Biblioteche

3.3874345549647 (1146)
Inviato da maria 04/04/2009 @ 02:07

Tags : biblioteche, scienza dell'informazione, scienza

ultime notizie
EX CASERMA DIVENTA SEDE DI TUTTE LE BIBLIOTECHE DI VITERBO - ANSA
Queste le principali caratteristiche della nuova biblioteca di Viterbo, che sara' allestita nell'ex caserma di via Palmanova, nella quale saranno accorpate le biblioteche provinciale e comunale, gestite da un apposito consorzio, nonche' l'intero...
Biblioteche aperte in Lombardia dal 15 maggio - AdamelloNews.com
Settecento biblioteche, 250 musei, teatri e siti archeologici, manifestazioni che coinvolgono tutte le province, in quasi la metà dei Comuni lombardi. In programma spettacoli teatrali, performance di danza, concerti, proiezioni cinematografiche,...
Con pigiama e sacco a pelo nella notte dei libri insonni - il Giornale
A partire dalle 8.30 di sera del 23 maggio, venticinque biblioteche, sia civiche sia scolastiche, metteranno a disposizione di oltre 800 bambini i propri volumi: mentre bibliotecari, animatori e volontari svolgeranno attività interattive per...
Nuova biblioteca della giunta:tutto pronto - NotiziarioItaliano.IT
Tutto questo rappresenta la Biblioteca della giunta regionale che, al termine di ampi lavori, viene inaugurata oggi (venerdì 15 maggio, ore 10.30, via di Novoli 26, palazzo B), alla presenza anche del vicepresidente della Regione Toscana....
LIBRI JUNIOR - La Stampa
I libri sono poi stati letti nelle biblioteche da 249 genitori a 368 bambini, mentre le 28 scuole per l'infanzia e 22 asili nido coinvolti, hanno avuto il supporto di 145 tra insegnanti ed educatori, che hanno coinvolto nelle valutazioni ben 1011...
Inaugurate al Cesvov la sala di lettura e una biblioteca - Varese News
Inaugurata questa sera, venerdì 15 maggio, la sala di lettura e la biblioteca del Cesvov, dedicata ai temi del volontariato e del terzo settore, presso la sede del Centro di servizi in via Brambilla a Varese. «Dopo lunghi anni di attesa - come lo...
Musei e biblioteche aperti al pubblico durante il week-end - Il Giorno
In ognuna delle 11 province musei e biblioteche non solo saranno visitabili ... IN TUTTA LA LOMBARDIA dal 15 al 17 maggio “Fai il pieno di cultura”. In ognuna delle 11 province musei e biblioteche non solo saranno visitabili gratuitamente,...
Le due biblioteche: +20% di utenti e prestiti - Gente Veneta
n'ottima annata per le biblioteche di Mira. La biblioteca di Mira e quella di Oriago si confermano tra i principali luoghi di cultura del comune; le aule studio, gli spazi destinati ai bambini, l'emeroteca, i servizi multimediali, le aree relax,...
Un libro per la Biblioteca: appuntamento il 19 e il 20 maggio con ... - Il Monferrato
“Il Pirata Cicciobombo” sbarca alla Biblioteca Luzzati di Casale Monferrato e alle elementari Bistolfi, per il consueto appuntamento con l'iniziativa “Un libro per la Biblioteca”, organizzata dagli Assessorati per la Cultura e della Pubblica Istruzione...

Biblioteche dell'Abruzzo

Inserire le nuove biblioteche sotto la relativa provincia, in ordine alfabetico per comune.

Per la parte superiore



Associazione Italiana Biblioteche

L'AIB, Associazione Italiana Biblioteche, è l'associazione professionale dei bibliotecari italiani, ha come scopo la promozione dei servizi bibliotecari del Paese e il riconoscimento della professione.

L'AIB nasce nel 1930 per iniziativa di un comitato promotore, presieduto dal senatore Pier Silverio Leicht e composto da bibliotecari statali e degli enti locali, che propone al ministro dell'educazione nazionale la costituzione di un'associazione professionale bibliotecaria. Attualmente ha sede in Roma, presso i locali della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma.

La struttura istituzionale si articola in un Comitato esecutivo nazionale (CEN) di sette membri, in comitati esecutivi regionali, pure di sette membri, affiancati dal collegio sindacale e dal collegio dei probiviri. Tutti gli organi vengono eletti ogni tre anni. L'organo sovrano e' l'Assemblea generale degli associati.

A livello nazionale, sono istituite Commissioni di studio e i gruppi di lavoro allo scopo di realizzare studi e azioni su tematiche scientifiche e professionali di particolare interesse o attualità. Sulla base delle linee programmatiche espresse dal CEN in carica, le sezioni regionali redigono programmi di attività a livello locale.

L'AIB gestisce e mantiene l'Albo italiano dei bibliotecari. L'iscrizione all'Albo certifica la competenza professionale di chi ne fa parte.

L'AIB, inoltre, è una delle principali case editrici italiane nel campo della biblioteconomia e delle scienze dell'informazione. Pubblica due periodici, AIB Notizie e Bollettino AIB, e diverse monografie, tra cui le edizioni italiane dei principali strumenti per il lavoro in biblioteca.

Sempre per quanto riguarda l'attività scientifica, l'Associazione organizza annualmente il proprio congresso nazionale, diversi corsi di formazione e aggiornamento, e viaggi di studio all'estero. Presso la sede nazionale è attiva una biblioteca specializzata.

Il sito ufficiale AIB-WEB fornisce informazioni sull'attività dell'Associazione, ma anche notizie utili sulle biblioteche e la professione. Tra i servizi di maggiore interesse disponibili si segnala il repertorio degli OPAC italiani, sulla base del quale è stato creato nel 1999 il MAI, un meta-opac che attualmente interroga simultaneamente circa 250 cataloghi, e Segnaweb, un repertorio di siti web selezionati dai bibliotecari italiani, le cui risorse scelte sono utili ai servizi informativi delle biblioteche pubbliche, ma anche direttamente ai cittadini.

Per la parte superiore



Biblioteche riunite Civica ed Ursino Recupero

Fondo  Mario Rapisardi – Biblioteche riunite Civica ed Ursino Recupero

Le Biblioteche riunite Civica ed Ursino Recupero sono due biblioteche catanesi.

Le Biblioteche riunite Civica ed Ursino Recupero sono ubicate nei locali dell'ex monastero dei Benedettini di Catania e nascono dall'unione della Biblioteca Civica di Catania con la biblioteca privata del barone Antonio Ursino-Recupero.

La prima, la Biblioteca Civica, si era formata sulla biblioteca benedettina dell'abbazia cassinese di San Niccolò l'Arena di Catania, un convento benedettino.

La biblioteca benedettina, ricostituita dopo il terremoto del 1693, fu incamerata dal nuovo Regno d'Italia nel 1866, insieme a tutti i beni ecclesiastici. La Biblioteca Civica, a causa delle sue origini, è soprattutto caratterizzata da testi di importanza religiosa.

La biblioteca Ursino Recupero rispecchia gli interessi politico-letterari del barone e conserva testi siciliani ed in particolare catanesi, dalla fine del XVIII secolo agli inizi del XIX. Molti di questi testi furono donati personalmente dal barone e quindi sono autografi.

Le biblioteche riunite Civica ed Ursino Recupero conservano più di 200.000 volumi tra cui preziose pergamene medievali trascritte dai monaci benedettini, incunaboli, cinquecentine e molti libri rari; tra questi, in particolare possiamo citare una rarissima Bibbia miniata del XIV secolo.

Conserva, inoltre, 2.471 testate giornalistiche, quasi tutte siciliane, ed accoglie parecchi fondi privati, tra i quali, il più famoso quello di Mario Rapisardi, ricco di 3.565 volumi (manoscritti e a stampa), 3.800 lettere, cimeli, quadri, mobili (che erano nel suo studio) e che s 'identificarono, per il Poeta, con il vincolo terreno più fedele e più caro, continuando, quelli di Vincenzo Giuffrida, Ursino Trombatore, Geraci, Cinaselli, Saverio Fiducia, N. Fallico, U. Galante, Scammacca, Giuseppe Perrotta, G. Mirone, D'Alessandro Falzone, Lo Presti, Lorenzo Vigo-Fazio, Francesco Granata, Giacomini, F. Pezzino, il carteggio Casagrandi, i disegni di C. Sada, le carte rapisardiane di A. Tomaselli, C. Maugeri, E. Ferrante, A. Recupero, il Fondo musicale del Maestro Santonocito ed altri acquisizioni che continuano ancora oggi.

Infine c'è da segnalare la particolare importanza architettonica ed artistica della sala Vaccarini, a pianta ovale, completamente arredata da scaffali di testi settecenteschi.

Nella sezione "manoscritti" sono stati individuati 9 manoscritti utili per il progetto, tutti compresi all'interno del XIX secolo: Francesco di Paola Bertucci, Cordaro Clarenza Vincenzo, Carlo Gemmellaro, tre manoscritti di Gregorio Barnaba La Via, Luciano Leto, Agatino Longo, Pietro Tucci.

Per la parte superiore



Biblioteche Oggi

Biblioteche Oggi è un periodico mensile italiano di bibliografia e biblioteconomia.

È pubblicato dall’Editrice Bibliografica di Milano, ed è uno dei periodici più importanti in Italia nello specifico settore.

La rivista uscì a Milano nel 1983 con cadenza bimestrale (diretta all'epoca da Luigi Crocetti, Piero Innocenti e Paolo Traniello), per divenire poi mensile nel 1993.

Raccoglie articoli e scritti di diversi collaboratori (tra questi Michele Santoro, Anna Maria Tammaro, Rossana Moriello, Piero Innocenti, Mauro Guerrini, Carlo Revelli, Andrea De Pasquale, Giuseppe Vitiello, Daniela Armocida, Carlo Carotti, Fabio Metitieri, Alessandra Citti, Tiziano Vezzoli, Andrea Marchitelli, Roberto Marcuccio, Maria Stella Rasetti, Maria Gioia Tavoni, Alberto Salarelli, Amedeo Benedetti, Franco Minonzio, Paola Capitani.

La banca dati della rivista, attraverso cui è possibile risalire a ciascuno degli articoli pubblicati fin dalla sua fondazione (a partire da titolo, autori, anno, fascicolo, pagina iniziale e indicazione del contenuto sotto forma di soggetti e termini di indicizzazione) è curata dalla biblioteca Mario Rostoni dell’università Carlo Cattaneo - LIUC.

Il direttore responsabile è Massimo Belotti. Il comitato editoriale è costitutito da Luca Ferrieri, Mauro Guerrini, Piero Innocenti, Roberto Maini, Carlo Revelli, Riccardo Ridi, Michele Santoro e Paul Gabriele Weston.

Per la parte superiore



Biblioteche della Valle d'Aosta

Inserire eventuali nuove biblioteche in ordine alfabetico per comune.

Per la parte superiore



Biblioteche pubbliche statali

Le Biblioteche Pubbliche Statali sono istituzioni che si differenziano da altre biblioteche di enti locali o private perché sono gestite dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, per il tramite della Direzione Generale per i Beni Librari e gli Istituti Culturali.

Le Biblioteche Pubbliche Statali hanno principalmente il compito di raccogliere e conservare la produzione editoriale italiana a livello nazionale e locale. Provvedono inoltre ad acquisire la produzione editoriale straniera in base alla specificità delle proprie raccolte e tenendo conto delle esigenze dell'utenza.

Il DPR 5 luglio 1995, n. 417 Regolamento recante norme sulle biblioteche pubbliche statali, ne stabilisce il numero e le caratteristiche generali. Tra le 46 Biblioteche Pubbliche Statali elencate, sono di particolare rilievo le due Biblioteche Nazionali Centrali, una a Firenze e una a Roma, che hanno il compito di raccogliere e conservare la produzione editoriale nazionale acquisita in base alla normativa sul deposito legale (DPR 3 maggio 2006 n. 252 Regolamento recante norme in materia di deposito legale dei documenti di interesse culturale destinati all'uso pubblico).

Per la parte superiore



Source : Wikipedia