Alì

3.4485241180626 (1389)
Inviato da nono 21/04/2009 @ 08:11

Tags : alì, sicilia, italia

ultime notizie
Alì' Terme, inaugurato un nuovo stabilimento termale - Tele 90
ALI' TERME - Si arricchisce l'offerta turistica di Alì Terme. E' stata inaugurata ieri sera nella cittadina jonica una nuova struttura alberghiera a quattro stelle che è anche stabilimento termale e centro benessere. Una scelta coraggiosa quella della...
Terremoto Abruzzo: sì dell'Aula del Senato al Decreto-legge - Avvisatore.It
Il relatore, senatore Antonio D'Alì, aveva presentato questa mattina 10 nuovi emendamenti. La seduta antimeridiana era stata quindi sospesa per la presentazione di eventuali subemendamenti e per il relativo esame da parte della Commissione Bilancio....
Operazione “Alì Babà ei 40 ladroni”: nuovo arresto - Il Vostro Giornale
E' stato arrestato in Francia Giuseppe Raschillà accusato, nell'ambito dell'operazione “Alì Babà ei quaranta ladroni”, dei reati di furto e ricettazione di oggetti di provenienza illecita. L'uomo, nato a Torino ma da tempo residente nella riviera di...
2 E 30 AGOSTO 2009 'BASS WARS' AD ALI' TERME (ME) - Nebrodi e Dintorni
2 di queste sono state organizzate in prov. di Messina, ad Alì Terme, presso il lungomare che sarà chiuso al traffico per l'occasione. Alì Terme si trova a 22 km da Messina e 20 da Taormina, è raggiungibile percorrendo la strada statale 114 oppure...
Dai Papi ai turisti, l'incantevole fascino dei Rolli - il Giornale
O ancora di udire un tango e scoprire che a braccetto con le parole di Hegel fa da sfondo al match di Mohamed Alì e Foreman per mano di Giuliano Galletta (palazzo Di Negro) e di «inciampare» nel palazzo di Gerolamo Pallavicini in un'opera di Anish...
La MTBCastle alì 2° Trofeo S.Giorgio - Vivicorato.it
La MTB CASTLE di Corato in questo 2009 è molto decisa nella conquista di posti in prima fila. Per il 2° anno consecutivo la squadra coratina composta da sei atleti: Egidio Carone, Dario Di Raimondo, Claudio Leo, Licio Maino, Mimmo Mininno e Antonio...
Decreto terremoto, 45 mln per le zone franche - Rainews24
Lo prevede uno dei dieci nuovi emendamenti del relatore Antonio d'Alì (Pdl) al decreto legge sul terremoto in Abruzzo presentato oggi in aula al Senato. Il ministero dell'economia istituirà un fondo per la prevenzione del rischio sismico con una spesa...
La svolta di Ali Agca: ''Ora voglio farmi battezzare'' - Adnkronos/IGN
Lo ha dichiarato Mehmet Ali Agca, l'attentatore di Giovanni Paolo II a 28 anni esatti da quel colpo sparato in piazza San Pietro, in un'intervista al quotidiano 'La Repubblica'. "Qui mi trattano bene - ha detto Agca dal carcere turco di Yenikent - ma...
Dl Abruzzo/ D'Alì: Al via voto a oltranza per chiudere stanotte - Wall Street Italia
(Apcom) - Oggi partiranno le votazioni in commissione Ambiente in Senato sul dl Abruzzo. E si procede "a oltranza" con l'obiettivo di chiudere "in tarda serata". Lo ha spiegato il presidente della commissione, nonché relatore Antonio D'Alì,...

Muhammad Ali

Ali in una foto recente

Muhammad Ali (nato Cassius Marcellus Clay Jr.; Louisville, 17 gennaio 1942) è un ex pugile statunitense, probabilmente il più famoso e apprezzato della storia moderna.

Ha vinto l'oro Olimpico ai Giochi di Roma nel 1960, come pugile professionista ha detenuto il titolo mondiale dei pesi massimi dal 1964 al 1967, dal 1974 al 1978 e per un'ultima breve parentesi nel 1978. È stato eletto da Ring Magazine Fighter Of The Year nel 1963, 1972, 1974, 1975 e 1978 e dalla stessa prestigiosa rivista nel 1963, 1964, 1975 e 1978 ai suoi match è stato riconosciuto il premio di Fight Of The Year. Il suo match nel 1974 contro George Foreman è stato votato Fight Of The Century. Detiene anche i prestigiosi allori di Sportman Of The Century per Sport Illustrated, Miglior Peso Massimo di sempre per The Ring e secondo miglior pugile di sempre per ESPN.com . Dopo il suo ritiro dal mondo della boxe Muhammad Ali si è distinto per le sue azioni umanitarie per le quali gli è valsa la candidatura come Premio Nobel per la Pace nel 2007.

Figlio di un pittore d'insegne e di una donna di religione cristiana battista, campione mondiale dei massimi, poeta e uomo di spirito, difensore dei diritti dei neri, obiettore di coscienza, filantropo, padre ed ora sette volte nonno, i ruoli che ha impersonato e le cause che ha abbracciato rimangono parte di lui, e standogli accanto si possono vedere e sentire tutti.

Nato a Louisville Kentucky, USA il 17 gennaio del 1942, a 12 anni inizia a frequentare la palestra Columbia, dove mette in mostra il suo talento.

Dopo una brillante carriera da dilettante si mise in luce alle Olimpiadi di Roma del 1960 conquistando l'oro nella categoria dei pesi mediomassimi.

Nel 1961 passò al professionismo e batté Lamar Clark per KO e poi Doug Jones. Il 25 febbraio 1964 a Miami conquistò per la prima volta la corona di Campione del Mondo dei pesi massimi, battendo il campione in carica Sonny Liston per abbandono all'inizio dell' ottava ripresa.

Dopo la conquista del titolo, nel 1964 Clay si convertì alla fede musulmana, aderì alla Nation of Islam e cambiò il suo nome in Muhammad Ali.

Rifiutato dalle principali sedi pugilistiche americane e da Las Vegas, il match di rivincita con Liston si disputò nel 1965 a Lewinston nel Maine.

Dopo appena un minuto il campione del mondo colpì l'avversario con un colpo d'incontro apparentemente innocuo, passato alla storia come il cosiddetto pugno fantasma (the phantom punch). Liston rimase al tappeto apparentemente tramortito; Clay sembrò consapevole di non aver colpito così duramente lo sfidante e lo invitò con veemenza ad alzarsi per continuare il combattimento. Secondo gli esperti che hanno visionato al rallentatore la ripresa, il colpo di Clay, assestato da brevissima distanza e quasi invisibile, sembra aver colpito la tempia dell'avversario, che in quel momento stava portando un attacco con il suo caratteristico stile ed era fortemente sbilanciato in avanti. L'immagine del campione del mondo che sovrasta Liston al tappeto è divenuta una delle icone pop della nostra epoca.

Nel 2004 Ali è tornato sull'argomento nella sua ultima intervista ufficiale, cui ha risposto con l'aiuto dei familiari.

Nel 1971 tornò sul ring vincendo con Jerry Quarry, poi perse contro il detentore del titolo dei massimi Joe Frazier in quello che è ricordato come "l'incontro del secolo".

Il 30 ottobre 1974 riconquistò il titolo mondiale battendo per KO George Foreman a Kinshasa, Zaire (ricordato nel film-documentario Quando eravamo re). Ali vinse l'incontro grazie ad una tattica che nessuno avrebbe mai pensato che attuasse; persino i suoi allenatori erano increduli e non si capacitavano. Il Campione si incollò alle corde per 8 riprese, facendo sfogare tutta la potenza di cui disponeva Foreman contro un bersaglio inaspettatamente "elastico" costituito dal corpo di Alì e le corde del ring; pur venendo colpito da pugni micidiali l'azione elastica delle corde attenuava la potenza dei colpi di Foreman. Quando, verso la fine dell'ottavo round, si accorse che Foreman era stremato, Ali sferrò una serie di jab e uppercut che fecero crollare il rivale al tappeto per il conteggio finale. Fu una vittoria memorabile.

Prima dell'incontro con Foreman si tenne anche la rivincita tra Ali e Frazier. Ai punti dopo 15 riprese vinse Ali. Il primo ottobre del 1975 Ali affrontò Frazier per la terza ed ultima volta, mettendo in palio il suo titolo mondiale, per stabilire chi dei due fosse definitivamente il più forte. L'incontro si tenne a Manila nelle Filippine e fu denominato "Thrilla in Manila". Fu un match drammatico che vide i pugili combattere con enorme ardore, senza risparmiarsi un istante. Prima dell'inizio della quindicesima ed ultima ripresa l'allenatore di Frazier ritirò il suo atleta, vedendolo letteralmente distrutto dai jab di Ali. Lo stesso Ali dichiarò che non avrebbe mai saputo se sarebbe stato in grado di continuare l'incontro qualora Frazier non si fosse ritirato. Comunque al momento del ritiro del rivale, il Campione era in vantaggio ai punti. Ancora oggi, per la rara bellezza tecnica e per l'enorme coraggio dimostrato da questi due immensi campioni, questo è ritenuto da molti il più grande incontro di tutti i tempi.

La sua boxe basata sul movimento di gambe resta inimitabile per qualsiasi pugile di categoria "pesante". Di lui si disse: "Vola come una farfalla e punge come un'ape", per sottolineare la leggerezza dei suoi movimenti, coadiuvata da una tecnica sopraffina.

Su 61 incontri ha un record di 56 vittorie, 37 delle quali per KO. Ha perso per KO una sola volta.

Ritiratosi dall'attività agonistica nel 1981, contrasse il morbo di Parkinson e ha commosso e stupito il mondo apparendo come ultimo tedoforo alle Olimpiadi di Atlanta del 1996; in quell'occasione gli fu anche riconsegnata la medaglia d'oro vinta a Roma nel 1960, poiché si narra che abbia gettato l'originale in un fiume come plateale gesto di protesta verso il suo Paese e la perdurante discriminazione razziale che, al suo ritorno in patria dopo i fasti romani, portò un ristoratore a rifiutarsi di servirlo appunto perché nero.

Muhammad Ali è stato oggetto della biografia di Michael Mann nel film Alì del 2001. Il film racconta la vita del pugile (interpretato da Will Smith) dal match che gli valse per la prima volta il titolo mondiale dei pesi massimi fino alla riconquista, a Kinshasa nello Zaire, nel 1974 contro George Foreman.

Nel 2005 Muhammad Ali è stato insignito della Medaglia della pace Otto Hahn (in oro) della Deutsche Gesellschaft für die Vereinten Nationen (DGVN) a Berlino (Società Tedesca per le Nazioni Unite). Il 9 novembre 2005 ha ricevuto la più alta onorificenza civile statunitense dal Presidente George W. Bush: la Medaglia presidenziale della libertà.

In un'intervista rilasciata al giornale "Selezione Reader's Digest" nel settembre 2002, all'inviato speciale Bingham così Alì rispose: Muhammad significa degno di lode, e Alì significa altissimo. Clay significa creta, polvere.

Ultimamente Ali ha abbandonato la religione musulmana per abbracciare la religione ortodossa.

Per la parte superiore



Alì Babà (film 1970)

Alì Babà è un film del 1970, diretto dai registi Giulio Giannini e Emanuele Luzzati.

Per la parte superiore



Zio Paperone e la caverna di Ali Babà

Zio Paperone e la caverna di Alì Babà (titolo originale Uncle Scrooge – Cave of Ali Baba) è una storia a fumetti composta da sedici tavole, creata da Carl Barks.

La storia è ambientata in Persia, narra delle avventure di Zio Paperone che grazie alle informazioni ottenute da un professore è alle prese con il recupero del tesoro di Alì Babà e con uno stormo di uccelli aggressivi posti a sua difesa. Alla fine comprenderanno di essere stati vittima di un sogno ipnotico provocatogli al loro arrivo in oriente da un gruppo di acrobati itineranti che hanno rapinato il gruppo.

Per la parte superiore



Paperon de' Paperoni e la caverna di Alì Babà

Zio Paperone e la caverna di Alì Babà (titolo originale Uncle Scrooge – Cave of Ali Baba) è una storia a fumetti composta da sedici tavole, creata da Carl Barks.

La storia è ambientata in Persia, narra delle avventure di Zio Paperone che grazie alle informazioni ottenute da un professore è alle prese con il recupero del tesoro di Alì Babà e con uno stormo di uccelli aggressivi posti a sua difesa. Alla fine comprenderanno di essere stati vittima di un sogno ipnotico provocatogli al loro arrivo in oriente da un gruppo di acrobati itineranti che hanno rapinato il gruppo.

Per la parte superiore



Ali Pashe Tepelena

Ali Pashe Tepelena

Alì Pashe Tepelena, conosciuto anche come Alì Pascià di Tepeleni, (in turco Ali Pashe Tepedelenli) (Tepeleni, 1744 – Jannina, 24 gennaio 1822), governatore di gran parte dei territori europei dell'Impero Ottomano.

Conosciuto anche come Il Leone di Jannina, è noto per la spinta autonomista che diede all'Albania e alla Grecia, ma anche per esser stato un despota crudele e sanguinario.

Agì per contrastare il potere ottomano in Albania, intrecciando alleanze prima con i Francesi ed in seguito con gli Inglesi, arrivando alla conquista della città più florida dell'Albania meridionale nel 1788: Jannina. Conquistò l'Albania, l'Epiro e parte della Tessaglia, creando un regno semi-indipendente da quello turco.

Nel 1819 dichiarò unilateralmente la sua totale indipendenza dall'Impero Ottomano, dopo che quest'ultimo gli aveva dichiarato guerra, costringendolo ad asserragliarsi nella città di Jannina, che fu comunque espugnata dalle truppe ottomane, sotto il comando del sultano Mahmud II, dopo due anni di assedio (1821). Alì Pashe venne qui giustiziato e la sua testa, insieme a quelle dei suoi figli, portata a Costantinopoli ed esposta all'ingresso del Serraglio.

Lord Byron fece visita ad Alì Pascià nel 1809 a Jannina e scrisse le sue memorie dell'incontro nell'opera Child Harold (Il pellegrinaggio del giovane Aroldo), mostrando sentimenti contrastati nei confronti del tiranno: da un lato l'ammirazione per lo splendore della corte, e per l'aver incoraggiato il risveglio della cultura greca a Jannina, dall'altro il biasimo per la sua crudeltà.

Nel libro Il conte di Montecristo Dumas descrive in modo estremamente romanzato la fine di Ali Pascià per bocca di uno dei personaggi del romanzo, che sarebbe una delle sue figlie.

Per la parte superiore



Source : Wikipedia