Coppa UEFA

3.4231557377247 (976)
Inviato da maria 27/02/2009 @ 02:37

Tags : coppa uefa, calcio, sport

ultime notizie
Miccoli fa sognare l'Europa al Palermo - La Repubblica
Zarate segna ma l'arbitro non vede la palla oltre la linea PALERMO - Il Palermo continua la sua rincorsa alla Europe League (la nuova Coppa Uefa) mentre la Lazio ha la testa la Coppa Italia conquistata mercoledì notte contro la Sampdoria....
Delio Rossi: "Il futuro? Devo parlare con Lotito" - La Repubblica
E Delio Rossi non si fa pregare e parla della vittoria in Coppa Italia di mercoledì, della partita al Renzo Barbera e ovviamente del futuro: "Siamo in Coppa Uefa passando dalla porta principale e soprattutto alzando un trofeo....
CALCIO: PALERMO; LIVERANI, ABBIAMO 40% CHANCE PER UEFA - La Repubblica
Secondo Liverani, il Palermo ha il 40% di andare in coppa Uefa. "Forse Siena ha complicato la vita, ma noi dobbiamo crederci - ha proseguito - Sono sicuro che domenica faremo una grande partita con la Lazio, sperando di non vanificare tutto nella...
Segui in diretta la 36ª giornata di Serie A - Corriere dello Sport.it
Per il resto, è ancora tutto da decidere: qualificazione diretta alla Champions League (anche se le posizioni di Milan e Juventus sembrano inattaccabili); quarto posto tra Fiorentina e Genoa; qualificazione alla Coppa Uefa (o Europa League) e salvezza....
La Lazio conquista la Coppa Italia e un posto in Uefa - PUPIA
Un trofeo, il quinto della storia dei biancocelesti (l'ultimo era stato vinto nel 2004) che garantisce l'accesso alla Europa League, la vecchia Coppa Uefa. Protagonista della serata uno Zarate in stato di grazia che manda in vantaggio i suoi già al...
Paolo Maldini fa 900, con l'Udinese nel destino - Il Sole 24 Ore
... MILAN Coppa Italia 3 01997 MILAN Coppa Italia 3 01998 MILAN Coppa Italia 7 01999 MILAN Coppa Italia 2 02000 MILAN Coppa Italia 4 02001 MILAN Coppa Italia 4 02003 MILAN Coppa Italia 1 02009 MILAN Coppa Italia 0 0 Totale 72 11986 MILAN Coppa UEFA 6...
Sampdoria: Mazzarrri "Futuro? Decido a fine anno" - Datasport
“Abbiamo onorato il campionato, siamo andati avanti in Coppa Uefa, forse è mancata solo la classica ciliegina sulla torta che sarebbe stata rappresentata dalla finale di Coppa Italia”. Infine una battuta sul proprio futuro. “Io ho un contratto con la...
Il passato è oggi: 17/05/1989 - Datasport
(AGM-DS) - 17/05/2009 10.05.16 - (AGM-DS) - Milano, 17 maggio - Il 17 maggio 1989 il Napoli, trascinato da un grandissimo Maradona, conquista la Coppa Uefa contro lo Stoccarda. Dopo la vittoria per 2-1 ottenuta al San Paolo, la squadra del tecnico...
Real ko: il Barcellona come l'Inter - Il Messaggero
Negli altri anticipi della giornata, il Deportivo La Coruna si ferma nella corsa alla Coppa Uefa (considerata anche la vittoria dei "sottomarini gialli"), pareggiando 1-1 con il Getafe. Pareggio anche tra Osasuna, ormai sempre più disperato in coda...
Coppa Uefa: Werder favorito a quota 1,80 - Tuttosport
Roma, 16 Maggio - Testa a testa ucraino tedesco nella finale di Coppa Uefa di giovedì: in attesa delle quote «1X2» sulla finale si può giocare sul testa a testa sulla vincente. Werder Brema in leggerissimo vantaggio sullo Shakhtar Donetsk: il successo...

Coppa UEFA 2006-2007

UEFA cup logo.svg

Ultimo aggiornamento dati: 28 luglio 2008.

La Coppa UEFA 2006-2007, 49a edizione della Coppa UEFA, il secondo torneo calcistico europeo per importanza dopo la UEFA Champions League, è stata vinta dal Siviglia, al secondo successo consecutivo nella competizione. Gli andalusi hanno sconfitto i connazionali dell'Espanyol nella finale del 16 maggio 2007, disputata all'Hampden Park di Glasgow, in Scozia. Prima del Siviglia l'unica squadra a centrare due vittorie consecutive nella coppa era stata il Real Madrid.

Alcune squadre italiane sono state rimpiazzate in seguito agli sviluppi giudiziari dello scandalo che ha coinvolto il calcio italiano nel maggio 2006, al termine del campionato di Serie A 2005-2006. La Juventus, la Fiorentina, la Lazio e il Milan, accusate formalmente il 22 giugno, sono state giudicate il 14 luglio dalla Commissione di Appello Federale e dalla FIGC. La sentenza di appello, resa nota il 25 luglio, ha sancito la retrocessione in Serie B della Juventus con 17 punti di penalizzazione nella stagione 2006-2007, la penalizzazione di 19 punti nel campionato 2006-2007 della A.C.F. Fiorentina, la penalizzazione di 11 punti nella stagione 2006-2007 della Lazio e la penalizzazione di 8 punti nella stagione 2006-2007 del Milan. Juventus, Fiorentina e Lazio sono state escluse dalle competizioni europee, mentre il Milan ha perso il diritto di accedere alla prima fase della Champions League ed è stato ammesso al terzo turno preliminare. In sostituzione di Juventus e Fiorentina, sono state ammesse alla fase a gironi della Champions League Inter e Roma. Il Chievo Verona, qualificato in Coppa UEFA e ammesso al terzo turno preliminare della Champions League, aveva liberato un posto ad una squadra italiana nel torneo, ma, essendo stato eliminato dalla Champions League nel terzo turno preliminare (ad opera del Levski Sofia) è stato poi inserito nuovamente nel tabellone della Coppa UEFA. Così a rappresentare l'Italia nella Coppa UEFA 2006-2007 inizialmente c'erano Chievo Verona, Palermo, Livorno e Parma.

Il 3 luglio 2006 la FIFA aveva sospeso la Federazione calcistica greca da tutte le competizioni europee a causa di incompatibilità tra la legge greca e le regole FIFA. Tuttavia, dopo che la legge è stata emendata per venire incontro alle obiezioni mosse dalla FIFA, il 12 luglio la sospensione è stata annullata dalla stessa FIFA.

Andata 13 luglio, ritorno 27 luglio 2006.

Andata 8 e 10 agosto, ritorno 24 agosto 2006.

Andata 14 e 15 settembre, ritorno 28 settembre 2006.

A gironi eliminatori. Qualificate al turno successivo le prime tre squadre.

Per la parte superiore



Coppa UEFA

UEFA cup logo.svg

La Coppa UEFA, ufficialmente in inglese UEFA Cup, è una competizione calcistica europea istituita nel 1971 in luogo della vecchia Coppa delle Fiere. Organizzata dalla UEFA, è riservata alle squadre classificatesi, nei rispettivi campionati nazionali, immediatamente dopo la squadra o le squadre che hanno diritto a partecipare alla Champions League. Dal 1999, in seguito all'abolizione della Coppa delle Coppe, ha inglobato anche le tradizionali partecipanti a questa competizione, ossia le vincitrici o le finaliste sconfitte delle varie coppe nazionali. Dal 2009 la manifestazione assumerà la nuova denominazione di UEFA Europa League.

Il regolamento della Coppa UEFA ha subito, nel corso degli anni, varie trasformazioni. Attualmente, come recita il regolamento ufficiale dell'UEFA essa è riservata alle squadre piazzatesi alle spalle dei qualificati alla citata Champions League, alle vincitrici delle rispettive Coppe nazionali, alle undici vincitrici del terzo turno della Coppa Intertoto (che si qualificano al secondo turno preliminare che, se superato, permette l'accesso alla competizione) e a tre squadre europee distintesi nella speciale classifica fair play (ammesse al primo turno preliminare). Inoltre sono qualificate al primo turno della Coppa UEFA le squadre che non superano il terzo turno preliminare di qualificazione alla Champions League.

La prima fase del torneo è costituita da due turni di qualificazione, con le squadre dalle nazioni con coefficiente UEFA sotto il 18 in gara dal primo turno e le squadre delle nazioni dalla posizione 9 alla 18 dal secondo turno. Al primo turno della competizione, strutturato con gare ad eliminazione diretta con andata e ritorno, accedono in totale in 80 squadre. Le 40 vincitrici entrano in otto gruppi da 5 squadre e disputano ciascuna due gare in casa e due fuori casa. Le prime tre di ogni gruppo accedono, insieme alle otto squadre giunte terze nei loro gironi di Champions League, alla fase finale che vede di nuovo gare ad eliminazione diretta fino alla finale, disputata in gara unica in una sede prefissata.

La prima finale in partita unica fu disputata a Parigi nel 1998 e vide l'Inter prevalere sulla Lazio per 3-0. Prima di questa novità, la finale e tutte le partite ad eliminazione diretta prevedevano in caso di pareggio la regola dei gol fuori casa ed eventualmente dei tempi supplementari e dei calci di rigore. Queste regole tuttora valgono per quei turni che prevedono l'eliminazione diretta.

La classica formula prevedeva invece 64 squadre che si affrontavano in turni di andata e ritorno (trentaduesimi, sedicesimi, ottavi, quarti, semifinali e finali): partecipavano alla Coppa UEFA le squadre immediatamente classificatesi alle spalle della squadra campione nazionale eccetto la vincitrice della coppa domestica, e il numero di squadre per federazione era determinato dalla classifica per nazioni, una speciale classifica che tiene conto dei risultati delle ultime cinque stagioni delle squadre di ogni federazione in tutte le competizioni europee. Per questo motivo, federazioni come la Germania, l'Inghilterra, la Spagna e l'Italia, in ragione dei risultati delle proprie squadre nelle competizioni europee, hanno storicamente avuto sempre almeno due, se non spesso tre o quattro squadre, in tale competizione.

Vale anche qui il principio della Champions: dopo cinque trofei vinti o dopo tre di fila viene lasciata alla squadra vincitrice l'originale della coppa. Finora nessuna squadra ha mai raggiunto questo record. Le squadre che hanno vinto più volte la Coppa UEFA sono la Juventus FC, il FC Internazionale e il Liverpool FC, che vantano tre successi a testa.

Sul fronte televisivo la Coppa UEFA ha un regime diverso dalla UEFA Champions League: si possono vendere le stagioni a un operatore, ma è assai frequente che ci siano trattative anche per una sola partita.

Le riforme delle competizioni europee volute dal presidente dell'UEFA, Michel Platini, incideranno sulla Coppa UEFA più profondamente che non sulla massima competizione continentale. La competizione assumerà la nuova denominazione di UEFA Europa League. La lista di accesso sarà quasi completamente uniformata e prevederà un numero fisso, indipendente dal ranking, di tre squadre per ogni nazione di cui una la vincitrice della coppa nazionale, se non ammessa in Champions. Solo sei nazioni sfuggiranno alla suddetta regola: da un lato la settima, l'ottava e la nona del ranking che godranno di una quarta società ammessa, e dall'altro i microstati di San Marino, Liechtenstein ed Andorra che qualificheranno unicamente le detentrici delle rispettive coppe nazionali. Tre società premiate per il loro fair play guadagneranno anch'esse un pass per la manifestazione.

Nessuna squadra, eccetto l'eventuale detentrice non qualificatasi per la Champions, sarà esentata dai preliminari, che si struttureranno su ben quattro turni. Il turno di accesso, differenziato anche fra squadre della stessa nazione, dipenderà dal merito sportivo acquisito: per i tre campionati maggiori, attualmente la Premiership, la Liga e la Serie A, si avranno due posti all'ultimo preliminare ed assegnati alle quinte classificate e alle vincitrici delle coppe nazionali, mentre la sesta classificata di turni preliminari ne dovrà affrontare due. All'ultimo turno preliminare avranno accesso anche le perdenti del penultimo turno di qualificazione alla Champions, mentre le società che falliranno all'ultimo gradino l'ingresso nella massima competizione continentale entreranno direttamente in Europa League.

Questo lungo percorso individuerà le 48 squadre che daranno vita alla fase a gironi mutuata nella sua struttura da quella di Champions. Alle ventiquattro qualificate si aggiungeranno le terze dei gruppi di Champions, e a questo punto la competizione continuerà ad eliminazione diretta, fino alla finale secca. È prevista la vendita centralizzata dei diritti televisivi, cioè più stagioni ad un broadcaster.

Il trofeo, che pesa 15 kg, è di argento, senza manici, e poggia su una base di marmo giallo. È stato disegnato e realizzato dai laboratori Bertoni di Milano per la finale del 1972 per un costo di 23.000 euro. Dalla base di marmo si diparte un gruppo di giocatori che sembrano lottare per raggiungere il pallone. Di fatto essi sostengono la coppa ottagonale che riporta l'emblema della UEFA.

Sulla falsariga delle altre due competizioni europee, la Champions League e la Coppa delle Coppe, prende il via questa competizione che, nonostante si presupponga e venga sempre considerata dalla UEFA la terza competizione europea, si trova a superare spesso di importanza e di prestigio la Coppa delle Coppe. La prima vincitrice è il Tottenham nel 1972, nella finale tutta inglese con il Wolverhampton; l'unica italiana a vincere in questo periodo è la Juventus nel 1977, in finale contro l'Athletic Bilbao.

Nel successivo decennio la competizione è ancora teatro di grande calcio, e vede l'affermarsi di grandi squadre, tra cui si segnalano i due successi consecutivi dei pluricampioni europei del Real Madrid nel 1985 e nel 1986, che rimarranno per lungo tempo gli unici in grado di vincere la competizione per due volte consecutive: soltanto i connazionali del Siviglia saranno in grado di farcela a loro volta più di venti anni dopo.

Dalla fine degli anni Ottanta e per tutti gli anni Novanta si ha un dominio delle squadre italiane nella manifestazione, che tra il 1989 e il 1999 viene vinta per ben 8 volte su 11 da squadre del Bel Paese. È il Napoli di Diego Armando Maradona ad aprire questo periodo d'oro, battendo in finale i tedeschi dello Stoccarda dopo aver eliminato ai quarti la Juventus con una clamorosa rimonta nella gara di ritorno dopo una sconfitta nella gara di andata che già sembrava avere chiuso il discorso qualificazione. I torinesi si rifaranno però la stagione successiva nella finale tutta italiana con la Fiorentina, la prima di una lunga serie.

Nel 1991 è invece l'Inter ad aggiudicarsi l'ultimo atto contro la Roma, in un'edizione che vede l'arrivo di ben quattro squadre italiane ai quarti: oltre alle due finaliste giungono infatti tra le prime otto anche Atalanta e Bologna. Nel 1992 è invece l'Ajax a vincere, dopo aver eliminato il Genoa in semifinale e il Torino in una sfortunata finale doppia per i granata, nella quale la compagine italiana prende un totale di tre legni. Successi ancora per Juventus e Inter rispettivamente nel 1993 e nel 1994, tre anni dopo i loro più recenti trionfi nella competizione: sono Borussia Dortmund e Austria Salisburgo a cedere il passo alle italiane, in edizioni che vedono ancora ottimi risultati per le italiane, in particolare nel 1994 con la Juventus eliminata ai quarti dal sorprendente Cagliari che verrà eliminato a sua volta dall'Inter in semifinale.

È invece il Parma di Nevio Scala a vincere nel 1995 in una finale ancora una volta tutta italiana con la Juventus; bene anche la Lazio che in questa edizione giunge ai quarti. La squadra emiliana non poté però difendere il titolo nella stagione successiva: in quanto finalista perdente di Coppa Italia contro la Juventus realizzatrice dell'accoppiata scudetto e Coppa Italia, venne infatti iscritta in Coppa delle Coppe. Il 1996 non è all'altezza delle stagioni precedenti per le italiane, con Roma e Milan che non vanno oltre ai quarti. Nel 1997 l'Inter sfiora la terza affermazione in pochi anni, perdendo in finale contro lo Schalke 04 soltanto ai rigori; il trionfo riesce però la stagione successiva nella quarta finale tutta italiana in meno di dieci anni, questa volta contro la Lazio.

Il 1998 è anche il primo anno nel quale la finale di Coppa UEFA viene disputata in gara unica in campo preassegnato e non in gara doppia, al pari delle altre due competizioni europee. Nel 1999 è invece il Parma, per la seconda volta dopo il trionfo di quattro anni prima, ad aggiudicarsi il trofeo, battendo in finale l'Olympique Marsiglia, che aveva eliminato il Bologna in semifinale; bene anche la Roma che giunge ai quarti. Questa è attualmente l'ultima vittoria italiana nella competizione, che dalla stagione seguente, a causa dell'allargamento della Champions League, avrebbe perso gran parte del suo prestigio.

Con l'allargamento della Champions League fino a quattro squadre per le nazioni ospitanti i campionati più importanti, la Coppa delle Coppe viene abolita e anche la Coppa UEFA subisce un ridimensionamento. Nazioni come l'Italia, la Spagna, e l'Inghilterra, si trovano spesso a qualificare con successo quattro squadre alla Champions e a relegare quindi in Coppa UEFA le quinte e seste classificate e la vincitrice della coppa nazionale, che però non di rado risulta già qualificata in Champions così come la finalista perdente, mandando quindi in UEFA la settima classificata. Neanche l'introduzione di una fase a gironi, dalla stagione 2004-05, riesce a risollevare particolarmente le sorti della competizione. In questo decennio non c'è gloria per le italiane in questa competizione, che spesso la snobbano facendoci giocare le riserve o comunque le seconde linee: nel 2000 e nel 2001 nessuna va oltre gli ottavi, nel 2002 le due milanesi (Milan e Inter) giungono in semifinale, nel 2003 la Lazio giunge in semifinale, nel 2004 l'Inter è fuori ai quarti.

Sorprendente invece il cammino del Parma dei giovani nel 2005: nonostante una squadra drasticamente ridimensionata a causa del crac Parmalat, e costretta alla lotta per la salvezza in campionato, in coppa le seconde linee giungono fino in semifinale, dove vengono eliminate dal CSKA Mosca al termine di una gara movimentata alla quale seguiranno polemiche a causa del lancio di un razzo diretto al portiere parmense Luca Bucci. Va decisamente meno bene invece gli anni successivi: nessuna oltre gli ottavi nel 2006, addirittura nessuna oltre i sedicesimi nel 2007. Va meglio nel 2008, con la Fiorentina fuori ai rigori in semifinale, mentre per il 2009 la presenza dei pluricampioni europei del Milan, che però non hanno mai vinto questa competizione e sono motivati a farlo per poter entrare nell'esclusivo club delle squadre in grado di vincere ogni competizione (premiati con la Targa UEFA), fa ben sperare per un possibile ritorno del trofeo in Italia dopo 10 anni. Si spera che le modifiche che verranno introdotte dal 2009-10 diano nuova linfa a questa prestigiosa competizione europea.

Qui sono riportati i vincitori della Coppa UEFA secondo le risoluzioni della istituzione di governo del calcio europeo .

Per la parte superiore



Coppa UEFA 2007-2008

UEFA cup logo.svg

Ultimo aggiornamento dati: 2 maggio 2008.

La Coppa UEFA 2007-2008 è stata la 50a edizione della Coppa UEFA, il secondo torneo calcistico europeo per importanza dopo la UEFA Champions League.

Il trofeo è stato vinto dallo Zenit San Pietroburgo nello stadio City of Manchester di Manchester il 14 maggio 2008.

Andata 19 luglio, ritorno 2 agosto 2007.

Andata 16 agosto, ritorno 30 agosto 2007.

Andata 20 settembre, ritorno 4 ottobre 2007.

A gironi eliminatori. Qualificate al turno successivo le prime tre squadre.

Eliminazione diretta con partite di andata (13 e 14 febbraio) e ritorno (21 febbraio 2008).

L'andata si è giocata il 6 marzo 2008. Il ritorno il 12 e il 13 marzo 2008.

L'andata si è giocata il 3 aprile 2008. Il ritorno il 10 aprile 2008.

Le partite di andata si sono disputate il 24 aprile, quelle di ritorno il 1° maggio 2008.

Per la parte superiore



Coppa UEFA 1971-1972

La Coppa UEFA 1971-72 venne vinta dal Tottenham Hotspur che sconfisse i Wolverhampton Wanderers nella doppia finale.

Il Tottenham Hotspur vince 3-2 con la somma dei risultati.

Per la parte superiore



Coppa UEFA 1981-1982

La Coppa Uefa 1981-1982 venne vinta dall'IFK Göteborg nella doppia finale contro l'Hamburger SV.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia