Bangladesh

3.4645328719848 (1156)
Inviato da gort 02/05/2009 @ 22:07

Tags : bangladesh, asia, esteri

ultime notizie
Bangladesh, abusi inaccettabili nei confronti dei Rohingya - ConfiniOnline
Invece di trovare aiuto, è stato detto loro che non possono vivere a fianco del campo ufficiale, sostenuto dal governo del Bangladesh e dall'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (ACNUR). Né possono vivere legalmente nel terreno...
Clandestini, 13 operai stranieri sfruttati a 2 euro all'ora - Giornale Radio Rai
Tra contraffazione e immigrazione clandestina: cappotti venduti a più di mille euro da una nota casa di alta moda venivano confezionati a 2 euro l'ora da un gruppo di immigrati del Bangladesh, irregolari nel nostro Paese....che vivevano tra gli...
Napoli, scoperti 265 lavoratori in nero - Il Denaro
A Sant'Antonio Abate, in una fabbrica di abbigliamento, sono stati trovati 18 lavoratori a nero clandestini provenienti dal Bangladesh. Nei confronti delle aziende saranno avviati ulteriori controlli fiscali per contestare le irregolarità tributarie...
CROSSING OVER - Spaziofilm
E i loro destini si intersecano, per necessità o per caso, con quelli dell'operaia messicana Mireya Sanchez (Alice Braga), della sorella di Hamid Baraheri, Zahra (Melody Khazae), della ragazza del Bangladesh Taslima Jahangir (Summer Bishil),...
Multate più di venti persone - Il Resto del Carlino
Nel secondo intervento i militari, parte in divisa e parte in borghese, hanno bloccato venti persone originarie del marocco e un cittadino del Bangladesh, tutti in regola col permesso di soggiorno. Sette di loro però non erano in regola con le norme...
Ciclone Aila causa quasi 120 morti in Bangladesh e India - Reuters Italia
DHAKA (Reuters) - Sono quasi 120 le vittime provocate dal ciclone che ha colpito il Bangladesh e l'India orientale. Lo hanno detto oggi funzionari e media locali, precisando che milioni di persone sono rimaste senza casa o vivono in rifugi provvisori....
Allarme di Medici Senza Frontiere per il Bangladesh - Radio Vaticana
Rispondere immediatamente all'emergenza sanitaria nel campo di Kutupalong, in Bangladesh. E' l'allarme lanciato da Medici Senza Frontiere. Nel campo ci sono migliaia di Rohingya - minoranza etnica musulmana originaria del Rakhine, Myanmar del Nord,...
IMPRESE ITALIANE NEL MONDO - BANGLADESH - CONFINDUSTRIA PUGLIA ... - ItaliaLavoroTv
Giovedì 11 giugno 2009 alle ore 11.00 si svolgerà presso la sede di Confindustria Puglia a Bari (via Demetrio Marin, 3) un incontro con una delegazione della Repubblica popolare del Bangladesh, organizzato dal Comitato di lavoro per...
Immigrati tra scarafaggi in una fabbrica di Napoli - RassegnaOnline
Lavoravano “al nero” e in condizioni igieniche improponibili, in mezzo agli scarafaggi, i 13 operai del Bangladesh scoperti ieri a Calandrino (Napoli) all'interno di un'azienda del settore tessile gestita da un connazionale....
Anche nel cuore di Prati un dormitorio lager - La Repubblica
... di proprietà di un cittadino italiano, era stato concesso regolarmente in affitto a due cittadini del Bangladesh in possesso di permesso di soggiorno, i quali ospitavano connazionali, anche clandestini, per la somma di 120 euro mensili ciascuno....

Bangladesh

Bangladesh - Bandiera

Il Bangladesh, ufficialmente Repubblica Popolare del Bangladesh, è un paese dell'Asia meridionale. Spartisce i suoi confini terrestri su tutti i lati con l'India ad eccezione di un piccolo tratto con la Birmania nell’estremo sud-est. A sud è bagnato dal Golfo del Bengala. Assieme con lo stato indiano del Bengala Occidentale costituisce la regione etnico-linguistica del Bengala. Il nome Bangladesh significa "Paese del Bengala" in lingua ufficiale bengalese. Il Paese si estende su 144.000 km², e possiede una popolazione di 153 milioni di abitanti.

I confini dell’odierno stato del Bangladesh sono stati stabiliti con la partizione tra Bengala e India nel 1947, quando la regione divenne la porzione orientale del neo-costituito Pakistan, sebbene separata dallo stato a occidente da ben 1.600 km attraverso l'India. Discriminazioni linguistiche, politiche ed economiche condussero ad agitazioni popolari contro Pakistan Occidentale, che portarono alla guerra per l'indipendenza nel 1971 e la costituzione dello Stato del Bangladesh. Tuttavia, il nuovo Stato ha dovuto sopportare carestie, catastrofi naturali e la povertà diffusa, così come sconvolgimenti politici e colpi di stato militari. Il ripristino della democrazia nel 1991 è stata seguita da una relativa stabilità e progresso economico.

Il Bangladesh è tra i paesi più densamente popolati del mondo ed ha un elevato tasso di povertà. Geograficamente il paese è localizzato sulla fertile pianura del delta di Gange e Brahmaputra, ed è soggetto alle annuali inondazioni dei monsoni e cicloni. Il Bangladesh è membro di Commonwealth, SAARC, BIMSTEC, OIC, e D-8. Come rilevato dalla Banca Mondiale nel luglio 2005, il paese ha compiuto progressi significativi nello sviluppo umano nei settori dell’alfabetizzazione, nella parità di scolarizzazione e nella riduzione della crescita della popolazione.

I resti di antiche civiltà nella regione del Bengala risalgono ad almeno quattro mila anni fa, quando la regione era abitata da popolazioni dravidiche, tibeto-burmano, e austro-asiatiche. L'esatta origine della parola Bangla o Bengala è sconosciuto, anche se si ritiene che possa derivare da Bang, la tribù di lingua dravidica che si stabilì in questo territorio intorno all'anno 1000 a.C..

Dopo l'arrivo degli indo-ariani, si andò formando il regno di Gangaridai intorno al settimo secolo a.C., che poi venne unificato con il Bihar sotto il dominio del Magadha prima e dell’Impero Maurya poi. Il Bengala è stato in seguito parte del vasto Impero Gupta dal terzo al sesto secolo d.C. Dopo il collasso dell’impero, Shashanka fondò un regno che ebbe però breve vita. Shashanka è considerato il primo re indipendente nella storia del Bangladesh. Dopo un periodo di anarchia, la dinastia Pala, buddista, dominò la regione per quattrocento anni, seguita da un breve regno della dinastia indù Sena. L'Islam venne introdotto nel Bengala nel XII secolo da missionari sufi e le successive conquiste musulmane contribuirono alla diffusione di questa religione in tutta la regione. Bakhtiar Khilji, un generale turco, sconfisse Lakshman Sen della dinastia Sena e conquistò gran parte del Bengala. La regione venne governata da dinastie di sultani e signori feudali nei successivi cento anni. Con il XVI secolo, l'Impero Moghul stese i suoi domini Bengala, e Dhaka divenne un importante centro provinciale dell’amministrazione dell’impero.

I commercianti europei arrivarono nel tardo XV secolo, e la loro influenza crebbe fino a quando la Compagnia Inglese delle Indie Orientali acquisì il controllo del Bengala in seguito alla battaglia di Plassey nel 1757. La sanguinosa ribellione del 1857 portò al trasferimento di autorità alla corona, con un viceré britannico. Nel corso della dominazione coloniale la carestia colpì il subcontinente indiano molte volte, compresa la Grande carestia del Bengala del 1943 che affamò più di 3 milioni di persone.

Tra il 1905 e il 1911, vi fu un fallito tentativo di separare la provincia del Bengala in due zone, con Dhaka capitale della regione orientale. Quando l'India venne divisa nel 1947, il Bengala venne spezzato in due lungo un confine religioso, con la parte occidentale rimasta sotto il governo dell'India e la parte orientale congiunta al Pakistan come provincia chiamata Bengala orientale (poi ribattezzata Pakistan orientale), con una propria capitale a Dacca.

Nel 1950 venne attuata una riforma fondiaria con l'abolizione del sistema feudale (zamindari). Tuttavia, nonostante il peso economico e demografico della parte orientale, il governo politico e militare del Pakistan era in gran parte dominato dalle classi della parte occidentale. Il Movimento della lingua bengalese del 1952 fu il primo segno di attrito tra le due regioni del Pakistan. Insoddisfazioni contro il governo centrale, oltre a questioni economiche e culturali continuarono a crescere nel successivo decennio, durante il quale la Lega Awami emerse come voce politica della popolazione di lingua bengalese. Negli anni ’60 chiese fortemente l'autonomia e nel 1966, il suo presidente Sheikh Mujibur Rahman venne incarcerato, per essere poi rilasciato nel 1969 dopo una rivolta popolare senza precedenti.

Nel 1970 un potente ciclone devastò la costa del Pakistan orientale, e il governo centrale reagì in maniera insufficiente. La rabbia della popolazione crebbe quando a Sheikh Mujibur Rahman, il cui partito Lega Awami aveva vinto le elezioni nel 1970, venne impedito di prendere mandato.

Dopo un tentativo di compromesso il presidente Yahya Khan arrestato Majibur nelle prime ore del 26 marzo 1971, e lanciò l’Operazione Searchlight, un attacco militare al Pakistan Orientale. I metodi di Yahya furono estremamente sanguinosi, e la violenza della guerra causò molti morti fra i civili. Circa dieci milioni di rifugiati fuggirono nella vicina India. Le stime dei massacrati sono imprecise, ma sono comprese tra i 300.000 e i 3 milioni di morti.

La maggior parte dei leader della Lega Awami fuggirono e organizzarono un governo in esilio a Calcutta, in India. La guerra di liberazione del Bangladesh durò nove mesi, e infine ricevette il sostegno da parte delle forze armate indiane nel dicembre 1971. L'esercito indiano ottenne una decisiva vittoria sul Pakistan il 16 dicembre 1971, catturando oltre 90.000 prigionieri di guerra. Dopo la sua indipendenza, il Bangladesh divenne una democrazia parlamentare, con Mujib come Primo Ministro. Nel 1973 alle elezioni parlamentari la Lega Awami ottenne la maggioranza assoluta.

Gravi carestie si verificarono nel 1973, nel 1974, e nei primi mesi del 1975. Il 15 agosto 1975 Mujib e la sua famiglia vennero assassinati da ufficiali militari. Una serie di sanguinosi colpi e contro-colpi di stato nel tre mesi a seguire si conclusero con l'ascesa al potere del generale Ziaur Rahman, che fondò il Partito nazionalista del Bangladesh (BNP). Il governo di Ziaur si concluse quando venne assassinato nel 1981 da elementi delle forze armate.

Il generale Hossain Mohammad Ershad, conquistò il potere in un colpo di stato incruento nel 1982 e governò fino al 1990, quando fu costretto a dimettersi dopo la fine del comunismo, quando il dittatore anti-comunista non era più ritenuto necessario.

Da allora, il Bangladesh ha riottenuto una democrazia parlamentare. La vedova di Ziaur, Khaleda Zia, portò il Partito nazionalista del Bangladesh alla vittoria alle elezioni generali nel 1991 e divenne la prima donna Primo Ministro nella storia del Bangladesh. Tuttavia, la Lega Awami, guidata da Sheikh Hasina, una delle figlio di Mujib sopravvissute, ottenne il potere nel 1996, per perderlo in favore del Partito nazionalista del Bangladesh nel 2001.

Nel 11 gennaio 2007, a seguito di violenza diffusa, venne nominato un governo per gestire le future elezioni generali. Il paese aveva sofferto di corruzione, e di disordini politici. Il nuovo governo pose come priorità lo sradicamento di questi problemi a tutti i livelli di governo.

Il Bangladesh si trova nella bassa terminale del sistema fluviale Gange-Brahmaputra, e più precisamente nella regione del delta del Gange. Questo delta è formato dalla confluenza dei fiumi Gange (nome locale Padma o Podda), Brahmaputra (Jamuna o Jomuna), e Meghna e dai rispettivi affluenti. Il Gange si unisce con il Jamuna (canale principale del Brahmaputra) e più tardi si unisce con il Meghna prima di sfociare nel Golfo del Bengala. Il terreno alluvionale depositato da questi fiumi ha creato alcune delle più fertili pianure in tutto il mondo. Il Bangladesh ha 58 fiumi transfrontalieri (nella maggior parte dei casi con l’India), rendendo l'acqua una questione politicamente complicato da risolvere. La maggior parte del territorio del Bangladesh si trova a meno di 12 metri sopra il livello del mare, e si calcola che circa il 50% dei terreni verrebbero inondati se il livello del mare salisse di un metro.

Il punto più alto in Bangladesh viene toccato sulla catena dei Mowdok a 1.052 metri nei Chittagong Hill Tracts nel sud-est del paese. Una parte importante del litorale comprende una giungla paludosa, il Sundarbans, la più grande foresta di mangrovie del mondo e la patria di diverse specie di vita animale e vegetale, ivi compresa la tigre del Bengala. Nel 1997, questa regione è stata dichiarata a rischio.

Posto a cavallo del tropico del Cancro, il Bangladesh presenta un clima tropicale con inverni miti da ottobre a marzo, ed una stagione calda e umida da marzo a giugno. La stagione del monsone dura da giugno a ottobre e fornisce la maggior parte delle precipitazioni atmosferiche che cadono sul paese. Calamità naturali, quali inondazioni, cicloni tropicali, tornado, mareggiate, si verificano quasi ogni anno, e si combinano con i danni provocati dalla deforestazione, dal degrado del suolo e dall’erosione. Si ricorda a questo proposito il disastro del novembre 1970 causato dal ciclone Bhola, nel quale persero la vita oltre 300.000 persone. Altre pesanti inondazioni sconvolsero il paese nel 1991 e nel 2007, in entrambi i casi con gravi perdite umane, villaggi distrutti con migliaia di senzatetto e coltivazioni gravemente sinistrate.

Le temperature variano da una media di 21 °C durante il giorno nella stagione fredda (raggiungendo i 10 °C circa nelle ore notturne) a un massimo di 35/38 °C durante la stagione calda.

Nonostante i continui sforzi nazionali e internazionali volti a migliorare l’economia del paese e le prospettive demografiche, il Bangladesh rimane una nazione in via di sviluppo. Il suo reddito pro capite nel 2006 è stato di 2.300 $ (a parità del potere d'acquisto) rispetto ad una media mondiale di 10.200 $.

