Candela

3.4043433299086 (967)
Inviato da david 20/03/2009 @ 19:08

Tags : candela, puglia, italia, vincent candela, calciatori, calcio, sport

ultime notizie
Candela pronto ai saluti - Sportal
Queste le formazioni che scenderanno in campo il 5 giugno per salutare Vincent Candela. "Voglio fare una grande festa all'Olimpico con i tifosi della Roma". Esordisce così il francesce ex Roma ai microfoni di "Thou Tv" (cn 933 di sky) sul gala di...
La Mediterranea protagonista in Abruzzo - Newz.it
Ceradini el'ingegner Candela illustreranno i danni rilevati nelle aree colpite dal sisma abruzzese nell'attività svolta dal 9 aprile (cioè dal primo giorno possibile, terminata l'immediata emergenza) a oggi. Il dipartimento Pau dell'Università...
Ultima seduta dell'ottava all'insegna dell'incertezza per il ... - La Stampa
ultima seduta dell'ottava all'insegna dell'incertezza per il future Eurostoxx, che ha lasciato sul grafico a candele giornaliere un "doji", ovvero una candela con apertura, a 2419, e chiusura, a 2417, praticamente coincidenti a conferma del sostanziale...
Candela: “Spalletti deve rimanere con qualche campione in più” - Forza-Roma.com
Come va con l'organizzazione di questa grande festa della gara d'addio al calcio? "I preparativi procedono molto bene, domani inizia la prevendita dei biglietti presso le ricevitorie Lottomatica". "E' tantissima l'emozione di ritrovare tanti grandi...
Vivalù: candele da massaggio al Karitè e Aloe Vera - Pinkblog.it
Vivalù vi porta alla scoperta di un nuova visione dei benessere, attraverso la Candela Cosmetica da Massaggio, interamente realizzata con burro vegetale, in questo caso, trattandosi di un massaggio riequilibrante e tonificante, gli elementi utilizzati...
Candela: "Non potevo non salutare i romani" - laroma24.it
Tutti insieme, per una sera a giocare in onore di Vincent Candela, il francese «testaccino» che ha deciso di appendere gli scarpini al chiodo. Una partita per dirgli «au revoir», arrivederci a chissà quando. «Perché non ho ancora deciso cosa farò da...
Conte-Matarrese: il giorno del divorzio - Corriere della Sera
Ma in tal caso, il gioco varrebbe davvero la candela. DI CARLO - L'alternativa principale sarebbe Del Neri che, però, essendo molto corteggiato dalla Sampdoria, sembra fuori portata. Una pista interessante, invece, conduce a Di Carlo con il quale si...
Ex calciatore, imprenditore ed altro Vita da Candela dal pallone ... - Il Messaggero
Lì vive da qualche anno, Vincent Candela. Ex giocatore della Roma, campione d'Italia 2000-2001. «Non ex romanista, tifo e tiferò sempre per quella maglia». Ex calciatore, ma non sembra. «Ho solo due chili in più rispetto a quando giocavo»,...
Petali di rose e lumi di candele: così Brisighella diventa 'romantica' - RomagnaOggi.it
Per l'occasione saranno organizzate due serate (23 maggio e 1 giugno) nel centro storico, a lume di candela, in cui sarà possibile gustare i piatti che ristoratori ed esercenti proporranno nelle vie del borgo tra mostre, musica e danze....
Cannes, la Palma è dei cattivi - La Stampa
Il regista Jacques Audiard ringrazia tutti e cita La mia Africa: «Mi viene in mente la scena in cui Meryl Streep, dopo la cena al lume di candela, dice a Robert Redford "Stai attento, perché da domani crederò a tutto quello che dici"»....

Vincent Candela

Vincent Candela (IPA: /vɛ̃'sɑ̃ kɑ̃də'la/) (Bédarieux, 24 ottobre 1973) è un ex calciatore francese, di ruolo esterno sinistro.

Inizia la carriera fra i professionisti nel 1992 al Tolosa, dove resta fino al 1995 per poi passare al Guingamp e, nel Gennaio 1997 alla Roma. Nella capitale il laterale francese è titolare per sette stagioni, prima come difensore sinistro nello spregiudicato 4-3-3 zemaniano, e poi come esterno di centrocampo con Fabio Capello. Alla Roma Candela resta per nove stagioni, vincendo tra l'altro uno Scudetto da protagonista ed una Supercoppa italiana (nell'occasione mette a segno un gran gol da oltre 30 metri di distanza), ed è lí che vive il periodo migliore della sua carriera. Memorabili i suoi scambi ravvicinati con Francesco Totti, che gli consentivano di liberarsi spesso per poter sfruttare le sue doti balistiche nelle conclusioni dalla lunga distanza.

Candela è un esterno sinistro e, nonostante non sia mancino, preferisce giocare a sinistra, anche se in Nazionale veniva schierato prevelentemente a destra e negli ultimi anni ha ricoperto più volte il ruolo di centrale di centrocampo e persino di trequartista. La sua tecnica si mostra soprattutto nel portar palla a testa alta, nel poderoso tiro (spesso d'esterno) e nei "cross a rientrare" gli unici possibili per un destro naturale che gioca a sinistra.

Dopo tanti anni giocati a Roma, nel gennaio 2005 il giocatore passa agli inglesi del Bolton, dove resta fino al termine della stagione, per esser poi ingaggiato dall'Udinese allenata da Serse Cosmi, dove torna a disputare la Champions League realizzando anche uno splendido gol nella trasferta vittoriosa dei bianconeri in Grecia contro il Panathinaikos. Nell'estate 2006 viene ingaggiato dal Siena e nel gennaio 2007 dal Messina.

Il 3 settembre 2007, rimasto senza squadra dopo il mercato estivo, aveva annunciato il ritiro dall'attività agonistica attraverso le pagine del quotidiano sportivo francese L'Équipe: "C'è un tempo per tutto, io ho fatto il mio tempo. Dopo 18 anni di professionismo, questo è il momento giusto per smettere. Il calcio è cambiato, è più fisico, meno tattico e tecnico. Oggi i calciatori sono tutti più alti, più rapidi ed hanno meno cervello".

Dopo aver appeso le scarpe al chiodo Vincent ci ripensa, e torna a giocare nella Prima Categoria del Lazio con la maglia dell'Albatros.

Candela, che è un giocatore di origine italiana, ha collezionato 40 apparizioni con la maglia della Nazionale francese, segnando 5 gol. Il suo utilizzo in squadra è stato spesso ostacolato dalla presenza, nel suo stesso ruolo, del più blasonato Bixente Lizarazu, nonostante ciò però Candela è stato presente nella selezione nazionale alle Olimpiadi del 1996, nel mondiale vinto in casa nel 1998, al trionfo ad EURO 2000 ed anche al mondiale nippo-coreano del 2002.

Per la parte superiore



Candela (canzone)

Candela è una canzone della cantante portoricana Noelia, pubblicata come terzo singolo dell'album Noelia nel 1999. Il singolo ha conosciuto una straordinaria popolarità in Italia nel 2001, arrivando fino alla quinta posizione della classifica dei singoli più venduti e diventando un vero e proprio tormentone estivo.

In seguito all'exploit di "Candela", Noelia non conoscerà altri picchi di popolarità, pur rimanendo un'apprezzata artista dance, molto conosciuta in America latina.

Per la parte superiore



Regio Tratturo Pescasseroli Candela

È il terzo tratturo, per ordine di lunghezza, dell'Italia Meridionale.

Era ancora in uso come direttrice della transumanza nei primi anni '50 del XX secolo, mentre oggi è un percorso turistico-sportivo.

Lungo 211 km, presenta sull'intero tracciato, da Pescasseroli in Abruzzo fino a Candela (FG) in Puglia, una larghezza media di 60 metri.

È sotto il vincolo della Sovrintendenza ai beni Archeologici. Nel 2006 il tratto campano, che va dal territorio di Zungoli a quello di Casalbore in provincia di Avellino, è stato delimitato con picchetti in legno e alberato a cura della Comunità Montana dell'Ufita. Il suo tracciato sta diventando un percorso turistico-sportivo-ambientale con escursioni a cavallo ed un luogo adatto al Trekking.

Per la parte superiore



Raffaele Candela

Raffaele Candela (Arcevia, 27 marzo 1921 – Jesi, 20 ottobre 2008) è stato un medico italiano.

Maturità Classica presso la Scuola Navale di Brindisi Laurea in Medicina e Chirurgia Specialista in Igiene e Sanità Pubblica, Diritto Sanitario, Igiene e Tecnica Ospedaliera Libera Docenza in Igiene e Sanità pubblica Autore di numerose pubblicazioni e monografie in campo igienistico, microbiologico ed epidemiologico.

Ufficiale Sanitario presso il Comune di Jesi dal 1953 per poi assumere l’incarico di Coordinatore Sanitario della locale ASL dal 1981 al 1986, anno di quiescenza. Attività contraddistinta da numerose iniziative a favore della comunità tra le quali la medicina scolastica nel 1957, le pionieristiche campagne vaccinali nei primi anni ’60 e nel 1970 l’istituzione del Servizio di Igiene e Medicina del Lavoro anticipando di otto anni i contenuti della riforma sanitaria. Per circa 30 anni Docente presso le Scuole di Specializzazione in Igiene delle Università di Camerino, Firenze, Ancona, e presso la Scuola Infermieri dell’Ospedale di Jesi, più volte Presidente Regionale di Associazioni scientifiche attinenti l’igiene e sanità pubblica, Presidente Nazionale Medici di Reparto delle Ferrovie dello Stato negli anni 80. Nel 1987 conferimento da parte del Presidente della Repubblica della Medaglia d’oro al merito della Sanità Pubblica. Dopo il pensionamento Fondatore della Igienstudio s.r.l. impresa di servizi per l’igiene di enti pubblici e privati.

Volontario nella seconda guerra mondiale quale Ufficiale di Artiglieria negli anni 1941-44 con conferimento di croci di guerra per attività svolte sul fronte balcanico. Conseguimento di varie onorificenze da parte delle Istituzioni Statali con la nomina nel 1985 a Cavaliere di Gran Croce al merito della Repubblica.

Presidente del Sottocomitato Croce Rossa Italiana dal 1957 al 2003 con realizzazione della nuova sede di Via Gallodoro ed annessa elisuperficie, e conferimento nel 1995 della Medaglia d’Oro della CRI. Socio Fondatore Lions Club Jesi nel 1956, più volte Presidente di Club ha ricoperto le maggiori cariche circoscrizionali con conferimento nel 2002 della Melvin Jones Fellowship, massima onorificenza lionistica. Negli anni 2000 Socio Fondatore dell’Associazione ONLUS “Il Cuore della Vallesina” per la promozione della defibrillazione semiautomatica esterna, quale prevenzione della morte improvvisa da fibrillazione ventricolare. Medico Sportivo Effettivo del CONI per oltre 20 anni nell’ambito della Federazione Pugilistica Italiana. Tra le altre attività associazionistiche, promotore dell’Associazione Nazionale Marinai d’Italia -sezione di Jesi-, ideatore della “Accademia Aesina della Pipa” ed iscritto per oltre 60 anni ad associazioni venatorie e di tiro sportivo.

Per la parte superiore



Félix Candela

Félix Candela − conosciuto anche come Félix Candela Outeriño − (Madrid, 27 gennaio 1910 – Durham, 7 dicembre 1997) è stato un architetto spagnolo naturalizzato messicano fra i più rappresentativi del Novecento.

È un grande utilizzatore, nelle proprie creazioni, del cemento armato, seguendo l'esempio di un altro grande architetto spagnolo del suo tempo, Eduardo Torroja. Vicino agli strutturalisti, si fa conoscere fin dagli anni quaranta del Novecento per la creazione di ampi spazi delimitati da strutture portanti ben visibili e coperture sottili in cemento armato, che conferiscono una particolare leggerezza a costruzioni anche di notevoli dimensioni. Le fabbriche progettate da Candela sono inoltre sempre magistralmente inserite nei più svariati contesti urbani ,e, più raramente, rurali, rispettose sia dei valori architettonici delle metropoli americane ed europee che di quelli ambientali e paesaggistici delle campagne.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia