Canale 5

3.3801169590974 (1539)
Inviato da gort 20/03/2009 @ 03:13

Tags : canale 5, emittenti televisive, tv, tempo libero

ultime notizie
Ciak Junior: riparte su Canale 5 il format sul cinema fatto da e ... - Digital-Sat
Torna su Canale 5 'Ciak Junior', il format ideato da Francesco Manfio e Sergio Manfio dedicato al cinema fatto da e con i ragazzi. Il programma, giunto alla sua ventesima edizione e trasmesso in 24 paesi, e' a cura di Maria Teresa Ceruti per la regia...
ASCOLTI TV: EN PLEIN DI CANALE 5 IN PRIMA, SECONDA SERATA E 24 ORE - Asca
(ASCA) - Roma, 14 mag - Ieri, Canale 5 si e' aggiudicata la leadership d'ascolto in prima, seconda serata e nel totale giornata su tutto il pubblico. Nel prime time ha raccolto 6.505.000 spettatori totali (share 27.67% sul target commerciale),...
TV: TORNA SU CANALE 5 'CIAK JUNIOR', L'OCCHIO SERIO DEI RAGAZZI (3) - Libero-News.it
Da lunedi' 25 a sabato 30 maggio i responsabili della fascia ragazzi di 12 emittenti del mondo parteciperanno a Treviso al Festival televisivo internazionale 'Ciak Junior', ideato e organizzato da Gruppo Alcuni. Oltre alla consegna dei premi ai...
PD: RUTELLI, SONO IMPEGNATISSIMO PER IL PARTITO - Libero-News.it
L'ex leader della Margherita, Francesco Rutelli lo ribadisce nel corso del programma 'Panorama del Giorno' su Canale 5, rispondendo al titolare della rubrica, all'interno della trasmissione 'Mattino Cinque', Maurizio Belpietro....
Tv/ Ascolti Mediaset, quasi 5 milioni per 'Paperissima Sprint' - Wall Street Italia
(Apcom) - Su Canale 5 'Paperissima Sprint' è leader dell'access prime time di ieri sul pubblico attivo con uno share del 20,77% sul target commerciale e 4566 milioni di telespettatori totali. In prima serata, il film 'Mi presenti i tuoi?...
Ascolti tv di lunedì 18 maggio - TGCOM
Su Canale 5 Striscia la notizia totalizza il 27,46% di share, I Cesaroni 26,45%, su Italia 1 The fast and the furious: Tokyo 11,59%, su Rete 4 Il comandante Florent 9,96%. Su Rai 1 Affari tuoi 25,05%, La partita del cuore 16,20%, su Rai 2 Ricominciare...
Speciale Estate 2009 Rai e Mediaset - NanoPress
Partiamo da Mediaset e nello specifico da Canale 5 e dal suo prime time dal 5 luglio al 5 settembre. Si comincia subito, con le repliche della seconda serie de I Cesaroni al via domenica 31 maggio in prima serata. Il giovedì 9 e 16 luglio spazio alle...
Maria De Filippi "gongola": Speciale Amici su Canale 5 - SAT-ZONE
... a Torino (con Maria De Filippi - voto: 8 - e alcuni protagonisti del serale) in Piazza San Carlo a partire dalle 21 e verrà poi trasmesso in differita (non si sa ancora quando) dalla Rete ammiraglia Mediaset (Canale 5) e non sul canale digitale....

Canale 5

Canale5-logo.PNG

Canale 5 è un canale televisivo nazionale italiano privato, ed è attualmente la rete televisiva con gli ascolti più elevati. È la rete ammiraglia del gruppo Mediaset, il principale operatore televisivo privato italiano.

Si tratta di un canale generalista che offre un misto di intrattenimento, informazione, ed alcuni eventi sportivi. È il principale concorrente di Rai Uno ed è stato il modello di ispirazione per Silvio Berlusconi quando ha fondato, con risultati alterni, altre emittenti televisive all'estero (La Cinq in Francia, Tele 5 in Germania, Telecinco in Spagna) con loghi e primi programmi ispirati al modello italiano.

È nato il 30 settembre 1980 come nuova denominazione di Telemilano 58. Il 26 marzo 1981 ottiene il riconoscimento giuridico come fusione di TeleMilano, TeleEmiliaRomagna (Emilia-Romagna), Tele Torino International (Piemonte), VideoVeneto (Veneto) e A&G Television (Liguria).

L'antenata di Canale 5 è Telemilanocavo, emittente televisiva via cavo fondata da Giacomo Properzj e Alceo Moretti a Milano 2, città satellite costruita da Silvio Berlusconi, nata nel settembre del 1974, a pochi mesi di distanza dalla sentenza della Corte Costituzionale su ricorso dei legali di Peppo Sacchi, fondatore di Telebiella (luglio 1974), che liberalizzava le trasmissioni televisive via cavo. Al sistema via cavo erano collegate circa 5000 utenze che corrispondevano a 20000 telespettatori.

Introdotta la liberalizzazione anche via etere, la proprietà si trovò in difficoltà per affrontare gli investimenti necessari per rimanere competitivi. L'azienda fu così ceduta al prezzo simbolico di una lira ad una società del gruppo di Silvio Berlusconi che abbuonò anche i canoni d'affitto per i locali usufruiti. Da piccola iniziativa di quartiere divenne in breve una delle più importanti televisioni commerciali.

Quando cominciò a trasmettere via etere assunse la denominazione Telemilano e poi di Telemilano 58, dal nome del canale utilizzato (rilevato dall'emittente locale TVI Television International of Milan, con impianto sull'Hotel Michelangelo). Contemporaneamente furono fatti investimenti tecnici e con l'alleanza di un imprenditore, Adriano Galliani, che assunse un ruolo importante nel settore della produzione degli apparati televisivi.

Il vero successo nel settore delle trasmissioni di intrattenimento arrivò con il programma "I sogni nel cassetto" condotto da Mike Bongiorno, risultato ampiamente positivo.

Il primo avvenimento sportivo di grande attrattiva fu il Mundialito, torneo calcistico che coinvolse anche squadre sudamericane. Lo sport divenne perciò uno dei temi portanti del palinsesto. Negli anni a seguire notevole curiosità e apprezzamento furono rivolte alle telecronache del Basket NBA, curate dall'allora allenatore della Billy Milano Dan Peterson, che accostarono più di uno spettatore a questo sport e rivoluzionarono il modo di commentare le partite che fino a quel momento si limitava solo ad aggiungere poche parole alle immagini; altro evento fu la trasmissione di un Super Bowl col commento di Mike Bongiorno.

Il canale è visibile gratuitamente anche in digitale terrestre nelle zone coperte dal mux Mediaset 2; chi possiede un set-top box o un televisore con tecnologia MHP (Multimedia Home Platform) può fruire delle funzionalità interattive incluse nel segnale dell'emittente (TV interattiva).

Dal 16 ottobre 2006, il direttore della rete è il giornalista Massimo Donelli.

La raccolta pubblicitaria è curata da Publitalia '80.

Logo di Canale 5 negli anni 1986-2001; dall'inizio del 1996 è stata aggiunta la dicitura MEDIASET sotto il logo.

1980-1997: In alto a sinistra del logo bianco di Canale 5 c'è una scritta PRIMA C5.

Dal 1997: La scritta PRIMA C5 cessa di esistere. Il logo è costituito dal fiore rosso con gli scalini e il 5 colorati di bianco e al di sotto c'è una scritta PRIMA bianca.

Dal 1999: il logo del canale e la scritta PRIMA diventano trasparenti.

Dal 2001: gli scalini non ci sono più ma è diventata una linea retta con lo stesso logo del canale.

N.B. Un primo esperimento di soap opera prodotta in Italia ma con puntate settimanali fu tentato nel 1992 quando fu trasmessa Edera, che raccontava le vicende di una ragazza orfana, interpretata da Agnese Nano. Essa fu poi trasmessa su Telecinco in Spagna.

I programmi di intrattenimento sono in giallo, i quiz in rosso, le fiction in blu, i reality show in rosa, i programmi di informazione e approfondimento in arancione, i talk show in verde ed i programmi culturali in viola.

Per la parte superiore



Mediaset

La pay-tv Mediaset Premium lanciata a gennaio 2005.

Mediaset S.p.A. è la principale azienda privata italiana operante nel settore dei media e specializzata primariamente in produzione e distribuzione televisiva, oltre che cinematografica e multimediale.

È quotata alla Borsa italiana dal 1996 (codice isin: IT0001063210, codice alfanumerico: MS, segmento: Blue Chip) con una capitalizzazione di mercato attuale di circa 4 miliardi di Euro ed è controllata dalla holding Fininvest. Conta circa 6.300 dipendenti, ha partecipazioni in più di 40 società ed è tra le imprese più rilevanti a livello europeo e mondiale, in termini di fatturato, nel mercato globale dei media.

La sede sociale è a Milano, in via Paleocapa 3, mentre la sede principale è a Cologno Monzese (Milano) in viale Europa 48.

Dal 1994 il presidente del Gruppo Mediaset è Fedele Confalonieri.

Il gruppo televisivo di Fininvest, non ancora denominato Gruppo Mediaset, è stato fondato a Milano il 7 settembre 1978 da Silvio Berlusconi, allora presidente ed oggi azionista di maggioranza, con l'inaugurazione ufficiale del canale Telemilano (canale 58), due anni più tardi rinominato Canale 5.

Telemilano, precedentemente denominata Telemilanocavo, venne ceduta nel 1976 da Giacomo Properzj all'imprenditore milanese ad un prezzo simbolico, come tv locale esclusiva del centro residenziale di Milano Due, situato nel comune di Segrate, confinante con Milano. Proprio in quell'anno la sentenza n. 202 della Corte costituzionale decretò la libertà di esercizio per le emittenti locali private, favorendo lo sviluppo del modello televisivo commerciale.

L'attuale denominazione del gruppo, invece, ebbe origine il 15 dicembre 1993 con la nascita di Mediaset s.r.l., ridefinita Società per Azioni nel corso dell'anno successivo; nel 1995 la società televisiva venne quindi scorporata da Fininvest nella neonata subholding Mediaset S.p.A. e aperta a soci esterni (investitori stranieri ed istituti di credito italiani), per poi approdare in borsa il 15 luglio 1996 con un collocamento di 7.000 Lire ad azione (3,62 €). Nel corso dei primi sei mesi del 2000, a meno di quattro anni di distanza dalla quotazione, il titolo superò la soglia di 52.000 Lire ad azione (circa 27 €), il suo massimo storico. Nel 2005 entrò poi a far parte anche del mercato finanziario statunitense con il programma ADR (American Depositary Receipt) Level 1; JPMorgan Chase è la banca depositaria.

Sin dalla sua nascita rappresenta il primo gruppo di network televisivi privati in Italia mediante un polo (R.T.I. - Reti Televisive Italiane) costituito nel 1984 da tre reti nazionali, Canale 5, Italia 1 e Rete 4, finanziate totalmente dalla raccolta pubblicitaria, gestita esclusivamente dalla propria concessionaria Publitalia '80. E' concorrente diretto della televisione di Stato RAI.

Dal 1999 è presente nel settore multimediale con Internet, attraverso una serie di servizi disponibili sul portale mediaset.it (precedentemente denominato MOL-Mediaset On Line): informazione (TGcom e Sportmediaset.it), e-commerce (Mediashopping.it), community, servizi per telefonia cellulare, contenuti televisivi e video on demand a pagamento (Rivideo). Il portale è tra i siti più visitati dagli italiani.

Attraverso la società Media Shopping, costituita nel 2004 ed editrice del canale televisivo omonimo, è leader in Italia nel mercato delle vendite a distanza e possiede alcuni punti vendita nel settore della grande distribuzione.

Dal 2005 è attiva nel mercato della pay-tv con un servizio nazionale, denominato Mediaset Premium, disponibile esclusivamente via digitale terrestre e via cavo (IPTV) con Alice Home TV, in cui oggi figurano 14 canali di proprietà: Steel, Mya, Joi, Premium Calcio 24, Hiro, Premium Extra 1, Premium Extra 2, La Fattoria Premium, 6 canali pay-per-view dedicati al calcio denominati Diretta Calcio, oltre alla distribuzione di Disney Channel, Playhouse Disney e Cartoon Network. Possiede inoltre altri tre canali nazionali non a pagamento in digitale terrestre: Boing, Iris e Mediashopping, che vanno così ad aggiungersi alle tre reti generaliste principali, trasmesse anch'esse in digitale terrestre già dal 2003.

Nel settore della pay-tv e pay per view è concorrente diretto di Dahlia TV del gruppo AirPlus TV, nonchè della piattaforma digitale satellitare SKY, attraverso un'offerta commerciale alternativa per numero di canali, tipologia di programmi, modalità di acquisto e pagamento. A marzo 2009 ha superato la quota di 3,2 milioni di attivazioni al servizio, conseguendo il primato europeo nel business della pay-tv su digitale terrestre .

Nel corso del 2006 ha consolidato rapporti commerciali nel settore delle telecomunicazioni con tutti i principali operatori italiani di telefonia fissa e mobile, in particolar modo con Telecom Italia, per la distribuzione digitale di tutti i propri canali nazionali e dell'offerta in pay-tv, via rete cellulare (DVB-H) oltre che via cavo (IPTV).

Nel 2008 ha attivato un canale satellitare denominato Mediaset Plus, in esclusiva sulla piattaforma SKY, e da giugno 2009 replicherà tutta la propria offerta televisiva non a pagamento in digitale terrestre, sulla piattaforma satellitare gratuita Tivù Sat della società Tivù, controllata da Mediaset per il 48%.

L'azienda detiene differenti attività anche in ambito internazionale. Sin dal 1989 opera in Spagna: attualmente possiede, attraverso la controllata Mediaset Investimenti, il 50,13% del Grupo Gestevisiòn Telecinco. Dal 2007 detiene una quota del 33% dell'olandese Endemol attraverso Mediaset Investment Sarl. È attiva inoltre dal 2008 nel mercato televisivo nordafricano, con una partecipazione del 25% in Nessma Tv, e cinese, con la partecipazione del 49% in Sportnet Media Limited e accordi commerciali con il canale sportivo China Sport Network. Attraverso Telecinco possiede quote importanti del network nordamericano Caribevisiòn. Per mezzo della concessionaria internazionale Publieurope, nata nel 1996, gestisce la vendita di spazi pubblicitari su più di venti canali televisivi europei.

Dal 2007 è attiva nel mercato cinematografico attraverso Medusa, già controllata da Fininvest dal 1995, società leader assoluta in Italia nella produzione e distribuzione cinematografica di film italiani e internazionali, specializzata anche nell'home entertainment, nella realizzazione e gestione di sale e multisale cinematografiche presenti sul territorio nazionale; si contano attualmente 11 centri cinematografici. Dalla joint venture tra Medusa Film e la casa di produzione capitolina di fiction d'autore Taodue, acquisita lo stesso anno, è stata creata una major, Med Due, per la produzione di contenuti italiani per la tv e il cinema. Nella distribuzione cinematografica in Italia ha come concorrenza diretta le major americane Universal, Warner e Fox.

Mediaset trasmette sulle proprie reti circa 26.000 ore di programmazione all'anno; metà sono frutto di produzioni realizzate autonomamente.

La produzione di programmi televisivi italiani è garantita da R.T.I., attraverso la controllata Videotime, società che dal 1982 gestisce lo sviluppo e il mantenimento tecnologico di studi, sale di postproduzione, grafiche e regie mobili.

A Cologno Monzese, adiacente alla sede centrale del Gruppo, è situato il centro di produzione TV principale, nato sulle ceneri degli ICET Studios - Cinelandia, teatri di posa e studi di incisione utilizzati negli anni '60 e '70 per fare concorrenza a Cinecittà con la creazione di una sede cinematografica milanese. Gli studi, acquistati nel 1983 da Silvio Berlusconi, furono debitamente ampliati e ristrutturati per ospitare le maggiori produzioni della nascente televisione privata. Oggi, in un'area che opita più di 10 studi di registrazione, uffici e molte altre strutture dedicate alla produzione televisiva nonché alla trasmissione del segnale, si trova anche uno tra gli studi tv più grandi d'Europa: lo Studio 20.

Un altro centro di produzione ha sede nel Centro Direzionale di Milano Due (Palazzo dei Cigni), rilevato nel 1976, in cui principalmente risiedono le redazioni giornalistiche di Studio Aperto, Tg4 e di Striscia la Notizia, così come gli studi da cui questi programmi vanno in onda. Questo palazzo rappresenta la sede storica ove nacque la prima rete, Canale 5, e in cui vennero registrati già nel 1978 i primi programmi di Telemilano.

A Segrate sono situati - in un edificio chiamato T.O.C. - un moderno centro di emissione utilizzato per la messa in onda della pubblicità e dei canali digitali terrestri, gli studi in cui vengono realizzate televendite, annunci e telepromozioni in onda sia sulle reti generaliste, sia sul canale tematico Mediashopping.

A Roma si trovano il centro di produzione Elios, di cui Videotime detiene il 30% (la restante parte è di proprietà di Titanus S.p.A.), e il Centro Safa Palatino, nato nel 1984, in cui oggi vengono realizzati i programmi di approfondimento giornalistico come Matrix e il Tg5 e dove hanno sede le redazioni romane di Tg4 e Studio Aperto. Per alcune produzioni, come il reality show Grande Fratello, vengono utilizzati eccezionalmente i teatri e gli studi di Cinecittà.

Per via della propria tipologia di business, Mediaset controlla uno dei più grandi gruppi pubblicitari del mondo attivi soprattutto, ma non solo, nel settore televisivo. La società di punta è Publitalia '80, fondata nel 1979 e guidata da Giuliano Adreani, concessionaria multinazionale di pubblicità per le tre reti nazionali generaliste e da anni leader nel mercato italiano ed europeo con sede nel Centro Direzionale di Milano Due (Palazzo Cellini).

La raccolta pubblicitaria in Spagna è affidata dal 1988 a Publiespaña, concessionaria del Grupo Telecinco, leader in ambito nazionale con sede nel centro di Madrid..

Publitalia '80, con circa 3 miliardi di Euro di fatturato annuo complessivo, è di gran lunga il principale canale finanziario in entrata del Gruppo e controlla totalmente altre due concessionarie minori: Publieurope, filiale multinazionale attiva dal 1996 sui mercati e i media esteri con sede centrale a Londra, e Digitalia '08, nata nel 2008 per la vendita di pubblicità sui canali realizzati per il digitale terrestre e satellitare, per tutta l'offerta Internet, per le attività legate al pagamento della pubblicità in cambio merce e per le sponsorizzazioni delle squadre di calcio Milan, Inter e Genoa.

Publiespaña, controlla invece la concessionaria Publimedia Gestiòn per la commercializzazione di contenuti audiovisivi per la televisione via cavo e digitale terrestre, la vendita di format tv e di pubblicità sui diversi siti Internet spagnoli del gruppo (divisione Advanced Media).

Mediaset è nata dal conferimento da parte di Fininvest di un polo televisivo (R.T.I.) costituito da tre reti analogiche terrestri nazionali, finanziate esclusivamente dalla pubblicità: Canale 5, lanciata nel 1980, Italia 1, acquistata dall'editore Edilio Rusconi nel 1982, e Rete 4, rilevata da Mondadori nel 1984. Esattamente trent'anni dopo la nascita della tv in Italia con RAI (1954), venne creato un gruppo di reti generaliste private visibili gratuitamente e in parità numerica alle reti televisive di Stato finanziate in gran parte dal canone televisivo, in quanto di servizio pubblico. Nel 1991 venne concesso alle tre reti commerciali di trasmettere in diretta nazionale, quindi di produrre anche informazione giornalistica in tempo reale; fino ad allora la legge italiana non permetteva tale servizio agli editori televisivi privati.

Canale 5 (diretta da Massimo Donelli) è la rete destinata al vasto pubblico delle famiglie. Italia 1 (diretta da Luca Tiraboschi) si caratterizza per una programmazione destinata maggiormente ai giovani, mentre Rete 4 (diretta da Giuseppe Feyles) offre programmi più tradizionali tra cui anche sport, divulgazione scientifica e approfondimento giornalistico.

Per le prime due reti la posizione è conforme alle norme di legge, poiché nel 1999 esse hanno ricevuto una regolare e definitiva concessione, nove anni dopo la Legge Mammì. Tale legge seguì ad un periodo, dal 1984 al 1989, nel quale la totale mancanza di regolamentazioni e di leggi per un settore televisivo in fase di radicale cambiamento, portarono a provvedimenti da parte dei Governi allora in carica, come il cosiddetto Decreto Berlusconi convertito poi in legge nel 1985, finalizzati ad impedire interventi della magistratura contro la diffusione su scala nazionale di programmi trasmessi su reti private. Dopo le denunce della RAI e dell'associazione delle emittenti locali (ANTI) avvenute nel 1982, le reti Fininvest vennero oscurate contemporaneamente alla fine del 1984, per alcuni giorni, in tre regioni d'Italia per disposizione dei pretori di Torino, Roma e Pescara, secondo i quali il sistema di interconnessione simultanea regionale attraverso l'utilizzo di videocassette violava ugualmente l'articolo 195 del Codice Postale in vigore dal 1973, ovvero il monopolio sulla trasmissione nazionale da parte della tv pubblica. La diffusione dei programmi, tuttavia, avveniva con una minima differita tra ogni regione comprovando che ciascuna emittente locale trasmetteva autonomamente secondo le norme allora vigenti. La conversione poi in legge del Decreto Berlusconi aprì la strada alla creazione di network televisivi privati, così come accadde in altri Paesi dell'Europa Occidentale negli stessi anni, seguendo il modello statunitense.

La posizione di Rete 4 è differente per via di una sentenza della Corte Costituzionale del 1994 che giudicò anticostituzionale la concessione di tre reti analogiche nazionali ad un unico soggetto privato, con presunta violazione dell'articolo 21 della Costituzione Italiana. Nel 1995 un referendum abrogativo consentì il mantenimento dell'assetto a tre reti, ma sette anni dopo una nuova sentenza della Consulta ribadì ciò. Dopo un iter politico e giudiziario durato anni e ancora in corso (Lodo Retequattro), la definitiva approvazione della Legge Gasparri nel 2004 per il riordino del sistema radiotelevisivo, permise di proseguire la diffusione di Rete 4 in via analogica terrestre (a danno di Europa 7), in attesa del passaggio complessivo al digitale allora fissato per il 2007 (poi prorogato al 2012), in contrasto con la sentenza della Corte Costituzionale.

La legge Gasparri venne contestata nel luglio 2007 dall'Unione Europea, che chiese all'Italia di cambiarla in molti punti; difatti secondo la Corte di giustizia dell'Unione Europea, il regime italiano di assegnazione delle frequenze per le attività di trasmissione radiotelevisiva è contrario al diritto comunitario. Il Consiglio di Stato, a maggio 2008, ha confermato la momentanea attività di diffusione televisiva di Rete 4 in ambito analogico (la diffusione in digitale non è in discussione) ma, allo stesso tempo, ha richiamato esplicitamente il ministero a rideterminarsi motivatamente sull'istanza di Europa 7 intesa alla attribuzione delle frequenze, sulla base della sentenza europea che da ragione a quest'ultima. L'11 dicembre 2008 il ministero ha definitivamente attribuito le frequenze a Europa 7 e il 21 gennaio 2009 il Consiglio di Stato ha accordato un risarcimento economico all'emittente di poco superiore al milione di euro. Tuttavia la procedura d'infrazione dell'Unione Europea contro la legge Gasparri non è stata ancora archiviata.

Le tre reti dispongono dal 1997 di un servizio teletext chiamato Mediavideo.

L'intera rete di trasporto per la diffusione del segnale dei canali analogici e digitali terrestri, nonché dei "semi-lavorati", è pertinenza esclusiva di R.T.I. attraverso la controllata Elettronica Industriale, società di proprietà di Adriano Galliani dal 1975 e poi ceduta interamente al Gruppo Mediaset nel 1996 con sede centrale a Lissone (Monza e Brianza). Con essa, grazie ad un'infrastruttura di circa 1.700 torri tecnologiche e circa 15 sedi operative, viene garantita la copertura di tutta la popolazione italiana. In ambito televisivo, analogico e digitale terrestre, Elettronica Industriale è pertanto il maggior operatore di rete nazionale.

Da novembre 2008 la Sardegna è la prima regione italiana in cui è cessata la diffusione del segnale analogico delle le tre reti a favore esclusivamente del segnale digitale, secondo le disposizioni del ministeriali per l'attuazione del programma di migrazione nazionale verso la trasmissione televisiva in digitale (switch-off) entro il 30 novembre 2012. Anche nella provincia di Aosta le tre reti non sono più visibili in modalità analogica, ma solo in digitale terrestre, satellitare e via cavo. Il segnale analogico di Rete 4 non è più disponibile nella provincia di Trento.

In vista del progressivo switch-off televisivo nazionale stabilito entro il termine dell'anno 2012, Mediaset, attraverso R.T.I., è di fatto l'azienda televisiva italiana che più ha investito sulla tecnologia digitale terrestre (DTT o DVB-T) e fa parte dal 2004, insieme ai principali gruppi televisi italiani e alle federazioni delle reti locali, dell'associazione nazionale DGTVi. Per ricevere i canali digitali terrestri è sufficiente disporre di televisori con sintonizzatore DTT incorporato o collegare al televisore che già si possiede un ricevitore DTT (set-top box).

Dal 1 dicembre 2003 trasmette tutti i propri canali sul territorio italiano mediante tale tecnologia attraverso il MUX Mediaset 1, il MUX Dfree e dall'agosto 2005 anche con il MUX Mediaset 2. I due MUX di proprietà, che ad oggi offrono in assoluto la maggiore copertura della popolazione italiana tra quelli esistenti, ospitano alcuni canali appartenenti ad altri editori nazionali ed esteri: Coming Soon Television, BBC World e Class News.

Per il digitale terrestre in Italia, Mediaset acquisì nel 2003 Home Shopping Europe rilanciandolo due anni dopo, sotto la direzione di Rodrigo Cipriani, come Mediashopping (LCN 32), un canale dedicato alle televendite e visibile anche via satellite e su web-tv. In seguito creò nel 2004, insieme a Time Warner, la società Boing per la realizzazione di un canale omonimo (LCN 15) dedicato a bambini e ragazzi, diretto da Silvio Carini e in esclusiva sul DTT.

Nel corso 2007 si aggiunse Iris (LCN 25), un canale gratuito di cinema, musica, teatro e documentari, visibile solo sul digitale terrestre e diretto da Miriam Pisani. Nel 2009, a completare l'offerta di canali gratuiti esistente, nascerà Bis, un canale in cui verranno riproposte le migliori produzioni di intrattenimento andate in onda sui canali Mediaset nel corso degli anni.

Mediante questa nuova tecnologia di trasmissione, Mediaset decise di diversificare la propria offerta televisiva, fino ad allora esclusivamente gratuita, lanciando un innovativo servizio pay per view fruibile con tessera (smart card) ricaricabile, l'unico in Europa su digitale terrestre. Nacque così nel 2005 la piattaforma Mediaset Premium, con un'offerta di servizi televisivi dedicata inizialmente al calcio in diretta, ai film in prima tv, ai reality show e alle opere teatrali.

Nel gennaio 2008 modificò sensibilmente il modello di business della piattaforma a pagamento, realizzando un vero e proprio sistema pay-tv con abbonamento mensile prepagato, per poi attivare da luglio dello stesso anno l'opzione bimestrale, semestrale e annuale in addebito diretto su conto corrente bancario o carta di credito (Easy Pay). L'offerta di Mediaset Premium venne difatti ampliata con il pacchetto Premium Gallery, ovvero tre canali a pagamento, in esclusiva sul DTT, dai nomi Joi (LCN 111, 114), Mya (LCN 112, 115) e Steel (quest'ultimo in collaborazione con NBC Universal, LCN 113, 116), dedicati al cinema, alle serie tv e ad altri programmi d'intrattenimento di qualità e alle prime visioni. Questi canali offrono la cosiddetta versione "+1", dove la programmazione è ritardata di un'ora rispetto ai primi tre canali.

A luglio 2008 si aggiunse all'offerta di Premium Gallery la distribuzione del principale canale della Disney, Disney Channel (LCN 109, 110), anch'esso dotato di versione "+1". Un canale sportivo dedicato al calcio 24 ore su 24, Premium Calcio 24 (LCN 121), diede vita al pacchetto Premium Calcio costituito da sei canali di Diretta Calcio (LCN 122-127) già attivi e acquistabili anche in modalità pay-per-view. L'offerta dei canali calcio si concentra sulle partite del campionato italiano di Serie A e della UEFA Champions League.

L'8 dicembre 2008 sono entrati a far parte di Premium altri tre canali: Playhouse Disney del gruppo Disney (LCN 108), Cartoon Network del gruppo Time Warner (LCN 107) e Hiro (LCN 106), che insieme a Disney Channel costituiscono un terzo pacchetto: Premium Fantasy.

Il 12 gennaio 2009, con l'avvio della nona edizione del reality Grande Fratello, sono stati rilanciati due canali dedicati all'evento, Premium Extra 1 e Premium Extra 2 (LCN 119, 120), inclusi nel pacchetto Gallery. L'8 marzo, con l'inizio del reality La fattoria, è stato incluso nel pacchetto un nuovo canale chiamato La Fattoria Premium (LCN 118), mentre il 10 aprile sarà la volta di una canale sportivo dedicato al Motomondiale: MotoGP Premium (LCN 102).

In attesa che il digitale terrestre sostituisca completamente il sistema di diffusione del segnale analogico in tutta Italia, le reti generaliste Canale 5 (LCN 5), Italia 1 (LCN 6) e Rete 4 (LCN 4), sono visibili anche su questa piattaforma sin dal 2003. I possessori di set-top box o televisore con tecnologia MHP (Multimedia Home Platform) possono inoltre fruire gratuitamente di tutte le funzionalità interattive incluse nel segnale dell'emittente (TV interattiva): portali di rete, EPG, approfondimenti sui programmi, servizi di pubblica utilità, pubblicità interattiva.

Ad eccezione dell'offerta a pagamento di Mediaset Premium, tutti i canali in digitale terrestre sono visibili gratuitamente a differenza di ciò che avviene per la loro stessa riproposizione su tutte le altre piattaforme televisive digitali a pagamento: satellitare (SKY), via cavo (IPTV di Fastweb TV), via cavo con lo sfruttamento del digitale terrestre (Alice Home TV e Infostrada TV) e via telefonia mobile (DVB-H di TIM). Da marzo 2009 l'offerta di Mediaset Premium è disponibile anche su Alice Home TV.

Da marzo del 2007 è in corso in alcuni comuni della Sardegna la prima sperimentazione di diffusione del segnale di Rete 4 in alta definizione (HD) attraverso il digitale terrestre. L'alta definizione per le reti Mediaset sarà disponibile nel corso del 2010 a livello nazionale, a partire delle aree in cui cesserà la trasmissione del segnale analogico. A maggio 2009 andrà in onda su Canale 5 la prima fiction girata in alta definizione, prodotta interamente a Cologno Monzese da Mediaset, intitolata Non Smettere Di Sognare.

Da febbraio 2009, solo in Sardegna e nella provincia di Trento, trasmette anche nella versione +1 le tre reti generaliste e Boing in via sperimentale.

Mediaset è anche partner, insieme a T-Systems Italia, del progetto TED - Tv Educational Channel (LCN 233), un innovativo servizio televisivo digitale terrestre a carattere nazionale lanciato nel 2008 e dedicato alla formazione a distanza di medici e professionisti della sanità; la trasmissione del segnale avviene attraverso il mux TIMB 1 di Telecom Italia Media.

Attraverso Elettronica Industriale, Mediaset è attiva nella fornitura di capacità trasmissiva digitale terrestre a società televisive terze, in adempimento delle disposizioni di legge.

Tra il 1998 e il 2003 lanciò cinque canali tematici visibili esclusivamente sulle piattaforme satellitari e via cavo a pagamento allora esistenti: Happy Channel nel 1998 per Telepiù, Duel TV e Comedy Life nel 2000 per Stream TV. Nel 2003 creò MT Channel, ancora per Stream TV, e infine Italia Teen TV per l'allora neonata SKY. Tutti i canali confluirono in quello stesso anno nell'offerta della nuova piattaforma satellitare a pagamento ad eccezione di Comedy Life che terminò invece i suoi programmi con la conseguente chiusura di Stream TV. Nel 2006 MT Channel, Happy Channel, Duel TV e Italia Teen TV cessarono le trasmissioni per via di una ridefinizione contrattuale con SKY. Dal 2000 è partner di Class Editori per il canale di news economiche Class CNBC sulla piattaforma satellitare (canale SKY 505).

Le tre reti generaliste, Canale 5, Italia 1 e Rete 4, sono visibili via satellite gratuitamente attraverso Hot Bird 8 di Eutelsat e sono da sempre presenti anche su SKY (canali 105, 106 e 104), così come il canale di televendite Mediashopping (canale 808). A dicembre 2008 ha lanciato, in esclusiva su SKY, Mediaset Plus (canale 123), che ripropone una serie di programmi trasmessi sulle tre reti generaliste ma a orari differenti, nonché il TG5 della sera e le 2 edizioni di Studio Aperto posticipati di un'ora.

Dal 2008 detiene il 48% di Tivù, società creata insieme a RAI (48%) e Telecom Italia Media (4%) per sviluppare la diffusione della tv digitale in Italia. Attraverso la piattaforma Tivù Sat, da giugno 2009, verrà replicata via satellite l'offerta di canali gratuiti già disponibile in digitale terrestre. Il servizio sarà accessibile mediante smart card gratuita e apposito decoder Tivù Sat.

Dal 1999 è attiva nel settore multimediale. Attraverso il sito web mediaset.it, è possibile conoscere tutta l'offerta di contenuti di Mediaset via Internet. Dal portale, gestito da R.T.I. Interactive Media, si accede ai siti di tutte le reti, ai siti dedicati ai programmi tv, alle community (6 come 6 e Talent 1), alle news della testata giornalistica multimediale Tgcom (fornitore di news per radio R101 di Mondadori), dei telegiornali e dello sport (sportmediaset.it), ai servizi (Jumpy), ai siti dedicati all'e-commerce e al merchandising (Five Store e Mediashopping), ai contenuti dedicati alla telefonia mobile. Fornitore del motore di ricerca è Yahoo!.

Attraverso TV Mediaset e Video Mediaset è possibile vedere parti di programmi già andati in onda. Dal 2007 il servizio Mediaset Rivideo permette invece di vedere su PC tutte le puntate delle fiction e delle serie tv trasmesse sulle reti Mediaset, i film, i cartoni animati, i video musicali di Music Box Italia, le partite di calcio di Serie A in diretta e in differita. I due servizi sono basati sui video on demand: il primo è gratuito e accessibile ovunque, il secondo è a pagamento e disponibile esclusivamente all'interno del territorio nazionale.

Dal 2007 Mediaset ha attivato, in collaborazione con la Onlus Domus de Luna, il laboratorio creativo virtuale on line Moltomedia.

Dal 2008, in virtù di un accordo con Microsoft Corporation e Wind, le clip dei programmi più famosi delle reti generaliste Mediaset sono visibili anche sulle rispettive piattaforme on-line di MSN Video e Libero Video. Le televendite di Mediashopping sono disponibili anche sul canale on-demand di Youtube.

Per via della grande quantità di contenuti, di servizi e di informazioni, mediaset.it è tra i siti più visitati dagli italiani.

Con l'alleanza dei principali operatori italiani di telefonia mobile, è attiva nello sviluppo della tecnologia DVB-H, il nuovo standard per la visione di contenuti multimediali digitali su cellulari evoluti. Agli inizi del 2006 lanciò il primo servizio di "Mobile TV" in tecnologia DVB-H al mondo.

Dopo aver raggiunto un accordo con TIM e Vodafone, acquisì e successivamente convertì in digitale le frequenze analogiche della rete Sportitalia, realizzando così un terzo MUX, che nel rispetto dei limiti posti dall'Antitrust venne dedicato esclusivamente all'offerta in DVB-H. Gli accordi stipulati previdero inoltre l'affitto del 40% della totale capacità trasmissiva a ciascuno dei due operatori telefonici. 3 invece decise di realizzare, allo stesso modo, un proprio MUX attraverso l'acquisizione delle frequenze di un largo numero di emittenti locali distribuite sul territorio.

Le programmazioni integrali di Canale 5, Italia 1 e i contenuti legati al calcio di Mediaset Premium fanno parte dell'offerta in DVB-H di TIM. 3 invece dispone nel proprio pacchetto una selezione dei programmi dei tre canali generalisti e l'intero palinsesto del canale Boing.

Mediaset è presente anche come fornitore di contenuti sulla tradizionale rete cellulare. Nello specifico, a TIM, Vodafone, Wind e 3 offre contenuti video on demand basati su streaming, in particolare news, pillole di intrattenimento, immagini, suonerie, musica e giochi. I servizi offerti dagli operatori sia su rete cellulare, che in tecnologia DVB-H, sono tutti a pagamento ad eccezione dell'operatore 3.

Nel 2007 rilevò dalla holding Fininvest il Gruppo Medusa, entrando così a pieno titolo anche nel mercato cinematografico.

L'attuale Medusa, dal 1987 al 1994 Silvio Berlusconi Communications, nacque nel 1995 ed è la società leader assoluta in Italia nella produzione e distribuzione cinematografica di film italiani e internazionali, con sede centrale a Roma. Le origini della società risalgono tuttavia al 1962, anno in cui venne fondata da Lorenzo Ventavoli; venne acquistata poi da Fininvest nel 1989. E' specializzata anche nell'home entertainment; attraverso Medusa Video, difatti, è tra i primi operatori nazionali per la produzione e distribuzione di film, documentari, cartoni animati, trasmissioni televisive in formato VHS e DVD. E' attiva inoltre nella realizzazione e nella gestione di sale e multisale cinematografiche ubicati nelle principali città italiane, attraverso le controllate Medusa Cinema e Medusa Multicinema, che rappresentano circa l'8% del mercato nazionale. Detine una quota di minoranza della società di postproduzione cinematografica Cinecittà Digital Factory. Il presidente del Gruppo Medusa è Carlo Rossella.

Grazie a tutto ciò che viene prodotto, attraverso R.T.I., Medusa, Mediavivere, Fascino, Taodue e dal Grupo Gestevisión Telecinco in Spagna, è proprietaria della più importante library italiana di diritti televisivi e cinematografici e tra le maggiori su scala europea . Mediavivere, fondata nel 1999 insieme ad Endemol è attiva nella produzione di soap e mini-serie tv italiane; Fascino, in comproprietà con Maria De Filippi, produce format televisivi; Taodue, fondata da Pietro Valsecchi e Camilla Nesbitt nel 1991, produce film e fiction per la tv.

Per via di accordi pluriennali in esclusiva con le principali società di produzione e distribuzione americane ed europee, tra cui spiccano Universal, 20th Century Fox, Dreamworks, Sony Columbia e Warner Bros. International, dispone dei prodotti televisivi di maggiore popolarità mondiale: film, serie tv, soap opera, fiction, cartoni, telenovele, miniserie, film tv, oltre ad eventi musicali, d'intrattenimento e a manifestazioni sportive di livello internazionale e mondiale tra cui spiccano Motomondiale, UEFA Champions League, UEFA CUP e UEFA Super Cup su piattaforma digitale terrestre.

Attraverso la controllata Endemol detiene i diritti sui format per programmi televisivi di maggior successo e di livello internazionale, per una library complessiva di oltre 2.400 format diffusi in tutto il mondo e destinati a differenti piattaforme televisive.

E' attiva nel licensing e nel merchandising dei propri marchi, nonchè personaggi televisivi. Con Mediaset Distribution distribuisce all'estero i prodotti televisivi del Gruppo a favore delle principali emittenti di tutto il mondo.

E' presente in Auditel fin dalla sua creazione nel 1984.

Secondo le rilevazioni Auditel (Agosto 2008 Rilevazioni Auditel) Canale 5 e Italia 1 sarebbero rispettivamente la seconda e la terza rete nazionale più seguite, mentre Rete 4 si colloca al sesto\quinto posto alle spalle di Rai 2 e Rai 3.

Mediaset invece, dalla primavera 2006, presenta lo share dei dati Auditel rilevato solamente nella fascia di età 15-64, chiamata target commerciale, la più redditizia dal punto di vista pubblicitario; secondo questo criterio, Canale 5 e Italia 1 risulterebbero prima e terza rete nazionale (Rete 4 resterebbe sempre sesta).

Complessivamente le tre reti Mediaset realizzano uno share medio del 38,73%, posizionandosi al secondo posto della classifica dei maggiori network italiani, dietro la RAI che realizza uno share medio del 41,45%.

Da febbraio 2009 anche il canale Boing (solo in digitale terrestre) viene rilevato quotidianamente da Auditel, con una media dello 0,47% di ascolto nel totale giornata. Boing è il più visto tra i canali junior trasmessi su tutte le piattaforme, satellite compreso.

Dal 2003 è azionista di riferimento di Telecinco, canale tv del Grupo Gestevisión Telecinco diretto da Paolo Vasile, primo in Spagna sia in ascolti (con una media del 20% di share), sia in raccolta pubblicitaria (30% con la controllata Publiespaña) e dal 2004 quotata alla Borsa di Madrid. L'emittente spagnola Telecinco, venne fondata da Silvio Berlusconi nel 1989, così come avvenne nel 1986 in Francia con il canale La Cinq e nel 1988 in Germania con il canale Tele 5. Al contrario di ciò che accadde in Francia e in Germania, il canale spagnolo ebbe decisamente maggior fortuna, finché nel 1997 Mediaset acquisì la partecipazione di Fininvest pari al 25% per poi passare all'attuale 50,13%. Le attività di La Cinq e Tele 5 cessarono invece nel 1992, ma sulla prima fu abortito un tentativo di salvataggio.

Il Grupo Telecinco ha sede principale a Madrid, nel quartiere Fuencarral. E' attivo sul digitale terrestre spagnolo con altri tre canali tematici gratuiti: Telecinco 2, FDF e Cincoshop, il massimo previsto dalla legge iberica. Il canale Telecinco è distribuito anche via satellite sulla piattaforma a pagamento Digital+. Altre società controllate da Telecinco sono l'agenzia stampa Atlas, la tv locale UNE, i servizi Internet Europortal Jumpy, Estudios Picasso Fábrica de Ficción e la casa di produzione di programmi tv SALTA. Il presidente del gruppo televisivo spagnolo è Alejandro Echevarrìa.

Dal 1996 la concessionaria Publieurope, società totalmente controllata da Publitalia '80, segue le attività di raccolta pubblicitaria per i clienti internazionali. Oltre alle reti del Gruppo e alle principali testate editoriali di Mondadori, è concessionaria delle maggiori emittenti televisive commerciali europee di Spagna, Germania, Regno Unito, Austria, Svizzera, Paesi Bassi, Belgio, Norvegia, Svezia, Finlandia, Danimarca, Ungheria, Bulgaria, Romania, per il canale sportivo cinese CSPN, per il canale d'intrattenimento arabo Nessma Tv e per il network nordamericano Caribevisiòn. Publieurope inoltre si avvale della fattiva collaborazione di Publitalia '80, per i clienti italiani, e di Publiespaña, per i clienti spagnoli.

Dopo aver tentato l'acquisto del gruppo televisivo tedesco ProSiebenSat.1, ma non andato a buon fine, nel 2007 ebbe invece successo la gara per l'acquisizione (attraverso Telecinco in consorzio paritetico con il fondatore John de Mol e Goldman Sachs), per una cifra di circa 2,6 miliardi di Euro, della società internazionale leader nella produzione di format televisivi Endemol, di origine olandese (sede centrale ad Amsterdam) e presente in 25 Paesi e in tutti i continenti, già quotata alla borsa olandese dal 1996. Il presidente del gruppo olandese, fondato nel 1994 da Joop van den Ende e John de Mol, è l'israeliano Ynon Kreiz.

Nel 2008 Telecinco è entrata nel mercato tv nordamericano con l'acquisto del 28,3% di Caribevisiòn, network televisivo in lingua spagnola diffuso nelle comunità ispaniche di New York, Miami e Porto Rico. Sempre nello stesso anno Mediaset ha acquisito il 25% della tunisina Nessma Tv, il principale canale satellitare di intrattenimento rivolto al mondo arabo mediterraneo (Maghreb), ha stretto accordi commerciali con il canale sportivo China Sport Network (CSPN) e ha rilevato quote pari al 49% di Sportnet Media Limited, società attiva nella raccolta pubblicitaria, nell'acquisto diritti e nella produzione di programmi televisivi per il network cinese.

Nel settembre 2008 l'azienda ha ufficializzato il proprio interessamento all'ingresso, tramite Endemol, in ITV, la principale tv commerciale britannica.

Nel 2004, in collaborazione con la Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM di Milano, fondò il consorzio Campus Multimedia In.Formazione, con l'obiettivo di creare un'offerta di alta formazione nell'ambito dei media, dell'economia digitale e della comunicazione. Due i Master attivi: Master in Management Multimediale (MIMM) e Master in Giornalismo (riconosciuto dall'Ordine dei giornalisti).

La concessionaria di pubblicità Publitalia '80 organizza a Milano dal 1988 un corso post-laurea accreditato ASFOR: il Master in Marketing, Comunicazione e Sales Management.

Dal 2003 al 2007, in collaborazione con l'Università La Sapienza di Roma, realizzò il Laboratorio di Comunicazione e Nuovi Contenuti con due corsi: Scuola della Tv, per la creazione di figure professionali specializzate, e il Laboratorio Linguaggio Tv.

Attraverso Mediafriends, organizzazione non lucrativa di utilità sociale (Onlus) costituita da Mediaset, Medusa e Mondadori, vengono svolte attività di ideazione, progettazione, realizzazione e promozione di eventi, in special modo televisivi (La Fabbrica del Sorriso), finalizzati alla raccolta di risorse da destinare alla beneficenza ed al finanziamento di progetti mirati quali: istruzione, assistenza socio-sanitaria, valorizzazione della cultura e dell'ambiente, cooperazione internazionale.

La controllata Medusa sostiene da anni la Società italiana per l'Amiloidosi Onlus. Attraverso Publitalia '80, ogni anno dedica oltre 6.000 passaggi pubblicitari a campagne di carattere sociale. Telecinco, in Spagna, mette a disposizione l'emissione di spot dedicati a temi di interesse sociale.

Mediaset è attiva anche nel settore dell'editoria con "Link. Idee per la televisione", collana di comunicazione curata da R.T.I. dedicata alla divulgazione dei meccanismi che governano l'industria televisiva mediante il contributo di esperti e professionisti del settore, italiani e stranieri.

Da più di vent'anni organizza al Teatro Manzoni di Milano la rassegna musicale "Aperitivo in Concerto"; la controllata Publitalia '80 è sponsor principale della "Mostra del Libro Antico", organizzata dalla Fondazione Biblioteca di via Senato, presso il Palazzo della Permanente di Milano.

Dato aggiornato al 4 Marzo 2009 secondo i dati Consob sulle partecipazioni rilevanti.

Mediatrade, R.T.I. Music, Mediadigit, Promoservice Italia.

Le partite trasmesse sui canali Diretta Calcio e Premium Calcio24 (solo per le partite di Serie A e Champions League) sono acquistabili singolarmente in modalità pay-per-view (per le nuove tessere acquistate nel corso del 2008 previo acquisto Premium Gallery).

Parte dell'offerta Mediaset Premium è distribuita in Italia anche in DVB-H da TIM e 3.

Dal 16 gennaio 1991, con l'annuncio in diretta e in anteprima nazionale dell'inizio dell'azione militare alleata nella Guerra del Golfo, produce notiziari d'informazione in diretta su tutte le reti attraverso differenti testate. Nel corso del 2007, le produzioni news hanno rappresentato più del 18% dei programmi emessi dalle reti italiane Mediaset.

Ad eccezione di Videonews, che è ha il compito di ideare e realizzare programmi di approfondimento e di infotainment (tra cui spiccano Verissimo, Mattino 5, Pomeriggio 5 e Lucignolo), tutte le altre testate dispongono di un versione on line su Internet. Il direttore generale delle testate giornalistiche Mediaset (R.T.I.) è Mauro Crippa.

Il logo di Mediaset è la testa stilizzata del Basilisco, detto anche Biscione, adottato come simbolo araldico e stemma dai Visconti, signori di Milano, a partire dal XI secolo in seguito alle gesta di Oddone Visconti in Terra Santa nel 1187. Il Basilisco venne poi acquisito dagli Sforza, sino a divenire uno dei simboli della città.

Il Biscione di Mediaset porta tra le fauci un fiore di otto petali, a differenza dello stemma dei Visconti in cui vi si trova un moro. Il logo è stato creato negli anni '70 come simbolo di Milano 2: un progetto urbanistico ad opera di Silvio Berlusconi situato nella natura (il fiore), adiacente a Milano (il Biscione). Da allora ha sempre rappresentato il gruppo Fininvest, quindi il canale Telemilano, la cui sede era per l'appunto a Milano 2, in seguito rinominato Canale 5. Di qui l'adozione del simbolo da parte di Mediaset nel 1993 esteso a tutte le società del gruppo televisivo; nel 2004 ha poi assunto la linea attuale in concomitanza con il lancio dell'offerta televisiva in digitale.

E' simbolo anche di Milano 3, Medusa, della società di aerotrasporti privata Alba, del Teatro Manzoni e, in altre differenti declinazioni, del canale Mediashopping, della Onlus Mediafriends, del gruppo assicurativo-bancario Mediolanum, facente sempre parte di Fininvest.

Il colore del fiore oggi è il principale carattere distintivo del simbolo: blu per Mediaset, arancione per Canale 5 (in precedenza rosso), verde per Fininvest e Mediafriends, giallo per Mediashopping, azzurro per Mediolanum, giallo oro per Alba e Medusa, rosso per Milano 2, Milano 3 ed il Teatro Manzoni.

Per identificare il gruppo televisivo facente capo a Fininvest, viene spesso utilizzato per l'appunto il termine Biscione.

Mediaset (e prima Fininvest) è da diversi anni al centro di diverse critiche, in alcuni casi strettamente intrecciate con quelle relative a Silvio Berlusconi, azionista di maggioranza.

Una critica rivolta all'azienda è relativa all'emittente Rete 4 e al cosiddetto lodo Retequattro, secondo cui l'emittente non avrebbe diritto a trasmettere in analogico (in altre forme invece sì). La situazione è ancora pendente, mentre la giurisprudenza ha prodotto molte sentenze al riguardo.

Un'altra importante critica mossa nei confronti di Mediaset riguarda la politica relativa ai prodotti di animazione, soprattutto l'animazione giapponese. Sul web sono infatti facilmente rintracciabili siti e comitati di protesta che attaccano duramente gli adattamenti italiani di alcuni anime curati dal network. Molto spesso Mediaset è stata accusata di aver censurato i contenuti, i dialoghi e le immagini di alcune serie stravolgendone il significato, perché ritenute inadatte. Serie come Temi d'amore fra i banchi di scuola, È quasi magia Johnny, le 3 serie di Dragon Ball e le 5 serie di Sailor Moon sono spesso portate ad esempio. Va segnalato che in alcuni casi Mediaset ha dichiarato di aver solo ceduto alle pressioni del MOIGE, di cui è noto l'ostracismo verso tutti gli anime del Sol Levante. Gli accusatori sostengono invece che la mancanza di motivazione di alcuni tagli porta a pensare che Mediaset non abbia ceduto alle pressioni ma intrattenga una vera collaborazione con il MOIGE.

In altre occasioni Mediaset è stata accusata di aver stravolto il significato di una serie per puri scopi commerciali, un esempio in questo caso è la celebre serie Mila & Shiro, in cui la protagonista viene fatta diventare cugina della protagonista di Mimì e la nazionale di pallavolo, creando una connessione in realtà inesistente tra le due opere (poi portata nelle versioni francese e spagnola) e giustificata dal tentativo di trasferire il successo della serie di Mimì su quella di Mila, che comunque divenne popolare in Italia.

Da diverse parti Mediaset è stata accusata di inserire nel palinsesto dosi esagerate e sempre crescenti di pubblicità, a volte ricorrendo a trucchi e artifizi cavillosi. Un esempio è il fatto che gli spot per TGcom, un servizio a pagamento di informazioni, è considerato da Mediaset un programma autonomo simile ad un telegiornale piuttosto che una pubblicità inserita all'interno di altri programmi. Forte di questa interpretazione Mediaset ha più volte aggirato la normativa vigente e interrotto una trasmissione per trasmettere pubblicità seguita dal TGcom e poi da un ulteriore stacco pubblicitario anzichè con la ripresa del programma. L'autorità garante delle comunicazioni ha già condannato più volte questo atteggiamento.

Nel 2003 un telespettatore ha fatto causa a Mediaset a causa del numero di spot giudicato intollerabile trasmessi durante le semifinali di Champions League, il caso è arrivato in cassazione e la suprema corte si è espressa a favore del telespettatore riconoscendogli il risarcimento simbolico chiesto di 100 euro (più il pagamento delle spese legali).

Nel novembre 2006 Mediaset è stata multata di 650.000 euro per aver trasmesso doti massicce e illegittime di pubblicità.

Alla fine degli anni '90 sono stati soppressi tutti i contenitori di cartoni animati, con grande disappunto degli affezionati, per far posto ad un programma di pochi secondi (secondo alcuni uno spot mascherato) che recalimizza suonerie e loghi per telefoni cellulari.

Nel 2008 Mediaset ha fatto causa a YouTube per violazione dei diritti d'autore richiedendo 500 milioni di dollari di risarcimento, molti hanno visto in questo atteggiamento una volontà di censura, ma Mediaset si è difesa affermando di aver cercato più volte un dialogo con YouTube e con il suo proprietario Google senza mai ottenere risposta, vedendosi costretta a ricorrere alle vie legali. Questo comportamento è stato tuttavia criticato poiché molte televisioni in italia e all'estero (su tutte la BBC) applicano sempre più una politica di rilasciare i propri contenuti.

Alcuni esponenti del centrosinistra hanno accusato alcune delle trasmissioni di informazione di Mediaset (su tutte il TG4 ma solo nei riguardi di Emilio Fede e non degli altri giornalisti che non mostrano il suo grado di faziosità, e in parte anche Matrix di Enrico Mentana) di faziosità in favore del loro editore. In occasione della celebre Discesa in campo del 1994 molti personaggi VIP delle reti Mediaset (tra cui Raimondo Vianello, e Mike Bongiorno) hanno pubblicamente dichiarato in diretta televisiva di votare per il loro editore, causando molte polemiche. La legge sulla par condicio metterà fine in seguito a tali endorsements. In occasione delle elezioni politiche italiane del 2008 invece, i due candidati Berlusconi e Veltroni hanno sostenuto delle interviste con Mentana nel corso della stessa serata (a causa del rifiuto del leader PDL di un faccia a faccia). A parlare per primo è stato Veltroni e in seguito all'uscita del leader del centrosinistra si è avuto l'ingresso di Berlusconi. Ha sollevato delle polemiche il fatto che Berlusconi abbia potuto parlare per secondo ascoltando e dibattendo su tutto ciò che il suo avversario aveva detto in precedenza, mentre a Veltroni non è stata concessa l'opportunità di replicare alle dichiarazioni del leader del centrodestra, anche in questo caso Mediaset si è difesa per bocca di Fedele Confalonieri e dello stesso Mentana, dichiarando che l'ingresso è stato dato da un regolare sorteggio richiesto proprio dal partito Democratico di Veltroni, originariamente contrario all'ingresso di Berlusconi per primo, spiegazione che comunque non giustifica agli occhi di molti il fatto che Berlusconi abbia potuto ascoltare i discorsi di Veltroni; altra critica riguardante il dibattimento riguarda il fatto che Italia 1 e Rete 4, quando ha parlato Veltroni, hanno trasmesso programmi seguitissimi come CSI e Tempesta d'amore (serie già in onda tutte le altre settimane), sostituiti, all'arrivo di Berlusconi, con serie meno seguite.

Altre critiche riguardano la sospensione improvvisa per motivi di auditel di alcune serie televisive a causa dei bassi ascolti. Telefilm come Crimini bianchi sono stati cancellati o sospesi dopo poche puntate per gli ascolti buoni ma insufficenti a battere la concorrenza RAI. Gli spettatori non negano all'emittente il diritto di cancellare un programma non proficuo, ma obbiettano che comunque non è corretto nei confronti degli appassionati sospendere una serie a metà lasciando in sospeso la conclusione della trama. Soluzioni come lo spostamento in un'altra fascia oppure la realizzazione di uno o due episodi conclusivi sono considerati soluzioni molto più oneste nei confronti del pubblico. Inoltre Mediaset è duramente criticata anche dagli addetti ai lavori poichè non comunica direttamente agli attori e ai membri della troupe la decisione (o anche solo la possibilità) di sospendere la serie, inducendo i protagonisti a supporre che ci siano le possibilità di fare nuove stagioni della serie. Molti membri dei cast si sono lamentati di aver saputo della perdita del lavoro solo all'annuncio stampa.

Il 9 febbraio 2009, in occasione della morte di Eluana Englaro, Canale 5 ha mantenuto la programmazione invariata con la messa in onda del Grande Fratello 9 nonostante le richieste di Enrico Mentana per Matrix e del TG5 di trasmettere uno speciale sul caso. Il giorno seguente Mentana presenterà per protesta le sue dimissioni dalla carica di direttore editoriale di Mediaset, accusando il suo editore di pensare solo e unicamente all'auditel e di ignorare l'aspetto fondamentale della televisione come mezzo di informazione. Due giorni dopo, Mentana, tramite una lettera pubblicata dal quotidiano Libero, illustra a pieno la vicenda ribadendo le accuse e ottenendo solidarietà dal resto del mondo giornalistico.

La principale critica alla tv spagnola, rivolta fin dalla nascita e mai sopita, è stata quella di proporre Telebasura, cioè programmi di qualità scadente di carattere popolare atti a conseguire grandi ascolti.

Per la parte superiore



Telemike

1950's television.jpg

Telemike era un famoso gioco a quiz condotto da Mike Bongiorno, andato in onda su Canale 5 dal 1° ottobre 1987 alla primavera 1992.

La trasmissione andava in onda tutti i giovedì alle ore 20,40. Gli autori erano Mike Bongiorno, Illy Reale, Ludovico Peregrini e Luigi Albertelli. La regìa era di Mario Bianchi.

Come i precedenti quiz di Mike Bongiorno, anche Telemike proponeva domande di cultura generale, inchieste su indagini demoscopiche e il famoso tabellone. Novità del programma erano i collegamenti esterni. Gigi Moncalvo si occupava dei collegamenti in Italia, mentre le esterne internazionali erano affidate ad Alessandro Ippolito, che ricoprì il ruolo di inviato estero dal 1987 al 1989. Tale compito fu poi affidato a Marco Balestri, Gigi Moncalvo e Giorgio Medail.

Il gioco dei dadi rappresentava un'altra novità del programma, che sarebbe stata proposta anche nella seconda edizione. Per lo spazio musicale i primi ospiti erano i Bee Gees, che avevano cantato una canzone dal titolo You Win Again, che è tratto dal loro LP del 1987. Il tema musicale era eseguito dal maestro Augusto Martelli. La sigla di coda era affidata a Julio Iglesias, ospite fisso della trasmissione per la sigla di chiusura, con la canzone Innocenza selvaggia, che è una canzone del 1987.

In tutte le edizioni di Telemike numerosi valletti hanno affiancato Mike Bongiorno: Davide Mazzoli nell'edizione del 1987; il piccolo Andrea Dotti, figlio del direttore della fotografia Mario Dotti nell' edizione del 1988; la piccola Roberta Gallese nelle edizioni dal 1989 al 1991; Susanna Messaggio nell'edizione 1987-1988 e Sabrina Gandolfi (passata a RAI Sport) solo nell'edizione 1989-1990. Nell'ultima edizione (1991-1992) la trasmissione ha avuto delle grandi novità, ed entrarono nel cast della trasmissione il direttore di Radio Italia, Franco Nisi (peraltro già presente l'anno precedente nel gioco a quiz Tris), e Vittorio Sgarbi, famoso critico d'arte già deputato del Partito Radicale. Sgarbi era incaricato di cimentarsi su vari argomenti assieme a Mike Bongiorno.

Due scandali hanno coinvolto la trasmissione: il primo nella terza edizione (1989-1990): durante la fase finale del gioco del "Raddoppio" Mike stava formulando le domande a cui avrebbe dovuto rispondere la finalista, la signorina Livoli. Ma qualcosa non quadrava: la ragazza infatti stava nascondendo sotto la scrivania della cabina dei bigliettini. Accortosi dell'inganno Mike si infuriò e mostrò agli autori gli appunti della concorrente. A questo punto il signor Carosi si riconfermò campione in carica, mentre la signorina Livoli venne squalificata. Mike preferì non parlare più alla concorrente che svenne (o meglio fece finta di svenire) subito dopo. Il secondo scandalo successe durante l'ultima edizione di Telemike (1991-1992): scoppiò una lite, in seguito censurata, tra Mike Bongiorno e Vittorio Sgarbi. Motivo del dissidio fu un filmato di Paperissima sulle case abusive distrutte a Zafferana Etnea. Si mise in discussione la veridicità del filmato e ci fu uno scambio di battute sfociato con la rabbia di Mike. Al termine delle cinque edizioni del programma, a partire dal 7 maggio 1992, vennero trasmesse le finalissime di Telemike, con protagonisti i grandi campionissimi delle edizioni precedenti. Nelle finalissime venne introdotto il Bingo, già visto l'anno precedente nel gioco a quiz Pentatlon. La schedina era allegata a Tv Sorrisi e canzoni, e continuò fino al 1993 nel gioco a quiz Tutti per uno. Le "Bingo-Girls" introducevano il momento del Bingo.

Per la parte superiore



Italia 1

Logo Italia 1.svg

Italia 1 è un canale televisivo italiano privato. È il secondo, per ascolti, del gruppo Mediaset, il principale operatore televisivo privato italiano.

Italia 1 si propone come canale generalista a target giovanile.

Nasce il 3 gennaio 1982 da un'idea di Edilio Rusconi come network che si appoggiava a 18 emittenti regionali (la capofila era Antenna Nord) per trasmettere sul territorio italiano. Il 6 settembre 1982 tuttavia Rusconi firma un accordo di collaborazione con Silvio Berlusconi, proprietario di Canale 5; il 30 novembre successivo il gruppo Fininvest acquisisce per 29 miliardi di lire circa il 51% della rete, che verrà poi fusa con Canale 10, anch'esso proprietà di Silvio Berlusconi, per fondare la nuova Italia 1, seconda rete Fininvest rivolta ad un target giovanile. Nei primi anni di trasmissione, il canale acquista grande notorietà grazie ad alcuni programmi come Drive In, trasmissione cult degli anni '80 o lo storico contenitore Bim Bum Bam (già in onda dai tempi di Antenna Nord) e i suoi cartoni animati (tra cui I Puffi). Negli anni '80, inoltre, Gabriella Golia inizia la sua attività di annunciatrice televisiva, prima su Antenna Nord e poi sul nuovo network, diventando il volto storico dell'emittente, mentre il pupazzo "Uan", un cane rosa che affianca Paolo Bonolis nella conduzione del già citato Bim Bum Bam a partire dalla stagione '83/'84, diventa la mascotte dell'emittente così come lo furono Four per Rete 4 (terza emittente acquisita dal gruppo Fininvest nel 1984) e Five per Canale 5. Uan è stato il pupazzo con la carriera più lunga rispetto a quella dei suoi due "colleghi". Mentre gli altri due sono spariti quasi completamente dagli schermi già negli anni '90, lui ha continuato a "lavorare" in televisione fino al 2001 nei programmi contenitori di cartoni animati di Italia 1.

Nel 1991, Italia 1 è la prima emittente Fininvest ad avere un telegiornale proprio; nel gennaio di quell'anno infatti Emilio Fede (già fondatore del primo telegiornale privato, su Rete A) fonda Studio Aperto, notiziario tuttora in onda e attualmente diretto da Giorgio Mulé. A cavallo tra gli anni '80 e gli anni '90, la rete manda in onda programmi di grande successo come Lupo solitario, i telefilm italiani I ragazzi della 3ª C, le saghe di Cristina D'Avena su Kiss Me Licia e le prime edizioni di varietà storici di Canale 5 nati su quest'emittente, come Striscia la notizia e Scherzi a parte. A partire dall'estate 1988, inoltre, il Festivalbar diventa un appuntamento estivo fisso per la seconda rete Mediaset.

Nei primi anni '90 l'emittente continua ad avere successo e altri programmi riescono a imporsi e a tenere alti gli ascolti dell'emittente. Tra i principali e più ricordati vi sono Mai dire gol, il Karaoke condotto da un esordiente Fiorello e il discusso varietà Non è la Rai, programmi che portano il target della rete sempre più orientato verso i giovani nonostante la promozione dello storico Bim Bum Bam su Canale 5. Sempre nei primi anni 90 riscuotono un ottimo successo anche i telefilm per ragazzi Beverly Hills 90210, Willy, il principe di Bel Air e il telefilm di fantascienza X-Files, che si insedia nella sua storica prima serata della domenica dopo la prima stagione in onda sulla rete ammiraglia Fininvest. Nella seconda metà degli anni 90 torna nei palinsesti della rete Bim Bum Bam, e vi rimarrà fino al 2002 quando verrà sostituito da una semplice serie di cartoni animati, e tra i telefilm ha uno straordinario successo Dawson's Creek, conclusosi il decennio successivo. Ampio spazio è anche dedicato allo sport, grazie al notiziario Studio Sport, al proseguo di Mai Dire Gol, poi trasformatosi in varietà e ancora in onda e il programma televisivo Pressing di Raimondo Vianello. Nel 1997 si assesta anche la fascia preserale, che per quasi un decennio rimarrà sotto l'assedio di Enrico Papi e del suo gioco della musica, Sarabanda. Tra i varietà di prima serata più importante ci sono Il brutto anatroccolo, Matricole e Meteore. A fine millennio, inoltre, si impongono come cartoni animati di punta dell'emittente i Pokémon, prendendo il posto che fu di Sailor Moon, le 3 serie di Dragon Ball (che andarono in onda all'infinito per via degli ascolti nonostante le critiche di violenza), Lupin III, e in forza maggiore dei Simpson nel cuore dei bambini e conquistando anche alcune prime serate della rete.

Nei primi anni 2000 l'emittente lancia il tormentone dei suoi bumper pubblicitari. Invita infatti gli spettatori a inviare dei brevi filmati in cui la gente da casa esclama "Italia 1!" e l'iniziativa riscuote subito un grande successo diventando un tormentone tra gli italiani. I filmati più interessanti sono stati poi usati nelle pubblicità dei programmi dell'emittente. In questo periodo anche Italia 1 è travolta dal grande successo del reality show lanciato nel 2000 dal Grande Fratello. Manda infatti in onda Survivor, primo reality della rete, nel 2001, e in seguito altri come La Fattoria (nel 2004), La Talpa (2005) e La pupa e il secchione (2007). Del 2000 è Popstars, versione italiana di un format di successo che si propose l'obiettivo di formare una girl band in maniera totalmente mediatica. Nacquero da qui le Lollipop, che però si sciolsero tre anni dopo la loro formazione, mentre il format venne poi riproposto nel 2003 con il titolo "Superstar Tour", senza successo (da qui nacquero le Lucky Star). Italia 1 ha proposto anche il primo reality show dedicato allo sport, Campioni - Il sogno, nel 2004. Continua l'impegno della rete nello sport, trasmettendo il Motomondiale dal 2002, le partite della Champions League in chiaro fino al 2006 (poi trasmesse dalla stagione successiva sul digitale terrestre Mediaset Premium) e lo storico notiziario sportivo Studio Sport. Particolare successo per Controcampo, programma sportivo domenicale erede di Pressing, trasmesso fino al 2008. Altri programmi di successo dei primi anni 2000 sono Le Iene, già in onda dal 1997 e promosso in questo periodo in prima serata, Zelig, programma di cabaret poi spostato su Canale 5, le declinazioni di Mai dire... e la sitcom autoprodotta Camera Cafè. Tra i telefilm particolare successo è riscosso invece Will & Grace, Settimo cielo, Una mamma per amica e Walker Texas Ranger, C.S.I., The O.C.,Smallville, mentre dal 2003 prendono il via, su Italia 1 così come sulle altre reti Mediaset, le finestre dedicate alle televendite di Mediashopping, che nel corso degli anni diventeranno sempre più martellanti e nello stesso anno trova posto nei palinsesti dell'emittente Top of the Pops, storico programma musicale precedentemente in onda su Raidue. Dal 2002 si insedia alla direzione Luca Tiraboschi, ancora direttore di rete. Nel 2004 viene liberata la fascia preserale in seguito all'eliminazione dal palinsesto dello storico programma Sarabanda e da quell'anno, in quella fascia oraria, verranno sperimentati numerosi quiz televisivi come Il mercante in fiera, un rifacimento del vecchio Gioco dei 9 e, a partire dal 2007, una nuova edizione di La ruota della fortuna, storico quiz di Mike Bongiorno. Così come Sarabanda, anche quest'ultimo programma è condotto da Enrico Papi. Nella seconda metà degli anni 2000 particolare successo è riscosso dal telefilm Dottor House, poi promosso sulla rete ammiraglia, e continua il successo del varietà "Le Iene". Particolare anche il successo di Cronache marziane, varietà trasgressivo andato in onda in ben due edizioni nel corso di una stagione (2004/2005) e inspiegabilmente non riproposto nelle successive annate. La raccolta pubblicitaria è curata da Publitalia '80.

I film sono in bianco, i programmi di intrattenimento sono in giallo, i quiz in rosso, le serie TV in indaco, le fiction in blu, i reality show in rosa, i programmi di informazione e approfondimento in arancione, lo sport in celeste, i talk show in verde, i programmi musicali in marrone ed i cartoni animati in crema.

Bianco, quasi sul trasparente.

Dal 20 settembre 1993 al 5 aprile 1998: In alto a destra c'è una a e metà di basso non è coperta da alcuna scritta.

Dal 6 aprile 1998 al 19 settembre 1999: A sinistra del logo c'è la scritta bianca PRIMA.

Dal 20 settembre 1999: A destra del logo c'è una a riquadrata, mentre l'1 è diventato cavo.

Come detto, il volto storico della rete che annunciava i programmi è stata Gabriella Golia. Annuciatrici della rete sono state anche Veronica Ghinzani dal 1982 al 1984, Fiorella Pierobon dal 1982 al 1983, Licia Colò dal 1982 al 1985 e Cinzia Petrini dal 1983 al 1986.

Per la parte superiore



Rete 4

R4 Logo.jpg

Rete 4, anche scritto Retequattro, è un canale televisivo nazionale italiano privato, il terzo, per dati d'ascolto, del gruppo Mediaset, il principale operatore televisivo privato italiano.

Diretto da Giuseppe Feyles, Rete 4 si propone come canale generalista orientato maggiormente ad un pubblico adulto in quanto offre soprattutto cultura, soap opera, informazione e sport.

Il canale è visibile gratuitamente anche sul digitale terrestre nelle zone coperte dal mux Mediaset 2. Chi possiede un set-top box o un televisore compatibile con tecnologia MHP (Multimedia Home Platform) può fruire delle funzionalità interattive incluse nel segnale dell'emittente (TV interattiva). La raccolta pubblicitaria è curata da Publitalia '80.

Annunciata già nel'ottobre 1981, Retequattro inizia le sue trasmissioni il 4 gennaio 1982. Il network è di proprietà della Mondadori (60%), Carracciolo e Perrone (20% ciascuno) e si articola in 22 emittenti, alcune delle quali di proprietà Mondadori o Perrone. Emittente capofila era la capitolina La Uomo Tv. Per lanciare il nuovo canale televisivo, Mondadori ingaggia come direttore artistico il presentatore Enzo Tortora che qui presenta la trasmissione "Cipria" e acquista i diritti dei serial americani Venti di guerra e Dynasty. Lanciò con La schiava Isaura la lunga stagione delle telenovelas sudamericane che ne segnarono l'identità per circa un ventennio. Altre fortunate trasmissioni furono quelle di informazione curate da Giorgio Bocca e Maurizio Costanzo, che qui lanciò il Maurizio Costanzo Show. Ma in pochi mesi Retequattro è oberata di debiti e già dal 1983 si pensa a come venirne fuori.

Dopo alterne vicende, il 27 agosto 1984 la spunterà la Fininvest di Silvio Berlusconi che acquisterà il 50% di Retequattro, all'epoca valutata in 30 miliardi di lire, ed il magazzino programmi per 105 miliardi di lire in quattro anni senza interessi, facendone il suo terzo canale. Da allora, la rete è vicinissima alle alterne fortune del politico Berlusconi, particolarmente nella figura del giornalista Emilio Fede che conduce il telegiornale della rete, che è considerato quasi un ufficio stampa.

Nel comune di Aosta, così come in altri 16 comuni della Valle d'Aosta, in Sardegna e in Trentino, Rete 4 è una delle reti non più visibili in modalità analogica terrestre, ma solo in digitale terrestre e satellitare, secondo le disposizioni del Ministero delle Comunicazioni per l'attuazione del programma di migrazione nazionale di tutte le trasmissioni televisive dalla modulazione analogica a quella digitale (il cosiddetto switch-off).

Dal 23 febbraio 2009 è disponibile in Sardegna e in Trentino Alto Adige anche il canale Rete 4 +1, che replica le trasmissioni di Rete 4 in differita di un'ora.

Dal 4 gennaio 1982 al 28 novembre 1993: In alto a sinistra del logo, c'era scritto PRIMA R4 e veniva usata per pochi secondi.

Dal 29 novembre 1993 al 1998: La scritta PRIMA R4 cessa di esistere. A sinistra del logo d'oro di rete 4, apparivano l'1 e la a di color oro e, a destra del logo, appariva la scritta d'oro TV.

Dal 6 aprile 1998 al 19 settembre 1999: Sotto il logo, vi appare una pellicola cinematografica nera con inciso una scritta PRIMA sempre di colore oro.

Dal 20 settembre 1999: Il logo e la scritta PRIMA diventano bianchi. La pellicola cinematografica viene tolta dal logo.

Rete 4 è l'unico canale nazionale che adatta i propri loghi a seconda dei cicli di film che vengono proposti nelle seconde serate.

Durante i film di seconda serata del ciclo I bellissimi di Rete4, appare, sotto il logo, la scritta BELLISSIMI, mentre più raramente, in occasione del ciclo Cinema Festival, compare la scritta CINEFESTIVAL. Stessa cosa anche per il ciclo estivo Cinema d'estate, durante il quale la scritta che appare sotto al logo è CINESTATE.

Le caratteristiche e le modalità d'introduzione dei loghi speciali citati finora è uguale a quella dei loghi utilizzati per i film e i telefilm in prima visione televisiva.

Durante la trasmissione "Sipario del TG4", viene invece apposto il logo di Rete 4 più grande e più grosso, reso trasparente, con una faccia a forma di sipario di colore arancione. La scritta MEDIASET viene in questo caso rimossa dallo schermo.

È tuttora in corso un ampio dibattito giuridico, iniziato a partire dai primi anni novanta, sulla legittimità della trasmissione analogica del canale.

Questo dibattito sorse nel 1994, quando la corte costituzionale ribadì che i privati, secondo la costituzione, non possono possedere più di due reti televisive attive sull'analogico terrestre, e che quindi Rete 4, per poter continuare a trasmettere, o doveva essere venduta, o trasmessa al di fuori dell'analogico terrestre, ovvero su satellite. Il vari governi, negli anni seguenti, ignorarono questo ordinamento, fino a quando la corte costituzionale lo reclamò nuovamente nel 2002. Secondo quanto imposto, questa manovra avrebbe dovuto essere completata entro il 31 dicembre 2003, lasciando il canale libero a Europa 7 di Francesco Di Stefano.

Tale dibattito è mantenuto vivo dalle pretese nei confronti dello Stato dell'editore Di Stefano e la sua Europa 7 che nel 1999 ottenne la concessione di trasmissione sulle frequenze occupate abusivamente da Rete 4.

Il 31 gennaio 2008 la Corte di Giustizia Europea stabilisce che i regimi transitori susseguitisi con la legge Maccanico, il decreto legge soprannominato “salva Retequattro” e la legge Gasparri non rispettano le direttive europee e che, quindi, il lungo periodo transitorio di cui ha beneficiato Retequattro è illegittimo e, riconosce ad Europa 7 il diritto ad avere le frequenze occupate da Rete 4.

Secondo tale sentenza il regime di assegnazione delle frequenze non rispetta il principio della libera prestazione dei servizi e non segue criteri di selezione obiettivi, trasparenti, non discriminatori e proporzionati.

Il testo della corte spiega che L'applicazione in successione dei regimi transitori strutturati dalla normativa a favore delle reti esistenti ha avuto l'effetto di impedire l'accesso al mercato degli operatori privi di radiofrequenze. Questo effetto restrittivo è stato consolidato dall'autorizzazione generale, a favore delle sole reti esistenti, ad operare sul mercato dei servizi radiotrasmessi. Tali regimi hanno avuto l'effetto di cristallizzare le strutture del mercato nazionale e di proteggere la posizione degli operatori nazionali già attivi su questo mercato. Inoltre sottolinea in Italia il piano nazionale di assegnazione per le frequenze non è mai stato attuato per ragioni essenzialmente normative, che hanno consentito agli occupanti di fatto delle frequenze di continuare le loro trasmissioni nonostante i diritti dei nuovi titolari di concessioni. Le leggi succedutesi, che hanno perpetuato un regime transitorio, hanno avuto l'effetto di non liberare le frequenze destinate ad essere assegnate ai titolari di concessioni in tecnica analogica e di impedire ad altri operatori di partecipare alla sperimentazione della televisione digitale.

Il 31 maggio 2008 il Consiglio di Stato ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato da Europa7 contro il Ministero delle Comunicazioni e R.T.I. in cui si chiedeva la sospensione dell'autorizzazione a trasmettere per Rete4, in quanto tardivo. La Suprema magistratura amministrativa ha chiesto al Ministero dello Sviluppo Economico (erede del Ministero delle comunicazioni) di pronunciarsi nuovamente sulla richiesta di frequenze di Europa 7, sulla base della sentenza ad essa favorevole, e ha rinviato a dicembre una sua decisione su un possibile risarcimento dei danni. Rete4 per il momento può trasmettere, ma ricordiamo che nella gerarchia delle leggi, il diritto comunitario prevale su quello italiano.

Il 16 dicembre 2008 il Collegio si riserverà di decidere in via definitiva sul ricorso con cui Europa 7 chiede il risarcimento del danno e l'assegnazione delle frequenze.

Nel frattempo l'Italia è soggetta ad un'ammenda retroattiva di qualche centinaio di milioni di euro annui da parte dell' Unione Europea.

Dal 1999 fino al maggio 2006 Massimo De Luca ha condotto Pressing Champions League, programma sportivo appunto dedicato alla massima competizione europea per club, di cui Rete 4 trasmetteva una partita di martedì. I personaggi più noti del passato erano Patrizia Rossetti, allora annunciatrice, e Iva Zanicchi, che vi ha condotto molti programmi, tra cui Ok il prezzo è giusto.

Inoltre trasmette la soap-opera più longeva della tv, Sentieri, anche se ultimamente è soggetta a continui cambi di orario e modifiche di durata delle puntate. Da qualche anno è stata trasferita su rete 4 anche la sit-com più longeva della televisione italiana Casa Vianello, nella storica collocazione oraria di domenica alle 18.30. Uno dei programmi più seguiti per le tematiche ambientali legate al mare ed alla pesca è Pianeta Mare condotto da Tessa Gelisio, che va in onda la domenica mattina ed in replica il sabato pomeriggio successivo.

Dal 1º marzo 2007 (in Sardegna) e dal 16 febbraio 2009, con lo switch-off solo analogico di Rete 4, Rai Due, e QOOB che hanno convertito le loro frequenze terrestri in digitale in Sardegna e in Trentino Alto Adige, la rete Mediaset ha iniziato a trasmettere dei test in HD utilizzando il digitale terrestre. Per il momento, tuttavia, si tratta di un segnale a definizione standard upscalato fino a 1920×1080 pixel per fare test in alta definizione. Si attendono ulteriori sviluppi.

Ultimamente il canale trasmette nel formato 720p e saltuariamente (avvisando prima via SMS gli utenti partecipanti alla sperimentazione) trasmette contenuti in HD nativo.

Il canale può essere sintonizzato con un decoder DTT capace di decodificare il flusso HD oppure con una scheda tuner DTT e un personal computer abbastanza recente.

Tra i programmi più seguiti della rete, vi è la serie "Walker Texas Ranger", il quale è stato spostato a metà maggio 2007 su Italia 1, per poi tornare.

Da luglio 2007 sbarca su Rete 4 Tempesta d'amore, la soap tedesca, che su Canale 5 aveva riscosso già ampio successo. Attualmente è la trasmissione più seguita della stagione televisiva 2008 della rete. Ottengono anche ottimi risultati le soap della mattina soprattutto Bianca . Sentieri alle 16.00 consegue risultati al di poco sotto la media di rete, anche a causa degli orari variabili. Dal 6 ottobre 2008 ritorna su Rete 4 My Life. Questa soap era partita su questa rete nell maggio 2007 per poi essere sospesa. Durante l' estate 2008 viene trasmessa su Canale 5 ma, con l' arrivo della nuova stagione televisiva, la soap è ritornata alle sue origini per essere trammessa alle 11:40.

Le soap opera sono in giallo, i quiz in rosso, le fiction in blu, i reality show in rosa, i programmi di informazione e approfondimento in arancione, lo sport in celeste ed i talk show in verde.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia