Cronaca

3.375106564362 (1173)
Inviato da gort 13/04/2009 @ 20:08

Tags : cronaca, società

ultime notizie
Pallanuoto femminile - Fiorentina WP, la cronaca della sconfitta - Firenze Sport
GEYMONAT ORIZZONTE CT: Brancati, Miceli 3, Garibotti 1, Tagliaferri, Di Mario 1 (rig), Bosurgi 3 (1 rig), Bosello 1, Ragusa, Gil, Musumeci 1, Vettorello, Maugeri, Messina. All. Formiconi. FIORENTINAWP GIOTTI: Gigli, Biancardi 1 (rig), Lavorini 1,...
SPE - Quella “Passionaccia” di Mentana fatta di cronaca e di coerenza - Il Velino
“Su Englaro ho scelto di non abbozzare”, taglia corto Mentana, “un addio per dovere di cronaca (e di coerenza)”. “Un addio consumato in mezz'ora. Lasciare la direzione editoriale è stata una scelta di dignità”. Un libro alla scoperta di Mentana e della...
Calcio Serie B 2008/2009, Livorno-Albinoleffe 0-1 al 90' CRONACA LIVE - Sportevai,it
Finita: Il Livorno va ai play off nonostante la sconfitta, ma esce tra i fischi dei suoi tifosi, il terzo posto dovrà essere conquistato ad Ascoli, anche se prosegue il tabù interno che dura da tre mesi. L'Albinoleffe con un tiro sporco sbanca il...
Home > Cronaca > Un uomo di Scicli bloccato in Egitto per sospetto ... - Il Giornale di Ragusa
Scicli - Un giovane lavoratore sciclitano, specializzato in lavori in profondità, nelle piattaforme off shore in Egitto, per alcuni giorni ha temuto di aver contratto l'influenza suina. Protagonista della disavventura è stato CE di 34 anni,...
Passerella Parma - Il Tardini festeggia la serie A - Alle 16 la ... - Gazzetta di Parma
Il Parma prepara la festa promozione «e speriamo che il Vicenza non ce la rovini», puntualizza un sorridente Francesco Guidolin. «Perché vorrei mantenerla sino in fondo l'imbattibilità casalinga - spiega l'allenatore del Parma, che tra l'altro è stato...
Home > Cronaca > Responsabilità del medici del Maggiore per la ... - Il Giornale di Ragusa
Modica - Colpo di scena nel processo davanti alla Corte d'Assise di Siracusa sulla morte dell'ex insegnante di educazione fisica il modicano Ferdinando Cassone, deceduto nel novembre del 2004, il giorno dopo un diverbio in famiglia....
livesicilia >> Cronaca > "Quei falsi amici di Giovanni Falcone" - Live Sicilia
Giuseppe Di Lello è un'ombra discreta e gentile. Si è staccato dalla scorza delle celebrazioni retoriche di Capaci e via D'Amelio. Magistrato, figura di primissimo piano del pool antimafia. Nella ricorrenza delle strage di Capaci sarà in Abruzzo,...
calcio, serie b: rimini-pisa 1-1, la cronaca - nove da firenze - Nove da Firenze
Case vacanza a Firenze centro storico e dintorni. Appartamenti, ville e agriturismi in tutta la Toscana Pandolfini Casa d'Aste - Firenze, Milano: aste di antiquariato, gioielli, quadri, arredi e mobili antichi, arte moderna e contemporanea....
Cronaca: I cortei per Falcone, sul palco anche Picone e Ficarra ... - Hercole.it
Al grido “verità e giustizia, addio mafia” e ripetendo più volte i nomi di Giovanni e Paolo, sono partiti nel pomeriggio i due cortei che alle 17 hanno raggiunto l'Albero Falcone. Il primo partito da via D'Amelio ed il secondo dall'aula bunker...
Arriva il codice sui "processi in tv": «Sì alla cronaca, no alle ... - Corriere della Sera
ROMA - Basta con i processi show: l'informazione sulle vicende giudiziarie in corso dovrà rispettare i diritti inviolabili della persona, curare che risultino chiare le differenze fra cronaca e commento, fra indagato, imputato e condannato,...

Cronaca

Con il termine cronaca ci si può riferire a diversi concetti.

Per la parte superiore



Cronaca degli Scoti

La Cronaca degli Scoti è una cronaca irlandese.

Secondo Nollaig O Muraile, è una raccolta di annali appartenente al gruppo degli Annali di Clonmacnoise e che copriva il periodo che andava dalla Preistoria al 1150, con alcune lacune, e strettamente connessa con gli Annali di Tigernach.

Questa cronaca sopravvive in una copia realizzata da Dubhaltach MacFhirbhisigh attorno al 1640. Questa copia fu alla fine pubblicata da William M. Hennessy nel 1866. A quest'opera viene riconosciuto un alto valore di attendibilità, visto che il sistema di datazione non presenta i gravi errori che invece esistono in altre opere simili.

Per la parte superiore



Cronaca Vera

Cronaca Vera è una rivista settimanale italiana specializzata in resoconto di costume e di cronaca nera destinati ad un pubblico popolare.

È stata fondata dall'imprenditore Sergio Garassini, già editore del mensile erotico Kent, che nel 1969 ne affidò la direzione a Antonio Perria (caporedattore di ABC ed ex inviato di cronaca nera de L'Unità, oltre che affermato autore di gialli). Il progetto grafico della nuova rivista venne realizzato dall'illustratore Maurizio Bovarini. L'intento di Garassini fu quello di creare un settimanale di taglio popolare, quanto più possibile vicino ai propri lettori (di cui spesso racconta le vicende private) e a basso costo (la carta utilizzata per stampare il settimanale è di bassa qualità). L'idea riscontra un grande successo, tanto che a metà degli anni settanta Cronaca Vera riuscì a vendere sino a 600.000 copie a numero.

La rivista si caratterizza per un taglio editoriale sensazionalistico; gli articoli sono scritti in un linguaggio semplice e discorsivo. Caso pressoché unico nel panorama giornalistico italiano, la rivista ha mantenuto pressoché invariato il proprio layout, costituito da numerose fotografie in bianco e nero e da grandi titoli di forte impatto in carattere maiuscolo. Nella rivista è inoltre quasi completamente assente la pubblicità.

La rivista ospita numerose rubriche che invitano i lettori a prendere la parola su svariate questioni ("I vostri problemi", "Un avvocato al vostro servizio", "Una mano tesa", "Dottore mi dica", "I misteri del sesso", "Il mondo dell'inconscio", ecc.). Recentemente è stata inaugurata una pagina dedicata alla narrativa noir, "Il Racconto Giallo/Nero", che ospita racconti brevi di autori noti e meno noti.

Dal 1996 il settimanale è diretto da Giuseppe Biselli.

Per la parte superiore



La Cronaca

La Cronaca è un quotidiano di Cremona e di Piacenza.

Edito dalla cooperativa di giornalisti "Nuova Informazione", il quotidiano ha avuto origine nel 1993 da un'esperienza fallimentare di un gruppo editoriale cremonese composto da imprenditori locali che volevano rompere l'egemonia di informazione costituita dallo storico quotidiano "La Provincia", edito da un'associazione di possidenti terrieri.

Nel 1993, dopo un solo anno in edicola, chiuse i battenti il quotidiano "Cronaca Padana" e una decina di giornalisti decisero di far nascere una cooperativa editoriale che potesse non disperdere quanto di buono era stato fatto in quei 12 mesi. I giornalisti decisero di partire editando un settimanale, del venerdì, chiamato "Nuova Cronaca", alla cui direzione fu chiamato Mario Silla, giornalista cremonese.

Nel settembre 1995 diventò bisettimanale con l'uscita dell'edizione sportiva del lunedì. La mancanza di un editore alle spalle cominciò ben presto a farsi sentire e le difficoltà economiche divennero un pesante macigno nonostante le buone vendite in edicola e gli ottimi risultati nella raccolta pubblicitaria. Il bilancio 1996 chiuse con un pesante passivo, rapportato alle disponibilità dei soci, tutti giornalisti e poligrafici, dipendenti della cooperativa editrice. L'assemblea dei soci però decise di non mollare e affidò l'amministrazione dell'azienda al giornalista Massimo Boselli Botturi, laureato in Economia e Commercio.

Nel dicembre 2000 il bisettimanale fu trasformato in quotidiano, tornando ad occupare un importante spazio nell'editoria cremonese. La testata divenne "La Cronaca". Una cooperativa di giornalisti nel marzo 2003 subentrò nel quotidiano "La Voce nuova di Piacenza", fatto nascere un anno prima da un gruppo di imprenditori piacentini.

Chiusa l'esperienza de "La Voce nuova di Piacenza" l'11 marzo 2003 nacque "La Cronaca" edizione di Piacenza. Il gruppo editoriale in questi anni ha consolidato la propria presenza nei territori cremonese e piacentino, e ora può contare su una sessantina di dipendenti e duecento collaboratori.

Per la parte superiore



Cronaca dei re di Alba

La Cronaca dei re di Alba, o Cronaca scozzese, è una breve cronaca dei sovrani di Alba (odierna Scozia), che copre il periodo compreso tra re Cináed I mac Ailpín (morto nell'858) a re Cináed II mac Maíl Coluim (971–995). William Forbes Skene chiamava quest'opera Cronaca dei re degli scoti, mentre altri l'hanno definita Antica cronaca scozzese, ma alla fine tra gli studiosi ha prevalso il nome di Cronaca dei re di Alba.

L'unica versione superstite si trova nel manoscritto Poppleton, che ora si trova nella Biblioteca nazionale di Parigi. L'opera riveste una grande importanza per la conoscenza del periodo storico trattato e anche per alcuni aspetti linguistici di iberno-latino. Senza dubbio il testo originale fu scritto in Scozia, forse agli inizi dell'XI secolo, poco dopo il regno di Cináed II, l'ultimo di cui si parla nell'opera.

Per la parte superiore



Cronaca familiare (film)

Cronaca familiare è un film del 1962 diretto da Valerio Zurlini, tratto dall'omonima autobiografia di Vasco Pratolini, vincitore del Leone d'Oro.

E' la storia di due fratelli, interpretati da Marcello Mastroianni e Jacques Perrin, che vengono separati alla morte della mamma, ma che poi vengono riuniti a causa di difficili circostanze familiari.

Descritto come uno dei film "maschili" più commoventi nella storia del cinema, Cronaca familiare riprende molti dei fatti e motivi del romanzo originale di Pratolini. Mastroianni ci presenta una performance piena di sensibilità e ben equilibrata, quale emergente giornalista nella Roma del 1945. Riceve una telefonata che lo informa della morte del fratello Lorenzo (Jacques Perrin). Enrico allora si ricorda dei tempi passati, del loro lungo e difficile rapporto; Enrico cresciuto dalla loro povera ma affettuosa nonna (Sylvie), Lorenzo tirato su come un vero gentiluomo da un ricco aristocratico del luogo, che lo affida al suo maggiordomo. Riuniti a Firenze negli anni '30, il viziato Lorenzo viene mantenuto da Enrico, quest'ultimo sempre ossessionato da un senso di colpevole responsabilità verso un fratello che ama e odia simultaneamente. Una strana e progressivamente fatale malattia di Lorenzo farà emergere in Enrico tutto il suo profondo attaccamento e amore per il fratello morente.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia