Incheon

3.361799816334 (1089)
Inviato da amalia 25/04/2009 @ 08:10

Tags : incheon, corea del sud, asia, esteri

ultime notizie
Sudcoreano Incheon votato miglior aeroporto del mondo - Reuters Italia
SINGAPORE (Reuters) - Il sudcoreano Incheon International Airport è stato votato miglior aeroporto del mondo 2009 in un concorso annuale dominato dagli scali asiatici. L'indagine è stata condotta dall'agenzia britannica di consulente Skytrax,...
Campagna Korean Air a Milano sui mezzi di trasporto - TTG Italia
Taxi, tram, autobus: questi i mezzi che ha scelto Korean Air per promuovere, in vista dell'estate, il suo triplo volo settimanale Malpensa-Seul Incheon, operato con un B747. "Con questa campagna vogliamo sottolineare che siamo una network company,...
Aeroporti, il comfort viaggia a Oriente - La Repubblica
Al primo posto c´è l´Incheon International Airport di Seul (Corea del Sud), al secondo l´Hong Kong che quest´anno cede la medaglia d´oro, al terzo il Singapore Changi seguito da Zurigo, tallonato da Monaco di Baviera (Germania) e Kansai (Giappone)....
Incheon International Airport named World's Best Airport for 2009 ... - Travel Daily News International
Incheon International Airport (Seoul, South Korea) is named 2009 World's Best Airport in the World Airport Awards announced by Skytrax. The World Airport Awards are based on the results from 8.6 million questionnaires completed by airline passengers in...
S. Koreans remember veterans, civilians killed during Korean War - Yonhap News
A number of small gatherings observing the anniversary were also held in the port city of Incheon, west of Seoul, where a successful amphibious offensive by the UN in 1950, led by US Gen. Douglas macarthur, led to the liberation of Seoul,...
New Unseen Pictures of Korean War Published - 조선일보(영문판)
The landscape of Incheon in January 1950 /Newsis; Dead bodies lie on the road on Sept. 17, 1950 /Newsis; Namdaemun tram station on Oct. 2, 1952 /Newsis; Refugees gather at a wharf to follow UN forces on Dec. 19, 1950 /Newsis; Refugees evacuate from a...
[Editorial] Pro-N. Korean, Not Pan-Korean - 동아일보
Douglas MacArthur in Incheon and taken the lead in protests against the relocation of the US Forces Korea to Pyeongtaek, Gyeonggi Province. The alliance was formed in 1990 as a part of the reunification strategy of the Unification Front Department,...
How I Discovered a Forgotten War - Korea Times
While most people who are vaguely familiar with the conflict might know of places like Incheon, Pork Chop Hill, and Panmunjeom, I would soon learn about places like Gloster Hill, Gapyeong, and Chosin. And it never ceased to amaze me just how willing...
Incheon District Leads Revival of Housing Market - 동아일보
The Cheongna district of the country's second-largest port city of Incheon has seen surging demand for housing, with builders expressing surprise over the brisk business there. After Halla Engineering and Construction became the first private builder...
SKorea's Incheon voted world's best airport - Channel News Asia
HONG KONG - South Korea's Incheon International topped a global poll of airports released Wednesday, one of seven in the Asia-Pacific region to make the top ten. Incheon edged out fellow Asian hubs Hong Kong and Singapore's Changi in the survey of more...

Incheon

Panorama di Incheon

Incheon (Incheon Gwangyeoksi; 인천 광역시; 仁川廣域市), il cui nome ufficiale è Città metropolitana di Incheon, è una città della Corea del sud.

I primi accampamenti umani risalgono al periodo neolitico. In tempi moderni Incheon è diventata molto importante per la sua posizione, sull'estuario del fiume Han e come porto commerciale. All'epoca della fondazione, nel 1883 fu chiamata Chemulpo (hangul: 제물포, hanja: 濟物浦), e aveva solo 4700 abitanti. Ora Incheon conta oltre 2.500.000 persone ed è uno dei centri economici del paese assieme all'area Busan-Jinhae.

La superficie della zona metropolitana è di 964,53km² di cui il 21% è coltivato a risaie e il 44% è coperto da foreste e boschi.

È il porto più importante della costa occidentale coreana e la terza città più grande della Corea, dopo Seul e Busan, con una popolazione superiore ai due milioni e mezzo di unità alla fine del 2005.

L'agglomerato urbano di Incheon, considerata la sua prossimità con la capitale (e il fatto che le metropolitane cittadine dei due centri sono collegate e in continuità fra loro), è considerato parte dell'enorme area metropolitana di Seoul. Incheon rimane comunque una grande città di per sé e mantiene giurisdizione e amministrazione autonome rispetto a Seoul. Dal punto di vista amministrativo è una città metropolitana autoamministrata con rango di provincia.

Le prime informazioni riguardo Incheon provengono dal dopo cristo, durante il regno del Re Jangsu della dinastia Goguryeo, quando il sito aveva il nome di Michuhol. L'area subì diverse rinominazioni, fino ad assumere il nome attuale nel 1413 durante il regno del Re Taejeong della dinastia Joseon. Il nome Jemulpo venne utilizzato a partire dall'apertura del porto all'occidente nel 1883.

Durante la Seconda Guerra Mondiale la città fu una base dell'Impero del Giappone.

Il 15 settembre 1950, durante la Guerra di Corea, Incheon fu il sito dell'omonima battaglia, dove gli Stati Uniti sbarcarono.

Incheon era inizialmente parte della regione Gyeonggi, ma ottenne lo status di Città autogovernata (ora Metropolitana) il 1° luglio 1981.

Incheon è divisa in 8 quartieri ("gu") e 2 contee ("gun").

La zona di Bupyeong è una grande area di shopping, con un vasto centro commerciale sotterraneo contiguo alla stazione, dove le linee della metropolitana di Incheon si incontrano.

Ci sono anche parecchie isolette nella baia come l'isola Kanghwa e Yeongjong.

Parco della libertà di Jayu- La statua del Generale MacArthur e il memoriale del centenario delle relazioni USA e Coreane si trovano qui.

A Incheon si trova, fra l'altro, l'unica Chinatown del paese, vicino al parco Jayu.

Wolmido- Qui si trova la Spiaggia Verde, uno dei punti in cui sbarcarono le truppe guidate dal generale MacArthur. È qui possibile camminare lungo un percorso, assaggiare tipici piatti di pesce crudo e divertirsi in un parco tematico.

Memoriale dello Sbarco di Incheon- Un piccolo museo dedicato allo sbarco, con mostra di armi e oggetti provenienti dalla guerra.

Il governo di Incheon ha in programma una serie di restauri per la città antica.

Per la parte superiore



Nazionale di calcio della Corea del Sud

Federcalcio sudcoreana.gif

La Nazionale di calcio sudcoreana (대한민국 축구 국가대표팀 in coreano) è la squadra calcistica nazionale della Corea del Sud ed è posta sotto l'egida della Federazione calcistica sudcoreana.

La Corea del Sud è stata la squadra asiatica che ha ottenuto più successi da quando debuttò alle Olimpiadi del 1948. Con le sue performance ai Mondiali, alle Olimpiadi e alla Coppa d'Asia, la Corea del Sud ha indubbiamente dimostrato di essere tra le più forti nazionali dell'Asia.

In Corea, nell'antichità, si praticava un gioco di palla chiamato chuk-guk, molto simile al calcio contemporaneo. Tuttavia, i coreani conobbero per la prima volta la versione corrente del calcio nel 1882, quando gli inglesi giocarono una partita mentre il loro vascello era nel porto di Incheon.

Nel 1921 si disputò il primo campionato nazionale sudcoreano e nel 1928 fu fondata la Federazione calcistica sudcoreana e si creò una fondazione per diffondere e sviluppare il calcio in Corea. Durante i decenni del dominio coloniale giapponese il calcio contribuì a alleviare le frustrazioni dei coreani sottomessi e ad alimentare la speranza di liberazione.

La Korea Football Association fu restaurata nel 1948, con la creazione della Republica di Corea. La KFA divenne un membro della FIFA, la federazione che governa il calcio internazionale, nel 1948. La KFA si unì alla AFC (Confederazione di calcio Asiatica) nel 1954.

Dagli anni sessanta la Corea del Sud è tra le squadre di calcio più forti in Asia, vincendo le prime due edizioni dei prestigiosi campionati di calcio Asiatici. Dal 1986 la nazionale Coreana si è qualificata alla fase finale dei mondiali per sei volte consecutive , per un totale di sette partecipazioni ai mondiali.

Il Campionato di calcio sudcoreano o K-League fu lanciato nel 1983 e fu il primo campionato professionistico di calcio in Asia. Questo non solo ha favorito i tifosi, ma ha anche aumentato il livello del calcio sudcoreano. Ad oggi squadre di K-League come il Suwon Samsung Bluewings sono alcune delle squadre asiatiche più titolate nelle competizioni continentali per club.

L'organizzazione del Campionato mondiale di calcio 2002 è un evidente segno dei rapidi progressi fatti dal calcio sudcoreano. La coospitazione della manifestazione insieme al Giappone è stata un premio alla passione del popolo sudcoreano e al sempre più crescente interesse della nazione per il calcio. Guidata dall'allenatore olandese Guus Hiddink, la nazionale ha sorpreso il mondo, eliminando squadre di blasone come Portogallo nel primo turno, Italia negli ottavi di finale e Spagna nei quarti di finale, arrivando fino alla semifinale, la prima per il calcio asiatico, perdendola poi contro la Germania (1-0). La grande atmosfera di gioia e ottimismo creata dai numerosi tifosi locali vestiti di rosso a sostegno della propria nazionale ha suscitato, durante la competizione, l'ammirazione e la sorpresa dei tifosi ospiti anche per il fatto che non vollero vedere i fatti riguardanti l'arbitraggio.

L'8 giugno 2005 la Corea del Sud si è qualificata per il suo settimo Mondiale battendo il Kuwait 4-0 a Al-Kuwait. A Germania 2006 è uscita al primo turno, piazzandosi terza nel proprio girone eliminatorio. Il tecnico olandese Dick Advocaat ha poi rassegnato le dimissioni, lasciando il posto al compatriota Pim Verbeek, in carica ufficialmente dall'agosto 2006.

La Corea del Sud giocò la sua prima partita a Londra il 2 agosto 1948 contro il Messico, vincendo 5-3.

La sua vittoria più larga è stata nella partita giocata contro il Nepal a Incheon il 29 settembre 2003, 16-0 il punteggio finale. La sconfitta più larga è stata contro la Svezia giocata a Londra il 5 agosto 1948: perse 12 - 0.

La Corea del Sud ha disputato sette campionati mondiali, incluso quello di Germania 2006. La sua prima presenza nella fase finale risale a Svizzera 1954. Il miglior piazzamento è stato il quarto posto nel campionato giocato in casa nel 2002. Ha partecipato inoltre a 10 edizioni della Coppa d'Asia vincendone 2 (nel 1956 e nel 1960). La sua prima apparizione nella Coppa d'Asia risale all'edizione del 1956.

Per la parte superiore



Diocesi di Incheon

La diocesi di Incheon (in latino: Dioecesis Inchonensis) è una sede della Chiesa cattolica suffraganea dell'arcidiocesi di Seoul. È stata costituita il 6 giugno 1961 e nel 2004 contava 375.313 battezzati su 3.753.748 abitanti. È attualmente retta dal vescovo Boniface Choi Ki-San.

La diocesi comprende la città di Incheon. Il territorio è suddiviso in 90 parrocchie.

La diocesi al termine dell'anno 2004 su una popolazione di 3.753.748 persone contava 375.313 battezzati, corrispondenti al 10,0% del totale.

Per la parte superiore



Busan

Panorama di Busan

Busan (Busan Gwangyeoksi; 부산 광역시; 釜山廣域市), conosciuta anche come Pusan, è la città portuale più grande della Corea del Sud. Con la sua popolazione di 3.650.000 persone, Busan è la seconda città più popolata della Corea del Sud, dopo la capitale Seoul.

Dal punto di vista amministrativo è una città metropolitana autoamministrata con rango di provincia.

Geochilsan-guk esisteva già nel secondo e nel terzo secolo come area di Jinhan. Fu assorbita da Shilla e chiamata Geochilsan-gun. La parola Geochilsan significa montagna aspra, probabilmente in riferimento al monte Hwangnyeongsan, situato nel centro della città.

Nel 757, Geochilsan-gun fu chiamata Dongnae.

Dall'inizio del quindicesimo secolo, il governo Coreano designò Busan come porto commerciale per i traffici col Giappone, e permise loro di accederbi. Altri porti commerciali erano quelli di Ulsan e Jinhae, in seguito ridimensionati; tuttavia il porto di Busan, chiamato Waegwan continuò ad avere traffici col Giappone fino all'invasione del Giappone in Corea del 1592. Dopo la guerra, le relazioni diplomatiche con il nuovo shogunato in Giappone furono ristabilite nel 1607, e venne ricostruita la base nipponica a Busan. Nel 1876, Busan divenne il primo porto internazionale in Corea.

Durante l'occupazione Giapponese, Busan si sviluppò ulteriormente come terminale di scambi con il Giappone, ed era l'unica città in Corea ad adottare il tram a vapore prima dell'elettrificazione, introdotta nel 1924.

Busan fu una delle poche aree della Corea che rimasero sotto il controllo della Corea del Sud durante la guerra Coreana, e per alcuni tempi fu anche la capitale della Repubblica di Corea. Le truppe delle Nazioni Unite costituirono un perimetro difensivo attorno alla città, conosciuto con il nome di Perimetro di Busan nell'estate e autunno del 1950. Da allora, come Seoul, la città è stata una metropoli autogovernata con una forte immagine urbana.

Nel 1957 Busan adottò un sistema di divisione amministrazione con la creazione di 6 gu: Busanjin-gu, Dong-gu, Dongnae-gu, Jung-gu, Seo-gu, e Yeongdo-gu.

Oggi, Busan è divisa in 15 gu (distretti) e un gun (countea).

Il trasporto e il commercio sono i principali aspetti dell'economia locale. Dal 1978 Busan ha aperto tre porti container, Jaseungdae, Shinsundae e Gamman. Busan è riconosciuta come uno dei più grandi porti del mondo, e qui transitano fino a 6.44 milioni di TEU ogni anno.

La Free Economic Zone di Busan-Jinhae, una delle due presenti attualmente in Corea (l'altra è il porto di Incheon), fu creata per continuare la tradizione di Busan come polo internazionale del commercio. Oggi Busan è classificata al terzo posto mondiale nella lista dei maggiori porti in termini di volume merci ed efficienza dall'AAPA (American Association of Port Authorities).

Le aree commeciali sono sparse per tutta la città, nei pressi degli incroci pià affollati e dei campus universitari; tuttavia le più grandi aree commerciali di Busan sono Seomyeon e Gwangbok-dong/Nampo-dong.

Seomyeon è l'area centrale dello shopping di Busan. La metropolitana locale serve due linee ed è una delle più affollate della città. Qui si trovano anche gli uffici locali delle maggiori banche Coreane e internazionali. Seomyeon è anche il quartiere dell'intrattenimento con caffè, bar, ristoranti, centri commerciali, negozi e uffici. Vicino si trova anche il mercato di Bujeon, il più grande mercato tradizionale della città.

Le aree di Gwangbok-dong, Nampo-dong, e Jungang-dong formano il vecchio distretto del business con uffici, caffè bar, negozi e ristoranti. Alcuni ristoranti di questa zona sono famosi per essere stati tramandati di generazione in generazione. Il mercato di Jagalchi (vicino alla zona più attiva del porto) è un'area di strette vie e strade conosciuta per il suo mercato del pesce. Il mercato Gukje si trova nei paraggi. Jungang-dong ospita molti uffici di avvocati, l'Ufficio Immigrazione e il terminal internazionale dei collegamenti via traghetto con il Giappone. Lotte World II è attualmente in cotruzione vicino alla costa fra Jungang-dong 7-Ga e 8-Ga. Quando verrò completato, Lotte World II conterrà un hotel, un centro commerciale, un complesso di intrattenimento e un grattacielo che sarà uno dei più alti del mondo.

Geumjeongsan a ovest è un popolare luogo di escursione nel weekend, con la possibilitò di scalare e arrampicarsi sulle sue vette. A nord, nei quartieri nei pressi dell'Università Nazionale di Pusan (chiamata anche PNU, una delle maggiormente riconosciute università del paese) si trovano teatri, caffè, bar e ristoranti, così come eventi notturni in strada con parate e danze. Vicino si trova il tempio Beomeosa, il principale edificio di questo tipo di Busan, legato al Buddismo Coreano.

L'area di Dongnae è una delle zone più benestanti della città. Le Terme di Dongnae sono un'area termale naturale con bagni caldi, hotel turistici, ristoranti, club e aree per lo shopping. Il Chungnyeolsa è un santuario confuciano, costruito per i soldati che morirono durante la battaglia contro i Giapponesi nel sedicesimo secolo.

Busan è considerata la capitale estiva della Corea, in quanto, con le sue sei spiagge, attrae turisti da tutta la penisola. Lungo la famosa spiaggia di Haeundae si trovano numerosi hotel di lusso e un ampio percorso pedonale. La spiaggia di Gwangalli è famosa per i suoi locali e ristoranti. La zona attorno all'Università Nazionale di Pukyong e all'Università Kyungsung ha molti caffè e bar che attirano molti giovani e studenti.

Taejongdae è un parco naturale con una scogliera che si affaccia sul mare aperto, situata sull'isola di Yeongdo.

La zona, conosciuta come "La strada dello Shopping per gli stranieri", ma genrralmente chiamata "Texas Street" ha molti uffici e sedi di aziende russe. Qui si trovava anche la Chinatown di Busan.

Dal 1982 la città ospita i Lotte Giants, una squadra della lega del baseball Coreano. In Corea, Busan è conosciuta come la capitale del baseball, anche a causa dei suoi molti appassionati a questo sport.

A Busan ha anche sede la squadra K-League dei Busan I'park, precedentemente conosciuta col nome di Daewoo Royals, che era la squadra più forte durante gli anni'90 nel campionato calcistico coreano. Un'altra squadra è quella dei Busan Transportation Corporation.

Già città ospite dei Giochi Asiatici del 2002 e di alcune partite della Coppa del Mondo FIFA 2002, Busan ha annunciato ufficialmente la propria candidatura ad ospitare i Giochi olimpici del 2020.

Busan è famosa anche per il Pusan International Film Festival, o PIFF, un grande festival del cinema che attira turisti amanti del cinema da tutta l'Asia orientale e non.

Il Terminal Traghetti costiero (연안여객터미널) si occupa dei servizi di collegamento via mare con l'isola diGeoje e con la città di Jeju a Jeju-do.

I traghetti che partono dal Terminal Traghetti Internazionale (국제여객터미널) nel Porto di Busan collegano la città ai porti Giapponesi di Izuhara e Hitakatsu sull'isola di Tsushima, nonché con le città di Shimonoseki, Fukuoka, e Osaka.

Busan si sviluppa attorno ad alcune linee ferroviarie, delle quali la principale è la linea Gyeongbu, che collega Busan alle principali città come Seoul, Daejeon, e Daegu. Tutti i treni transitano su questa linea, compreso il KTX che permette di raggiungere Seoul ad alta velocità in circa 150 minuti. La linea Gyeongbu termina alla Stazione di Busan. Fra le altre linee, vi è la Donghae Nambu.

La metropolitana di Busan si sviluppa su tre linee: Line number 1, Line number 2, e Line number 3. I servizi sono operati dalla Busan Transportation Corporation.

Le principali linee di bus collegano Busan ad altre città della Corea tramite i terminal di Nopodong e Seobu.

Busan è servita dall'Aeroporto Internazionale di Gimhae, situato a est, nel quartiere Gangseo-gu.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia