Castellana Grotte

3.414235705951 (857)
Inviato da gort 25/03/2009 @ 22:09

Tags : castellana grotte, puglia, italia

ultime notizie
Castellana (Bari) - Vittorio Emanuele di Savoia alle Grotte di ... - PUGLIALIVE.NET
Sono queste le parole con cui Vittorio Emanuele di Savoia ha commentato la sua visita nelle Grotte di Castellana, nel suo tour turistico pugliese. Accompagnati dall'Amministrazione Comunale di Castellana Grotte e dal cda delle Grotte di Castellana srl,...
Castellana (Bari) - Grotte di Castellana srl: bilancio 2008 in attivo - PUGLIALIVE.NET
Castellana Grotte, 13 maggio 2009 - Il 5 maggio 2009 si è tenuta l'assemblea di approvazione del bilancio della Società Grotte di Castellana Srl. Dopo tre anni di bilanci in passivo, quello relativo all'anno 2008 è stato chiuso con un attivo di 4.158...
Studenti dell'Alfano invitati al teatro scolastico di Castellana ... - Termoli Online
I giovani attori del Liceo Alfano parteciperanno oggi e domani alla 20° Rassegna di teatro scolastico "Maria Boccardi" di Castellana Grotte (BA) con lo spettacolo "Ci sarà sempre il cielo", andato in scena al Teatro Lumière lo scorso 26 e 27 gennaio....
C2 Puglia: Basket Club Lecce - Grotte di Castellana 82-58 - Tuttobasket.net
I castellanesi quindi, saranno costretti a giocarsi tutto a gara 2, che si disputerà giovedì 30 al Palasport di Castellana Grotte con inizio alle 20.30. Un appuntamento da non perdere per i tanti appassionati di pallacanestro della città delle grotte,...
Coppa d'Argento D Maschile: Solazzo Volley Campi vs Sideout ... - Forzaragazze.it
Il trofeo prevede anche la gara di ritorno, che si terrà in quel di Castellana Grotte, Sabato 9 Maggio alle ore 17, presso la Palestra Comunale “A. Angiulli”. La società del Solazzo Volley Campi per tanto è lieta di invitare all'evento tutti i tifosi e...
Castellana (Bari) - Al via la quinta edizione 'Balconi in fiore' - PUGLIALIVE.NET
Il Comune di Castellana-Grotte - assessorato al Turismo, sulla scorta del grande successo ottenuto nelle edizioni degli anni scorsi, attraverso la massiccia partecipazione di cittadini, con l'obiettivo di proseguire nell'azione di rilancio...
Castellana (Bari) - Ok il finanziamento di 600 mila euro per l ... - PUGLIALIVE.NET
La proposta progettuale del Comune di Castellana-Grotte si è classificata al terzo posto nella graduatoria dei progetti ammessi a finanziamento dalla Regione Puglia. Il progetto nasce dalla volontà dell'Amministrazione Comunale di recuperare l'immobile...
Castellana (Bari) - 44sima 'Castellana in bicicletta' - PUGLIALIVE.NET
Castellana Grotte si fermerà per partecipare alla classica pedalata ecologica-turistica che coinvolgerà diverse centinaia di giovani e adulti amanti delle due ruote provenienti anche dai paesi limitrofi. L'evento, intitolato al compianto fondatore Vito...
Grotte di Pertosa, tecnologia e natura, un modello vincente: le 20 ... - Vallo Web
Tra queste la Grotta Gigante di Trieste, la Grotta di Frasassi ad Ancona, la Grotta di Castelcivita (Sa), la Grotta di Castellana di Bari e quelle di Lucca, la Grotta del Vento el'Antro del Corchia. Attesi in Cilento anche delegati delle Regioni Puglia...

Castellana Grotte

Castellana Grotte - Stemma

Castellana Grotte è un comune di 19.147 abitanti della provincia di Bari. Castellana Grotte va considerata la porta attraverso la quale ammirare i tesori che la Puglia custodisce nelle segrete cavità del sottosuolo, a centinaia di metri di profondità. Il complesso carsico delle grotte di Castellana è tra i più vasti e suggestivi d’Italia.

Votata ad una economia prettamente agricola, Castellana Grotte presenta un caratteristico centro storico, ben conservato, con stradine che si fanno largo tra case di pietra.

Centro agricolo e turistico della bassa Murgia, è situato al margine di una depressione carsica (valle di Genna), in una zona crivellata da doline, grotte, inghiottitoi e voragini.

Consta di un nucleo più antico, dalla pianta irregolare, e di vaste addizioni più moderne, a vie diritte e ortogonali, che risalgono le pendici della conca, dal lato sud-orientale.

Nei dintorni dell'abitato, 1 Km a sudovest, si trovano le celebri Grotte di Castellana, cavità carsiche scoperte nel gennaio del 1938 da Franco Anelli e Vito Matarrese, che costituiscono la principale attrattiva turistica della zona. A circa cinquecento metri dal centro abitato si ritrovano le prime grotte carsiche scoperte, immerse in una suggestiva atmosfera di mistero e folclore, oggi sono meta di numerose visite turistiche e speleologiche.

Castellana nasce nell'alto Medioevo grazie alla colonizzazione operata dal Monastero di San Benedetto di Conversano, ed è citata per la prima volta in documenti del secolo X, precisamente in una pergamena del 901 nel fondo di documenti di san Benedetto di Conversano, confluiti nell'Archivio Diocesano ed editi da Domenico Morea a fine Ottocento pressi i Benedettini di Montecassino. La pergamena si riferisce all'atto di vendita di Ermenefrido, figlio di Ermuzio, e sua moglie Trasisperga a favore di Ianniperto. Il documento parla di un Castellano Vetere e di un Castellano Novo. Nel 1098 il Conte di Conversano Goffredo, di origini normanne, dona a san Benedetto tutto il territorio e consente all'abate di radunarvi gente per popolarlo.

La sua fondazione ufficiale viene fatta risalire al 1171, anno in cui l'Abate Eustasio dona la chiesa di San Leone Magno e le terre circostanti, con buone condizioni di vassallaggio, a due otrantini, Nicola e Costa, al fine di ripopolare l'agglomerato di case esistenti, molte delle quali andate distrutte nel corso delle contese tra Ruggero II e i Normanni.

Il borgo ricostruito ben presto si costituisce in Università (ovvero in municipio). Durante la dominazione sveva il monastero di san Benedetto viene abbandonato, e nel 1226 Papa Clemente IV concede il convento di Conversano a un gruppo di monache circestensi fuggite dalla Morea, regione della Grecia centrale. A loro vengono assegnate tutte le proprietà dell'antica abbazia, compresa Castellana, e la giurisdizione ecclesiastica: ovvero la potestà ordinaria su clero e popolo di Castellana più il diritto di impugnare il pastorale e cingere la mitra.

Agli inizi del '400, trecento castellanesi partecipano sotto le insegne di Re Ladislao d'Angiò Durazzo alla guerra contro Maria d'Enghien, vedova del principe di Orsini di Taranto. Grazie alla vittoria ottengono nel 1407 un privilegio, poco dopo annullato: il passaggio della giurisdizione in mani laiche.

Nel 1456, Castellana e la contea di Conversano costituiscono la dote di Caterina Orsini in sposa a Giulio Antonio Acquaviva, duca d'Atri. Da questo momento in poi il territorio viene fortemente trasformato. I boschi cedono il posto ai vigneti e al grano. Il diboscamento selvaggio aiuta le alluvioni: emergenza risolta nel 1913 con la costruzione del Canalone per le acque piovane.

Nel 1938 la cittadina subisce una svolta turistica, grazie alla scoperta delle Grotte da parte del professore Franco Anelli coadiuvato dall'indigeno Vito Matarrese (che in seguito scoprirà lui stesso la meravigliosa Grotta Bianca).

Nel 1950 il suo nome fu mutato in Castellana Grotte, in omaggio alla scoperta del meraviglioso panorama sotterraneo.

Notevoli sono le produzioni di olive, uva e ortofrutticoli (mandorle e ciliegie) che costituiscono la materia prima per la locale industria olearia, conserviera e enologica. Vi sono anche pastifici, caseifici, fabbriche di materiali per costruzioni e numerose aziende artigiane. Il patrimonio zootecnico è composto prevalentemente da bovini. Grazie alle "Grotte", sviluppato è il turismo.

Le grotte di Castellana costituiscono il più grande complesso carsico italiano mai esplorato dall'uomo. La visita si snoda lungo uno scenario affascinante per circa 1 km. L'itinerario più lungo, richiede due ore e si sviluppa per 3 km, tra caverne e voragini dai nomi mitologici o fantastici. Dalla Grave alla Grotta Nera, dopo aver superato il Cavernone della Civetta, attraversato il Corridoio del Serpente, la Caverna del Precipizio ed il Piccolo Paradiso, si raggiunge la Grotta Bianca, definita la più bella grotta del mondo, luminosa e splendente. Il complesso carsico prosegue ben oltre il tratto aperto al pubblico ed esplorato, ed accoglie una concentrazione di opere d'arte frutto del lento defluire dell'acqua nelle profondità della terra, stalattiti e stalagmiti dai mille colori, fluorescenze d'alabastro, laghetti sotterranei, un mondo che solo la fervida immaginazione della natura poteva creare e rendere accessibile, con l'ausilio di esperte guide speleologiche, per quanti vogliano provare l'emozione del mistero e dell'avventura.

A Castellana Grotte hanno sede due stazioni delle Ferrovie del Sud Est: Castellana Grotte e Grotte di Castellana. Vi sono anche diverse fermate degli autobus SITA.

Adriana Sgobba concentra la sua opera nel mondo delle donne,nelle sue multiforme espressioni,emozioni,sentimenti e nel suo dolore.Le Donne fuggono attraverso l'immagine onirica di se stesse per volare in un mondo leggero,consapevole della bellezza al femminile.Talvolta però ricadono nella amara drammaticità del reale e lì si esaltano i colori della terra di Puglia..il rosso.Si il rosso della speranza ma anche della fatica. Ha Le sue opere sono presenti in numerose collezioni in Italia e all'estero,in particolare nella Casa Comunale di Schwerte (Germania), Pitfiel e Boston (USA).

Per la parte superiore



Florens Volley Castellana Grotte

Questa tabella utilizza dei parametri che potrebbero essere visualizzati non correttamente da alcuni browser non totalmente conformi agli standard W3C. Per piacere, non effettuare modifiche nel caso riscontrassi anomalie nella grafica (scudetti sfalsati, colori delle divise non corrispondenti...).

La Florens Volley Castellana Grotte è una società pallavolistica femminile di Castellana Grotte, in provincia di Bari.

Fondata nel 1964 come polisportiva che comprendeva anche pallacanestro, tennis tavolo e atletica leggera, militò per alcuni decenni nelle categorie inferiori del campionato italiano di pallavolo femminile prima di esordire in Serie A nel 1992, quando partecipò per la prima volta al torneo di A2; dopo una retrocessione (1993-94) e un pronto ritorno in A2, nel 1996 rinunciò a prendere parte al campionato.

Dopo diversi anni di militanza nel campionato di Serie B fece ritorno in A2 nel 2006; al termine del torneo 2007-08 ha ottenuto la sua prima promozione in A1, categoria nella quale militerà per la stagione 2008-09.

Per la parte superiore



Materdomini Volley Castellana Grotte

Questa tabella utilizza dei parametri che potrebbero essere visualizzati non correttamente da alcuni browser non totalmente conformi agli standard W3C. Per piacere, non effettuare modifiche nel caso riscontrassi anomalie nella grafica (scudetti sfalsati, colori delle divise non corrispondenti...).

La Materdomini Volley Castellana Grotte è una società pallavolistica maschile di Castellana Grotte.

Fondata nel 1967 all'interno della polisportiva Materdomini, approdò per la prima volta in Serie A2 nel 1994; disputa attualmente la sua settima stagione di A2 (2008-09).

Per la parte superiore



Valle d'Itria

I simboli sui tetti

La Valle d'Itria è una porzione di territorio della Puglia centrale, a cavallo tra le province di Bari, Brindisi e Taranto. Il suo territorio coincide con la parte meridionale dell'altopiano delle Murge. La principale peculiarità della valle sono i trulli, tipiche ed esclusive abitazioni in pietra a forma di cono.

I numerosi siti archeologici tra i quali il sito archeologico di Pezza Petrosa, grotta di Facciasquata , grotta di Montescotano, Monte Fellone presso Villa Castelli; Maselli, Ibernia piccola, Carperi, monte d'Alessio, monte le Fergole e Figazzano presso Cisternino, kaelia attuale Ceglie Messapica, Specchia Tarantina a Martina Franca attestano la frequentazione umana nel territorio sin dall'età del bronzo e la fondazione di colonie Messapiche poi inglobate dalla Taranto di origine Spartana ed infine parte del territorio della regio II Apulia et Calabra dell'Impero Romano che vide un importante porto nell'antica città romana di Egnazia. Citata da autori come Plinio, Strabone, Orazio, la città ebbe grande importanza nel mondo antico per la sua posizione geografica; grazie alla presenza del porto e della Via Traiana, fu attivo centro di traffici e commerci.

Lungo le gravine sono presenti vari insediamenti rupestri di origine alto medievale (V-X secolo), quando la regione visse un periodo di guerra ed incertezza politica ed economica e fu ripetutamente attaccata da popolazioni straniere (prima i Goti, poi i Longobardi e i Saraceni). Sull'acropoli di Egnatia, tra VIII e X secolo d.C., fu edificato un imponente maschio, che assunse le funzioni di un castello; al suo interno comprende anche una cappella con abside semicircolare. In epoca altomedievale il borgo di Egnazia, dimenticando i fasti e la popolazione dei tempi antichi, si racchiuse in questa zona. Il periodo è politicamente complesso: il regno longobardo con capitale a Benevento, fronteggia l'impero bizantino, mentre Bari è un emirato arabo a partire dall'883 d.C. Egnazia si trova a 50 km da Bari, Taranto e Brindisi, tutte all'epoca islamiche. Il castello fu realizzato con blocchi di reimpiego; nella parte in basso a destra presenta una cappella con abside. Tradizionalmente, alle scorrerie dei Goti viene attribuito l'abbandono di Egnazia, ma la vita continuò in aggregati di capanne sull'acropoli già fortificata, addossate al castello, sede delle nuove funzioni politico-amministrative. L'ultimissima fase di vita di Egnazia si protrae fino al X-XV secolo, epoca a cui risalgono gli ultimi rinvenimenti di ceramiche. Successivamente, alcune famiglie nei secoli successivi sporadicamente si insediano nelle tombe a camera, riadattate ed ampliate per lo scopo. Il fenomeno verrà poi arginato dalla concentrazione degli abitanti verso Monopoli e Fasano. L'abbandono di Egnazia fu lento e progressivo, e la città sarà poi usata esclusivamente come cava di materiale edilizio di reimpiego per le costruzioni nelle suddette città. Nei pressi di Ceglie Messapica e Villa Castelli sono presenti resti del Limes Bizantino (detto paretone dei greci) ed una serie di specchie, luoghi d'avvistamento e piazzeforti atte alla difesa del territorio..

Il toponimo "Itria" sembra derivare dal culto orientale della Madonna Odegitria (cioè che indica la via) importato dai monaci basiliani che nel 977 si insediarono nel territorio, provenienti dai territori dell'impero romano d'oriente. I basiliani fondarono proprio nella Valle d'Itria un sito monastico dove fu trovato un affresco raffigurante la Madonna Odegitria, protettrice dei viandanti. Oltre che da necessità difensive, la vita nelle grotte fu incentivata nel VIII secolo dalla lotta iconoclasta di Leone III e in quelle stesse gravine trovarono riparo molti monaci greci, giunti dall'Oriente.

Nel X secolo, grazie alla colonizzazione operata dal Monastero di San Benedetto di Conversano, nasce il centro di Castellana Grotte . Nel 1098 il Conte di Conversano Goffredo, di origini normanne, dona a san Benedetto tutto il territorio di Castellana e consente all'abate di radunarvi gente per popolarlo.

Nella seconda metà del XI secolo con l'avvento dei Normanni, da questi fu conquistata nel XI secolo diventando feudo degli Altavilla che vi impiantarono una serie di castelli e torri., nel 1080 il feudo che comprendeva Massafra, Mottola, Oria e Castellaneta, venne assegnato a Riccardo Senescalco, nipote di Roberto il Guiscardo,. Mentre la diocesi di Oria veniva assorbita dall'arcidiocesi di Brindisi e Ostuni, si costituiva la diocesi di Mottola sede vescovile dal XI secolo fino al 1818. Riccardo Senescalco fortificò il suo feudo restaurando una serie di piccoli castelli sulle murge meridionali. Ulteriore conseguenza della conquista normanna fu il sostituirsi progressivo ai basiliani di rito greco dei monaci benedettini.

Nel XIII secolo la valle fu parte del regnum siciliae dominio dell'imperatore Federico II di Svevia "puer Apuliae". Nel 1226 Papa Clemente IV concede il convento di Conversano a un gruppo di monache circestensi fuggite dalla Morea, regione della Grecia centrale. A loro vengono assegnate tutte le proprietà dell'antica abbazia, compresa Castellana, e la giurisdizione ecclesiastica: ovvero la potestà ordinaria su clero e popolo di Castellana più il diritto di impugnare il pastorale e cingere la mitra. Nel 1229, in seguito alla presa di posizione a favore del Papa da parte dei monaci di Santo Stefano (la guerra tra Gregorio IX e Federico II) l'imperatore fa distruggere l'Abbazia confiscando tutti i beni che successivamente nel 1261 vengono restituiti ai monaci da Manfredi Principe di Taranto. Nel documento cedula taxationis del 1276, il casale di Santa Maria de Fajano risulta inserito all'interno della Terra di Bari. Nel 1313 gli Ospitalieri di San Giovanni Gerosolimitano prendono possesso e rimettono in piedi l'Abbazia, con la legittimazione di una bolla di Giovanni XXII. Gli Ospitalieri divennero successimante Cavalieri di Malta manterranno l'Abbazia e i suoi feudi, tra i quali Fasano, fino agli inizi del XVIII secolo. Santo Stefano sarà prima commenda e poi baliaggio. Durante la guerra dei Novant'anni tra Giovanna I, regina di Napoli, e Luigi di Ungheria, Fasano e gli altri casali limitrofi vengono assaliti e derubati da settemila ex-soldati in protresta per non aver ricevuto la paga che li spettava.

Intorno al XIV secolo Martina Franca eletta comune su ordine del Principe di Taranto Filippo I d'Angiò. Sulle rovine del medioevale luogo di culto della Vergine odigitria, nel 1545 è stato costruito a il Convento dei Cappuccini. Martina insieme a Villa Castelli furono proprietà della famiglia Orsini dal Balzo. Il territorio di Li castelli passò poi nel XVI secolo alla famiglia genovese degli Imperiali, che trasformarono la fortezza medioevale in castello impiantandovi anche una stazione per l'allevamento di pregiate razze equine.

Fasanese, nel 1792, entrato in contatto con i circoli illuministici a Napoli, conosce l'intellettuale Carlo Lauberg che, nella capitale, aveva fondato una istituzione accademica di chimica nella quale propugnava le sue idee giacobine; il sodalizio con Lauberg si cementa vieppiù con la fondazione della Società patriottica, di derivazione massonica. Con l'avvio delle repressioni borboniche sfugge in un primo momento all'arresto nel 1793, dopo che era stato denunciato da uno studente, e aiuta l'amico Lauberg a prendere la fuga; ma, il 26 luglio 1795, la polizia borbonica lo preleva nella sua casa paterna di Fasano e lo arresta. Dopo alcuni periodi di detenzione nel Castel Sant'Elmo di Napoli ed a Bisceglie, torna in libertà e, con la proclamazione della Repubblica (21 gennaio 1799) viene chiamato dal generale francese Jean Étienne Championnet quale membro della rappresentanza nazionale nel primo governo provvisorio, carica che manterrà per oltre un mese prima di entrare nella Commissione esecutiva della difesa. Con la restaurazione armata imposta dai Borboni ed ottenuta grazie all'intervento delle truppe sanfediste del Cardinale Ruffo e la caduta della Repubblica fu nuovamente incarcerato, nonostante una falsa promessa di espatrio in Francia fu giustiziato il 29 ottobre 1799.

Il 24 ottobre 1584 Ceglie Messapica nota come "Ceglie del Guado" venne ceduto in permuta da Cornelio Pignatelli a Ferdinando Sanseverino, conte di Saponara e barone di Viggianello. I Sanseverino ampliarono il castello e promossero la fondazione del convento dei Cappuccini, oggi scomparso, e di quello dei Domenicani (sede del comune fino al 2005.

Nel XVI secolo, Alberobello, piccolo feudo sotto il dominio degli Acquaviva, conti di Conversano, cominciò a popolarsi di contadini che resero la selva (così denominata) fertile. I conti autorizzarono i coloni a costruire le abitazioni a secco, in modo da poter essere dirute in caso d'ispezione regia, poiché la nascita di un agglomerato urbano esigeva il pagamento del tributo secondo la prammatica de baronibus; con l'astuta proposta si evitava il balzello.

Morto nel 1782 senza eredi Michele Imperiali, il duca di Monteiasi, Gioacchino Ungaro, nell'anno 1793, acquisì le masserie "Pezza della Corte" e "Antoglia", insieme alla vasta zona de "li Castelli". I terreni furono concessi in piccoli lotti ai braccianti dei paesi vicini e di conseguenza si venne creando un nucleo abitato intorno al castello sorto sull'antica fortificazione che fu ristrutturato ed adibito a palazzo ducale..Nel 1799 Fasano dà il suo tributo alla Rivoluzione partenopea con Ignazio Ciaia, che per pochi giorni, prima della conclusione, è una delle colonne portanti che reggono le sorti della Repubblica a Napoli. Anche il paese risente di questa nuova guerra. Un paese un po' refrattario alle nuove idee, infatti quando si sta per proclamare piantare l'albero della libertà, alcuni fasanesi insorgono e danno fuoco alla casa natale del martire Ignazio Ciaia (il caso degli incendi si ripete a Martina franca ad opera di alcuni mercenari francavillesi).Inizia un nuovo duello che coinvolge Fasano, questa volta tra realisti e giacobini, e che vede vede incendiare le case dei maggiori esponenti delle fazioni contrapposte. I giacobini, guidati dalle famiglie Ciaia e Notarangelo scappano, per poi tornare con la discesa di Broussier a Bari e la fuggita dei capi realisti da Fasano, riuscendo quindi ad ottenere la Repubblica, ma per soli quindici giorni. Tornano i realisti che si vendicano con la decapitazione in piazza della innovatrice Anna Teresa Stella, sepolta successivamente nella Chiesa Matrice.

L'economia si è fondata a lungo sulla pastorizia e sull'agricoltura ruotando intorno a piccoli castelli, le masserie fortificate e a villaggi lungo le vie della transumanza, importante per l'allevamento e le attività commerciali con lo spostamento di greggi dall'Abruzzo al Salento attraverso le Murgie. Il fenomeno avveniva in autunno lungo antiche vie di comunicazione dette tratturi e carrari in occasione delle quali si organizzavano nei comuni di passaggio fiere di forte fermento economico. Nel XIX secolo la valle d'Itria fu terra di brigantaggio pre e post unitario. Il 12 gennaio 1818 nel territorio di Li Castelli il prete brigante Ciro Annicchiarico fondatore della "setta dei decisi" e promotore della "repubblica salentina" primo anello rivoluzionario della "repubblica europea" disarmò i fucilieri reali che si recavano ad Ostuni. Nel Bosco delle Pianelle a Martina Franca trovò rifugio il celebre brigante Carmine Crocco evaso da Brindisi. Mente tra Cegie Messapica e Cisternino veniva costituta durante il Risorgimento una vendita carbonara, ad opera di Domenico Termetrio di Cisternino, e una sezione della Giovine Italia.

La Valle d'Itria coincide con la parte meridionale dell'altopiano delle Murge . Nota anche come Valle dei Trulli è delimitata a Sud da Monte Fellone e Monte Castello, si estende tra le province di Bari, Taranto e Brindisi e comprende i comuni di Alberobello, Noci (BA) Cisternino, Villa Castelli, Ceglie Messapica (BR), Locorotondo (BA) e Martina Franca (TA) ed altri centri limitrofi affini a livello geografico e culturale. E' caratterizzata dalla presenza di numerose grotte tra cui le celebri Grotte di Castellana e le gravine di Villa Castelli e di Castellaneta.

La flora si compone di tratti di bosco e di macchia mediterranea, alternati a numerosi vigneti da cui si ricava un vino bianco di ottima qualità, tra i quali il Locorotondo DOC ed il Martina Franca DOC, e oliveti secolari dai quali si produce olio di oliva Extravergine come il Villa Castelli DOC. Di interesse storico è il trappeto del duca antica struttura sita nella gravina di Villa Castelli e le gravine di Castellaneta.

La fauna è caratterizzata dalla presenza di lepri, volpi, ricci, pettirossi, falchi e diversi rapaci notturni (civetta, gufo, assiolo e barbagianni).

Per la parte superiore



Source : Wikipedia