Un tempo la iuta è stata il motore economico del paese. La sua quota di mercato nelle esportazioni del Bangladesh raggiunse l'apice dell’80% tra la Seconda Guerra Mondiale e la fine degli anni quaranta del XX secolo, e ancora nei primi anni settanta rappresentava il 70% dei proventi dell’esportazione. Tuttavia i prodotti di polipropilene iniziarono via via a sostituire i prodotti di iuta in tutto il mondo e il commercio di questo prodotto iniziò a diminuire. Tra le principali colture del Bangladesh vi è riso, tè (cia) e senape.

Sebbene i due terzi della popolazione sia impegnata nell’agricoltura, i tre quarti dei proventi delle esportazione derivano dal settore abbigliamento, che ha iniziato ad attirare gli investitori stranieri negli anni ottanta incoraggiati dalla manodopera a basso costo. Nel 2002 l'industria in genere ha esportato prodotti per 5 miliardi di dollari americani. L'industria occupava nello stesso periodo più di 3 milioni di lavoratori, il 90% dei quali donne. Una quota sostanziale delle entrate di valuta estera derivano dalle rimesse degli emigrati.

Tra gli ostacoli maggiori alla crescita economica vi sono i frequenti cicloni e inondazioni, l’inefficienza delle imprese di proprietà statale, la cattiva gestione delle infrastrutture portuali, la crescita della forza lavoro non assorbita dai posti di lavoro disponibili, l’uso inefficiente delle risorse energetiche (come gas naturale), con l’insufficiente approvvigionamento di materie prime, la lenta attuazione delle riforme economiche, e la corruzione.

Nonostante questi ostacoli, secondo la Banca Mondiale, il paese ha raggiunto un tasso medio di crescita annuo del 5% dal 1990. L'espansione della sua classe media, ha portato ad una crescita dei consumi. Nel dicembre 2005, Goldman Sachs definì il Bangladesh uno dei "Prossimi Undici", insieme con Egitto, Indonesia, Pakistan e altri sette paesi. Il Bangladesh ha registrato uno spiccato aumento degli investimenti diretti esteri. Nel dicembre 2005, la Banca Centrale del Bangladesh stimò la crescita del PIL di circa il 6,5%.

Un contributo significativo allo sviluppo dell'economia è venuto dalla diffusione del microcredito ad opera di Muhammad Yunus (Premio Nobel per la Pace nel 2006) attraverso la Grameen Bank. Sul finire degli anni novanta la Grameen Bank aveva avuto 2,3 milioni di beneficiari, insieme ad ulteriori 2,5 milioni delle altre organizzazioni similari.

Al fine di potenziare la crescita economica, il governo ha istituito diverse zone speciali per attrarre investimenti stranieri. Queste sono gestite dal Bangladesh Export Processing Zone Authority.

La popolazione del Bangladesh è stimata in 150 milioni di abitanti, il che rende il paese il 7° più popoloso del pianeta. Con una superficie di 144.000 km², la densità è superiore ai 1.000 abitanti per km². Un confronto sorprendente è fatto in relazione alla Russia che possiede una popolazione leggermente inferiore, anche se distribuita su una superficie di 17.500.000 di chilometri quadrati, cioè 120 volte più del Bangladesh. Ad eccezione di una manciata di città-stato, il Bangladesh ha la più alta densità di popolazione nel mondo. Il paese registrò livelli di crescita della popolazione tra i più alti nel mondo tra gli anni ‘60 e ’70 del secolo XX, quando gli abitanti crebbero da 50 a 90 milioni. Solo con la promozione del controllo delle nascite il tasso rallentò negli anni ’80. La popolazione è relativamente giovane, con la fascia di età tra 0-25 anni che assomma al 60% della popolazione totale, mentre solo il 3% ha un’età superiore ai 65 anni. L'aspettativa di vita è 63 anni per entrambi i sessi.

Il maggior gruppo etnico è il bengalese, che comprende il 98% della popolazione. Il resto è costituito per la maggior parte da migranti Binari e gruppi tribali indigeni. Ci sono tredici gruppi tribali situati nelle Chittagong Hill Tracts, il più popoloso dei quali sono i Chakma. Questa regione ha registrato tensioni etniche sin dalla nascita del Bangladesh. I più grandi gruppi tribali al di fuori delle Chittagong Hill Tracts sono i Santhal e i Garo; altri sono i Kaibartta, Munda, Oraon, Zomi. La tratta di esseri umani è stato un problema persistente nel Bangladesh e l'immigrazione clandestina è rimasta una causa di attrito con Birmania e India.

La lingua bengali è la lingua ufficiale del paese e la più utilizzata (così come nel Bengala Occidentale). L'inglese è utilizzato come seconda lingua tra i media, nelle classi elevate e nel campo dell'istruzione superiore.

Il tasso di alfabetizzazione in Bangladesh è del 41%, e secondo una stima 2004 dell'UNICEF, del 50% tra gli uomini e il 31% tra le donne.

La principale religione praticata in Bangladesh è l'Islam (89,7%), e una considerevole minoranza aderisce all’induismo (9,2%) Circa il 96% dei musulmani sono sunniti, il 3% sono sciiti e il restante ahmadiyya. Fra gli altri gruppi religiosi vi sono i buddisti (0,7%, per la maggior parte Theravada), cristiani (0,3%, per la maggior parte cattolici romani), e animisti (0,1%). Tra i paesi a maggioranza musulmana, il Bangladesh è il quarto per numero di fedeli (130 milioni), dopo Indonesia, Pakistan e India. L'Islam è la religione di stato del Bangladesh, ma altre religioni possono essere praticate in armonia. La Costituzione istituisce l'Islam come religione di Stato, ma prevede il diritto di pratica (con riserva di legge, dell'ordine pubblico, e della morale) verso le altre fedi.

Le divisioni sono a loro volta formate da distretti (zila) ulteriormente suddivisi in sottodistretti (upazila).

Chittagong (2.199.590 abitanti; 4.050.000 ab. con l'agglomerato urbano) capoluogo dell'omonima Divisione amministrativa è situata presso la foce del fiume Karnafuli nel Golfo del Bengala. Seconda città del paese è ben collegata per strada, ferrovia e via fluviale alla capitale e grazie alla navigabilità del fiume è anche il maggior porto del Bangladesh (esportazioni di tè e iuta, importazioni di cereali e macchinari in genere). Chittagong conta numerose industrie favorite dall'energia prodotta da un'importante centrale idroelettrica sul fiume Karnafuli. Tra le più importanti ricordiamo quelle tessili (cotone e iuta), siderurgiche, chimiche (fertilizzanti), petrolchimiche, meccaniche, elettrotecniche, del cemento, della carta, alimentari e del tabacco.

La città era nota fin dai primi secoli dell'era cristiana ed ebbe un'importanza marinara considerevole. Grosso centro commerciale era frequentato da arabi, arakanesi e, in seguito, dai portoghesi. Passò sotto varie dominazioni finché nel 1760 il Nawab del Bengala la cedette alla Compagnia Inglese delle Indie Orientali.

Khulna (811.500 abitanti; 1.500.000 ab. l'agglomerato urbano) si trova su un ramo del delta del Gange a circa 130 km dalla capitale Dacca. È capoluogo dell'omonima Divisione amministrativa. È il più grande mercato agricolo della nazione per la produzione, lavorazione e commercio del riso ed inoltre per la canna da zucchero, lo iuta ed i semi oleosi.

Rajshahi (403.000 abitanti) è il capoluogo dell'omonima Divisione amministrativa ed è situata sulla riva sinistra del Gange vicino al confine con l'India. È un attivo mercato agricolo con industrie alimentari, meccaniche e del legno.

Sylhet (oltre 200.000 abitanti) sul fiume Surma a circa 185 km dalla capitale Dacca. Capoluogo dell'omonima Divisione amministrativa. Importante centro di raccolta e lavorazione del tè e del cotone conta anche alcune industrie alimentari e del legno.

Il tasso di alfabetizzazione sulla popolazione totale è del 56%. Nello specifico, quello maschile è del 63% mentre quello femminile è del 49%.

Il Bangladesh persegue una politica estera moderata che pone grande affidamento sulla diplomazia multinazionale, in particolare presso le Nazioni Unite. Nel 1974 il Bangladesh ha aderito sia al Commonwealth delle Nazioni, che alle Nazioni Unite e da allora è stato eletto per servire due mandati nel Consiglio di sicurezza nel 1978-1979 e 2000-2001. Negli anni ottanta il Bangladesh ha svolto un ruolo guida nella fondazione l'Associazione dell'Associazione Sud-Asiatica per la Cooperazione Regionale (SAARC), al fine di espandere le relazioni con gli altri stati asiatici del Sud. Dalla fondazione della SAARC nel 1985, il Bangladesh ha guidato nella veste di Segretario Generale in due occasioni.

Le più importanti e complesse relazioni estere del paese sono con l'India e il Pakistan. Queste importanti relazioni sono dovute ai naturali legami storici e culturali e costituiscono una parte importante nella politica interna.

Il rapporto con l'India inevitabilmente iniziò positivamente, grazie all'assistenza prestata al paese durante la guerra per l'indipendenza e durante la ricostruzione. Nel corso degli anni le relazioni tra i due paesi subirono fluttuazioni per una serie di motivi. Una grande fonte di tensione tra India e Bangladesh fu la Farakka Dam. Nel 1975 l'India costruì una diga sul fiume Gange a 18 km dal confine con il Bangladesh. Il Bangladesh ritenne che la diga deviasse importanti fonti idriche destinate al paese e costituisse una calamità naturale aggiuntiva, tra cui importanti conseguenze ecologiche. D'altra parte l'India espresse preoccupazioni in merito ai possibili aiuti militari ai separatisti islamici lungo tutta la frontiera di 4.000 km, così come al flusso di immigrati clandestini. Ma alla riunione della SAARC nel 2007 le due nazioni si sono impegnate a lavorare in cooperazione in materia di sicurezza, economia e questioni di frontiera.

Il Bangladesh ha forti legami con la Cina, con la quale mantiene una forte cooperazione soprattutto in campo economico.

L'esercito conta su una forza di circa 200.000 uomini, l’aviazione su 7.000, e la marina su 14.950. In aggiunta al tradizionale ruolo di difesa, i militari sono stati chiamati a fornire un sostegno alle autorità civili per il soccorso in caso di calamità naturali, oltre a garantire la sicurezza durante i periodi di disordini politici. Il Bangladesh non è attualmente attivo in nessuna delle guerra in corso, ma ha contribuito a 2.300 uomini della coalizione che ha combattuto nella guerra del Golfo del 1991, oltre a mantenere un costantemente contributo alle forze ONU per il mantenimento della pace nel mondo. A maggio 2007 il Bangladesh aveva uomini dislocati in Repubblica Democratica del Congo, Liberia, Sudan, Timor Est e Costa d'Avorio.

Il Bangladesh può essere definito come un nuovo stato di una vecchia nazione, poiché la sua cultura comprende elementi sia antichi che moderni.

La lingua bengalese vanta un ricco patrimonio letterario, che condivide con lo stato indiano del Bengala Occidentale. Il primo testo letterario è il Charyapada che risale all'ottavo secolo. La letteratura Bangla in età medievale fu spesso a carattere religiosa (ad esempio Chandida), o adattamenti da altre lingue (ad esempio Alaol). La letteratura maturò nel corso del XIX secolo. Il più grandi icone sono i poeti Rabindranath Tagore e Kazi Nazrul Islam. Altri poeti importanti sono Shamsur Rahman, Suneel Gangopadhay, Jibonanondo Das, Michael Modhushodon Dutta. Il Bangladesh possiede una lunga tradizione nella letteratura popolare, evidenziata da Maimansingha Gitika, Thakurmar Jhuli o storie legate a Gopal Bhar. Tra le scrittrici Taslima Nasreen, costretta all'esilio per le sue critiche della condizione della donna nel mondo musulmano.

La tradizione musicale del Bangladesh è basato sulla componente lirica (Baniprodhan), con un minimo accompagnamento strumentale. La tradizione Baul è un patrimonio unico della musica popolare, al quale si accompagnano numerose altre tradizioni musicali a carattere regionale. Gombhira, Bhatiali, Bhawaiya sono alcune delle più note forme musicali. La musica popolare del Bengala spesso è accompagnata dalla ektara, uno strumento con una sola corda. Altri strumenti comprendono i dotara, dhol, flauto e tabla. Il Bangladesh ha un attivo patrimonio all’interno della musica classica dell’India settentrionale. Allo stesso modo, le forme di danza traggono spunto dalle tradizioni popolari, in particolare quelle dei gruppi tribali, della più ampia tradizione della danza indiana. Tra i principali cantanti figurano Abdul Jabbar ,Sabina Yasmin, Runa Laila, Mahmud-un-nabi,Baby Naznin, Sadi Mohammed, Fahmida Nabi, Kumar Biswajit, Elita, Habib Wahid, James, Ayub Bacciu, Hasan, Biplob, Bappa.

Il Bangladesh produce circa 80 film all'anno. I film di Bollywood sono molto popolari. Circa 200 quotidiani sono pubblicati nel paese, e più di 1800 periodici, tuttavia i lettori regolari si mantengono su una percentuale bassa, quasi il 15% circa della popolazione. Molto attivi e seguiti sono i programmi radiofonici dal Bangladesh Betar, così come i servizi dalla BBC e Voice of America. Vi è la televisione di stato, ma negli ultimi anni, i canali di proprietà privata sono aumentati notevolmente.

La tradizione culinaria del Bangladesh ha stretti rapporti con il mondo indiano e del mediorientale, a cui si sommano caratteristiche proprie. I principali alimenti sono a base di riso e curry. Alcuni prodotti comuni sono Rôshogolla, Chômchôm e Kalojam.

Il sari è di gran lunga l’abito femminile più diffuso, sebbene sia molto popolare anche salwar kameez (shaloar kamiz), oltre agli abiti di foggia occidentale soprattutto nelle aree urbane. Tra gli uomini il vestiario occidentale trova maggiore accettazione. Gli uomini, spesso in occasioni religiose, utilizzano il Kurta-paejama. Diffuso fra gli uomini è anche il lungi, una sorta di gonna lunga.

I due Eid, Eid ul-Fitr e Eid ul-Adha sono le più importanti festività nel calendario islamico. Il giorno prima di Eid ul-Fitr è chiamato Ciad Rat (la notte della Luna), ed è spesso segnato dallo scoppio di petardi. A queste si sommano altre festività musulmane. Tra le principali festività indù vi sono Durga Puja e Saraswati Puja. Tra le festività buddiste v’è il Buddha Purnima, che segna la nascita del Buddha, mentre il Natale, chiamato Borodin (Gran giorno) è celebrata dalla minoranza cristiana. La principale festività laica è il Pohela Baishakh o capodanno bengalese, che segna l'inizio del calendario bengalese. Altre feste sono Nobanno, Poush parbon.

Le città di interesse turistico sono: Dacca, la capitale, Chittagong, la seconda città del Bangladesh, Cox's Bazar, una cittadina che si trova nella zona sud-orientale del paese famosa per il turismo balneare di nicchia, il Parco Nazionale del Sundarban, nella zona sud occidentale del paese. Da vedere la spiaggia di Teknaf e l'isola di St. Martin, nonché la campagna attorno a Nawabganj.

Il clima tropicale ha reso la vegetazione lussureggiante. Presso i villaggi crescono banani, palme da cocco ed altre piante da frutto. Si trovano in abbondanza in tutto il paese numerose varietà di fiori con una vasta gamma di profumi, dimensioni e colori. Varietà di loto e gigli d'acqua sbocciano in gran numero in fiumi, laghi, stagni e altri corpi d'acqua.

Non esistono dizionari italiano-bengalese. Un dizionario inglese-bengalese-inglese abbastanza valido è quello di Murshid.

Per la parte superiore



Storia del Bangladesh

Bhimbetka, una pittura rupestre

Ad essere rigorosi non si potrebbe parlare della storia del Bangladesh se non a partire dal 1971, data di nascita di questo stato per secessione dal Pakistan. D'altra parte non avrebbe senso analizzare la storia di questa repubblica se non a partire dalla comune storia di tutto il subcontinente indiano. Non si potrebbe capire il Bangladesh senza analizzare complessivamente la storia della (o forse sarebbe meglio dire delle) civiltà indiana.

Scavi archeologici hanno trovato le tracce di vari ominidi risalenti ad almeno 50.000 anni fa.

I primi uomini capaci di sviluppare una certa civiltà, seppur primitiva, nell'area indiana sembrano essere popolazioni proto-australoidi organizzate in piccoli gruppi a loro volta uniti in tribù e che vivevano di caccia e raccolta nella foresta. I loro discendenti sono quelli che gli Hindu chiamano Adivasi. Presso queste antiche tribù pare vigesse il matriarcato, come testimoniato da leggende presenti nel poema epico Mahabharata diffusosi nelle tradizioni delle epoche successive. La religione di queste popolazioni era basata sull'animismo e su un continuo rapporto con la natura. Questi primi abitanti, che parlavano una lingua di tipo Munda, furono scacciati dagli invasori successivi e si ritirarono nelle foreste e sulle montagne dove vivono ancora oggi, lasciando comunque un importante influenza sulle successive civiltà.

A partire dal 4000 a.C. un popolo brachicefalo, di colore scuro, capelli neri e lisci, parlante lingue agglutinanti si diffuse nell'aria indiana accanto alle popolazioni munde: i dravidi. Queste popolazioni, appartenenti alla civiltà mediterranea, penetrarono nel subcontinente indiano da ovest e si stanziarono nella zona del bacino dell'Indo, del Gange e fino a tutta l'India centrale. A loro si deve nel III millennio a.C. lo sviluppo della cosiddetta civiltà della valle dell'Indo, di cui le città di Mohenjo-Daro e Harappa (situate nel territorio dell'attuale Pakistan) sono le rappresentanti di cui abbiamo più testimonianze. Poco infatti è sopravvissuto alla successiva invasione ariana di questa cultura tanto che fu dimenticata fino ai primi scavi estesi sui siti di Harappa e di Mohenjo-Daro intorno al 1920.

Ci fu lo sviluppo dell'agricoltura, dell'uso della scrittura e dell'urbanizzazione con il sorgere di svariate città in mattoni, cotti o crudi. Frequenti furono i rapporti culturali e commerciali con la Mesopotamia e l'Antico Egitto. I testi sumeri ed accadici si riferiscono ripetutamente a un popolo con cui ebbero attivi scambi commerciali, chiamato Meluhha, che sarebbe da identificare con la civiltà della valle dell'Indo. La principale religione dravidica si fonda sul culto per la Dea Madre, per il dio Shiva, per gli alberi sacri, per alcuni animali quali la vacca e il cobra, e per i simboli sessuali (specie la venerazione del fallo) intesi come continuità del genere umano; l'altra importantissima religione era il jainismo, spesso erroneamente ritenuto di epoca molto più tarda, da cui provengono la teoria del Karma, della reincarnazione e quella della non-violenza da cui deriva per i jaina il vegetarismo. L'ascetismo jaina influenzerà moltissimo il buddhismo.

Nel 1300 a.C. assistiamo al consolidamento del dominio degli arii in tutto il nord-ovest indiano e progressivamente sul Panjab, sulla valle del Gange e nel 1000 a.C. fino al Gujarat. L'influenza dravidica continuerà ad essere egemone sul sud dell'India dove sorgeranno vari regni molto evoluti, principalmente il regno dei Chola, quello dei Chera, quello deiPandya e in seguito i Pallava spesso in guerra fra loro ma che manterranno l'indipendenza da domini stranieri per più di 2000 anni.

Tuttavia le invasioni non fecero scomparire definitivamente i Dravida e la loro civiltà. Infatti nel nord gli arii dopo aver determinato, o almeno accelerato, la fine della civiltà dell'Indo finirono per acquisire e fare propria buona parte della superiore tradizione e cultura dravidica: i vinti militarmente e politicamente risultarono vincitori culturalmente. Nel sud invece, dove perdurò l'egemonia dravica, continuò fino al primo secolo dell'era cristiana la tradizione dei Sangham di cui si ha traccia fin dal 9990 a.C.. I Sangham erano in pratica delle riunioni di poeti che partecipavanoa lla stesura di grandi opere collettive che tanto hanno influenzato l'antica letteratura indiana e tamil.

Nel 1971, grazie all'appoggio dell'India, nasce il Bangladesh per secessione dal Pakistan. Il capo di stato Ziaur Rahman abolisce il parlamentarismo nel gennaio 1975 ma viene deposto e ucciso da un golpe militare nell'agosto dello stesso anno. La situazione rimane instabile e vede il susseguirsi di varie giunte militari al 1986 quando il generale Hossain Mohamad Ershad indice e vince un referendum per legittimare il suo governo. Le elezioni del febbraio 1991 portano all'affermazione di Begum Khaleda Zia, vedova del generale Ziaur Rahman, che diventa la prima donna premier in Bangladesh. Le successive elezioni del 1996 portano invece al trionfo la Lega Awami e Hasina Wajed diventa primo ministro ma nel 2001 ritorna al potere il partito nazionalista di Khaleda Zia. Nel 2002 viene eletto presidente Iajuddin Ahmed. Nel 2004 sul Bangladesh si abbatte un terribile tsunami che provoca ingenti danni e moltissimi morti.

Per la parte superiore



Federazione cestistica del Bangladesh

World Map FIBA.png

La Federazione cestistica del Bangladesh è l'ente che controlla e organizza la pallacanestro in Bangladesh.

La federazione controlla inoltre la nazionale di pallacanestro del Bangladesh. Ha sede a Dacca e l'attuale presidente è Abhijit Sarker. E' affiliata alla FIBA dal 1978 e organizza il campionato di pallacanestro del Bangladesh.

Per la parte superiore



Chiesa cattolica in Bangladesh

La Chiesa cattolica in Bangladesh conta circa 300.000 fedeli, pari allo 0,3% della popolazione. Il Paese è di fede Islamica (89,7%). Il Bangladesh è uno dei pochi Paesi democratici nell'islam, con stampa libera e libertà politica. Inoltre cambiare religione è consentito: chi lo desidera va dal giudice e dichiara che lo fa di sua volontà, senza la pressione di nessuno. Non c'è persecuzione contro i cristiani, questo spiega perché i missionari, 120 solo quelli italiani, possono lavorare liberamente in mezzo alla popolazione.

In Bangladesh ci sono sei diocesi cattoliche, tutte con vescovo locale, e un centinaio di parrocchie, con una media di 300-500 catecumeni ciascuna. La capitale Dacca ha cinque parrocchie cattoliche: una in città, tre in periferia ed una a Uttara, enorme città satellite con un milione di abitanti.

Per la parte superiore



Nazionale di cricket del Bangladesh

BCB Logo.png

La Nazionale di Cricket del Bangladesh è la squadra nazionale di cricket, posta sotto l'egida del Bangladesh Cricket Board. E' uno dei dieci full members dell'International Cricket Council e ha partecipato a tutte le edizioni della Coppa del Mondo di cricket da quando ha ricevuto questo status.

Per la parte superiore



Bandiera del Bangladesh

Bandiera del Bangladesh

Voci principali: Bangladesh, Elenco di bandiere nazionali.

La bandiera del Bangladesh venne adottata ufficialmente il 17 gennaio 1972, è verde, con un disco rosso spostato leggermente a sinistra.

Nel corso del 1971, e durante la Guerra Indo-Pakistana del 1971, che in Bangladesh è conosciuta come Guerra di liberazione, venne usata una bandiera simile, la differenza consisteva nella mappa del Bangladesh, che era posizionata sopra al sole rosso. La mappa venne in seguito tolta dalla bandiera, probabilmente per mantenere un disegno semplice.

La bandiera assomiglia a quella Giapponese, eccetto per il campo verde anziché bianco. Il disco rosso rappresenta il Sole che sorge sopra il Bengala. Il rosso del Sole simboleggia anche il sangue versato da coloro che morirono per l'indipendenza del Bangladesh. Il campo verde non rappresenta l'Islam, ma la terra lussureggiante del Bangladesh.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia