Foo Fighters

3.4214876032967 (1089)
Inviato da maria 14/04/2009 @ 04:08

Tags : foo fighters, pop rock, musica, cultura

ultime notizie
Alice In Chains, nuovo album il 29 settembre - Indie-Rock.it
L'LP, il primo dopo 10 anni e il primo dopo la morte dell'ex-frontman Layne Staley (sostituito nella line-up da Robert DuVall), è stato registrato col produttore Nick Raskulinecz (Foo Fighters, Rush) tra Northridge e Hollywood, California....
Codacons: "Ormai i concerti sono un lusso" - Affaritaliani.it
"Per capire a che velocita' sono rincarati i prezzi dei biglietti per la musica dal vivo in Italia, basta ricordare che per assistere ad un concerto di Bob Dylan nel 1998 bastavano 36mila lire, per i Foo Fighters nel '97 32, per Jamiroquai sempre 32...
Alice in Chains, nuovo album a settembre con la EMI - Rockol.it
... il gruppo ha inciso le nuove canzoni nel corso degli ultimi mesi con il produttore Nick Raskulinecz (in passato già alla corte di Rush e Foo Fighters), e proprio in questi giorni sta ultimando la post-produzione agli Henson Studios di Hollywood....
Sonde aliene ? - ECPlanet
Tali oggetti potrebbero essere identificati con i foo fighters rilevati sia dai piloti dell'Asse sia da quelli alleati, durante la Seconda guerra mondiale, negli anni 1944 e 1945.(1) Ordigni analoghi furono immortalati durante la cosiddetta Battaglia...
Brendan Benson torna da solo - Indie-Rock.it
Ad agosto Brendan farà uscire il proprio 4° LP, intitolato 'My Old, Familiar Friend', che è stato registrato a Nashville (Tennessee) e prodotto da Gil Norton (Pixies, Foo Fighters). La scaletta del disco comprende queste canzoni: 'A Whole Lot Better'...
Una “piccola Woodstock” anche in Alto Canavese - Localport
Sabato 13 le band in concorso sono: gli Amantyde (di Treviso) che si ispirano ad alternative metal; i Deleeders che spaziano dai Motley Crue ai Foo Fighters cercando comunque di creare un sound proprio, figlio delle esperienze e dei gusti di ogni...
Juliette Lewis sbarca a Roma - Il Tempo
Alle spalle ci sono collaborazioni illustri, come quella con Dave Grohl, ex Nirvana e leader dei Foo Fighters. Dietro l'apparenza di stella del cinema, però, si nasconde un curriculum da vera scapestrata: a 14 anni se ne va di casa,...
Juliette Lewis & The New Romantiques all'Alpheus - 06blog.it
Esibendosi con l'ex Nirvana e Foo Fighters Dave Grohl, con New Romantiques l'incontenibile Juliette Lewis mostrerà il cambiamento di direzione e atmosfera intrapresi con l'ultimo album Terra Incognita, che potete ascoltare negli estratti disponibili...
Meeting del Mare 2009, intervista ai Malaparte - NotiziarioItaliano.IT
Noi ci rifacciamo molto alla scena alternativa americana degli anni 90, al Grunge, ai Foo Fighters. Ma ci stiamo anche interessando alla New Wave e la scena Inglese attuale, che la troviamo molto interessante, come ad esempio la musica dei “The...
/The Bastard Sons Of Dioniso - LoudVision
Tra gli artisti stranieri amiamo i Queens Of The Stone Age, i Foo Fighters, i Raconteurs e altri, ma non seguiamo molto la musica moderna al di fuori del settore underground. Cosa pensate del fatto che nessuna concorrente donna è arrivata in finale in...

Foo Fighters

La band durante un live.

I Foo Fighters sono un gruppo alternative rock/post-grunge formato dal musicista Dave Grohl nel 1995. Il loro nome deriva dal termine foo fighter, espressione usata per indicare, durante la Seconda Guerra Mondiale, quei piloti alleati che riferivano strani avvistamenti aerei, simili a quelli che oggi chiamiamo UFO.

Gruppo di fama mondiale, vengono ricordati per alcune hits quali "Everlong", "This Is a Call", "I'll Stick Around", "Monkey Wrench", "My Hero", "Learn to Fly", "All My Life", "Times Like These", "Best of You", "The Pretender" "Long Road To Ruin".

La storia inizia come progetto solista di Dave Grohl, quando faceva parte dei Nirvana. All'insaputa di molti fan, Grohl aveva iniziato a scrivere diverse canzoni, ma non le aveva mai pubblicate con la sua band perché temeva di rovinare ciò che Cobain aveva creato. Nel 1992, sotto lo pseudonimo di "Late!", Grohl pubblica una cassetta demo dal titolo Pocketwatch per la casa discografica Simple Machines. Di questa cassetta fa parte la canzone "Friend of a Friend" che troverà spazio anche nei successivi album dei Foo Fighters, In Your Honor e Skin and Bones.

In seguito alla morte di Cobain, Grohl iniziò a incidere alcune di queste canzoni nello studio di Robert Lang a Seattle, sotto la guida dell'amico produttore Barrett Jones. Ad eccezione di alcune parti di chitarra in "X-Static", suonate da Greg Dulli degli Afghan Whigs, c'era Grohl dietro a tutti gli strumenti e alla linea vocale. Il demo piacque alla Capitol Records, che sotto la guida del presidente Gary Gersh, già A&R dei Nirvana, decise di incidere il primo album, omonimo, dei Foo Fighters.

Tuttavia Grohl non voleva che i Foo Fighters fossero un progetto del tipo one-man band: si impegnò quindi a cercare dei musicisti in grado di aiutarlo. Inizialmente la scelta sembrò ricadere su Krist Novoselic, ex compagno nei Nirvana, ma entrambi erano preoccupati che in questo modo i Foo Fighters sarebbero stati una pallida reincarnazione della band di Cobain. Grohl venne a sapere che una band di Seattle, i Sunny Day Real Estate, si stavano per separare. Perciò reclutò il bassista, Nate Mendel, e il batterista, William Goldsmith. Pat Smear, che fu una pedina non ufficiale dei Nirvana dopo la pubblicazione dell'album In Utero, fu aggiunto come secondo chitarrista.

Il primo singolo della band, "This Is A Call", fu pubblicato nel giugno 1995; a distanza di un mese seguì l'album di esordio, acclamato dai fan. Successivamente vennero pubblicati i singoli "I'll Stick Around" e "Big Me".

Dopo un tour nella primavera del 1996, i Foo Fighters tornarono in uno studio di Seattle con il produttore Gil Norton per incidere il secondo album. Tuttavia nacquero dei conflitti tra Grohl e Goldsmith, e Goldsmith decise di lasciare la band. La band si riformò a Los Angeles e re-incise l'album con Grohl alla batteria. L'album, The Colour And The Shape, uscì nel maggio 1997. Il successo che ha riscosso The Colour And The Shape è esorbitante, tanto da essere tutt'ora considerato forse il migliore album dei Foo Fighters. In questi anni infatti tutta la carica creativa dei Foo fighters viene abbondantemente espressa; si possono ricordare canzoni memori come "Everlong", "Monkey Wrench", "My Hero". Due brani particolarmente degni di nota sono "February Stars" e "Walking After You" che differiscono dallo stile graffiante del rock grunge per atterrare su uno stile jazz\rock. In February Stars, dall'inizio fino al minuto 2':50", lo stile è un lento jazz, con rullante molto aperto, che rende una certa armonia di chitarre e voce tipica poi dei seguenti lavori di Grohl.Il finale di February Stars è una sorpresa nel resto della canzone, e sembra quasi un diverbio di sentimenti, uno scoppio improvviso, un climax formato da semplici powercord ma che nella sintonia creata dalle altre chitarre registrate in sovrapposizione, rende l'ascoltatore attento anche ad un uso più emblematico della musica e lo rende sensibile anche ai suoni più dolci del grunge. Il testo è semplicemente stupendo."Walking After You" invece, è una traccia di batteria, voce e chitarre acustiche, sempre stile jazz lento, con un uso appropriato dell'arpeggio di chitarre e di barrè per rendere l'atmosfera quasi sognante, come immersi in una nuvola o distesi su un campo ad osservare il verde ed i colori. Questo album rappresenta una bandiera per i Foo Fighters, che sono riusciti in tutte e tredici le tracce dell'album, a non stancare l'ascoltatore, creando uno dei pezzi più importanti della storia della loro carriera musicale.

In cerca di un batterista, Grohl chiamò Taylor Hawkins, un batterista che era in tour con Alanis Morissette, per avere un consiglio su chi chiamare. Grohl fu sorpreso quando Hawkins stesso si offrì volontario. Hawkins debuttò in tempo per la pubblicazione dell'album.

Nel settembre 1997, in occasione degli MTV Video Music Awards, Pat Smear annunciò la sua intenzione di lasciare la band, e contemporaneamente proclamò Franz Stahl, chitarrista degli Scream, nuovo chitarrista dei Foo Fighters. Prima delle registrazioni del terzo album, There Is Nothing Left to Lose, Stahl lasciò la band per "differenze creative". La band fece diversi provini per un nuovo chitarrista, e ripiegò su Chris Shiflett, ex dei 22 Jacks e No use for a name. Inizialmente si unì alla band per suonare nei tour, ma fu successivamente assunto a tempo pieno, prima delle registrazioni del quarto album.

Prima dell'uscita di There is nothing left to lose, il presidente della Capitol Gary Gersh fu licenziato dall'etichetta; vista l'amicizia di Grohl e Gersh, il contratto dei Foo Fighters prevedeva una clausola che li autorizzava a lasciare la Capitol in caso di abbandono di Gersh. Pertanto lasciarono la Capitol per firmare con la RCA.

Per gran parte della loro storia, i Foo Fighters decisero di rimanere al di fuori della politica. Tuttavia, durante la campagna elettorale del 2004 di George W. Bush, poiché questi utilizzava la canzone "Times Like These" durante i suoi convegni, Grohl decise di rendere pubblica la sua adesione alla campagna di John Kerry. Grohl partecipò a diversi incontri con Kerry, e in alcune occasioni suonò delle versioni acustiche alle convention. Tutta la band si unì a Grohl in Arizona per suonare durante un dibattito. Più tardi Grohl confessò che l'esperienza con Kerry lo aveva ispirato per il titolo del successivo album.

Il quinto album della band si intitola In Your Honor, uscito il 14 giugno 2005. Grohl dice che il doppio disco - uno con canzoni rock, l'altro con tracce acustiche - è la perfetta occasione per celebrare i dieci anni di attività della band. Al disco acustico hanno collaborato alcuni personaggi dalle provenienze musicali più disparate, come Norah Jones, John Paul Jones (bassista dei Led Zeppelin) e Josh Homme dei Queens of the Stone Age. Degna di nota è la canzone "Friend of a Friend", nel disco acustico, che ha una storia lunga alle spalle. Si tratta di una canzone scritta nel 1990 in cui Grohl esprime le sue prime impressioni su Cobain e Novoselic, dopo essersi unito ai Nirvana e che, come detto, è stata pubblicata la prima volta nella raccolta Pocketwatch nel 1992. La versione di In Your Honor è molto simile all'originale, voce e chitarra acustica.

Nel novembre 2006 esce "Skin and Bones", album live del gruppo,che contiene un inedito, appunto Skin and bones, e vari successi del gruppo suonati in chiave acustica, come Times like these e My hero. La registrazione di Skin and Bones è stata effettuata durante il tour acoustico nei teatri di tutto il mondo, con i Foo Fighters in formazione allargata, con il rientro di Pat Smear e l'apporto di Rami Jafee dei Wallflowers alle tastiere e fisarmonica, di Petra Haden al violino e di Drew Hester alle percussioni.

Il 7 luglio 2007 i Foo Fighters partecipano al Live Earth a Londra, e trovandosi tra le ultime esibizioni, suonano nell'ordine All My Life, My Hero, Times Like These, Best of You e Everlong. A detta di molti, la loro è stata la migliore performance della serata. Il 25 settembre 2007 è uscito il nuovo album Echoes, Silence, Patience & Grace, sesto lavoro in studio, preceduto dal singolo The Pretender, nelle radio da dopo metà agosto.

The Pretender ha raggiunto il record di settimane in vetta alla Modern Rock Tracks, con 18 settimane, superando i Green Day, gli Staind e i Red Hot Chili Peppers.

Il 10 febbraio 2008 i Foo Fighters hanno vinto due Grammy Award nelle categorie "Miglior album rock" (per Echoes, Silence, Patience & Grace) e "Miglior canzone hard rock" (con The Pretender).

Per la parte superiore



Nirvana (gruppo musicale)

NirvanaLogo.svg

I Nirvana sono stati un famoso gruppo musicale statunitense attivo tra il 1987 e il 1994. Artefici del successo commerciale del genere grunge,furono una delle band più note e influenti nella storia della musica.

Fondatori e membri del gruppo sin dall'esordio furono Kurt Cobain (voce e chitarra) e il bassista Krist Novoselic. Vari batteristi hanno invece militato nel gruppo:Chad Channing, il quale registrò Bleach e il successivo demo di Butch Vig che portò i Nirvana all'attenzione delle major, venne sostituito a causa della scarsa potenza sonora e della vacillante solidità ritmica. La formazione definitiva fu raggiunta verso la fine del 1990, quando Dave Grohl, ex batterista degli Scream, si unì al gruppo. Principali esponenti del genere grunge, sviluppatosi a Seattle tra la fine degli anni ottanta e l'inizio degli anni novanta, i Nirvana hanno contribuito significativamente al successo dell'alternative rock.

Gruppi come Jane's Addiction e Soundgarden dimostrarono al vastissimo pubblico del metal con quali potenzialità la musica alternativa potesse colpire; altri gruppi come i Pixies riuscirono a fondere la sensibilità pop con l'energia e il rumore distorto dell'indie rock, ma i Nirvana per primi combinarono entrambe le cose creando un suono sia fiammeggiante che melodico che rappresentò qualcosa di nuovo nell'inflazionata scena musicale degli anni Novanta. Sebbene infatti le radici estetiche dei Nirvana si trovassero saldamente ancorate nell'indie rock, il gruppo nutriva un grande amore per la musica melodica. Fortissima era anche l'influenza hardcore punk, derivata dalle loro radici e ravvisabile nei testi e negli ideali propagati al pubblico. Questa ambiguità portò i Nirvana a combattere con forza la loro celebrità, diventando così una delle più famose band anti-rockstar della storia.

Il primo grande amore di Cobain furono i Melvins. Kurt venne attratto dal modo di fare di Buzz Osborne, e cercò anche di entrare nel gruppo, quando aveva più o meno 15 anni. Naturalmente non riuscì ad entrare nella band, dato che durante il provino era nervosissimo. Compiuti i 16 anni incontra l'allora bassista Dale Crover, futuro batterista dei Melvins (e, per un breve periodo, dei Nirvana), e Greg Hokanson, che suona invece la batteria. Il nome del trio era Fecal Matter, i tre incominciarono a registrare alcune canzoni a casa di Mari, una zia di Kurt. Le canzoni registrate in quel periodo si avvicinavano molto all'Heavy Metal, anche se il suono era molto sporco e rumoroso e in alcuni casi al limite della cacofonia. Alcuni mesi dopo Greg abbandonò il gruppo, quindi Dale dovette suonare sia il basso che la batteria. Nel dicembre del 1986 i due entrano di nuovo nello studio di registrazione della zia Mari, per registrare il loro secondo demo, questa volta su quattro piste, intitolato Illiteracy Will Prevail. In questo demo sono presenti due canzoni che faranno parte del futuro repertorio dei Nirvana, Downer e Spank Thru. Il tono generale del demo è di un Hardcore punk violento, e non mancano alcune incursioni nel Noise Rock. Questo demo viene fatto girare ad Aberdeen, e ottiene un buon successo fra i giovani. Intanto Dale fa conoscere a Kurt un suo vecchio amico, Krist Novoselic, al quale Cobain fa ascoltare il demo registrato assieme al comune amico. Krist ne rimane molto impressionato, e vuole assolutamente suonare con Kurt in qualche gruppo. Cosi, qualche mese dopo i Fecal Matter non esisteranno più. Il primo gruppo di Kurt e Krist furono i Sellouts, nati come cover band dei Creedence Clearwater Revival. Per un breve periodo Krist andò a vivere a Phoenix, quindi Kurt abbandonò i Sellouts. In questo periodo Kurt, che aveva appena 18 anni, incomincia a fare uso di eroina. Fino al quel momento aveva fatto uso solo di marijuana e di tanto in tanto prendeva qualche pasticca di Percodan. Intanto Kurt, Buzz Osbourne e Dale Crover si esibiscono con il nome di "Brown Cow" alla GESSCO Hall di Olympia. Al concerto Kurt incontra Dylan Carson degli Earth. Dylan divenne il miglior amico di Kurt. Intanto Krist, che è tornato da Phoenix, vuole a tutti i costi formare un gruppo con Kurt. Inutile dire che Kurt è entusiasta all'idea, ma c'era il problema del batterista. Proprio per coincidenza nella stessa via dove abitava Kurt ad Aberdeen, viveva un batterista, un certo Aaron Burckhard. I tre quindi decidono di mettersi insieme. Il gruppo si faceva chiamare con molti nomi diversi, Ted Ed Fred, Skid Row, Pen Cap Chew (che in futuro diventerà il nome di una canzone dei Nirvana), fino ad arrivare al nome Nirvana.

I Nirvana si formarono ad Aberdeen (Washington), nel 1987, con Kurt Cobain alla chitarra, Krist Novoselic al basso e Aaron Burckhard alla batteria. I tre cominciano ad esibirsi in sporadici concerti, che si svolgono prevalentemente in cantine o durante dei party. Cobain scelse il nome Nirvana, perché voleva distinguersi dalla maggior parte dei gruppi punk, che avevano quasi tutti nomi "squallidi" o "violenti". Voleva che quel nome desse un senso di pace e di rilassamento, a differenza della musica (soprattutto di quel periodo) che è tutt'altro che rilassante. Il primo concerto "ufficiale" della band si svolge alla GESSCO Hall di Olympia nel febbraio del 1987. Nel marzo dello stesso anno i Nirvana si esibiscono, con un nome fittizio, a "Boys Meets Girl", un programma radiofonico sulle frequenze della KAOS del'Evergreen College. Quell'esibizione verrà a costituire il primo demo della band. Alcuni dei pezzi suonati quella sera (Anorexorcist e White Lace and Strange dei Thunder and Roses) vennero poi inclusi nel box set di rarità del 2004, With the Lights Out. Aaron non dura molto nella band, e nel dicembre dell'87 viene sostituito da Dale Crover, il quale suonò il basso e la batteria nel primo demo di Kurt. Il 23 gennaio del 1988 i Nirvana registrano il loro primo demo con Jack Endino. Le sessioni si svolgono ai Reciprocal Recording di Seattle. La session, 6 ore in tutto, fruttò i seguenti brani: Aerozeppelin, Beeswax, Downer, Spank Thru, Floyd The Barber, Hairspray Queen, Mexican Seafood, Paper Cuts, If You Must e Pen Cap Chew. Il demo, costato 152 dollari, attirò l'attenzione di Jonathan Poneman, cofondatore della Sub Pop, il quale rimase incredibilmente colpito dalla voce di Kurt e dal dolore che esprimevano alcuni testi delle canzoni. Nel marzo del 1988 Dale Crover abbandona i Nirvana e si trasferisce a San Francisco con i Melvins: da qui in avanti diventerà il batterista ufficiale della band. I Nirvana, rimasti dunque senza un batterista, mettono un annuncio su una rivista musicale di Seattle, e pochi giorni dopo Dave Foster inizia a suonare con la band. Dave Foster è sicuramente il batterista che è durato meno nella band. Infatti, colpiti da uno straordinario provino di Chad Channing, i Nirvana sostituiscono Dave, e Chad entra a far parte del gruppo, diventando così il primo batterista stabile della band. Nell'estate dello stesso anno, i Nirvana entrano ai Reciprocal Studios per registrare il loro primo singolo: Love Buzz. Durante tutta l'estate i Nirvana aprono i concerti di molte band dell'underground di Seattle, e partecipano al primo festival organizzato dalla Sub Pop, assieme ad alcune delle band locali di punta dell'epoca, tra cui Mudhoney, Green River e Tad. Finalmente nell'inverno del 1988 esce il singolo Love Buzz, che porta scompiglio nella scena underground dell'epoca, grazie ai commenti favorevoli della critica e alle buone vendite del singolo. Nel gennaio del 1989 la band firma il primo contratto con la Sub Pop, e iniziano con Jack Endino le sessioni di registrazione per il primo album della band, Bleach.

Dopo le vendite discrete di Love Buzz e i concerti che sono diventati un cult tra i fans, il 15 giugno del 1989 esce finalmente nei negozi Bleach, il primo album dei Nirvana. Il nome deriva da una campagna pubblicitaria dell'epoca contro l'AIDS, che invogliava i tossicodipendenti a pulire i loro aghi con la candeggina, (in inglese "bleach"). L'album è diventato un cult fra gli amanti del grunge, ed è uno degli album più venduti dalla Sub Pop. Il sound del disco è molto grezzo e spigoloso, con forti richiami al punk e in alcuni casi (come ad esempio in Paper Cuts o la parte finale di Love Buzz) chiari riferimenti al Noise Rock. Il brano più famoso del disco è probabilmente About a Girl, anche per merito della successiva esecuzione in versione acustica come brano d'apertura del noto MTV Unplugged in New York, registrato nel 1994. Questo brano si distacca molto dal resto del disco, infatti è una canzone pop a tutti gli effetti. Questa fu una delle prime canzone "pop" scritte da Cobain, e parla della sua prima ragazza, Tracy Marander. L'album vende circa 350.000 copie, un ottimo risultato per una band che pochi anni prima suonava nelle cantine della provincia di Olympia. Grazie al fermento della scena di Seattle dell'epoca ed alla pubblicazione di album quali Ultramega OK dei Soundgarden, Rehab Doll dei Green River e l'EP Superfuzz Bigmuff dei Mudhoney, nonché appunto "Bleach", alcuni giornalisti e critici musicali iniziano ad interessarsi alla scena locale. Nell'estate dell'89 i Nirvana partono assieme ai conterranei Tad per il tour promozionale di Bleach, che li porterà a suonare in diverse città degli Stati Uniti e, per la prima volta, anche in Europa. Famosa è l'esibizione al "Bloom" di Mezzago, nei pressi di Milano, ma un brutto episodio funestò invece il successivo concerto al Piper di Roma, qualche giorno dopo la data milanese. Kurt stanco delle cattive condizioni del viaggio, dal cattivo cibo, e dal suono degli amplificatori, in pieno concerto uscì letteralmente fuori di matto. Cominciò a spaccare la chitarra, e salì su una trave e minacciava di buttarsi di sotto. Ci volle l'intervento di Jonathan Poeman e Bruce Pavitt della Sub Pop per far calmare la situazione. Il tour proseguì poi in Svizzera senza ulteriori intoppi.

Nei primi mesi del 1990 la band parte per un breve tour nella West Coast, durante il quale Jason Everman è allontanato dal gruppo a causa del suo atteggiamento sul palco e al di fuori di esso, che Cobain definirà eccessivamente "metallaro". Iniziano anche le prime collaborazioni con Mark Lanegan, ex leader degli Screaming Trees, il quale chiede a Kurt e Krist di suonare in un brano del suo primo album da solista, precisamente la ballata Where Did You Sleep Last Night del bluesman statunitense Leadbelly, riproposta in seguito dai Nirvana nel famoso concerto acustico del 1993 MTV Unplugged in New York. Nel frattempo i contatti con il produttore Butch Vigh si fanno sempre più frequenti, e in primavera la band inizia a registrare con lui i primi demo. Durante il breve tour estivo, Dave Grohl assiste per la prima volta ad un concerto dei Nirvana e ne rimane fortemente colpito. Iniziano a presentarsi inoltre i primi problemi con Chad Channing, soprattutto per quanto riguarda la sezione ritmica e per la sua scarsa potenza. Chad si sente ormai una sorta di "escluso" nella band, ma regge fino al settembre del 1990, quando dopo 2 anni lascia infine la band. Chad abbandona quindi il gruppo, e al suo posto entra per un brevissimo periodo (solo il tempo di qualche concerto e di registrare il secondo singolo del gruppo, Sliver) Dan Peters, batterista dei Mudhoney. Kurt e Krist volevano che Dan rimanesse del gruppo, dato la grande stima che nutrivano per lui, ma Dan preferì "rientrare" nei Mudhoney. Fortunatamente un amico dei due convinse Dave Grohl a presentarsi ai provini per il batterista del gruppo. Kurt e Krist rimasero molto colpiti da Dave, sia per la potenza sia per la sua straordinaria velocità. Dave entra quindi a far parte ufficialmente del gruppo.

Il 1991 è un anno fondamentale. Si inizia a sentire l'apporto di Dave Grohl alla band, e vengono effettuate le prime session per il prossimo album. Ma soprattutto il 1991 è l'anno della firma con la major Geffen Records. L'unica band di Seattle che aveva firmato con una major erano i Soundgarden, che pochi anni prima firmarono con la A&M Records. Nell'estate del 91 la band inizia un tour europeo insieme ai Sonic Youth, Babes in Toyland, Dinosaur Jr. Questo tour venne poi descritto nel documentario The Year the Punk broke del 1991. Il concerto più bello del tour è quello del Reading Festival. Fu uno dei migliori concerti della band, che man mano stava diventando sempre più famosa. La scena in cui Kurt si getta nella batteria è diventata famosissima, ed è una delle scene che meglio rappresentano i Nirvana nei "live". Durante le session con Butch Vig, la band incomincia a buttare giù qualche brano per il prossimo album. Alcuni pezzi erano già stati scritti in precedenza da Kurt come Polly o Lithium. La band quindi vola a Los Angeles negli studi di Van Nuys per le registrazione dell'album. Il 24 settembre del 1991 esce Nevermind, album che ha segnato la storia dell'Alternative Rock e reso internazionalmente famosi i Nirvana e, indirettamente, l'intera scena Grunge. L'album è uno dei più influenti di tutta la storia del rock, grazie a canzoni tecnicamente semplici divenute tuttavia brani leggendari, similmente a quanto accaduto quindici anni prima con il clamore sollevato dalla pubblicazione del parzialmente omonimo Never Mind the Bollocks, primo e unico studio album dei Sex Pistols. Molto nota è anche la singolare copertina, che ritrae un neonato che nuota in una piscina e tenta di acciuffare una banconota da 1 dollaro agganciata a mo' di esca ad un amo. La canzone-simbolo dell'album è Smells Like Teen Spirit, probabilmente la più conosciuta canzone dei Nirvana, divenuta l'inno della cosiddetta "Generazione X" di cui Cobain divenne una sorta di portavoce. Questa divenne in poco tempo una hit mondiale grazie soprattutto al proprio video, girato in economia eppure ripetutamente trasmesso nei mesi successivi dalla stessa MTV. Gli altri singoli estratti dall'album furono Come as You Are, In Bloom e Lithium, ricordati fra i più grandi classici della band. In generale, i brani dell'album si contraddistinguono per una miscela di melodie pop e aggressività tipicamente punk, tuttavia si mantengono nel complesso distanti dal sound estremamente grezzo dei primi anni. Un riferimento ai primi anni si può trovare in Territorial Pissing. Questo è probabilmente uno dei migliori brani dei Nirvana, un pezzo Punk vecchio stile molto veloce, ed il cantato è quasi tutto urlato, tranne una breve "pausa" nella seconda strofa, ed è notevole l'intro con Krist che accenna un verso di una famosa canzone hippie. L'ultima traccia, Something in the Way, si discosta notevolmente dalle altre tracce dell'album. Infatti la canzone è una sorta di "ninna ninna" acustica quasi bisbigliata. La canzone parla dei giorni in cui Cobain, cacciato di casa dalla madre, andò a vivere sotto i ponti di Aberdeen. Nell'album è presente anche una ghost track, Endless, Nameless. Questa è una canzone sperimentale che si basa sulle urla di Cobain e le distorsioni tipicamente Noise Rock. Il brano, stranamente, venne suonato un paio di volte dal vivo, e quasi sempre era un pretesto per distruggere gli strumenti sul palco. Il successo dell'album portò un notevole interessamento per le altre band provenienti da Seattle. Infatti anche le altre band di punta del Grunge raggiunsero il successo in questi anni. Stranamente però la band non fece nessun tour per promuovere il disco. Probabilmente questo era un tentativo di allontanare la folla, che dopo l'uscita di Nevermind sembrava stesse "opprimendo" il gruppo. Un'altra ipotesi, ed è quella più probabile, è quella dello stato di salute di Cobain. Infatti in quel periodo Cobain aveva fatto largo uso di eroina, e i molti concerti della band lo avevano quasi del tutto "esaurito". Nel 1992 Kurt si sposa con la cantante Courtney Love, e pochi mesi dopo nasce Frances Bean. È inutile dire che la stampa si scatenò contro la coppia, accusando la cantante di aver fatto uso di eroina durante la gravidanza. Questo porta Cobain a denuciare le giornaliste che scrissero quest'articolo su Vanity Fair, e dunque a smentire ogni voce. La bambina comunque è sana e in salute. In questo periodo Cobain segue una terapia per disintossicarsi dall'eroina: ci riuscirà, ma poco dopo cadrà di nuovo nel tunnel della droga. Due episodi divertenti avvennero durante il concerto al Reading Festival di quell'anno. Cobain si presenta sul palco vestito da malato, spinto su una sedia a rotelle e con una parrucca bionda che lo fa assomigliare a Courtney. Fingendo uno sforzo sovraumano si alza dalla sedia e incomincia a bisbigliare alcune parole di una canzone, e poi cade al suolo. Questo era per smentire ed ironizzare le voci insistenti sul suo stato di salute. Poi, prima dell'esecuzione di All Apologies (la canzone in quel periodo era un inedito), Cobain chiede al publico di urlare "Courtney we love you" (cioè "Courtney ti amiamo"). Questo concerto è uno dei migliori del gruppo, ed è uno dei più amati dai fans. Nell'estate del 92 esce Incesticide, una raccolta di rarità, cover e alcune session con John Peel registrate negli anni passati. Questa compilation era una sorta di "sfida" fatta alle case discografiche dei bootleg. Infatti il gruppo voleva fare qualcosa che contenesse pezzi inediti, ma che avesse una buona qualità di registrazione, cosa che non c'era nei bootleg non ufficiali. La compilation non viene publicizzata molto, tranne per il video di Sliver. Nonostante sia una buona prova del sound del gruppo, la compilation non venne accolta bene dal pubblico. Sono presenti alcuni brani mai publicati della band come Big Long Now, che doveva far parte di Bleach.

C'è una fortissima attesa per il terzo album della band, i fans e la stampa scalpitano soprattutto per la cosidetta "battaglia" fra Nirvana e Pearl Jam. I primi demo per il disco vennero realizzati a Rio insieme al "guru" della scena alternativa, Jack Endino. Questo demo passerà alla storia come Demo in Rio. In quelle session vennero realizzati anche i demo per il prossimo album delle Hole di Courtney Love, Live Through This. Kurt suona anche in alcuni pezzi dell'album delle Hole, come ad esempio in Miss World. La band è molto eccitata, e le registrazioni filano via lisce. Finalmente il 21 settembre del 1993 esce In Utero. L'album è diverso dal precedente, il sound si rifà molto al primo periodo del gruppo. È sicuramente un album molto più "vero" rispetto a Nevermind, dato che è stato registrato in stile punk, cioè la prima registrazione è la migliore. In questo disco la rabbia di Cobain esce fuori da canzoni come Scentless Apprentice, Tourette's e Milk It. Sono presenti forti richiami al Noise Rock, soprattutto in una canzone come Radio Friendly Unit Shifter, che con il suo inizio cacofonico è diventato un classico dei Nirvana, nonché la canzone d'apertura di ogni concerto della band. Non mancano comunque canzoni più rilassanti come ad esempio Pennyroyal Tea, Dumb, la splendida All Apologies, dedicata a Franceas Bean o la più orecchiabile, ma comunque molto aggressiva Rape Me. Anche in quest'album, come nel precedente Nevermind, è presente una ghost track. La canzone si chiama Gallons of Rubbing Alcohol Flow Through the Strip ed è stata registrata durante le session di In Utero a Rio. I testi di questo disco parlano esplicitamente della travagliata storia d'amore tra Kurt e Courtney. Non mancano attacchi al padre del cantante o alcuni riferimenti a personaggi illustri come ad esempio in Pennyroyal Tea dove Cobain cita Leonard Cohen, o nella "canzone tributo" Frances Farmer Will Have Your Revenge on Seattle, che parla della storia di un'attrice (Frances Farmer appunto) che venne giudicata da tutti pazza, e venne rinchiusa in un manicomio. Il singolo più venduto dell'album è Heart Shaped Box, che deve parte della sua fama al leggendario videoclip. Questa è una delle canzoni meglio riuscite di Cobain e soci, grazie anche ad uno splendido testo che parla della relazione tra Kurt e Courtney. In Utero è una delle migliori prove della band, un disco unico. Le vendite comunque, anche se buone, non furono eccezionali. Infatti l'atteso scontro fra Nirvana e Pearl Jam, in ambito di vendite, si concluse con la netta vittoria della band di Eddie Vedder su quella di Cobain. Infatti VS battè il record di maggiori vendite in una settimana, arrivando addirittura ad 1 milione di copie, contro le 250 mila di In Utero. In un certo senso In Utero ha allontanato le simpatie di Mtv, e lascia un po' perplessi i ragazzini che avevano conosciuto i Nirvana grazie al video di Smells Like Teen Spirit. Però per i fans di vecchia data del gruppo questo viene considerato come il miglior disco dei Nirvana, migliore anche dell'"ultra osannato" Nevermind. Pochi mesi dopo parte il tour promozionale di In Utero, la band è affiancata da Pat Smear, ex chitarrista dei Germs. Nel Novembre del 93 i Nirvana registrano per Mtv quella che diventerà uno dei concerti più suggestivi di sempre, Mtv Unplugged In New York. Il concerto fa parte della famosa serie Unplugged, cioè in versione acustica. I pezzi dei Nirvana si trasformano in affascinanti confessioni di dolore, e far da contorno ci sono alcune cover come The Man Who Sold the World di David Bowie, tre pezzi dei Meat Puppets suonati insieme ai membri della band stessa, Jesus Doesn't Want Me for a Sunbean dei Vaselines e Where Did You Sleep Last Night di Leadbelly. L'ultimo concerto dell'anno si tiene al Great Western Forum di Inglewood. Questo fu uno dei migliori concerti del tour, e la versione di Heart Shaped Box suonata in questo concerto venne poi publicata nell'album live From The Muddy Banks of the Wiskaher.

Dopo le disastrose sedute di registrazione ai Reciprocal Studios di Seattle, dove la band riesce a registrare solo un brano, You Know You're Right, era il momento di partire per le date europee del tour. Dopo il concerto tenutosi a Monaco il 1° marzo 1994, i Nirvana si prendono una pausa, a causa della stato psico fisico di Cobain che incomincia a vacillare. Kurt vola a Roma con Courtney, e questo è l'inizio della fine. La coppia alloggia nel lussuoso Hotel Excelsior nella camera 541. Durante questo soggiorno la coppia fa largo uso di medicinali, come il Roipnol, usato da Courtney come antidepressivo. Il primo presunto tentativo di suicidio di Kurt avviene proprio in questi giorni. Infatti Kurt viene trovato da Courtney in overdose da farmaci sul pavimento della loro stanza. Viene subito portato all'Umberto I dove i medici riescono a salvarlo. In seguito Courtney disse di aver trovato un biglietto sul quale c'era scritto chiaramente che Kurt voleva togliersi la vita. Il fatto strano è che Courtney non ne ha mai fatto parola con nessuno, e quando le viene chiesto dove si trovasse questo biglietto lei rispose che era stato bruciato. Dopo essersi ripreso Kurt va a Los Angeles, in una clinica di lusso per disintossicarsi. Resterà lì solo due giorni. La mattina del 1° aprile Kurt telefona a Courtney dicendole che qualunque cosa sarebbe successa lui l'avrebbe sempre amata. Così Kurt prende un aereo per Seattle e nessuno ha più sue notizie. Courtney ingaggia anche un detective privato per ritrovare Kurt, un certo Tom Grant. La storia finisce definitivamente l'8 aprile del 1994. Il corpo di Kurt venne ritrovato nella serra di casa sua da un elettricista. Sulla scena vennero ritrovati un biglietto scritto con una penna rossa, un fucile Remington con cui Cobain si tolse la vita, una siringa e il resto di una dose di eroina e Valium. Secondo l'autopsia Cobain è morto 3 giorni prima, il 5 aprile. Sempre dall'autopsia si scopre che la dose di eroina e valium è ben tre volte superiore alla dose massima che un corpo può sopportare. Secondo molti questa è una delle tante prove sul fatto che Kurt non si sia suicidato, ma sia stato un omicidio in piena regola. Il caso comunque viene archiviato. Ancora oggi si chiede di riaprire il caso, a causa di molti fatti che non sono chiari, ma la polizia ha sempre risposto no. Al funerale di Cobain parteciparono circa 5.000 persone (meno di 3.000 secondo alcune fonti, circa 8.000 secondo altre). Comunque siano andate le cose sta di fatto che la musica rock ha perso uno dei suoi più grandi geni, e di conseguenza una delle più grandi band di sempre. Krist e Dave cercarono di organizzare un concerto per onorare Kurt, ma alla fine non se ne fece più niente. Con la morte di Cobain e l'inevitabile scoglimento dei Nirvana, la musica grunge inizia un'inesorabile caduta. Inutile dire che molti artisti renderanno omaggio a Cobain, come i R.E.M., che nel loro album tributo a River Phoenix non mancheranno di dedicare a Kurt uno struggente brano, Let Me In, o il grande Neil Young, che a Cobain dedicò un intero album, Sleeps With Angels.

Negli anni successivi allo scioglimento del gruppo, sia Dave Grohl che Krist Novoselic sono rimasti attivi in ambito musicale.

Già nel 1992, Grohl aveva composto autonomamente l'album Pocketwatch sotto lo pseudonimo di Late!. Non molto dopo la morte di Cobain, registrò una serie di demo che successivamente avrebbero costituito il nucleo per l'album di debutto dei Foo Fighters, che dal nuovo gruppo prese il nome. Da allora ad oggi, i "Foos" hanno composto sette album, riscuotendo sempre un notevole successo commerciale.

Oltre ai Foo Fighters - di cui rappresenta voce e chitarra - Grohl si è prestato in veste di batterista per gruppi quali Tom Petty and the Heartbreakers, Mike Watt, Queens of the Stone Age, Tenacious D, Nine Inch Nails e Killing Joke. Nel 2004 ha anche registrato un album metal in cui compaiono come ospiti diversi dei suoi cantanti metal preferiti sotto il nome di Probot.

Novoselic fondò il gruppo dei Sweet 75 e più recentemente quello degli Eyes Adrift con Curt Kirkwood dei Meat Puppets e Bud Gaugh dei Sublime. Ha anche collaborato con Kim Thayil dei Soundgarden e Jello Biafra dei Dead Kennedys in una band "occasionale" legata all'iniziativa No WTO Combo che contestava il WTO Meeting del 1999.

In modo più significativo, Novoselic è diventato un attivista politico, attraverso la fondazione del comitato di azione politica JAMPAC per i diritti dei musicisti. Nel 2004 ha pubblicato un libro dal titolo Of Grunge and Government: Let's Fix This Broken Democracy che tratta del suo passato musicale così come delle sue iniziative politiche.

Durante la campagna presidenziale statunitense del 2004, Grohl e Novoselic si sono riuniti sul palco in supporto di John Kerry, principale avversario di George W. Bush alla carica di presidente.

I Nirvana sono uno tra i gruppi più importanti degli anni 90, non solo musicalmente parlando, ma soprattutto per ciò che hanno espresso in ambito socio-culturale. Infatti i Nirvana possono essere paragonati ai gruppi punk degli anni '70, cioè Ramones, Sex Pistols e Clash. Canzoni come Smells Like Teen Spirits hanno portato milioni di giovani in tutto il mondo a ribellarsi. Ribellarsi ai genitori, alla scuola, e al mondo che li stava schiacciando. Naturalmente tutto questo non è stato sempre un fatto positivo. Infatti i Nirvana, soprattutto negli successivi alla morte di Cobain, sono stati, in un certo senso, deturpati di quell'anima Punk e sono stati oggetto di commercializzazione. I Nirvana che si rifacevano a gruppi come Dinosaur Jr, Led Zeppelin, Melvins, Black Sabbath, Pixies, Husker Du, Sonic Youth, Wipers, a gruppi pop come Beatles o Cars e al cantautorato di Neil Young. Probabilmente è questo il punto forte dei Nirvana. Un sound abbastanza fresco, ma che è oppresso da distorsioni e da testi, che la maggior parte delle volte, sono cupi e depressi. Il tutto contornato dalla voce splendida (anche se non perfetta) di Cobain. I Nirvana hanno quindi delle sonorità uniche, e anche se non hanno inventato niente, sono probabilmente la migliore delle band grunge che circolavano in quel periodo.

Come già ampiamente detto, i Nirvana sono tra i gruppi più importanti e famosi di sempre, nonostante la loro breve carriera. Una parte di questo va sicuramente alla morte di Cobain, così le loro canzoni hanno acquistato un valore in più. Con la morte di Cobain c'è un vero e proprio spartiacque nel mondo del rock. Infatti molti critici musicali diranno che la morte di Cobain ha messo fine al grunge, ma è stata la fine anche per il rock alternativo che in quegli anni stava pian piano uscendo dall'underground. I Nirvana hanno lasciato una eredità nella cultura di massa. Infatti sono innumerevoli i film o i libri dove vengono citati, o gli speciali televisivi a loro dedicati.

Il primo album postumo allo scoglimento del gruppo è l'MTV Unplugged in New York, uscito alcuni mesi dopo la morte di Cobain. Divenne in breve tempo uno degli album più venduti della band. Nel 1995 è la volta di "From the Muddy Banks of the Wishkah". L'album era previsto per l'estate del '94, ma visti i tragici avvenimenti la sua publicazione venne posticipata. Si può considerare un album a metà, infatti i pezzi dell'album dovevano essere scelti da Kurt, ma poi fu Krist a mettere le mani sul lavoro. Dopo un cofanetto di singoli publicato nel '96, e una accesa battaglia legale fra i componenti dei Nirvana e Courtney Love sui diritti delle canzoni, nel 2002 esce il primo best of della band, Nirvana. Nella compilation è presente un brano inedito, You Know You're Right. Il brano fu l'ultimo registrato dalla band, ai Reciprocal Studios di Seattle nel 1994, ed era un'idea per la realizzazione di un ipotetico prossimo album dei Nirvana.

Un best of molto più corposo di Nirvana arriva finalmente nel 2004, il titolo è With the Lights Out. Si trattadi un cofanetto contenete 3 CD e 1 DVD. Le tracce sono delle versioni inedite di alcuni brani della band, o addirittura canzoni mai pubblicate in nessun altro disco.

Nel 2005 è uscita una nuova compilation della band, Sliver - The Best of the Box. Questa compilation non è altro che una raccolta dei pezzi più interessanti del box set With The Lights Out, più tre brani inediti: il demo di Come As You Are, una versione inedita di Sappy, e la versione dei Fecal Matter di Spank Thru. Questa compilation però è da considerarsi come una raccolta a scopi commerciali: non c'è praticamente nulla di nuovo, e sono stati scartati molti pezzi interessanti del box set. In questa compilation c'è anche la mano di Frances Bean Cobain, la quale ha realizzato la copertina del CD.

Gli Outcesticide sono una serie di bootleg contenenti tracce rare e mai rilasciate dei Nirvana. Sono stati rilasciati da due case discografiche Blue Moon Records e Kobra Records.

Per la parte superiore



Led Zeppelin

I Led Zeppelin nel 2007. Da sinistra a destra, John Paul Jones, Robert Plant e Jimmy Page.

I Led Zeppelin sono stati uno dei più importanti gruppi rock britannici degli anni settanta. Sono considerati fra gli artisti di maggior successo nella storia della musica e fra gli innovatori del rock in generale.

Il gruppo, formatosi nel 1968 e scioltosi nel 1980, anno della morte del batterista, fu composto per l'intero periodo della sua attività da Jimmy Page (chitarra), Robert Plant (voce e armonica), John Paul Jones (basso e tastiere) e John Bonham (batteria).

La discografia della band comprende nove dischi ufficiali pubblicati dal 1969 al 1982. A partire dagli anni '90 sono iniziate le pubblicazioni di raccolte di brani, editi ed inediti, e di incisioni di spettacoli dal vivo risalenti al periodo di maggiore attività. Degna di segnalazione è anche la circolazione di un cospicuo numero di bootlegs nel mercato "non ufficiale".

Dopo lo scioglimento, i tre componenti hanno intrapreso carriere soliste, e si sono riuniti per esibirsi dal vivo in occasione di eventi commemorativi o celebrativi. Nonostante le rare apparizioni, nel corso degli anni i Led Zeppelin continuano a godere di un nutrito seguito di ammiratori anche tra le nuove generazioni. Dal 1968 ad oggi la band ha venduto oltre 300 milioni di dischi, risultando il gruppo di maggior successo commerciale della storia dopo i Beatles e i Queen.

Il 12 gennaio 1995 i Led Zeppelin sono entrati nel Rock and Roll Hall of Fame. L'emittente VH1 ha classificato i Led Zeppelin come il più importante gruppo hard rock di sempre.

Dopo un inizio di attività artistica che lo fece conoscere come uno dei migliori session man britannici, Jimmy Page, talentuoso chitarrista, si unì nel 1966 agli Yardbirds, gruppo blues rock inglese. In un primo tempo ricoprì il ruolo di bassista, sostituendo Paul Samwell-Smith, per poi divenire il secondo chitarrista solista, al fianco di Jeff Beck.

A seguito dell'abbandono di Beck nell'ottobre dello stesso anno, Page volle proporre al chitarrista la creazione di un nuovo gruppo, formato, oltre che da loro due, da Keith Moon e John Entwistle, rispettivamente batterista e bassista dei The Who. Il gruppo, sebbene non venne mai formato, si trovò nello stesso anno in sala di registrazione con il brano Beck's Bolero. Alla registrazione partecipò anche John Paul Jones, bassista e tastierista, il quale disse a Page che sarebbe stato interessato a collaborare musicalmente con lui.

Nel luglio 1968 gli Yardbirds suonarono il loro ultimo concerto. Nonostante ciò, il gruppo si era già impegnato per una tournée in Scandinavia: il batterista Jim McCarty e il cantante Keith Relf autorizzarono quindi Page e il bassista Chris Dreja ad usare il nome "Yardbirds" per portare a termine gli impegni. In un primo tempo Page chiese a Terry Reid di divenire il nuovo cantante degli Yardbirds, ma questi declinò l'offerta, indicando Robert Plant, un cantante di Birmingham. Plant accettò il posto, e consigliò a sua volta il batterista John Bonham, conosciuto durante una precedente esperienza musicale. Nel frattempo Dreja si tirò fuori dal progetto per potersi dedicare alla sua passione per la fotografia, e John Paul Jones, consigliato da sua moglie, contattò Page per proporsi come sostituto. Il chitarrista, riconoscendo le qualità di Jones, lo accettò all'interno del gruppo.

Prima di partire per la tournée, i quattro parteciparono all'ultimo giorno delle registrazioni dell'album Three Week Hero di P. J. Proby. Questa fu la prima registrazione dei futuri Led Zeppelin.

Inoltre l'espressione (quasi un ossimoro nel riferimento pesante/leggero) era riferibile al nome di un altro complesso rock, gli Iron Butterfly (farfalla di ferro), all'epoca in auge. Il nome venne accettato da tutti, ma Lead venne cambiato nell'omòfono Led per evitare ambiguità di pronuncia, dovute al fatto che il termine lead in inglese ha due etimologie e due suoni distinti: oltre a "piombo" (pronuncia /led/), può significare anche "guida" (pronuncia /li:d/).

Il 12 gennaio 1969, subito dopo il loro primo, breve tour negli USA, i Led Zeppelin pubblicarono il loro primo disco, intitolato semplicemente Led Zeppelin registrato agli Olympic Studios di Londra sul finire del 1968. I brani, caratterizzati da una combinazione di influenze blues, folk e rock unite ad uno stile heavy, ne fecero una delle incisioni più importanti nello sviluppo in chiave dura del rock, imponendo il gruppo sul mercato internazionale, soprattutto negli Stati Uniti.

Uno degli elementi del disco d'esordio che più risultarono innovativi, nel lungo periodo, fu proprio il suono che Page, forte della sua lunga esperienza come turnista di studio, riuscì a conferire alle registrazioni. L'intenzione era sostanzialmente quella di riprodurre il sound che il gruppo aveva consolidato nelle sue prime esibizioni dal vivo. Si decise dunque di lavorare in modo rapido ed immediato per riuscire a dare al tutto la stessa continuità di un live, concentrando le registrazioni e riducendo all'essenziale le sovraincisioni: in questo modo, l'intero disco venne messo su nastro e missato nello spazio di appena trenta ore.

A questo si aggiunsero gli inediti artifici tecnici che Page aveva in serbo da lungo tempo: la sua idea di produrre una sorta di live in studio, infatti, si basava essenzialmente su un certo sound che era solito definire "ambientale". La maggior parte dei produttori, all'epoca, piazzava semplicemente un microfono davanti ad ogni amplificatore: Page invece ebbe l'intuizione di aggiungerne un secondo, a distanza, in prospettiva frontale con l'amplificatore, e di registrare la media tra i due, riuscendo a catturare il feeling di un'esibizione dal vivo anche in una stanza.

Tuttavia, Plant ha sempre scoraggiato la critica nel giudicare la band affine al solo genere Metal, viste le numerose componenti alla base della loro musica, non ultima quella folk ed acustica. Nel disco/intervista Profiled, Page ha dichiarato che per incidere l'album sono state necessarie appena 36 ore e che il prezzo del lavoro, compresa la copertina, è stato di 1.750 sterline. Al 1975, l'album aveva venduto copie per 7.000.000 di dollari.

Sempre nel 1969 uscì il secondo disco, Led Zeppelin II, nel quale il gruppo sviluppa in maniera esplicita la musicalità hard rock. Il brano d'apertura, Whole Lotta Love, si apre con un riff di chitarra aggressivo, seguito dal supporto del basso e, in una sequenza crescente, dall'intervento della voce e della batteria. Il pezzo è stato spesso definito l'emblema dello stile musicale del gruppo. Questo album venne anche chiamato dai fan il bombardiere marrone a causa del colore che domina la copertina e dell'immagine dello zeppelin sullo sfondo.Forse il più duro di tutti gli album della band, rimase in cima alle classifiche americane per anni.

A seguito dell'uscita dell'album, il gruppo partì per una nuova tournée: i loro concerti duravano anche più di quattro ore, e sul palco la band eseguiva versioni delle loro canzoni più lunghe e piene di improvvisazioni rispetto alla loro versione in studio, aggiungendo spesso anche rielaborazioni di brani di soul music, in particolare di James Brown, di cui Jones e Bonham erano estimatori.

Per ricercare la giusta ispirazione per i brani del loro terzo disco, Led Zeppelin III, i due frontmen del gruppo si concessero un periodo di riposo con le rispettive famiglie a Bron-Yr-Aur, remota località tra i monti del Galles, in un cottage immerso nel verde in cui non era disponibile neppure l'elettricità. Le serate passavano davanti al fuoco a bere birra e a suonare la chitarra acustica, mentre i roadies vennero incaricati di cucinare ed occuparsi della casa. Questa potrebbe essere la spiegazione delle caratteristiche acustiche di diversi brani dell'album, in particolare Gallows Pole e Bron-Y-Aur Stomp, nei quali sono chiaramente individuabili echi del folk britannico, svelanti un differente e nuovo aspetto dell'abilità chitarristica di Page. Le tracce, tuttavia, vennero incise in una villa di campagna a Headley Grange, nel tentativo di ricreare l'atmosfera rurale che aveva ispirato i brani del disco: per far ciò, venne utilizzato uno studio di registrazione mobile. Il disco fu caratterizzato da una notevole versatilità, alternando brani tipicamente hard (Immigrant Song) a composizioni acustiche dal piglio tetro e mistico (Friends), brani blues (come la celebre Since I've Been Loving You, registrata in presa diretta) o rock (Celebration Day), a pezzi di vaga ispirazione west-coast e psichedelica (Tangerine).

Anche questo disco, come il secondo, ottenne un elevato riscontro di vendite, nonostante le aspre critiche mosse dalla stampa. Mentre i Led Zeppelin volevano dimostrare con questo album di avere una sensibilità ed un gusto che andava anche oltre le "bombardate a tappeto" tipiche del secondo album, la stampa lo interpretò invece come un infiacchimento. Alcuni commenti furono così offensivi da toccare profondamente i componenti del gruppo, i quali, troncati i già tormentati rapporti con i media, iniziarono subito le sessioni di registrazione del quarto album senza intraprendere alcuna tournée.

Il quarto disco è stato probabilmente il più importante per la storia della band: conteneva canzoni che spaziavano fra diversi generi e che contribuirono alla creazione del mito attorno al gruppo. In questo album si fusero tutte quelle influenze folk-celtiche che avevano caratterizzato Led Zeppelin III e gli elementi hard rock del bombardiere marrone.

Ufficialmente senza titolo, la Atlantic Records ottenne che almeno i musicisti scegliessero un simbolo ciascuno che li rappresentasse e che comparisse in copertina: fu così che Page scelse un simbolo che ricorda vagamente la scritta ZoSo, Robert Plant una piuma racchiusa in un cerchio, John Paul Jones un cerchio con tre punte e John Bonham tre cerchi intrecciati. Solitamente l'album viene erroneamente indicato come Led Zeppelin IV, Runes Album o ZoSo. L'incisione include brani hard rock come Black Dog o dal sapore mistico-folk come The Battle of Evermore che rievoca una battaglia vichinga, con tanto di guerrieri e cavalcate nelle praterie (anche frutto delle letture di Plant del periodo) o brani contenenti una combinazione di vari generi, come Stairway to Heaven, probabilmente la loro canzone più famosa. Proprio in questa vengono sintetizzati tutti gli elementi musicali del gruppo, tanto che venne sempre considerata dallo stesso come proprio inno personale. Di lì a poco i Led Zeppelin partirono per un altro tour americano.

Durante il tour conseguente a questo album ebbe luogo l'unica data italiana mai programmata dei Led Zeppelin. Il concerto si tenne il 5 luglio 1971 al Velodromo Vigorelli di Milano durante una tappa della manifestazione canora Cantagiro, in cui i Led Zeppelin suonarono come ospiti. Il concerto, a causa di scontri fra il numeroso pubblico e le forze dell'ordine, che reagirono sparando lacrimogeni in mezzo alla folla, durò solamente ventisei minuti. I quattro Led Zeppelin furono infatti costretti ad abbandonare il palco e la loro strumentazione, che però venne recuperata, e a barricarsi dietro le quinte.

Nel 1973 uscì il quinto disco Houses of the Holy che, come il quarto album non avrebbe dovuto avere titolo ma lo prese successivamente da un brano pubblicato in Physical Graffiti. Quest'album fu caratterizzato da brani di lunga durata, dall'uso (inedito per il gruppo) del sintetizzatore, e dall'importante contributo di Jones nell'arrangiamento degli archi. Canzoni quali The Song Remains the Same, No Quarter e The Rain Song si imposero ben presto come classici del rock.

Nello stesso anno i Led Zeppelin effettuarono l'ottava tournée negli Stati Uniti, caratterizzata da un enorme riscontro di pubblico: al Tampa Stadium, in Florida, suonarono di fronte a 56.800 spettatori, superando il record allora detenuto dai Beatles con il concerto del 1965 allo Shea Stadium. I tre spettacoli al Madison Square Garden di New York, invece, segnarono il "tutto esaurito". Le esibizioni vennero registrate con l'intenzione di ricavarne un film, ma il progetto fu successivamente accantonato.

Nel 1974 i Led Zeppelin fondarono un'etichetta discografica, la Swan Song, utilizzandola non solo come veicolo per promuovere i propri dischi, ma anche per lanciare nuovi artisti quali Bad Company, Pretty Things, Maggie Bell, Detective, Dave Edmunds, Midnight Flyer, Sad Café e Wildlife.

Nel 1975 uscì per l'etichetta Swan Song Physical Graffiti, il loro primo album doppio. Il disco comprendeva brani registrati per gli ultimi tre album, ma non inclusi negli stessi, assieme a nuove incisioni. Il gruppo dimostrò ancora una volta di poter spaziare su differenti generi musicali, come nella melodica Ten Years Gone, nell'acustica Black Country Woman, nella trascinante Trampled Underfoot e nell'orientaleggiante Kashmir. Subito dopo l'uscita dell'album, tutti i dischi dei Led Zeppelin entrarono contemporaneamente nella classifica dei 200 album più venduti, fatto mai verificatosi prima nella storia del rock.

Successivamente il gruppo iniziò una nuova tournée, caratterizzata ancora una volta da un grande successo di pubblico, partita dagli Stati Uniti e terminata in Gran Bretagna, dove la band si esibì per cinque volte all'Earl's Court di Londra, facendo registrare il tutto esaurito; le registrazioni di questi spettacoli sarebbero state pubblicate circa 28 anni più tardi. A questo punto della loro carriera, i Led Zeppelin erano considerati il complesso più grande del mondo, tanto da meritarsi la definizione, da parte della stampa, di "Biggest Band of the seventies".

Se la popolarità del gruppo sul palco ed in sala d'incisione apparve notevole, altrettanto lo fu la loro reputazione per gli eccessi e per l'eccentricità fuori scena. I Led Zeppelin viaggiavano con un jet privato chiamato Starship, occupavano interi piani degli alberghi ed iniziavano ad essere protagonisti di note scene di dissolutezza (distruzione di intere camere d'albergo, avventure sessuali, uso smodato di droga ed alcool). Molte persone vicine al gruppo descrissero queste loro imprese in vari libri, ma molti di questi racconti furono poi smentiti dagli stessi interessati.

Nel 1976 i Led Zeppelin interruppero la loro attività musicale per occuparsi della produzione di Fantasy, film-concerto tuttora inedito.

Il 4 agosto Robert Plant e sua moglie Maureen, in vacanza nell'Isola di Rodi, ebbero un drammatico incidente d'auto. Con loro vi erano i due figli della coppia e Scarlet, la figlia di Jimmy Page, che rimasero miracolosamente illesi: diversamente andò per Robert e Maureen, che riportarono gravissime lesioni. Maureen, in particolare, era in fin di vita a causa di diverse fratture craniche e pubiche e dovette essere trasportata in Inghilterra con un aereo privato per poter essere operata d'urgenza. Robert ne uscì decisamente malconcio, pur non essendo in pericolo di vita; ingessato dalla testa ai piedi ed inchiodato su una sedia a rotelle, si vide imporre sei mesi di prognosi prima di poter riprendere a camminare.

La conseguenza fu ovvia: i Led Zeppelin dovettero annullare il tour di trenta concerti negli Stati Uniti ed in Sudamerica che avevano pianificato, e così per le successive tournées australiane e giapponesi. L'incidente aveva mandato in fumo la prospettiva di introiti principeschi, per non parlare del momento di grazia che il gruppo stava vivendo.

La lunga degenza che si prospettava costrinse il gruppo ad un'altra mossa forzata: la registrazione di un nuovo disco di studio e successivamente la riesumazione del progetto cinematografico che avevano abbandonato nel 1973, il tutto al fine di riempire il periodo della loro assenza forzosa dalle scene.

Impossibilitato a riprendere le esibizioni dal vivo, il gruppo ritornò in studio per registrare il settimo disco: Presence. Sebbene gli fosse stato conferito rapidamente il disco di platino, molti lo considerarono un prodotto non all'altezza dei precedenti. Quell'anno, dopo l'incidente di Plant e famiglia, l'atmosfera peggiorò, tanto che Peter Grant affermò che c'era qualcosa che non andava; i quattro decisero inoltre di andare in esilio per sfuggire alla elevata pressione fiscale inglese sui guadagni delle stelle della musica. Per questo il 1976 si rivelò un anno instabile, senza punti di riferimento, nel quale sia Plant che Bonham sentirono la lontananza delle famiglie come un grande peso, il cui riflesso era riscontrabile nel loro ultimo album, il quale fu inciso a Monaco di Baviera in uno studio di registrazione (Musicland) talmente richiesto che il gruppo trovò solo tre settimane di disponibilità, al termine delle quali si sarebbe dovuto far spazio ai Rolling Stones. Page riuscì ad ottenere una settimana in più, e nel giro di meno di un mese l'album venne ultimato.

Alla fine del 1976 uscì nelle sale cinematografiche il film The Song Remains the Same, insieme alla relativa colonna sonora, frutto del montaggio di varie registrazioni effettuate ai concerti del 1973 al Madison Square Garden di New York: questo è rimasto l'unico documento filmato delle loro esibizioni sul palco per oltre 20 anni.

Nel 1977 i Led Zeppelin iniziarono un nuovo tour negli Stati Uniti, esibendosi fino a 5 volte consecutive in città quali Chicago, Los Angeles e New York, mentre le esibizioni di Seattle e Cleveland vennero utilizzate per le incisioni di bootleg. Alla fine dell'esibizione al Day on the Green Festival di Oakland, arrivò la notizia della morte del figlio di Plant, Karac. La tournée venne interrotta ed immediatamente ripresero a circolare le voci sulla maledizione gravante sui componenti del complesso, conseguenza dell'interesse di Page per il mondo dell'occulto.

Lo shock provocato dalla morte del figlio portò Plant a prendere in considerazione di lasciare la band. Solo nell'anno successivo, dopo una serie di incontri nel castello di Clearwell, nella foresta di Dean, con gli altri tre membri del gruppo, decise di proseguire.

Durante l'autunno del 1978, il gruppo rientrò in sala d'incisione (il Polar Studio degli ABBA, in Svezia), per la registrazione di In Through the Out Door. Il disco comprendeva brani in stile rock come In the Evening, la tropicaleggiante Fool in the Rain, la ballata All My Love (dedicata al figlio di Plant) e Carouselambra, considerata un tentativo di avvicinamento al genere progressive. Le prime copie in vinile di In Through The Out Door furono pubblicate in una confezione di cartone completamente anonima. Aprendola ci si trovava di fronte alla copertina dell'album, la quale era però totalmente nera. Prendendo una spugna e detergendo la copertina appariva l'immagine vera e propria che però assumeva un colore diverso a seconda della temperatura dell'acqua con la quale veniva bagnata, rendendo unica ogni copia dell'album.

Dopo un decennio di incisioni ed esibizioni dal vivo, il gruppo cominciò ad essere considerato "sorpassato" da alcuni critici, anche perché i gusti musicali si andavano orientando verso la disco music ed il punk; ciò nonostante, i Led Zeppelin potevano ancora contare su legioni di appassionati, ed il loro ultimo disco raggiunse il primo posto nelle classifiche di vendita di Stati Uniti e Gran Bretagna.

Durante le sessioni di Back to the Egg, uno degli ultimi lavori di Paul McCartney con i Wings, John Paul Jones e John Bonham parteciparono alla creazione di una orchestra rock ideata da McCartney, chiamata Rockestra, dove figurano altre glorie del panorama musicale inglese dell'epoca come David Gilmour e Pete Townshend.

Nell'estate del 1979, dopo due spettacoli preparatori a Copenaghen, i Led Zeppelin parteciparono in qualità di attrazione principale al Knebworth Fest, in Inghilterra. Quasi 400.000 fans furono testimoni del ritorno sul palco della band, che, dopo l'uscita in novembre del loro ultimo disco, era pronta a riprendere le esibizioni dal vivo per una breve tournée in Europa seguita da un tour negli Stati Uniti.

Ma il tour americano non ebbe luogo in quanto il 25 settembre 1980, poco prima di partire per gli Stati Uniti, Bonham si presentò alle prove completamente ubriaco; continuò a bere per tutta la sera in una festa a casa di Page e fu messo a dormire in una stanza. La mattina dopo fu trovato morto soffocato nel proprio vomito. La stampa parlò di 40 dosi di vodka ingerite.

A seguito dello scioglimento del gruppo, i componenti della band presero strade diverse e si sono riuniti solo in tre eventi.

Nel 1981 Robert Plant riprese ad esibirsi dal vivo in un'osteria di Stourbridge accompagnato da un gruppo di musicisti a cui diede il nome di The Honeydrippers; alcuni anni dopo venne pubblicato un mini-album di cinque brani dal titolo The Honeydrippers: Volume One al quale collaborarono altri musicisti, tra cui Jimmy Page. L'anno successivo, Plant pubblicò il primo dei suoi album solisti: Pictures at Eleven.

Sempre nel 1981 Page venne incaricato dal regista Michael Winner di comporre la colonna sonora del film Death Wish II; il relativo album uscì l'anno seguente. Nel 1984 Page registrò un album con Roy Harper e, successivamente, mise insieme un gruppo chiamato The Firm, in collaborazione con Paul Rodgers con il quale pubblicò due album. Nel 1988 Page realizzò il suo primo album solista, Outrider con svariati ospiti, tra i quali Robert Plant, che canta in un beano. Nel 1993 Page collaborò con David Coverdale, ex cantante dei Deep Purple e dei Whitesnake, nella realizzazione di un album i cui brani ricordano molto le prime composizioni dei Led Zeppelin. Nel 2000 Page si esibì in concerto insieme ai Black Crowes suonando alcuni classici dei Led Zeppelin; il tutto venne racchiuso nel doppio album Live at the Greek.

John Paul Jones apparve nel musical di Paul McCartney Give My Regards to Broad Street suonando il basso in Ballroom Dancing e nello stesso anno venne incaricato dal regista Michael Winner (su suggerimento di Page) di occuparsi della colonna sonora del suo nuovo film Scream for Help, pubblicata l'anno successivo.

Nel 1985 Page, Plant e Jones, insieme ai batteristi Tony Thompson e Phil Collins, si esibirono in una breve apparizione al Live Aid. L'anno seguente i membri superstiti della band si incontrarono a Bath, in Inghilterra, per valutare le capacità di Thompson, nell'intento di ricostituire il complesso; ma un serio incidente d'auto subito da Thompson pose fine al progetto. Il figlio di John Bonham, Jason, si esibì nel 1988 con Page, Plant e Jones in occasione del concerto celebrativo per il 40° anniversario della Atlantic Records.

Page e Plant si incontrarono nel 1994 per una esibizione ad MTV Unplugged, alla quale fecero seguire una tournée mondiale con un'orchestra orientale e la pubblicazione di due dischi sotto il nome Page and Plant.

La stampa britannica annunciò che nel 2002 Plant e Jones, dopo un distacco durato 20 anni, si sarebbero riconciliati, mentre circolavano voci su una tournée imminente. Il cantante dei Foo Fighters ed ex-batterista dei Nirvana Dave Grohl venne indicato quale potenziale sostituto di Bonham, ma fu lo stesso Page a smentire la notizia. Nel 2003 venne registrata una rinascita della popolarità del gruppo. Page trovò nei suoi archivi una serie di registrazioni dei concerti tenuti durante la tournée del 1972 negli Stati Uniti; colpito dalla qualità sonora e tecnica delle esibizioni, decise di pubblicare How the West Was Won, triplo album contenente brani che, per la lunghezza delle improvvisazioni dal vivo, arrivano a durare fino a 23 minuti. Inoltre venne pubblicato anche un DVD dal titolo omonimo.

Il 27 giugno 2007 l'Atlantic Records/Rhino Records e la Warner Home Video annunciarono tre nuovi album dei Led Zeppelin, in uscita nel novembre del 2007. Il primo è stato Mothership il 13 novembre, un greatest hits con 24 tracce, seguito da una riedizione della colonna sonora di The Song Remains the Same, e dal DVD del film-concerto in edizione restaurata e rimissata.

Dal 13 novembre 2007 sullo store di iTunes è disponibile The Complete Led Zeppelin, una raccolta di 178 brani dei Led Zeppelin in versione rimasterizzata.

Il 25 giugno 2007 alcuni giornali annunciarono il ritorno sulle scene del gruppo, accompagnato alla batteria ancora una volta da Jason Bonham, per un concerto in ricordo di Ahmet Ertegün, fondatore della Atlantic Records morto nel dicembre 2006. A seguito di questo concerto, si sarebbe inoltre dovuto tenere un tour nel 2008. Ma Plant smentì tutto durante una conferenza stampa tenutasi il 28 giugno e con un'intervista comparsa sul Rolling Stone Magazine. Il 31 agosto 2007 venne di nuovo annunciato, in modo non ufficiale, che il gruppo si sarebbe riunito per un'unica data alla O2 Arena di Londra. La stampa nazionale ha iniziato a promuovere il concerto la stessa mattina e gli sponsor hanno confermato l'evento, seppur in modo ufficioso. La notizia ufficiale del loro ritorno sulle scene musicali è arrivata il 12 settembre, quando è stato confermato che avrebbero tenuto un concerto in memoria di Ahmet Ertegün il 26 novembre 2007 alla O2 Arena di Londra. In seguito ad un infortunio al dito avvenuto a Jimmy Page, il concerto è stato rinviato al 10 dicembre 2007. La notizia della disponibilità su internet dei biglietti ha generato un'ondata di richieste che i promoter hanno definito senza precedenti nella storia della musica: in meno di 48 ore il sito è stato preso d'assalto da oltre 20 milioni di utenti, al punto che si è deciso di interrompere immediatamente le prenotazioni e di assegnare in base ad un sorteggio nominale i 21.000 biglietti disponibili.

Finora sono state comunque smentite tutte le illazioni che vorrebbero il gruppo pronto ad intraprendere un tour mondiale, come anche la presenza del gruppo al festival di Bonnaroo previsto nel 2008 da parte degli stessi promoter dell'evento. Recentemente il nuovo batterista della band, Jason Bonham, ha reso noto che, insieme a Page e Jones, è in atto di registrazione nuovo materiale per un ritorno sulle scene dei Led Zeppelin. Robert Plant ha recentemente diramato un comunicato, nel quale afferma che le costanti speculazioni sul futuro della band sono "frustanti e ridicole" e che "non andrà in tour ne registrerà nuove canzoni con i Led Zeppelin". Inoltre ha anche specificato che, dopo la conclusione della serie di concerti con Alison Krauss, ha intenzione di non imbarcarsi in nessun tour per i prossimi due anni e che augura a "Jimmy Page, John Paul Jones e Jason Bonham tutto il successo possibile con i loro futuri progetti". .

Oltre al famoso dirigibile, un'immagine ricorrente nella simbologia dei Led Zeppelin è quella di un angelo, raffigurato in un dipinto del 1869 del pittore statunitense William Rimmer ed intitolato Evening, Fall of Day: nonostante molti abbiano voluto scorgere nella rappresentazione dell'angelo l'effigie di Lucifero o di Icaro, si tratta della divinità greca Apollo. Tale simbolo è riportato sui vinili del gruppo da Physical Graffiti in poi, essendo stato adottato quale logo della Swan Song, etichetta discografica da loro stessi fondata nel 1974. I simboli che l'immaginario collettivo maggiormente ricollega al gruppo rimangono comunque i due sigilli e le due rune che compongono il titolo del loro quarto album. Il significato specifico di questi simboli non è mai stato del tutto chiarito; quel che è certo è che Page e Plant hanno realizzato i propri disegni di loro pugno, anche se il simbolo scelto da Page è stato probabilmente preso dall'alfabeto magico del matematico alchimista Girolamo Cardano mentre Jones e Bonham li hanno trovati su un antico libro di rune. Tutti e quattro i simboli trovano comunque le loro origini nel misticismo. La motivazione della scelta dei simboli, ad ogni modo, risiede nel loro modo di concepire la musica, come più volte spiegato dal gruppo stesso: all'epoca della registrazione del loro quarto album, i Led Zeppelin operarono una summa del percorso musicale compiuto fino a quel momento; i simboli, pertanto, furono un modo per ribadire il loro disinteresse verso nomi, titoli ed etichette di genere per convogliare l'attenzione solo verso la musica. Un celebre esempio di errata interpretazione riguarda il simbolo scelto da Page: molti vi hanno intravisto la criptica sigla ZoSo, interpretazione più volte smentita dal chitarrista.

Dopo la pubblicazione di Led Zeppelin III circolarono attorno al gruppo notizie sulla loro vicinanza a tematiche di tipo esoterico e magico. La prima tiratura del disco, infatti, nascondeva nei solchi vuoti del vinile una frase sibillina scandita in inglese arcaico di Aleister Crowley.

Aleister Crowley era un discusso personaggio vissuto a cavallo tra l'800 ed il '900. I suoi estimatori gli riconoscevano fama di occultista, esoterista ed esperto di magia nera: alla base del suo pensiero vi era la convinzione che le arti magiche fossero racchiuse nella volontà dell'uomo e potessero essere convogliate mediante il ricorso a pratiche occulte. Allo scopo di risvegliare tali energie – a suo dire fondamento della civiltà precristiana e pagana – iniziò a sottoporre se stesso ed i suoi adepti a pratiche da lui definite sex magik e contraddistinte da forme di sessualità estrema e dal forte uso di sostanze stupefacenti. Notevole scalpore si diffuse nella sua nazione d'origine, l'Inghilterra, quando emerse che numerose tra le dame più rispettabili ed in vista dell'alta società frequentavano la setta di Crowley. Le sue pratiche – condotte in più nazioni, tra cui anche l'Italia – furono relativamente tollerate e continuarono finché uno dei suoi adepti non morì nell'Abbazia di Thélema, sulle montagne a nord di Cefalù, in Sicilia. Fu così che Crowley venne espulso dalle autorità fasciste e concluse la propria esistenza in Inghilterra nel 1947.

Page era notoriamente un appassionato studioso dei suoi testi: nel tempo arrivò a possedere una vastissima raccolta di manoscritti fino a divenire proprietario di uno dei più vasti archivi di libri ed oggetti a lui appartenuti, e finendo per influenzare indirettamente anche il resto del gruppo.

Nel 1970, durante le lavorazioni di Led Zeppelin III, Page acquistò la cosiddetta Boleskine House, una dimora del XVIII secolo appartenuta a Crowley e situata proprio sulle rive del Loch Ness, ad Inverness, in Scozia: la dimora veniva ritenuta maledetta dagli abitanti del luogo a causa di alcuni fatti sinistri verificatisi al suo interno. Le voci non distolsero Page dai suoi propositi; alla ricerca di un posto di campagna isolato e vicino all'acqua, la trovò splendida e suggestiva.

Ma la Swan Song ha sempre respinto tutte le accuse al riguardo, sminuendo il tutto come un caso di pareidolia e aggiungendo che c'è un unico senso nel quale i loro dischi girano: quello "in avanti".

Il copyright delle canzoni di Led Zeppelin II è stato oggetto di dibattiti fin dall'uscita dell'album. Il preludio di Bring It on Home è una cover di Bring It on Home di Sonny Boy Williamson II e condivide dei pezzi con Bring It on Back di Willie Dixon. Whole Lotta Love ha alcune parti dei testi in comune con You Need Love/Woman You Need Love di Dixon. Negli anni settanta la Arc Music, la divisione di merchandising della Chess Records, chiamò in giudizio i Led Zeppelin per l'infrazione del copyright di Bring It on Home ed ottenne un accordo stragiudiziale. Dixon però non trasse nessun beneficio fin quando non sollecitò la Arc Music ad ammettere la sua proprietà del copyright. Anni dopo, Dixon fece causa ai Led Zeppelin per Whole Lotta Love e così fu raggiunto un altro compromesso. Le successive ristampe di Led Zeppelin II videro Dixon inserito fra i crediti.

Caso diverso è quello relativo all'arpeggio iniziale della celebre Stairway to Heaven: più di un critico ha sottolineato la somiglianza con l'introduzione della canzone Taurus degli Spirit, avvalorata dal fatto che i due gruppi si conoscessero bene e, avessero intrapreso una tournée assieme, all'inizio della loro carriera. In realtà gli arpeggi si somigliano, ma la tesi di plagio sulla ripetizione variata di cinque note non è mai stata presa in considerazione.

Quello dei Led Zeppelin è sempre stato considerato dalla critica come un genere nuovo, che pone le sue radici nel rock di Jimi Hendrix e dei Cream, nel blues di B.B. King e Robert Johnson e nel primo gruppo di Page: gli Yardbirds, dove il chitarrista ha avuto modo di confrontarsi con future leggende come Eric Clapton e Jeff Beck. La band, evolvendosi di pari passo con gruppi quali i Black Sabbath e i Deep Purple, ha segnato la chiave di volta per la nascita dei generi musicali hard rock e heavy metal. L'insieme di generi tra cui i Led Zeppelin hanno spaziato va dal rock and roll alle prime forme di heavy metal, i quali sono tutti riscontrabili in Stairway to Heaven, probabilmente la loro canzone più famosa. Tuttavia, le influenze musicali esterne sono variate nel corso degli anni, a partire da una tendenza heavy passando dalle atmosfere folk e mistiche del terzo album fino ad arrivare a quella fusione omogenea di folk, rock e blues che caratterizzerà i lavori da Led Zeppelin IV in poi.

L'eredità musicale lasciata dalla band ha influenzato numerosi gruppi, dagli anni '70, tra i quali risaltano nomi come Aerosmith, AC/DC, Rush, Whitesnake, agli anni '80 con molti gruppi della scena hard & heavy fortemente ispirati al sound dei britannici, talvolta descritti come loro cloni, come Great White, Kingdom Come, Tesla, Stone Fury, Tora Tora, Zebra, Diamond Head, Guns N'Roses, Fastway, The Cult, Thunder, Katmandu o Whitesnake, Tool e molti altri, oltre a gruppi più recenti ed attuali come Rage Against the Machine e White Stripes, i The Darkness o i Wolfmother. Tuttavia, il membro probabilmente più influente della band è Jimmy Page, il quale ha ispirato decine di chitarristi delle generazioni successive, fra i quali spiccano Angus Young degli AC/DC, Joe Perry degli Aerosmith, Slash dei Guns N' Roses, Eddie Van Halen dei Van Halen, John Petrucci dei Dream Theater, Kirk Hammett dei Metallica, Tom Morello dei Rage Against The Machine e John Frusciante dei Red Hot Chili Peppers.

Il gruppo ha spesso citato il loro manager Peter Grant, indicandolo come il "quinto componente" dei Led Zeppelin.

Per la parte superiore



Taylor Hawkins

Taylor Hawkins durante un live con i Foo Fighters

Taylor Hawkins , nome completo Oliver Taylor Hawkins (Fort Worth, 17 febbraio 1972) è un batterista statunitense.

Taylor, appassionato di musica, inizia a prendere lezioni di piano sin dalla adolescenza, e si diletta anche alla chitarra, ma scopre la sua vera passione nella batteria, infatti i suoi idoli diventano presto Stewart Copeland dei Police e Roger Taylor dei Queen, infatti il suo primo concerto è proprio quello della band inglese capitanata da Freddie Mercury. Inizia a suonare in vari gruppi fino ad approdare in un progetto di musica sperimentale chiamato Sylvia, che però non avrà vita lunga, infatti dopo poco tempo ritroviamo Taylor dietro i tamburi della tour-band di Alanis Morissette, chiamata Sexual Chocolate, e successivamente registra le parti del disco Jagged Little Pill della cantante canadese.

Nel 1997 fu reclutato da Dave Grohl nei Foo Fighters, a sostituire il batterista William Goldsmith, in rotta con lo stesso frontman che lo accusava di non impegnarsi abbastanza durante le registrazioni di The Colour and the Shape, e che quindi decise di registrare da se le parti di batteria. Taylor prese parte al tour mondiale come batterista ufficiale del gruppo, e da quel momento rimase come componente fisso del gruppo. Legò subito molto bene con il gruppo, tanto da risultare assieme allo stesso Grohl l'altro motore trainante dei Foo Fighters, infatti tra i due c'è molta sintonia, sia musicale che personale, e uno dei motivi principali è anche il fatto che Taylor pur essendo tecnicamente superiore a Dave Grohl (lo stesso Grohl ne tesse le lodi ad ogni concerto n.d.r.) si attiene esattamente alle idee di Grohl. Nel 1999 Taylor vede il suo debutto alla voce solista nei Foo Fighters, registrando la cover di Have a Cigar dei Pink Floyd per il lato b del singolo Learn To Fly, canzone che è stata anche eseguita dal vivo con Brian May dei Queen alla chitarra. Nel 2001 in Inghilterra, durante il tour, è stato ricoverato in gravissime condizioni a causa di un abuso di psicofarmaci e alcool, ma lui stesso ha definito l'episodio una grande ingenuità. Nel 2005 nel nuovo album dei Foo Fighters In Your Honor Taylor canta Cold Day in the Sun.

Il 21 maggio del 2006 Taylor pubblica Taylor Hawkins & the Coattail Riders un album solista dove oltre a suonare la batteria, canta, definendosi un "cantautore frustrato" e che quindi ha dovuto creare qualcosa di suo per avere nuovi stimoli. Taylor suona anche nei Chevy Metal una band di heavy metal anni 70. Nel 2007 esegue tutte le parti di batteria dell'album No World For Tomorrow del gruppo Coheed And Cambria. Nel 2008 collabora con i Queen + Paul Rodgers durante la registrazione di The Cosmos Rocks, cantando nei cori del brano C-lebrity.

Nell'Hard Rock Café di Barcellona è esposta la sua batteria, in alto, al fianco di quella di John Bonham dei Led Zeppelin.

Per la parte superiore



Foo Fighters (album)

Il primo album dei Foo Fighters, prende proprio il nome della band, che allora era composta solamente da Dave Grohl, ex batterista dei Nirvana. Registrato in poco più di una settimana, le tracce variano da un genere musicale all'altro, mischiandole insieme, rivelando lo stile del cantante e compositore Grohl. L'album è semplice, con canzoni fatte per divertire e per piacere, senza scopi di denuncia sociale. Visto dalla critica nazionale come un ripristino dei Nirvana, non fu certo così, e probabilmente questa fu la causa che escluse Krist Novoselic dal gruppo. Naturalmente Grohl dopo il successo si era impegnato a cercare i membri di questa nuova futura band, la scelta ripiegò su due ex-membri del gruppo emo Sunny Day Real Estate, Nate Mendel al basso, William Goldsmith alla batteria e Pat Smear alla chitarra.

Quasi tutte le parti strumentali dell'album sono eseguite da Dave Grohl (l'unica eccezione è una chitarra in "X-Static" suonata da Greg Dulli, membro degli Afghan Whigs, con cui Grohl avava suonato prendendo parte ad una all-star band nella colonna sonora del film Backbeat nel 1994).

Il gruppo dei Foo Fighters, di cui originariamente facevano parte il bassista Nate Mendel, il chitarrista Pat Smear, e il batterista William Goldsmith, fu formata da Grohl dopo la conclusione dell'album, in modo da promuoverlo in tour. Sebbene non appaia nell'album, la band è citata nelle note di copertina.

Grohl aveva registrato la sua musica per molti anni, pubblicando cassette come Pocketwatch (usando il nome "Late!") durante il suo periodo con i Nirvana. L' album fu registrato nell'ottobre 1994 nello studio Robert Lang a Seattle con l'amico/produttore Barrett Jones. Questo era lo stesso studio in cui i Nirvana registrarono la sessione che produsse "You Know You're Right" 9 mesi prima.

Per la parte superiore



Dave Grohl

Dave Grohl in un live con i Foo Fighters, nel 2003.

David Eric Grohl (Warren, 14 gennaio 1969) è un batterista, chitarrista e cantante statunitense, noto per essere stato fino al 1994 membro dei Nirvana e, dal 1995, voce e chitarra dei Foo Fighters, gruppo da lui fondato.

Nel 2002 ha collaborato come batterista per la band Queens of the Stone Age per la realizzazione dell'album Songs for the Deaf e con i Killing Joke nell'album intitolato Killing Joke 2003.

Crea inoltre il progetto Probot, riunendo alcuni mostri sacri della musica heavy metal come Lemmy Kilmister (Motörhead), Max Cavalera (Soulfly, Sepultura), Mike Dean (Corrosion of Conformity), Lee Dorrian (Cathedral, Napalm Death), Cronos (Venom) e tanti altri.

Grohl ha iniziato la sua carriera da musicista negli anni ottanta come batterista per molte band della zona di Washington, tra le quali va ricordata la band punk rock chiamata Scream.

Quando Dave Grohl è ancora un bambino, la sua famiglia si trasferisce dall'Ohio, a Washington. Dopo tre anni di permanenza a Washington, i suoi genitori si separano, e lui sceglie di andare a vivere con la madre.

All'età di 12 anni, inizia a strimpellare con la chitarra. Prende lezioni, ma si stanca subito, e inizia a suonare in qualche piccola band con amici. Un anno dopo, mentre d'estate si trova a casa della cugina, nasce in lui l'interesse per il punk rock. Infatti la cugina Tracy durante la sua permanenza, lo porta a vedere numerosi concerti punk, ed egli ritorna a Washington convertito dalla scoperta di questo genere musicale.

Durante la frequentazione della Thomas Jefferson High School, Grohl suona la chitarra in una band chiamata Freak Baby. Tuttavia, non gli piace il modo di suonare del batterista, e quindi inizia a provare a suonare la batteria egli stesso. Quando il bassista lascia la band, il batterista passa al basso, e lui prende il posto del batterista.

Negli anni a seguire, Grohl suona in molte band locali, tra le quali la band hardcore/punk Mission Impossible, e la band hardcore/post-punk Dain Bramage. Durante gli anni in cui si sviluppa come batterista, cita come uno dei suoi maggiori ispiratori John Bonham, batterista dei Led Zeppelin, e alla fine si tatua su un braccio anche il logo con i tre cerchi, simbolo dello stesso Bonham.

All'età di 16 anni, fa un provino per una delle sue band locali preferite, gli Scream. Con sua sorpresa, il gruppo lo inserisce nella line-up. Non molto tempo dopo abbandona anche gli studi per dedicarsi a tempo pieno a suonare la batteria. Nei successivi 4 anni, va in tour con la band, registra un paio di album dal vivo ed uno da studio, Fumble, nel quale scrive e canta uno dei pezzi Gods Look Down.

Uno dei gruppi che piacciono a Grohl in quel periodo sono i Melvins, che riesce anche a conoscere personalmente grazie all'attività live della propria band. Durante una pausa del tour dei Melvins del 1990, Buzz Osborne, chitarrista e cantante della band invita un paio di amici a vedere gli Scream dal vivo. I suoi amici si chiamavano Kurt Cobain e Krist Novoselic.

Sfortunatamente, qualche mese dopo, gli Scream si sciolgono in seguito all'abbandono del gruppo da parte del bassista, e Grohl chiama Osborne per chiedergli aiuto. Osborne, sapendo che sia Cobain che Novoselic erano rimasti impressionati in maniera positiva dal modo di suonare di Grohl, gli dà il numero di telefono di Novoselic. Viene quindi invitato da Novoselic ad andare ad un loro show a Seattle, che si tiene al Motor Sports Garage, il primo concerto che vedeva alla batteria Dan Peters dei Mudhoney (Grohl confessò nel 2005 alla rivista Rolling Stone, che passò la maggior parte di quel concerto a parlare fuori dal locale con un amico). Successivamente egli fece il provino con i Nirvana, e presto ne entrò a fare parte a tempo pieno.

Al tempo in cui Grohl si unì ai Nirvana, la band aveva già registrato vari demo per quello che sarebbe stato il seguito del loro album di debutto, Bleach, insieme al produttore Butch Vig in Wisconsin. Inizialmente l'album doveva essere rilasciato dalla Sub Pop Records, ma la band cercava qualche accordo con una delle major che si erano dimostrate interessate ai demo. Grohl passò i primi mesi con i Nirvana girando per gli uffici delle major alla ricerca di un buon accordo, che finalmente fu trovato con la DGC Records. Nella primavera del 1991 la band entrò in studio per registrare l'album Nevermind.

Dopo la pubblicazione, l'album superò ogni aspettativa in fatto di vendite, e divenne un enorme successo, che portò la band alla fama mondiale. Allo stesso tempo, Grohl combatteva alla ricerca della sua posizione nella band. Benché il suo modo di suonare fosse stato uno degli elementi significativi per il successo della band, pensava che egli sarebbe stato solo un altro dei tanti batteristi che avevano militato nei Nirvana. Nei suoi pensieri, i Nirvana erano la band che aveva registrato Bleach, e il suo inserimento nel gruppo aveva drasticamente alterato il suono di quel lavoro, e non necessariamente in maniera positiva. Nonostante egli avesse scritto canzoni per svariati anni, egli non propose i suoi lavori al vaglio degli altri componenti per paura di danneggiare l'alchimia della band stessa. Preso da questi dubbi, Grohl decise di registrare le canzoni autonomamente, e ne compilò una demo dal titolo Pocketwatch nel 1992, pubblicata dalla etichetta indipendente Simple Machines, sotto lo pseudonimo di Late!.

Nei successivi anni, i contributi ai testi da parte di Grohl aumentarono. Nei mesi iniziali della sua permanenza a Seattle, Cobain lo sentì al lavoro su un pezzo intitolato Color Pictures of a Marigold, e i due alla fine ci lavorarono insieme. Durante le registrazioni di In Utero, la band decise di registrare il pezzo, e lo incluse come b-side del singolo Heart-Shaped Box, con il titolo di Marigold. Grohl contribuì, sempre nelle sessioni di registrazione di In Utero, alla composizione del riff di chitarra principale del pezzo Scentless Apprentice.

Prima del tour europeo del 1994, la band decise di programmare una sessione di registrazione ai Robert Lang's Studio a Seattle, per lavorare su alcuni demo. Per la maggior parte dei tre giorni programmati, Cobain risultò assente, ed allora Novoselic e Grohl decisero di lavorare sui demo dei loro pezzi. I due completarono alcuni dei pezzi di Grohl, tra i quali Exhausted, Big Me, February Stars e Butterflies, che faranno successivamente parte della produzione dei Foo Fighters, il gruppo che Grohl formerà in seguito allo scioglimento dei Nirvana. Finalmente, il terzo giorno Cobain si presentò e la band registrò un pezzo intitolato You Know You're Right, che sarà in pratica l'ultimo pezzo in studio registrato dai Nirvana.

In seguito alla morte di Kurt Cobain, nell'aprile del 1994, Grohl si ritirò per un certo periodo dalle scene, insicuro sul suo futuro. Pensò di continuare a suonare come batterista in qualche altra band, e suonò quindi per qualche tempo con la band Tom Petty and the Heartbreakers, periodo che incluse una memorabile esibizione al Saturday Night Live. Petty gli chiese di rimanere in pianta stabile, ma lui realizzò che il suo futuro era altrove.

Programmò quindi una sessione di registrazione in studio, sempre presso i Robert Lang's Studio di Seattle, e registrò in brevissimo tempo una demo con quindici pezzi. Se si esclude la parte della chitarra solista in X-static, suonata da Greg Dulli degli Afghan Whigs, in questo demo egli suonò tutti gli strumenti. Iniziò quindi la solita trafila del giro delle case discografiche, in cerca di qualcuna che si fosse interessata al suo lavoro. Il responsabile dei Nirvana, Gary Gersh, nel frattempo aveva assunto la presidenza della Capitol Records e chiese a Grohl di firmare un contratto con la casa discografica da lui rappresentata. Egli accettò, e il suo demo venne quindi remixato da Rob Schnapf e Tom Rothrock, e nel 1995 uscì come album di debutto dei Foo Fighters.

Grohl non pensò di iniziare una carriera solista, e si diede da fare quindi per cercare altri musicisti da inserire all'interno della sua nuova crezione. Accettarono l'invito il chitarrista Pat Smear (già annoverato tra le file dei Nirvana come turnista durante i tour), e due membri dei Sunny Day Real Estate, il bassista Nate Mendel ed il batterista William Goldsmith.

Alla fine del 1995 i Foo Fighters vennero chiamati a contribuire con una canzone al telefilm X-Files. Durante una pausa del tour, la band entrò in studio e registro un pezzo di Gary Numan, Down in the Park. Nel febbraio del 1996, Grohl e sua moglie fecero una breve apparizione nell'episodio The Pusher del suddetto telefilm.

Dopo una tournée che durò oltre un anno per promuovere l'album di esordio, Grohl fece ritorno a casa e iniziò a scrivere la colonna sonora del film del 1997 Touch. Anche in questo caso, oltre a cantare, suonò tutti gli strumenti, eccezion fatta per la title track, nella quale la voce venne affidata alla cantante dei Veruca Salt, Louise Post, e per la canzone This Loving Thing (Lynn's Song) dove la voce e la chitarra sono del chitarrista degli X, John Doe.

Durante le sessioni di registrazione del secondo album, nacquero delle tensioni tra Grohl e Goldsmith, il batterista. Grohl accusò Goldsmith di non sforzarsi abbastanza, come lui avrebbe voluto, e quindi decise di ri-registrare lui stesso alcune parti di batteria. Goldsmith, che stava combattendo contro la sindrome del tunnel carpale, dovuta ad anni di lavoro dietro la batteria, non prese bene la decisione di Grohl ed abbandonò la band (in una successiva intervista Grohl ammise che probabilmente la band era rientrata troppo presto in studio dopo il lungo tour per la promozione dell'album di esordio). Il gruppo decise quindi di abbandonare le sessioni di registrazioni di Seattle, e si trasferì a Los Angeles, dove registrò con Grohl dietro la batteria.

Gli sforzi videro la luce nel maggio del 1997, con l'uscita del secondo album The Colour and the Shape, che portò la band ad essere sempre presente su tutte le radio che trasmettevano rock. Da questo lavoro furono estratti vari hit, tra i quali Everlong, My Hero e Monkey Wrench. Giusto prima che l'album venisse pubblicato, si unì al gruppo l'ex-batterista della band di Alanis Morissette, Taylor Hawkins.

Nel settembre dello stesso anno, Pat Smear abbandonò la band, giustificandosi con la necessità di stabilizzarsi dopo una vita passata in tour. Smear venne quindi rimpiazzato dall'ex-compagno di Grohl negli Scream, Franz Stahl (Stahl lasciò la band prima della registrazione del terzo album, e fu rimpiazzato dal turnista Chris Shiflett, che diventerà membro a tempo pieno durante le registrazioni del quarto album One by One).

I continui viaggi e l'attività dal vivo di Grohl, andavano di pari passo con la popolarità del gruppo. Durante le sue non frequenti pause viveva tra Seattle e Los Angeles, prima di trasferirsi ad Alexandria in Virginia. Ed è qui che stabilì la sua base per la registrazione nel 1999 del terzo album, There Is Nothing Left to Lose.

Quasi alla fine del 2001, la band rientra in studio di registrazione per lavorare alla produzione del quarto album. Dopo quattro mesi passati in studio a registrare, Grohl accetta l'invito da parte di Josh Homme dei Queens of the Stone Age, e aiuta la band per la registrazione dell'album Songs for the Deaf, realizzato nel 2002 (Grohl appare anche nel video del singolo No One Knows). Dopo un breve tour in America con i Queens of the Stone Age, Grohl richiama gli altri membri della band e registra nuovamente l'album nel suo studio in Virginia. Nel 2002 uscirà quindi il quarto album, intitolato One by One.

Dopo due anni passati fra tour e collaborazioni con altri gruppi, la band trasferisce interamente lo studio di registrazione di Grohl da Alexandria in Virginia, in un magazzino vicino Los Angeles. Ed è qui che verrà registrato il quinto album, un doppio, In Your Honor, pubblicato il 14 giugno 2005. Nell'album si trovano collaborazioni con altri artisti come John Paul Jones dei Led Zeppelin, Josh Homme dei Queens of the Stone Age e Norah Jones. Questo lavoro si distingue molto dai precedenti, essendo un doppio LP, con la peculiarità di avere un disco elettrico ed uno acustico. Seguono a questo album Skin and Bones2006, il primo CD live dei Foo Fighters, registrato durante due date del tour acustico a Los Angeles al Pantages Teatre, e Echoes, Silence, Patience & Grace 2007, ultimo disco registrato allo studio 606 di Los Angeles, in cui il gruppo ritrova la collaborazione del produttore del fortunato The Colour and the Shape, Gil Norton.

Nel 2000 la band chiese la collaborazione di Brian May dei Queen, per la registrazione di una cover dei Pink Floyd, Have a Cigar, pezzo che era già stato registrato da utilizzare come b-side per qualche singolo. L'amicizia fra le due band portò Grohl e Taylor Hawkins ad accompagnare Brian May e Roger Taylor (batterista dei Queen) nell'esibizione per la Rock and Roll Hall of Fame nel 2001, dove eseguirono il pezzo Tie Your Mother Down, con Grohl alla voce in sostituzione di Freddie Mercury. In seguito May collaborerà per il pezzo dell'album One by One, Tired of You, ed anche per un pezzo mai edito, Knucklehead.

Nel 2002 collabora quindi con Josh Homme alla realizzazione dell'album dei Queens of the Stone Age, Songs for the Deaf. Nel frattempo stava scrivendo e registrando pezzi per un progetto metal. Riuscì quindi a riunire cantanti come Lemmy Kilmister dei Motörhead, Cronos dei Venom e Max Cavalera dei Sepultura per eseguire i pezzi da lui scritti. E nel 2003 il progetto venne realizzato sotto il nome di Probot.

Sempre nel 2003 Grohl tornerà alla batteria per suonare nell'album dei Killing Joke dal titolo Killing Joke 2003.

Nel 2001 e 2006 invece collabora agli album dei Tenacious D, e appare anche nel video del primo singolo del primo album omonimo, Tribute, nel quale impersona il Diavolo. Nel 2003 aiuta Chan Marsall dei Cat Power per l'album You are Free. Nel 2004 suona molti dei pezzi dell'album pubblicato nel 2005 dei Nine Inch Nails, With Teeth. Compare anche nella canzone Bad Boyfriend, nell'album dei Garbage del 2005, Bleed Like Me. Oltre a collaborare come batterista, egli contribuì anche come chitarrista per la realizzazione della cover di Neil Young, I've Been Waiting for you, nell'album di David Bowie del 2002, Heathen. Nel 2006 suona come batterista, al posto di Jason Morris, nell'album Four on the Floor dei Juliette & The Licks, gruppo dell'attrice americana Juliette Lewis. Nel 2006, inoltre, ha anche preso parte come attore nel film Tenacious D e il destino del rock, con Jack Black, Meat Loaf, Ronnie James Dio e Kyle Gass interpretando la parte di Satana. Il primo giugno 2008 è guest star al concerto di Paul McCartney all'Anfield di Liverpool. Sempre con l'ex Beatle, nel febbraio 2009 suona alla cerimonia dei Grammy Awards.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia