Camorra

3.4212651413263 (1486)
Inviato da david 10/03/2009 @ 19:07

Tags : camorra, mafia, criminalità, società

ultime notizie
Elezioni europee, la giornalista anti-camorra tra i candidati - Ciaopeople Magazine
Alle elezioni europee una delle candidate è la scrittrice e giornalista de "Il Mattino" Rosaria Capacchione (Pd), oggetto delle minacce dei clan della camorra. Le elezioni europee si svolgeranno il 6 e 7 giugno prossimi....
La camorra in provincia: arrestato "O'mbruoglio" - Muckrakers
E' stato arrestato Camillo Petito, alias O'mbruoglio, camorrista affiliato al clan dei Marrazzo, operante nell'hinterland napoletano di Casandrino. Lo hanno bloccato ieri, alle prime luci dell'alba, i carabinieri del nucleo investigativo di Massa...
CAMORRA: LAURO (PDL) PROPONE MINIPOOL PRESSO PROVINCIA NAPOLI - Libero-News.it
Napoli, 25 mag. (Adnkronos) - ''Per garantire realmente legalita' e trasparenza in tutti gli appalti e tutte le nomine, della nuova Provincia di Napoli, sarebbe utile istituire, nell'ambito della Presidenza, un minipool anticamorra, con il compito,...
Caserta, camorra: nuovo arresto per la moglie di Setola - l'eco di caserta
CASAL DI PRINCIPE (Caserta) - Nel pomeriggio di oggi, i carabinieri del comando Provinciale di Caserta hanno notificato una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla DDA di Napoli nei confronti di Stefania Martinelli, 31 enne moglie del...
"Camorra e politica, un solo nome: Nicola Di Muro" - Interno18
Giancarlo Giudicianni: "E' l'unica vergogna di cui la nostra città si è macchiata". E gli atti, in effetti, danno ragione al primo cittadino Santa Maria Capua Vetere - Se ne sta sempre lì sopra, rintanato, chiuso nel suo castello. Quello che per molti,...
Mastella: “Non accettiamo voti di chi è in odore di camorra” - PUPIA
Nei miei incontri elettorali incontro centinaia di persone e, non potendole conoscere tutte, non escludo che vi partecipi anche qualche personaggio in odor di camorra. Ebbene, a queste persone dico tenetevi il vostro voto, Mastella el'Udeur non lo...
CAMORRA: NASCONDIGLI E CONFORT A LATITANTI, ARRESTO GENERO BOSS - AGI - Agenzia Giornalistica Italia
(AGI) - Caserta, 21 mag. - Gli agenti della Squadra Mobile di Caserta hanno arrestato Luigi Nigro, 42 anni, nel quartiere Chiaiano a Napoli. Nigro e' il genero del boss Angelo Nuvoletta, ed e' accusato di aver fatto affittare l'abitazione dove vennero...
CAMORRA: SEQUESTRO BENI A MICHELE BIDOGNETTI, FRATELLO BOSS - AGI - Agenzia Giornalistica Italia
(AGI) - Napoli, 21 mag. - Sequestro beni per Michele Bidognetti, fratello del boss detenuto dei Casalesi Francesco, considerato il cassiere del clan e il portaordini del fratello, in manette dal 29 aprile scorso ad opera della Direzione investigativa...
Camorra; Operazione contro gli 'Scissionisti', 66 gli arresti - APCom
Napoli, 19 mag. (Apcom) - Sono 66 le persone arrestate all'alba nel corso dell'operazione interforze che ha scompaginato il clan degli 'Scissionisti' attivo nell'area a nord di Napoli. Di questi, cinque erano minorenni all'epoca dei fatti contestati...
Camorra, ordinanza bis per boss dei Casalesi Raffaele Diana e ... - Caserta News
CRONACA | Casal di P. – Una nuova ordinanza di custodia cautelare per Raffaele Diana, detto "rafilotto", ritenuto uno dei capi storici del clan dei Casalesi attualmente detenuto, e per Paolo Landolfo, il proprietario della casa nella quale fu arrestato...

Camorra

Oggi con il termine camorra si indica l'insieme delle attività criminali organizzate, con una marcata presenza sul territorio, che si sviluppano principalmente in Campania, ma che oggigiorno sempre più di frequente maturano interessi anche al di fuori delle proprie zone di sviluppo.

Sebbene il termine sia usato per indicare la società criminale che si sviluppò a Napoli alla fine del XIX secolo, le sue origini sono molto più antiche. È conosciuta anche come Bella Società Riformata e spesso si tende, erroneamente, ad identificare con questo termine un'unica organizzazione criminale simile alla cupola mafiosa siciliana o ad altre organizzazioni di uguale stampo. In realtà la struttura della camorra è molto più complessa e frastagliata al suo interno in quanto composta da molti clan diversi tra loro per tipo di influenza sul territorio, struttura organizzativa, forza economica e modus operandi. Inoltre le alleanze fra queste organizzazioni, qualora si possano considerare tali semplici accordi di non belligeranza fra i numerosi clan operanti sul territorio, sono spesso molto fragili e possono sfociare in contrasti o vere e proprie faide o guerre di camorra, con agguati ed omicidi.

Con il termine "camorra" a volte si indica anche un tipo di mentalità, che fa della prepotenza, della sopraffazione e dell'omertà diffusa i suoi principali punti di forza. Il confine tra l'appartenenza ad un clan camorristico e il vivere in una mentalità camorristica diffusa, il più delle volte è labile ed etereo e, in alcuni particolari ambienti sociali, una divisione netta tra le due cose potrebbe risultare non facilmente rilevabile. In molti casi gli atteggiamenti di continuità con comportamenti camorristici riguardano anche professionisti, imprenditori e politici, fino a generare, in diversi casi, contiguità e collaborazione continuata tra intere amministrazioni locali, imprenditorialità e la criminalità organizzata. Questo tipo di commistione viene definito recentemente sistema, termine gergale degli ambienti criminali campani.

Una delle ipotesi storiche vede la camorra nascere e svilupparsi in periodo medievale nei quartieri bassi della città portuale di Cagliari e intorno al XIII secolo, quando era necessario per Pisa che allora regolava la politica del luogo, controllare gli isolani ed evitare che questi potessero unirsi e creare sommosse. Furono usate bande di vigilantes locali, mercenari isolani armati e decisi il cui compito era quello di pattugliare i diversi borghi e mantenere così l'ordine pubblico. Tale gestione di potere, soprattutto queste libere associazioni di mercanti-mercenari, passerà dalle mani dei governanti pisani a quelle dei governanti di Aragona. Attraverso i sardo-ispanici questi gruppi lasciano Cagliari e raggiungono la Campania e ivi si stabiliscono nel XVI secolo, durante la dominazione spagnola. A differenza delle altre organizzazioni criminali, diffuse soprattutto in campagna, la camorra attecchisce velocemente in città, nei quartieri più popolosi. Napoli diventerà il fulcro attorno al quale ruoteranno nei secoli successivi gli esponenti di spicco della camorra. Protettorato, gabelle e gioco d'azzardo forniranno loro le entrate necessarie per mantenere in piedi tale organizzazione malavitosa.

Nel 1820 la “Bella Società Riformata” (cioè confederata) si costituì ufficialmente, riunendosi nella chiesa di Santa Caterina a Formiello a Porta Capuana. Per accedere all’organizzazione era previsto un vero e proprio rito di iniziazione definito “zumpata” o dichiaramento che consisteva in una sorta di duello rusticano. Questo si spiega soprattutto con il fatto che i camorristi ebbero sempre l'ambizione di imitare i nobili. Impiegando il coltello piuttosto che la spada cercavano di dimostrare il loro "valore" in questa sorta di scontri. Le fasi preliminari della zumpata erano l'appìcceco, il litigio, il ragionamento, tentativo di composizione della controversia, banchetto e poi duello. Se il combattimento all'arma bianca si poteva tenere in una qualsiasi zona affollata l’utilizzo di una pistola richiedeva, invece un luogo solitario. Raffaele Cutolo più tardi, nella sua opera di "ristrutturazione" della camorra organizzata, introdurrà rituali molto simili a quelli che Tommaso Buscetta dichiarerà per l'iniziazione del mafioso.

In origine il sodalizio si occupa principalmente della riscossione del pizzo da alcuni dei numerosi biscazzieri che affollano le strade dei quartieri popolari di Napoli. Ben presto, però, conseguentemente all'unità d'Italia, il fenomeno dilaga e le estorsioni iniziano a danneggiare la quasi totalità dei commercianti. Nonostante le violenze ed i crimini perpetrati, i camorristi godono della benevolenza del popolo al quale, in una situazione come quella post-unitaria di totale disinteresse delle istituzioni per i problemi sociali, garantiscono un minimo di "giustizia".

Nel 1860 il prefetto Liborio Romano ricevuto dal governo provvisorio unitario l'incarico di mantenere l'ordine pubblico, affida alla Camorra l'organizzazione della guardia cittadina, per allontanare dalla città il pericolo di rivolte popolari. Facendo questo Don Liborio riconobbe alla Camorra quella dignità e autorità istituzionale che le mancava durante il regno borbonico. Solo nei primi del '900 lo Stato riuscirà a reagire allo strapotere della cosiddetta Bella Società Riformata, la quale tra i politici dell'Italia unita vanta solide amicizie. Nel 1911, nel processo celebrato a Viterbo per l'omicidio dei coniugi Cuocolo, grazie alle confessioni del camorrista pentito Abbatemaggio, vengono inflitte severe pene ai maggiori esponenti dell'organizzazione. La sera del 25 maggio 1915, nelle Caverne delle Fontanelle, nel popolare rione Sanità, i camorristi, presieduti da Gaetano Del Giudice, decretano lo scioglimento della Bella Società Riformata; in realtà la setta era già stata debellata nel processo Cuocolo. Nel periodo fascista si assiste alla totale scomparsa del fenomeno camorristico; lo stesso Mussolini, forte dei risultati ottenuti dal "Prefetto di ferro" Cesare Mori nella lotta alla mafia siciliana, concede la grazia a molti dei camorristi condannati a Viterbo, sicuro che nel nuovo assetto istituzionale non costituissero più un pericolo.

È nel secondo dopoguerra che la camorra inizia ad assumere le caratteristiche riscontrabili attualmente. Il soggiorno obbligato a Napoli, imposto dal governo degli U.S.A. al boss di Cosa nostra americana Lucky Luciano, contribuì al superamento della dimensione locale del fenomeno ed all'inserimento dei camorristi campani nei grandi traffici illeciti internazionali, quali il contrabbando di sigarette in collegamento con il clan dei marsigliesi. Tuttavia, in questa fase, la camorra non ha la struttura verticistica che la caratterizzava nei secoli precedenti, né tanto meno ha un potere decisionale sugli affari che svolge con la mafia, per i quali molto spesso è solo un vettore e si presenta come una pluralità di famiglie più o meno legate tra loro. È ancora l'epoca della "camorra dei campi" e dei mercati. Infatti, una delle figure di spicco del periodo è Pascalone é Nola, camorrista che controllava il racket dei mercati generali di Napoli, la cui uccisione sarà poi vendicata da sua moglie Pupetta Maresca, da cui il processo penale che avrà un'eco di livello nazionale . Negli anni settanta, dal carcere di Poggioreale nel quale è rinchiuso per omicidio, Raffaele Cutolo (detto 'O Professore) inizia a realizzare il suo progetto: ristrutturare la camorra come organizzazione gerarchica in senso mafioso sfruttando il nuovo business della droga; nasce così la Nuova Camorra Organizzata (N.C.O.). Lo strapotere raggiunto dalla NCO inizia a preoccupare le vecchie famiglie che si riuniscono sotto il nome di Nuova Famiglia (NF), per portare guerra alla camorra cutoliana. La guerra tra le due organizzazioni criminali è spietata e si conclude nei primi anni ottanta con la sconfitta della NCO. Le vittime sono molte centinaia, tra esse anche molti innocenti. Ben presto anche la NF smette di esistere, per il venir meno della ragione che aveva spinto le famiglie all'alleanza. In questa fase ci fu anche una connessione generata dal 'Caso Cirillo' tra Camorra e Brigate Rosse. Nel 1992 ci prova il boss Alfieri a dare alla malavita organizzata campana una struttura verticistica creando la Nuova Mafia Campana (NMC), anch'essa scomparsa dopo poco tempo. Attualmente la camorra si presenta come un'organizzazione di tipo orizzontale, (con varie bande territoriali più o meno in lotta tra loro) non verticistico.

L'operazione "Partenope" nella quale vennero impiegati 500 soldati dell'esercito italiano iniziò il 18 febbraio 1994 e fu interrotta il 15 dicembre 1995. Ripresa il 14 luglio 1997 cessò definitivamente il 30 giugno 1998. L'operazione ebbe risvolti positivi ma, essendo di minor portata rispetto ad altre missioni simili (missioni dei "Vespri siciliani", "Riace", "Salento"), non riuscì a debellare il fenomeno camorristico, avendo comunque ottimi risultati nel ridurre la microcriminalità nella città partenopea.

La camorra è attualmente considerata una delle maggiori piaghe del meridione d'Italia, al tempo stesso causa ed effetto di gran parte dei problemi socio-economici della Campania. Il suo potere, dovuto anche ad appoggi di tipo politico, le consente il controllo delle più rilevanti attività economiche locali, in particolare modo nella provincia di Napoli. Oggi la Camorra conta migliaia di affiliati divisi in oltre 200 famiglie attive in tutta la Campania. Sono segnalati insediamenti della Camorra anche all'estero, come in Olanda, Spagna, Portogallo, Romania, Francia, Repubblica Dominicana e Brasile.

I gruppi si dimostrano molto attivi sia nelle attività economiche (infiltrazione negli appalti pubblici, immigrazione clandestina, sfruttamento della prostituzione, riciclaggio di denaro sporco, usura e traffico di droga) sia sul fronte delle alleanze e dei conflitti. Quando infatti un clan vede messo in discussione il proprio potere su una determinata zona da parte di un altro clan, diventano molto frequenti omicidi e agguati di stampo intimidatorio. Grande risalto ha avuto negli anni 2004 e 2005 la cosiddetta faida di Scampia, una guerra scoppiata all'interno del clan Di Lauro quando alcuni affiliati decisero di mettersi in proprio nella gestione degli stupefacenti, rivendicando così una propria autonomia e negando di fatto gli introiti al clan Di Lauro, del boss Paolo Di Lauro, detto Ciruzzo 'o milionario. Ma questa faida non è l'unica contesa tra clan sul territorio napoletano.

Numerose sono le frizioni e gli scontri tra le decine di gruppi che si contendono le aree di maggiore interesse. A cavallo tra il 2005 e il 2006 ha destato scalpore nella cittadinanza e tra le forze dell'ordine la cosiddetta faida della Sanità, una guerra di camorra scoppiata tra lo storico clan Misso del rione Sanità ed alcuni scissionisti capeggiati dal boss Salvatore Torino, vicino ai clan di Secondigliano; una quindicina di morti e diversi feriti nel giro di due mesi.

Per quanto rigurda l'area a nord della città (quella da sempre maggiormente oppressa dai gruppi criminali), tra i quartieri di Secondigliano, Scampia, Piscinola, Miano e Chiaiano, resta sempre forte l'influenza del cartello camorristico detto Alleanza di Secondigliano, composto dalle famiglie Licciardi, Contini, Prestieri, Bocchetti, Bosti, Mallardo, Lo Russo e con gli stessi Di Lauro quali garanti esterni (molto spesso, infatti, gli uomini di Ciruzzo 'o milionario, si sono interposti tra le liti sorte fra le varie famiglie del cartello, evitando possibili guerre).

Per le zone centrali della città (centro storico, Forcella) resta ben salda l'alleanza tra i clan Misso, Sarno e Mazzarella, che controllano praticamente tutta l'area ad est di Napoli, dal centro fino al quartiere periferico di Ponticelli, facilitati anche dalla debacle del clan Giuliano di Forcella, i cui maggiori esponenti (i fratelli Luigi, Salvatore e Raffaele Giuliano) sono diventati collaboratori di giustizia. Nell'altra zona "calda" del centro di Napoli, le zone del quartiere Montecalvario, dette anche "Quartieri Spagnoli", dopo le faide di inizio anni novanta tra i clan Mariano (detti i "picuozzi") e Di Biasi (detti i "faiano"), e tra lo stesso clan Mariano e un gruppo interno di scissionisti capeggiato dai boss Salvatore Cardillo (detto "Beckenbauer") e Antonio Ranieri (detto "Polifemo", poi ammazzato), la situazione sembra essere tornata in un clima di relativa normalità, grazie anche al fatto che molti boss storici di quei vicoli sono stati arrestati o ammazzati.

La zona occidentale della città non è da meno per quanto riguarda numero di clan e influenza sul territorio. Tra le aree più "calde" si trovano il Rione Traiano, Pianura, Bagnoli e lo stesso quartiere Vomero, per anni definito quartiere-bene della città e considerato immune alle azioni dei clan, oggi preda di almeno quattro clan in guerra tra loro e di orde di bande composte da ragazzini provenienti da altre zone della città, che si ritrovano di sera e di notte per compiere rapine e violenze di ogni genere (fenomeno delle baby-gang). Da citare, il cartello denominato Nuova Camorra Flegrea, che imperversa a Fuorigrotta, Bagnoli, Agnano e Soccavo, ma che ha subito un duro colpo dopo il blitz del dicembre 2005, quando vi furono decine di arresti grazie alle rivelazioni del pentito Bruno Rossi detto "il corvo di Bagnoli". A Pianura vi è stata in passato una violenta faida tra i clan Lago e Contino-Marfella, che ha portato a numerosi omicidi, tra i quali quello di Paolo Castaldi e Luigi Sequino, due ragazzi poco più che ventenni uccisi per errore da un gruppo di fuoco del clan Marfella, perché stazionavano sotto la casa di Rosario Marra, genero del capoclan Pietro Lago ed erano, quindi, "sospetti".

Nella provincia, numerosi sono i comuni in mano ai gruppi camorristici, non solo per quanto riguarda i campi "classici" nei quali opera un clan mafioso (estorsioni, usura, traffico di droga), ma anche per quanto riguarda le amministrazioni comunali e le decisioni politiche (si vedano i numerosi comuni sciolti per infiltrazioni camorristiche). Una delle zone più soggette al potere camorristico è il comprensorio vesuviano, zona che raccoglie paesi quali Castellammare di Stabia, Torre del Greco, Torre Annunziata, Somma Vesuviana, San Giuseppe Vesuviano e San Gennaro Vesuviano.

Nelle altre province della regione, l'unica provincia che eguaglia Napoli per influenza della camorra sul territorio è sicuramente Caserta, in mano al gruppo dei Casalesi, un cartello criminale di portata internazionale (come riferito dalle ultime relazioni di DIA e DDA di Caserta e Napoli) gestito dalle famiglie Schiavone e Bidognetti (che hanno ereditato il potere di Bardellino) e dalle altre famiglie alleate che fungono da referenti per le varie province.

Il 7 febbraio 2008 viene arrestato il boss Vincenzo Licciardi, tra i 30 latitanti più pericolosi d'Italia. Era considerato il capo dell'alleanza di Secondigliano.

La Camorra, attualmente, è organizzata in modo pulviscolare con un insieme di famiglie, pare siano 236 tra città e provincia, che si uniscono e si dividono con grande facilità. Questa struttura, caratteristica della Camorra fin dal dopoguerra, fu sostituita solo in 2 occasioni e solo temporaneamente: durante la lotta tra Nuova Camorra Organizzata (NCO) e Nuova Famiglia e durante la riorganizzazione della mafia napoletana in NMC. Tutte le volte che si è tentato di riorganizzare la camorra con una struttura gerarchica verticale si è preso come modello Cosa Nostra. Questi tentativi sono sempre falliti per la tendenza dei capi delle varie famiglie a non ricevere ordini dall'alto. Per tale ragione è improprio parlare di Camorra come un fenomeno criminale unitario e organico. Lo stesso termine Camorra, quale entità criminale unitaria, è fuorviante, data la natura estremamente frammentata e caotica della malavita napoletana.

Secondo recenti dati forniti dall'Eurispes sembra che la Camorra guadagni ben 7.230 milioni di euro l'anno dal traffico di droga, 2.582 milioni da crimini legati all'imprenditoria (appalti truccati, riciclaggio del denaro sporco ecc.), 258 milioni dalla prostituzione, 2.066 milioni dal traffico di armi (il primato in questo campo va alla camorra) e 362 milioni dall'estorsione e dall'usura. Il giro d'affari complessivo è di circa 12 miliardi e mezzo di euro. A questo elenco va ora aggiunto lo smaltimento illegale dei rifiuti, sia industriali che urbani, attività estremamente lucrosa che alcuni ritengono stia conducendo verso il progressivo degrado ambientale vaste zone di campagna nelle province di Napoli e Caserta, in primo luogo. A titolo di esempio, che la campagna fra i comuni di Acerra, Marigliano e Nola, una volta rinomata in tutta la penisola come fra le più verdi e fertili, è da taluni ora indicata con il termine di "triangolo della morte".

Numerosi sono stati in passato i contatti tra i gruppi camorristici del napoletano e la politica locale (ma non solo). All'inizio degli anni novanta i pentiti Pasquale Galasso e Carmine Alfieri fecero dichiarazioni che misero sotto accusa Antonio Gava, potente capo della corrente dorotea e dirigente della Democrazia Cristiana, successivamente assolto.

Sono stati sciolti per Camorra in Campania 50 comuni fino ad oggi.

Nel febbraio del 2006 ebbero notevole risalto le accuse dell'allora presidente del consiglio, Silvio Berlusconi, fatte ad una parte della magistratura napoletana. Questa fu accusata di aver "favorito la prescrizione ad un processo su una coop rossa", in particolare riguardo ai processi Katana 1 e Katana 2, nei quali i dirigenti accusati furono assolti, tranne che per un unico capo di imputazione prescritto.

Le inchieste furono avviate dopo le dichiarazioni dei pentiti Carmine Alfieri e Pasquale Galasso e riguardavano presunti accordi tra clan e coop per gli appalti relativi a grandi opere finanziate con i fondi della ricostruzione del dopo terremoto del 1980. Nel 1995, infatti, furono eseguite, su richieste dei magistrati della DIA di Napoli, decine di ordinanze di custodia cautelare, anche nei confronti di dirigenti nazionali delle cosiddette coop rosse. Dopo le accuse e le polemiche, l'allora ministro della Giustizia, Roberto Castelli, mandò gli ispettori nella sede della Giustizia napoletana al Centro Direzionale. Il caso, però, era quello che riguardava l'ex pm Luigi Bobbio accusato di aver favorito presunte omissioni nella conduzione delle indagini sul clan Di Lauro e sui clan dell'Alleanza di Secondigliano.

Le giunte comunali non sono le uniche istituzioni ad aver subito l'onta dello scioglimento per infiltrazioni camorristiche. Nell'ottobre del 2005, infatti, fu sciolta l'ASL Napoli 4 che comprendeva 35 comuni suddivisi in 11 distretti sanitari per i comuni di Poggiomarino, Casalnuovo di Napoli, Nola, Marigliano, Roccarainola, San Giuseppe Vesuviano, Somma Vesuviana, Palma Campania, Volla, Acerra e Pomigliano d'Arco, per un bacino di utenti di circa 600mila abitanti.

La Camorra ha intrattenuto vari rapporti con Cosa Nostra. Elementi di spicco della mafia siciliana (come Salvatore Riina e Leoluca Bagarella) si sono trovati a contatto con famiglie camorristiche come i Nuvoletta e facenti parte della Nuova Famiglia.

Nel corso del '900 vi sono stati vari intrecci di favori e di cooperazione tra camorristi e ndranghetisti. Negli anni '70 in occasione della prima guerra di 'Ndrangheta il boss reggino Paolo De Stefano chiede e ottiene da Raffaele Cutolo capo della Nuova Camorra Organizzata l'omicidio di Don Mico Tripodo altro boss reggino in carcere a Napoli. Tra famiglie delle due organizzazioni vi furono anche doppie affiliazioni come quella del camorrista Antonio Schettini affiliato ai Flachi o di Trovato Coco affiliato alla famiglia di Carmine Alfieri.

In Puglia è soprattutto la Nuova Camorra Organizzata che inizia ad operare illecitamente prima delle altre organizzazioni criminali. Nel 1981 Raffaele Cutolo, affidò a Pino Iannelli e Alessandro Fusco il compito di fondare in Puglia un'organizzazione diretta emanazione della Nuova camorra organizzata che prese il nome di Nuova camorra pugliese.

Questa associazione prese piede soprattutto nel foggiano a causa della vicinanza territoriale e dei contatti preesistenti tra esponenti della malavita locale e i camorristi campani. Tuttavia questa iniziativa venne vista con sospetto dai malavitosi di altre zone della Puglia. Come risposta al tentativo di Cutolo di espandersi in Puglia, si tentò di dar vita ad un'associazione malavitosa di stampo mafioso formata da esponenti locali. Con la sconfitta dei cutoliani in Campania, scomparvero anche in Puglia. e l'organizzazione dominante divenne quella della Sacra Corona Unita fondata dagli 'ndranghetisti.

Alcuni gruppi napoletani, tra cui i Giuliano di Forcella, hanno intrecciato relazioni di affari con gruppi cinesi soprattutto nel settore della contraffazione di marchi italiani. I gruppi napoletani hanno imposto il prezzo finale dei prodotti e in cambio hanno fornito i servizi per aggirare i controlli. I cinesi inoltre hanno fatto entrare nelle loro società diversi boss napoletani.

Per approfondire, consulta la categoria "camorra".

Per la parte superiore



Nuova Camorra Organizzata

La Nuova Camorra Organizzata (conosciuta anche con l'acronimo NCO) è l'organizzazione camorristica creata da Raffaele Cutolo, boss di camorra, negli anni '70 in Campania. Si ingrandì enormemente agli inizi degli anni '80 coinvolgendo gli altri clan di camorra in sanguinose guerre.

Fu soppiantata dalla Nuova Famiglia, una confederazione di clan creata ad hoc da boss quali Carmine Alfieri, Luigi Giuliano, Pasquale Galasso, e da altre famiglie camorristiche come i Nuvoletta di Marano (in provincia di Napoli), i Vollaro di Portici e i casalesi di Antonio Bardellino e Mario Iovine.

Fu considerata estinta alla fine degli anni '80, quando molti dei boss furono uccisi o arrestati.

Il fondatore di questa organizzazione è Raffaele Cutolo, detto anche "il somo" o "il professore" (in napoletano: o' professòre), nato a Ottaviano. Il professore conosce da giovane le sbarre del carcere per un omicidio commesso nel 1968, ma trasforma la carcerazione nel suo trampolino di lancio. Servendosi dei ricavati delle tangenti imposte dai suoi fedelissimi fuori dal carcere, riesce ad investire attentamente i guadagni all'interno dello stesso carcere di Poggioreale per aiutare le condizioni dei giovani detenuti, soprattutto quelli destinati a uscire presto. Cutolo usa anche il suo ascendente per ricomporre liti e dispute.

I risultati non si fanno attendere: la popolarità tra gli ex-detenuti è altissima i legami di gratitudine sono molto saldi e un mare di soldi comincia ad affluire nelle casse del Professore. Le offerte in danaro sono però il primo passo per creare una falange di fedelissimi. Le alleanze diventano numerose: oltre che con la Sacra Corona Unita pugliese (da lui fu creato un ramo nel 1979 capeggiato dai fratelli Spedicato e Guerrieri che gli si ribellò successivamente per la sua indipendenza), Cutolo stringe i rapporti con la 'ndrangheta da cui ne adottò i riti ormai scomparsi nella Camorra. Accordi vengono stretti anche con le bande lombarde di Renato Vallanzasca (detto "il bel Rene") e Francis Turatello.

Quando considera la sua organizzazione oramai matura, Cutolo decide di imporre una tassa persino sulle casse di sigarette a tutti gli altri clan camorristici di Napoli. Nel 1978 Michele Zaza (noto contrabbandiere napoletano legato con la mafia siciliana) e i suoi creano una banda denominata Onorata fratellanza, ma Cutolo non se ne preoccupa e si infiltra in nuovi territori.

Quando tenta di prendere il controllo della zona del centro di Napoli (Forcella, Duchesca, Mercato, Via del Duomo) nelle mani dei potenti Giuliano, questi si alleano con i clan di San Giovanni a Teduccio e di Portici e con i boss Carmine Alfieri e Pasquale Galasso. La famiglia Altamura, comandata dal boss Gaetano Altamura, teneva sotto controllo l'intero quartiere di San Giovanni a Teduccio, all'epoca anche Piazza Mercato, Forcella, Sanità, assieme ai rispettivi clan. Gli Altamura avevano un rapporto strettissimo con i Giuliano ed è per questo che gli Altamura intervengono nella guerra contro Cutolo. Altamura, un volta arrestato, è stato incriminato per traffico di droga, internazionale, omicidio, tentato omicidio, estorsione, contrabbando, traffico di armi e prostituzione.

Alla fine del 1979 nasce la cosiddetta Nuova Famiglia, una confederazione di clan creata ad hoc per eliminare i cutoliani. E scoppia la guerra.

È una guerra senza quartiere: nel solo napoletano, nel 1979 si registrano 71 omicidi; l'anno successivo sono 134 e salgono a 193 nel 1981, a 237 nel 1982, a 238 nel 1983, per scendere a 114 nel 1984. Quando nella Nuova famiglia subentrano anche Altamura, i Nuvoletta, gli Alfieri, i Galasso, i Misso della Sanità e soprattutto i Casalesi, la guerra si conclude con un indebolimento dei cutoliani e con un rafforzamento della presenza camorristica nel napoletano.

Alla fine degli anni '80 una serie di blitz e una catena di omicidi (tra cui quello del figlio di Cutolo, Roberto), mettono la parola fine all'ascesa cutoliana.

Per la parte superiore



La legge della Camorra

La legge della Camorra (titoli di testa).jpg

La legge della Camorra è un film drammatico del 1973 diretto da Demofilo Fidani con lo pseudonimo Nedo De Fida.

Donna Carolina (Simonetta Vitelli), rimasta vedova, ricorda con Don Salvatore (Silvio Noto) la sua gioventù in America e in particolare la storia di Lucky De Simone (Dino Strano): di come arrivò a casa sua una sera e di come ricevette l'aiuto di suo padre Don Calogero (Marco Guglielmi). Lucky faceva l'esattore per l'organizzazione, ma gli piaceva lavorare da solo e questo gli procurò dei guai per cui finì in prigione. Da qua lo tirò fuori Don Calogero. Ma i guai per Lucky non erano finiti.

Per la parte superiore



Napoli... la camorra sfida e la città risponde

Napoli... la camorra sfida e la città risponde è un film del 1979 diretto da Alfonso Brescia.

Per la parte superiore



L'impero della camorra

L'impero della camorra. Vita violenta del boss Paolo Di Lauro è un romanzo scritto dal giornalista napoletano Simone Di Meo (Napoli, 1980) che ricostruisce i venti anni di potere assoluto del padrino di Secondigliano, dall'uccisione di Aniello La Monica, vecchio boss di Scampia, fino alla nascita del cartello degli scissionisti, che sarà poi all'origine della faida nel 2004.

Pubblicato dalla casa editrice Newton Compton (gennaio 2008), il libro - giunto alla seconda edizione in poco meno di un mese - ripercorre l'ascesa criminale del clan Di Lauro grazie a una lunga confessione di un pentito della camorra a un magistrato impegnato in una delicatissima indagine sui canali di riciclaggio della malavita di Secondigliano.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia