Baden-Baden

3.408557046969 (1192)
Inviato da david 30/04/2009 @ 16:15

Tags : baden-baden, germania, europa, esteri

ultime notizie
Baden Baden - Lipari.biz
Baden-Baden è questo e molto altro. Offre ogni possibilità. A chi si vuole rilassare ea chi si vuole divertire. La cosa è risaputa fin dai tempi dei Romani, al punto che la città era definita "capitale estiva d'Europa" per il numero di sovrani e capi...
Le immagini riflesse di Alex Katz Da New York al Marca di Catanzaro - Quotidiano Nazionale
Solo nel 1995 l'artista ha il suo primo riconoscimento ufficiale in Europa con la grande mostra organizzata dal museo di Baden-Baden in Germania a cui fa seguito, l'anno dopo, la retrospettiva al museo Ivam di Valencia. Nel gennaio del 1998 la Saatchi...
Miglior spettacolo 2008: il Fidelio dei Teatri vince il premio Abbiati - 4minuti Reggio
La coproduzione, di Fidelio che ha visto coinvolti, oltre alla Fondazione I Teatri, i teatri Comunali di Modena e di Ferrara, il Festspielhaus di Baden Baden in Germania e il Teatro Real di Madrid, è stata giudicata come "il migliore spettacolo della...
Germania/ Portavoce Merkel: Obama in visita a inizio estate - Wall Street Italia
Obama è stato già in Germania il mese scorso per un summit della Nato tenutosi a Baden-Baden e nella città francese di Strasburgo. Come candidato presidenziale era stato a Berlino a luglio dove aveva pronunciato un discorso davanti ad una platea di...
'JAZZAID - Aiutiamoli a Ricostruire', maratona-concerto per Tempera - Iniziativa
... con la moglie Nicky Nicolai; Furio Di Castri, contrabbassista tra i migliori talenti europei premiati al New Jazz Meeting di Baden Baden; Riccardo Fassi, conosciuto come uno dei più interessanti ed affermati pianisti di jazz in Italia;...
Quarant'anni di amore per l'Europa - La Nazione
Ma il Circolo si segnala anche per i numerosi incontro avuti negli anni: due i ricevimenti da Giovanni Paolo II, proverbiale l'invito a Baden Baden dell'allora cancelliere tedesco Helmuth Kohl. E poi tanti personaggi della vita pubblica nazionale:...
Il Comunale di Ferrara vince con Abbado e il Fidelio - Estense.com
... che nel caso di Fidelio è stato coproduttore insieme alla Fondazione I Teatri di Reggio Emilia, la Fondazione Teatro Comunale di Modena, il Festspielhaus di Baden-Baden e il Teatro Real di Madrid, mentre per Motezuma è stato capofila di produzione...
Concerto per il Museo (e il Portale) - Il Monferrato
Inoltre, la violinista Chiara Morandi, già spalla della SWR Sinfonieorchester Baden-Baden, è dal 2006 spalla dei secondi violini nell'Orchestra Regionale Toscana di Firenze; Martina Lopez ricopre dal settembre dell'anno scorso il prestigioso ruolo di...
Air Berlin diventa prima compagnia su Palma di Maiorca - TTG Italia
Le novità sono l'Amsterdam e il Karlsruhe/Baden-Baden. Nel 2008 Air Berlin ha trasportato quasi 6,4 milioni di passeggeri sullo scalo. Sul mercato spagnolo Air Berlin apre per l'estate anche i voli da Almería a Francoforte, da Jerez de la Frontera a...
Viktor & Rolf disegnano i costumi per l'Opera - La Stampa
Robert Wilson metterà in scena il 30 maggio 2009 l'opera romantica di Carl Maria von Weber “Der Freischütz” nel più grande teatro di opera tedesco, il Festspielhaus Baden-Baden. I costumi, disegnati dagli stilisti olandesi Viktor & Rolf e ispiranti ai...

Baden-Baden

Baden-Baden (Germania)

Baden-Baden è una città nel Baden-Württemberg occidentale. È la più piccola delle 9 città extracircondariali del Land (9 in tutto) e forma un centro mediano con parziali funzioni centralizzate. Al settore mediano di Baden-Baden appartengono accanto alla città di Baden-Baden i comuni di Hügelsheim e Sinzheim nel circondario di Rastatt. Da qui in poi esistono collegamenti con il Nord dell'Alsazia.

La città è un noto centro di cura e oggi soprattutto un centro termale, mineraloterapeutico e conosciuta come meta di vacanza e città dai festival internazionali. Fino al 1931 la città si chiamava soltanto Baden, la si chiamava per lo più Baden in Baden e così è sorto il doppio nome odierno. Dal 1997 Baden-Baden è una città olimpica. Con questo titolo Baden-Baden è stata onorata dal Comitato Olimpico Internazionale. Ha ospitato nell'aprile 2009 un incontro ufficiale tra il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, e il Cancelliere tedesco, Angela Merkel.

Baden-Baden si trova ai margini occidentali della Foresta Nera settentrionale nella valle del fiume Oos, un piccolo fiume che circa 13 km più avanti confluisce presso Rastatt nel Murg. I quartieri orientali della città sfumano parzialmente sui pendii della Foresta Nera. I quartieri sudoccidentali si trovano nel bassopiano renano superiore.

Le seguenti città e comuni confinano con la città di Baden-Baden. Vengono nominati in senso orario da nord e appartengono tutte al distretto di Rastatt: Rastatt, Kuppenheim, Gaggenau, Gernsbach, Weisenbach, Forbach (Baden), Bühl (Baden), Bühlertal, Sinzheim, Hügelsheim e Iffezheim.

La zona urbana di Baden-Baden si divide nei seguenti quartieri: Balg, Ebersteinburg, Haueneberstein, Centro città, Lichtental (inclusi Oberbeuern e Geroldsau), Neuweier, Oos, Sandweier, Steinbach, Varnhalt e la città occidnetale con l'angolo dell' Oos.

Inoltre vi sono diverse ulteriori strutture abitative o zone residenziali con un proprio nome parzialmente sparse. Sono: Gaisbach, Gallenbach, Hungerberg, Malschbach, Mührich, Schmalbach, Schneckenbach, Seelach, Umweg e Unterer Plättig.

I quartieri di Ebersteinburg, Haueneberstein e Sandweier hanno a loro volta una propria amministrazione locale con un presidente di frazione. I quartieri Steinbach, Neuweier e varnhalt hanno un'amministrazione di frazione comune ("Rebland") anche questi con un presidente di frazione.

All'interno dell'area cittadina racchiusa da Baden-Baden vi sono 3 enclavi per lo più disabitate del comune limitrofo di Sinzheim, tra cui il podere del monastero di Fremersberg.

Le prime tracce risalgono al 10000 a.C., tuttavia soprattutto con il dominio romano, che sfruttò le fonti d'acqua calda dell'insediamento, Baden-Baden raggiunse la sua importanza. Nel 712 venne nominato per la prima volta con la donazione del territorio da parte del re Merovingio Dagoberto III al monastero di Weißenburg. Il conte Hermann II del casato dei Zähringer acquista il territorio attorno a Baden-Baden all'inizio del 12. secolo tramite il matrimonio e si nomina margravio del Baden. Nel 1250 a Baden-Baden fu dato lo status di città.

Nel corso della storia la città divenne residenza della linea cattolica del casato al potere, dopo la divisione del marchesato del Baden,che fu riunificata dopo l'estinzione nel 1771 della linea protestante dei Baden-Durlach (che avevano già la residenza a Karlsruhe). La città rimase tuttavia sede di un ente per l'intera zona circostante.

Nell'ambito della guerra di successione del Palatinato Baden-Baden viene incendiata il 24 agosto 1689 dalle truppe francesi. Alla fine del XVIII secolo Baden-Baden viene scoperta come luogo di cura mondano. Molti ospiti signorili fanno del luogo di cura la "capitale estiva d'Europa". Sorgono hotel di lusso, il casinò (1810-1811) e la Kurhaus Baden-Baden (1821-1824). Corse ippiche internazionali hanno luogo dal 1858 a Iffezheim. Il meeting di primavera (Fine maggio/inizio di giugno) e la Große Woche (fine agosto/inizio settembre) fanno di Baden-Baden un centro internazionale per l'ippica. Organizzatore della competizione è il club internazionale fondato nel 1872.

Nel 1863 venne istituito il distretto di Baden a cui appartenevano i circondari di Achern, Baden-Baden, Bühl, Rastatt e Gernsbach. Nel 1924 il distretto di Baden venne sciolto e Baden-Baden venne dichiarata nel 1939 città indipendente.

Dopo la seconda guerra mondiale Baden-Baden divenne la sede del canale radiofonico Südwestfunk, che esegue trasmissioni per programmi a onda lunga e a onde medie per il territorio urbano. Il suo successore, la Südwestrundfunk produce ancora oggi nella città la maggior parte dei suoi programmi. Dal 1992 a Baden-Baden viene conferito il Deutscher Medienpreis (premio mediatico tedesco).

