Al Bano

3.4051172707926 (938)
Inviato da amalia 05/04/2009 @ 09:07

Tags : al bano, musica italiana, musica, cultura

ultime notizie
Albano/Gassificatore: No Inc, "voi approvate noi blocchiamo!" - Castellinews.it
(Albano Laziale - Attualità) - Sabato 30 Maggio, alle ore 10 dalla scuola elementare di Cancelliera in via Pantanelle si arriva davanti ai cancelli della discarica di Roncigliano. Questo il percorso del nuovo corteo contro l'inceneritore organizzato...
ROMA, COMUNE: STASERA AL BANO ALLA 'FESTA DELLA FAMIGLIA' - IRIS Press - Agenzia stampa nazionale
(IRIS) - ROMA, 24 MAG - Questa sera, alle ore 22,30, Al Bano si esibirà in concerto in Piazza Santa Maria Ausiliatrice. Il concerto del talentuoso cantante chiuderà la due giorni in programma previsti per la “Festa della Famiglia....
CHIMERA ETRUSCA VOLA A LOS ANGELES PER MOSTRA AL GETTY MUSEUM - Adnkronos/IGN
L'evento abbraccia ogni ambito della sfera culturale, dalla musica al cinema, all'arte contemporanea, passando per la moda. Ad aprire la tre giorni, alla presenza dell'ambasciatore italiano ad Abu Dhabi, Paolo Dionisi, sarà Al Bano Carrisi,...
Assemblea BCC Casalgrasso e Sant'Albano approva il bilancio - targatocn
... filiali in tre province e il numero dei soci a quota 4.850: sono i numeri più significativi dell'assemblea in cui il 22 maggio scorso tutta la base sociale della Bcc di Casalgrasso e Sant'Albano Stura ha approvato il consuntivo dello scorso anno....
Bruno Ferraro cittadino onorario di Albano - Castellinews.it
(Albano Laziale - Appuntamenti) - Giovedì 28 maggio alle 17, si terrà presso Palazzo di Giustizia una cerimonia per conferire a Bruno Ferraro, ex presidente del tribunale di Velletri, il titolo di cittadino onorario. L'incontro si svolgerà nella sala...
GUIDA BLU 2009: "4 VELE" AL LAGO DI BOLSENA A MONTEFIASCONE, 3 PER ... - OnTuscia.it
... “2 vele” a Trevignano Romano (Rm) sul lago di Bracciano, che perde una vela, e alle località di Ronciglione (Vt) e Caprarola (Vt) sul lago di Vico, oltre che a Castel Gandolfo (Rm), sul lago di Albano, che invece ne guadagna una....
Alla scoperta dei Castra Albana - Castellinews.it
(Albano Laziale - Appuntamenti) - L'associazione Diakronica vi porta alla scoperta della storia di Albano, forse uno dei più affascinanti paesi dei Castelli Romani. Sabato 30 maggio alle 10, una guida esperta dell'associazione castellana vi...
Tripudio dei tifosi del Barca: tuffi a Fontana di Trevi - Corriere della Sera
Nelle stesse ore un ragazzo di Ciampino è finito in cella dopo essere stato sorpreso ad Albano con alcuni coltelli destinati, secondo gli investigatori, ai teppisti pronti a entrare in azione all'Olimpico. Non sono mancati agguati e parapiglia: ieri...
Duemila spettatori al Palabrescia per lo show benefico con Al Bano ... - Giornale di Brescia
Già, perché sul palco si sono dati il cambio pure big della canzone italiana quali Al Bano, i Matia Bazar, autori di un medley dei successi storici e di due brani eseguiti per intero, il soprano coreano Jomina e il Marco Masini anni '90....
Il sindaco di Roma Alemanno con Lopa e Albano a Fuorigrotta - StabiaChannel.it
Questa mattina, a sostegno delle candidature alle prossime elezioni provinciali dei candidati Rosario Lopa (collegio XII Fuorigrotta) e Serena Albano (collegio XI Vomero-Fuorigrotta) è intervenuto il Sindaco di Roma Gianni Alemanno, che con la classe...

Festival di Sanremo 2009

Sanremo 2009.jpg

Il Cinquantanovesimo Festival della Canzone Italiana si è svolto presso il Teatro Ariston di Sanremo dal 17 al 21 febbraio 2009, ed è stato vinto dalla canzone La forza mia interpretata da Marco Carta. La conduzione è stata affidata a Paolo Bonolis con la partecipazione di Luca Laurenti. Nelle varie serate è stato previsto, a livello di conduzione, l'intervento di ulteriori collaboratori, che mutano in ogni serata del festival. Affiancano Paolo Bonolis nella conduzione: Alessia Piovan e Paul Sculfor (prima serata); Eleonora Abbagnato e Nir Lavi (seconda serata); Gabriella Pession e Thyago Alves (terza serata); Ivan Olita (quarta serata); Maria De Filippi e David Gandy (serata finale).

In questa edizione, il Festival è stato diviso in cinque serate, trasmesse in diretta su Raiuno e, a differenza delle edizioni precedenti, senza alcuna trasmissione conclusiva in seguito alla serata (il cosiddetto Dopofestival).

I cantanti partecipanti sono suddivisi in due categorie: Artisti e Proposte.

I 16 brani della categoria Artisti sono stati scelti fra 104 richieste di partecipazione.

Fra le 10 canzoni ammesse per la categoria Proposte, 8 sono state selezionate fra 146 domande d'ammissione, mentre le altre 2 sono interpretate dalle cantanti (Arisa e Simona Molinari) vincitrici di Sanremolab.

I 90 video partecipanti alla competizione on-line denominata Sanremofestival.59, che si è svolta dal 14 gennaio al 19 febbraio 2009, sono stati prescelti fra i 470 inviati alla commissione artistica del Festival.

Le notizie sul secondo e terzo classificato sono state date in sala stampa ai giornalisti. Dalla 4ª posizione alla 10ª gli artisti si classificano a pari merito: non esiste infatti una graduatoria neanche ufficiosa.

In un primo momento era stato annunciato per l'esibizione di Marco Carta il brano Dentro ad ogni brivido.

In un primo momento era stato annunciato per l'esibizione di Filippo Perbellini il brano L'orgoglio. Per quanto riguarda la classifica finale della categoria Proposte 2009, essa non è stata resa nota nemmeno in sala stampa nel corso del Festival: si conosce solo il nome della canzone vincitrice, Sincerità interpretata da Arisa.

Hanno votato i rappresentanti di 102 testate accreditate, che hanno attribuito agli Artisti i seguenti voti: Afterhours 21, Nicky Nicolai e Stefano Di Battista 20, Tricarico 20, Patty Pravo 12, Francesco Renga 8, Gemelli DiVersi 5, Al Bano 4, Alexia 3, Marco Masini 3, Povia 3, Dolcenera 2, Iva Zanicchi 1, mentre non hanno ricevuto voti Marco Carta, Fausto Leali, Sal Da Vinci, Pupo-Paolo Belli-Youssou N'Dour.

Hanno votato i rappresentanti di 72 testate accreditate, che hanno attribuito a Povia 19 voti, seguito da Patty Pravo con 14.

Subito dietro ad Arisa si sono piazzate Malika Ayane e Simona Molinari.

Tra i partecipanti al Festival, ben otto di loro lo avevano già vinto in precedenza.

È il secondo Festival con al timone Paolo Bonolis, che è anche direttore artistico. Il direttore musicale è Gianmarco Mazzi, che aveva ricoperto questo ruolo già nel 2005 e 2006, al fianco di Bonolis prima e di Giorgio Panariello dopo.

Paolo Bonolis indossa abiti disegnati da Versace.

Prima dell'inizio del Festival, la stampa ha prestato attenzione alle polemiche riguardo la canzone presentata da Povia, dal titolo Luca era gay, su un ragazzo che, divenuto omosessuale per problemi familiari, diventa etero. Le associazioni LGBT, considerandola una propaganda alla terapia riparativa del movimento degli ex-gay, sono insorte ed hanno programmato proteste a Sanremo nei giorni della kermesse.

La prima serata del Festival ha visto il susseguirsi di una strenua difesa dell'amore omosessuale da parte di Roberto Benigni, che ha letto il De profundis di Oscar Wilde, come esempio d'amore omosessuale, poi la canzone di Giuseppe Povia dal titolo Luca era gay, il cui titolo, diffuso già a due mesi dal festival, non ha mancato di scatenare polemiche anche nel testo.

Al termine dell'esibizione di Povia è intervenuto Franco Grillini, uno dei leader storici del movimento LGBT, che ha commentato duramente la canzone. Il Festival è stato accomnpagnato da proteste e manifestazioni. Nel corso della serata finale, gli Afterhours ed Arisa hanno ritirato i premi presentandosi con il triangolo rosa, a sostegno della comunità LGBT.

Si tratta, come da tradizione, di una gara tra canzoni inedite. Due le categorie in gara nella kermesse: Artisti e Proposte.

Gli Artisti (chiamati nelle scorse edizioni Big o Campioni) sono cantanti già affermati al grande pubblico.

Le Proposte (chiamate nelle scorse edizioni anche Emergenti, Giovani o Nuove Proposte) fanno invece proprio in occasione del Festival il loro debutto al grande pubblico.

Ogni artista appartenente a questa categoria si farà accompagnare sul palco del Teatro Ariston, nella serata di giovedì 19 febbraio, da un grande nome della musica italiana od internazionale nell'esecuzione della canzone in gara. I brani degli esordienti, inoltre, sono stati trasmessi in radio già una settimana prima della manifestazione, in modo che il pubblico non fosse totalmente impreparato al momento della votazione: si tratta di una innovazione nel regolamento del Festival, che fino ad ora ha preteso in gara rigorosamente pezzi del tutto inediti.

Alla fine, ci sarà un vincitore per la categoria Artisti e uno per le Proposte, nominati dai voti di una Giuria Demoscopica, di una Giuria di qualità formata dai professori dell'orchestra (e non più quindi, come negli altri anni, da gente di spettacolo e televisione) e dal televoto, che entrerà in gioco solo dalla quarta sera.

Una terza gara, inoltre, gravita attorno alla manifestazione. Si tratta di Sanremofestival.59, che ha avuto luogo esclusivamente sul sito internet della rassegna, dove 90 giovani artisti esordienti hanno avuto la possibilità di diffondere il videoclip di un loro brano. La vincitrice Ania, proclamata nella serata di giovedì 19, canterà il suo brano Buongiorno gente in apertura dell'ultima puntata del Festival.

La direzione artistica dell'evento, così come nel 2005, è stata affidata dalla Rai a Paolo Bonolis, anche conduttore.

La direzione artistica musicale, cosi come nel 2005 e nel 2006, è stata invece affidata a Gianmarco Mazzi.

Diretta da Bruno Santori e dai maestri Adriano Pennino, Umberto Iervolino, Fio Zanotti, Roberto Rossi, Alterisio Paoletti, Enrico Gabrielli (degli Afterhours), Mario Zannini, Marcello Sirignano, Massimo Morini, Danilo Minotti, Max Marcolini, Angelo Avarello, Leonardo De Amicis, Filippo Martelli, Stefano Barzan, Federica Fornabaio, Gianluca Podio, Michael Baker, Roberto Costa, Silvio Fantozzi, Roberto Molinelli.

Tra i direttori d'orchestra vi è Federica Fornabaio che, con i suoi 23 anni, è la più giovane musicista nella storia del festival che abbia diretto l'orchestra.

Nel corso della prima serata, si esibiranno i sedici Artisti: i tredici più votati (tramite una giuria demoscopica di 300 persone tra i 18 e i 70 anni selezionate dalla Ipsos presenti in sala) accederanno alla seconda puntata; si esibiscono inoltre quattro delle Proposte (la cui graduatoria però non viene resa nota).

Nella seconda serata, si esibiscono i tredici artisti rimasti in gara: sempre secondo i voti della giuria demoscopica, continueranno la gara i primi dieci classificati; si esibiscono poi le altre sei Proposte.

Nella terza serata, si esibiscono i sei Artisti eliminati nelle prime due sere (Afterhours, Al Bano, Sal Da Vinci, Nicky Nicolai & Stefano Di Battista, Tricarico, Iva Zanicchi): i due più votati dal televoto tornano in gara; le Proposte cantano accompagnati ciascuno da un ospite d'eccezione, un Big della musica.

Nella quarta serata, si esibiscono i dodici Artisti rimasti in gara, interpretando una versione rivisitata del brano accompagnati da ospiti: vengono eliminate due canzoni, con votazione per il 50% del televoto e per il restante 50% da una giuria di qualità formata dai professori d'orchestra; inoltre, viene proclamato il vincitore delle Proposte, con sistema di votazione misto: 25% i voti della giuria di giornalisti, 25% i voti dei rappresentanti delle radio e 50% i voti del televoto.

Nella quinta serata, si esibiscono i dieci Artisti rimasti in gara: i tre più votati, con votazione del solo televoto, accedono allo spareggio finale, nel quale si procede ad un'ulteriore votazione azzerando il punteggio precedentemente acquisito. Il vincitore è determinato dal solo televoto del pubblico spettatore.

Nel corso del Festival, il numero dei televoti arrivati è stato di circa 1 milione e 200 mila, mentre nella sola serata finale è stato di circa 800.000.

L'associazione no-profit One, fondata da Bono, il leader degli U2, ha chiesto all'organizzazione di trasmettere durante il Festival un filmato in cui grandi star faranno un appello contro la povertà nel mondo. Sono stati coinvolti gli italiani Jovanotti, Andrea Bocelli, Laura Pausini e gli internazionali Matt Damon, Bob Geldof, Penélope Cruz, Antonio Banderas, Claudia Schiffer, Ben Affleck, Thierry Henry e lo stesso Bono.

Nella serata del venerdì 20 febbraio i 12 Artisti rimasti in gara hanno eseguito la propria canzone in versione riadattata (per una durata massima di 3' e 40"), affiancati da ospiti italiani e/o stranieri. Ecco gli abbinamenti.

Ecco i partner che avrebbero dovuto accompagnare i 4 Artisti eliminati nella serata precedente per la rivisitazione del proprio brano.

Nella serata del giovedì 19 febbraio le 10 Proposte hanno eseguito la propria canzone affiancati da ospiti italiani e/o stranieri. Ecco gli abbinamenti.

Mietta con D'aria buona (scritta da Zucchero), Alice, Paola Turci & Marina Rei in duetto, Avion Travel con Se veramente Dio esisti, Nomadi, Matia Bazar, Spagna con Comunque vada (scritta da Loredana Bertè), Donatella Rettore, Daniela Pedali, Lisa, Syria & Cesare Malfatti (dei La Crus), Cristina Donà, Niccolò Fabi, Eugenio Finardi, Paola e Chiara con Brividi d'amore, Aram Quartet, Velvet, Lost, Sugarfree, Giuliano Palma & Bluebeaters, Dari, Mondo Marcio, Bugo, Otto Ohm, Flaminio Maphia, Omar Pedrini, Giò Di Tonno, Nino D'Angelo, Lorella Cuccarini, Ottavia Fusco con Come Cleopatra (con testo di Vittorio Sgarbi).

Risultati di ascolto delle varie serate, secondo rilevazioni Auditel.

Per la parte superiore



Albano Carrisi

Al Bano

Albano Carrisi, conosciuto anche solo come Al Bano (Cellino San Marco, 20 maggio 1943), è un cantautore, attore e viticoltore italiano.

Proveniente da una famiglia di agricoltori, compone la sua prima canzone a dodici anni, Addio Sicilia, a diciassette anni lascia gli studi e decide di emigrare a Milano, dove trova lavoro dapprima come manovale, poi come cameriere e come operaio metalmeccanico alla Innocenti. Lavorando in un ristorante frequentato da personaggi dello spettacolo, ha l'opportunità di entrare nel Clan Celentano grazie ad un provino. Sarà proprio Celentano a suggerirgli di cambiare il suo nome da Albano in Al Bano. Incide il suo primo disco, La strada, cover di un brano di Gene Pitney nel 1965 per la Fantasy, e comincia a esibirsi come spalla negli spettacoli di Adriano Celentano, senza però abbandonare il lavoro. Nell'autunno 1965 partecipa alla manifestazione Ribalta per Sanremo e, pur non essendo vincitore, viene notato e messo sotto contratto dalla voce del padrone, che lo fa debuttare al Festival delle rose nel 1966 in coppia con Pino Donaggio con un brano scritto da quest'ultimo, Quando il sole chiude gli occhi. Debutta anche in televisione, a Settevoci, gioco musicale condotto da Pippo Baudo, dove riesce a vincere per quattro settimane consecutive la prova dell'applausometro, un apparecchio che misura l'intensità degli applausi del pubblico in sala. In una delle trasmissioni presenta Io di notte, una sua composizione con venature blues, che desta l'interesse di artisti affermati come Milva - che vorrà inciderne una sua versione - e della giovane promessa Roberta Mazzoni.

Nel 1967 ottiene il suo primo grande successo con la canzone Nel sole , finalista al Disco per l'estate, che raggiunge il primo posto nelle classifiche di vendita dei 45 giri. La sua voce, dotata di un'enorme estensione, lo mette in luce e lo fa apprezzare dal pubblico e dalla stampa che parla di un "secondo Claudio Villa". Nel sole diventa anche un film, che avrà per protagonista lui e una giovane figlia d'arte, Romina Power: tra i due si crea un legame sentimentale che sfocerà più tardi, nonostante l'opposizione delle rispettive famiglie, in un matrimonio. La stessa canzone dà anche il titolo al suo primo LP, dove oltre ai successi del periodo vi è una versione della canzone La donna dell'amico mio di Roberto Carlos; al disco collabora come autore di alcuni testi Alessandro Colombini, che Al Bano ha conosciuto al Clan Celentano, e come arrangiatore Detto Mariano. Vengono poi L'oro del mondo e Il ragazzo che sorride, quest'ultima con testo di Vito Pallavicini su musica di Mikis Theodorakis che si ispira ai tragici avvenimenti dell'insediamento del Regime dei Colonnelli in Grecia del 1967. Quest'ultima canzone dà il titolo al suo secondo 33 giri, a cui collabora lo stesso staff del precedente. Nel 1968 partecipa per la prima volta al Festival di Sanremo con La siepe (in coppia con la folk-singer americana Bobbie Gentry), che ottiene il premio speciale della critica; nel 1969 vince il Disco per l'estate con Pensando a te (titolo del suo terzo disco, ancora con Detto Mariano come arrangiatore), da tale disco sarà poi tratto pure il film Pensando a te dello stesso '69. Ancora nell'estate del 1969 Al Bano riscuoterà grande successo come autore con l'hit Acqua di mare, interpretato da Romina Power e nel quale egli stesso compare come vocalist a sostegno. Il 26 luglio 1970 sposa Romina Power, figlia del celebre attore Tyrone Power, da cui avrà quattro figli: Ylenia, nata nel 1970 e scomparsa nel 1994; Yari, nato nel 1973; Cristel, nata nel 1985; e Romina Jr., nata nel 1987. Con Romina, Albano aveva già cominciato a condividere la carriera artistica, incidendo nel 1969, come poc'anzi detto, i cori di Acqua di mare e nel 1970 Storia di due innamorati, ispirato alla colonna sonora del film di René Clément Giochi proibiti. Quest'ultima canzone è anche inserita nel suo quarto album, A cavallo di due stili, da ricordare perché è il primo disco in cui il cantante pugliese interpreta anche brani lirici accanto alle sue canzoni, ed infatti nel disco troviamo l' Ave Maria di Franz Schubert, il Mattino di Ruggero Leoncavallo ed una canzone, Angeli senza paradiso, con un testo scritto da Pallavicini su un'altra musica di Schubert. Nell'album troviamo anche alcune cover di canzoni della tradizione napoletana: O sole mio, Core 'ngrato, O marenariello e Guapparia. Torna a Sanremo nel 1971 con 13 storia d'oggi, celebre brano che verrà anche inciso da Claudio Baglioni; e nello stesso anno è semifinalista a Un disco per l'estate con "E il sole dorme tra le braccia della notte". L'album successivo però viene pubblicato nel 1972, è intitolato come l'anno di uscita, ed ha come caratteristica principale che Al Bano è autore di tutte le musiche (tranne di una, la cover di Vogliamoci tanto bene di Renato Rascel). In questi anni, inoltre, le sue canzoni vengono realizzate in altre lingue per i mercati esteri, e particolare successo riscuotono quelle in spagnolo pubblicate in America Latina. Nel 1973 porta al successo una canzone scritta per lui da Bruno Lauzi, La canzone di Maria, che presenta nuovamente a Un disco per l'estate; il 33 giri seguente, Antologia, non è (nonostante il titolo) una raccolta, ma un disco in cui il cantante torna ad interpretare brani di musica classica, tra cui Addio alla madre di Pietro Mascagni, E lucean le stelle di Giacomo Puccini, Una furtiva lacrima di Gaetano Donizetti, Vesti la giubba di Ruggero Leoncavallo.

Dall'anno successivo inizia la collaborazione in pianta stabile con la moglie: formano una propria casa discografica, la Libra, propongono Dialogo (con cui partecipano a Un disco per l'estate nel 1975), e nel 1976 partecipano all'Eurofestival con We'll live it all again (Noi lo rivivremo di nuovo). Nel 1981 è la volta di Sharazan mentre l'anno successivo sono a Sanremo con Felicità, che si classifica al secondo posto. Vincono il Festival nel 1984 con Ci sarà e nel 1985 sono nuovamente all'Eurofestival con Magic oh magic. Altri successi sono del 1987: Nostalgia canaglia, terza a Sanremo, e Libertà. Segue Cara terra mia, ancora terza a Sanremo nel 1989. Nel 1991 la coppia propone al Festival Oggi sposi.

Nel 1996 ritorna all'attività da solista: dal punto di vista artistico, ciò coincide con un ritorno ad interpretazioni melodiche più impegnative, dove può ridare sfogo alle sue capacità vocali che, nel repertorio precedente, a volte erano sacrificate in funzione dell'armonia con la voce di Romina, indubbiamente poco estesa e potente, e ciò è evidente nella canzone che presenta nello stesso anno a Sanremo, È la mia vita, scritta da Maurizio Fabrizio e Guido Morra, in cui nel testo viene tracciato un bilancio della vita in cui appaiono velate allusioni alla triste vicenda familiare che lo ha coinvolto (la scomparsa di Ylenia). Torna al Festival con Verso il sole nel 1997 e Ancora in volo nel 1999. Nel 1999 si separa dalla moglie Romina. Dopo un periodo in cui si è parlato di lui più per il gossip sulla sua vita privata che per le sue attività musicali, nel 2007 ha partecipato al Festival di Sanremo con la canzone Nel perdono (scritta, tra gli altri, dal figlio Yari e da Renato Zero), con cui si è piazzato al secondo posto, alle spalle del vincitore Simone Cristicchi. Nel 2008 partecipa al singolo di CapaRezza Vieni a ballare in Puglia all' inizio del video. Partecipa al Festival di Sanremo 2009 con il brano L'amore è sempre amore scritto dagli Maurizio Fabrizio e Guido Morra.

Dalla nuova compagna, Loredana Lecciso, con cui ha convissuto dal 2001 fino all'ottobre 2005, ha avuto due figli: Yasmine (nata nel 2001) e Albano Jr., detto Bido (nel 2002).

Lo scoppio del "fenomeno Lecciso" ha portato negli ultimi tempi il cantante ad apparire spesso in programmi televisivi e nelle riviste di gossip, anche a volte contro la sua volontà, a tal punto di colpire con uno schiaffo un inviato del programma La vita in diretta.

Insieme alla figlia Romina Jr. ha partecipato alla terza edizione del reality show di Raidue "L'isola dei famosi", ma mentre era a sull'isola, la sua compagna ha dichiarato di volerlo lasciare portandosi con sé i loro due bambini. Lui ha di conseguenza abbandonato volontariamente lo show nella puntata del 19 ottobre 2005.

Il "tormentone Lecciso", insieme alla partecipazione al reality show, ha indubbiamente contribuito a rilanciare la popolarità in Italia di Al Bano, che negli ultimi anni sembrava non raccogliere il favore del pubblico, anche forse per le sue scelte artistiche che mal sfruttavano la sua voce.

Il 29 gennaio 2008 la trasmissione televisiva Striscia La Notizia in onda su Canale 5 trasmette un video fuori onda dove Al Bano, scortato in auto dalle sue guardie del corpo, viene intervistato dal finestrino per la trasmissione televisiva della RAI Balls of Steel. L'inviata Christine Del Rio (concorrente del Grande Fratello 8) porge ad Al Bano un microfono dalle sembianze di un vibratore: dopo essersi allontanato di qualche metro con la sua auto, Al Bano decide di scendere e tornare a piedi dalla ragazza, colpendola in pubblico con una forte sberla. Il fatto, trasmesso la sera del 29 gennaio 2008 da Striscia La Notizia, ha scosso l'opinione pubblica, considerando anche che Al Bano ha poi partecipato ad un reality show della RAI condotto da Milly Carlucci dal titolo Uomo e Gentiluomo.

Albano ha realizzato, per una promessa fatta al padre Don Carmelo, l'azienda vitivinicola Tenute Albano Carrisi, con sede nella ormai famosa contrada Curtipitrizzi di Cellino San Marco (BR), e sfrutta le sue conoscenze di marketing e di viticoltore per rilanciarla e farne un marchio conosciuto. Il vino più famoso è il Don Carmelo, intitolato alla memoria di suo padre.

Nel novembre del 2006 esce presso Mondadori l'autobiografia, scritta a quattro mani con Roberto Allegri, dal titolo "È la mia vita". Curiosa è la scelta di non parlare delle sue compagne Romina e Loredana. Per loro, infatti, ha deciso di riservare due pagine bianche.

Nello stesso anno, sposa il progetto di Massimo Ferrarese, presidente di Confindustria Brindisi e sponsorizza la squadra New Basket Brindisi che partecipa al campionato di serie A/2.

Nel 2008, pubblica una compilation di successi in coppia con lo stesso presidente di Assindustria Brindisi dal titolo "Al Massimo - Dai il meglio di te...". La compilation ha riscosso successo già nel primo mese d'uscita, esaurendo le 10.000 copie iniziali. Tutti proventi dell'opera sono devoluti in beneficenza alla fondazione "Puglia per la vita".

Dopo circa 25 anni, nel luglio 2007, Al Bano ritorna a cantare a Cellino San Marco, consacrando l'amore per il suo paese e per la sua terra. Infatti, in occasione dei festeggiamenti del Santo Patrono San Marco, Al Bano, decide di organizzare un evento storico per il piccolo centro cittadino pugliese: riesce ad organizzare un concerto che vedrà sul palco, oltre ad Al Bano, il vincitore tra i big dell'edizione 2007 di Sanremo Simone Cristicchi, il vincitore tra i giovani dell'edizione 2007 di Sanremo Fabrizio Moro ed il grande attore di cinema e teatro -nonchè grande amico di Al Bano- Michele Placido.

Il 6 luglio 2008 Albano Carrisi, ha tenuto uno storico concerto in onore di Domenico Modugno - al quale si è ispirato subendone una fortissima influenza - a San Pietro Vernotico paese dello stesso Domenico Modugno in cui è vissuto dall'infanzia alla giovinezza,distante solo 2 chilometri da Cellino San Marco.

Per la parte superiore



Istituto Scientifico Universitario San Raffaele

L'Istituto Scientifico Universitario San Raffaele, meglio conosciuto con il nome di Ospedale San Raffaele (HSR), è una struttura ospedaliera che sorge a cavallo dei comuni di Segrate e Milano. Fa parte della Fondazione Centro San Raffaele del Monte Tabor. L'ospedale, accreditato nel 1999 come Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (I.R.C.C.S.), fu fondato nel 1969 da don Luigi Maria Verzé, che ne è tuttora presidente.

L'HSR si estende su un’area di 300.000 m2 divisi in due sedi: la struttura principale si trova nei pressi di Cascina Gobba, tra il comune di Milano e quello di Segrate, mentre un suo distaccamento è situato nel centro di Milano, a Ville Turro (San Raffaele Turro).

La capienza totale è di 1350 posti letto e vi lavorano 3400 persone.

L'inno ufficiale dell'ospedale è la canzone "Angelo Raffaele", scritta e incisa da Al Bano Carrisi, amico del fondatore don Luigi Maria Verzé.

La costruzione dell’ospedale San Raffaele venne richiesta espressamente nel 1950 dall’allora arcivescovo di Milano Alfredo Ildefonso Schuster, che incaricò don Luigi Maria Verzé di costruire un ospedale cristiano. Con questo scopo venne fondato nel 1958 il Centro Assistenza Ospedaliera San Romanello, che elaborò un progetto di nosocomio, pronto due anni dopo. I finanziatori principali dell’opera furono la famiglia Bassetti e il conte Bonzi, che donò il terreno per l’edificazione della struttura.

Bisogna però aspettare il 24 ottobre 1969 per la posa della prima pietra, che avvenne a Segrate; l’anno successivo l’ospedale in costruzione viene conferito alla neonata Fondazione Centro San Raffaele del Monte Tabor. La struttura venne inaugurata il 31 ottobre 1971.

Parallelamente si sviluppa anche la mission scientifica di ricerca dell’HSR: nel 1973 vennero edificati laboratori per la ricerca e venne firmata con l’Università degli studi di Milano un’intesa di collaborazione, che si tradusse nel 1980 con l’apertura del Polo Universitario di Medicina e Chirurgia.

Negli anni Ottanta proseguì l’espansione dell’ospedale: iniziò la costruzione del DiMeR (Dipartimento di Medicina Riabilitativa), il Dipartimento di Scienze Neuropsichiche presso la sede di Ville Turro, il centro per l’assistenza ai malati di AIDS. Seguirono negli anni Novanta il Dipartimento di Biotecnologie (DiBit) e l’istituzione dell'Università Vita-Salute San Raffaele.

Nel 1999 l'Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico San Raffaele venne accreditato dalla Regione Lombardia.

Nel maggio 2003 viene inaugurata la nuova area di accettazione, con la Galleria delle Botteghe: per la prima volta in Italia una galleria commerciale si trova ad operare all’interno di un ospedale.

Nel 2004 sono partiti i lavori per il raddoppio della struttura, con nuovi spazi per la ricerca, per la didattica, per l'accesso al Pronto Soccorso, per l’alloggio dei parenti e per il Dipartimento materno-infantile (Diamante).

Nel marzo 2006 è stata inaugurata la prima parte del nuovo dipartimento di ricerca DiBit 2 ed è stata posata la prima pietra per la costruzione del Dipartimento materno-infantile, che metterà in collegamento il settore C con il settore Q.

Nel marzo 2008 è stata posata sulla sommità della cupola del nuovo DiBit 2, ormai completato, una statua raffigurante l'Arcangelo Raffaele, uno dei simboli dell'istituto.

Per la parte superiore



ZYX Music

ZYX Music è un'etichetta indipendente tedesca, fondata nel 1971 da Bernhard Mikulski.

Originariamente si chiamava Pop-Import Bernhard Mikulski, cambiò nome in ZYX Music nel 1992. E' stata l'etichetta che ha contribuito il lancio del pop melodico italiano e della dance italiana in Germania e nel nord Europa in generale. Il suo catalogo, infatti, è ricco di incisioni di artisti quali Pupo, Toto Cutugno, Al Bano e Romina Power, Den Harrow, Gazebo , Valerie Dore tra gli altri. Il suo proprietario è stato, inoltre, l'inventore del termine Italo disco (poi accorciato in Italo), avendo chiamato così una sua compilation del 1983.

Per la parte superiore



Un disco per l'estate 1969

La sesta edizione di Un disco per l'estate inizia alla radio domenica 13 aprile 1969. Le canzoni in gara sono 56, in rappresentanza di 38 case discografiche. Ecco l'elenco dei partecipanti (in neretto i 24 promossi alle prime 2 serate di Saint Vincent, la sigla SF indica l'ulteriore promozione dei 12 finalisti per la serata finale).

La debuttante destinata a grande successo negli anni successivi è Fiorella Mannoia, che all'inizio della sua carriera usa solo il nome di battesimo, all'epoca ha solo 15 anni e nell'autunno precedente aveva partecipato senza troppa fortuna al Festival delle Voci Nuove di Castrocaro. E non arriva in finale neanche al Disco per l'estate, come Franco Battiato, ancora poco conosciuto.

Le serate finali si svolgono a Saint Vincent dal 12 al 14 giugno, e sono presentate da Pippo Baudo e Gabriella Farinon.

Ecco la classifica dei 12 finalisti.

Al Bano si prende così la rivincita dell'edizione del 1967, quando si era classificato sesto con Nel sole, ma aveva superato nelle vendite dei dischi tutti gli altri partecipanti.

In questa edizione, invece, venderà di più (800.000 copie) il secondo classificato, Mario Tessuto.

Per la parte superiore



Loredana Lecciso

Loredana Lecciso (Lecce, 26 agosto 1972) è un personaggio televisivo italiano, conosciuta essenzialmente per la sua relazione sentimentale con il cantante Al Bano (dal quale ha avuto due figli) e, più ancora, per l'opposizione di quest'ultimo alla sua partecipazione a programmi televisivi.

È stata anche giornalista pubblicista, ma, dopo essere stata criticata dall'Ordine per le sue partecipazioni televisive e i comportamenti ivi tenuti, ne è stata radiata, ufficialmente per il mancato pagamento delle quote.

Esponente del cosiddetto trash televisivo per le sue performance generalmente ritenute di scarso valore artistico , Lecciso è stata negli anni duemila al centro di un battage mediatico comparendo in numerose trasmissioni. Criticata in molti programmi, ha finito per diventare protagonista di altri, come ad esempio Striscia la notizia e Buona domenica.

Dal 1993 al 1996 è stata sposata con Fabio Cazzato, dal quale ha avuto una figlia, Brigitta. Da Al Bano ha avuto altri due figli: Yasmine, nata nel 2001, e Albano junior, detto Bido, nato nel 2002. Nel marzo 2007 è stata ascoltata come persona informata sui fatti nel processo contro Fabrizio Corona, ma ha negato di essere mai stata ricattata per non far pubblicare sue foto, così come ha negato di essersi accordata con Corona per ottenere foto falsamente compromettenti che raggiungessero le copertine delle riviste di gossip.

Inizia la sua carriera televisiva nella piccola emittente televisiva leccese Canale otto, di proprietà dell'ex-marito e dell'ex-suocero, Fabio e Antonio Cazzato.

Le prime apparizioni sulle emittenti televisive nazionali coincidono con l'inizio della relazione con Al Bano, in particolare come ospite nelle trasmissioni da lui condotte.

In seguito ha partecipato nel 2004 al reality show televisivo La fattoria (dove è stata la prima concorrente eliminata) e, in coppia con la gemella Raffaella, al programma televisivo Domenica In condotto da Mara Venier ed a I raccomandati di Carlo Conti.

Fra l'autunno 2004 e l'inverno 2005 i media sono stati pressoché monopolizzati dal suo volto. I litigi in diretta televisiva con un furente Al Bano si sono svolti a colpi di battute e controbattute dei due. Tutti i rotocalchi specializzati in gossip e i programmi televisivi hanno costruito quello che è stato considerato negli anni duemila un vero e proprio fenomeno di costume. Dopo qualche tempo al duo si è aggiunta anche la terza sorella, Amanda Lecciso.

Ai picchi d'ascolto a cui sono andati incontro i programmi in cui lei e le sue sorelle erano ospiti non ha corrisposto il gradimento del pubblico dal vivo. Ad esempio, nel corso di un'apparizione al carnevale di Fano sono state vittime di sfottò e lanci di uova.

Nell'ottobre 2005, a seguito di un'intervista del suo compagno, annuncia ad un settimanale di volerlo lasciare e andare via da Cellino San Marco, il paese natale di Al Bano Carrisi, dove i due abitavano con i figli.

Nella primavera del 2007 era stato annunciato da alcuni media che Lorendana Lecciso, forse insieme alla sorella Raffaella, avrebbe ripreso la carriera televisiva, con un programma itinerante, da condurre per Mediaset, sull'esempio del Karaoke lanciato negli anni novanta dal fantasista Fiorello, ma con un occhio di riguardo però per il ballo. Di questo programma sarebbe stata prevista prima dell'estate 2007 la realizzazione di una puntata pilota. . Nell'agosto 2007 la Lecciso, in un'intervista a Novella 2000, rivela di aver effettivamente registrato la puntata pilota di un programma sulla danza con Davide Mengacci, ma di non sapere quando, durante la successiva stagione televisiva, il programma sarebbe stato collocato in onda. Da allora del progetto non si sono tuttavia più avute notizie.

Il 9 dicembre 2005 è uscito il suo primo CD singolo, intitolato Si vive una volta sola, il cui testo è fortemente autobiografico e scritto dallo stesso paroliere di Julio Iglesias. Il singolo è salito sino al ventesimo posto della classifica ed ha ottenuto un discreto successo, venendo prodotto anche in una versione spagnola.

Il suo secondo singolo, dal titolo Tuka kulos (Do do di da), pubblicato a giugno 2007, è stato reso disponibile solo su internet e nelle programmazioni radiofoniche; in particolare è stato pubblicizzato (o per meglio dire sbeffeggiato) dal programma di Fiorello "Viva Radio2". La showgirl ha dichiarato al settimanale "Chi" il senso di questo brano: mettere di buon umore la gente e diventare un tormentone estivo. Ha inoltre affermato che il brano è stato scritto da una sua fan. Il brano ha avuto scarso successo sia in termini di vendite che di critica.

Per la parte superiore



Pensando a te

Pensando a te è un film musicale del 1969 diretto dal regista Aldo Grimaldi, con protagonisti Al Bano e Romina Power; vi compare con un ruolo marginale anche Paolo Villaggio, quasi agli esordi cinematografici.

Carlo (Al Bano) è un cantante di successo, sposato con Livia (Romina Power) e con un figlio chiamato Maurizio. Quando a Carlo si presenta l'occasione, decide di accettare una turneè negli USA ma, poco prima della partenza, sia Carlo che il suo agente Puglisi hanno una relazione passeggera con due donne. Appena Livia scopre l'accaduto se ne va di casa portando con sè il figlioletto; Carlo capisce quindi di aver sbagliato e per l'amore di Maurizio oltre che per riconquistare la moglie, decide di restare in Italia.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia