ERG

3.3946078431252 (816)
Inviato da nono 01/03/2009 @ 06:04

Tags : erg, energia, economia

ultime notizie
A Siracusa “Un Casco Vale Una Vita” Con Giacomo Agostini - Siracusa News.it
Così lo scorso novembre il Colonnello Massimo Mennitti, Comandante Provinciale di Siracusa, ha invitato ad un tavolo tecnico l'Ufficio Scolastico Provinciale di Siracusa e gli esponenti di ERG ed ISAB, per discutere di quest'idea, subito accolta con...
Erg: downgrade da parte di Ubs - La Stampa
Dopo trenta minuti di negoziazioni a Milano Erg registra una discesa superiore agli otto punti percentuali scendendo a 10,47 euro (toccato un minimo intraday a 9,71 euro). Gli analisti della banca svizzera Ubs hanno deciso di diminuire il rating sulla...
buy&sell: cosa comprare e cosa vendere - Trend-online.com
In rosso invece: Erg (-8.05%) Mediaset (-7.12%) Snam (-5.76%) Bca Carige (-5.51%) Lottomatica (-5.28%). I 5 titoli dell's&p/MIB con una performance positiva da inizio anno sono: Fiat +70,04% Cir Ord +55,56% Saipem +46,87% Parmalat +46,44% Tenaris +43...
Erg, rinviata conferenza servizi per rigassificatore Priolo - Reuters Italia
... la conferenza dei servizi, che oggi doveva procedere all'esame del progetto per la realizzazione di un terminale di rigassificazione nell'area industriale di Priolo, è stata rinviata a data da destinarsi". Il progetto vede coinvolte Erg (ERG....
Erg, perdita 20 mln in trim1, Ebitda 12 mln, conferma dividendo - Reuters Italia
MILANO, 14 maggio (Reuters) - Erg (ERG.MI: Quotazione) ha chiuso il primo trimestre con una perdita di 20 milioni di euro, contro un utile di 39 milioni di un anno prima. Il risultato operativo netto consolidato a valori adjusted, si legge in un...
1° trimestre in perdita per Erg Renew - La Repubblica
(Teleborsa) - Roma, 13 mag - Il CdA di Erg Renew ha approvato i risultati trimestrali al 31 marzo 2009, che hanno evidenziato un EBITDA consolidato di 5,5 milioni di Euro, rispetto agli 8,1 milioni registrati nel primo trimestre 2008 (-32,2%)....
Erg mobile: distributore di telefonia mobile - JUGO
Anche le compagnie petrolifere entrano nel mercato della telefonia mobile: a distanza di pochi mesi dall'annuncio, debutta sul mercato ERG Mobile, l'operatore virtuale di telefonia mobile (MVNO) di ERG Petroli. Il servizio è integrato con il programma...
*CALENDARIO RIEPILOGO STACCO DIVIDENDI* società quotate - Reuters Italia
MI: Quotazione) 0,65 euro *a saldo* 18/05/2009 ERG (ERG.MI: Quotazione) 0,90 euro 18/05/2009 ESPRINET (PRT.MI: Quotazione) 0155 euro 04/05/2009 EXOR (EXOR.MI: Quotazione) ordinarie 0,3190 euro 11/05/2009 privilegiate 0,3707 euro 11/05/2009 risparmio 0...
Nel settore petrolifero con Erg - Lavoratorio.it
Erg Spa, società italiana che opera nei settori dell'energia e del petrolio, sta cercando ingegneri a Priolo Gargallo, in provincia di Siracusa, e neolaureati in discipline economiche ed ingegneria per la sede di Roma. Erg è il principale gruppo...

Erg

L'erg è l'unità di misura dell'energia e del lavoro nel sistema di misura CGS.

Un erg è pari a 1 g·cm2·s-2 = 1 dyn·cm = 10-7 W·s.

Per la parte superiore



Energia

L'energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro. Dal punto di vista strettamente termodinamico l'energia è definita come tutto ciò che può essere trasformato in calore a bassa temperatura.

La parola energia deriva dal tardo latino energīa, a sua volta dal greco energheia, parola usata da Aristotele nel senso di azione efficace, composta da en, particella intensiva, ed ergon, capacità di agire. Fu durante il Rinascimento che, ispirandosi alla poesia aristotelica, il termine fu associato all'idea di forza espressiva. Ma fu solo nel 1619 che Keplero usò il termine nell'accezione moderna di energia.

L'unità di misura derivata del Sistema Internazionale per l'energia e il lavoro è il joule (simbolo: J), chiamata così in onore del fisico inglese James Prescott Joule e dei suoi esperimenti sull'equivalente meccanico del calore. 1 joule esprime l'energia usata (o il lavoro effettuato) per esercitare una forza di un newton per una distanza di un metro. 1 joule equivale quindi a 1 newton metro, e in termini di unità base SI, 1 J è pari a 1 kg × m2 × s-2 (in unità CGS l'unità base è l'erg 1 g × cm2 × s-2).

Dal punto di vista della fisica ogni sistema contiene, o "immagazzina", o è costituito da un determinato quantitativo di una proprietà scalare continua chiamata energia (con l'eccezione dei sistemi quantistici, dove un sistema può esistere solo su livelli energetici discreti). Per determinare la quantità di energia di un sistema si deve tenere conto delle diverse forme nelle quali l'energia si presenta entro un sistema (si veda Forme di energia per l'elenco delle forme di energia). Non esiste una maniera univoca di visualizzare l'energia. Può essere pensata come una grandezza matematica che caratterizza un sistema, utile per fare delle previsioni, ad esempio sulle strutture stabili del sistema (minimi energetici), moti possibili, ecc.

Il primo tipo di previsioni che l'energia permette di fare, sono legate a quanto lavoro un sistema è in grado di compiere. Svolgere un lavoro richiede energia, e quindi la quantità di energia presente in un sistema limita la quantità massima di lavoro che il sistema può svolgere. Nel caso unidimensionale, l'applicazione di una forza per una distanza richiede un'energia pari al prodotto del modulo della forza per lo spostamento.

Si noti, comunque, che non tutta l'energia di un sistema è immagazzinata in forma utilizzabile; quindi, in pratica, la quantità di energia di un sistema, disponibile per produrre lavoro, può essere molto meno di quella totale del sistema.

L'energia permette anche di fare altre previsioni. Infatti, grazie alla legge di conservazione dell'energia valida per sistemi chiusi, si può determinare lo stato cinetico di un sistema sottoposto ad una sollecitazione quantificabile. Questa e altre leggi, applicate all'universo nel suo intero, affermano che l'energia non si crea e non si distrugge, bensì si trasforma e si degrada (vedi i principi della termodinamica).

La celebre equazione di Einstein E = mc2, diretta derivazione della teoria della relatività ristretta, mostra come in realtà massa ed energia siano due "facce della stessa medaglia" di un sistema fisico. Da questa semplice equazione si evince infatti che la massa può essere trasformata in energia, e viceversa.

Spesso con la locuzione "energia" + aggettivo si intende la fonte attraverso quale è possibile una produzione di corrente elettrica.

Per la parte superiore



ERG (azienda)

ERG è un gruppo industriale italiano attivo nel settore energetico, fondata a Genova, con sede operativa nella stessa città ligure e con sede legale a Milano.

La società è controllata dalla famiglia Garrone-Mondini tramite la holding italiana San Quirico S.p.A. (56%) e la società lussemburghese Polcevera S.A. (7%).

La storia di Erg inizia nel 1938 quando Edoardo Garrone fonda una società per il commercio dei prodotti derivanti dalla lavorazione del petrolio, la Raffinerie Edoardo Garrone, poi cambiata in "Edoardo Raffineria Garrone" (ERG).

Nel dopoguerra l'azienda di Edoardo Garrone comincia a raffinare prodotti petroliferi ricavando il petrolio dai residui del fondo delle petroliere del porto di Genova. Nel 1952 la Erg sigla un accordo per la raffinazione di petrolio per conto della British Petroleum. L'azienda inglese alla fine degli anni cinquanta entrerà nel mercato italiano acquisendo una parte del capitale Erg.

Negli anni sessanta la Erg inizia la costruzione di un oleodotto di 300 km completato nel 1967 per convogliare i prodotti petroliferi ad Arquata Scrivia in prossimità dei centri industriali della pianura padana.

Nel 1963, alla scomparsa di Edoardo, subentra alla guida della società il figlio Riccardo Garrone.

Nel 1971 la Erg partecipa alla nascita, nell'area del polo petrolchimico di Priolo Gargallo in provincia di Siracusa, della raffineria ISAB (Industria Siciliana Asfalti e Bitumi) di cui acquisirà successivamente la maggioranza del capitale. La raffineria di Genova San Quirico cesserà l'attività lavorativa nel 1988.

Nel corso degli anni Ottanta la Erg si concentra sulla distribuzione acquisendo nel 1984 gli impianti di distribuzione carburanti della Elf Italiana e l'anno successivo la Chevron Oil Italiana con la sua rete di distribuzione di 1700 impianti e quote del capitale delle raffinerie di Roma e Trecate, oltre ai distributori BP, la quale quindi sparisce dal mercato italiano dei carburanti. Per gestire la distribuzione dei carburanti nasce la Erg Petroli.

Nel 1993 la Erg sigla un accordo con la Edison Mission Energy per la realizzazione a Priolo di un impianto di gassificazione e cogenerazione dei residui del petrolio che entrerà in esercizio nel 2000 (Isab Energy) con una capacità produttiva pari all'1,5% dei consumi nazionali di elettricità.

Nel 2002 nasce in accordo con l'Eni la Erg Raffinerie Mediterranee (con il 72% del capitale Erg la quota rimanente dell'Eni) che ha lo scopo di integrare a Priolo la raffineria ISAB con la raffineria ex-Agip.

Nel 2003 diviene presidente della società Edoardo Garrone, nipote del fondatore.

Il 30 aprile 2006 un grave incendio si verifica alla raffineria Erg ISAB Impianti Nord di Priolo per la fuoriuscita di idrocarburi.L'incendio di vaste proporzioni provocherà il ferimento di diversi vigili del fuoco. L'area della raffineria verrà sottoposta a sequestro su iniziativa della Procura della Repubblica di Siracusa per accertare le cause dell'incendio.

Nel 2008 ERG ha perfezionato un accordo commerciale con l'azienda russa LUKoil, con cui viene ceduto il 49% della raffineria sud di Priolo Gargallo oltre a ulteriori accordi di distribuzione.

Edoardo Garrone, figlio di Riccardo Garrone, é il presidente del gruppo industriale.

La Erg è il secondo operatore nazionale nel campo della raffinazione con una capacità di raffinazione di circa il 22%.

Erg Petroli con 2000 impianti di distribuzione in Italia che coprono circa il 7% del mercato nazionale e tramite la Erg Petroleos che opera sul mercato spagnolo.

Per la parte superiore



Luminosità (fisica)

La luminosità in fisica è la densità dell'intensità luminosa in una data direzione; in astronomia, invece è la quantità di energia emessa da una stella in un dato tempo ovvero la sua potenza.

Nel primo caso si misura in candele, nel secondo si misura in watt, in erg/secondo oppure in luminosità solare (unità di misura che pone a 1 la luminosità del Sole).

Tutte le stelle irradiano in un'ampia gamma di frequenze dello spettro elettromagnetico, dalle onde radio di bassa energia fino ai raggi gamma di alta energia. Una stella che emette prevalentemente nella regione ultravioletta dello spettro produce una quantità totale di energia maggiore di una stella che emette principalmente nell'infrarosso. In genere quando si parla di luminosità senza ulteriori specificazioni ci si riferisce alla potenza totale emessa da una stella, in tutto lo spettro. Tuttavia in astronomia si parla di luminosità in una data banda spettrale (es. luminosità nel B, luminosità nel V, ecc...) quando si considera solo la potenza emessa in un certo intervallo fissato di frequenze, di solito corrispondente a quello selezionato da un dato filtro fotometrico.

In altre parole, a lunghezze d'onda minori (e quindi a frequenze più alte) corrispondono energie maggiori.

Al contrario, la luce visibile ha lunghezze d'onda molto minori e frequenze molto più alte. Un fotone con lunghezza d'onda metri (più o meno nel verde) ha un'energia joule, oltre un miliardo di volte maggiore rispetto all'energia di un fotone radio. Analogamente, un fotone di luce rossa (lunghezza d'onda λ = 700 nm) ha meno energia di un fotone di luce violetta (lunghezza d'onda λ = 400 nm).

La luminosità di una stella dipende sia dalla temperatura che dall'area superficiale. Ciò ha senso perché un ceppo ardente irraggia più energia di un fiammifero, sebbene entrambi abbiano la stessa temperatura. Allo stesso modo, una sbarra di ferro scaldata a 2000 gradi emette più energia di quando è scaldata a soli 200 gradi.

La luminosità è una grandezza fondamentale in astronomia e astrofisica. Molto di ciò che si sa sui corpi celesti si è appreso analizzando la loro luce. La ragione è che i processi fisici che avvengono nelle stelle vengono per la maggior parte registrati e trasmessi dalla luce.

Per la parte superiore



Sebha

Sebha (Libia)

Sebha o Sabha (dall'arabo سبها) è una importante città della Libia centro-meridionale, capoluogo della municipalità di Sebha. Era la capitale della storica regione del Fezzan.

Data la sua posizione al centro del deserto libico, Sebha è stata fino al secolo scorso un importante centro di sosta e smistamento delle carovane che attraversavano il Sahara. Dagli anni Novanta è invece punto di transito per decine di migliaia di migranti sub-sahariani - prevalentemente nigeriani, nigerini e ghanesi - che attraversano clandestinamente il deserto del Sahara, dal Niger, diretti in Libia o in Europa.

A metà strada fra Ubari e Sebha, nell'erg di Ubari, si trovano quattro piccole oasi con relativi laghi salati che costituiscono una delle attrattive turistiche della zona. L'oasi e il lago più noti sono quelli di Gaberoun.

Per la parte superiore



Serie A2 femminile FIPAV 1985-1986

La Serie A2 femminile FIPAV 1985-86 fu la 9ª edizione della manifestazione organizzata dalla FIPAV.

Delle 24 partecipanti, Isa Fano, Pallavolo Cecina e Splügen Albizzate provenivano dalla Serie A1, mentre Cassa Rurale Faenza, Erg Genova, Gaierhof Trento, Libertas Matera, Nike San Cataldo e Telcom Sesto San Giovanni erano le neopromosse dalla Serie B. Le rinunce di Castelvetrano, Genova VBC, Livorno e Roma portarono ai ripescaggi di Biokimica Santa Croce, CUS Padova, Molise Dati Campobasso e Satice Acireale.

La Foltene Cenate Sotto retrocesse dopo spareggi con club di Serie B.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia