Browser

3.3810810810698 (1110)
Inviato da amalia 25/02/2009 @ 12:17

Tags : browser, internet, high tech

ultime notizie
Mozilla: chi reinventa i tab del browser? - Macworld
Mozilla Labs, il braccio ricercatore della fondazione dietro al browser Firefox, ha lanciato un concorso di progettazione per trovare una alternativa ai tab, le schede, le linguette oggi popolari in qualsiasi programma per navigare su Internet....
Safari è il browser più veloce - Macworld
Tra i browser in versione ufficiale, Safari ancora una volta ha la meglio, stavolta su Firefox. Un solo resta sempre uguale: Internet Explorer, non versione 7 oppure 8 non importa, occupa saldamente l'ultimo posto. È anche possibile eseguire i test sul...
Disponibile la alfa ufficiale di Fennec - Hardware upgrade.it
A circa tre mesi dalla disponibilità della pre-alfa di Fennec per HTC Touch Pro, nei giorni scorsi Mozilla ha messo a disposizione per il download la prima versione alfa ufficiale del browser per smartphone noto anche come Firefox Mobile....
Inserisci sul browser del tuo cellullare questo indirizzo: - Tennis.it
Ancora Dinara. La nuova n.1 del tennis "in gonnella" fa la voce grossa e si afferma anche a Madrid, sulla nuova top-ten Caroline Wozniacki Madrid (Spagna), 18 maggio 2009 – Conferma il suo ruolo di leader mondiale femminile della racchetta Dinara...
Una galleria di 12 browser alternativi per Linux - oneBlog
Avete mai avuto l'esigenza o la curiosità di provare un browser web alternativo diverso dal solito Firefox? Volete una dritta su quali potrebbero essere i browser web pensati per specifiche applicazioni o esigenze? Ecco a voi una galleria di 12 browser...
Blueprint ferma gli attacchi ai browser - Programmazione.it
L'approccio consiste nel controllare, dalla parte server, i contenuti introdotti dagli utenti prima che raggiungano il browser client, evitando così l'esecuzione di script malevoli o comunque non autorizzati. Jeremiah Grossman (che non ha partecipato...
"Working in Australia", secondo Google Translate - Punto Informatico
Il risultato è da prima serata 06/05/09 - Due popolari estensioni del browser open si fanno la guerra via hack e black list. A farne le spese gli utenti. Mozilla interviene, gli sviluppatori si scusano, nuove regole in vista 13/05/09 - E' ufficiale:...
Voterai Microsoft - Macworld
Il parlamentare europeo Marco Cappato riferisce che agli eletti vengono forniti computer Microsoft-centrici e che, parlando di browser, su quattromila utenti ci sono una decina di installazioni tollerate di Firefox e tutto il resto è Internet Explorer...
I 15 segreti da conoscere dei browser di nuova generazione (ultima ... - Computer World Italia
Terza e ultima parte: le innovazioni nello sviluppo E' un momento molto 'caldo' per il mercato dei browser, con tutti i principali attori pronti a giocarsi quote di mercato con versioni di nuova generazione dei rispettivi prodotti....
I 15 segreti da conoscere dei browser di nuova generazione (prima ... - Computer World Italia
Prima parte: la sicurezza E' un momento molto 'caldo' per il mercato dei browser, con tutti i principali attori pronti a giocarsi quote di mercato con versioni di nuova generazione dei rispettivi prodotti. Abbiamo analizzato i codici finali o beta di...

Camino (browser)

Camino1.6.1pt.png

Camino è un browser web per Mac OS X basato su Mozilla. Sostituisce la tipica interfaccia utente basata su XUL di Mozilla con una implementazione Cocoa nativa. Camino non include componenti email o newsgroup di Mozilla; si concentra sulla fornitura "solo browser" inserendo il motore di rendering Gecko di Mozilla in un'applicazione molto leggera. È un browser stabile e abbastanza veloce, per cui è utilizzato da una folta comunità di utenti.

Mike Pinkerton è il responsabile tecnico del progetto Camino da quando Dave Hyatt si è trasferito nel team di sviluppo di Safari di Apple a metà del 2002.

Verso la fine del 2001 Mike Pinkerton e Vidur Apparao iniziarono un progetto in Netscape per provare che il motore di rendering Gecko layout engine poteva essere inserito in un'applicazione Cocoa di Mac OS X. All'inizio del 2002 Dave Hyatt, uno dei co-creatori di Phoenix (poi chiamato Firefox), entrò a far parte del team e creò un browser piccolo, leggero e velocissimo usufruendo a pieno del lavoro già svolto dai due.

La prima verisone scaricabile fu la 0.1 rilasciata in 13 febbraio 2002. I primi rilasci divennero subito molto popolari a causa della loro velocità nel caricare le pagine (comparata alla velocità dell'allora browser Mac "dominante", Microsoft Internet Explorer versione 5.2). Molti dichiararono che era il browser per Mac più veloce al mondo, anche se non era così completo come i suoi concorrenti.

Hyatt venne assunto in Apple a metà del 2002 per iniziare a lavorare a quello che sarebbe diventato Safari. Nel frattempo il team di Chimera (primo nome di Camino) si unì a un altro team di Netscape, con sviluppo e assicurazione qualità dedicati, per sviluppare l'anteprima di una tecnologia a marchio Netscape da presentare alla Macworld conference del gennaio 2003. Comunque, due giorni prima della presentazione, il managemnet di AOL decise di abbandonare l'intero progetto. Nonostante ciò, un piccolo gruppo di sviluppatori e testatori rilasciò Camino 0.7 il 3 marzo 2003.

Il nome fu modificato da Chimera a Camino per questioni legali, a causa delle sue radici nella mitologia greca; Chimera è stata una scelta molto popolare per dare un nome ai sistemi hypermedia: per esempio, uno dei primi browser web grafici venne chiamato, appunto, Chimera, ed i ricercatori dell'Università Irvine della California avevano inoltre sviluppato un sistema hypermedia con lo stesso nome, eccetera.

Mentre la versione 0.7 era cominciata da Netscape e finita dall'open source, la versione 0.8 fu, come disse Pinkerton, responsabile del progetto «un trionfo dell'open source e dell'open process. Persone da tutto il mondo hanno contribuito al successo di Camino con patch, test, rilevazione di bug, localizzazioni, illustrazioni e passaparola».

Nel febbraio del 2005 Josh Aas, uno dei capo sviluppatori di Camino, è stato assunto dalla Mozilla Foundation per migliorare il supporto per Mac OS X in progetti come Firefox, Thunderbird e il toolkit di Mozilla. Ha cominciato a lavorare a tempo pieno per Mozilla nel maggio del 2005.

Per la parte superiore



Acoo Browser

Acoo Browser è un web browser basato sul motore di Internet Explorer. La sua principale caratteristica consiste nella capacità di navigare contemporaneamente in più siti con l'apertura di un'unica copia del programma (vedi Tabbed browsing). Acoo Browser possiede una licenza freeware.

Per la parte superiore



Browser

Un browser web (in italiano: navigatore) è un programma che consente agli utenti di visualizzare e interagire con testi, immagini e altre informazioni, tipicamente contenute in una pagina web di un sito (o all'interno di una rete locale).

Il browser è in grado di interpretare il codice HTML (e più recentemente XHTML) e visualizzarlo in forma di ipertesto. L'HTML è il codice col quale la maggioranza delle pagine web nel mondo sono composte: il web browser consente perciò la navigazione nel web.

I browser solitamente vengono utilizzati su personal computer, ma non mancano altri dispositivi in grado di effettuare la navigazione con un browser, tra cui i palmari e gli smartphone.

Il primo browser fu sviluppato da Tim Berners-Lee (tra i primi precursori del concetto di Wlf e fondatore del W3C), e venne chiamato WorldWideWeb. Serviva a scopi dimostrativi, era disponibile solo per sistema operativo NeXT e perciò in seguito fu chiamato Nexus.

Il primo browser a raggiungere un'apprezzabile popolarità internazionale fu Mosaic, sviluppato da NCSA, seguito poi da Netscape Navigator, che crebbe in fretta e fu la piattaforma su cui vennero messe a punto alcune innovazioni oggi comunissime (come ad esempio JavaScript). La netta prevalenza di Netscape presso l'utenza, a metà degli anni Novanta, fu incrinata dalla cosiddetta guerra dei browser, una competizione inizialmente commerciale e poi di immagine cominciata da Microsoft quando le innovazioni introdotte da Netscape divennero così sofisticate da costituire una minaccia potenziale per i propri interessi. Per vincere la concorrenza, Microsoft incluse Internet Explorer nel proprio sistema operativo Windows (il più diffuso al mondo), stroncando sul nascere i possibili concorrenti. Questa mossa fu motivo di numerose cause legali per la difesa della libera concorrenza e contro la nascita di monopoli informatici.

Netscape reagì rilasciando nel 1998 il proprio codice con una licenza open source. Il progetto Mozilla che ne derivò fornisce il codice che è alla base di diversi browser, fra i quali Netscape, Mozilla Suite, Galeon, Beonix, Firefox e uno dei programmi di accesso della AOL.

La presenza di browser diversi con funzioni differenti, ha portato alcuni webmaster a realizzare siti web destinati a essere visitati con un browser preferenziale, talvolta impedendo l'accesso a utenti che utilizzassero un browser differente da quello scelto. Questa consuetudine, oltre a essere contro la filosofia portante del World Wide Web, che vede l'accessibilità come uno dei pilastri portanti e aver quindi suscitato forti critiche e campagne di protesta e sensibilizzazione (come Campaign for a Non-Browser Specific WWW), ha costretto browser molto comuni (quali Opera) a "fingersi" un altro browser (modificando il proprio user agent), per poter aver accesso a un maggior numero di documenti.

Il browser più diffuso a livello mondiale è Internet Explorer, prodotto da Microsoft, che viene fornito gratuitamente e "di serie" con ogni sistema operativo Windows (dati al 2006). Il secondo browser in ordine di utilizzo è Mozilla nelle sue varianti (e in particolare Firefox), prodotto e distribuito gratuitamente dalla Mozilla Foundation; il terzo è Safari di Apple, distribuito assieme al sistema operativo Mac OS X (di cui più recentemente è stata messa a disposizione una versione gratuita anche per Windows). Altri browser molto diffusi sono Opera (terzo in Italia nel 2006) e il già citato Netscape Navigator.

Fra le principali funzionalità dei browser disponibili, si possono ricordare: navigazione a schede (Tabbed browsing), supporto alla navigazione off-line tramite la memoria cache e plugin dedicati per mantenere i link tra le pagine salvate, funzione di download manager con arresto/ripresa sempre tramite la memoria cache, anteprima delle pagine da scaricare, sintesi vocale, integrazione dei feed RSS e di client di posta elettronica.

Per la parte superiore



Browser Helper Object

BHO, letteralmente "assistente del browser", (cioe' del programma che ci permette la navigazione di Internet), è un piccolo programma, installato nel sistema da un altro software, che parte in automatico ogni qualvolta si accede al browser.

Nato nel 1997 come plugin di Internet Explorer 4 della Microsoft per aiutare l'utente a navigare o per personalizzare il browser (vedi le barre aggiuntive in Internet Explorer), il BHO si è rivelato un'arma a doppio taglio perche' spesso nasconde adware o spyware, autentici programmi malevoli il cui scopo è quello di monitorare la navigazione dell'utente ed inoltrare i dati al loro creatore.

Per esempio, l'exploit download.ject installa un BHO che si attiva non appena l'utente effettua un collegamento di home banking, cattura la password e la trasmette ad organizzazioni criminali. Altro esempio, Myway Searchbar, traccia la navigazione dell'utente e la trasmette a terze parti.

Per contrastare il problema, sono nati software specifici, anti-BHO, che individuano e rimuovono esclusivamente questi programmi. Dal canto suo, la Microsoft, con il Service Pack 2 di Windows XP, ha aggiunto un add-on al suo browser che mostra una lista di tutti i BHO e i controlli Active X, permettendo all'utente di disattivarli a piacimento.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia