, i boroughs divisero il potere locale con la Greater London Council (GLC). Quando, il 1 aprile 1986, la GLC venne abrogata, i boroughs ereditarono gran parte delle sue funzioni, combinando così i loro poteri a quelli tipici di contea. I boroughs hanno conservato molte loro funzioni anche dopo la creazione, nel 2000, della Greater London Authority, che comprende tutta l'area occupata dalla vecchia GLC, ma con poteri più limitati.

La City of London è amministrata da un organo distinto, la Corporation of London, ben più antica dei London boroughs.

Per la parte superiore



Università di Londra

L'Università di Londra è stata fondata il 28 febbraio 1836 ed è una delle maggiori università al mondo. Oggi l'Università di Londra rappresenta un consorzio di venti Università indipendenti, di cui fanno parte la London School of Economics (LSE), la University College di Londra (UCL) e molte altre.

Per la parte superiore



Grande Londra

Grande Londra - Stemma

L'area amministrativa della Grande Londra (Greater London in inglese) unisce le antiche Città di Londra (City of London) e di Westminster (City of Westminster) ed altri 31 boroughs, e costituisce quella che è generalmente nota come Londra, capitale del Regno Unito.

La superficie è di 1.577 km2 (609 sq. mi) e contava 7.512.400 abitanti al censimento del 2007. La Grande Londra è compresa tra l'Est dell'Inghilterra a nord ed il Sud Est a sud.

Dal 2000 la Grande Londra è amministrata dalla Greater London Authority ed ha un sindaco direttamente eletto, Boris Johnson, controllato dalla London Assembly, anch'essa elettiva.

Lo status della Grande Londra è abbastanza inusuale. È classificata ufficialmente sia come una contea cerimoniale che come una delle nove regioni dell'Inghilterra. Stranamente non è classificata come contea amministrativa, nonostante abbia un comitato amministrativo.

La Grande Londra fu creata nel 1965, sostituendo le precedenti contee amministrative del Middlesex e di Londra, con l'aggiunta della piccola City of London (comunemente detta City), che in precedenza non era controllata dalla Contea di Londra, ed assorbendo parti delle contee del Kent, dell'Hertfordshire, del Surrey e dell'Essex. La Grande Londra è circondata dalle Home Counties dell'Essex, dell'Hertfordshire, del Buckinghamshire, del Berkshire, del Surrey e del Kent.

La Grande Londra aveva originariamente un doppio sistema di governo locale, con il Greater London Council (GLC) che divideva i poteri con la Corporation of London (governante la piccola City of London) e i 32 London borough councils. Il Greater London Council fu abolito nel 1986 sotto il governo di Margaret Thatcher, con alcune delle sue funzioni devolute alla Corporation ed ai boroughs, ed altre date al governo centrale. Nel 2000 il governo Laburista ha creato la Greater London Authority costituita dalla London Assembly e dal Sindaco di Londra per governare l'intera area. Le elezioni per il sindaco del 2000 e del 2004 sono state entrambe vinte da Ken Livingstone, ultimo leader del GLC.

La popolazione della Grande Londra è cresciuta da 1,1 milioni nel 1801 a circa 8,5 milioni nel 1939, ma è scesa a 6,5 milioni negli anni 1980. La popolazione è attualmente in crescita e dovrebbe raggiungere 8,15 milioni entro il 2016. Definizioni più ampie dell'area metropolitana londinese (la London commuter belt) si estendono su una regione molto più grande che conta fino a quattordici milioni di abitanti, ma generalmente comprende distretti distinti dalla Londra vera e propria.

Il termine 'Grande Londra' è stato usato prima del 1965, in particolare riferito all'area coperta dal Metropolitan Police Service (che non coincideva con la Grande Londra fino al 2000), oggi però si preferisce il termine 'Metropolitan Police District'.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia