Falco

3.442906574389 (867)
Inviato da amalia 16/04/2009 @ 14:09

Tags : falco, pop rock, musica, cultura

ultime notizie
Fruttagel e zuccherificio. Di Falco: successi della regione nell ... - Prima Pagina Molise
Ferma l'attività istituzionale nell'assemblea di Palazzo Moffa per la campagna elettorale europea e amministrativa, il consigliere regionale di maggioranza Francesco Di Falco (Per il Molise - Iorio presidente) interviene per sottolineare i risultati...
REGGIO C.: LIPU, SPARA E UCCIDE UN FALCO, DENUNCIATO DA CFS - Asca
(ASCA) - Reggio Calabria, 22 mag - Sorpreso a sparare a un Falco pecchiaiolo dal proprio balcone di casa e denunciato per abbattimento di specie protetta. Sono entrati di nuovo in azione nei giorni scorsi, in contrada Concessa di Cantona (RC),...
Pestano carabiniere e rubano pistola: in cella - Alghero Notizie
Nanni Bini, Andrea De Falco, Gennaro De Falco e Angelo Patrono, tutti tra i 20 ei 33 anni d'età, sono finiti in cella con l'accusa di rapina aggravata. La vicenda è avvenuta in un locale del lungomare catalano. I responsabili, pare per futili motivi,...
Liomatic immensa : Perugia brinda alla serie A dilettanti ! - Basketnet.it
Poltroneri graffia dall'angolo e tripla di De Falco : al terzo , 9-2 Liomatic . Empoli è già in bonus e stretta all'angolo. Precisi e lineari in attacco, i biancorossi allungano con Bonamente (schiacciata), Serena e Poltroneri in avvicinamento , 16-4...
Falco pellegrino, sabato in piazza Maggiore con binocoli e ... - Sassuolo 2000
Bologna - L'assessorato provinciale alla Pianificazione faunistica-servizio tutela e sviluppo fauna invita i cittadini a partecipare sabato 23 maggio ad un pomeriggio in piazza Maggiore per osservare l'involo dei quattro giovani falchi pellegrini nati...
Al Cimone riaprono gli impianti per i bikers - Sassuolo 2000
Le seggiovia Sestola-Pian del Falco e lago della Ninfa, dotate di carrello porta bici, resteranno aperte tutti i weekend dal 30 maggio al 30 settembre e tutti i giorni dal 18 luglio al 30 agosto. La funivia Passo del Lupo-Piancavallaro sarà aperta dal...
Rubbianello, giovane falco ferito atterra alla festa dell'ambiente - Il Resto del Carlino
Poi è stato medicato nell'ambulatorio veterinario di Grottammare Rubbianello, 16 maggio 2009 - Meglio non poteva andare al giovane falco ferito a un'ala che è atterrato, con gran sorpresa di tutti, alla festa dell'ambiente 'Nontiscordardime',...
in diretta - Eurosport
Il Falco parte in transizione, ma la sua iniziativa viene fermata... 3-0 INIZIA A MILANO!!! Mike Hall prova la tripla... Ma prende solo il cerchio... Ci pensa David Hawkins, triplona!!! Ha già fatto meglio dell'ultima apparizione, quando si fermò a...
Ischia - Cresce l'attesa per lo Stage di Lucianna De Falco - ischiasky.it
Come recita la stessa De Falco: La memoria garantisce la continuità dell'esistenza perchè permette di legare il passato al presente. La mente umana ha bisogno di essere impressionata, similmente ad una pellicola. Come nella vita di tutti i giorni...
Smontagomme Falco AL 530 ITR Sicam - Megamodo
Sicam presenta ad Autopromotec lo smontagomme automatico Falco AL 530 ITR. In grado di operare su ruote da “12″ a 33″, il Falco AL 530 ITR blocca cerchi in lega fino a 30″ evitando l'utilizzo di attacchi speciali. Può essere dotato di dispositivo...

Falco

Il Falco (Falco, Linnaeus 1758) è un genere che appartiene alla famiglia dei rapaci ed è un animale diurno.

Ha il becco corto e molto ricurvo, con un dente acuminato e molto sporgente che serve per lacerare la carne delle sue prede. Si nutre generalmente di piccoli roditori, insetti, lucertole e uccelli. Il suo metodo di caccia è molto semplice: si libra nell’aria e, grazie alla sua eccezionale vista, adocchia la preda e si abbatte su di essa in picchiata, afferrandola e trattenendola con le sue zampe potenti dotate di lunghi artigli, ricurvi e taglienti. Come dimensione la femmina è più grande del maschio.

Per le sue abilità nella caccia è stato (e seguita ad essere) preferito fra gli altri rapaci per la peculiare sistema di caccia della "falconeria", in uso nelle epoche più antiche e particolarmente sviluppata dagli Arabi e dalle popolazioni centro-asiatiche, nonché dal nostro medioevo (famoso è il trattato di Federico II del Sacro Romano Impero , il De arte venandi cum avibus).

Il falco può costruire il suo nido sugli alberi, su scogli, su rocce, dentro tronchi cavi o in nidi artificiali. La femmina depone dalle quattro alle cinque uova. Appena nascono i piccoli falchi hanno il corpo ricoperto da un morbido piumino che in poche settimane viene sostituito da un piumaggio giovanile che non è ancora definitivo. Entrambi i genitori si occupano dei piccoli: la mamma sorveglia il nido e il papà procura il cibo fino a quando non diventano autosufficienti. Fin dall’antichità il falco viene addestrato dall’uomo per la caccia.

Tra le specie di falco del genere Falco vi è il Falco pellegrino (Falco peregrinus) da alcuni considerato l’animale più veloce del mondo.

Per la parte superiore



Falco (cantante)

Falco assieme ad Ursela Monn nel 1986

Falco - all'anagrafe Johann (Hans) Hölzel (Vienna, 19 febbraio 1957 – Puerto Plata, 6 febbraio 1998) è stato un cantante e musicista austriaco.

Le sue canzoni più note che hanno raggiunto i vertici delle classifiche di vari paesi sono Der Kommissar, Rock me Amadeus e Jeanny.

Nato nel distretto viennese di Margareten, è l'unico ad essere sopravvissuto ad una gravidanza trigemellare a rischio. Molto presto mostra il suo talento musicale. All'età di 5 anni viene certificato - alla Wiener Musikakademie - il suo orecchio assoluto. Per il suo quarto compleanno riceve in regalo un pianoforte e un anno dopo un giradischi, col quale ascolta Elvis, Cliff Richard e i Beatles.

Nel 1963 Hans Hölzel viene iscritto dai genitori in una scuola privata cattolica a pochi passi da casa. Dal 1967 frequenta il Rainer-Gymnasium, sempre a Vienna. Nel 1973 lascia la scuola e comincia l'apprendistato presso l'ente austriaco per le assicurazioni pensionistiche degli artigiani. Grazie a questo troverà dei lavori occasionali fino al servizio di leva (tra il 1974 e il 1975) durante il quale imparerà a suonare il basso. Seguirà anche un semestre al conservatorio cittadino, durante il quale esordirà nella sua prima band, gli Umspannwerk. Passerà poi ad altri gruppi, fra gli altri anche ai più noti Drahdiwaberl.

Nel 1977 Hölzel abita per breve tempo a Berlino Ovest. Là decide di farsi chiamare Falco: il nome viene da quello di un saltatore con gli sci della DDR, Falko Weißpflog, che lo ha particolarmente impressionato. Il cambiamento della k in c è giustificato dal fatto che Falco vuole rendere più internazionale il suo nome, tanto da modificare anche il proprio cognome in Hoelzel.

Originariamente Falco pensò di affiancare al nome anche un cognome, "Gottehrer" (letteralmente, colui che onora Dio), ma lasciò presto cadere l'ipotesi.

Il nomignolo "Hansi" - come la madre continuò sempre a chiamarlo - lo rifiutò per tutta la vita: "Chi usa quel nomignolo, non ha la più pallida idea di chi sia Falco", così diceva, "Ve lo dico una volta per tutte: Hansi non esiste più!".

Dopo il ritorno a Vienna fu ingaggiato dagli Spinning Wheel, e suonò poi (1977-1979) con il gruppo rock - teatrale di avanguardia degli Hallucination Company. Già allora cominciò a riscuotere un certo successo, anche se limitatamente alla scena viennese.

Come bassista e saltuariamente cantante del gruppo punk rock molto impegnato politicamente dei Drahdiwaberl, Falco mostrò il suo talento musicale, ma anche il suo lato eccentrico, soprattutto nei costumi. Fu con loro che ebbe il suo primo successo da solista: la sua canzone Ganz Wien, inserita nei concerti come assolo per riempire le pause, lo porta alla ribalta come cantante. È il 1980 e la canzone, che parla del consumo di droga nella capitale austriaca, diventa una hit. Ma è anche la prima canzone di Falco ad essere boicottata dalle radio. Solo più tardi Falco la pubblicherà nell'album Einzelhaft e la suonerà regolarmente nei concerti.

Nel 1980 Falco sottoscrisse un contratto per tre LP da solista. Col produttore viennese Robert Ponger produce il suo primo singolo, Der Kommissar, che raggiunge il primo posto nelle classifiche di molti paesi europei. In Canada fu disco d'oro. Negli USA raggiunse solo il 73° posto, ma fu il primo ad entrare nelle classifiche statunitensi con un testo in tedesco. In totale, Der Kommissar vendette sette milioni di copie. Nel 1982 uscì l'album Einzelhaft dal quale furono estratti altri tre singoli: Helden von Heute, Auf der Flucht e Hinter uns die Sintflut.

Il secondo album fu Junge Roemer, anche questo prodotto da Ponger, nel 1984. Rispetto al primo non fu un grande successo commerciale, ma fu apprezzato dalla critica. Vendette comunque 120.000 copie in Germania, mentre in Austria fu disco d'oro. Minore fu il successo internazionale, ma da quest'album furono tratti i primi video, girati negli Stati Uniti.

Nel 1985 Falco si rivolse ai produttori olandesi Rob e Ferdi Bolland, noti come Bolland & Bolland. Con loro produsse l'album Falco 3, che lo consacrò come star di livello mondiale grazie a successi come Vienna Calling, Jeanny e - soprattutto - Rock me Amadeus. Polemiche suscitò il video di Jeanny, in cui Falco interpreta un persecutore che insegue la sua vittima, una bella ragazza. Nonostante il testo e il video lascino in realtà spazio a diverse interpretazioni, i media li interpretarono nel senso che il persecutore alla fine uccide la sua vittima. La canzone fu boicottata dalle radio, ma raggiunse ugualmente la testa delle classifiche tedesche.

Nel marzo del 1986 uscì il singolo Rock me Amadeus, che fu per tre settimane in cima alle classifiche della rivista USA Billboard. A tutt'oggi è l'unica canzone in tedesco ad aver raggiunto il numero 1 in America. Fu primo anche in Gran Bretagna, e di lì il successo si allargò al mondo intero. Anche l'album Falco 3 restò nella classifica statunitense a lungo, raggiungendo il terzo posto.

Dopo la tournee nell'estate del 1986, Falco lavorò con Bolland & Bolland al quarto album, Emotional, pubblicato nell'autunno di quell'anno, cui seguì un tour mondiale.

Del 1988 è il quinto album, Wiener Blut, ancora prodotto dai fratelli Bolland. Il disco non andò bene, e fu sospeso il tour europeo previsto.

Nel 1989 Falco si separò dalla moglie Isabella Vitkovic, sposata meno di un anno prima, dopo aver saputo di non essere il padre della loro figlia Katharina-Bianca. Tuttavia Falco lasciò presso un notaio di Vienna una lettera e un libretto di risparmio, che furono consegnati a Katharina-Bianca il giorno del suo diciottesimo compleanno.

Il ritorno al successo si presenta con l'album Nachtflug, nell'autunno del 1992. Trascinato dal successo del singolo Titanic, che gli consentì di sbarcare nuovamente sul mercato americano (il video vinse numerosi premi) e che rimase in classifica in Austria per 18 settimane, l'album fu seguito da una tournee europea (Germania, Austria, Svizzera e Russia). Nella data di Vienna, alla Donauinselfest, ci furono 100 000 spettatori, nonostante il temporale che si scatenò durante l'esibizione e che costrinse alla sospensione.

Nel 1995 fu pubblicato il singolo Mutter, der Mann mit dem Koks ist da sotto lo pseudonimo T»MA (= Thema). Il titolo gioca con la polisemia del termine Koks (letteralmente Coke, ma anche, gergalmente, cocaina e denaro). Fu un passaggio unico nella musica techno.

Nel 1996 Falco si trasferisce in Repubblica Dominicana, il che gli porterà - oltre a benefici fiscali - anche un ambiente creativo più libero. Nello stesso anno uscì il singolo Naked, destinato ad essere l'ultimo. Non fu il successo sperato: 50.000 copie in Germania, il quarto posto nelle classifiche austriache.

L'ultimo concerto lo tenne a Vienna, il 18 dicembre 1997, in occasione della festa di Natale della Lauda Air. Lo stesso Niki Lauda era amico di Falco da lungo tempo, tanto che il 31 luglio 1998 battezzerà Falco un Boeing 737 della sua linea, in ricordo dell'artista scomparso da poco.

Falco morì infatti il 6 febbraio 1998 in un incidente automobilistico nelle vicinanze della città di Villa Montellano, nella provincia di Puerto Plata, Repubblica Dominicana. L'autopsia riscontrò la presenza di alcool e cocaina nel sangue di Falco, e la cosa alimentò le voci (mai accertate) di un possibile suicidio. Fu riportato in patria da un aereo della Lauda Air.

L'album Out Of The Dark uscirà postumo, e con grande successo: 2 milioni di copie nelle sole Germania e Austria.

Nel 2008 è uscito in Austria il film biografico Falco - Verdammt, wir leben noch! diretto da Thomas Roth, in cui il ruolo del cantante è sostenuto dall'attore austriaco Manuel Rubey.

Per la parte superiore



Falco subbuteo

Il lodolaio eurasiatico (Falco subbuteo, Linnaeus 1758), chiamato anche semplicemente lodolaio, è un falco di piccole dimensioni.

Di piccola mole e forme slanciate, è dotato di ali piuttosto lunghe, che raggiungono e sopravanzano l'estremità della coda. Lungo circa trenta centimetri, ha la coda di quindici, le singole ali di ventitré e l'apertura alare che supera i settanta. La femmina è alquanto più grande, raggiungendo in lunghezza i trentaquattro centimetri e in apertura alare gli ottanta. Quanto al colorito, le parti superiori sono nere azzurrognole, con la testa grigiastra, la nuca segnata da macchie bianche e le ali orlate di giallo ruggine; le parti inferiori sono striate di nero sul fondo bianco o gialliccio; nella coda le timoniere sono azzurre superiormente e volgono al grigio nella parte inferiore, sempre marcate da macchie trasversali rosso-ruggine. Anche i calzoni e il sottocoda sono rosso-ruggine, mentre l'occhio è bruno, lo spazio perioculare, la cera e i piedi sono gialli, e il becco azzurro chiaro alla base e più scuro all'estremità. Nei soggetti giovani il nero azzurrognolo delle parti superiori è marginato di giallo-ruggine, le macchie della nuca sono più grandi e di color gialliccio; l'addome, il sottocoda e i calzoni sono pure giallicci.

Il lodolaio eurasiatico vive in tutta Europa, eccettuate le regioni di sud-est, e nelle parti temperate del Continente asiatico. Compie d'inverno regolari migrazioni che lo portano nel meridione d'Europa e in India. Abita preferibilmente i boschi non troppo folti. Vivacissimo e ardito, gareggia in velocità con qualsiasi altro uccello: il suo volo basso e veloce richiama quello della rondine, poiché, come questa, tiene le ali disposte a falce, le muove di frequente e compie con grande sveltezza le più difficili evoluzioni. Si posa di solito sugli alberi e molto di rado sul terreno. La sua indole è cauta e prudente, e lo porta a schivare attentamente la vicinanza con l'uomo: quando deve trovare un rifugio per la notte, lo cerca con grande attenzione e non si ferma che con il favore delle tenebre. Maschi e femmine vivono sempre assieme, ed assieme si dispongono alle migrazioni; il loro accordo viene meno solo quando devono spartirsi le prede, occasione in cui non esitano ad azzuffarsi furiosamente, scendendo sempre più verso terra e facendo insistentemente udire il loro grido acuto, ma non del tutto sgradevole.

Gli uccelli di questa specie indirizzano la loro rapacità contro le lodole e le rondini che di essi hanno un vero e proprio terrore; per sfuggire loro, le lodole, quando riescono a scorgerli in tempo, si portano a grandissime altezze, sapendo che i lodolai, per ghermirle, dovrebbero piombare su di esse dall'alto e che quindi la caccia diverrebbe per essi troppo faticosa. In questo modo riescono a volte a salvarsi. Oltre che di questi e di altri uccelli, il lodolaio eurasiatico si nutre di insetti volanti, specialmente locuste, libellule e formiche.

I suoi nidi sono posti sui cespugli e sugli alberi elevati. A volte, come fanno anche alcuni suoi affini, si serve dei nidi delle cornacchie, cacciandone con la violenza i proprietari; più spesso li costruisce da sé, intessendoli di radici e ramoscelli e tappezzandoli all'interno di sostanze soffici. La covata è costituita di tre-cinque uova di forma allungata, macchiate soprattutto intorno all'estremità ottusa di bruno-rossiccio sul fondo bianco o grigiastro.

BirdLife International 2004. Falco subbuteo. In: 2008 IUCN Red List of Threatened Species. IUCN 2008.

L'ornitologo Peter Adolph, brevettò il nome del gioco del calcio da tavolo Subbuteo ispirandosi al Falco Lodolaio, proprio perché i giocatori in campo venendo scagliati verso la palla, ricordavano l' attacco del rapace su una preda.

Per la parte superiore



Occhio di Falco

Occhio di Falco (Hawkeye) è il nome di diversi personaggi dei fumetti facenti parte dell'universo immaginario pubblicato dalla Marvel Comics.

Clint Barton è stato creato da Stan Lee (testi) e Don Heck (disegni) nel 1964.

Come Freccia Verde della DC Comics, è un arciere in costume, attrezzato con un arsenale di frecce di varia foggia e fattura, con parecchi possibili utilizzi. Sfacciato e qualche volta arrogante, spesso ha battibecchi con i compagni di squadra ma è uno dei membri più anziani e ha sempre fatto parte di qualche squadra dei Vendicatori, anche quando non era in quella principale. È stato anche capo dei Thunderbolts.

Mandato in un orfanotrofio in tenera età a causa della morte dei suoi genitori, Clint Barton fuggì a quattordici anni per unirsi a un circo. Ne diventa l'attrazione principale, attirando l'attenzione di un eroe vagabondo chiamato lo Spadaccino (Jacques Duquesne). Quest'ultimo lo allenò per il tiro con l'arco e al circo divenne famoso come Occhio di falco.

In seguito all'aver visto Iron Man in azione, Clint decise di diventare un eroe, ma alla sua prima missione fu scambiato per un criminale e dovette affrontare proprio lo stesso eroe che lo aveva ispirato.

Per un po' fu innamorato di Natasha Romanoff (alias la prima Vedova Nera) e lei lo costrinse a rubare. Ma si ravvede e decide di entrare nei Vendicatori, in una formazione degli "eroi più potenti della Terra" che comprendeva, oltre a lui, i gemelli mutanti Quicksilver e Scarlet, guidati da Capitan America.

Notevoli sono state le dispute con quest'ultimo: la natura ribelle e anti-autoritaria di Clint strideva con la ferrea disciplina impostagli da Cap, veterano poco abituato a non vedere eseguiti i propri ordini. Col passare degli anni però Clint imparò ad apprezzare e ammirare il lavoro di Capitan America, diventando per lui, come per altri eroi, un punto di riferimento e d'ispirazione. Con gli anni i due sono diventati grandi amici.

Fu un valido membro del gruppo per molti anni (per un certo periodo smise i panni dell'arciere e assunse l'identità e i poteri di Golia, grazie alle particelle Pym), arrivò addirittura a coprire il ruolo di leader nella fila dei Vendicatori della Costa Ovest; durante questi anni, s'innamorò e sposò la super eroina Mimo (Barbara Morse, ex agente dello S.H.I.E.L.D.) che però morì in missione sacrificando la propria vita per quella del marito, lasciando Clint solo e distrutto dal dolore.

Successivamente guidò e aiutò i Thunderbolts a redimersi, conscio che tutte le persone meritano una seconda chance. Ha avuto un breve flirt con la compagna di team Janet Van Dyne alias Wasp, poco prima di venir apparentemente ucciso da Scarlet durante la saga Vendicatori divisi, dove ha perso la vita combattendo contro un'armata Kree evocata da Wanda.

In House of M Clint venne resuscitato da Scarlet, e nella sua nuova vita Occhio di Falco è un membro della banda di Luke Cage, i Sapiens.

Quando, grazie a Layla Miller, riacquista la memoria, si reca a Genosha e, mentre gli altri eroi affrontano Magneto, Clint riesce ad arrivare a Wanda, dalla quale cerca di avere risposte sul perché lo ha ucciso, ma la ragazza lo cancella nuovamente dal creato. Clint viene resuscitato per la seconda volta quando Wanda ripristina la realtà originale, dopodiché è di nuovo sparito lasciando però tra le rovine della base dei Vendicatori la sua divisa e un giornale con la notizia della sua morte coperti dalle sue frecce.

Clint si reca dal Dottor Strange per capirne di più sulla sua nuova vita, quindi vola alla Montagna Wundagore: trovata Scarlet, scopre che la donna non ha memoria di quanto è successo, allora ritorna negli USA, devastati dalla guerra civile tra supereroi.

Data la sua abilità come tiratore scelto, Clint è uno dei pochissimi in grado di lanciare lo scudo di Capitan America con la stessa precisione di quest'ultimo, di conseguenza Iron Man gli chiede di diventare il nuovo Cap per far rispettare la registrazione superumana.

Con il costume e lo scudo di Steve Rogers, Clint e Stark combattono Patriot e Kate Bishop, la nuova Occhio di falco, che stanno cacciando i criminali senza essere registrati. Kate fa notare a Clint Barton che Capitan America è morto combattendo contro la registrazione, perciò assumere la sua identità mascherata per combattere una causa che non approvava non gli fa onore. Così Barton lascia scappare i due Giovani Vendicatori e ridà il costume con lo scudo a Stark.

In seguito contatta il Dottor Strange e si unisce ai fuorilegge Nuovi Vendicatori, assumendo l'identità di Ronin e aiutandoli nella missione di salvataggio di Maya Lopez in Giappone. Durante World War Hulk cercherà di opporsi al rapimento del Dottor Strange da parte di Hiroim e Elloe, alleati del Golia Verde, ma viene facilmente battuto e catturato.

Dopo che i Nuovi Vendicatori hanno scoperto che Elektra è in realtà uno skrull, Clint ha comiciato a sospettare che anche Tony Stark e tutti coloro che hanno appoggiato l'atto di registazione siano anch'essi degli alieni infiltrati. Clint ha deciso di restare con la squadra, in quanto ormai si fida solo di loro.

Mentre si trovava nella Terra Selvaggia assieme ai Nuovi Vendicatori, Clint ha visto scendere da un'astronave Skrull numerose copie di alcuni dei più famosi supereroi della terra; tra questi vi era anche la sua ex moglie Mimo (Barbara Morse). Ponendole una domanda a cui solo lei poteva rispondere (fece riferimento ad un aborto di cui la coppia non parlò mai a nessuno), ha scoperto che non si trattava di una sostituta skrull, bensì della Mimo originale; con enorme sorpresa Clint ha potuto riabbracciare la sua amata Barbara.

È un arciere straordinario, dotato di una mira infallibile. Inoltre è un'agile trapezista, in possesso di addestramento militare, abile nel combattimento corpo a corpo, addestrato da Capitan America in persona quando fu ingaggiato dai Vendicatori.

Nei panni di Occhio di Falco, possedeva una faretra piena di frecce dotate di vari gadget (esplosive, a gas, con acido e altre ancora) mentre in quelli di Ronin fa uso di armi tipiche dei guerrieri ninja, tipo la katana o gli shuriken.

Katherine Bishop è stata creata da Allan Hinberg e Jim Cheung nel 2005.

Katherine Bishop è apparentemente una ragazzina viziata e snob, figlia di uno degli industriali più potenti degli Stati Uniti d'America. In realtà non è così. La madre, per cui aveva una grande ammirazione, morì quando lei aveva solo quattordici anni, e la famiglia la lasciò sola, poiché il padre era impegnato dalla cura per il suo impero finanziario e la sorella maggiore si dedicava alla bella vita, spendendo i soldi del padre.

Oltre a questa tragedia, Katie dovette anche subire uno stupro. Dalla vicenda trasse però un'esperienza che la rafforzò, suscitando in lei la coscienza del valore della vita e la volontà di non mollare. Così decise di allenarsi per concretizzare il suo sogno di diventare un'eroina, in modo da avere il potere di impedire che quello che era successo a lei accadesse ad altre persone. Nel corso delle sue avventure incontrò e si unì ai Giovani Vendicatori. Il nome di battaglia le venne attribuito da Capitan America in persona, al cui funerale ha presenziato insieme con i Giovani Vendicatori.

Durante Civil War Kate decide di non registrarsi e di unirsi ai ribelli, continuando ad operare in clandestinità anche alla fine della guerra.

È un'eccellente arciere e spadaccina, addestrata nella boxe e nelle arti marziali; è inoltre dotata di un arco balistico ipertecnologico.

Clint Barton è un personaggio di rilievo nel crossover Vendicatori/JLA dove mette alla prova la sua infallibile mira (e la sua "bocca larga") con Freccia Verde, celebre arciere della DC Comics. Nel corso della storia i due universi si fondono e Clint, innamoratosi di Dinah Lance alias Black Canary, si unisce alla Justice League.

Esiste una versione di Clint Barton anche nella linea Ultimate che tuttavia si discosta di molto dalla versione originale, sia nell'aspetto che nel carattere.

Qui Clint Barton è un soldato dotato di una mira infallibile che utilizza un arco (ma non disdegna le armi da fuoco) che collabora da con la Vedova Nera (Natasha Romanoff).

È molto amico di Nick Fury ed ha una moglie e due figli, che verranno uccisi dalla Vedova quando tradirà gli Ultimates rivelandosi una spia dei Liberatori.

Barton verrà fatto prigioniero ma si libererà, aiutando Cap e Wasp nel contrattacco. Clint infine vendicherà la morte della propria famiglia uccidendo con le sue frecce la Vedova Nera, ricoverata in ospedale.

Occhio di Falco rimarrà con gli Ultimates, indossando un costume completamente nero dotato di una maschera che ne nasconde il viso, ma la perdita della famiglia lo ha reso incapace di avere rappori umani e avventato in battaglia, quasi come se desiderasse andare incontro alla morte: per questo modo di fare da "kamikaze" Wasp sostiene che Clint Barton è come se fosse morto con la famiglia ed ora è rimasto solo Occhio di Falco.

Occhio di Falco è uno dei primi eroi a venir contaggiato dal letale virus. Verrà apparentemente ucciso da Magneto, che usa lo scudo del Colonnello America per decapitarlo. Alcuni anni dopo, la sua testa, ancora viva, viene ritrovata dal nipotino di T'Challa la Pantera Nera e anche a lui, come Wasp, viene dotato di un corpo robotico da Forge.

Occhio di Falco (Clint Barton) è apparso nella serie a cartoni animati della Fox "Iron Man, dove era stato inserito nella formazione dei Force Works al posto di U.S.Agent.

E' uno dei protagonisti della serie The Avengers: United They Stand del 1999.; inoltre, è comparso in alcuni episodi di Capitan America nella serie The Marvel Superheroes.

E' anche uno dei quattro eroi selezionabili nel videogioco "Captain America & The Avengers" (1991) assieme ad Capitan America, Iron Man e la Visione.

E' uno dei personaggi giocabili del videogioco Marvel: La Grande Alleanza, ma esclusivamente per la versione per PSP.

Un film sul personaggio, titolato "Hawkeye", è in fase di sviluppo ai Marvel Studios.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia