Christian Bale

3.3388608507269 (1387)
Inviato da amalia 24/03/2009 @ 09:08

Tags : christian bale, attori e attrici, cinema, cultura

ultime notizie
Christian Bale fa riscrivere la sceneggiatura di Terminator - FilmFilm.it
Christian Bale ha costretto gli sceneggiatori del suo prossimo film Terminator Salvation a riscrivere parte del copione per dare al suo personaggio una parte piu' consistente. Inizialmente l'attore era stato ingaggiato per interpretare il ruolo del...
Poster Premiére: Johnny Depp e Marion Cotillard braccati da ... - ScreenWEEK.it Blog
... mentre in Italia si aspetta in ottobre, distributo dalla Universal Pictures International Italy - ruota intorno alle figure di John Dillinger, Baby Face Nelson e Pretty Boy Floyd, pericolosi quanto affascinanti gangster… mentre a Christian Bale,...
Incidente in moto: l'attore Christian Bale perde un pezzo di dito - 4minuti.it
LONDRA (5 maggio 2009) - L'attore inglese Christian Bale, interprete degli ultimi due film di Batman e protagonista di Terminator: Salvation, ha perso una parte del dito indice sinistro durante un incidente in moto. L'attore, secondo quanto riporta il...
Christian Bale parla di Batman 3 - Bad Taste
Christian Bale parla di Batman per la prima volta da mesi: l'Oscar a Heath Ledger ei pochi premi al Cavaliere Oscuro, ma soprattutto il terzo episodio della saga di Christopher Nolan... Total Film ha parlato con Christian Bale del sequel del Cavaliere...
Tre nuove locandine di Nemico Pubblico - Bad Taste
Sono usciti tre nuovi poster dei personaggi di Public Enemies, in italiano Nemico Pubblico, il gangster movie di Michael Mann con Johnny Depp e Christian Bale... Sono online tre locandine dei personaggi di Nemico Pubblico (intitolato Public Enemies in...
Christian Bale: sì a Batman 3, ma con una buona sceneggiatura - MovieSUSHI
In una recente intervista con TotalFilm, l'attore Christian Bale ha dichiarato di voler sfatare l'idea generale che vede come sicuramente fallimentare l'ipotesi di fare un terzo film di Batman. "Mi chiedete se faremo un terzo film?", ha dichiarato Bale...
Bale parla del terzo Batman - Spaziofilm
Ora, però, si torna a parlarne: "merito" di Total Film, che ne ha chiesto notizia all'attore Christian Bale. "Faremo un terzo film? Dev'esserci la storia giusta" - ha dichiarato. "Non si può fare qualcosa come Il Cavaliere Oscuro e poi uscire con...
Terminator Salvation: il supertrailer! - Bad Taste
Dura ben quattro minuti il nuovo supertrailer di Terminator Salvation, un riassunto di buona parte del film con Christian Bale e Sam Worthington con un mucchio di scene inedite! Parlando a Sci-Fi, il regista di Terminator Salvation McG ha spiegato il...
John Connor è pronto per iniziare la resistenza - CNR Media
Terminator Salvation è il primo capitolo di una trilogia dedicata alle gesta di John Connor, interpretato dall'attore Christian Bale Ambientato nel 2018 in un futuro post-apocalittico torna sul grande schermo l'eterna battaglia tra uomini e macchine....
Terminator Salvation - Primissima
Ambientato nella Terra post-apocalisse del 2018, il film ha per protagonista Christian Bale nel ruolo di John Connor, l'uomo destinato a guidare la restistenza degli Umani contro Skynet e la sua armata di Terminator. Il futuro in cui Connor crede viene...

Christian Bale

Christian Bale da bambino, negli anni della sua interpretazione ne L'impero del sole

Christian Charles Philip Bale (conosciuto professionalmente anche come Christian Morgan Bale) (Haverfordwest, 30 gennaio 1974) è un attore britannico.

È conosciuto per le sue interpretazioni di American Psycho, Batman Begins e The Prestige, oltre molte altre. Bale è anche noto per la sua versatilità come attore, includendo anche l'abilità con cui ha padroneggiato l'accento inglese, e per come si è dimostrato disposto a perdere e acquisire peso (in particolare per "The machinist", "Batman Begins", e più recentemente L'alba della libertà) e generalmente per entrare proprio dentro il personaggio che interpreta. Prima di ottenere il successo con Batman, Bale era molto presente nell'industria cinematografica indipendente.

Bale divenne celebre all'età di 13 anni per il ruolo del protagonista del film di Steven Spielberg L'impero del sole (1987) nei panni di un ragazzo che viene separato dai suoi genitori e si ritrova in un campo d'internamento giapponese durante la Seconda Guerra Mondiale. Da allora, ha interpretato una gran quantità di ruoli. Weekly lo ha nominato "Top 8 Most Powerful Cult Figures of the Past Decade" (Tra le prime 8 figure di maggiore cult nella passata decade). Nel 2007 è stato votato dagli utenti di IMDb come miglior attore sotto i 40 anni. Entertainment Weekly lo ha anche descritto come "Most Creative People in Entertainment" (persona più creativa nello spettacolo) dopo la sua interpretazione in American Psycho. Recentemente, Bale ha ottenuto un grande successo e ottime critiche per l'interpretazione di Batman nella pellicola del 2005 Batman Begins, accanto a Michael Caine e Cillian Murphy. Bale ha vestito nuovamente i panni del supereroe per il sequel del film dal titolo Il cavaliere oscuro.

Bale nasce ad Haverfordwest, Galles, da David Bale pilota civile e poi uomo d'affari e Jenny James, un'artista circense. Bale passa la sua infanzia viaggiando in diversi paesi, tra i quali Gran Bretagna, Portogallo e Stati Uniti.

Nel 1976, quando Christian aveva solo due anni, la famiglia Bale lascia il Galles. Si stabiliscono per quattro anni in Bournemouth, dove Christian entra nella Bournemouth School e partecipa attivamente nel club di rugby. Christian ha descritto la sua infanzia con rispetto verso la carriera circense della madre, ed anche interesse. Ricorda che il suo primo bacio fu con un'acrobata di nome Barta. Da bambino, si interessò al balletto ed alla chitarra. Sua sorella Louise lavorò a teatro e influenzò molto Christian nella decisione di diventare un attore. David Bale sostenne molto la decisione di Christian. Si dimise dal suo lavoro di pilota commerciale, per viaggiare e gestire la carriera di Christian.

Il debutto di Bale come attore avvenne a Lenor nel 1982, quando aveva 8 anni. Apparì in uno spot di Pac-Man facendo la parte di un bambino rock-star un anno dopo. Nel 1984, fece il suo debutto sul palco nell'opera della West End The Nerd accanto a Rowan Atkinson.

Bale debuttò nel film televisivo Anastasia: Il mistero di Anna nel ruolo di Tsarevich Alexei Nikolaevich di Russia nel 1986, che poi lo portò a interpretare ruoli primari nella miniserie Heart of the Country e nell'avventuroso fantasy Mio in the Land of Fareway, dove apparve per la prima volta accanto a Christopher Lee.

Nel 1987, Amy Irving, la sua co-star in Anastasia: il mistero di Anna, lo raccomandò all'allora suo marito, Steven Spielberg, per un ruolo in L'impero del sole, adattato dal semi-autobiografico racconto di J.G. Ballard. L'interpretazione di Bale come Jim Graham gli fece guadagnare gli elogi della critica ed il suo primo "Best Performance by a Juvenile Actor" ("migliore interpretazione di un giovane attore"), un premio della National Board of Review of Motion Picture (Board creò questo premio appositamente per Bale). L'attenzione della stampa e dei suoi compagni, creò uno stato emotivo di tale stress che Christian decise di smettere di recitare. Presto però, Kenneth Branagh lo avvicinò, e lo persuase a tornare a recitare con il film Henry V nel 1989.

Nel 1992 è la star del musical Disney Newies in cui interpreta il ruolo di Jack Kelly. Nel 1993 è la star di Swing Kids, un film riguardo dei teenagers che ascoltano segretamente il jazz e lo ballano nel mezzo della Germania nazista. Bale ottiene maggior notorietà quando ottiene il ruolo di Laurie nell'adattamento del 1994 di Piccole donne, dopo essere stato scelto personalmente per la parte da Winona Ryder, che nella pellicola interpretava Jo March, con la quale stringerà una forte amicizia. Nel 1995 è la voce di "Thomas" nel film Disney Pocahontas: curiosamente, dieci anni dopo prenderà parte a The New World di Terrence Malick, film incentrato proprio sulla figura di Pochahnotas. Nel 1996 ottiene un piccolo ruolo nel Ritratto di signora di Jane Campion, ed è il protagonista di Metroland (1997), di Philip Saville.

Da allora ottiene parti importanti in opere come Velvet Goldmine (1998) e All the Little Animals (1998). L'anno successivo è Demetrius in Sogno di una notte di mezza estate (1999), accanto a Kevin Kline, Michelle Pfeiffer e Rupert Everett.

Nel 1999, Bale si preparò a intraprendere ciò che lo avrebbe fatto conoscere a livello mondiale, il serial killer Patrick Bateman in American Psycho.

La regista Mary Harron, che aveva precedentemente diretto la biografia di Valerie Solanas ossia Ho sparato a Andy Warhol, ricevette il compito di dirigere il riadattamento del romanzo controverso di Bret Easton Ellis, ma lasciò subito il progetto quando venne a conoscenza del cast, in cui figurava Leonardo DiCaprio al posto di Bale, la sua prima scelta. Harron citò problemi inerenti al budget, dicendo che DiCaprio rappresentava una spesa eccessiva per quella produzione.

Il film differiva dal romanzo in alcuni tratti, ma fu generalmente fedele all'opera cartacea. Bateman era, fuori, uno stereotipato yuppie, ma sotto la pubblica immagine che aveva creato per se stesso era un assassino psicopatico. Bale fece delle ricerche su Bateman mentre studiava il romanzo. Si allenò fisicamente per il ruolo spendendo mesi per l'abbronzatura ed esercitandosi rigorosamente per poter raggiungere il fisico Olimpionico di Bateman, ed arrivò anche a distaccarsi dal cast per mantenere il lato oscuro del personaggio di Bateman. La prima di American Psycho ebbe luogo al Sundance Film Festival, del 2000, con molte controversie. Il famoso critico americano Roger Ebert sembrava condannare il film all'inizio, definendolo "pornografico" e "il peggior film a Sundance," ma gli diede una critica favorevole, scrivendo "ha trasformato un romanzo sanguinario in un film riguardante la vanità dell'uomo". Riguardo la performance di Bale, scrisse "Christian Bale è eroico per come permette al personaggio di saltare allegramente nel disprezzo; non c'è l'istinto di auto-conservazione qui, e questo è merito di un buon attore." Il 14 aprile 2000, Lions Gate Films finalmente rilasciò American Psycho nei cinema. Il budget del film ed il costo del marketing si aggirava intorno ai 17.000.000 dollari; ebbe un profitto globale di 34.266.564 dollari.

Ciò consacrò Bale come attore capace ed affidabile, e consolidò il suo status di idolo. Bale venne chiamato anche per un'apparizione in un altro adattamento cinematografico di un romanzo di Ellis, Le regole dell'attrazione, che aveva un, se pur minimo, collegamento con American Psycho. Decise di rifiutare l'offerta per lealtà alla visione che aveva la Harron di Bateman, e che a suo parere non poteva essere espressa propriamente da nessun altro.

Nel film Shaft (2000), Bale recitò nel ruolo di un personaggio simile a Patrick Bateman, uno yuppie razzista di nome Walter Wade, Jr., una decisione presa proprio per la somiglianza dei due ruoli. Bale riconobbe che aver preso un personaggio tanto simile, e così presto rispetto al precedente film, forse, fu un errore.

Dal 2001 interpreta un numero impressionante di personaggi. Il suo primo ruolo dopo American Psycho fu nell'adattamento di John Madden di uno dei best-seller più acclamati, ossia Il mandolino del capitano Corelli (Captain Corelli's Mandolin), in cui recitò la parte di un pescatore greco, Mandras, che compete con il personaggio principale, interpretato da Nicolas Cage, per il cuore di Pelagia (Penélope Cruz). Il Mandras del romanzo era un personaggio molto più sviluppato, con una sua storia quasi a parte dal contesto del resto del romanzo, ma il film invece, si è concentrato più su Corelli e Pelagia. Il mandolino del capitano Corelli fu il secondo film di Bale in cui lavora con John Hurt, dopo All the Little Animals.

Il 2002 è un anno molto pesante per Bale, che si è trovato a lavorare molto ma senza ricevere il successo desiderato, con nessuno dei tre film in cui ha preso parte. Laurel Canyon (2002), un indipendente film riguardante l'amore, divise la critica. L'ego della sceneggiatura e dello stesso regista vennero poste in questione, ma i critici, furono concordi nel reputare l'attrice Frances McDormand decisamente egocentrica, tanto da oscurare il resto del cast, compreso Bale.

È poi protagonista accanto a Matthew McConaughey del thriller-fantasy Il regno del fuoco di Rob Bowman e del film di fantascienza Equilibrium di Kurt Wimmer, che, dopo un risultato ai botteghini modesto, diventa a poco a poco un film cult. Il regno del fuoco ebbe un immenso budget (più di 90.000.000 di dollari); il plot riguardava un drago sputa-fuoco che viene svegliato dall'ibernazione, portando con sé centinaia di minacce nel mondo. Bale ebbe delle esitazioni riguardo la sua partecipazione nel film, ma il regista Rob Bowman lo convinse a prendere il ruolo principale. Bale interpretò Quinn Abercromby, opposto al personaggio di Matthew McConaughey, Denton Van Zan, due eroi che hanno lo stesso obiettivo, ma metodi per raggiungerlo totalmente differenti. Bale e McConaughey si allenarono per i loro rispettivi ruoli lavorando duramente e facendo boxe. Il film fallì ai botteghini americani, e contribuì a far crescere la depressione di Bale.

Equilibrium è il terzo film del 2002 di Bale, e potenzialmente avrebbe potuto rappresentare il crollo definitivo per la sua carriera, che costò 20.000.000 dollari di produzione, ma ne guadagnò appena poco più di 5.000.000 in tutto il mondo. Questo fallimento commerciale potrebbe essere associato alla mancanza di sponsorizzazione in tutto il mondo. Eppure divenne un tale cult dopo l'uscita del DVD che al regista Kurt Wimmer venne garantito un budget di 30.000.000 dollari per dirigere Ultraviolet. Bale interpretò John Preston, un appartenente ad un ordine di agenti letali, in una società post-apocalittica. Equilibrium figura un' arte marziale romanzata, il Gun Kata, ispirata a The Matrix ed ai film di John Woo, che combinava il combattimento a fuoco con quello a mani nude. Preston è un maestro di Gun Kata, che lo rese un memorabile quanto particolare protagonista. I fanbase di Preston furono così numerosi che un numero di fans si unirono per sviluppare un total conversation mod per il gioco PC Max Payne 2 che doppiò Hall od Mirrors. Secondo moviebodycounts.com il personaggio di John Preston ha il maggior numero di uccisioni onscreen, che un singolo film abbia mai avuto. Il suo kill-o-meter segnala 118, esattamente la metà del totale di tutti i film 236.

Subito dopo aver terminato le riprese di questa pellicola, Bale in soli quattro mesi torna al suo fisico originario, guadagnando quasi 10 ulteriori chili di muscoli per interpretare Batman in Batman Begins (2005) di Christopher Nolan. La sua interpretazione viene ancora una volta acclamata, soprattutto dagli appasionati del fumetto.

Secondo quanto dichiarato dallo stesso attore, queste trasformazioni hanno danneggiato pesantemente il suo metabolismo, ma gli hanno guadagnato un'ottima reputazione come uno degli attori più "impegnati" della sua generazione. È stato comparato a Robert De Niro, che per il ruolo di Jake LaMotta in Toro scatenato prese 25 chili. L'uomo senza sonno comunque, ebbe per la maggior parte apprezzamenti dalla critica, che rimase colpita interamente per la dedizione di Bale. La produzione del film costò 5.000.000 dollari, venne data una visione nei cinema statunitensi solo limitata, così fece la maggior parte dei profitti oltre oceano.

Nel 2005 ottiene una parte nel quarto film dell'enigmatico regista statunitense Terrence Malick, The New World ed ha anche ricevuto un ruolo in Harsh Times - I giorni dell'odio; ancora in The Prestige e ultimamente ha soffiato il posto in Quel treno per Yuma a Tom Cruise. Nell'estate 2007 ha girato il sequel di Batman Begins, intitolato Il cavaliere oscuro.

Bale, come ammiratore di La città incantata di Hayao Miyazaki, venne scelto per il cast de Il castello errante di Howl, un adattamento del romanzo di Diana Wynne Jones, come voce del personaggio principale, il mago Howl.

Bale era stato uno dei contendenti per la parte di Batman, sin dal 2002. Aveva già cercato di entrare nel cast per la parte di Robin in Batman Forever, ma perse per Chris O'Donnell. Nel 2004, dopo aver completato le riprese di The Machinist, Bale vinse il ruolo e venne a diventare la star del cast principalmente Britannico e Irlandese con Liam Neeson, Katie Holmes, Michael Caine, Morgan Freeman, Tom Wilkinson, Gary Oldman, Rutger Hauer, e Cillian Murphy nel Batman Begins di Christopher Nolan, un film che ri-inizia completamente il mito di Batman ponendosi ancora prima delle visioni di Burton e Schumacher. Bale vinse contro Jake Gyllenhaal, l'altro temibile attore proposto per il ruolo. Ancora fresco dall'interpretazione di The Machinist, divenne necessario per Bale costruire il più possente fisico di Batman. E gli vennero dati soli sei mesi per adempire a questo compito. Bale ricorda di quel periodo "...quando mi ritrovai a dover ricostruire i miei muscoli, mi ritrovai impossibilitato a farlo. Non potevo dare un solo pugno il primo giorno. Tutti i muscoli erano andati, così dovetti ricostruirli totalmente." Con l'aiuto di un personal trainer, Bale riuscì nell'impresa, quadagnando 45 chili in esattamente sei mesi. Così lavorò al realizzare propriamente dei muscoli su quella massa.

Bale inizialmente, per comprendere il personaggio di Batman lesse diversi volumi del fumetto. Spiegò la sua interpretazione del Cavaliere Oscuro: "Batman è nascosto, un demone pieno di rabbia. Wayne, il creatore di Batman, realizza una creatura assolutamente sincera, che deve saper controllare, ma che lo fa in modo non ponderato. È capace di rappresentare la violenza, e di uccidere anche...così deve costantemente tenere le sue redini...". Per Bale la parte più difficile è stata il costume: "ti si attacca...fa caldo...sudi...e ti prende un mal di testa assurdo..." ha detto, "ma non voglio lamentarmene perché avevo ottenuto il ruolo di Batman." Durante la promozione del film, Bale accentuò l'accento americano di Bruce Wayne, per evitare che si considerasse Batman Britannico.

Batman Begins uscì nelle sale il 15 giugno 2005, con la totale approvazione della critica e del pubblico. Nolan venne applaudito per aver creato il film più tradizionale optando per effetti speciali live-action, in un periodo in cui la CGI era economica e creditata. Il cast venne molto apprezzato, ma Bale, fu il più acclamato, per aver davvero creato un perfetto ritratto di entrambi Batman e Bruce Wayne. Vinse il premio Best Hero al MTV Movie Awards 2006 per la sua interpretazione.

Batman Begins fu un trionfo domestico ed internazionale per la WB, costato approssimativamente 135.000.000 dollari di produzione, ne guadagno in giro per il mondo più di 370.000.000. Venne anche sviluppato un gioco per GameCube, PlayStation 2, Xbox e Game Boy Advance; Bale ha doppiato la voce di Batman in tutti i giochi.

Grazie al successo del primo capitolo, Bale ha rivestito il ruolo dell'uomo pipistrello anche nel sequel Il cavaliere oscuro (2008), sempre diretto da Nolan.

Dopo esser stato la star del film Batman Begins, Bale è tornato ai film indipendenti. Bale è stato scelto per interpretare uno dei due personaggi principali nel film drammatico Harsh Times - I giorni dell'odio, diretto da David Ayer. Bale interpreta Jim David, un veterano della Guerra del Golfo afflitto da disordine da stress post-traumatico, inesplicabilmente contattato dal DHS ( Department of Homeland Security ) e preso come agente federale. Harsh Times è stato presentato al Toronto International Film Festival del 2005, ed è uscito nelle sale il 10 novembre 2006. Terrence Malick ha diretto The New World, un'opera ispirata alla storia di Pocahontas, e Bale ebbe il ruolo di John Rolfe, per la seconda volta protagonista in un lavoro inerente Pocahontas. Ha condiviso il set con Colin Farrell e Q'Orianka Kilcher, che interpretarono i due amanti John Smith e Pocahontas. In generale, Bale appare in questo film solo verso l'ultimo terzo, in quanto tutta la durata scenica venne destinata a Farrell e Kilcher. La critica era divisa dal punto di visto dei meriti narrativi del film, e del rispetto degli eventi storici. Il film fu un fallimento ai botteghini statunitensi, ed il suo guadagno globale fu di 29.506.437 dollari, mentre la spesa di produzione fu di 30.000.000 dollari.

Nel 2006 Bale lavora a tre progetti: L'alba della libertà, del regista tedesco Werner Herzog, dove recita nel ruolo di un combattente statunitense, che deve combattere per la sua vita dopo esser stato colpito in una missione nella Guerra del Vietnam. Bale ha lasciato una forte impressione su Herzog, che lo ha esaltato dicendo: "l'ho trovato uno dei più grandi talenti di questa generazione. Lo abbiamo capito molto prima della sua interpretazione di Batman." In The Prestige, un adattamento del romanzo di Christopher Priest riguardo una rivalità tra due maghi dell'Epoca Vittoriana; Bale ritrovò Michael Caine ed il regista Christopher Nolan. Il cast di The Prestige vedeva anche spiccare Hugh Jackman, Scarlett Johansson, Piper Perabo e David Bowie. Io non sono qui, riflessione artistica della vita di Bob Dylan, ed include nel cast Cate Blanchett, Richard Gere, Julianne Moore e Charlotte Gainsbourg. Riveste ancora il ruolo di Batman nel sequel di Batman Begins, Il cavaliere oscuro (2008), ancora diretto da Nolan, che diventa il secondo maggiore incasso cinematografico.

Il 29 gennaio 2000 Bale si è sposato con Sandra "Sibi" Blazic (nata nel 1970), produttrice di film indipendenti, che è stata una modella, una truccatrice ed ex-assistente personale di Winona Ryder, che li avrebbe presentati ad un party. I due hanno avuto una figlia, nata il 27 marzo 2005 a Santa Monica in California, Emmaline.

Bale ha tre sorelle più grandi Erin, una musicista, Sharon, una professionista impegnata nel mondo dell'informatica, e Louise Bale, un'attrice di teatro e regista. La famiglia Bale è molto stimata nel mondo dello spettacolo, specialmente nel teatro. Bale è un lontano parente dell'attrice inglese Lillie Langtry, mentre suo zio, Rex Bale, e suo nonno materno, erano attori.

Come suo padre David, Christian è un animalista convinto sin da giovane, ha l'abitudine di adottare tutti gli animali abbandonati che incontra; vegetariano, è attivo in numerosi progetti umanitari ed ambientalisti, e sostiene apertamente ed attivamente diverse associazioni tra le quali Greenpeace, World Wildlife Fund, Diane Fossey Gorilla Fund e Happy Child Mission. Christian ha ottenuto il famoso premio femminista Gloria Steinem come desiderio della sua matrigna, dopo il matrimonio con suo padre avvenuto il 3 settembre del 2000, e prima della sua morte avvenuta nel 2003.

Nel film d'animazione Pocahontas la voce dell'attore è sostituita da quella di Stefano Crescentini.

Per la parte superiore



Patrick Bateman

Patrick Bateman

Voce principale: American Psycho.

Patrick Bateman è un personaggio immaginario creato dallo scrittore californiano Bret Easton Ellis, protagonista del romanzo American Psycho e della sua successiva trasposizione cinematografica. Il personaggio appare anche in altri romanzi di Ellis: Le regole dell'attrazione, Glamorama e Lunar Park.

Bateman è un ventisettenne psicopatico che vive a New York e lavora come finanziere di Wall Street, vive in una bella casa, ha una bella fidanzata, e divide le sue giornate tra lavoro, palestra, uscite con gli amici in locali di lusso a base di discussioni frivole ed inconsistenti e droga e visite all'estetista, conducendo un'invidiabile vita. Tuttavia sotto questa facciata, Patrick nasconde un orribile segreto: di notte questo "ragazzo della porta accanto" si trasforma in un assassino spietato e sanguinario che si aggira per i vicoli di New York armato di coltelli e armi mortali con i quali tortura e uccide senzatetto, prostitute, passanti, animali, bambini e occasionalmente anche colleghi.

Patrick Bateman lavora alla Pierce & Pierce, investimento fittizio della Wall Street, e vive in un lussuoso appartamento sull'Upper West Side, in American Gardens Building (dove è un vicino di casa dell'attore Tom Cruise). Come detto in precedenza, Patrick ha una doppia vita di letale serial killer, e i suoi crimini, che comprendono stupro, tortura, omicidio, necrofilia e cannibalismo sono descritti con grande cura di particolari nel romanzo.

Patrick proviene da una famiglia benestante. I suoi genitori hanno una casa a Long Island, ed una residenza estiva a Newport. I genitori di Patrick sono divorziati, la madre è diventata malata di mente e risiede in un sanatorio, mentre il padre (comparso per la prima volta in Le regole dell'attrazione) è cresciuto in un terreno del Connecticut e ora possiede un appartamento al Carlyle Hotel, a Manhattan. All'apparenza è stato dato per morente nel precedente romanzo, e a differenza dell'ex moglie, viene soltanto menzionato nel corso della storia. Patrick ha anche un fratello minore, Sean (protagonista del romanzo Le regole dell'attrazione) che detesta ricambiato, e che studia al Camden College. Patrick ha studiato alla Phillips Exeter Academy, si è laureato nel 1984 all'Università di Harvard, ha frequentato la Harvard Business School e due anni dopo si è trasferito a New York.

Secondo la sua fidanzata Evelyn, il padre di Patrick "praticamente possiede l'azienda". Il posto di lavoro di Patrick ricorda una sinecura; egli spende poco tempo nell'ufficio, e quando è lì lavora poco. Mentre è in ufficio, Patrick si dedica a inutili passatempo, come il cruciverba, scarabocchiare, guardare la televisione, leggere o ascoltare musica pop. Patrick passa il suo tempo libero frequentando nightclub, mangiando in ristoranti di tendenza, facendo shopping in negozi importanti o visitando la palestra e i saloni di abbronzatura. Secondo il suo migliore amico Timothy Price, egli è particolarmente popolare con le donne. È un po' elitario e possiede una conoscenza enciclopedica dei beni di consumo di fascia alta, dall'abbigliamento agli elettrodomestici e perfino le marche di acqua in bottiglia, ed è in grado di riconoscere immediatamente i marchi indossati dai colleghi, dagli amici e anche dalle celebrità. A casa si diverte a guardare videocassette noleggiate, in particolare film porno violenti (spesso riguardanti anche pornografia infantile), film horror e slasher movies (il suo preferito è Omicidio a luci rosse) e vari show televisivi, tra i quali un immaginario show chiamato The Patty Winters Show. Patrick spesso usa dire "devo restituire una videocassetta" come scusa per giustificare il tempo che ha trascorso seviziando e uccidendo le sue vittime, e all'occorenza per allontanarsi dai suoi amici.

Bateman ama molto diversi generi di musica, dal genere pop-rock al pop. Ama ad esempio i Talking Heads e, tra gli altri, i Genesis, Whitney Houston e Huey Lewis & The News (a ciascuno di questi artisti è dedicato un capitolo). Ascolta anche musica jazz, come Dizzy Gillespie e Bix Beiderbecke. Disprezza la musica rap, che definisce "negroide" e odia assistere a musica eseguita dal vivo, anche se in un capitolo assiste ad un concerto degli U2 e stabilisce una sorta di collegamento psichico con il cantante Bono.

Come scritto da Ellis, Patrick Bateman rappresenta il classico stereotipo dello yuppie: è avido, ricco, superficiale, spendaccione e dipendente dalla droga e dal sesso. Tutti i suoi amici gli assomigliano, al punto che egli confonde spesso uno per un altro, e spesso anche gli altri scambiano lui per un'altra persona. Nel corso del romanzo e gli riporta con una cura ossessiva di dettagli ogni caratteristica del suo abbigliamento e di quello degli altri, come pure le marche degli oggetti, degli elettrodomestici, e gli eventi della sua routine quotidiana (un chiaro esempio e la scena in cui confronta il suo biglietto da visita con quello dei colleghi). Patrick è fidanzato con una donna altrettanto superficiale di lui, di nome Evelyn. In realtà i due non si amano, ma stanno insieme per il bene della loro vita sociale. Ha anche un'amante (la fidanzata di un collega che lui odia) e dispone di regolari collegamenti con prostitute e donne che incontra nei night-club, molte delle quali finiscono per diventare sue vittime. L'unica persona per la quale prova almeno una parvenza di sentimenti è la sua segretaria, Jean. Non prova alcun desiderio di farle del male, probabilmente perché è l'unica tra le persone che conosce a non essere del tutto superficiale. Ogni volta che parla di Jean, utilizza l'espressione "Jean, la mia segretaria che è innamorata di me", e parla per la prima volta di lei come qualcuno "che probabilmente un giorno sposerò".

Mentre in superficie Patrick sembra essere l'incarnazione del soave, attraente uomo d'affari, in realtà egli sembra odiare se stesso alla stessa maniera degli altri. Egli uccide molte sue vittime perché talvolta lo fanno sentire inferiore, inadeguato (è per questo motivo che trucida il collega Paul Owen). I suoi amici lo deridono definendolo "il ragazzo della porta accanto" e il suo avvocato si riferisce a lui come ad "un sanguinoso baciaculi buono buono", e viene etichettato come "yuppie fetente" da persone al di fuori della sua cerchia sociale.

Patrick spesso esprime dei dubbi per quanto riguarda la propria salute, ed ha periodici attacchi di psicosi durante i quali è preda di allucinazioni. Spesso esibisce anche fenomeni di spersonalizzazione come testimoniato da una frase da lui pronunciata: "C'è l'idea di Patrick Bateman, una sorta di astrazione, ma non esiste un vero e proprio "me". C'è soltanto qualcosa di illusorio, al mio posto, un'entità che è anche possibile toccare con mano, senonché io non ci sono. Puoi pure sentire la mia carne a contatto con la tua, e credere che i nostri stili di vita siano comparabili, ma io semplicemente non ci sono". Nonostante Patrick si definisca privo di qualsiasi emozione, egli in numerose situazioni manifesta sentimenti di rabbia, paura o dolore, come per esempio quando non riesce ad ottenere un buon tavolo in un ristorante. In un'occasione, nel bel mezzo dello smembramento di una vittima, irrompe in singhiozzi gridando "Voglio soltanto essere amato!".

Patrick cerca di mascherare queste insicurezze attraverso un'incredibile vanità e un'ossessiva cura personale con un'incrollabile attenzione ai minimi dettagli. Egli acquista abiti e oggetti di marche più costose possibile (Valentino, Oliver Peoples, Jean Paul Gaultier) per esercitare un certo controllo sulla sua altrimenti caotica vita. Allo stesso modo, egli categorizza le persone da quello che indossano, perché sono più facilmente "comprensibili", in termini di etichette e stereotipi.

Pubblicamente Patrick si presenta come una persona sensibile, preoccupata da problemi come l'Aids, l'ambientalismo, il razzismo, i senzatetto e l'economia. Tuttavia, Bateman è in realtà un virulento sessista, razzista, elitario, e omofobo.

Patrick non rispecchia il "tipico" profilo di un serial killer, egli uccide più o meno indiscriminatamente, senza alcun tipo di preferenza sulle vittime, e non adotta un metodo di uccidere in particolare. In tutto il romanzo, uccide uomini, donne, bambini e animali. Egli uccide gli uomini per rabbia o perché gli danno fastidio, ma anche senza un motivo apparente (come avviene nel 38mo capitolo in cui accoltella un bambino), mentre uccide le donne per la maggior parte per sadico piacere sessuale, spesso durante o subito dopo il sesso, ed è anche un prolifico stupratore.

Talvolta Patrick confessa i suoi crimini ad amici, colleghi di lavoro e perfino estranei ("Mi piace massacrare ragazze, sai? Sono assolutamente folle"!), ma lo fa solo per verificare se essi lo stanno ascoltando. Ovviamente gli altri pensano che stia scherzando, oppure non gli danno retta. In una scena telefona al suo avvocato e gli confessa dettagliatamente tutti i suoi crimini. All'incontro con l'avvocato (che lo scambia per un'altra persona), Patrick viene da lui deriso, mentre l'altro destituisce la sua confessione come un divertente scherzo. Il suo avvocato sottolinea che qualcuno come Bateman non potrebbe essere un assassino e che non è possibile che Patrick possa aver ucciso Paul Owen, dal momento che lui ha di recente pranzato con Owen. Patrick così non viene mai arrestato e nemmeno sospettato per il gran numero di orribili crimini che ha commesso.

Il più noto attore ad aver interpretato Bateman al cinema è Christian Bale in American Psycho di Mary Harron, adattamento dell'omonimo romanzo. Ma Bale non era la prima scelta dei produttori, infatti la parte fu offerta a Keanu Reeves, Edward Norton, Brad Pitt e Leonardo DiCaprio, ma tutti rifiutarono. Nel 2000 Dechen Thurman, fratello di Uma Thurman, ha interpretato Bateman nel documentario This Is Not an Exit: The Fictional World of Bret Easton Ellis. Nel 2002 Michael Kremko ha interpretato il serial killer nel sequel destinato al mercato home video del film della Harron, American Psycho 2.

Nel film del 2002 nel film Le regole dell'attrazione, James Van Der Beek ha interpretato il fratello minore di Bateman, Sean, il regista del film Roger Avary voleva introdurre in alcune scene Patrick Bateman, così chiese a Christian Bale di riprendere il ruolo ma l'attore britannico rifiutò, successivamente il regista chiese allo scrittore Bret Easton Ellis di interpretare la parte, ma anch'egli rifiutò. Avary per ogni eventualità girò alcune scene con Casper Van Dien, ma in fase di montaggio furono tagliate.

Per la parte superiore



Il cavaliere oscuro

The Dark Knight - Trailer 3.jpg

Il cavaliere oscuro è un film del 2008, diretto da Christopher Nolan. È il sequel di Batman Begins del 2005, anch'esso diretto da Nolan.

Si tratta del sesto adattamento cinematografico in ordine cronologico dell'eroe dei fumetti creato da Bob Kane e Bill Finger.

Le vicende raccontate si collocano dopo Batman - Il cavaliere di Gotham, raccolta di cortometraggi animati realizzati in stile anime, che vanno a coprire l'arco temporale intercorso tra Batman Begins e Il cavaliere oscuro.

Il film è uscito nelle sale degli USA il 18 luglio 2008, nelle sale in Italia il 23 luglio 2008.

Gotham City. Una banca che ricicla fondi della mafia viene rapinata da alcuni malviventi che indossano maschere da clown, al soldo del fantomatico Joker, di cui si ignora l'identità. Da quando Batman ha fatto la sua comparsa, Gotham sembra essere un posto migliore: la malavita, infatti, è terrorizzata dal misterioso vigilante, tanto che sono molti i cittadini che imitano l'uomo pipistrello, travestendosi, alla meno peggio, come lui (usano semplici protezioni da hockey). Un gruppo di questi fans assaltano lo Spaventapasseri intento a trattare con una banda criminale; interviene quindi Batman, il quale non solo neutralizza i criminali, ma anche gli pseudo-vigilantes, disapprovando il loro operato, poiché non è in questo modo che intendeva essere d'esempio.

Harvey Dent, nuovo procuratore distrettuale e nuova speranza per la città, insieme alla fidanzata e assistente Rachel Dawes, amica di infanzia di Bruce Wayne, cerca disperatamente, ma senza successo, di incastrare Sal Maroni, boss della mafia Gothamita, successore di Carmine Falcone. Anche il tenente James Gordon e la sua unità speciale perseguono lo stesso obiettivo, nonostante Dent nutra perplessità riguardo l'integrità di alcuni suoi poliziotti scelti, poichè aveva indagato su di loro quando era alla sezione disciplinare.

Nonostante sia tormentato dal rapporto tra Dent e Rachel, Bruce/Batman decide di fidarsi del procuratore: Batman, Gordon e Dent collaborano per tracciare i movimenti di denaro sporco, anche in questo caso senza successo.

Ad una riunione dei capomafia in cui il contabile Lau Chen informa la sua partenza per Hong Kong per mettere al sicuro i fondi comuni dei mafiosi, si presenta il Joker che propone la soluzione di tutti i loro problemi: uccidere Batman.

I criminali sono scettici, ma quando Batman consegna Lau a Gordon, dopo averlo seguito fino ad Hong Kong e dimostrando di non avere alcuna giurisdizione, e Dent trova un appiglio legale per incastrare centinaia di criminali, Joker mette in atto il suo piano: uccide in una macelleria un vigilante vestito da Batman e lo trucca come lui per poi legarlo ad un cappio e scaraventarlo contro la finestra dell'ufficio del sindaco. Sul cadavere c'è una carta da gioco e un DVD che contiene il filmato dell'omicidio e anche un biglietto con scritto: "Il vero Batman può alzarsi in piedi, per piacere?".

Sulla carta da gioco la scientifica trova tracce del DNA del giudice Surrilho, del commissario Loeb e del procuratore Dent. La polizia interviene, ma fallisce nel suo intento: la macchina del giudice salta in aria lasciando volare centinaia di carte da gioco del Joker, il commissario Loeb viene avvelenato con del brandy davanti agli occhi di Gordon e il Joker irrompe nell'attico di Wayne durante una festa per uccidere Dent, neutralizzando l'unico poliziotto mandato a fare da scorta a Dent. Bruce riesce a nascondere il procuratore e, nei panni di Batman, a salvare la situazione al party.

Questi tre attentati sono un terribile avvenimento: infatti nessuno avrà più il coraggio, sapendo di poter essere attaccati al Joker, di testimoniare in tribunale; ma Dent continua a perseguire nel suo scopo, per niente spaventato dall'avvenimento.

Joker, la notte successiva, uccide due poliziotti e li fa trovare alla polizia in un appartamento. Sulla scena del crimine il clown lascia un indizio sulla sua prossima vittima: il sindaco Garcia, che avrebbe ucciso l'indomani.

Durante il corteo in onore del commissario Loeb, Joker attenta alla vita del sindaco, che si salva per merito di Gordon, che gli fà da scudo e muore nella sparatoria.

Batman è deciso a rivelare la sua identità, non riuscendo a continuare a resistere a vedere tutta quella gente morta per colpa sua. Il pipistrello impone a Dent di fare una conferenza stampa nella quale si sarebbe costituito di fronte a tutta la città. Alla conferenza stampa, Dent però decide di fingersi Batman, in modo che quello vero possa prendere di sorpresa il Joker.

Con gran dispiego delle forze dell'ordine, Dent sale su un furgone blindato per essere accompagnato in carcere e sulla strada il veicolo viene attaccato dal Joker, come il procuratore aveva previsto. Batman per fortuna intuisce il piano di Dent e collabora con lui, intervenendo tempestivamente, sacrificando la Batmobile e proseguendo l'azione con il Bat-Pod, motocicletta integrata nel veicolo. Con esso insegue il Joker ed infine il criminale viene arrestato da Gordon, che aveva inscenato la sua morte per proteggere la sua famiglia e fatto un contro-piano per poter catturare il Joker. Garcia, vista l'eccellente azione e l'arresto del clown, tenuto prigioniero in commissariato, promuove Gordon a Commissario. Intanto, sia Dent che Rachel vengono rapiti dagli scagnozzi di Joker.

Interrogato da Batman, che perde il controllo e lo picchia, lo psicopatico rivela la loro ubicazione, ma inverte gli indirizzi. I due si trovano in due differenti magazzini, entrambi colmi di carburante pronto ad esplodere: una ricetrasmittente li tiene in contatto, e Rachel confida al fidanzato che l'avrebbe sposato. Batman irrompe in uno dei due magazzini convinto di poter salvare Rachel, ma al suo posto vi trova Dent (che nell'esplosione si ustiona metà del volto), mentre la polizia arriva troppo tardi per salvare Rachel, che muore a causa dello scoppio della bomba. Nel frattempo Joker evade dal commissariato con Lau: tutto è andato perfettamente secondo i suoi piani.

Un contabile della Wayne Enterprises appare in televisione, pronto a rivelare l'identità di Batman, così da porre fine agli omicidi di Joker. Ma lo stesso criminale interviene telefonicamente alla trasmissione, affermando che non vuole più conoscerne l'identità e che la cosa metterebbe fine al suo divertimento: se qualcuno non ucciderà il contabile entro sessanta minuti, lui farà esplodere un ospedale. Mentre le strutture vengono evacuate e la città è nel panico, Bruce aiuta "provvidenzialmente" la polizia a proteggere il contabile, Joker intanto si reca al Gotham Hospital. Qui, parla a Dent, lo travia e lo libera, e fa poi saltare l'ospedale, già stato evacuato. Rapisce inoltre un autobus carico di pazienti e dottori evacuati, e invia un filmato in TV in cui consiglia ai cittadini di lasciare Gotham, ma di non passare però per i ponti, unico collegamento con la terraferma.

Viene organizzata quindi la partenza con l'impiego di traghetti e nei primi due a partire vengono posti un carico di cittadini ed i criminali catturati da Dent, possibile obiettivo del Joker. Entrambe le imbarcazioni sono però state imbottite di esplosivo dal Joker, che consegna i detonatori della prima barca all'equipaggio della seconda, e viceversa: se una delle due non farà esplodere l'altra entro la mezzanotte, sarà lui stesso a farle esplodere entrambe. Nelle rispettive navi si genera il caos, ma, dopo lunghi minuti di esitazione, entrambe le folle non hanno cuore di trasformarsi in assassini.

Intanto Batman, tramite un dispositivo sonar, con l'aiuto di Fox, localizza Joker e con la polizia, che gli da solo intralcio, riesce, dopo una lunga battaglia, a neutralizzarlo e ad impedire la detonazione.

Joker, ormai sconfitto, fà il suo ultimo monologo del film al pipistrello e lo avverte che avrà perso lui, ma non il suo piano più ampio, cioè quello di far capire a Gotham che tutti sono dei mostri, in fondo, e che non può riporre la sua fiducia in nessuno: infatti il clown è riuscito a traviare Dent, il paladino di Gotham. Nella giornata Harvey aveva infatti rintracciato i responsabili della morte di Rachel e del suo profondo sfregio: i poliziotti corrotti Wuertz e Ramirez, uccidendo il primo e salvando la seconda, seguendo il caso dettato dal lancio della sua moneta; Maroni, che uccide insieme al suo autista. Aveva infine rapito la famiglia di Gordon, portandola nello stesso magazzino in cui è morta Rachel.

Dent avvisa Gordon, quella stessa sera, che accorre subito, ed è pronto ad uccidere il figlio del commissario sotto i suoi occhi. Batman raggiunge il gruppo ed intervien: convince Dent, ora Due Facce, che i responsabili sono solo lui e Gordon, così Dent tira la sua moneta per decidere della sorte di Batman. L'uomo pipistrello riceve un colpo in pieno stomaco, ma riesce comunque a rialzarsi e, in un momento di distrazione di Dent, a neutralizzarlo, facendolo cadere dal palazzo.

Batman non permette a Gordon di divulgare la caduta di Dent, simbolo della speranza della città, e decide di addossarsi lui la colpa degli omicidi di Due Facce. Così facendo, la disfatta di Joker sarebbe diventata completa. Lui potrà anche essere braccato come un criminale, ma d'ora in avanti Gotham avrà in Dent il paladino ed eroe in cui credere.

La scena finale vede un Batman malandato che salta sul Bat-Pod sfrecciando nella notte inseguito dalla polizia, mentre Gordon, parlando con il figlio, sottolinea il fatto che l'uomo pipistrello sia il Cavaliere Oscuro di Gotham, ovvero l'eroe che la città merita, ma non quello di cui ha bisogno al momento.

Il 31 luglio 2006 la Warner Bros. annunciò ufficialmente l'inizio della produzione del sequel di Batman Begins, intitolato The Dark Knight, nel cui titolo, per la prima volta nella saga, risultava assente il nome di Batman; la cosa piacque molto a Bale, poiché per lui poneva il film su un piano differente rispetto alle altre pellicole.

Con Batman Begins (2005) Christopher Nolan aveva rinnovato con il franchise di uno dei più popolari personaggi della DC Comics, ricreandone le basi dopo i precedenti Batman Forever (1995) e Batman & Robin (1997). Forte del successo ottenuto, Nolan è stato confermato come regista per il sequel Il cavaliere oscuro, e ha confermato a sua volta il cast tecnico e artistico della precedente pellicola.

Per la realizzazione della pellicola, Nolan si è dichiaratamente ispirato al cinema di Michael Mann, come ad esempio la scena iniziale della pellicola, simile a quella presenti in Heat - La sfida (1995).

Riprendendo elementi dalle Graphic Novel dedicate all'uomo pipistrello, Christopher Nolan e David S. Goyer fanno riferimento principalmente a Il lungo Halloween, saga realizzata da Jeph Loeb e Tim Sale e pubblicata originariamente dalla DC Comics tra il 1996 e il 1997.

Narrativamente, per il personaggio del Joker le due fonti principali sono state The Killing Joke (1988), scritto da Alan Moore e disegnato da Brian Bolland, e Arkham Asylum (1989), scritto da Grant Morrison e disegnato da Dave McKean. Per il look del Clown del Crimine invece, oltre alle opere sopracitate, Nolan e la costumista Lindy Hemmings hanno avuto come fonte d'ispirazione il rocker punk Iggy Pop, l'icona punk Sid Vicious, Alex, il folle protagonista del film Arancia Meccanica (1971), ed Eric Draven, protagonista del fumetto Il corvo di James O'Barr.

Goyer accantonò l'idea di inserire Harvey Dent in Batman Begins poiché in quella pellicola non sarebbero «riusciti a rendergli giustizia»; preferì quindi inserire un nuovo personaggio, Rachel Dawes (allora interpretata da Katie Holmes) .

Per dedicarsi ad un suo album, il musicista Dwight Yoakam rinunciò ad un cameo nel ruolo di un poliziotto corrotto, mentre rumor diffusi in rete riguardarono Philip Seymour Hoffman nel ruolo del Pinguino, e Sarah Michelle Gellar come Harley Quinn.

Le riprese del film sono ufficialmente iniziate il 18 aprile 2007, dopo che Nolan, suo fratello Jonathan (che già avevano collaborato per lo script di The prestige e Memento) e David S. Goyer (sceneggiatore del primo episodio) hanno terminato la stesura definitiva della sceneggiatura iniziata nel 2006; la pre-produzione del film è ufficialmente iniziata a giugno 2006.

Alcune scene d'azione sono state riprese con telecamere IMAX, una tecnologia, secondo Nolan, più immersiva e coinvolgente, che più che dare risultati in termini di denaro, «aiuta a trasformare il film in evento». Proprio la scena iniziale, con l'ingresso di Joker, è stata ripresa in IMAX poiché si voleva che il personaggio avesse «la più grande entrata possibile».

Secondo quanto affermato da Goyer anche il costume di Batman e la Batmobile sono stati ridisegnati, seppur con lievi modifiche rispetto ai modelli precedenti, ed è stata poi introdotta il Batpod (la Bat-moto). Il 18 giugno 2007 la Warner Bros. ha pubblicato in rete alcune foto del set del film tra queste figuravano la nuova Batmobile, la macchina del Joker e il nuovo costume di Batman.

Il Batpod, ideato da regista Nolan e dal production designer Nathan Crowley, avulsi da conoscenze relative alla meccanica della moto, è stato poi realizzato con soddisfazione dal supervisore agli effetti speciali Chris Corbould, in sei differenti copie; Corbuld l'ha definito «strambo e meraviglioso»: estremamente difficile da controllare, come dichiarato dallo stesso Bale, l'unico in grado di governarlo è stato lo stuntman professionista Jean Pierre Goy, tra i migliori motociclisti al mondo secondo Corbuld. Le riprese del film sono terminate l'11 novembre 2007; il budget è stato di circa 185.000.000 $.

Come per la precedente pellicola, alcune scene, come quella della rapina iniziale, sono state girate a Chicago, nel periodo di aprile e tra giugno e settembre, in Van Buren Street (tra S. Wacker Drive e Jefferson Street) e in Canal Street (tra Harrison Street e Jackson Street). Addison Street è stata invece teatro della scena del veicolo contro un muro. Il sindaco Richard Daley si dichiarò emozionato per il ritorno della Warner Bros. nella città, un rinforzo per l'economia e l'occupazione, e garantì gli sforzi del Chicago Film Office per assistere le riprese evitando inconvenienti ai cittadini.

Le riprese ad Hong Kong sono state effettuate nel grattacielo Lyndhurst Terrace, al Peninsula Hotel, nella baia Victoria Harbor, e sull'Escalator, scala mobile lunga oltre 800 metri.

Il film è uscito nelle sale in gran parte del mondo a luglio 2008.

In vista degli Oscar e della possibilità di raggiungere il miliardo di dollari di incassi, il 5 dicembre 2008 il responsabile della distribuzione della Warner, Dan Fellman, annunciò come la pellicola sarebbe ritornata nelle sale cinematografiche statunitensi a partire da 23 gennaio 2009.

Negli USA il film è uscito nello stesso weekend di Take di Charles Oliver, A Very British Gangster di Donal MacIntyre, Space Chimps - Missione spaziale di Kirk DeMicco, Transsiberian di Brad Anderson, Mamma Mia! di Phyllida Lloyd.

In Italia è invece uscito in contemporanea con -2 Livello del terrore di Franck Khalfoun, Big City di Djamel Bensalah, Black House di Terra Shin, Dante 01 di Marc Caro, Invincibile, di Werner Herzog, Il nemico del mio nemico - Cia, nazisti e guerra fredda, di Kevin Macdonald.

Al termine dei titoli di coda del film compare la frase «In memory of our friends Heath Ledger & Conway Wickliffe» ("in memoria dei nostri amici Heath Ledger e Conway Wickliffe"), a cui la pellicola è stata dedicata.

A livello mondiale, Il cavaliere oscuro ha superato il miliardo di dollari di incassi, con 533 milioni nei soli Stati Uniti, e 567 nel resto del mondo.

Arrivata alla soglia dei 996 milioni a dicembre 2008, la pellicola è stata distribuita nuovamente nelle sale a partire dal 23 gennaio 2009, raggiungendo il 20 febbraio 1.001.082.160 dollari, e piazzandosi come quarto maggior incasso di sempre (dietro a Titanic, Il ritorno del Re e Pirati dei Caraibi: La maledizione del forziere fantasma) e secondo miglior incasso statunitense (ancora dietro a Titanic).

Tra luglio e settembre 2008, Il cavaliere oscuro ha raccolto sugli schermi italiani 9.479.009 Euro, diciannovesimo incasso dell'anno.

Da notare la distribuzione nel mercato asiatico; la pellicola non è stata distribuita in Cina, un potenziale ampio mercato, ufficialmente secondo ragioni legate alla possibilità che alcuni elementi della pellicola potessero ledere la «sensibilità culturale» della popolazione cinese, anche se i media hanno ipotizzato il pericolo di censure relative alle sequenze ambientate ad Hong Kong. Per quanto riguarda il mercato giapponese invece, gli incassi si sono rivelati al di sotto delle aspettative: il film è stato battuto da pellicole quali Ponyo sulla scogliera, Notte brava a Las Vegas e La mummia - La tomba dell'Imperatore Dragone. Secondo il critico giapponese Chika Minagawa, ciò è dovuto alla storia, pessimistica, complessa e lontana dall'azione, dal divertimento e dalla leggerezza che il pubblico giapponese è abituato ad aspettarsi dai film di supereroi.

La pellicola diretta da Nolan ha ricevuto forti riscontri in termini di incassi e, generalmente, anche di critica, con particolari apprezzamenti per la performance di Heath Ledger.

All'anteprima, Peter Travers (Rolling Stone) appare entusiasta del film, «dove un tizio vestito da pipistrello e uno da pagliaccio parlano dell'essenza della condizione umana», e «dove il Bene e il Male, piuttosto che combattersi, danzano». Per Kirk Honeycutt (Hollywood Reporter) è «adrenalina pura», e ne consiglia più visioni, al fine di godere appieno della trama, ricca di elementi polizieschi insoliti, e che quindi risaltano, per un film di supereroi. Justin Chang (Variety) parla di un epico dramma sulla vita e sulla morte, su giustizia e corruzione, su potere e anarchia, e sulla necessità di eroi. Viene inoltre definito da Staci Layne Wilson (Horror.com) uno dei migliori drammi sul crimine della storia del cinema moderno. Stephen Hunter (Washington Post) giudica l'interpretazione di Ledger come «la cosa più interessante del film, e quando è assente, si perde in energia e dinamismo», mentre Brendan Cullin (Empire) lo paragona all'Hannibal Lecter di Anthony Hopkins, superiore al Joker di Jack Nicholson, e nel contempo triste, poiché non si vedranno più sue altre interpretazioni simili.

Paolo Mereghetti (Corriere della Sera) parla di «un'ambigua lezione sul "lato oscuro" della vendetta e sui limiti che si possono raggiungere per piegare il Male ai fini del Bene. Anche a costo di tradire la verità», mentre Claudia Morgoglione (la Repubblica) sottolinea l'inquietudine nel guardare Joker, «incarnazione del Male assoluto», non potendo non tener conto della morte di Ledger. BadTaste lo ha giudicato «il più importante film supereroistico di tutti i tempi» e «forse il più importante film commerciale di sempre», in grado di rivaleggiare con grandi classici polizieschi, noir e gangsteristici, e si paragona il montaggio del finale con quello de Il padrino. Per il sito, la storia è coraggiosamente complessa e contorta, ma il film è troppo ambizioso e ha un finale poco coerente. Ledger non scade mai nella macchietta, ma risulta poco credibile la sua superiorità nel mettere in scacco l'intera Gotham. Bale è azzeccato nel ruolo e forse un po' sacrificato, così come la Gyllenhaal, che appare come la classica fanciulla in pericolo. Marco Spagnoli (Fantascienza.com) lo giudica «destinato a diventare una pietra miliare», «che lascia ammutoliti e che 'resta' con lo spettatore» ma anche «un capolavoro imperfetto», dove vi è una avanzare della trama «intrigante» poiché pare «rispecchiare il percorso psicologico torturato dei protagonisti», ma il finale è «eccessivamente melodrammatico e strascicato». Alessandra levantesi (La Stampa) vede nel Joker colui che ruba la scena a tutti, interpretato da Ledger «con l'impenetrabilità e la quasi nobiltà del Diavolo in una sacra rappresentazione». . Gianluigi Ceccarelli (ZabriskiePoint.net) elogia una sceneggiatura che «impedisce a pellicola e spettatore di affondare nella mera contemplazione della bellezza visiva come degli incredibili effetti speciali, con una serie infinita di sottotesti in grado di far ben presto polpette di ogni possibile manicheismo», e critica il doppiaggio italiano di Giannini e Santamaria, mentre Valerio Sammarco (Cinematografo) sottolinea poi le luci e la fotografia di Wally Pfister, il montaggio alternato di Lee Smith, e la resa in profondità e spessore di tutti i personaggi secondari, stretti nell'«inestricabile vortice al progressivo crescendo della tensione» verso il finale.

Hans Zimmer e James Newton Howard, gli stessi compositori della musiche di Batman Begins, hanno chiesto al regista Christopher Nolan di poter tornare a lavorare assieme, e hanno diretto le registrazioni, svoltesi a Londra, nell'aprile 2008.

Zimmer fu stimolato dal sapere che le riprese sarebbero state effettuate in IMAX, affermando che così avrebbe dovuto «tirare fuori i suoi pezzi forti». Zimmer voleva creare non "un motivetto da blockbuster estivo", bensì «un tema provocatorio, che la gente potesse odiare».

Why So Serious, il tema del Joker, è basato principalmente su due note; Zimmer paragona il suo stile a quello della band tedesca Kraftwerk.

All'inizio della canzone, Zimmer impiega lamette su strumenti a corda per rendere un suono torturato e perverso. Quando seppe della morte di Heath Ledger, Zimmer parve intenzionato a comporre un nuovo tema per il personaggio, ma riflettendodi decise di non farlo per non compremettere la sua opera "malefica" con i suoi sentimenti. Nei suoi esperimenti si riconosceva un'influenza punk, e continui esperimenti, con lunghe battute con sonorità ricavate da lamette da barba su corde da pianoforte, per creare tensione, oltre che matite che battevano il tempo su tavoli o pavimenti. Zimmer consegnò poi a Nolan un iPod con i suoi esperimenti, che i regista ascoltò per tutto il tempo del volo da Londra ad Hong Kong. Alla fine disse che il sound del Joker era di sicuro in quelle 9000 battute. Così, Zimmer puntò non su suoni stereotipati, quelli tipici del "cattivo", ma su due note; quella di una corda tiratissima che non si spezza, suonata dal violoncellista Martin Tillman, un suono «di tensione crescente e una piccola imperfezione stridente», a cui si aggiungono delle note di chitarre, quasi irriconoscibili, suonate con pezzi di metallo. Un approccio basato sull'idea di anarchia, che è alla base del personaggio di Ledger.

L' Epic Theme che ricorre quando Batman lascia morire Henri Ducard in Batman Begins accompagna il momento in cui l'uomo Pipistrello trattiene Joker appeso a testa in giù verso la fine della pellicola; la traccia non era stata pubblicata nell'edizione della soundtrack del film precedente, mentre il brano I'm Not A Hero, molto simile all' Epic Theme, è stato invece inserito in questa colonna sonora.

Per il tema della corsa del Batpod, venne impiegato il "Tono shepard", sistema che permette di riprodurre, variandolo, uno specifico tono; ci si basò poi su rumori di vere auto da corsa.

Zimmer disse che il tema principale del di Batman era stato introdotto apposta alla fine di Batman Begins, proprio per essere sviluppato assieme al personaggio in un sequel.

Nel primo week end di pubblicazione, sono state vendute circa 25 mila copie, raggiungendo il 20esimo posto della classifica statunitense Billboard Music Magazine.

Il 9 dicembre 2008 Amazon ha reso disponibile un'edizione speciale della colonna sonora, comprensiva di disco aggiuntivo con 14 tracce in più, tra la quali alcuni remix.

I titoli dei brani riprendono le battute pronunciate nel film.

Il 30 novembre 2007 la Warner Bros. Italia annunciò che l'adattamento italiano del film sarebbe stato tradotto con il titolo Il cavaliere oscuro: poche ore dopo l'annuncio è partita una raccolta di firme sul web per mantenere invariato il titolo originale anche in italiano (come accaduto per Batman Begins) Le petizioni però non sono servite a nulla poiché a febbraio 2008 è stato ufficialmente confermato il titolo tradotto del film..

Il doppiaggio italiano è stato diretto da Marco Mete, lo stesso di Batman Begins. Claudio Santamaria è confermato come voce di Bruce Wayne, mentre Angelo Maggi sostituisce Massimo Venturiello per il ruolo di Jim Gordon. La voce del Joker è di Adriano Giannini (già doppiatore di Heath Ledger in Paradiso + Inferno e Io non sono qui); l'attore italiano "eredita" il ruolo del padre Giancarlo, voce del Joker interpretato da Jack Nicholson nel Batman di Tim Burton. Nei primi due trailer del film però la voce del Joker era di Fabio Boccanera.

Santamaria, disposto anche a ricevere critiche, ha spiegato che «doppiare Batman e fare quella voce così forte è molto più facile che doppiare Bruce Wayne, anche perché per Wayne Christian Bale usa un tono più tirato». Giancarlo Giannini ha invogliato il figlio ad interpretare un personaggio da lui indicato come il «più divertente che abbia mai doppiato», in quanto Joker «si trasforma in continuazione e interpretarlo è un vero tour de force». Adriano ha poi sottolineato la differenza tra il personaggio di Nicholson, «clownesco e surreale», e quello di Ledger, «più cupo e realistico. È un folle sadico, innamorato del male; si dipinge la faccia, certo, ma non c’è niente da ridere».

La campagna pubblicitaria del film si è principalmente incentrata su una campagna virale online, ed oltre alle tradizionali tipologie promozionali come poster e trailer, sono stati organizzati alcuni eventi, come una gara tra la Tumbler e l'auto da corsa Toyota di Formula 1 guidata da Jarno Trulli e Timo Glock sul circuito di Silverstone il 7 luglio 2008, oppure una mostra dedicata ai costumi del film, con anche la presenza del Bat-pod, ospitata sul Ponte Milvio di Roma tra il 10 e il 17 luglio 2008.

Alcuni di questi sono poi apparsi sul web anche in versione "vandalizzata da Joker", assieme ad una locandina che raffigura un primo piano di Batman, anch'esso vandalizzato, il cui volto è stato creato con numerose carte da gioco; il poster riporta le frasi Why so serious? ("Perché così serio?"), Stupids Bats! ("Stupidi pipistrelli!"), Are we having fun yet? ("Ci si diverte ancora?"), To them you're a freak... like me! ("Per loro sei un mostro.. come me!"), It's simple. Kill the bat! ("E' semplice. Uccidere il pipistrello"), Let's put a smile on that face ("Mettiamo un sorriso su quella faccia"), It's all part of the plan ("E' tutto parte del piano"). Inoltre, il simbolo del pipistrello stilizzato sul quale campeggia il titolo della pellicola, in questa locandina è sostituito da una serie di Ha! Ha! Ha! che ne imitano appunto il logo.

Al fine di accrescere l'interesse attorno al film, la casa produttrice 42 Entertainment ha lanciato una forte campagna pubblicitaria virale, che ha coinvolto principalmente i fan americani. Una prima fase si è incentrata principalmente sulla figura del Joker, e successivamente sul personaggio di Harvey Dent, un cambio di focus in parte già preventivato dalla 42 Enternaiment, ed in parte dovuto alla prematura scomparsa di Heath Ledger.

La Warner ha inserito un'ora aggiuntiva di contenuti speciali nell'edizione Blu-Ray in quanto il film è stato ritenuto in grado di attirare il pubblico e promuovere così il nuovo formato. A solo una settimana dalla sua uscita, il Blu-Ray de "Il Cavaliere Oscuro" si è posizionato al terzo posto nella classifica dei Blu-Ray più venduti della storia in Italia, ottenendo il record del maggior numero di copie vendute in una settimana.

Nei documentari, gli interventi diretti di Heath Ledger sono stati rimossi, ed è la troupe a parlare di lui; per omaggiare l'attore inoltre (e anche in vista degli Oscar), nell'edizione DVD doppio disco è Joker ad essere in copertina (anziché Batman con il logo fiammeggiante alle spalle).

La campagna promozionale per l'uscita dei DVD e BR ha interessato, oltre ai media tradizionali, anche marketing virale (persone truccate da Joker per le strade delle città) e un concorso tramite MMS.

La Warner Bros. ha puntato molto sulla candidatura del film agli Oscar, promuovendolo sia attraverso alcuni manifesti (i cosiddetti For Your Consideration), sia riproponendo la pellicola nelle sale cinematografiche statunitensi.

Nel novembre 2008 la colonna sonora del film venne squalificata dalla corsa all'Oscar alla migliore colonna sonora a causa di un vizio procedurale, come già successo per Batman Begins. Secondo i documenti ufficiali infatti l'opera deve essere stata creata per almeno il 70% agli autori principali, Hans Zimmer e James Newton Howard; nei documenti presentati al comitato esecutivo dell'Academy Awards erano però presenti in tutto cinque nomi (Zimmer, Howard, il montatore Alex Gibson, il designer delle musiche d'ambiente Mel Wesson e la compositrice Lorne Balfe). Zimmer affermò poi di aver citato tutti i collaboratori come ricompensa, ma essi avevano comunque firmato un documento che riportava come autori principali delle musiche i soli Zimmer ed Howard. Dopo tre settimane però l'Academy riconsiderò la squalifica, accettando la candidatura in quanto prevista sotto il profilo dei "casi particolari".

Grazie anche a Il cavaliere oscuro, il 15 febbraio 2009 a Christopher Nolan verrà consegnato il Board of Governors Award, che l'American Society of Cinematographers consegna ogni anno a chi "ha portato significativi contribuiti all'arte cinematografica".

Dennis O'Neil ha adattato la pellicola in un romanzo, The Dark Knight (ISBN 0425222861).

Nell'agosto 2008 è stato confermato lo sviluppo di un videogioco ufficiale basato sul film, da parte di Pandemic Studios (Electronic Arts), previsto probabilmente per marzo 2009.

I prodotti derivati de Il cavaliere oscuro sono stato principalmente diretto verso giocattoli o articoli da collezione.

Dopo la morte di Heath Ledger ci fu qualche perplessità riguardo la produzione di action figures raffiguranti il Joker, ma alla fine la famiglia di Ledger acconsentì. Nel giro di poche settimane le stesse statuette andarono quasi esaurite, anche per via delle speculazioni (principalmente aste online su eBay) per il loro particolare significato.

Sono state strette inoltre alcune partnership con imprese quali Hershey e Nestlé per prodotti legati al film, ed infine vi è stato il product placement del telefono cellulare Nokia 5800, presente in alcune scene con Morgan Freeman e Christian Bale, e commercializzato dall'azienda tra fine 2008 e inizio 2009.

In occasione del lancio del graphic novel Joker hardcover, il disegnatore Lee Bermejo ha spiegato come anche lui abbia dato un'impronta realistica al "suo" Joker al pari di Nolan, iniziando a lavorarci anche prima dell'uscita del film, ma che comunque da ora in avanti, caratteri come le sue cicatrici sul volto saranno «iconiche» per il personaggio.

Oltre per i personaggi all'interno del film, la svolta più "realistica" data all'uomo pipistrello ha influito anche sulle produzioni cinematografiche basate su altri eroi dei fumetti: infatti, la Warner Bros. e la DC Comics hanno preferito accantonare temporaneamente progetti come Justice League: Mortal e Batman Vs. Superman per non incidere sul "rinato" Batman, mentre hanno deciso di rivedere progetti come il sequel di Superman Returns, che non avendo raggiunto il successo sperato, potrebbe trasformarsi in un riavvio del franchise (come a suo tempo fu per Batman Begins) «dai toni più cupi e realistici, per quanto i personaggi lo consentano», nelle parole di Jeff Robinson, presidente della Warner.

Per la parte superiore



Velvet Goldmine

Velvet Goldmine è un film del 1998, diretto da Todd Haynes. Tratta la storia del glam rock, inteso come movimento, attraverso le vicende di un ipotetico cantante (Brian Slade, interpretato da Jonathan Rhys Meyers) e velatamente si ispira alla vita di David Bowie, inoltre ci sono dei riferimenti allo stile di vita di Oscar Wilde. Di grande effetto sono i costumi realizzati da Sandy Powell (nominati agli Oscar).

È stato presentato in concorso al 51° Festival di Cannes, dove ha ricevuto il premio per il contributo artistico.

Nel 1984 Arthur Stuart (Christian Bale), giornalista di New York, viene incaricato dal su capo di svolgere una ricerca su un cantante glam rock scomparso delle scene esattamente dieci anni prima, Brian Slade (Jonathan Rhys Meyers). Brian non era più apparso dopo il suo falso assassinio durante un concerto e da li se ne erano perse le tracce. Il giornalista durante le indagini rivivrà la sua storia, essendo lui inglese e avendo frequentato l’ambiente glam che ora gli risulta tanto lontano da sembrare appartenere a una vita non sua; scova persone della vita di Brian che però non lo vedono ne hanno sue notizie da svariati anni. Il giornalista ricostruisce la storia ambientata nella swinging London, l’origine di Brian, la sua carriera e la sua vita privata: Brian non è il suo vero nome, lui è stato sposato con Mandy Slade (Toni Collette) e ha collaborato con Curt Wild (Ewan McGregor), musicista con cui ha avuto una relazione omosessuale, ma dopo la messa in scena dell’omicidio si è quasi totalmente volatilizzato infatti Mandy lo ha visto solo due volte ancora. Il giornalista dopo aver rintracciato Mandy e aver inutilmente cercato Curt guardando la televisione realizza che probabilmente la pop star Tommy Stone è in realtà Brian Slade ma quando lo riferisce al suo capo l’incarico è ormai storia vecchia. Ad Arthur è ora assegnata la recensione dell’ultima esibizione di Tommy Stone, a cui assisterà e dopo cui incontrerà Curt in un locale. L’intera vicenda, partendo da Oscar Wilde e arrivando ad Arthur Stuart tramite vari personaggi, è accompagnata da una spilla verde che passa di mano in mano.

Brian Slade è chiaramente ispirato al David Bowie del periodo glam. Dello stesso dovevano essere utilizzate anche diverse canzoni ma Bowie rifiutò poiché riteneva il film una visione distorta della propria figura (soprattutto a causa dei riferimenti, da lui sempre mal sopportati, sulla sua presunta omosessualità). Curt Wild è invece un personaggio con diverse paternità. In primis quella con Iggy Pop, palese la citazione dei Rats come Stooges (eseguono anche una loro canzone TV Eye nel concerto al quale assiste Brian), ma ci sono anche frasi/atteggiamenti di Lou Reed (quella in merito al "non basta dichiarare di essere gay") e nell'aspetto ricorda anche Kurt Cobain (personaggio che però ovviamente non ha alcuna attinenza con quel periodo essendo stato protagonista negli anni '90).

Per la parte superiore



Io non sono qui

Io non sono qui è un film biografico (biopic) sulla vita del musicista Bob Dylan.

Co-sceneggiato e diretto da Todd Haynes e Oren Moverman, il film ripercorre la storia del musicista in sette distinti momenti della sua vita, venendo interpretato da sei attori diversi (l'attore Christian Bale interpreta due differenti aspetti della vita di Dylan).

Il film non è stato girato secondo una tecnica tradizionale ma concepito come lo sviluppo narrativo di un visionario racconto poetico scandito per quadri sulle note delle canzoni dell'autore di Duluth.

La colonna sonora del film è stata raccolta da Sony Music in un doppio CD che riprende il titolo originale del film - I'm Not There - contenente cover di canzoni di Bob Dylan incise da artisti vari.

Nel settembre del 2007 il film è stato presentato alla 64a Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, dove ha vinto il Premio Speciale della Giuria (presieduta dal regista cinese Zhang Yimou) e la Coppa Volpi per la miglior interpretazione femminile andata a Cate Blanchett.

Per la parte superiore



Mirko Savone

Mirko Savone (Frosinone, 2 dicembre ...) è un doppiatore e attore italiano. È uno tra i più rappresentativi della sesta generazione del doppiaggio.

È noto soprattutto per aver prestato la voce a Christian Bale nel film The Secret Agent (The Secret Agent), Elijah Wood in Oliver Twist e Phillip Van Dyke in Le nuove avventure di Tom Sawyer e al famoso cartone animato Barbapapà.

Mirko Savone ha lavorato in teatro con Filippo Nigro in Germania 99 scritto e diretto da Gigliola Scola (moglie di Ettore Scola), sotto la direzione artistica di Ludovica Marineo. Ha fatto parte del corpo di ballo di Alba Parietti a “Macao” su RAI 2, diretto da Gianni Boncompagni.

Attualmente vive e lavora come attore a New York dove ha studiato alla prestigiosa scuola di recitazione “The Lee Strasberg Theatre Institute”. A New York ha lavorato in svariati cortometraggi, ma più conosciuto è il suo ruolo nel Broadway show “Crossing Rockaway Parkway” diretto da Frank Terranova dove era affiancato da Brooklyn Sudano (figlia di Donna Summer) e Jonathan Chase. Sempre a New York, Mirko Savone continua a lavorare non solo come modello e attore, ma anche come doppiatore e direttore di doppiaggio.

Parla 4 lingue (Italiano - Inglese - Spagnolo - Turco), ed è laureato con lode in Psicologia alla Università di New York.

Per la parte superiore



Christopher Nolan

Chris Nolan.jpg

Christopher Nolan (Londra, 30 luglio 1970) è un regista, sceneggiatore e produttore cinematografico britannico.

Il suo primo film, Following (1998), è un poliziesco, girato in bianco e nero e a bassissimo costo, grazie al quale vince premi in numerosi festival, destando immediatamente l'attenzione della critica.

Grazie alla pellicola successiva, Memento (2000), con Guy Pearce, Carrie-Anne Moss e Joe Pantoliano, ispirato alla storia breve Memento Mori del fratello Jonathan e girato in solamente 25 giorni, si afferma come uno dei più promettenti giovani registi ed autore di culto. La caratteristica del film è quella di svilupparsi a blocchi che vanno indietro nel tempo, disorientando lo spettatore, che tende ad immedesimarsi nello sforzo del protagonista di scoprire se stesso. Il film è premiato al Sundance Film Festival per la sceneggiatura.

Nel 2002 dirige un nuovo film, Insomnia, che vede Al Pacino alle prese con un Robin Williams, per la prima volta nel ruolo del cattivo; accanto ai due protagonisti recita Hilary Swank.

Nel 2005 ha diretto una riuscita nuova versione del fumetto Batman, Batman Begins, con un cast d'eccezione formato da Christian Bale, Michael Caine, Liam Neeson, Katie Holmes, Gary Oldman, Cillian Murphy, Morgan Freeman, Tom Wilkinson, Rutger Hauer e Ken Watanabe.

Nel frattempo nel 2006 gira The Prestige, presentato in anteprima alla Festa Internazionale di Roma ed anch'esso con un grande cast, tra i quali due delle stelle del precedente film, Christian Bale e Michael Caine, accanto a Hugh Jackman, Scarlett Johansson, David Bowie e Andy Serkis.

Il film Batman Begins ha riportato al successo la saga dedicata all'Uomo Pipistrello, e grazie al successo ottenuto è uscito un sequel nel 2008, Il cavaliere oscuro: nel cast è presente la new entry di Heath Ledger, che qui interpreta Joker.

Nell'estate 2009 comincerà le riprese del suo nuovo film: Inception, un film fantascientifico che lo vedrà anche come sceneggiatore.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia