DOS

3.3088435374486 (735)
Inviato da nono 24/04/2009 @ 06:13

Tags : dos, sistemi operativi, computer, high tech

ultime notizie
CALCIO DAL MONDO - La Repubblica
A differenza di quanto accaduto con Leo Messi, il giovane spagnolo, così come invece successo a Giovani dos Santos, non è riuscito a ritagliarsi un ruolo da protagonista nel Barça delle stelle nè ad essere decisivo quando gli è stata concessa...
CALCIOMERCATO/ Milan, dalla Spagna annuncio shock: Kakà al Real ... - Il Sussidiario.net
Veniamo ai fatti: il presidente del Real Madrid sarà eletto il 14 giugno e attorno al 4 dello stesso mese secondo le due testate spagnole dovrebbe essere formalizzato l'accordo che porterebbe Ricardo Izecson Dos Santos Leite a vestire la camiseta...
Il Guingamp trionfa in Coppa di Francia - Datasport
Eroe della prima storica affermazione conseguita nella coppa nazionale che apre ai rossoneri le porte dell'Europa è il 28enne brasiliano Eduardo Dos Santos. Il Guingamp, salvato dalla traversa sulle conclusioni di Leroy al 40' e Sow al 52',...
Geox, il calo ordini pesa in Borsa «A fine anno ricavi pari al 2008» - L'Espresso
TREVISO. Mario Moretti Polegato assicura che un possibile delisting del titolo Geox da Piazza Affari non è mai stata «nemmeno una tentazione». Mister Geox lo ribadisce al termine di una giornata dove - a fronte di un primo trimestre chiuso con ricavi...
Varese e Pro Patria, "febbre a 90°" - Varese News
Al suo fianco sulla mediana c'è Danucci; Dos Santos e Camisa formano la coppia centrale, Del Sante e Crocetti sono le due punte. GLI ARBITRI - Il designatore ha scelto il napoletano Nasca per dirigere Padova-Pro Patria. Sarà invece il fischietto Manera...
Speciale Goal.com – La cavalcata del Barca… e non e' ancora finita! - Goal.com
Ma non prima che in mezzo a queste due durissime gare non sopraggiungesse, nella fatidica data del Dos de Mayo, l'epico 2 a 6 in casa del Real Madrid. L'umiliante goleada inflitta ai campioni in carica riporta a sette i punti di vantaggio e chiude...
San Paolo del Brasile, 10:49 CALCIO, RONALDO: PROBLEMI A SPONSOR ... - La Repubblica
Secondo la procura federale di San Jose dos Campos, nello Stato di San Paolo, il fatto che nello spot il Fenomeno si autodefinisca un 'brahmeiro' (un fan di tale birra), assicurando che con essa "è riuscito a superare i problemi" per poter riprendere a...
Lega Pro, 32 squalificati in 1ª Divisione - Corriere dello Sport.it
... Di Bari (Sangiovannese), Dos Santos (Varese), Tufano (Melfi), Gabrieli (Melfi), Petitto (Pescina), Cammaroto (Alessandri), Fabbro (Barletta), Morgante (Celano), Villa (Celano), Agnorelli (Cuoiopelli Cappiano), Michelotti (Cuoiopelli Cappiano),...

DOS

DOS è una sigla utilizzata in molti sistemi operativi commercializzati fra l'inizio degli anni '80 e la metà dei '90 per il mercato dei computer IBM compatibili. Si tratta di un acronimo di "Disk Operating System", cioè "sistema operativo su disco". Fra i molti prodotti che ne utilizzano il nome ci sono il MS-DOS di Microsoft, la versione di IBM PC-DOS, DR-DOS, FreeDOS, PTS-DOS, ROM-DOS, JM-OS.

Per la parte superiore



Multiuser DOS

Multiuser DOS è un sistema operativo real-time per microcomputer IBM PC e compatibili.

Evoluzione del più vecchi sistemi operativi Concurrent CP/M e Concurrent DOS, venne sviluppato originariamente da Digital Research, e discende direttamente dai precedenti CP/M ed MP/M.

La prima versione di CP/M per il PC IBM, CP/M-86, non fu un successo commerciale, dal momento che l'MS-DOS di Microsoft offriva più o meno le stesse possibilità ad un prezzo considerevolmente inferiore. In maniera del tutto simile ad MS-DOS 1.0, CP/M-86 non sfruttava appieno la potenza e le capacità del nuovo sistema a 16 bit. Essa venne presto soppiantata da un'implementazione del "fratello maggiore" del CP/M con supporto multitasking, MP/M-86, cosa che rese un PC un sistema multiutente in grado di gestire più accessi contemporaneamente attraverso terminali collegai alle porte seriali. L'ambiente presentato dava a ciascun utente l'impressione di avere il pieno controllo sul sistema.

Dal momento che i terminali costavano molto meno di un PC del tempo, essi offrivano risparmi considerevoli, e facilitavano l'utilizzo di applicazioni multiutente come quelli per il controllo di conti bancari o di azioni in un periodo in cui le reti di computer erano rare, molto costose e difficili da implementare.

CP/M-86 ed MP/M-86 furono in seguito fusi per creare Concurrent CP/M (noto anche come CCP/M), che offriva un livello di compatibilità più completo con CP/M-86, oltre che le caratteristiche multiutente di MP/M-86.

Dal momento che MS-DOS era nato come clone del CP/M, quest'ultimo poteva offrire una limitata compatibilità con MS-DOS - le applicazioni che non richiedevano l'accesso diretto allo schermo o ad altre periferiche potevano essere seguite su CCP/M. Ad esempio, se un programma che lavorava in modalità solo testo come PKZip funzionava perfettamente ed offriva maggiori funzionalità dell'archiviatore Arc nativo per CP/M, applicazioni più complesse che agivano direttamente sullo schermo, come WordStar per DOS, richiedevano versioni native CCP/M per poter funzionare.

CCP/M divenne in seguito Concurrent DOS (noto anche come CDOS), che offriva una compatibilità DOS più completa. La prima versione rilasciata, CDOS 3.2, era compatibile con MS-DOS 1; le versioni successive aggiunsero la compatibilità con MS-DOS 2.x e 3.x. Le versioni 5 e 6 (Concurrent DOS XM) potevano effettuare il bank switching di più di un programma usando la memoria espansa.

Nel 1987, CDOS venne riscritto, e nacque Concurrent DOS/386. Dal momento che il nuovo sistema operativo funzionava soltanto con processori Intel 80386, ne poteva sfruttare le caratteristiche di virtualizzazione dell'hardware, cosa che permetteva alla maggior parte delle applicazioni DOS di funzionare su CDOS/386 senza alcuna modifica - anche sui terminali. Il sistema operativo supportava anche l'accesso contemporaneo di più di un utente ai file, permetetndo così alle applicazioni DOS con supporto di rete di essere eseguite come se si trovassero su PC singoli collegati ad un server di rete. CDOS/386 rapppresentava, perciò, non solo un'alternativa economica a singoli PC, ma permetteva ad un singolo server di reggere il carico di un intero ufficio, senza che fosse necessario investire in stazioni di lavoro, schede o cavi di rete.

Le ultime versioni di CDOS implementarono alcune delle funzionalità avanzate del più recente clone a singolo utente di MS-DOS prodotto da Digital Research, DR-DOS; il prodotto fu, per maggiore chiarezza, ridenominato Multiuser DOS, a volte abbreviato in MDOS.

MDOS aveva alcune limitazioni tecniche che ne compromettavano la possibilità di competere con le LAN basate su MS-DOS. Richiedeva degli driver di periferica appositamente progettati anche per le periferiche più comuni, dal momento che quelli per MS-DOS non potevano essere usati in un ambiente multiutente o multitasking. L'installazione dei driver era molto più complessa di quanto non fosse in MS-DOS, in cui bastava copiare i file sul disco di avvio e modificare appropriatamente il file CONFIG.SYS - era necessario effettuare il relinking del kernel MDOS (noto come nucleo) mediante il comando SYSGEN.

MDOS non era in grado di utilizzare molti componenti aggiuntivi per MS-DOS, come gli stack di rete, ed aveva possibilità molto limitate per quel che concerneva il supporto degli sviluppi hardware successivi del mondo PC, quali gli adattatori grafici, le schede sonore, le unità CD-ROM ed i mouse. Sebbene si sia presto posto rimedio ad alcune di queste mancanze - ad esempio, vennero sviluppati dei terminali grafici, che permettevano l'utilizzo di software sviluppato per schede CGA, EGA e VGA - era meno flessibile a questo proposito di quanto non lo fosse una rete di PC singoli; quando il prezzo di questi ultimi cominciò a calare, divenne sempre meno competitivo, sebbene offrisse ancora dei benefici in termini di TCO (costo totale di possesso). A differenza di MP/M, non divenne mai popolare come sistema operativo multitasking per singoli utenti, in parte a causa dei costi delle licenze, in parte a causa della necessità di driver di periferica appositi, a differenza delle alternative DOS quali Quarterdeck DESQview.

Per la parte superiore



Commodore DOS

Commodore DOS, detto CBM DOS, era un sistema operativo per il disco, utilizzato dai computer a 8 bit della Commodore. Diversamente dagli altri sistemi DOS, CBM DOS è integrato nella ROM dei drive floppy*.

I dischi floppy possono contenere fino a 144 file. I nomi dei file possono essere lunghi fino a 16 caratteri. Non esistono sotto-directory e i nomi di file devono essere univoci; scrivendo direttamente alla tabella dei blocchi, è possibile avere più file con lo stesso nome. Un trucco molto comune utilizzato, ad esempio, da The Final Cartridge III, era quello di aggiungere nomi di file come "----------------" del tipo DEL< alla directory. Molti sviluppatori di giochi, gruppi di membri di warez e hackers di demoscene utilizzavano trucchi simili .

C'era un altro trucco curioso: i nomi dei file potevano contenere caratteri composti da Shift+spazio, che veniva usato per creare codice come SAVE "PROGRAM(shift+space),8,1:",8,1, che apparirà nella directory come 32 "PROGRAM",8,1: PRG. Quando l'utente muove il cursore all'inizio della linea e scrive LOAD, sovrascrivendo la colonna della dimensione e premeva il tasto enter, il Commodore BASIC interpreta quella riga come LOAD "PROGRAM",8,1.

Nel BASIC, la directory può essere visualizzata con LOAD "$",8, seguita dal comando LIST.

I files che contengono un asterisco * (ad esempio, *SEQ) sono file che non sono stati chiusi correttamente. I file con un segno del < (ad esempio PRG<) sono protetti e non possono essere cancellati.

I file possono essere caricati e salvati con i comandi LOAD e SAVE. Il comando SAVE "FILE",8,1 salva il programma BASIC con l'estensione PRG e il comando SAVE "0:FILE,SEQ,WRITE",8,1 salva il programma BASIC con l'estensione SEQ.

Per accedere al DOS si utilizza il command channel. Questo canale è come un normale file, ma si utilizza il 15 come numero dell'accesso secondario.

È possibile conoscere lo stato del drive scrivendo i comandi OPEN 15,8,15: INPUT#15,E,E$,T,S: CLOSE 15: PRINT E,E$,T,S. E è il codice d'errore, E$ è il messaggio d'errore, T e S rappresentano la traccia e il settore dove è stato trovato l'errore. Il codice 0,"OK",0,0 indica che non vi è stato alcun errore. All'accensione, il drive restituisce la versione del DOS e il modello del drive: 73,"CBM DOS V2.6 1541",0,0.

I comandi per la gestione del disco si scrivono attraverso il command channel: OPEN 15,8,15,"N0:WIKIPEDIA DOCS,WP":CLOSE 15, questo comando effettuerà una formattazione del disco e lo nominerà come "WIKIPEDIA DOCS" con l'ID "WP".

Ci sono anche comandi per l'accesso casuale ai file: (BLOCK-READ, BLOCK-WRITE), gestione dei blocchi (BLOCK-ALLOCATE, BLOCK-FREE), gestione della memoria del 1541 ed esecuzione di codice attraverso il processore del 1541 (MEMORY-WRITE, MEMORY-READ, MEMORY-EXECUTE, BLOCK-EXECUTE, BUFFER-POINTER) e funzioni definite dall'utente (USER).

Per la parte superiore



Campos dos Goytacazes

Campos dos Goytacazes - Bandiera

Campos dos Goytacazes è una città di 429.667 abitanti dello stato di Rio de Janeiro, in Brasile.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia