IBM

3.4590909090928 (1320)
Inviato da maria 27/02/2009 @ 03:01

Tags : ibm, hardware, computer, high tech, computer portatili, stampanti, periferiche, wifi, internet

ultime notizie
IT: il World Community Grid di IBM per combattere la distrofia ... - Adnkronos/IGN
-(Ign) - IBM ei ricercatori supportati dal Decrypthon Program hanno lanciato la seconda fase del progetto 'Help Cure Muscular Dystrophy', finalizzato a trovare una cura per la distrofia muscolare grazie alla potenza computazionale del supercomputer...
IBM lancia un sito di social networking per i suoi centomila ... - Computer World Italia
Permetterà di creare profili, blog, wiki e forum, ed è pensato per favorire la collaborazione e lo scambio di best practice IBM presenterà entro giugno un sito di social networking per i suoi 100.000 partner nel mondo, pensato per incoraggiare lo...
Sistema esperto - Dow30: i segnali operativi (2) - La Stampa
Chiusura di seduta a 108.14 per IBM INTL BUSINE con una variazione del 0.60 % sulla chiusura precedente. Il segnale calcolato dal sistema esperto per la seduta odierna suggerisce per IBM INTL BUSINE ( US4592001014 ) una posizione di neutralità....
Quei servizi che resistono alla crisi - Il Sole 24 Ore
In un mercato estremamente parcellizzato quale è quello dei servizi It, Ibm si posiziona al primo posto, con 58,8 milioni di dollari di fatturato, pari a una share del 7,3%, e una crescita dell'8,8%. Al secondo posto Hp, con 38,5 milioni di dollari,...
Ibm-Genesys, una partnership double-face - eWEEKeurope
Ma Ibm ha messo in pratica questi concetti di fondo anche al proprio interno, facendo leva sulla virtualizzazione e su un'infrastruttura condivisa per riorganizzare il proprio contact center globale, dando corso a un progetto partito in Italia....
Mainframe IBM: nuove funzionalità software per - Data manager online
IBM ha annunciato un nuovo software per System z, che consentirà alle aziende di ridurre i costi dell'IT aumentando contemporaneamente la flessibilità e il livello di servizio. Nel 2009 la IBM ha annunciato l'intenzione di rilasciare circa 30 nuovi...
IBM InfoSphere Streams per lo studio dell'atmosfera - Programmazione.it
IBM, l'Università svedese di Uppsala e l'Istituto Svedese di Fisica dello Spazio (IRF) collaboreranno per analizzare l'enorme flusso di dati proveniente da sensori radio ad alta frequenza, che captano specifici segnali provenienti dallo spazio....
Quest Software presenta Migrator for Sametime - informazione.it - Comunicati Stampa (Comunicati Stampa)
Milano, 10/06/2009 (informazione.it - comunicati stampa) Quest Software, produttore leader nell'enterprise system management, ha per anni fornito agli utenti di IBM Lotus Notes una soluzione di migrazione avanzata ea basso costo tramite Quest Notes...
INFOPRINT INVITA I RESPONSABILI MARKETING A CONOSCERE LA STRATEGIA ... - informazione.it - Comunicati Stampa (Comunicati Stampa)
Con sede a Boulder, in Colorado, infoprint Solutions Company unisce l'esperienza che IBM e Ricoh vantano nello sviluppo, nella produzione e nella commercializzazione di soluzioni strategiche, creando un'azienda globale orientata alla crescita e...
AMB - Ibm, indagine mette in luce gap informativo strategie “green” - Il Velino
Roma, 5 giu (Velino) - La seconda indagine annuale sulla responsabilità sociale di impresa, condotta a livello globale da Ibm tra i senior business executive, evidenzia ancora una volta un divario significativo tra gli o... “Ad esempio – prosegue la...

IBM 5100

IBM 5100

L'IBM 5100 Portable Computer è stato il primo personal computer commercializzato dall'IBM. Il prototipo, denominato SCAMP (acronimo di Special Computer APL Machine Portable), fu mostrato al pubblico nel 1973 e la sua commercializzazione annunciata il 9 settembre 1975, commercializzazione che avvenne nei mesi seguenti fino al marzo 1982.

L'IBM 5100 non conquistò il mercato a causa del suo alto prezzo. Più tardi uscì l'IBM 5110 e nel 1981 l'IBM 5150, comunemente detto PC IBM, che invece conquistò il mercato mondiale dando origine alla piattaforma hardware per personal computer tutt'oggi più diffusa, la piattaforma sulla quale nella maggior parte dei casi è utilizzato un sistema operativo Microsoft Windows e in misura molto minore il sistema operativo GNU/Linux.

L'IBM 5100 utilizzava già il display CRT e la tastiera come dispositivi di interfaccia umano-macchina, entrambi integrati di serie nel case del computer. Era dotato inoltre di un drive per memoria di massa QIC, anch'esso integrato di serie nel case del computer.

Il QIC (acronimo di Quarter Inch Cartridge) era uno standard per memoria di massa a nastro magnetico chiuso in cartridge. Il QIC è stato sviluppato dalla 3M nel 1972 e alcune delle sue molte evoluzioni sviluppate nel corso degli anni sono utilizzate ancora oggi. Il primo formato di cartridge per QIC, il DC300 (DC è l'abbreviazione dell'inglese "data cartridge", in italiano "cartuccia per dati", e 300 è un valore legato alla lunghezza del nastro magnetico), utilizzava nastri magnetici da 1/4 di pollice lunghi 300 piedi su cui era possibile memorizzare fino a 204 KiB. Il drive QIC integrato nell'IBM 5100 utilizzava questo primo formato di cartridge.

La CPU dell'IBM 5100, denominata PALM (acronimo di Put All Logic in Microcode), era realizzata dall'IBM e si presentava come un singolo circuito stampato su cui erano alloggiati 15 grossi circuiti integrati. Il PALM era una CPU a 8/16 bit che indirizzava fino a 64 KiB di memoria di sistema, era dotata di microcodice e aveva una frequenza di clock di 1,9 MHz.

L'IBM 5100 disponeva di memoria di sistema sia RAM che ROM ed era disponibile in 12 versioni diverse per quantitativo di RAM installata e interpreti di linguaggi di programmazione ad alto livello residenti su ROM. La RAM poteva essere da 16, 32, 48, o 64 KiB. Gli interpreti di linguaggi di programmazione ad alto livello potevano essere per l'APL e/o il BASIC. Un interprete veniva eseguito automaticamente all'accensione del computer (la versione di IBM 5100 con entrambi i linguaggi aveva un interrutore sul pannello frontale per selezionare quale interprete doveva essere eseguito all'accensione del computer).

La ROM era divisa in "control ROS" (ROS è l'acronimo di Read Only Storage), 1 KiB, "executable ROS", fino a 64 KiB, e "non-executable ROS", fino a 150 KiB. La control ROS risiedeva nel PALM mentre la executable ROS e la non-executable ROS risiedevano ognuna su un proprio circuito stampato. Nella control ROS e nella executable ROS era memorizzato il microcodice mentre nella non-executable ROS gli interpreti APL e BASIC. Il microcodice utilizzato in esecuzione dell'interprete APL era diverso da quello utilizzato in esecuzione dell'interprete BASIC: il primo era un sottoinsieme del microcodice utilizzato nel mainframe IBM System/360, il secondo un sottoinsieme del microcodice utilizzato nel minicomputer IMB System/3. Per accedere alla memoria di sistema, siccome poteva superare i 64 KiB indirizzabili dal PALM, veniva utilizzato il bank switching.

L'IBM denominò il 5100 "portable computer", in italiano "computer portatile", nonostante che pesasse 25 kg, avesse le dimensioni di un desktop e non fosse prevista l'alimentazione tramite batterie integrate. Se si pensa ai moderni portatili tale definizione fa sorridere ma bisogna considerare che all'epoca la microelettronica, la tecnologia che ha permesso di ridurre le dimensioni dei computer, era solo agli inizi: il primo microprocessore, il componente elettronico che ha dato origine alla diffusione dei microcomputer, era stato realizzato solo da pochi anni (1971), i primi microcomputer, semplici esercitazioni tecniche per appassionati di elettronica, sono infatti di quegli anni. Altrimenti erano disponibili i mainframe, che avevano le dimensioni di un armadio, oppure, come soluzione più economica, i minicomputer, che avevano le dimensioni di un frigorifero. Non ci si deve quindi stupire della denominazione "portable computer" attribuita dall'IBM, per gli standard dell'epoca non era assolutamente inappropriata. Oggi un personal computer con tali caretteristiche viene invece definito all-in-one.

Per la parte superiore



IBM

Il primo PC IBM (1981)

International Business Machines Corporation (IBM o, in linguaggio colloquiale, Big Blue) è la più grande azienda di informatica nel mondo, e una delle più antiche.

Costituita il 15 giugno 1911, ma attiva dal 1888, ha sede ad Armonk, New York, USA.

La filiale italiana dell’IBM fu costituita nel 1927.

L'azienda produce computer di tutte le dimensioni (esclusi i palmari ed i portatili, recentemente venduti all'azienda cinese Lenovo), software e servizi informatici. La sua divisione Global Financing inoltre è a tutti gli effetti una delle banche più grandi al mondo.

Dal dicembre 2004 (operativamente da giugno 2005) IBM Corporation ha ceduto a Lenovo (azienda leader in Cina e sui mercati asiatici attiva nella produzione di PC, Cellulari, server e periferiche) PC Global, la parte dell'azienda che produce computer desktop e portatili.

Nel 1910, Herman Hollerith, inventore della scheda perforata, conferì i suoi brevetti per la Germania a Willy Heidinger, un commerciante di macchine addizionatrici che fonda la Deutsche Hollerith Maschinen Gesellschaft, abbreviata in Dehomag. Poi Hollerith vende l’intera attività a Charles Flint e questi a sua volta a Thomas J. Watson, che trasformerà il vecchio nome dell’azienda americana in IBM e renderà l'azienda leader nel campo dei sistemi meccanografici, destinati ad avere un grande successo nell'epoca del New Deal roosveltiano.

Con l'avvento del calcolatore elettronico, il prodotto principale di IBM diventa il mainframe, in cui è tuttora leader di mercato.

Tra la fine degli anni ottanta e l'inizio degli anni novanta, a causa dell'emergere dell'informatica distribuita, attraversò un periodo di profonda crisi.

IBM ricominciò a salire la china puntando sue due direttrici: i servizi a valore aggiunto, e i sistemi cosiddetti "midrange", cioè la serie AS/400 (prodotta negli stabilimenti di Rochester - USA, Roma Santa Palomba - Italia e dal Campus di Dublino - Irlanda) , oggi iSeries, che sarebbe esplosa letteralmente prima nelle PMI e poi anche nelle grandi aziende, dove si conquistò un posto come "snodo" fra i grandi Mainframe e le unità produttive decentrate.

Attualmente è attiva in molti settori: dai server che vende con vari sistemi operativi (AIX, Linux, Windows NT), al software (questa divisione nasce nel 1995), ai servizi in ambito informatico, ai microprocessori (ad esempio i PowerPC, utilizzati nelle console NexGen come Xbox 360, Nintendo Wii e recentemente insieme a Sony e Toshiba ha sviluppato il processore multimediale Cell, utilizzato nella PlayStation 3), alle stampanti ed altro ancora.

IBM ha sposato da tempo la scelta di sostenere il software Open Source collaborando con molti propri specialisti alla realizzazione di pilastri come il server HTTP Apache e l'ambiente di sviluppo software Eclipse, pensato come un framework multipiattaforma facilmente integrabile e personalizzabile per diversi ambienti e linguaggi di programmazione, partendo da Java ma oggi anche con supporti per PHP.

La politica mondiale di IBM è basata essenzialmente sulla rete dei Business Partner, che veicolano la maggior parte dei prodotti e servizi della casa madre. In Italia, per rispondere alle esigenze gestionali del mercato e per le specificità fiscali richieste, IBM ha sviluppato le Applicazioni Contabili Gestionali (ACG) disponibili sia in ambiente iSeries che in ambiente Java. Le ACG sono interamente realizzate in Italia e vengono vendute con circa l'ottanta per cento dei programmi in formato sorgente, in modo da permettere numerose personalizzazioni che oggi compongono un folto catalogo disponibile presso i Business Partner.

È attualmente attivo nella sede di Roma un laboratorio di sviluppo software e servizi specializzato sul brand "Tivoli" (prodotti di System Management).

Dentro l' IBM FORUM di Segrate è possibile testare tutte le nuove tecnologie targate IBM. Presso l' IBM Innovation Center For Business Partner (IIC) i Business Partner / ISV iscritti al programma Partnerworld possono effetuare test di compatibilita' e di migrazione software sulle piattaforme IBM con il supporto dei migliori Specialisti e Architetti.

Con la recente acquisizione di PWC Consulting, la IBM ha ampliato il suo raggio di azione alla consulenza aziendale e ai servizi. La recente vendita dei PC all'azienda cinese Lenovo e lo spostamento della IBM verso il mondo Linux, Open Source e soprattutto la SOA, sono un esempio della continua capacità di rinnovarsi di questa azienda che, pur di grandi dimensioni, è riuscita a superare momenti di crisi molto forti che hanno portato alla sparizione sul mercato di altri nomi altrettanto famosi.

IBM ha costruito Deep Blue, computer progettato appositamente per giocare a scacchi e risultato vincitore nel 1997 contro l'allora campione del mondo Garry Kasparov. Blue Gene nella sua più potente configurazione (Blue Gene/L) è il più potente supercomputer del mondo.

Sui rapporti presunti tra IBM e Terzo Reich, Edwin Black ha pubblicato nel 2005 il libro IBM e l'Olocausto.

Thomas J. Watson ricevette nel 1937 da Hitler la Gran Croce del Supremo Ordine dell'Aquila Tedesca, la più alta onorificenza del regime nazista prevista per uno straniero.

Più recentemente, IBM è stata severamente criticata da alcuni clienti e fans in occasione del graduale abbandono negli anni novanta del sistema operativo per personal computer noto come OS/2, che la poneva in una posizione di diretta concorrenza con Microsoft, e successivamente per il rifiuto di mettere il relativo codice sorgente in Open Source.

Per la parte superiore



IBM Personal Computer XT

Ibm px xt color.jpg

L'IBM Personal Computer XT (IBM 5160) indicato anche come PC XT o semplicemente XT era un computer prodotto da IBM e successore dell'IBM PC. Venne presentato l'8 marzo 1983 e fu uno dei primi computer a possedere come dotazione standard l'hard disk. Essenzialmente era basato sulla stessa architettura del PC originale con dei miglioramenti, un nuovo bus a 16 bit che sarà riutilizzato nell'AT. Il sistema era progettato per l'uso in ambito commerciale e il corrispondente 3270 PC dotato dell'emulazione di terminal 3270 venne presentato nell'ottobre dello stesso anno. XT è l'acronimo di eXtended Technology.

L'XT originale era dotato di 128 Kbyte di RAM, di un floppy disk da 360 KB da 5 1/4", da un Hard Disk da 10 MB, da una porta seriale, otto slot ISA a 8 bit e un processore Intel 8088 a 4.77 MHz. Il sistema operativo era il PC-DOS 2.0. La presenza di otto slot era un miglioramento dei precedenti cinque slot ma in realtà tre slot erano coperti dal controller del floppy disk, dal controller dell'hard disk e dal controller della seriale. Il modello successivo fu dotato di 256 Kbyte di memoria e il modello che lo segui venne fornito di 640 Kbyte di RAM e di un'hard disk di 20 MB.

Il modello originale dell'XT era fornito con l'hard disk di serie anche se nel 1985 venne realizzata una versione senza hard disk dato che allora l'hard disk era un componente molto costoso.

Nel 1986 venne presentato l'XT/286 (IBM 5162) con un processore Intel 80286 a 6 MHz. Il sistema era veloce quanto un sistema AT a 8 MHZ per via della memoria accessibile senza stati di attesa che migliorava notevolmente le prestazioni.

Come il PC originale l'XT veniva fornito di un interprete BASIC nella ROM. Dato che l'interprete era progettato per funzionare con le audiocassette (il lettore non era disponibile per XT) l'unico modo di attivare l'interprete era disconnettere l'hard disk, e utilizzare un programma fornito su floppy disk che chiamava l'interprete tramite una chiamata di debug del BIOS.

La tastiera del PC originale e dell'XT non era compatibile con la tastiera dei moderni PC AT, dato che utilizzava un proprio codice di gestione dei tasti.

Per la parte superiore



IBM System i

Il sistema AS/400 (Application System/400) è un minicomputer sviluppato dall'IBM per usi prevalentemente aziendali, come supporto del sistema informativo gestionale. Nasce nel giugno 1988 come successore del system/38 e dopo oltre 20 anni è ancora in produzione con il nome commerciale di iSeries e dal 2004 di System i. Oggi si chiama semplicemente I.

Il suo successo è stato determinato dai suoi numerosi vantaggi: costo relativamente limitato (anche 20.000 euro), più di 2 500 applicazioni software disponibili, una grande stabilità sia in termini di sistema operativo che di hardware. Viene pubblicizzato per la sua sicurezza e riservatezza dei dati, velocità e trattamento di grandi quantità di record e capacità di gestire centinaia di terminali connessi contemporaneamente.

Negli ultimi anni questo sistema si è "aperto" verso il mondo web adottando tecnologie tipiche di quel mondo: un esempio per tutti è l'accordo siglato tra IBM e Zend (The PHP Company) per l'installazione nativa del php all'interno del sistema operativo stesso. Oggi un sistema AS400 è in grado di fare tutto quello che può essere fatto su un comune server web: produrre stampe di qualità, interfacciamento ai web-services, integrazione con le applicazioni legacy, utilizzo di portali o prodotti open-source ecc.ecc.

L'AS/400 nasce come sistema centralizzato situato al centro di una rete a stella in cui le punte sono dei terminali, cioè macchine che non effettuano elaborazioni. Attualmente viene utilizzato nelle moderne reti di computer come server di applicazioni software o server di rete (internet/intranet).

Per la parte superiore



Source : Wikipedia