Baden-Baden apparteneva inizialmente alla diocesi di Spira nell'arcidiocesi di Magonza. Subito dopo la dieta di Worms il margravio Filippo II fece entrare nella città i predicatori evangelici e già nel 1538 l'intera città doveva già essere interamente protestante. Ufficialmente la riforma dovrebbe essere stata introdotta soltanto nel 1556. Tuttavia già dopo la sua morte i suoi figli dovettero essere nuovamente diventati cattolici sotto la pressione del loro reggente, il duca Alberto V di Baviera e le funzioni protestanti furono proibite a partire dal 1571. Nel 1610 venne nuovamente nominato un predicatore evangelico, tuttavia il margravio Guglielmo I riportò in città i Gesuiti, che completarono la ricattolizzazione. Chi voleva rimanere protestante dovette abbandonare la città, tanto che a partire dal 1650 non vi erano più protestanti in città. Sotto il margravio Karl Friedrich di Baden a partire dal 1771 erano permesse soltanto le funzioni cattoliche. I credenti appartenevano all'inizio alla diocesi di Spira e, dopo la sua dissoluzione, al vicariato generale di Bruchsal. Nel 1821 il comune divenne parte dell'arcidiocesi di Friburgo in Bresgovia di recente fondazione. Baden-Baden divenne sede di un decanato.

Nel territorio cittadino vi sono oggi le seguenti chiese o parrocchie: Stiftskirche, St. Bernhard (Weststadt), St. Josef (Südstadt), St. Bonifatius Lichtental, St. Dionysius Oos, St. Eucharius Balg, Hl. Geist Geroldsau, St. Antonius Ebersteinburg, St. Bartholomäus Haueneberstein, St. Jakobus Steinbach, St. Katharina Sandweier, St. Michael Neuweier, Herz-Jesu Varnhalt come anche l'Autobahnkirche St. Christophorus nell'area di servizio autostradale di Baden-Baden. Con il monastero di Lichtenthal viene fondata un'abbazia cistercense nella città.

Oltre alle comunità cattoliche vi è anche una chiesa rumeno-ortodossa (Stourdza-Kapelle) e una chiesa ortodossa russa.

I pochi protestanti a Baden-Baden poterono fondare all'inizio del XIX secolo (1832) la loro prima comunità. Questa appartiene come anche tutte le altre comunità ecclesiastiche del giorno d'oggi alla Evangelische Landeskirche in Baden (circoscrizione ecclesiastica del Baden meridionale). Nel 1855 la comunità poté costruire la propria chiesa, l'attuale chiesa metropolitana (Stadtkirche). Nel 1960 la comunità ecclesiastica fu suddivisa nelle comunità di S.Luca e S.Marco. Ulteriori comunità protestanti nel territorio cittadino sono la comunità luterana di Lichtenthal (parrocchia costruita nel 1946), la comunità paolina nella città occidentale (parrocchia costruita nel 1946), la chiesa della Pace di Baden-Oos (parrocchia costruita nel 1949) e la comunità di Matteo di Steinbach-Sinzheim. A Sandweier vi è inoltre una sala ecclesiastica per le funzioni evangeliche. Tutte le comunità ecclesiastiche evangeliche di Baden-Baden appartengono oggi al distretto ecclesiastico di Baden-Baden-Rastatt.

Lo stemma della città di Baden-Baden è suddiviso in tre larghi campi dai colori rosso e giallo.

Il Teatro di Baden-Baden ha un palcoscenico con un' orchestra numerosa. Inoltre dietro le quinte lavora il "Piccolo palco".

La casa del Festival di Baden-Baden, che sorge presso i locali della vecchia stazione, è la seconda più grande casa per concerti d'Europa ed attira molti turisti con opere, musicals e concerti.

Nel giugno 2002 l'orchestra giovanile di Baden-Baden ha festeggiato 45 anni di attività. Dagli umili inizi, senza possibilità finanziarie, l'orchestra si sviluppò, sotto la direzione di Karl Nagel (dal 1963), fino ad occupare un posto di rilievo con numerosi ed apprezzati concerti. Nel 2001 si esibì con la stella mondiale del violino, Hillary Hahn, con grande successo.

L'orchestra filarmonica di Baden Baden è nota olre i confini regionali grazie a numerose tournée ed incisioni discografiche. Baden-Baden è anche sede dell'orchestra sinfonica della SWR.

A Baden-Baden si svolge annualmente dal 1997 la manifestazione "Herbert von Karajan Pfingstfestspiele", dal 2003 collegata al premio "Herbert von Karajan".

Grazie alla Bergbahn si può viaggiare sul Merkur. Baden-Baden è una delle città principali (ed un tempo punto di partenza) sulla strada panoramica B500.

Baden-Baden si trova lungo l'autostrada A5 (Karlsruhe Basilea) e si può raggiungere attraverso gli svincoli Baden-Baden e Bühl. La città è attraversata dalla strada statale B500 (Strada panoramica della Foresta Nera). Nelle vicinanze anche la stada statale B3.

Ad ovest della città, vicino al confine francese si trova l'aeroporto di Karlsruhe-Baden Baden (FKB), detto Baden-Airport, collegato con voli di linea a Berlino, Londra, Roma e Barcellona.

La stazione ferroviaria è servita dai treni veloci ICE della linea Mannheim-Basilea, la c.d. "Ferrovia del Reno". Le linee di ferrovia metropolitana S4 ed S32 della "Albtal-Verkehrs-Gesellschaft" offrono collegamenti diretti con Rastatt, Ettlingen, Karlsruhe, Heilbronn e Bühl. Il servizio pubblico di trasporto locale offre numerose linee di autobus.

La prime linea cittadina di tram fu inaugurata il 24 gennaio 1910 e dismessa il 28 febbraio 1951. Viaggiava su binari di scartamento pari ad un metro per un percorso di circa 15 km. Fu sostituita da un servizio autobus in servizio dal 26 giugno 1949.

Una funicolare porta sulla cima del monte "Merkur" dal 16 agosto 1913.

A est della città, sulla strada per Forbach si trova l'area di convalescenza Rote Lache.

Baden-Baden è sede di uno studio di trasmissione della Südwestrundfunk. Qui vengono prodotti e trasmessi numerosi programmi radiofonici e televisivi. La TV tedesca ARTE Deutschland TV GmbH ha la sua sede nella città.

Due quotidiani sono pubblicati in Baden-Baden: Il Badisches Tagblatt (BT) e il Badische Neueste Nachrichten (BNN).

In Baden-Baden viene annualmente conferito dalla impresa di Baden-Baden Media Control il premio Deutscher Medienpreis.

Baden-Baden è sede di un Landgericht e di un Amtsgericht, che appartengono al distretto OLG di Karlsruhe.

A Baden-Baden c'è un uffico delle tasse (Finanzamt), parecchi notai e una dogana.

Baden-Baden ha numerosi istituti per l'istruzione. Da citare innanzi a tutti è l'Accademia Europea di Eventi e Media (Europäische Medien- und Event-Akademie).

Questa lista alfabetica comprende personalità nate a Baden-Baden, indipendentemente dal fatto che la loro attività si sia svolta o meno in città.

Per la parte superiore



Luigi Guglielmo di Baden-Baden

Francesca Sibilla Augusta di Sassonia-Lauenburg, Margravia di Baden-Baden

Luigi Guglielmo di Baden-Baden (8 aprile 1655 a Parigi - 4 gennaio 1707 nel Castello di Rastatt), conosciuto come Türkenlouis (Luigi il Turco), fu Margravio di Baden-Baden e Comandante in Capo delle armate imperiali.

Luigi era figlio del Margravio Ferdinando Massimiliano di Baden-Baden e della Principessa Luisa Cristina di Savoia-Carignano. Suo padre era il figlio maggiore del Margravio Guglielmo di Baden-Baden, al quale era premorto, lasciando Luigi a succedergli al trono del Margraviato di Baden-Baden ed a capo della linea cattolica della Casa di Zähringen.

Suo zio, fratello di sua madre era Eugenio Maurizio di Savoia-Soissons, padre del famoso Principe e Generale Eugenio di Savoia, all'ombra del quale Luigi visse e combatté, pur essendo formalmente alleato del cugino, prestando servizio al Sacro Romano Impero contro i francesi. I suoi genitori si estraniarono dal paese natio, e Luigi venne rapito ancora fanciullo dalla casa materna a Parigi e rimpatriato in Germania, dove venne cresciuto dalla nonna paterna.

Luigi venne soprannominato Türkenlouis o Scudo dell'Impero. I Turchi ottomani con i quali si scontrò lo definirono il Re Rosso a causa della propria uniforme che constava di una giacca rossa che lo rendeva distinguibilissimo sui campi di battaglia. Egli ebbe il grande compito di difendere l'Europa dall'avanzata turca assieme al cugino Eugenio di Savoia. Luigi fu un comandante militare al servizio del Sacro Romano Impero e nel nel corso della guerra austro-turca 1683–1699 venne nominato Comandante in Capo delle armate imperiali in Ungheria (1689), dove riscosse una vittoria che ebbe eco in Europa con la battaglia di Slankamen (19 agosto 1691), scontrandosi con le armate del Gran Visir Kara Mustafa. Poco dopo questi successi venne posto a capo di un'armata schierata lungo il fiume Reno ed impegnata nella Guerra della Grande Alleanza.

Successivamente guidò le armate imperiali nella Guerra di successione spagnola, nel corso della quale espugnò la città di Landau nel settembre del 1702, dovendosi però ritirare presto ed attraversare il Reno, dove venne sconfitto dai francesi, comandati dal Duca Claude-Louis-Hector de Villars, nella battaglia di Friedlingen. Nel 1704 partecipò alla gloriosa campagna tedesca inaugurata da John Churchill e da Eugenio di Savoia. Egli si distinse poi nella battaglia di Schellenberg, assediò e catturò le città di Ingolstadt e Landau, sbaragliando le truppe bavaresi nella decisiva battaglia di Blenheim.

Alla morte di Luigi, nel 1707, sua moglie fece costruire il Castello Favorita, una residenza estiva in memoria del marito. Sul trono del Margraviato di Baden-Baden gli succedette il figlio maggiore Luigi Giorgio.

Per ironia della sorte, il principe-soldato che aveva combattuito i francesi per la maggior parte della propria carriera, diciassette anni dopo la morte di Luigi Guglielmo, l'unica sua figlia sopravvissuta, Augusta Maria Giovanna, sposò il Duca Luigi d'Orléans, figlio del Duca d'Orleans e, al tempo del loro matrimonio, primo nella successione al trono di Francia. Suo discendente, originatosi in linea da questo matrimonio, fu Luigi Filippo di Francia, re di Francia dal 1830.

Per la parte superiore



Ferdinando Massimiliano di Baden-Baden

Ferdinando Massimiliano di Baden-Baden (23 settembre 1625 a Baden-Baden - 4 novembre 1669 a Heidelberg) fu il padre del famoso Generale tedesco Luigi Guglielmo di Baden-Baden.

Figlio maggiore del Margravio Guglielmo di Baden-Baden e della Principessa Caterina Ursula di Hohenzollern–Hechingen, Ferdinando Massimiliano venne instradato a seguire le orme del padre con l'intento di succedergli come Margravio di Baden-Baden, ma egli morì prima del proprio genitore in un incidente di caccia.

Ferdinando Massimiliano sposò a Parigi, nel 1653, Luisa Cristina di Savoia-Carignano (1627-1689), zia del Principe Eugenio di Savoia.

Il matrimonio, ad ogni modo, non fu felice. Luisa Cristina si rifiutò di lasciare la raffinata corte francese e di seguire il marito a Baden-Baden (che sotto quest'aspetto poteva ancora considerarsi in via di sviluppo). Ferdinando Massimiliano fece quindi rapire il proprio figlio da Parigi e lo portò con se a Baden-Baden. Come conseguenza, Luigi Guglielmo venne cresciuto dalla propria nonna, seconda moglie del pdre di suo padre, Maria Maddaena di Oettingen-Baldern.

Per la parte superiore



Leopoldo Guglielmo di Baden-Baden

Leopold Wilhelm von Baden

Leopoldo Guglielmo di Baden-Baden (16 settembre 1626 - 1º marzo 1671 a Baden-Baden) fu un Feldmaresciallo del Sacro Romano Impero.

Leopoldo Guglielmo era figlio del Margravio Guglielmo di Baden-Baden e della Principessa Caterina Ursula di Hohenzollern-Hechingen.

Nominato Feldmaresciallo Generale, si scontrò con i nemici dell'Impero in Pomerania ed in Svezia, oltre che in Ungheria dove si scontrò con i Turchi ottomani che tentavano di invadere il fronte europeo. Egli fu anche Governatore di Varaždin in Croazia.

Nel 1659 Leopoldo Guglielmo si sposò con Anna Silvia del Caretto, Contessa di Millesimo (1607-26 febbraio 1664), ma questo matrimonio non ebbe eredi.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia