CSI

3.3951612903253 (1116)
Inviato da david 14/04/2009 @ 21:11

Tags : csi, organizzazioni internazionali, esteri

ultime notizie
CSI Miami, gli episodi della quinta stagione - NanoPress
Dopo la storia d'amore con la sorella di Delko sviluppatasi e finita tragicamente nel corso della quarta stagione di CSI Miami, la quinta stagione si apre con un episodio interamente girato a Rio de Janeiro nel quale Delko e Horatio vanno alla ricerca...
CSI Las Vegas, gli episodi dell'ottava stagione - NanoPress
Negli Stati Uniti, l'ottava stagione di CSI Las Vegas è stata trasmessa dal settembre 2007 sulla CBS; doppia la messa in onda in Italia, dal marzo del 2008 su Fox Crime e, un anno dopo, su Italia 1. Di seguito, i titoli degli episodi italiani ed...
CSI New York, gli episodi della quarta stagione - NanoPress
Anche nella quarta stagione di CSI New York ci troveremo con crimini commessi sullo sfondo la Grande Mela che la squadra dei CSI deve risolvere. Come già per le altre crime series, non mancherà la solita coppia di fidanzati, che in CSI NY saranno Danny...
"Battiamo Csi perché mettiamo in gioco l'anima" - il Giornale
In America, Ncis ha fatto più ascolti del Dottor House e Csi; da noi va in onda da cinque anni, la domenica in prima serata su Raidue. È vero che nella sesta stagione, in Italia a settembre, DiNozzo perderà il suo proverbiale senso dell'umorismo?...
“Discobolo d'oro”, premio alla memoria per Raffaele Senatore - arechi.it
Consegne e riconoscimenti, sabato scorso a Palazzo di Città, nell'ambito della XV edizione del “Discobolo d'oro”, promosso dal Csi. Premio alla memoria per il compianto giornalista Raffaele Senatore, penna storica metelliana. Premiati anche l'arbitro...
Tenta rapina armato di banana, e si mangia l'arma del delitto - Asylum Italia
Addirittura a prova di Csi, nel far sparire le prove. John Szwalla, un diciassettenne di Winston-Salem, North Carolina, è entrato in un internet café armato di una banana, tenuta sotto la camicia per simulare una pistola....
Pallamano: torna il “Trofeo Riviera delle Palme” - Sambenedetto Oggi
L'evento è organizzato dalla Asd Hc Pallamano Troiani & Ciarrocchi Monteprandone, con il patrocinio del Comune di San Benedetto, della provincia di Ascoli, di Regione, Csi, Confesercenti, Consorzio Riviera delle Palme e Camera di Commercio di Ascoli....
NUDA SU MAXIM LA FIDANZATA DELLA STAR DEL TENNIS HAAS - Leggo Online
La sua carriera tra cinema e tv non è mai decollata del tutto, a parte piccole parti in alcune serie americane come CSI Las Vegas e 90210 e nel film Bachelor Party 2. Ma anche se come attrice non sarà un granché, come modella è senza dubbio una delle...
CSI: La terra, la guerra, una questione privata + Un giorno di ... - Blogosfere
Il 22 maggio ritornano in tutti i negozi di dischi i CSI con un digipack pubblicato da Universal Music che contiene un cd e un dvd che raccontano in musica e immagini due importanti passaggi della storia artistica del Consorzio....
CS Oratorio Cup: S. Giuseppe lavoratore tenta la fuga - AgrigentoWeb.it
... Cup 2009 manifestazione riservata a tutte le parrocchie e oratori organizzata dal Centro Sportivo Italiano di Agrigento presieduto da Giovanni Messina. Quest'anno il CSI di Agrigento ha organizzato i tornei di calcio a 5 under 12 e under 14....

Effetto CSI

Nell'ambito della criminologia, l"effetto CSI" è una locuzione che si riferisce al modo in cui alcune serie televisive di successo come CSI: Scena del crimine (e relativi spin-off), NCIS e R.I.S. - Delitti Imperfetti hanno cambiato la percezione che la gente comune ha verso la medicina forense e le perizie scientifiche in generale, alzando le aspettative e richiedendo la stessa qualità di risultati che si può apprezzare in televisione.

Molte di queste illusioni nascono dalla licenza narrativa presa dagli autori delle serie, con l'obiettivo di drammatizzare e "imbellire" quello che è l'elemento portante della fiction; per quanto sia indubbio che esse hanno contribuito a divulgare una cultura scientifica (ad esempio sul DNA e le impronte digitali), nella realtà per ottenere un risultato spesso ci vogliono anche più visite sul luogo del crimine, e molte più ore di lavoro di quante siano suggerite nelle serie, e a volte quello che si ottiene non è nemmeno significativo, al contrario di cosa si vede in televisione, dove per motivi "didascalici" alla fine il colpevole viene (quasi) sempre catturato grazie al decisivo contributo degli analisti della polizia.

Forse il campo più importante in cui si vedono gli effetti della popolarità di telefilm come CSI è la stessa aula di tribunale: giurati e giudici rischiano adesso di sopravvalutare l'apporto che gli scienziati possono introdurre in un processo, aspettandosi risposte molto più precise di quante ne possano effettivamente dare, mentre gli avvocati si sentono in dovere di portare sempre più prove a supporto della tesi, magari risultando più approssimativi in altre parti del loro lavoro.

Uno studio statistico dell'Università dell'Arizona ha trovato che gli spettatori di tali serie televisive sono più critici della scienza forense e meno persuasi dalle sue affermazioni, mentre questo effetto non si riscontrerebbe negli spettatori di serie poliziesche più generaliste come Law & Order. In alcuni processi, durante la selezione dei giurati (il cosiddetto voir dire) si chiede ai candidati se guardano gli show come CSI.

Dall'altro lato della medaglia, alcuni ritengono che grazie a questi show i criminali siano diventati più attenti a non lasciare tracce di alcun tipo, come capelli o mozziconi di sigarette.

Per la parte superiore



Coppa dei Campioni della CSI

La Coppa dei Campioni della CSI è una competizione nata dopo la caduta dell'Unione Sovietica. Vi partecipano tutte le squadre vincitrici dei campionati dei paesi apparententi alla CSI, oltre alle squadre delle Repubbliche baltiche, Estonia, Lettonia e Lituania.

La prima edizione della Coppa dei Campioni della CSI si è disputata nel 1993 e fu boicottata della rappresentante dell'Ucraina, cosa che si ripetè anche nell'edizione del 1994.

Le edizioni dal 1995 al 2006 videro la presenza di una nazionale giovanile della Russia (Under 23 nel 1995, Under 18 nel 2002 e 2003, Under 19 nel 2004, 2006 e 2007, Under 21 nelle restanti edizioni), oltre che dell'Azerbaigian Under 23 nel 2003. Nel 2007 la Serbia ne prese il posto, diventando così la rappresentante della diciasettesima nazione a partecipare al torneo, la prima a non aver fatto parte dell'Impero sovietico. A differenza delle altre partecipanti, la rappresentante serba non era la squadra campione, ma veniva scelta della propria Federazione. Infatti sia nel 2007 che nel 2008 vi partecipò l'OFK Belgrado che, appunto, non vinse il proprio campionato.

Nei primi anni il torneo fu molto popolare e i vincitori furono sempre lo Spartak Mosca e la Dinamo Kiev, le squadre più titolate anche ai tempi del campionato di calcio sovietico. Successivamente, le squadre russe ed ucraine cominciarono a mandare le squadre riserve in quanto tutte le partite venivano giocate sull'erba sintetica dello stadio Olimpico di Mosca. Ciò causò un abbassamento del livello tecnico e la conseguente perdita di interesse verso il torneo da parte dei due maggiori partecipanti.

Nel 2006 iniziò un nuovo torneo, la Channel One Cup che, catturando l'attenzione delle squadre russe ed ucraine, abbassò ulteriormente l'interesse verso la Coppa dei Campioni della CSI.

Nello stesso anno scoppiò un grande scandalo: i campioni d'Armenia dell'FC Pyunik si rifutarono di giocare con la rappresentante azera, il PFC Neftchi. L'FC Pyunik battè gli ucraini dello FC Shakhtar Donetsk 3-1 nei quarti di finale, quando già sapevano che in caso di vittoria avrebbero incontrato il Neftchi. Dopo la partita dissero all'arbitro che non avrebbero giocato la loro prossima gara e già in serata lasciarono Mosca in aereo. La Federcalcio russa diede allo Shakhtar Donetsk la vittoria a tavolino per 3-0, così da poter giocare la semifinale contro i campioni dell'Azerbaigian, ma gli ucraini declinarono l'offerta dicendo Noi vorremmo davvero giocare la semifinale, ma non lo faremo se non attraverso una vittoria sul campo. Così, poiché nesuno volle giocarvi contro in semifinale, il Neftchi fu promoso di diritto alla finale, dove battè la squadra lituana del FBK Kaunas per 4-2.

Nel 2007 si cominciò a parlare di cambiare il formato del torneo, unendolo alla Channel One Cup, in modo da poter riavere l'interesse delle squadre di Russia ed Ucraina. Emissari della FIFA presenziarono alle partite del torneo, con lo scopo di farlo diventare un trofeo posto sotto la propria egidia. Al momento però nulla è stato deciso.

Per la parte superiore



Campionato di hockey su ghiaccio della Comunità degli Stati Indipendenti

Il Campionato di hockey su ghiaccio della Comunità degli Stati Indipendenti soppiantò il campionato di hockey su ghiaccio dell'Unione Sovietica quando l'URSS si dissolse a cavallo fra il dicembre 1991 ed il gennaio 1992. Durò fino al 1995-1996 e dava il titolo di campione della CSI (rus.: Чемпионат СНГ). Fu soppiantato dalla Superleague russa.

Proprio alla luce del fatto che la stagione 1991-1992 è iniziata con l'Unione Sovietica e terminata con la CSI, è dibattuto se il campionato debba considerarsi il primo della CSI o l'ultimo dell'URSS.

Il campionato ha - nella sua breve vita - cambiato più volte denominazione ufficiale: Lega Nazionale della CSI (1991-1992), Lega internazionale della CSI (1992-1993) e Lega interstatale russa (dal 1993-1994 al 1995-1996).

Il campionato fu vinto per tre volte dall'HC Dinamo Mosca (1991-1992, 1992-1993 e 1994-1995) e due dall'HC Lada Togliatti (1993-1994 e 1995-1996). La squadra di Togliattigrad fu la prima squadra non moscovita ad aggiudicarsi il massimo titolo dell'hockey su ghiaccio.

Per la parte superiore



CSI: Sepolto vivo

CSI- Sepolto vivo.PNG

Sepolto vivo (Grave Danger) è uno speciale doppio episodio di quasi due ore che chiude la quinta stagione di CSI - Crime Scene Investigation diretto dal famoso regista cinematografico Quentin Tarantino.

La puntata non è un film, ma semplicemente un episodio doppio, diretto da Tarantino per sfizio: il regista - da tempo fan - voleva sperimentare la regia di un film poliziesco particolarmente truculento, come appunto Sepolto vivo risulta. L'episodio è uscito solamente in DVD e non è mai approdato nelle sale cinematografiche.

È una notte come tante per i turnisti della scientifica. Anche per Nick, a cui tocca un sopralluogo su una anomala scena del crimine: membra umane abbandonate per la strada.

Giunto sul posto, Stokes inizia i rilevamenti, ma viene aggredito e portato via da una sconosciuta figura in agguato. Mentre la voce dell'incidente si sparge tra i colleghi, Nick viene caricato inerme su un'automobile e portato lontano.

Intanto Grissom e Catherine, giunti anch'essi sul luogo, si rendono ben presto conto che si è trattato di una ben orchestrata trappola ai danni degli uomini della Scientifica: falsi reperti lasciati volutamente in vista, sconclusionati indizi.

Tornata al distretto, la squadra, ancora in cerca di prime indicazioni, desumibili da alcune tracce di pneumatici rinvenute sulla scena, si vede recapitare un pacco, contenente una audiocassetta e un trasmettitore webcam. Accesolo, Grissom realizza che le immagini che sta guardando mostrano Nick, paralizzato dal terrore e interrato in una bara di plexiglass dotata di condotti d'aerazione laterali, così da permettere una prolungata autonomia al prigioniero. Nella bara sono presenti un registratore, contenente un messaggio inquietante del terrorista, ed una pistola (in modo da invogliare Nick a suicidarsi).

La richiesta del rapitore è precisa: un milione di dollari entro dodici ore, tempo massimo di sopravvivenza per Nick. Tramite il corriere che ha consegnato il pacco, Brass e Greg risalgono ad un indirizzo dove però viene trovato solo un nullafacente del tutto estraneo alla vicenda. L'indirizzo si rivelerà essere quello dove, anni prima, è stato compiuto un delitto che sarà trattato nel corso dell'episodio.

Intanto Catherine, stanca di aspettare mentre Nick rischia di morire, si reca da Sam Braun, titolare di molti casinò della città e padre naturale di Kate per cercare di ottenere la somma richiesta.

Ricevutala, la Willows dà il denaro a Grissom, che si reca all'appuntamento. Avuti i soldi, l'uomo, imbottito di plastico, si fa saltare in aria, coinvolgendo anche Grissom che riporta però solo ferite superficiali. Le indagini procedono a rilento, a causa soprattutto della mancanza di indizi rilevanti e concreti su cui lavorare.

Tramite il DNA del pollice dell'uomo fattosi saltare in aria (in quanto l'impronta era inutilizzabile) si riesce a risalire a Kelly Gordon, che si rivelerà essere la figlia del terrorista, detenuta per omicidio, e cerca di ricavarne informazioni utili, senza però riuscirci. Nel frattempo Nick, il cui equilibrio mentale è arrivato al punto di rottura, assiste al creparsi delle pareti della bara, fenomeno per cui un branco di formiche carnivore, invade la bara e comincia a mordere Nick, che però riesce a non cedere al panico e al dolore, preoccupandosi di tapparsi orecchie e narici con lembi dei suoi indumenti strappati, per evitare l'ingresso delle formiche che avrebbe ulteriormente aggravato la sua situazione.

Grissom riesce a capire dal tipo di formiche (Solenopsis invicta), con un'abile intuizione, l'esatta ubicazione del tumulo di Stokes. Una volta arrivata sul posto, la squadra è avvertita da Hodges che la bara è collegata a dei sensori a pressione: togliendo il peso di Nick, una grossa quantità di esplosivo al plastico sarebbe detonata uccidendo i presenti. Ancora una volta, l'abilità di Grissom si rivela provvidenziale.

Terminata la convalescenza, Nick fa visita a Kelly Gordon, per cercare di offrire conforto, senza successo.

Questo è un preciso riferimento a A qualcuno piace caldo di Billy Wilder interpretato appunto da Curtis e Lemmon in cui i due per sfuggire alla mafia, si aggregano a un coro di donne, previa travestimento.

Dell'episodio è stato realizzato un DVD a cura della DNC con contenuti speciali (backstage).

Per la parte superiore



Nazionale di calcio della Comunità degli Stati Indipendenti

La Nazionale di calcio della Comunità degli Stati Indipendenti fu la Nazionale di calcio che rappresentò la CSI nella fase finale del Campionato europeo di calcio 1992 giocato in Svezia.

Dopo lo scioglimento dell'Unione Sovietica, l'11 gennaio 1992 fu costituita la Federazione calcistica della CSI, riconosciuta dalla FIFA due giorni dopo. La neonata Nazionale della CSI comprendeva gli atleti di 11 delle 15 repubbliche appartenenti all'URSS (gli atleti di Estonia, Lituania e Lettonia furono esclusi in quanto le loro nazioni si erano già separate da Mosca, mentre la Georgia aderì alla CSI nel 1993).

Alla fase finale collezionò 2 punti, frutto di 2 pareggi e una sconfitta, chiudendo all'ultimo posto del Gruppo B a pari punti con la Scozia e dietro Olanda e Germania.

Dopo la sconfitta con la Scozia per 3-0 (18 giugno 1992) ogni atleta iniziò a giocare nella federazione di appartenenza.

Per la parte superiore



Intel QuickPath Interconnect

Con il nome di Intel QuickPath Interconnect o QPI (precedentemente conosciuto come Common Systems Interconnect o CSI) Intel indica un nuovo tipo di BUS seriale che, a partire dal 2008 verrà utilizzato per i processori nei settori desktop e server.

Si tratta di un nuovo tipo di BUS di comunicazione che ha fatto il suo debutto sul mercato grazie ai primi processori basati sulla nuova architettura Nehalem (successiva alla Intel Core Microarchitecture) e conosciuti come Core i7 Bloomfield, ma che successivamente verrà estesa anche al settore server della linea IA-64 per il quale Intel sta sviluppando il futuro Itanium 2 Tukwila.

Lo scopo di Intel, grazie anche all'adozione del nuovo BUS QPI, è quello di standardizzare l'interfaccia dei processori IA-32 e IA-64 attraverso la "Common Platform Architecture" (CPA), una tecnologia che renderà Itanium e Xeon "intercambiabili". Intel promette che nel futuro sarà possibile sostituire un processore Xeon con un Itanium 2 sulla stessa piattaforma hardware senza la necessità di altri interventi.

Ad accompagnare Tukwila come primo chip Intel con controller di memoria integrato sul fronte Itanium 2, doveva essere Whitefield sul fronte Xeon, il cui sviluppo però è stato interrotto il 25 ottobre 2005 per motivi non meglio precisati da parte di Intel. A prendere il suo posto è stato Tigerton che include una connessione diretta dal chipset ad ogni singolo processore ma non il nuovo BUS seriale che è arrivato solo con l'architettura Nehalem, il cui primo esponente nel panorama Xeon MP sarà molto probabilmente Beckton. Tra i moltissimi obiettivi di Intel vi è anche quello di parificare i costi dell'hardware Itanium e Xeon, in questo modo gli utenti avranno la libertà di decidere quale architettura scegliere.

QPI rappresenta per molti versi l'alternativa Intel a HyperTransport, standard di comunicazione utilizzato da AMD nelle proprie architetture Athlon 64, Opteron e Phenom. In realtà l'idea alla base di un BUS seriale non è stata create nemmeno da AMD, ma anzi è molto più vecchia, essendo stata sviluppata per la prima volta per il processore Alpha 21364 (EV7) dal team di sviluppo DEC. Dato che buona parte del team di sviluppo dei processori Alpha è stato poi assorbito da Intel per lo sviluppo dei processori Itanium 2, non stupisce vedere molti punti di contatto tra le 2 tecnologie.

Le soluzioni precedenti basate sul tradizionale BUS di sistema ormai cominciavano a mostrare i loro limiti prestazionali soprattutto in ambito server e più precisamente in ambito multiprocessore, dove ormai erano presenti veri e propri colli di bottiglia nella comunicazione tra le varie CPU e i chipset. Lo scopo primario del BUS QPI è quello di permettere al processore di comunicare direttamente con i vari altri componenti collegati alla motherboard, beneficiando quindi di una banda passante maggiore e di latenze sempre più ridotte. La caratteristica peculiare di QPI è quella di essere una tecnologia di connessione "point-to-point" che elimina gli svantaggi portati da un solo BUS condiviso tra tutti i processori, il controller memoria e il controller I/O. Nella sua prima incarnazione, all'interno del core Bloomfield, QPI utilizza collegamenti da 6,4 Gigatransfers al secondo, per un'ampiezza di banda totale complessiva che può arrivare fino a 25 GB/s per ciascun collegamento (la metà, 12,8 GB/s, in ciascuna direzione); in altre parole, ogni processore presente nel sistema comunica con il chipset mediante un collegamento da 25 GB/s di banda passante. Va precisato che il BUS QPI è di tipo bidirezionale con un canale da 20 bit in ciascuna direzione; di questi 20 bit, solo 16 sono riservati al trasferimento effettivo dei dati da elaborare, mentre gli altri 4 vengono utilizzati come bit di parità, ovvero come codici di correzione dell'errore, in maniera analoga a come avviene nelle memorie RAM con ECC.

Fino all'architettura precedente a Nehalem, la Intel Core Microarchitecture, Intel ha utilizzato il tradizionale BUS parallelo, che dall'introduzione dell'architettura NetBurst del Pentium 4 è diventato di tipo Quad Pumped, in grado cioè di trasferire 4 istruzioni per ciclo di clock.

Nella sua ultima incarnazione esso è arrivato ad essere pari a 1600 MHz (all'interno di alcune particolari versioni del processore Core 2 Extreme Yorkfield), pari in realtà ad un BUS Quad Pumped da 400 MHz. Siccome però il trasferimento degli indirizzi richiede 2 cicli di clock, si ha una velocità di 200 MT/s per una banda complessiva (il BUS Quad Pumped è a 64 bit) pari a 12,8 GB/s, da dividere per i cicli di lettura e scrittura.

Appare evidente quindi come già la prima incarnazione del nuovo BUS QPI ha consentito di raddoppiare immediatamente la banda disponibile tra il processore e il chipset; più precisamente, questo è vero in condizioni ideali, in cui il numero di letture e scritture sul BUS è identico (o molto simile), mentre nel caso peggiore, in cui siano presenti solamente trasferimenti di dati in un'unica direzione, la prestazioni di QPI sono al limite identiche a quelle permesse dall'ultima evoluzione del BUS Quad Pumped. Dato però che a differenza del BUS tradizionale che viene condiviso tra tutti i componenti del sistema, processore, chipset e memoria, ogni collegamento QPI è dedicato allo scambio dati tra ciascuna coppia di componenti, è chiaro come le prestazioni di QPI saranno sempre maggiori in tutti gli scenari reali.

L'intera architettura Nehalem e lo stesso BUS QPI sono stati progettati per essere altamente scalabili e a dimostrazione di questo fatto si può citare il fatto che esistono diversi progetti diversificati in base al numero di collegamenti QPI e alla loro frequenza di funzionamento. I processori Bloomfield già presentati integrano un solo collegamento, mentre Gainestown che sarà alla base dei prossimi Xeon DP per sistemi biprocessore ne avrà 2; la versione destinata al settore dei server multiprocessore, Beckton invece, ne avrà 4 e non è esclusa una versione da ben 8 collegamenti QPI distinti, rendendo di fatto possibile la costruzione di sistemi server fino a 8 vie basati su questi processori, che siano in grado di scambiare informazioni tra di loro direttamente oppure di essere collegati sempre in modo diretto ad un elevato numero di periferiche. Nel settore server, sembra che la tecnologia QPI verrà implementata mediante 2 collegamenti a piena ampiezza e 2 a mezza ampiezza, per un totale di 32 GB di banda a disposizione.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia