Gadget

3.4424841213517 (1417)
Inviato da nono 27/02/2009 @ 09:01

Tags : gadget, high tech

ultime notizie
Lalaloo, il gadget per le mamme indaffarate - Pinkblog.it
A guardarlo così non sembrerebbe proprio un oggetto per bambini. Ma, anche se è più pensato per le mamme, effettivamente Lalaloo è un aggeggio molto utile ai pargoletti nella culla o nel passeggino. Lalaloo si presenta infatti come una specie di...
I gadget degni di James Bond - TGCOM
Sono i dieci migliori “gadget” da agente segreto prodotti dai servizi di sicurezza di mezzo mondo. Il britannico Times li ha raccolti in una speciale classifica, degna delle diavolerie inventate dal mitico Q, l'esperto di tecnologie e di...
IEA vuole gadget più parsimoniosi - Punto Informatico
Roma - Sembra essere un vero e proprio allarme quello lanciato dll'International Energy Agency (IEA): il sempre maggiore numero di gadget tecnologici attivi tra la popolazione mondiale sospinge il consumo energetico....
La borsa per i gadget, firmato Proporta - Tutto Digitale
Studiata per accogliere gli apparecchi portatili hi-tech, la Gadget Bag di Proporta consente di evitare graffi e ammaccature e di organizzare i dispositivi elettronici meglio che in una borsa. Lo schermo touch dell'iPod, si sa, non va molto d'accordo...
Varie: Impazza il Reyer Basket trainer - Tuttobasket.net
Nello specifico il Reyer Basket Trainer è l'ultimo gadget digitale pensato dalla divisione marketing Reyer e realizzato da Attiva Spa, partner di Reyer per internet e pubblicità, che consiste in un simulatore di tiri a canestro con un interfaccia di...
Gb, topi esplosivi e ombrello al veleno tra i gadget degli 007 - Adnkronos/IGN
Il quotidiano 'Times' pubblica la top ten degli 'spy gadget' stilata dallo scrittore di romanzi di spionaggio Jeremy Duns. I servizi bulgari usarono l'ombrello per uccidere il dissidente Georgi Markov con l'aiuto del Kgb Londra, 14 mag....
Alla Valcavallina Superbike gadget speciale per le donne - SoloBike.it
Ricordiamo che fino a mercoledì 20 maggio le iscrizioni sono possibili al costo di soli 15 euro ed assicurerà oltre al buono pasta party, sali Sali Friliver, Gadget sponsor, busta di ortaggi, bottiglia di vino della Val Calepio e una copia della...
Quei gadget mangia energia - Corriere della Sera
MILANO – Un appetito insaziabile verso i gadget intelligenti: così Paul Waide, analista dell'Agenzia Internazionale dell'Energia (Iea), definisce la rincorsa famelica verso telefonini, smartphone e apparecchi elettronici, veri e propri mangia-energia...
Jarno Trulli visita Onna e regala gadget agli sfollati - Il Tempo
Trulli ha voluto visitare alcuni dei luoghi martoriati dal sisma e alcune tendopoli, luoghi in cui ha incontrato i fan ai quali ha donato dei gadget. «Gli abruzzesi - ha detto il pilota - hanno dimostrato agli italiani una grande compostezza....
Premio Abio Napoli 2009 - Campania su web
Durante l'evento ci saranno maghi, clown, giocolieri, ballerini e distribuzione di gadget: il tema proposto quest'anno è la natura e la tutela dell'ambiente, argomento che ha fatto sì che la manifestazione ottenesse il patrocinio della Presidenza del...

Gadget

Un gadget è un oggetto che ha uno specifico scopo pratico utile e funzionale. I gadget tendono ad essere più insoliti o abilmente disegnati rispetto agli oggetti di uso normale. Spesso sono oggetti pubblicitari che vengono omaggiati in particolari occasioni. Spesso il termine è usato anche per indicare oggetti rappresentanti VIP (Very Important People) o squadre di calcio.

L'etimologia del termine è molto disputata. Alcune fonti dicono sia stato inventato quando Gaget, Gauthier & Cie, la società che fuse la Statua della Libertà, fece una versione più piccola del monumento e la chiamò con il nome della ditta (Gaget). Altre fonti citano una derivazione dalla terminologia marinara; dal francese gâchette (grilletto di fucile) o dal francese gagée (piccolo accessorio) o ancora dal francese engager (impegnare, imbarcare) o anche dal termine navale scozzese gadge (un oggetto per misurazioni).

Per la parte superiore



L'ispettore Gadget

No immagini.png

L'ispettore Gadget (Ispector Gadget) è una serie televisiva animata nata da una collaborazione francese-canadese-statunitense, che ha come protagonista il detective Gadget, una sorta di cyborg dotato dei più vari "gadget" tecnologici innestati nel suo corpo.

Il nemico principale di Gadget è il Boss Artiglio, capo di una organizzazione malavitosa chiamata MAD.

La prima serie de L'ispettore Gadget risale al 1983 ed è terminata nel 1986. In Italia la serie è stata trasmessa su Rai Uno, Italia 1 e Canale 5. Nel 1999 è uscito un film dedicato a questa figura per la regia di David Kellogg, con Matthew Broderick e Rupert Everett; è poi arrivato anche un sequel.

L'Ispettore Gadget è un maldestro detective cyborg. In quasi tutti i casi che gli vengono assegnati commette stupidi errori, scambia innocenti astanti per nemici e crede che i veri nemici siano persone per bene. La sua inettitudine lo trascina spesso in pericolo, ma riesce sempre a cavarsela usando uno dei suoi affidabili gadget oppure con l’aiuto della nipotina Penny. Il personaggio ha una certa somiglianza al personaggio di Maxwell Smart, ma ha molto più in comune con l’Ispettore Clouseau della Pantera rosa.

Penny (Sophie nel doppiaggio Rai) è la preziosa nipote dell’ispettore. Gadget è il suo tutore e custode, anche se di solito pare che sia lei la custode di Gadget. Penny ha capelli biondi ed occhi verdi, veste quasi sempre una t-shirt rossa con una striscia colorata al centro ed un paio di pantaloni verdi con toppe bianche sulle ginocchia. Nonostante ciò che pensa lo zio, lei è la vera responsabile del fallimento dei malvagi piani del Boss Artiglio. Il suo strumento di lotta al crimine è un computer portatile high-tech, in grado di decifrare codici, sorvegliare edifici e prevalere su ogni sorta di macchina o dispositivo. Usando il suo computer, Penny riesce a sorvegliare tutto ciò che combina Gadget e – con l’aiuto del cane Bravo – aiutarlo ad evitare le numerose potenziali catastrofi da lui stesso causate.

Bravo (Finot nel doppiaggio Rai) è il cane di Penny. Assiste la ragazzina nel tenere Gadget fuori dai guai. È un maestro nei travestimenti e si camuffa per controllare che l’ispettore non si metta in pericolo tentando di risolvere il caso. Anche se Gadget è a stretto contatto con Bravo durante tutto il tempo dell’indagine, non lo riconosce mai, scambiandolo invece ogni volta per uno degli scagnozzi del Boss Artiglio. Il collare del cane è accessoriato con un sistema di videocomunicazione retrattile, collegato ad un computer da polso che Penny porta per sorvegliare lo zio o per avvertire Bravo dell’ubicazione degli scagnozzi di Artiglio. Bravo sa parlare il linguaggio umano, anche se in una scontrosa voce “canina” (con un problema di pronuncia della lettera “r”), simile a quella di Astro dei Jetsons o di Scooby-Doo. A volte è perfino impossibile capire quello che Bravo sta dicendo. La razza è sconosciuta, anche se potrebbe trattarsi di un golden retriever.

Boss Artiglio (Dottor Gang nel doppiaggio Rai) è il cattivo principale della serie ed il capo dell’organizzazione criminale conosciuta come MAD. Parla con una voce profonda e minacciosa, inoltre la sua faccia e la maggior parte del suo corpo non vengono mai mostrati; sono visibili solo le braccia e le mani guantate e solo perché lavora al computer. Anche se è consapevole dell’inettitudine di Gadget, crede che l’ispettore sia il suo peggiore nemico e non capisce che in realtà sono Penny e Bravo che sventano i suoi piani. Il suo animale, che sta sempre al suo fianco, è un grasso gatto, chiamato Satanasso (Mad Gatto nel doppiaggio Rai). In alcuni episodi, il gatto tenta di fare qualcosa di semplice, ma non ci riesce mai, di solito perché Boss Artiglio colpisce la scrivania. Il gatto non ha voce, ma quando Artiglio ride, ride anche lui. Boss Artiglio ha molte caratteristiche in comune con Ernst Stavro Blofeld dei film di James Bond.

Quimby (Capo Gontier nel doppiaggio Rai) è il capo dell’ispettore Gadget. Appare all’inizio di ogni episodio per consegnare a Gadget la missione e solo per saltare in aria insieme al messaggio che si auto-distrugge a causa della dimenticanza dell’ispettore. Appare nuovamente alla fine dell’episodio per congratularsi con Gadget del buon lavoro svolto. Il personaggio è ripreso dal capo di Get Smart e dall’ispettore capo Dreyfus della Pantera Rosa, mentre il messaggio esplosivo è ispirato a Mission: Impossibile.

Gadget è un ispettore della polizia di Metro City. Le sue missioni lo portano spesso in luoghi strani ed esotici, senza dare spiegazione di come un crimine commesso dall’altra parte del globo possa interessare alla polizia di Metro City. Anche se ci sono alcune rare eccezioni, ogni singolo episodio della prima stagione segue una trama standard con poche piccole variazioni.

I gadget sono l’aspetto fondamentale del cartone, e nonostante siano il motivo caratterizzante dell’ispettore, non lo aiutano mai abbastanza da permettergli di risolvere il caso. Quando deve usare uno dei suoi gadget, l’ispettore dice “Hop-hop-gadget” ed il nome del gadget che vuole usare; comunque il gadget che appare non sempre è quello richiesto.

L’ispettore è dotato di un indefinito numero di gadget, collocati in tutto il corpo, anche se alcuni vengono usati più frequentemente.

Così come l’ispettore, anche Penny e Bravo utilizzano alcuni gadget.

Una macchina simile ad un moderno computer portatile, capace di introdursi e interfacciarsi con qualsiasi equipaggiamento elettronico ed anche con apparecchi non necessariamente elettronici, come le casseforti.

Il dispositivo che Bravo usa per comunicare con Penny è nascosto nel collare. Quando riceve una chiamata, le punte del collare si allungano attorno al cane, presumibilmente contengono telecamera, microfono ed altoparlante.

Simile al suo corpo, la macchina dell’Ispettore, chiamata Gadgetmobile (può trasformarsi in furgoncino o in un'auto estremamente somigliante all'ARNA) è accessoriata con un apparentemente inesauribile arsenale di gadget. Ha tutte la caratteristiche che contraddistinguono le auto del paladini della legge (come la Batmobile o la macchina di James Bond), tra cui una cortina fumogena, una sirena, gas esilarante, sedili eiettabili ed un artiglio frontale.

Oltre a tutti I gadget tipici, l’auto può trasformarsi ingrandendo le proprie ruote e diventare un altro veicolo, denominato Gadget-van, in movimento. È inoltre pressoché invulnerabile: in alcune occasioni è caduta da notevoli altezze oppure ha subito collisioni non indifferenti rimanendo completamente intatta.

L’obiettivo principale dell’organizzazione criminale MAD è commettere crimini, seminare il caos ed operare al di fuori del limiti della legge. Capeggiata dal misterioso Boss Artiglio, MAD sembra avere numerosi agenti al suo servizio, ma solo sei o sette di loro appaiono frequentemente e solo quelli ingaggiati dal mondo della malavita hanno un nome. MAD è ovviamente una parodia delle organizzazioni criminali con grandiosi schemi di conquista del mondo, simili a quelli dei film di James Bond.

Per essere un’organizzazione criminale, MAD sembra misteriosamente propensa all’autopromozione. Tutto ciò che è prodotto da MAD porta il logo, ogni agente porta vestiti con il logo dell’organizzazione e gira in camion con la scritta “MAD” sui lati. Nonostante tutto, l’Ispettore Gadget non riconosce mai il logo e le uniformi.

In Italia esistono due diverse versioni del cartone animato, la più vecchia, doppiata dalla RAI, mantiene i nomi dell’edizione francese (ad esempio Penny e Bravo sono rispettivamente Sophie e Finot). La seconda, più recente, è doppiata da Mediaset dalla versione inglese.

Anche le sigle differiscono tra loro, sia nella scelta degli estratti video, sia nel commento musicale: nella prima trasmissione in Rai infatti, le immagini erano accompagnate da una canzone, cantata da Piero Chiambretti, il cui testo era una traduzione della sigla originale francese; sigla mai pubblicata e attualmente indisponibile. Nel passaggio Mediaset venne ricreata una sigla originale cantata da Cristina d'Avena, mentre nei passaggi estranei a questi due soggetti (Jetix, eccetera) si impiega comunemente la sigla internazionale, che alla animazione affianca soltanto un semplice motivo musicale, non cantato. Il doppiaggio Mediaset viene impiegato anche nella trasmissione Jetix.

Per la parte superiore



È piccolo, è bionico è sempre Gadget

No immagini.png

È piccolo, è bionico è sempre Gadget (Gadget Boy and Heather) è una serie televisiva a cartoni animati prodotta da DiC, France Animation e Metropole 6 nel 1995. Il protagonista assai simile al coraggioso personaggio de: L'ispettore Gadget.

Per la parte superiore



Lista di gadget nei film di James Bond

L'agente del servizio segreto James Bond nel corso dei suoi 22 film ha utilizzato una infinità di gadget, nei vari film presentati dal personaggio Q, interpretato Desmond Llewelyn che con 17 apparizioni nei film di James Bond è l'attore con più partecipazioni alla serie.

Walther PPK: la celebre pistola di Bond è anche il suo primo gadget (Q e i suoi gadget non appaiono ancora nel primo film della serie).

Per la parte superiore



Conan Edogawa

Shinichi e Conan

Conan Edogawa (江戸川 コナン, Edogawa Konan?), il cui vero nome è "Shinichi Kudo" (工藤 新一, Kudo Shin'ichi?), è il protagonista della serie manga e anime Detective Conan, creato da Gosho Aoyama, ed edito in Giappone dalla Shogakukan nello Shonen Sunday ed in Italia dalla Star Comics.

Shinichi Kudo è un liceale della Scuola Superiore Teitan, nella stessa classe di Ran Mouri e Sonoko Suzuki; durante i momenti liberi è sempre disposto ad aiutare la polizia a risolvere casi complicati: Shinichi è infatti un detective-liceale famosissimo, che in pochissimo tempo riesce a risolvere anche casi complicatissimi.

Shinichi abita in Via Beika, ed è vicino di casa del dottore Hiroshi Agasa, di cui è anche grande amico. In casa comunque vive da solo, in quanto i suoi genitori, Yusaku e Yukiko Kudo, si sono trasferiti da ormai 3 anni in America.

La solitudine non è di peso a Shinichi, anzi gli permette di praticare tutti i suoi hobby preferiti: è infatti un grande calciatore, tanto che alcuni mesi prima aveva anche ricevuto delle offerte da delle squadre locali.

Nonostante le tante ammiratrici ed innamorate che la sua fama comporta, Shinichi è sin dall'infanzia innamorato della sua compagna di classe Ran Mouri, con la quale ha un appuntamento proprio il giorno che gli cambierà completamente la vita.

Durante l'appuntamento al Tropical Land con Ran, Shinichi incontra dei loschi uomini in nero, durante un loro scambio criminale. Focalizzato su quest'avvenimento, il giovane non si accorge del collega del criminale, che lo colpisce alle spalle e gli fa perdere i sensi: per far sparire il detective senza ucciderlo, i loschi uomini decidono di usare una sostanza sperimentale, chiamata Apotoxina 4869, che almeno sperimentalmente sembra uccidere le cavie animali.

Fortunatamente per Shinichi, la sostanza ha anche un altro effetto, cioè induce le cellule ad autoridursi tramite il processo di apoptosi, facendolo tornare all'età di 7 anni. È in questo modo che Shinichi Kudo lascia il posto nella storia a Conan Edogawa, ed alla sua caccia all'Organizzazione Nera. Nelle sembianze di Conan Edogawa, è costretto ad abitare insieme a Ran e Kogoro Mouri, che lavora come detective semidisoccupato. Grazie alla sua geniale intuizione, Conan, fa diventare famoso Kogoro, addormentandolo con una pistola ad aghi soporiferi. Durante alcune indagini riuscirà a trovare degli indizi sull'organizzazione.

Da solo, la caccia all'Organizzazione Nera si rivelerebbe un'impresa troppo difficile, per questo Conan deve fare affidamento su più persone che sanno del suo rimpicciolimento.

La prima persona che ne viene a conoscenza è il dottore Hiroshi Agasa, che lo aiuta ad andare a vivere da Ran; successivamente nella storia anche la madre e il padre di Shinichi, rispettivamente Yukiko e Yuusaku Kudo, verranno a conoscenza del rimpicciolimento del loro figlio, e cercheranno anche di farlo partire insieme a loro per gli Stati Uniti, trovando uno Shinichi contrario a questa idea.

Il detective dell'Ovest, ovvero Hattori Heiji, è la successiva persona a venire a conoscenza della doppia identità di Conan: lo scopre durante il caso di Sherlock Holmes, a causa del cattivo accento di Conan nell'usare Heiji per risolvere un caso. Assieme a lui però, Conan riuscirà a fare molte indagini, e potrà anche avere qualcuno che si possa travestire da Shinichi Kudo in caso di necessità.

Ai Haibara, la creatrice dell'Apotoxina 4869, è anche la successiva persona che sa del rimpicciolimento del detective, e proprio a causa delle sue conoscenze dell'Organizzazione, sarà molto utile a Conan, anche se spesso si preoccuperà molto dei pericolo che il giovane può correre.

Dell'Organizzazione infine, solo una persona sa dell'identità di Shinichi e Conan, Vermouth. La donna ne viene a conoscenza dopo il suo incontro con Shinichi nel caso di New York, e l'incontro con Conan nel caso dell'Halloween Party. Nonostante sia dell'Organizzazione, e sappia la verità su Shinichi, non ne parla misteriosamente con gli altri membri.

Anche se non sanno della vera identità di Conan, l'FBI collabora con il giovane nella caccia all'Organizzazione, credendo comunque che lui sia solo un giovane molto sveglio, come spesso ripete Jodie Starling.

All'apparenza si presenta come un comune cravattino, ma è in realtà un modulatore di voce. É un oggetto molto utilizzato nella serie: Conan se ne serve per imitare la voce di Goro per fornire la soluzione dei casi. Per regolare la voce è presente una manopola numerata: ad ogni numero corrisponde una voce differente. Se la voce la si dovesse far provenire da un punto distante da Conan, si possono utilizzare dei bottoni-altoparlanti applicabili nel punto da cui debba provenire, per ottenere un effetto da ventriloquo. Viene molto utile a Conan anche quando telefona a Ran con la voce di Shinichi, rassicurandola e mantenendo così al contempo la sua copertura.

Altro oggetto fra i più utilizzati, solitamente per far addormentare Goro,fornendo così la soluzione dei casi al suo posto; non solo, ma anche come arma difensiva contro i criminali. É anche dotato di una piccola torcia per vedere al buio.

Queste speciali scarpe da ginnastica stimolano i nervi del piede per aumentare la forza dei calci. Questa caratteristica, unita all'abilità di calciatore di Shinichi, consentono di tirare fortissimi e precisissimi calci agli oggetti che a Conan capitano a tiro per poter abbattere i malintenzionati. Per farle funzionare si gira una rotella con cui si può regolare la potenza del calcio.

Al fine di non rivelare la sua vera identità Shinichi ha dovuto subito indossare gli occhiali del padre, diventati in seguito molto utili: sono stati infatti dotati dal professor Agasa di un radar per seguire gli spostamenti delle persone a cui Conan ha attaccato uno dei suoi bottoni segnalatori. Hanno anche un apposito pulsante che, quando viene premuto, fa uscire un'antenna per migliorare e ampliare la ricezione.

Le bretelle indossate da Conan servono non solo a reggergli i pantaloni, ma anche a trarlo in salvo da certe situazioni di pericolo, dato che sono molto elastiche e resistenti. Tale caratteristica permette di sollevare pesi impossibili per un bambino.

Il mezzo di locomozione a disposizione di Conan. Va ad energia solare, quindi presenta l'inconveniente di non poter essere utilizzato la notte. Ciononostante può rivelarsi utilissimo per inseguire i criminali.

Questi ultimi tre gadget sono stati dati anche alla squadra dei giovani detective.

Una spilla-distintivo dei membri della Squadra dei Giovani Detective raffigurante Sherlock Holmes, con la scritta "Detective Boys". É in realtà un trasmettitore per tenersi sempre in contatto fra loro. Diventa molto utile per poter comunicare le novità quando si presenta necessario separarsi per agire su diversi fronti. É anche utilizzata come semplice mezzo di comunicazione tra amici.

Di seguito le apparizioni del personaggio nel manga e nell'anime.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia