Città del Vaticano

3.3808255659242 (1502)
Inviato da maria 26/02/2009 @ 01:17

Tags : città del vaticano, europa, esteri

ultime notizie
Anche Radio Vaticana apre agli spot - il Giornale
Città del Vaticano - Dopo quasi ottanta anni di vita Radio vaticana si arrende alla pubblicità, inserendo nella sua programmazione spot commerciali. Una innovazione che il direttore, padre Federico Lombardi, ha definito "rivoluzionaria" e che modifica...
CRISI ECONOMICA: CEI, MORATORIA LICENZIAMENTI PUO' ESSERE COSA ... - Adnkronos/IGN
Citta' del Vaticano, 26 mag. (Adnkronos) - La Chiesa non intende esprimere giudizi politici specifici su singole proposte e la moratoria dei licenziamenti proposta dal ministro del Welfare Maurizio Sacconi puo' essere una misura positiva come tutto...
Entusiasmo ancora alle stelle per la visita del papa - Il Tempo
Da qui l'opzione di aprire le porte del garage del Vaticano per utilizzare un'altra papa mobile, quella che domenica ha condotto il Santo Padre per le strade della città martire e lo ha portato fino in abbazia. E tante in questi giorni sono state le...
Bagnasco, lavoratori non siano futile zavorra - ANSA
CITTA' DEL VATICANO - Gli ammortizzatori sociali anti-crisi sono "davvero modesti" ei lavoratori non devono essere una "inutile zavorra". L'immigrazione va governata avendo come primo "criterio" "dignità" e diritti degli immigrati, e non si affronta né...
Papa/ Mons. Celli nuovo presidente cda Centro televisivo vaticano - Wall Street Italia
Città del Vaticano, 26 mag. (Apcom) - Il Papa ha nominato presidente del Consiglio di amministrazione del Centro Televisivo Vaticano (Ctv) mons. Claudio Maria Celli, presidente del Pontificio consiglio delle comunicazioni sociali....
Chiesa Russa, vista sul Vaticano - La Stampa
Nel corso del cordiale colloquio, si legge in una nota del Campidoglio, sono state gettate le basi per un rafforzamento dei legami fra le due città, corrispondenti al rapporto privilegiato che intercorre fra l'Italia e la Russia, anche in vista del...
Angeli e Demoni: torna il professor Langdon - 055news.it
Roma e il mondo sono in lutto per la morte del Santo Padre. Distrutto l'anello piscatorio, il camerlengo deve fare fronte al rapimento dei quattro cardinali favoriti alla successione pontificia e alla minaccia della distruzione della Città del Vaticano...
Papa:Futuro del cristianesimo e della Chiesa dipende da tutti noi - Wall Street Italia
Città del Vaticano, 26 mag. (Apcom) - "Il futuro del cristianesimo e della Chiesa a Roma dipende anche dall'impegno e della testimonianza di ciascuno di noi". E' quanto ha detto il Papa che questa sera ha aperto il Convegno diocesano nella Basilica di...
Agenda appuntamenti del 27 maggio 2009 - Fondazione Italiani
CITTA' DEL VATICANO - Conferenza stampa sui lavori dell'assemblea generale della Cei. ROMA - Seduta Senato: ddl manovra e processo civile. ROMA - Commissioni Senato: Lavori Pubblici: comunicazioni di Castelli sulle opere per l'expo 2015 a Milano....
JESI, ABBADO INAUGURA CELEBRAZIONI PERGOLESI - AGI - Agenzia Giornalistica Italia
L'iniziativa vede inoltre la partecipazione di Gianni Letta, Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, e del Cardinal Angelo Comastri, Vicario Generale del Santo Padre per la Citta' del Vaticano, i quali hanno accettato di essere...

Città del Vaticano

Città del Vaticano - Bandiera

Lo Stato della Città del Vaticano (in latino Status Civitatis Vaticanæ), comunemente abbreviato in Città del Vaticano o anche semplicemente in Vaticano, è uno Stato indipendente dell'Europa sotto la sovranità della Santa Sede attraverso l'autorità del Papa della Chiesa cattolica che vi esercita i poteri di monarca assoluto.

Enclave del territorio della Repubblica Italiana, è inserito nel tessuto urbano della città di Roma, nei pressi della riva destra del Tevere, sul colle Vaticano e, con una superficie di appena 0,44 km², è il più piccolo Stato indipendente del mondo, sia in termini di popolazione che di estensione territoriale.

Lo Stato della Chiesa, che per circa un millennio si era esteso su buona parte dell'Italia Centrale, costituendo la base territoriale del potere temporale dei Papi, fu definitivamente occupato nel 1870 (il 20 settembre), quando i Bersaglieri del regno d'Italia penetrarono in Roma attraverso la breccia di Porta Pia. L'annessione di Roma al Regno e la proclamazione a sua capitale, significarono la fine del potere temporale. L'allora Papa Pio IX non dette né adesione né consenso all'atto unilaterale dell'Italia, e quindi, nonostante la legge delle Guarentigie intendesse mantenere e garantire la sua indipendenza spirituale e la prosecuzione della sua missione religiosa, egli si considerò prigioniero in Vaticano: nacque così la Questione Romana, che tormentò i rapporti tra Regno d'Italia e Chiesa cattolica per 59 anni. Dopo lunghe trattative diplomatiche, la Questione fu risolta l'11 febbraio 1929, quando i due Alti Contraenti firmarono i Patti Lateranensi, con i quali si riconobbero reciprocamente il carattere di indipendenza e di sovranità. I Patti furono due: un Concordato sui reciproci rapporti e un Trattato, con allegata una Convenzione Finanziaria. Per l'appunto il Trattato Lateranense è l'atto istitutivo dello Stato della Città del Vaticano, con il quale l'Italia riconosce al Papa la piena sovranità e indipendenza sulla sola ed esclusiva parte del territorio della città di Roma compreso nella cerchia delle Mura Leonine, oltre che sulla Piazza San Pietro. Questo territorio, pur estremamente ridotto, è riconosciuto a livello internazionale e assicura così l'indipendenza politico-economica della Santa Sede.

Il cuore della Città del Vaticano è la Piazza San Pietro, nella quale si erge l'omonima basilica, la cui cupola (confidenzialmente chiamata cupolone e cuppolone in romanesco) domina il territorio del piccolo stato.

All'interno delle mura medioevali e rinascimentali che circondano, eccetto piazza San Pietro, l'intera area, si trovano anche il Palazzo del Governatorato e i Giardini Vaticani.

La sovranità territoriale è esercitata su tutto il territorio della Città del Vaticano, mentre su numerosi edifici e aree dentro e vicino a Roma la Santa Sede - ma non lo Stato della Città del Vaticano - gode del privilegio dell'extraterritorialità. Piazza San Pietro, pur ricadendo sotto la sovranità vaticana, è affidata di norma ai poteri della Polizia italiana.

Le leggi vaticane più importanti sono raccolte nel «Codice di norme vaticane» e nei tre volumi contenenti le «Leggi e Disposizioni dello Stato della Città del Vaticano».

L'organo legislativo è la Pontificia commissione per lo Stato della Città del Vaticano, composta esclusivamente da cardinali, di cui uno presidente, tutti di nomina papale.

Tuttavia, le principali azioni di governo sono svolte dal cardinale Segretario di Stato.

Ciò che da sempre ha posto numerosi interrogativi tra giuristi e politici dal 1929 ad oggi, è la natura giuridica dello Stato. Con i Patti Lateranensi, infatti, è nato uno Stato che svolge soltanto il compito necessario alla Santa Sede per l'esercizio della propria attività. La Santa Sede all'art. 24 del Trattato del Laterano, afferma che, anche se soggetto internazionale, rimarrà sempre estranea ai conflitti temporali delle nazioni e ai Congressi relativi, a meno che non venga chiamata in causa per questioni di pace e morali dalle stesse parti. La Santa Sede è il Governo del Vaticano e come tale ne esercita i diritti diplomatici attivi e passivi. Lo Stato della Città del Vaticano e la Santa Sede sono entrambi soggetti sovrani di diritto pubblico internazionale, universalmente riconosciuto e sono indissolubilmente uniti nella persona del Papa, monarca assoluto per via elettiva, che è il Capo dello Stato. Pertanto il Vaticano non ha una vita politica propria, che non sia perfettamente combaciante con l'attività della Santa Sede. Se ne deduce che il Vaticano deve rimanere soggetto alla pienezza assoluta del Pontefice.

Il giurista Arturo Carlo Jemolo afferma che il territorio, per un improbabile colpo di Stato in Vaticano o per l'abbandono definitivo del Papa, tornerebbe ipso jure alla sovranità italiana. Né il Pontefice può cedere parti del territorio dello Stato ad altri Paesi (art. 4), in quanto l'unica autorità a poter esercitare la sovranità sul territorio è la Santa Sede.

La Città del Vaticano presenta una forma di governo teocratica, ovvero è governata esclusivamente da un apparato ecclesiastico. Inoltre lo Stato è una forma di Stato patrimoniale: in pratica non esiste la proprietà privata all'interno della Città del Vaticano e tutti gli immobili sono di proprietà della Santa Sede.

La cittadinanza vaticana spetta ai cardinali residenti in Vaticano e a Roma, ai residenti stabili in Vaticano per ragioni di carica, dignità o impiego (solo per la durata della carica) e a coloro cui sia concesso dal Pontefice, coniugi e figli di cittadini. Tuttavia la cittadinanza vaticana si perde quando gli interessati vengono a perdere inevitabilmente uno di questi presupposti (rimanendo con la sola cittadinanza d'origine, che non si perde quando si acquisisce quella vaticana): se ne deduce che il popolo è temporaneo, in quanto coincidente con la popolazione.

Lo Stato della Città del Vaticano è dotato di un proprio esercito costituito dal Corpo della Guardia Svizzera Pontificia, avente rango di Reggimento, e di un corpo di polizia denominato Corpo della Gendarmeria dello Stato della Città del Vaticano.

Alla data del 4 novembre 2008 la Santa Sede intratteneva rapporti diplomatici bilaterali con 177 Paesi del Mondo. La rete diplomatica della Santa Sede si è notevolmente al­largata negli ultimi decenni. Nel 1978, quando salì al soglio pontificio Giovanni Paolo II, i Paesi con cui la Santa Se­de intratteneva pieni rapporti diplomatici erano 84. Alla fine del pontificato wojtyliano erano passati a 174.

Con papa Benedetto XVI se ne sono aggiunti altri tre: Montenegro, Emirati Arabi Uniti e Botswana. Oggi quin­di sono diventati 177, cui vanno aggiunti la Fe­derazione russa e l’OLP con cui ci sono relazio­ni diplomatiche di natura speciale. Un caso particola­re è quello di Taiwan, dove la Santa Sede dal 1979 fa risiedere non più un nun­zio, ma un sempli­ce «incaricato d’af­fari ad interim». La Santa Se­de ha poi relazioni con il Sovrano Militare Ordine di Malta.

Oggi la Santa Sede mantiene osservatori per­manenti presso varie organizzazioni internazionali e regionali: le sedi ONU di New York e Ginevra, la FAO, l’OSCE, il WTO, l’UE, la Lega Araba e l’Unione Africana.

La Città del Vaticano si estende su 44 ettari di terreno. Ha 791 residenti di cui 565 cittadini (stima a ottobre 2008).

All'origine delle risorse economiche dello SCV, si colloca la convenzione finanziaria del 1929. In essa, lo Stato italiano riconoscendosi debitore alla Santa Sede per essersi annesso l'antico Stato della Chiesa, versava alla stessa, a titolo di indennizzo, importanti somme sia in contanti sia in titoli del debito pubblico. A partire dunque (in buona parte, ma non certo esclusivamente) da questo capitale iniziale, l'economia del piccolo Stato si basa quasi esclusivamente sugli investimenti internazionali, mobili e immobili, dalle offerte dei fedeli, sul patrimonio esistente e sulle rendite, sulle rimesse dalle diocesi sparse nel mondo. Queste sono 4649, riunite in 110 Conferenze Episcopali.

Il bilancio è gestito dall'ente Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica (APSA) attualmente (2008) guidata dal cardinale Attilio Nicora, e controllato dalla Prefettura per gli Affari economici, attualmente (2008) guidata dall'arcivescovo Velasio De Paolis C.S. Questa istituzione ha inoltre il compito di controllare i bilanci dell'Istituto per le Opere di Religione (IOR), meglio conosciuto come Banca Vaticana.

Fra i compiti dell'APSA c'è anche quello di coniare moneta. Nel 1998 l'Unione europea ha autorizzato l'APSA ad emettere 670 mila euro l'anno. Le emissioni di moneta hanno carattere prevalentemente numismatico, e sono destinate soprattutto ad essere vendute ai collezionisti. Allo stesso modo, le emissioni di francobolli (effettivamente e pienamente validi per affrancare corrispondenza in partenza dallo SCV) sono destinate in larga misura al mercato filatelico.

Infine, va ricordato che nel bilancio pubblicato dall'APSA non figurano le uscite relative ai costi di gestione di alcune strutture gestite direttamente dal Vaticano, come le università pontificie ed ospedali come il Policlinico Gemelli ed il Bambin Gesù di Roma, ma figurano le entrate dell'Obolo di San Pietro, ossia le donazioni che i fedeli sparsi nel mondo offrono al Papa per le molteplici necessità della Chiesa Universale e per le opere di carità in favore dei più bisognosi, entrate che vengono pubblicate annualmente tramite un Comunicato del Consiglio di cardinali per lo studio dei problemi organizzativi ed economici della Santa Sede. Il gettito 2007 è ammontato a 79.837.843 Dollari USA pari a circa 50 milioni di euro, di cui 14.309.400 $ versati da un anonimo donatore.

La Città del Vaticano è fra i paesi che non hanno né firmato né ratificato il Protocollo di Kyōto; è però il primo Stato a impatto serra zero.

Molti sono stati nel tempo gli artisti e gli architetti che ricevettero dai diversi Papi succedutisi sulla cattedra di Pietro - primo Papa della storia - l'incarico di fornire la loro opera negli edifici vaticani.

Alla stessa basilica che ancor oggi simboleggia il centro della cristianità, lavorarono tra gli altri artisti quali Bramante e il Pinturicchio , Michelangelo e Bernini con i suoi allievi.

Quella che è ancor oggi la residenza del Papa, vale a dire il complesso dei Palazzi Vaticani, racchiude un inestimabile valore storico ed artistico: si tratta di un insieme di edifici che complessivamente contano oltre mille stanze, nel quale trovano sede anche alcuni dicasteri pontifici (come, ad esempio, la Dataria Apostolica e la cancelleria), ma anche musei e la Biblioteca Apostolica Vaticana, in cui sono custoditi una collezione di antichi manoscritti e oltre un milione di volumi rilegati.

Meta prediletta nelle visite di pellegrini e turisti sono le parti più famose dei palazzi pontifici, tra le quali spiccano la Cappella Sistina con gli affreschi di Michelangelo, le stanze e le logge vaticane elegantemente affrescate da Raffaello, e gli appartamenti papali, ricchissimi di altre opere d'arte come gli affreschi del Beato Angelico.

Infine, nei Musei Vaticani sono ospitati il Museo Gregoriano Egizio ed etrusco, il Museo Pio-Clementino, il Museo Chiaramonti e la Pinacoteca vaticana.

Il monumento più famoso del Vaticano è sicuramente la basilica di San Pietro, coronata dalla Cupola di Michelangelo, imponente sulla grandissima Piazza racchiusa nel mirabile Colonnato del Bernini, dove la domenica e in altre ricorrenze si affollano i fedeli cattolici per ascoltare il Papa.

Il Vaticano è, inoltre, l'unico stato al mondo ad essere stato dichiarato per intero patrimonio dell'umanità dall'UNESCO, unitamente alle altre proprietà extraterritoriali della Santa Sede nel centro storico di Roma.

Un episodio del telefilm italiano Don Matteo 4, dal titolo Delitto in biblioteca, è ambientato in gran parte nella Città del Vaticano. Infatti, in quell'episodio i protagonisti si recano nella Città del Vaticano per risolvere un complicato giallo.

Per la parte superiore



Geografia della Città del Vaticano

Europa

Coordinate: 41°54′10″N 12°27′9″E / 41.90278, 12.4525 La Città del Vaticano è uno stato dell'Europa meridionale, confinante esclusivamente con la Repubblica italiana (città di Roma). Con i suoi 0,44 km² di estensione, è il più piccolo stato del mondo. Fuori dal Vaticano, 13 edifici in Roma e a Castel Gandolfo (RM), residenza estiva del Papa, godono di diritti extraterritoriali.

Europa meridionale, enclave di Roma (Italia).

La Città del Vaticano ha un'area totale di 0,44 km² che sono esclusivamente di terra, senza essere coperti da acque.

La Città del Vaticano è uno stato senza sbocco al mare, ed ha un confine di 3,2 km con l'Italia.

Il clima è temperato, con inverni miti e piovosi ed estati calde e secche.

La Città del Vaticano sorge su una bassa collina, chiamata Colle Vaticano (in latino: Mons Vaticanus) sin da quando esiste il Cristianesimo. Il nome del colle potrebbe giungere dalla lingua etrusca.

I luoghi estremi sono senza nome: il più basso di trova a 19 m s.l.m., il più alto a 75 m s.l.m.

Per la parte superiore



Emissioni filateliche della Città del Vaticano

Le emissioni filateliche della Città del Vaticano sono tutti i francobolli, cartoline e areogrammi prodotti e validi nella Città del Vaticano. Tutte le emissioni vaticane sono sancite da "Ordinanze", pubblicate sulle Acta Apostolicae Sedis (la gazzetta ufficiale della Santa Sede) e sia le ordinanze che le Acta sono interamente affrancati e bollati 1° giorno.

Il primo francobollo venne emesso il 1 gennaio 1852 sotto Papa Pio IX e la competenza su questo servizio venne affidato al cardinale camerario. Con l'esproprio dei possedimenti della Santa Sede in seguito all'unità d'Italia la Città del Vaticano interruppe la sua attività filatelica riprendendola solo il 1 giugno 1929 con l'annessione dello stesso all'U.P.U. a seguito dei Patti lateranensi. Le prime emissioni del 1900 furono eseguite con l'aiuto di personale e mezzi concessi dal Regno d'Italia come precedentemente stabilito.

Per la parte superiore



Selezione di calcio della Città del Vaticano

Vatican City coa.png

La Selezione di calcio dei dipendenti vaticani, erroneamente identificata come "Nazionale", è la selezione fra i dipendenti vaticani che militano nel campionato interno composto da una decina di squadre, in rappresentanza di diversi dicasteri ed uffici della Città del Vaticano. Il Vaticano non è membro né della Federazione calcistica internazionale, la FIFA né dell'UEFA e come tale non partecipa alle qualificazioni per la Coppa del Mondo o il Campionato Europeo.

Come detto la squadra è formata da dipendenti di vari dicasteri ed uffici vaticani, quali ad esempio i Musei Vaticani, le Poste Vaticane, i Servizi Tecnici, i Servizi Economici, la Radio Vaticana, il Governatorato, l'Osservatore Romano, la Guardia Svizzera e la Gendarmeria, tanto per citare quelli più conosciuti, per finire con altri numerosi uffici meno conosciuti ma non meno importanti. La conduzione amatoriale e dopolavoristica di tutta la squadra nonché gli impegni del peculiare lavoro svolto, permettono solo di poter giocare poche e rare partite.

Gli unici incontri internazionali di cui si hanno prove certe sono stati il pareggio 0-0 contro Monaco il 23 novembre 2002, un pareggio sempre 0-0 con una rappresentativa di San Marino, tre vittorie con rappresentative della diocesi di Limburg e una recente vittoria per 5-1 contro il SV Vollmond, un club svizzero, in un match disputato nel 2006 al Campo Cardinale F. Spellman di Roma nei pressi del Vaticano.

Considerato che lo Stato della Città del Vaticano è troppo piccolo per ospitare un campo da calcio, lo "stadio di casa" è situato fuori dei suoi confini.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia