Donne

3.3682965299597 (1268)
Inviato da murphy 06/03/2009 @ 18:09

Tags : donne, società, della donna, salute

ultime notizie
Charlize Theron: «È razzismo discriminare le donne belle» - il Giornale
Ma adesso Charlize Theron, una delle donne più avvenenti del pianeta e una delle star femminili più quotate, a livello internazionale, vuota il sacco. «Trovo discriminante che si accusi una donna di stupidità, per il fatto di essere bella. E tragico....
Film recensioni - Uomini che odiano le donne - Gazzetta di Parma
Fotografia livida e clima avvelenato, «Uomini che odiano le donne» si avventura nei sottopassi del male con ritmo americano (non si sentono le oltre due ore e mezza di durata) senza, complice una «luterana» ruvidezza, cadere in molte delle trappole...
Manager, in Italia sono più brave le donne. Agli uomini manca la ... - Adnkronos/IGN
Più brave le donne che nella maggior parte dei casi si rivelano abili negoziatrici. E' quanto emerge da una ricerca sulla negotation nelle imprese italiane, cui hanno partecipato i top manager di 104 importanti aziende nazionali (come Poste italiane,...
NUOTO, ASSOLUTI; 200 RANA DONNE: RECORD ITALIANO PER SCARCELLA - La Repubblica
Ilaria Scarcella ha stabilito il record italiano dei 200 rana vincendo il titolo nell'ultima giornata degli Assoluti Estivi di Pescara. L'atleta dei Nuotatori Rivaloresi ha nuotato in 2'23"63 polverizzando sia il primato assoluto di 2'26"90 che aveva...
COMUNALI: GASSINO TORINESE(TO), TRE DONNE CANDIDATE SINDACO - AGI - Agenzia Giornalistica Italia
Sfida tra donne per conquistare la poltrona di sindaco di Gassino Torinese, poco piu' di 9.650 abitanti, in provincia di Torino. Il centro, detto "Paese fiorito" governato dall'uscente 52enne Maria Carla Varetto, esponente di una lista civica,...
Napoli, donne e bambini contro Polizia per impedire arresto ... - Adnkronos/IGN
(Adnkronos) - Una folla di donne e bambini ha tentato di impedire l'arresto di due spacciatori e di recuperare le dosi di droga. E' accaduto ieri sera nel rione Iacp di Caivano, nel napoletano. La polizia del commissariato di Afragola durante un...
Podestà schiera la squadra: donne e giovani under 30 «È la ... - il Giornale
«Una lista di gente comune, di giovani, 12 donne e molti under 30 fatta poi con attenzione al territorio». Fotografia che, tra l'altro, ritrae il capogruppo uscente del Pdl Bruno Dapei (collegio 1) e Pietro Accame (collegio 2)....
Napoli libera da spot anti-donne - La Stampa
Le donne dell'Udi di Napoli hanno mandato una lettera in Comune e hanno ottenuto il via libera dall'assessore alle Pari opportunità della città. ''La pubblicità dei cartelloni per le strade si può spegnere? Se infama e danneggia le donne,...
Lettera alle donne - Il Messaggero
Ovvero, se vogliamo lasciare che l'atteggiamento del premier verso le donne rimanga senza attacchi da parte nostra, anzi, addirittura approvato dal nostro tacito consenso. Non ha importanza se questa specifica vicenda sia vera o montata,...
Iran: Mussavi, impegno per le donne - ANSA
(ANSA) - TEHERAN, 30 MAG - Il conservatore moderato Mir-Hossein Mussavi ha detto che se sara' eletto modifichera' le leggi ingiuste nei confronti delle donne. Il piu' accreditato sfidante del presidente uscente Mahmud Ahmadinejad nelle elezioni...

John Donne

John Donne

John Donne (Londra, 1572 – 31 marzo 1631) è stato un poeta inglese. Fu anche un religioso e, come tale, ricoprì il ruolo di decano della cattedrale londinese di St.Paul.

Scrisse sermoni e poemi di carattere religioso, traduzioni latine, epigrammi, elegie, canzoni e sonetti. Celeberrimi sono i suoi versi di Nessun uomo è un'isola contenuti in Meditation XVII e citati da Ernest Hemingway in Per chi suona la campana e da Nick Hornby in Un ragazzo (About a Boy).

Attento ai mutamenti della sua epoca - diviso tra la scienza di Copernico e Keplero e la filosofia di Bacone e Calvino - fu il primo a citare Galileo in un proprio componimento, Ignatius his Conclave del 1611.

Cresciuto in una famiglia che professava il cattolicesimo, Donne studiò dal 1584 a Oxford e, successivamente, a Cambridge; viaggiò per l'Europa e nel 1595 accompagnò il conte di Essex nelle spedizioni inglesi a Cadice e alle isole Azzorre.

Ritornato in patria, divenne segretario del barone Ellesmere Egerton, di cui sposò clandestinamente nel 1601 la nipote Anne More; iniziò a questo punto la sua attività letteraria. Suoi primi lavori furono canzoni satiriche e sonetti, che costituiscono il corpus giovanile della sua opera e sono apprezzabili soprattutto per il loro stile realistico e sensuale.

Le nozze clandestine con Anne More non giovarono alla sua reputazione, cosa questa che influenzerà notevolmente la sua successiva produzione letteraria. Contestualmente, si avvicinò all'anglicanesimo affrontando da un punto di vista differente dubbi e tematiche politico-sociali, ma anche scientifiche e filosofiche, del suo tempo.

Tra mille difficoltà finanziarie, sull'orlo della disperazione (e forse anche del suicidio), sebbene fosse ormai diventato un predicatore affermato (molti suoi lavori saranno raccolti nel 1624 nelle sue Devotions) e per due volte (1601 e 1614) membro del parlamento, prese i voti e fu ordinato decano della chiesa anglicana dal re Giacomo I d'Inghilterra.

Dal 1617, anno in cui morì la moglie, la sua poesia si farà sempre più cupa, privilegiando temi funerei e pessimistiche considerazioni esistenziali.

Sempre in oscillazione tra natura raziocinante e appassionata poetica visionaria - non disgiungibile dal pensiero medievale, in bilico tra nuova scienza, Rinascimento e Riforma, cattolicesimo e protestantesimo, amore umano e divino - l'arte di Donne è tesa a risolvere dialetticamente, appunto attraverso la forza dei versi, il proprio (e altrui) conflitto intellettuale e morale.

In questo senso, particolarmente alta risulta la sua capacità di concentrare con un linguaggio talvolta aspro ed attraverso brevi, laconici procedimenti analogici citazioni letterarie e bibliche, immagini assimilate attraverso la scienza, la filosofia e la teologia filtrate attraverso l'osservazione della realtà quotidiana.

La raccolta di liriche amorose di John Donne (1572-1631), i Songs and Sonnets (Canzoni e Sonetti), ha ben poco in comune con le grandi sequenze di sonetti elisabettiane di cui è in parte contemporanea. Imitando i modelli continentali, in primis Petrarca, la sequenza, o ciclo, di sonetti si era fondata su una serie di convenzioni ben identificate: filosofiche (l'amor cortese e/o il neoplatonismo), tematiche (l'essere dedicata ad un'unica donna, il cui nome o pseudonimo era spesso nel titolo), formali (l'essere composta in toto o prevalentemente di sonetti in senso stretto), e così via.

La raccolta Songs and Sonnets disattende le aspettative del lettore plasmato da questo tipo di testo: non esiste al loro centro una donna unica, la quale sia insieme oggetto della rappresentazione e dell'emozione (la lei, she, che viene scritta e amata) e prima destinataria dichiarata del discorso amoroso (il tu o voi, thou o you, a cui s'indirizzano scrittura e amore).

Simmetricamente, all'altro polo il soggetto della comunicazione amorosa (l'"io"), I, che scrive ed ama) si pluralizza, tanto da esprimere atteggiamenti anche fortemente contradditori fra loro, dall'idealizzazione di stampo neoplatonico alla misoginia, dal realismo del coinvolgimento sensuale più completo agli accenti mistici, dal cinismo del libertino ai toni straziati dell'amore costretto alla partenza.

Manca anche l'omogeneità metrica fra un componimento e l'altro: ciascuna poesia raggiunge autonomamente una propria specifica, irripetibile saldatura di forma e contenuto, in perfetta simmetria con la pluralità (di soggetti ed oggetti, e di relazioni tra essi) che è cifra tematica della raccolta.

La scrittura del secondo Donne si fonda su premesse che, smentendo il primato dell'apparire sull'essere, caratteristico della tradizione aristocratica, fanno dell'interiorità un valore assoluto.

In realtà la ricerca poetica di Donne nel suo insieme implica una progressione ragionevolmente lineare e graduale: dall'atteggiamento libertino delle elegie e dei primi Songs and Sonnets alla celebrazione dell'amore, poi alla sua assolutizzazione e privatizzazione – negli ultimi Songs and Sonnets – con conseguente svalutazione del mondo e delle altre esperienze che esso può offrire, sino a reincludervi l'amore stesso (The Anniversaries), arrivando dove lo scetticismo sconfina del misticismo.

Che una notevole continuità moderi l'apparente antagonismo fra i due Donne è d'altronde evidente: tutti gli elementi che s'indicano come tipicamente metafisici (dal wit all'enunciazione drammatica, al conceit, alla complessità ed eterogeneità delle immagini) sono presenti anche nella poesia sacra, dove l'io spesso interpella Dio esattamente nei medesimi modi e con gli stessi toni diretti e bruschi che caratterizzano il rivolgersi dell'amante all'amata nei Songs and Sonnets.

E se i Songs and Sonnets più tardi – ad esempio The Canonization – fanno dell'amore una religione, gli Holy Sonnets (Sonetti Sacri) pongono Dio come l'Altro di un vero e proprio rapporto d'amore.

Per quanto in alcuni componimenti si sottolinei l'indispensabilità dell'incontro dell'io con una tu o lei ben precisa perché si possa effettivamente innescare la reazione amorosa – insieme col discorso – è caratteristica dell'insieme dei Songs and Sonnets una centralizzazione non dell'oggetto, ma dell'esperienza dell'amore (al di là della diversa modalità, spiritualizzazione platonizzante, frustrazione petrarchesca, carnalità pagana, secondo cui essa si realizza di volta in volta).

La realtà dell'amore è agli occhi dei due amanti immersi nel loro privilegiato hic et nunc l'unica effettivamente tale; e rispetto ad essa tutte le altre esperienze e gli altri rapporti vissuti prima dell'incontro che ha dato accesso a questa nuova sacrale pienezza dell'essere si rivelano ora, a posteriori, nulla più di segni vuoti, meri presagi o profezie di ciò che, annullandoli, li ha investiti del loro vero senso. Al tempo stesso, l'universo completo ed autosufficiente generato dagli amanti tra di loro è assolutamente separato, privo di qualunque relazione con ogni altro mondo, ogni altra sfera d'esperienza umana, e il discorso d'amore è intraducibile nei termini di qualsiasi altro discorso.

Donne proclama nella scrittura l'irriducibile autonomia del discorso amoroso, segnando una frontiera destinata a divenire definitiva nel giro di pochi decenni.

Contemporanee per composizione ai primi Songs and Sonnets, e dunque databili all'ultimo decennio del regno d'Elisabetta I, sono un gruppo d'elegie d'argomento amoroso e cinque satire. Quasi tutte le elegie si rifanno all'Ovidio degli Amores, esplorando relazioni governate da un erotismo privo di sensi di colpa, che esclude l'idealizzazione (eccetto nella nona, The Autumnall) ma non necessariamente l'affettività ed alterna distacco ed ironia agli accenti della passione.

Le satire, modellate in parte su quelle di Persio e di Giovenale, sono fra i primi componimenti del genere in Inghilterra. Attraverso toni di violenta derisione e sarcastico rifiuto si estremizza la distanza ideale tra oggetti dello sguardo – società e costumi cittadini del tardo Cinquecento – e punto d'osservazione, abbastanza lontani da costruire un'antitesi irriducibile.

Il pessimismo sociale emergente dalle satire s'approfondisce in anni più maturi nella visione del disordine e disfacimento universale tratteggiata dai due The Anniversares (Anniversari, 1611/12), scritti su commissione per commemorare l'aristocratica quattordicenne Elizabeth Drury, morta nel 1610.

Qui il motivo elegiaco, che viene sviluppato col linguaggio dell'iperbole e del panegirico su una base neoplatonica, serve da pretesto e cornice ad una serie di meditazioni concatenate sulla decadenza e disgregazione dell'universo e sul destino dell'anima in questo mondo e nell'aldilà.

La giovane Elizabeth personifica l'energia vitale che animava e manteneva funzionali e gerarchicamente ordinati oggetti, esseri, e fenomeni del mondo sublunare; scomparsa questa, le parti si scindono e della grande struttura non resta che una congerie di rovine prive di senso, una massa di ciarpame frammentario. La morte fisica tuttavia determina l'apertura di un nuovo orizzonte: attraverso l'anima la morte collega il cielo e la terra, e con questo passaggio è possibile il recupero del mondo immutabile di perfezione ed unità perduto per la prima volta con la Caduta.

Di qui la parola poetica donniana s'avvia per la strada del misticismo: nascono i Divine Poems (1606?-1631?), che comprendono tra l'altro due serie di sonetti ed un piccolo gruppo d'inni e di meditazioni in dìstici pentametrici, a partire da eventi personali, sulla natura intrinsecamente paradossale dell'esperienza di un cristiano nel mondo. Poiché la fine del primo decennio del secolo segna anche, con tutta probabilità, la rinuncia di Donne alla poesia amorosa, si sarebbe tentati di vedere lo snodarsi complessivo dell'itinerario poetico dello scrittore come marcato da un irreversibile passaggio di confine.

Rispetto al crescente scetticismo donniano degli anni precedenti, la conversione esistenziale e letteraria, più che una svolta, costituisce uno stadio ulteriore e più radicale nello scardinamento dei presupposti e delle certezze che governano normalmente l'esistenza individuale e sociale. Se lo scetticismo cade infatti nell'insanabile contraddizione di presentarsi come una verità altrettanto forte (sia pure in negativo) di quelle che contestava, l'unica via d'uscita dall'impasse è nella rinuncia alla logica normale, nell'assunzione della follia, del paradosso e del rovesciamento di valori e prospettive come modalità inevitabili della condizione umana e della scrittura.

Per la parte superiore



Uomini e donne

Francesco Arca

Uomini e donne è un programma ideato e condotto da Maria De Filippi in onda su Canale 5, rete Mediaset, dal 16 settembre 1996.

Il format nasce come versione "adulta" del fortunato programma Amici. Mentre all'interno di Amici si discuteva di problemi giovanili in un contesto televisivo che dava spazio a opinioni di ragazzi, Uomini e donne nacque inizialmente come luogo dove una coppia raccontava la propria storia per discuterne col pubblico.

Nel 2008 il format è sbarcato in Spagna, col nome Mujeres y hombres, trasmessa dalla tv iberica di Mediaset Telecinco.

Dal 2001 il programma ha assunto un format molto specifico e riconoscibile: in particolare l'obiettivo è diventato quello di formare una coppia che possibilmente rimarrà legata per tutta la vita.

Ogni stagione vengono nominati i "tronisti", ovvero coloro i quali sono alla ricerca di un/a compagno/a. Essi siedono su di un trono e vengono presentati loro alcuni/e ragazzi/e. Lui/lei dovrà conoscerle/i attraverso le "esterne", ovvero incontri al di fuori degli studi televisivi della durata di circa 20-30 minuti, destinati ad approfondire la conoscenza reciproca. Dopo 4 mesi il/la tronista dovrà fare la sua "scelta", individuando tra le tante persone conosciute quella destinata ad essere compagna/o. Ovviamente rimane comunque per la persona scelta la facoltà di accettare o meno.

Dal 2009 il termine "tronista" è entrato a far parte del dizionario Zingarelli.

Il primo "tronista" è stato Roberto, uomo solo di mezza età alla ricerca dell'amore della vita e disposto a regalare alla propria prescelta un importante anello di fidanzamento. Tra le corteggiatrici si fecero presto notare Tina Cipollari, rimasta celebre per il suo atteggiamento da vamp, e Claudia, già conosciutissisma componente del pubblico della trasmissione. Al momento della scelta da parte di Roberto, entrambe le corteggiatrici vennero poi invitate a inaugurare una nuova stagione nel ruolo di troniste.

Il programma è tornato anche nella stagione 2008/2009, e ha riproposto Tina Cipollari nel ruolo di consigliera. Con lei Gianni Sperti e una nuova opinionista, Erminia Castriota, ex fidanzata di Giuseppe Lago, che prenderà il posto di Karina Cascella.

Da quando Uomini e donne ha acquisito l'attuale format, numerosissime critiche si sono abbattute su di esso. Il programma è stato da più parti indicato come Trash (spazzatura in italiano). Le critiche sono state rivolte principalmente ai toni polemici e spesso rissosi con accenni di turpiloquio che impregnano molte puntate del programma. Inoltre spesso sono stati additati come falsi, o costruiti a tavolino, i contenuti della trasmissione. Come particolarmente diseducativi per i ragazzi, sono stato indicati i modelli di gioventù mostrati nella trasmissione. In più occasioni anche il Moige si è scagliato contro la trasmissione di Maria De Filippi.

A conferma del successo della trasmissione, dalla stagione 2007 all'ìnterno della trasmissione comica Zelig, viene inscenata in quasi ogni puntata una parodia del programma, nel quale le comiche Katia & Valeria, nei panni di due "corteggiatrici" (Katiana e Valeriana), corteggiano il "tronista" Claudiano, interpretato da Claudio Bisio. La gag comica solitamente prende in giro le polemiche scatenate da inezie tipiche della trasmissione, e gli atteggiamenti presuntuosi e rissosi dei suoi protagonisti. Nel corso della gag viene lanciato il tormentone "Brava, brava, brava!", con cui Katiana sottolinea sarcasticamente gli interventi di Valeriana.

Uomini e Donne è ormai divenuto un trampolino di lancio per chiunque voglia intraprendere una carriera nel campo televisivo. Infatti, i tronisti e/o i corteggiatori che durante la trasmissione ottengono più successo tra il pubblico, vengono ingaggiati in agenzie di spettacolo che gli permettono di lavorare nelle discoteche (presenziando a delle serate organizzate dalle discoteche stesse) e nella televisione. Sono molti i personaggi che "nascono" a Uomini e Donne, e poi vengono riproposti dalla televisione in altre vesti e in altre trasmissioni.

Giuseppe Lago (Capurso, 10 novembre 1980) vince il concorso come "Più bello d'Italia" nel 2001, ed in seguito partecipa come "valletto" (muflone) alla trasmissione Quelli che il calcio condotto da Simona Ventura. Partecipa a Uomini e donne dapprima come corteggiatore di Veronica Ranieri ed in seguito come tronista, dove sceglie la corteggiatrice Francesca Morana. In seguito la coppia partecipa al reality show Vero amore, dove la loro relazione naufraga definitivamente, ed ad alcune trasmissioni Mediaset come Buona Domenica. Nel 2008 ha partecipato a L'isola dei Famosi, da dove si ritira però alla seconda puntata.

Francesco Arca (Siena, 19 novembre 1979) partecipa dapprima al reality show Volere volare, che vince, ed in seguito a Uomini e donne come tronista. Nel 2006, subito dopo l'esperienza a Uomini e donne, partecipa ad un altro reality, la terza edizione di La fattoria e nello stesso anno posa per un calendario sexy. Durante l'estate del 2007 è stato iscritto alla lista degli indagati, in merito all'inchiesta denominata Vallettopoli, con l'accusa di favoreggiamento e false dichiarazioni al pubblico ministero.

Diego Conte (Venezia, 27 giugno 1979) partecipa a Uomini e donne dapprima come corteggiatore di Luana Di Bello e nel 2005 come tronista. Dopo Uomini e donne partecipa al reality show La talpa. Nello stesso periodo viene coinvolto in una candid camera hardcore insieme alla pornostar Brigitta Bulgari. Nel 2008 conduce alcune trasmissioni su Sky, ed ottiene un ruolo nel film Bastardi.

Salvatore Angelucci, detto "Sasi" (Chieti, 3 luglio 1976), dopo aver lavorato per anni come modello (anche per Dolce e Gabbana) e figurante in alcuni videoclip (fra cui Hey! di Paola e Chiara), approda alla trasmissione Vero amore di Maria De Filippi. In seguito partecipa come tronista a Uomini e donne, dove sceglie la corteggiatrice Paola Frizziero. La loro relazione è stata seguita nei periodi successivi da diverse trasmissioni e riviste di gossip. Alla fine il rapporto è finito, ed attualmente Angelucci ha una relazione con Karina Cascella. Insieme a Karina, ed al fratello Cristiano ha partecipato alla terza edizione del reality show La talpa.

Luca Dorigo (Jesolo, 29 luglio 1980) partecipa per tre volte come tronista a Uomini e donne, scegliendo per due volte la stessa corteggiatrice (Amalia Rosetti). Dopo l'esperienza a Uomini e donne, Luca Dorigo appare al Grande Fratello, in quanto fidanzato di una delle concorrenti, Melita Toniolo, dalla quale viene lasciato durante la trasmissione. Nel 2007 ha partecipato al reality show Uno due tre stalla.

Cristiano Angelucci (Chieti, 27 novembre 1978), fratello minore di Salvatore Angelucci, ripercorre lo stesso "percorso televisivo" del fratello, pertecipando prima al reality show Vero amore ed in seguito diventando tronista di Uomini e donne. Nel 2007 ha posato per un calendario sexy, e nel 2008 ha partecipato alla terza edizione del reality show La talpa, concorrendo con il fratello Salvatore come unico concorrente.

Giovanni Conversano (Lecce, 7 maggio 1979) è uno dei candidati concorrenti alla quarta edizione del reality show "La Fattoria", probabilmente condotto da Paola Perego a fine febbraio 2009.

I Consiglieri sono gli opinionisti del programma i quali, interpellati da Maria De Filippi, esprimono la loro opinione riguardo gli avvenimenti in puntata. Prima consigliera storica di Uomini e Donne è stata Tina Cipollari, affiancata da Gianni Sperti, ed in seguito sostituita da Karina Cascella. A metà dell'edizione 2007-2008, si è aggiunto anche Costantino Vitagliano, come consigliere. All'inizio dell'edizione 2008/2009, Karina è stata sostituita da Erminia Castriota.

Tina Cipollari (Viterbo, 14 novembre 1965) è un'opinionista e personaggio televisivo italiano.

Esordisce a Uomini e donne come corteggiatrice, ma viene presto notata per il suo modo di fare da vamp vecchio stile, e per il suo abbigliamento vistoso, viene scelta da Maria De Filippi come ospite fisso ed ironica opionista della trasmissione. Accompagnata per i primi periodi dal maggiordomo Ricky, la Cipollari colleziona numerose ospitate, al di fuori di Uomini e donne per tutta la stagione 2003/2004. In seguito alla gravidanza del primo figlio, Matteo, del compagno Chicco Nalli (a cui seguiranno altri due figli, Francesco e Gianluca), Tina Cipollari si allontana dalla televisione , salvo una partecipazione nel 2004 al reality show Il ristorante. Nel 2008 è ritornata al suo ruolo di opinionista a Uomini e donne. Attualmente vive a Lugano con la sua famiglia.

Gianni Sperti (Manduria, 12 aprile 1973), debutta come ballerino nel 1995 nella trasmissione televisiva La sai l'ultima?, ma è soprattutto l'anno seguente che ottiene particolare popolarità diventando primo ballerino di Buona Domenica, e partecipando nello stesso anno al film Milonga con Giancarlo Giannini e Claudia Pandolfi. In veste di ballerino parteciperà a numerose altre trasmissioni Mediaset, fino al 2000 in cui viene promosso coreografo per la trasmissione Stelle a quattro zampe. Gianni sale agli onori della cronaca per il suo matrimonio nel 1998 con Paola Barale, che finirà pochi anni dopo. In seguito Sperti lavorerà come opinionista per la trasmissione Uomini e donne e sporadicamente come ballerino per Amici di Maria De Filippi. Nel 2005 partecipa, e vince, alla seconda edizione del reality show La talpa.

Karina Cascella (Aversa, 23 gennaio 1980), inizialmente partecipa, insieme al fidanzato Emanuele, come concorrente del reality show Vero amore sempre condotto da Maria De Filippi. Si mette in mostra per la sua spiccata personalità aggressiva e polemica, e per tale ragione viene scelta come opinionista per Uomini e donne, in sostituzione di Tina Cipollari. Nel 2008 ha lasciato la trasmissione per poter partecipare al reality show La talpa che, dopo essere stata la più nominata dal pubblico per 6 settimane consecutive (un vero record per il reality game), ed essendo riuscita a superare tutti i test per l'eliminazione, capendo da subito chi fosse la Talpa, vince con il 54% dei voti il 27 novembre 2008 contro il 46% di Clemente Russo. Attualmente ha una relazione con l'ex tronista di Uomini e Donne Salvatore Angelucci, anche lui ex concorrente della Talpa 3. Ha due sorelle la maggiore Daniela e la minore Sunny.

Per la parte superiore



Donne (romanzo)

Per favore, aggiungi il template e poi rimuovi questo avviso. Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.

Donne è un romanzo quasi autobiografico del poeta e scrittore statunitense Charles Bukowski. Scritto in prima persona, il romanzo narra le vicende di Henry Chinaski, alter ego dello scrittore.

Il romanzo, strutturato in capitoli brevi, ripercorre una lunga serie di storie sentimentali dal punto di vista decisamente maschilista del protagonista alle prese con i problmi di gelosia, di tradimenti e di alcolismo.

Per la parte superiore



Piccole donne

Piccole donne (Little Women) è un romanzo di Louisa May Alcott.

Per la parte superiore



Donne sbagliate

Donne sbagliate è una miniserie televisiva in 2 puntate andata in onda lunedì 5 e martedì 6 marzo 2007 su Canale5.

Silvia Soriani (Nancy Brilli), vedova di un commercialista colluso con la camorra, viene arrestata dalla polizia e accusata dal commissario Puglisi (Roberto Farnesi) e dal giudice Corelli (Massimo Bellinzoni) di complicità col camorrista Franco Maresco (Ben Gazzara). Franco Maresco dopo aver ucciso il marito, rapisce suo figlio. In carcere incontra tre detenute: Anna (Virna Lisi), Giulia (Manuela Arcuri) ed Elvira (Cosima Coppola), anch’esse vittime di Maresco; con loro metterà in atto un piano per trovarlo e ucciderlo.

Per la parte superiore



Il bello delle donne

Il bello delle donne è una serie tv composta da dodici puntate trasmessa per la prima volta su Canale 5 nel marzo 2001. Negli anni successivi sono stati realizzati due seguiti: Il bello delle donne 2 e Il bello delle donne 3.

La vicenda inizia con il ritorno di Anna Borsi (Stefania Sandrelli) dalle vacanze estive, con i figli Sara (Azzurra Antonacci) e Michelino (Matteo Ripaldi) e con la successiva scoperta della morte del marito, Armando. Anna si ritrova a far fronte ad un mare di debiti, ma consigliata dalla commercialista del marito, Francesca Cialdi (Antonella Ponziani), e aiutata dal parrucchiere Luca Manfridi (Massimo Bellinzoni) e dalla decoratrice d'interni Vicky Melzi (Nancy Brilli), decide di aprire un negozio di parrucchiere per signore: "Il Bello delle Donne".

La serie è prevalentemente incentrata sui personaggi femminili (da cui il titolo, appunto) e dai rapporti di amicizia e di solidarietà che si vengono a creare tra di loro. Anna e Francesca all'inizio della serie sono semplici estranee ed i loro rapporti sono formali: Francesca consiglia ad Anna come muoversi per far fronte ai debiti contratti da Armando. Ma pian piano iniziano a conoscersi; durante una cena a casa di Vicky decidono di darsi del tu e s'imbarcano insieme nell'avventura di aprire "Il Bello delle Donne". La loro amicizia si costruisce nel primo episodio e si consolida lungo tutta la serie. Le due diventano confidenti, lavorano a stretto contatto e si confortano nei momenti di bisogno. Anche Francesca e Vicky sono, all'inizio della serie, semplici estranee. I loro incontri sono casuali, ma in queste poche occasioni non c'è intesa tra le due: un esempio è quando Vicky scuote l'ombrello nel salone di André e bagna Francesca, o sempre quando da André le due s'incrociano all'entrata. Inoltre in tutte le occasioni in cui Francesca incontra Vicky le va storto qualcosa. Questo le spinge a dire che Vicky le porta sfortuna. Durante una cena a casa di Vicky, le due fanno conoscenza e diventano di colleghe el "Bello delle Donne". Francesca ammette comunque di avere ancora qualche riserva su Vicky, ma con il tempo tutto si sistema e le due diventano amiche. Vicky conosce la Contessa Miranda Spadoni che, oltre a favorire un notevole afflusso di clienti al salone, invita Vicky a un ricevimento per Roberto Ventura, candidato sindaco. Vicky ha una breve relazione con Roberto e quando Miranda lo scopre boicotta nuovamente il salone. Miranda, che nutriva un profondo rispetto per Vicky, finisce per diventare sua nemica. Ma, quando Vicky subisce un'operazione, Miranda torna sui suoi passi e convince Roberto a tornare con Vicky. Anche l'amicizia tra Anna e Miranda matura nel tempo, nasce quando Miranda inizia a frequentare il salone, e s'intensifica durante la scomparsa di Duska: Miranda, in quanto presidentessa delle "Dame della Carità" da un fondamentale contributo per ritrovarla. Una certa solidarietà si crea anche tra Agnese e Vicky, nonostante Vicky sia l'ex amante di Cirino, Agnese, durante un incontro al negozio, ammette che quella vicenda ha fatto bene ad entrambe, Vicky comunque si scusa con lei e si complimenta per la nuova acconciatura. Molto profondo è il legame che unisce le due sorelle Astuti: Agnese e Olga. Olga, per vendicare la sorella tradita, decide di boicottare l'inaugurazione del negozio, organizzando un torneo di Burraco. Olga inoltre stringe una profonda amicizia con una ragazza disadattata di nome Cetti, che scoprirà poi di amare e con cui fuggirà.

La vicenda si svolge in una cittadina di provincia dell'Umbria, probabilmente vicino Terni. In alcune occasioni la vicenda si sposta a Roma, che viene citata molto spesso nel corso della serie. La creazione della cittadina è minuziosa, almeno per quanto riguarda il microcosmo che ruota attorno al salone di bellezza. Vengono spesso mostrati una serie di locali \ negozi o altri esercizi commerciali collegati ai personaggi, o anche utilizzati come punto d'interazione tra i diversi protagonisti. Difronte al "Bello delle Donne" è situato il bar bar Camilletti, gestito da Alfio Barba (Stefano Davanzati), dove vi lavora anche il cameriere felicetto (Damiano Andriano); accanto invece si trova il negozio di fiori di Palma (Maria Michela Mari). Proprio accanto al salone c'è il negozio gestito da Giovanni Cozza Felice Andreasi che ripara bambole e che cederà i locali per consentire un ingrandimento del salone. Sempre nel centro cittadino, non lontano dal vicolo in cui si articola la piccola comunità sopra citata, è situato il ristorante frequentato maggiormente "i tre Mori". Dall'altra parte della città, invece, è possibile trovare il negozio per parrucchiere concorrente: "Andrè" gestito da Andrè e Annalisa Renzi (ma vi lavora anche Bice Monaglia e, in passato, Luca) che dopo la morte di Andrè diverrà la "Mason de Beaute di Annalisa Bottelli". Essendo una serie incentrata su di un lussuoso negozio di parrucchiere molti personaggi appartengono all'alta società, che costituisce una parte rilevante nel microcosmo. Gabriele De Contris è il sindaco della città, suo rivale nelle prossime elezioni è Roberto Ventura, mentre sua moglie, Olga, è la presidentessa delle "Dame della Carità". Quando Olga lascia la città il posto andrà a Miranda Spadoni. A completare il microcosmo vi sono poi alcuni personaggi ricorrenti, assidue frequentatrici del salone, come Mirtis Giovannelli (Laura Troschel), giornalista locale specializzata in gossip o Assia Cascione (Cristina Ascani), proprietaria di una gioielleria.

Ad ottobre 2007 è uscito il dvd contenente in versione integrale tutti e 12 gli episodi della prima stagione in sei dischi.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia