Esposizione Universale

3.3816725978589 (1124)
Inviato da amalia 09/03/2009 @ 09:10

Tags : esposizione universale, cultura

ultime notizie
fino al 26.VII.2009 Esposizione universale Bergamo, Gamec - ExibArt
Per un'esposizione universale... Le elezioni comunali sono alle porte in quel di Bergamo e, immancabile, giunge il tempo di bilanci e proclami. La Gamec offre il proprio contributo, allestendo una mostra che riassume le linee-guida che hanno...
Expo 2015, Regione: fondi per opere connesse "ci sono tutti" - Reuters Italia
Nei giorni scorsi sono emersi timori per un ridimensionamento dei finanziamenti da parte del governo per la realizzazione delle opere connesse all'Esposizione universale del 2015, a causa della necessità di reperire fondi per la ricostruzione in...
ORLANDINI: "IL VERO PERICOLO E' L'ILLEGALITA'" - L'Automatico.net
L'invito alla calma, pertanto, non è di mero stile, ma risponde ad una precisa volontà di contrapporsi all'ennesimo tentativo interessato di convincere il gestore a sentirsi all'indomani dell'ennesimo diluvio Universale necessitante l'ennesima Arca...
MUSICA: UGOLE D'ORO A RIVA PER CONCORSO GIOVANI CANTANTI LIRICI - Adnkronos/IGN
... del 2009 e del 2010 saranno infatti invitati ad esibirsi all'Esposizione Universale di Shanghai 2010, probabilmente il piu' grande evento della storia dell'umanita', presso il quale e' previsto il passaggio di 70 milioni di visitatori in sei mesi....
EXPO 2015: REGIONE LOMBARDIA E COMUNE MILANO INSIEME SU PROGETTI - Asca
(ASCA) - Milano, 7 mag - Nessuna divergenza tra Regione Lombardia e Comune di Milano sull'uso degli spazi dell'area che ospitera' l'Esposizione Universale del 2015, ma piuttosto un'intensa collaborazione per valorizzare tutte le potenzialita' che...
Bologna@Expo Shanghai 2010 - ProfessioneArchitetto
L'Urban Center di Bologna, presso Sala Borsa, ospiterà fino al 16 maggio 2009 i 28 concept presentati al concorso di idee per lo stand della città di Bologna all'Esposizione Universale. Bologna parteciperà all'Esposizione Universale di Shanghai (1...
Quel che resta dell'Expo - La Repubblica Milano.it
E riflettere se al posto del vecchio, anacronistico modello, di esposizione universale, gigantesca, fisica e muscolare, non sia meglio immaginare soluzioni più leggere, agili e diffuse su tutto il territorio della città". "Cosa lascerà a Milano l'Expo...
Le 'idee' di Bologna per l'Expo di Shangai 2010 - DemanioRe
(ANSA) - BOLOGNA - In mostra a ''Bologna@Expo Shanghai 2010 i 28 concept presentati al concorso di idee per lo stand della citta' di Bologna all'Esposizione Universale. La mostra, allestita nella Sala Atelier dell'Urban Center fino al 16 maggio,...
Mostra a Parigi su Gustave Eiffel, mago del ferro - DemanioRe
Realizzo'' il viadotto di Garabit nel Massiccio Centrale, la struttura della Statua della Liberta' che venne trasportata a New York e quindi la Torre Eiffel, scelta tra 107 progetti per l'esposizione universale di Parigi del 1889, costruita in meno di...
Expo Spa: Carioni contrario a richieste Stanca su bonus - Borsa Italiana
... dell'ad Lucio Stanca di ricevere il bonus variabile di 150.000 euro anche nel caso in cui, per cause non dipendenti dal suo operato, non si dovessero raggiungere i risultati fissati per portare a termine il progetto dell'Esposizione Universale....

Esposizione universale

Lo storico Crystal Palace, edificio la Great Exhibition di Londra nel 1851, la prima esposizione universale riconosciuta dal BIE

Esposizione universale è il nome generico che indica le grandi esposizioni tenutesi fin dalla metà del XIX secolo. Lungo i decenni questo termine è stato associato indiscriminatamente a qualsiasi esposizione di carattere internazionale sebbene l'organismo internazionale che coordina gli eventi di questo genere, il Bureau International des Expositions (tipicamente abbreviato in BIE), definisse una nomenclatura ben precisa. In tempi moderni comunque l'aggettivo universale viene associato a qualsiasi Expo di categoria superiore (in contrasto con le esposizioni internazionali, più piccole).

La scelta di organizzare le Expo maggiori solo una volta ogni cinque anni è stata probabilmente presa per ridurre le spese dei Paesi partecipanti; in effetti si ritiene che l'Australia scelse di non partecipare all'Expo '98 proprio per questo motivo, forse perché la Expo di Siviglia era troppo vicina nel tempo per giustificare un'altra rappresentanza.

La maggioranza delle strutture è temporanea, e viene smantellata alla fine dell'esposizione, ma esistono numerose eccezioni.

Alcuni padiglioni sono stati spostati oltremare intatti; il padiglione dell'URSS dell'Expo '67 è oggi a Mosca.

Molte esibizioni e attrazioni costruite da Walt Disney e dalla sua WED Enterprises per la New York World's Fair 1964 (che si tenne nel 1965) vennero spostate a Disneyland dopo la chiusura dell'esposizione. Molte delle attrazioni funzionano ancora oggi.

Il Padiglione Belga dell'Expo di New York 1964 e stato trasferito alla Virginia Union University di Richmond (Virginia), mentre è visitabile il Panorama della città di New York costruito da Robert Moses e ospitato dal Queens Museum of Art.

Per la parte superiore



Esposizione Universale (1900)

Ingresso principale dell' Esposizione

L'Esposizione Universale del 1900 si tenne a Parigi dal 14 aprile al 10 novembre e superò la quota di 50 milioni di visitatori (solo quella di Osaka del 1970 fece altrettanto).

Molti monumenti parigini furono costruiti per l'esposizione, inclusi la Gare de Lyon, la Gare d'Orsay (ora Museo d'Orsay), il Ponte Alessandro III, il Grand Palais, La Ruche e il Petit Palais.

L'esposizione parigina vide anche il trionfo del cinematografo dei fratelli Lumière. Nello stesso anno Parigi ospitò anche la II Olimpiade dell'era moderna ed il barone Pierre de Coubertin, fondatore del Comitato Olimpico Internazionale, dovette cedere il controllo dei giochi a favore del Governo.

Della manifestazione parigina sono presenti molte testimonianze nel Fondo Tito Pasqui presso la Biblioteca "Saffi" di Forlì: ad esempio un interessante carteggio, biglietti da visita degli espositori, ritagli di giornale, menù di pranzi o cene, ricevute di alberghi, libretti di commedie.

Tra le molte realizzazioni intraprese per l'esposizione spiccano i lavori per la prima linea della Metropolitana di Parigi (tuttora nota come "ligne 1"), che iniziarono nel 1897 e finirono nel 1900, in tempo per l'apertura dell'Expo del 1900. In un primo momento sembrava dovesse prendere piede la soluzione della ferrovia sopraelevata, visto che avrebbe comportato minori costi di realizzazione, tempi più rapidi di costruzione e minori rischi per le fondamenta dei palazzi e per le reti fognarie e dei servizi nelle zone interessate dai lavori. Prevalsero però considerazioni di natura "estetica" (i viadotti nelle strade avrebbero inevitabilmente "tagliato in due" facciate di palazzi e monumenti e ridotto la quantità di luce naturale sia nelle strade che nelle case al di sotto dei viadotti stessi).

All'epoca i mezzi tecnici non erano certo quelli di oggi, e più di tanto non si poteva "osare"... Ad ogni modo, la "tecnica" di realizzazione delle gallerie sotterranee era abbastanza semplice: si "sventravano" le strade principali, si scavava per realizzare la galleria, e infine si "richiudeva" il tutto. È per questo che la stragrande maggioranza delle gallerie sono davvero poco profonde e il percorso delle linee (soprattutto di quelle più antiche) segue fedelmente quello delle strade sovrastanti.

Per la parte superiore



Expo 2010

Haibao, mascotte di Expo 2010

L'Esposizione Universale 2010 sarà organizzata dalla città di Shanghai  Cina. Il tema scelto è Better city, better life (Città migliore, vita migliore).

L'esposizione rientra sotto il protocollo 1988, è ufficialmente catalogata come International Registered Exhibition e verrà organizzata tra il 1 maggio 2010 e il 31 ottobre 2010, per un totale di 6 mesi, come richiesto dal BIE.

L'area dedicata alla Expo 2010 si trova sulle due sponde del fiume Huangpu collegate da un ponte e da traghetti fluviali. L'intero sito copre circa 5.3 km2 ed è suddiviso in cinque settori. Sono previsti otto padiglioni collettivi e un museo dedicato alle Expo.

All'interno dell'area espositiva della Expo 2010 verrà allestita una zona di circa 15 ettari dedicata alle Urban Best Practices (UBPA - Urban Best Practices Area) ovvero alle esperienze più significative in ambito urbano. Per esporre all'interno di questa zona sono stati scelti 49 progetti proposti da città e regioni di tutto il mondo. L'iniziativa ha avuto un successo incredibile contando che il progetto iniziale prevedeva l'esposizione di solo la metà del numero dei progetti effettivamente scelto.

Finora hanno confermato la propria presenza 185 Paesi e 46 organizzazioni internazionali.

La Expo 2010 di Shanghai segna il ritorno degli Stati Uniti d'America tra i Paesi espositori dopo una lunga assenza (L'organizzazione sta aspettando una conferma scritta alle dichiarazioni di partecipazione verbali).

Le province e le città cinesi avranno a disposizione 600mq cadauno, messi a disposizione in un padiglione comune all'interno del padiglione nazionale cinese. Saranno inoltre presenti in padiglioni separati Macao, Taiwan e Hong Kong.

Il Logo dela Expo 2010, disegnato da Shao Honggeng, rappresenta due genitori che stringono il loro bambino. La figura richiama inoltre l'ideogramma cinese "shi" (che significa mondo), che risulta essere il più antico tra le lingue orientali con questo significato. Il colore verde simboleggia la vitalità e la creativita del popolo cinese.

La mascotte della Expo Universale di Shanghai 2010 si chiama Haibao . Il nome significa il tesoro del mare ed è un tipico nome cinese porta fortuna.

Il personaggio è stato creato partendo dall'ideogramma cinese che significa gente, persone. La scelta è stata fatta per segnalare che i veri protagonisti della Expo 2010 devono proprio essere le persone che devono relazionarsi col Mondo e con gli altri, creando una società migliore per una vita migliore.

Ogni singolo elemento che compone la figura della mascotte ha un suo significato. I capelli richiamano un'onda marina e danno l'idea di un carattere aperto, come è quello di Shanghai, la città organizzatrice dell'esposizione; il viso esprime amicizia e simpatia; il colore blu vuole dare l'idea della libertà e dell'immaginazione che sono concetti che richiamano alla vitalità e alle potenzialità della Cina; il corpo arrotondato esprime uno stile di vita sano e daà anche l'idea di simpatia e tenerezza; la posizione tipica del personaggio è con il pollice alzato, segno di positività e di accoglienza verso tutti i visitatori della Expo che arrivano da ogni parte del mondo.

Haibao riesce quindi a personificare la cultura e lo spirito del Paese organizzatore e ad interpretare il tema Città migliore, Vita migliore, ma anche ad essere un segno visivo riconoscibile e utilizzabile per i media e un personaggio simpatico che possa anche avvicinare i più piccoli ai temi della Expo.

La città di Shanghai è stata scelta come città organizzatrice dell'Esposizione Universale del 2010 durante la 132° assemblea del BIE tenutasi il 3 dicembre 2002 a Monte Carlo,  Monaco.

Le altre città che concorrevano per l'organizzazione dell'evento erano Mosca  Russia, Yeosu  Corea del Sud (poi organizzatrice della Expo 2012), Wroclaw  Polonia (che successivamente tentò l'organizzazione della Expo 2012) e Querétaro  Messico .

Alla votazione parteciparono gli 89 rappresentanti degli altrettanti stati membri che allora componevano il BIE. Il risultato finale si ebbe soltanto alla quarta votazione in cui la città cinese ottenne 54 voti contro i 34 di quella coreana (con 1 rappresentante astenuto).

Per la parte superiore



Great Exhibition del 1851

Crystal Palace presso Hyde Park, 1851

La Great Exhibition (Great Exhibition of the Works of Industry of all Nations), fu una esposizione universale che ebbe luogo ad Hyde Park nella città di Londra dal 1º maggio al 15 ottobre 1851. È stata la prima di una lunga serie di esposizioni universali di cultura e industria che ebbero luogo nel corso dell'Ottocento.

La Great Exhibition fu promossa dal principe Alberto, Henry Cole, Francis Fuller, Charles Dilke e da altri membri della Royal Society of Arts come celebrazione delle moderne tecniche industriali.

Per l'occasione venne costruito Crystal Palace.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia