Geofisica

3.3757431628964 (841)
Inviato da gort 24/03/2009 @ 02:08

Tags : geofisica, scienze della terra, scienza

ultime notizie
TERREMOTO: SCOSSA DI MAGNITUDO 2. 6 IN PROVINCIA DE L'AQUILA - AGI - Agenzia Giornalistica Italia
Le localita' prossime al'epicentro individuato dall'Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia sono state la stessa L'Aquila, Collimento e Pizzoli. Dalle verifiche effettuate dalla Sala Situazione Italia del Dipartimento della protezione Civile non...
Nel Mediterraneo non ci sono processi di riscaldamento in atto - APCOM
... anche sugli ecosistemi, che 60 scienziati europei confrontano dati e conoscenze al Secondo Convegno EuroArgo sull' Oceanografia Osservativa, in corso a Trieste, organizzato dall'Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale, OGS....
E adesso la sinistra usa anche i terremotati - il Giornale
Erano seicento, compresi i precari dell'Istituto di Geofisica e collettivo de La Sapienza, forse qualcuno di più se si contano dirigenti e parlamentari del Partito democratico, dell'Italia dei Valori, e via agitando, dopo aver promesso solennemente che...
TERREMOTO: ODG BIPARTISAN PER INGV. STABILIZZAZIONI NECESSARIE - Asca
(ASCA) - Roma, 16 giu - L'Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia rappresenta un'importante componente del servizio nazionale di protezione civile. La sua attivita' e' fondamentale per la mappatura del rischio sismico e per l'individuazione...
b) Identificazione preliminare a mezzo geofisica ERT delle ... - EdilPortale
Esecuzione di intervento denominato “see&shoot HD” per stabilizzare i cedimenti differenziali verticali delle costruzioni, attraverso l'omogeneizzazione e la stabilizzazione del terreno mediante iniezione delicata di eco-resine a lenta espansione....
Montecitorio, la protesta dei terremotati - Romauno
In un migliaio sono arrivati questa mattina con una ventina di pullman, comitati di cittadini e sindaci dei paesi della provincia de L'Aquila ma anche precari dell'Istituto di Geofisica e Vulcanologia. Nel giorno in cui la Camera deve approvare il...
TERREMOTO/ Scossa di magnitudo 2.6 in Sicilia - Il Sussidiario.net
La scossa è stata localizzata dalla Rete Sismica Nazionale dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia nel distretto sismico dell'Etna. I comuni interessati sono localizzati in provincia di Messina (Ancavilla di Sicilia e Motta Camastra) e di...
All'Aquila scossa di magnitudo 3.4 - Il Messaggero
Secondo i rilievi dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia le località vicine all'epicentro sarebbero L'aquila, Fossa e San Panfilo d'Ocre. Gli strumenti dell'istituto, alle 7:14 ed alle 7:32, avevano registrato altre due scosse di magnitudo...
Esercitazione a San Teodoro Si è temuto un terremoto - L'Unione Sarda
La conferma arriva dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia: nessuna scossa, si è trattato di esplosioni durante una esercitazione militare al largo dell'ampio tratto di mare del Tirreno centrale. Paura anche a Barisardo: molte persone...
Rassegna Nazionale delle Regioni a Cavallo - I temi delle ... - informazione.it - Comunicati Stampa (Comunicati Stampa)
Storia, cultura, tradizioni e perfino la natura geofisica del territorio di appartenenza hanno ispirato gli attori-cavalieri fornendo gli spunti per le rappresentazioni che saranno presentate a Leonessa in prima assoluta....

Geofisica

La geofisica (anche detta fisica terrestre) è in generale l'applicazione di misure e metodi fisici allo studio delle proprietà fisiche del pianeta Terra.

Anche se i principali studi sulle proprietà globali della Terra vennero svolti tra il 1600 ed il 1900, la fisica terrestre è una scienza relativamente giovane. Infatti solo nella prima metà del Novecento venne riconosciuta la struttura interna della Terra, grazie all'utilizzo delle prime registrazioni sismografiche. E solo nella seconda metà del Novecento si cominciarono a studiare i processi geodinamici in atto sulla superficie terrestre, con la formulazione della teoria della tettonica a zolle.

La Terra può essere schematizzata come un sistema composto da 3 fasi. Oggetti di studio della geofisica sono quindi la componente solida della Terra (geofisica della Terra solida), la componente liquida (fisica dell'idrosfera) e quella gassosa (fisica dell'atmosfera).

La geofisica applicata studia la parte solida più superficiale della Terra e rivolge il suo campo di ricerche all'individuazione di strutture idonee per l'accumulo di idrocarburi, nonché alla risoluzione di problemi nel campo dell'ingegneria civile, ingegneria idraulica, ingegneria mineraria ed per l'individuazione di fonti di energia geotermica. Le prospezioni geofisiche (prospezioni sismiche, elettriche, elettromagnetiche, radiometriche, gravimetriche) rappresentano alcuni metodi fisici utilizzati nel campo dell'esplorazione geologica. Le indagini geofisiche si differenziano in due grandi categorie: indagini passive e indagini attive; le prime si effettuano prevalentemente in magnetometria e in gravimetria, dove tramite delle apposite strumentazioni si rilevano eventuali anomalie (magnetiche o gravimetriche) rispetto all'ambiente circostante; le seconde si riferiscono ai rilievi di tipo geoelettrico e sismico che permettono, tramite l'attivazione nel sottosuolo di diverse forme di energia, di studiare come si comporta il materiale in esame.

Per la parte superiore



Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

L'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (spesso abbreviato in INGV) è l'ente italiano che gestisce la rete di controllo sui fenomeni sismici e vulcanici. L'attuale presidente è il Professor Enzo Boschi.

Il decreto legge n.381 del 29/09/99 istituì l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia che divenne così uno dei più grandi Enti di ricerca europei.

L'INGV opera nel settore delle ricerche nei campi di geofisica, vulcanologia, e ha una funzione di ricerca, controllo e diffusione di notizie sui fenomeni sismici.

L'INGV ha moltissime sedi, con diverse tipologie di strumentazioni, sparse sull'intero territorio nazionale, le quali funzionano da centri di monitoraggio per l'attività sismica. Sono inoltre presenti diverse sezioni ad hoc, quali quelle di monitoraggio per il Vesuvio e l'Etna.

Per la parte superiore



Museo di geofisica di Rocca di Papa

Immagine del Museo di Geofisica di Rocca di Papa

Voce principale: Rocca di Papa.

Il Museo di Geofisica di Rocca di Papa è un museo di recente inaugurazione, sito sulla parte alta della cittadina, in un palazzo che sovrasta la Fortezza, fatta costruire da Papa Eugenio III, e usata da Michele Stefano de Rossi, padre della moderna sismologia, e da Guglielmo Marconi per i suoi esperimenti sulle trasmissioni radio.

Il museo conserva strumentazioni di diverso genere, antiche e moderne e particolare spazio viene concesso alla simulazione degli effetti dei terremoti e all'evoluzione storica del sismografo. Proprio a questo scopo, è in funzione nel museo, che è anche sede dell'INGV, un sismografo moderno, che registra incessantemente l'attività sismica del territorio.

Per la parte superiore



Prospezione geofisica

La prospezione geofisica è una tecnica di indagine non distruttiva del sottosuolo, che consiste nella misurazione tramite apparecchi di alcune proprietà fisiche del terreno che possono rivelarne la struttura, così come la presenza di oggetti sepolti. È utilizzata in applicazioni archeologiche, forensi, ambientali, minerarie e petrolifere, geotecniche, di ingegneria civile e di Ingegneria per l'ambiente e il territorio.

Nel terreno si sovrappongono al campo magnetico terrestre campi statici prodotti da sorgenti locali. Misurando l'intensità del campo magnetico terrestre e valutandone le variazioni e anomalie riferite agli strati più superficiali del terreno. Se dei resti archeologici sepolti hanno proprietà magnetiche significativamente diverse da quelle del terreno che le circonda, sarà in questo modo possibile individuarle.

Possono essere individuate con maggiore facilità formazioni concentrate (in archeologia: pozzi, tombe, depositi di materiali) o lineari (strade, fossati, allineamenti di muri).

Per la misurazione si utilizza un magnetometro differenziale o gradiometro.

Per un buon risultato è necessario che il terreno sia uniforme, con superficie regolare e con moderata suscettività magnetica. La presenza di nuclei di materiale vulcanico nelle vicinanze o di un fondo roccioso poco profondo può causare disturbi che vanno opportunamente filtrati. Altro elemento di disturbo per le misurazioni è costituito dalla presenza di materiale metallico di origine recente e sepolto a poca profondità, che tuttavia può essere preliminarmente individuato con l'utilizzo di un metal detector.

Il metodo del GPR (Ground Penetrating Radar) si basa sull'emissione e propagazione di impulsi elettromagnetici nel terreno, i quali vengono riflessi e rifratti dalle discontinuità fisiche ed elettriche presenti nel sottosuolo. La penetrazione del segnale impulsivo è funzione dello spettro del segnale irradiato e delle proprietà elettriche del terreno nel quale si propaga. Terreni o mezzi molto conduttivi (per esempio un terreno saturo d'acqua ricca di ioni disciolti) sono responsabili di una forte attenuazione. Il terreno agisce come un filtro passa basso sul segnale emesso dalle antenne; ci si può quindi aspettare una penetrazione maggiore da segnali con spettro prevalentemente a bassa frequenza. Per contro, al diminuire del contenuto in frequenza del segnale irradiato peggiora la risoluzione.

Il metodo, attraverso una serie di profili tracciati a distanze regolari, permette di ricavare immagini ad alta risoluzione del terreno e di quanto vi sia contenuto fino a qualche metro di profondità.

Utilizza la propagazione di onde acustiche prodotte artificialmente. Si registra il segnale risultante e si misura il tempo di propagazione tra l'energizzazione e la ricezione delle onde da parte di ricevitori che possono essere geofonio anche accelerometri accuratamente posizionati in modo da ricevere nel miglior modo possibile le riflessioni e/o rifrazioni causate dagli strati sottostanti. I ricevitori possono essere stesi singolarmente o in array in modo da migliorare il rapporto S/N. La sismica è la tecnica geofisica più importante per indagare la sottosuperficie in profondità e per delinearne le strutture geologiche presenti.E' molto usata nella ricerca di idrocarburi.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia